Fisica - Istituto Statale d`Istruzione Superiore Mattei

annuncio pubblicitario
ISTITUTO STATALE d’ISTRUZIONE SUPERIORE
“Enrico Mattei”
Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato – Istituto Tecnico Commerciale
Istituto Tecnico Industriale – Liceo Scientifico
Via P. Boiardi, 5 - 29017 Fiorenzuola d’Arda (PC) – Tel. 0523/942018 – 983324 –942198 – Fax 0523/981404
C.F. 81002420339 – e-mail: [email protected] – sito internet: http://www.istitutomattei.eu
Piano di lavoro annuale (a.s. 2016/17)
Prof. / Prof.ssa AIMI SAMANTHA
Materia/e di insegnamento FISICA
ITE
Liceo X
ITT
IPSIA
classe 4 ALS
1. Situazione di partenza della classe - In particolare indicare i livelli rilevati nella propria
disciplina. Si suggerisce di individuare alcuni punti di forza e alcuni di debolezza della classe
rispetto al lavoro che si intende impostare per la disciplina.
Il clima di lavoro è sicuramente di collaborazione e disponibilità: la classe è attenta e partecipe sia
in fase di spiegazione sia di esercitazione o approfondimento. Frequenti sono infatti le richieste di
chiarimenti, spiegazioni e correzioni, anche questo indice della partecipazione attiva degli allievi.
Gran parte della classe, in conseguenza al vivo interesse per la disciplina, sta mettendo a punto un
metodo di studio efficace e sta sviluppando le capacità di rielaborazione e astrazione a seconda
delle qualità e delle caratteristiche di ogni studente, solo un gruppetto di studenti mantiene ancora
un atteggiamento rispetto all’apprendimento e allo stare in classe troppo superficiale e passivo.
2. Con riferimento agli obiettivi che si intendono conseguire nel presente anno scolastico, con
particolare attenzione alle priorità e ai traguardi del RAV e al piano di miglioramento
dell’Istituto, (v. piano di lavoro del Consiglio di Classe) descrivere il contributo che la propria
disciplina intende apportare:
L'insegnamento della Fisica concorre, attraverso l'acquisizione delle metodologie e delle
conoscenze specifiche della disciplina, alla formazione della personalità dell'allievo, favorendo e
potenziando lo sviluppo delle capacità logico-deduttive che sono alla base del pensiero umano.
L'insegnamento della Fisica deve dunque perseguire le finalità di:
1) affinare le facoltà intuitive e logiche;
2) acquisire conoscenze a livelli più elevati di astrazione e formalizzazione;
3) comprendere i procedimenti caratteristici dell'indagine scientifica e la capacità di utilizzarli;
4) acquisire un corpo organico di contenuti e metodi, finalizzati ad una adeguata interpretazione dei
fenomeni;
5) acquisire un adeguato e corretto linguaggio specifico
6) consolidare il metodo di studio;
7) acquisizione di una conoscenza consapevole dei contenuti, attraverso collegamenti tra le varie
parti della disciplina e con le altre discipline.
3. Indicare i titoli delle unità di apprendimento che si intendono attivare:
Trimestre
Primo principio della termodinamica. Macchine termiche e analisi della macchina di Carnot.
Secondo principio della termodinamica.
Onde meccaniche: caratteristiche delle onde e descrizione dei fenomeni ondulatori (riflessione,
rifrazione, interferenza e diffrazione). Il suono.
La luce, interpretazione onda-corpuscolo; riflessione e rifrazione. Elementi di ottica geometrica, gli
specchi e le lenti.
Pentamestre
Modello ondulatorio della luce, interferenza e diffrazione. Esperimento di Young.
Campo elettrico. Teorema di Gauss e circuitazione per il campo elettrico. Energia potenziale
elettrica e il potenziale elettrostatico. Conduttori all’equilibrio elettrostatico, il condensatore piano.
Esperimento di Thompson. Leggi di Ohm e leggi di Kirchhoff.
Campo magnetico. Esperienze di Oersted, Faraday e Ampère. Forza di Lorentz. L’origine del
magnetismo e magnetismo nella materia. Il flusso del campo magnetico. La circuitazione del campo
magnetico.
4. Metodologie impiegate
- Lezione frontale e dialogata
- Contestualizzazione storica delle tematiche trattate
- Esercitazioni guidate e/o per piccoli gruppi (potenziamento e approfondimento)
- Correzione del lavoro domestico qualora necessario
- Ricerche personali e/o in gruppo (Cooperative Learning)
- Attività nel laboratorio di Fisica
- Attività CLIL
5. Verifiche
Tipologia
- Prove scritte (problemi e quesiti da argomentare)
- Test e domande aperte
- Interventi in classe e partecipazione
- Prove orali
- Relazioni e documentazione prodotta (ricerche, attività di laboratorio, …)
Numero e scansione temporale
Trimestre: 2 prove scritta, 2 prove orali (di cui una eventualmente scritta)
Pentamestre: 3 prove scritte, 3 prove orali (di cui una eventualmente scritta)
6. Criteri di valutazione
Vengono condivisi e utilizzati sia i criteri sia la scala valutativa descritti all’interno del PTOF.
7. Attività di recupero ( indicare le metodologie che si intendono adottare e i tempi
di attuazione):
-Recupero in itinere con la collaborazione di studenti tutor della classe (peer education)
-Aula studio organizzata dalla scuola, in cui gli allievi possono ritrovarsi per studiare e confrontarsi
8. Ulteriori attività (CLIL, alternanza, stage, uscite didattiche, viaggi d’istruzione, ecc,) in cui
il docente sarà coinvolto e loro rilevanza per gli apprendimenti disciplinari
Attività CLIL:
- attività di laboratorio sulle leggi di Ohm
Viaggio d’istruzione:
-visita al Museo “Mille voci, mille suoni” (Bologna) e visita con laboratorio didattico alla
FERRARI (Maranello)
9. Ulteriori precisazioni libere:
Fiorenzuola d’Arda, 15 novembre 2016
Firma AIMI SAMANTHA
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard