1 Aggiornamenti del software Giuditta© versione 3.2

annuncio pubblicitario
Aggiornamenti del software Giuditta© versione 3.2
Questa versione del software Giuditta© 3.2 costituisce un aggiornamento della precedente versione
Giuditta© 3.1; le principali modifiche apportate sono relative ai seguenti aspetti:
1. Modifica alle schermate di introduzione dei parametri: a seguito dell’utilizzo delle precedenti versioni
del software, sono state introdotte alcune modifiche al fine di velocizzare l’introduzione dei dati nel
software. In particolare, nella schermata “Definizione area di campionamento” sono stati eliminati i
campi descrittivi delle aree e delle zone di campionamento, così come la possibilità di effettuare un
collegamento di un file immagine. Analogamente, nella schermata di inserimento dei punti di
campionamento sono state eliminate le coordinate x e y dei punti d’indagine, Inoltre, è stata
eliminata la possibilità di effettuare il calcolo del rischio da prodotto.
2. Aggiornamento dei parametri chimico-fisici e tossicologici: tali parametri sono statti aggiornati, e
coincidono con i parametri riportati nel database ISS-ISPESL, aggiornamento del maggio 2008. Per i
parametri non elencati in tale database, sono state utilizzate le seguenti fonti:
-
Database US/EPA (RAIS);
-
Database SYRACUSE, TOXNET, GSI.NET, CAL EPA.
3. Gestione idrocarburi: al fine di adeguare il software alle linee guida nazionali, è stata riformulata la
gestione degli idrocarburi secondo la metodica MADEP. Poiché la speciazione degli idrocarburi
secondo il metodo MADEP non rispecchia la separazione normativa in C<12 e C>12, sono state
suddivise le frazioni MADEP che contengono catene minori e maggiori di C12. In particolare, le
frazioni MADEP ora presenti nel software sono le seguenti:
-
Idrocarburi C<12:
i. Alifatici C5-C8
ii. Alifatici C9-C12
iii. Aromatici C9-C10
iv. Aromatici C11-C12
-
Idrocarburi C>12:
i. Alifatici C13-C18
ii. Alifatici C19-C36
iii. Aromatici C13-C22
Le frazioni alifatiche C9-C12 e C13-C18 hanno le stesse proprietà chimico-fisiche e tossicologiche,
così come le frazioni aromatiche C11-C12 e C13-C22. Qualora le risultanze degli esiti analitici
indichino un superamento del limite di riferimento per gli idrocarburi C<12, con presenza della
frazione alifatica C9-C18, la concentrazione ad essa associata deve essere inserita nel software
come appartenente alla catena C9-C12. Al contrario, se le risultanze degli esiti analitici indicano un
superamento del limite di riferimento per gli idrocarburi C>12, con presenza della frazione alifatica
C9-C18, la concentrazione ad essa associata deve essere inserita come concentrazione della
catena C13-C18. La stessa procedura deve essere applicata agli idrocarburi aromatici C11-C22.
4. Aggiornamento dei parametri di default di esposizione: tali parametri sono statti aggiornati e
coincidono con i parametri riportati nelle linee guida nazionali, aggiornamento marzo 2008. In
particolare, sono stati modificati i valori riportati nella tabella seguente:
Parametro
Peso corporeo (kg)
Adulto
Bambino
Lavoratore
70
-
-
Superficie della pelle
5700
2800
3300
Frazione di pelle esposta
0,07
0,2
0,2
1
1
1
Caricamento di suolo sulla pelle
1
Parametro
Adulto
Bambino
Lavoratore
Tasso Inalazione Indoor (m3/giorno)
21,6
16,8
21,6
Tasso Inalazione Aperto (m3/giorno)
21,6
16,8
60
1
1
0,33
Frazione di tempo speso in sito
I tassi di inalazione all’aperto sopra riportati per gli adulti ed i bambini sono relativi allo scenario
residenziale e ad attività fisica sedentaria, mentre il tasso di inalazione all’aperto per i lavoratori è
relativo a dura attività fisica.
5. Aggiornamento dei parametri di default terreno e acquifero: tali parametri sono statti aggiornati e
coincidono con i parametri riportati nelle linee guida nazionali, aggiornamento marzo 2008. In
particolare, sono stati modificati i valori riportati nella tabella seguente:
Parametro
Densità secca
Zona Insatura
1,7
Contenuto volumetrico d’aria
0,250
Contenuto volumetrico d’acqua
0,103
Zona Satura
1,7
Soggiacenza della falda
-
300
Spessore della frangia capillare
-
18,8
Contenuto volumetrico d’aria – frangia capillare
-
0,035
Contenuto volumetrico d’acqua –frangia capillare
-
0,318
Porosità efficace
-
0,353
Foc della zona satura
0,001
6. Parametri delle zone sorgenti: per rendere più veloce ed agevole l’inserimento delle dimensioni delle
sorgenti per ogni parametro rilevato nei terreni e nelle acque sotterranee, sono stati introdotti i tasti
“copia dati riga” e “incolla dati riga” che permettono di copiare l’intera riga recante le dimensioni delle
sorgenti nel terreno superficiale, profondo e falda. E’ inoltre possibile copiare singolarmente la
dimensione di una sorgente cliccando con il tasto destro sulla dimensione nella cella in riportata
nella cella “inserimento/modifica valore”, spostando poi il mouse sulla cella a cui si vuole assegnare
il valore e cliccando incolla con il tasto destro ed infine invio, sempre nella cella .
2
7. Calcolo delle concentrazioni rappresentative: laddove si verificano più di 10 superamenti delle CSC
per ogni comparto ambientale, il software calcola di default la concentrazione rappresentativa come
il 90° percentile di tali concentrazioni. Si ricorda che la versione precedente effettuava il medesimo
calcolo solo a seguito di 20 superamenti delle CSC.
8. Calcolo del rischio dal suolo profondo - caso complesso: l’esecuzione del software in modalità
complessa prevede la presenza di più punti di campionamento e più campioni nei terreni profondi. Il
software determina quindi una statistica applicabile (massimo, 90° percentile, etc) per la
determinazione della concentrazione rappresentativa a cui è associato il rischio. Il software utilizza
per il calcolo del rischio il punto e la profondità del campione ove è stata rilevata la concentrazione
massima od il punto più prossimo al valore del percentile. Pertanto, in funzione della profondità del
campione massimo rispetto al top e bottom della sorgente nel terreno profondo potrebbero essere
sottostimati i rischi dovuti all’inalazione dei vapori e/o la lisciviazione. Si sottolinea che le equazioni
per il rischio di inalazione vapori dai terreni profondi sono comunque oltremodo conservative, e che
una verifica della sottostima del rischio può essere effettuata utilizzando il software in modalità
semplice avendo determinato separatamente la concentrazione rappresentativa e la profondità ad
essa associata.
9. Visualizzazione CSR: in questa versione è stata inserita la possibilità di visualizzare le CSR anche
se maggiori della concentrazione di saturazione (Csat). Tali valori sono evidenziati in rosso, tra
parentesi, di fianco ai valori di Csat.
3
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard