Farmacologia di genere

annuncio pubblicitario
Farmacologia di genere
(testo elaborato dal Giseg – Gruppo italiano salute e genere)
Le donne sono le principali consumatrici di farmaci: ne prendono mediamente circa il 40% in più
rispetto agli uomini, soprattutto nella fascia di età compresa tra i 15 e i 54 anni1. Eppure, una
buona parte delle molecole (come ad esempio alcuni psicofarmaci) non è stata sperimentata sulla
popolazione femminile. Le ragioni di questa esclusione sono molteplici, ma la principale può
ricondursi all’intento di evitare il rischio di esporre una donna in età fertile a possibili effetti
sconosciuti. Non va inoltre sottaciuto il timore che durante il trial una donna possa rimanere incinta
e che il feto possa riportare delle malformazioni. Il risultato di questa, per certi versi, ragionevole
riluttanza è che alcune terapie nel sesso femminile possono risultare meno efficaci o, nel peggiore
dei casi, più pericolose: va infatti considerato che le donne hanno una maggiore frequenza (quasi il
doppio) di reazioni avverse, quegli ‘effetti collaterali’, spesso non piacevoli e a volte anche gravi,
che avvengono nell'organismo ogni qualvolta si assume un medicinale.
Cosa dicono le leggi
Nel 1993 la Food and Drug Administration ha pubblicato le Linee Guida per lo studio e la
valutazione delle differenze di genere nella valutazione clinica dei farmaci, nelle quali si esortava
non soltanto all’inclusione delle donne nelle sperimentazioni, ma anche all’analisi dei dati in
un’ottica di genere. In Italia, nel novembre 2008, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha
pubblicato il documento La sperimentazione farmacologica sulle donne, approvato dal Consiglio
Nazionale per la Bioetica. Una sorta di Linee Guida orientative, nelle quali si riconosce finalmente
che “nell’ambito della sperimentazione clinica dei farmaci le donne risultano essere ‘soggetti
deboli’, o comunque non oggetto di adeguata considerazione in ordine alla loro specificità sia in
senso quantitativo (numero di donne arruolate rispetto al numero di uomini) sia in senso qualitativo
(analisi dei dati rispetto alla differenza sessuale)”. Ora il ricercatore che voglia intraprendere in
Italia uno studio scientifico che contempli anche le osservazioni sulle differenze di genere può
rivolgersi al Comitato Etico del suo Centro e chiedere sostegno ai suoi studi.
Pillole azzurre, pillole rosa
Tra uomini e donne esistono diverse differenze che influenzano il metabolismo dei farmaci, come, ad
esempio, il fatto che il corpo femminile abbia una percentuale di tessuto adiposo superiore del 25%
circa rispetto al corpo maschile. Questo fa sì che nelle donne i farmaci lipofili (cioè solubili nei grassi)
tendano ad accumularsi in questo tessuto. Poiché invece nell’organismo delle donne è presente una
quantità inferiore di acqua, i farmaci idrofili (cioè solubili in acqua) si distribuiscono meglio
nell'organismo maschile. Le donne, poi, pesano in media il 30% meno degli uomini. Poiché il
dosaggio dei farmaci non sempre viene calcolato in relazione al peso, può succedere che le donne
assumano una maggiore quantità di principio attivo rispetto agli uomini. Anche gli enzimi coinvolti nel
metabolismo dei farmaci possono presentare una maggiore o minore attività secondo il genere:
questo determina a sua volta una maggiore o minore efficacia della molecola e un differente livello di
sicurezza. Infine, gli ormoni (sia quelli naturali che quelli assunti come contraccettivi o come terapia
post-menopausa) possono influenzare il metabolismo di altri farmaci e viceversa: alcuni farmaci
antiepilettici, ad esempio, possono ridurre l'efficacia dei contraccettivi orali.
Donne, farmaci, malattie
Anche nei meccanismi d’azione dei farmaci la ricerca ha individuato delle differenze tra uomini e
donne, a seconda delle diverse patologie. Nella depressione, per esempio, le donne sembrano
rispondere meglio agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), mentre gli uomini
trarrebbero maggiori benefici dagli antidepressivi triciclici (TCA)2.
1
2
F. Franconi, S. Montilla e S. Vella, Farmacologia di genere. Torino: SEEd Srl, 2010, p. 11.
D.M. Sloan, S.G. Kornstein, Gender Differences in Depression and Response to Antidepressant Treatment.
Psychiatric Clinical North America, 26:581-94, 2003.
Nelle donne, la stessa dose di betabloccanti come il propranololo e il metoprololo sembra
raggiungere una concentrazione nel plasma più elevata e quindi produrre un maggior effetto antiipertensivo. Anche i calcio-antagonisti sembrano più efficaci nelle donne nel ridurre la pressione
arteriosa, ma senza produrre effetti sulla diminuzione del rischio cardiovascolare complessivo3.
L’assunzione periodica di acido acetilsalicilico è un’arma importante nella riduzione del rischio
cardiovascolare. Ma sulla base dei risultati di alcuni studi, i vantaggi dell’assunzione di questo
farmaco per la prevenzione primaria, in persone che non hanno mai avuto eventi cardiovascolari,
non sono simili per gli uomini e nelle donne. Basse dosi di aspirina nelle donne, infatti, riducono del
24% il rischio di ictus ischemico e del 17% il rischio di ictus in generale, ma sono inefficaci nel
prevenire l'infarto o una morte per cause cardiovascolari come invece avviene nell'uomo 4. Una
possibile, ma parziale, spiegazione di questa diversità di risultati potrebbe essere legata alla
differente farmacodinamica del salicilato nei due sessi.
Vaccini
La differenza di genere influenza anche la risposta alle vaccinazioni, secondo una metanalisi
condotta sugli studi scientifici esistenti relativi a una serie di vaccini da quello antinfluenzale a
quelli per malattie come varicella, morbillo, febbre gialla5.
Sulle donne i vaccini funzionano meglio, dal momento che sembrano garantire una migliore
risposta immunitaria dopo la somministrazione, tanto da suggerire la possibilità di usare dosi
minori di vaccino nel sesso femminile. D’altro canto, le donne sembrano subire maggiori reazioni di
dolore e infiammazione alla somministrazione.
3
4
5
D. Dubois, J. Petitcolas, B. Temperville, A. Keppler, P. Catherine. Treatment of Hypertension in Pregnancy with Betaadrenoceptor Antagonists. British Journal of Clinical Pharmacology; 13 (suppl. 2):375S-378S, 1982.
National Institutes of Health, Women's Health Study, 1991 in www.nhlbi.nih.gov.
http://www.tantasalute.it/articolo/vaccini-piu-efficaci-sulle-donne/15885/, metanalisi della letteratura scientifica sul
tema, Scuola di Sanità Pubblica dell'Università Johns Hopkins, USA: dati pubblicati su Lancet Infectious Disease 10
(5): 338-349, 2010.
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard