2-l`equazione di continuita`

annuncio pubblicitario
METEOROLOGIA
Enrico Ferrero
A.A 2003/2004
Lista dei principali simboli usati
V volume
t coordinata temporale
 densità
’ inverso del volume specifico
S superficie
n
versore normale alla superficie
v o u vettore velocità (anche maiuscolo)

 v
divergenza di v
x, y, z coordinate spaziali (z in genere indica la direzione
verticale)
x1, x2, x3 coordinate spaziali
u, v, w, componenti vettore velocità (w in genere velocità
verticale)
u1, u2, u3 componenti vettore velocità
p pressione
n numero di moli
R costante dei gas perfetti
Cp calore specifico a pressione costante
Cv calore specifico a volume costante
m massa
0 massa di una mole
T temperatura assoluta
e pressione parziale del vapor d’acqua
vv volume specifico
Tv temperatura virtuale
q umidità specifica
U energia interna
Q quantità di calore
 o  temperatura potenziale o potenziale virtuale
T tensore degli stress (sforzi)
2
 ij
componenti del tensore degli stress
d
D
o
derivata totale (o sostanziale)
dt Dt
 
t ;  x
derivata parziale, vale la relazione:
D 



 u v  w
Dt t x y z
Gi forze di volume
 viscosità molecolare dinamica
 viscosità molecolare cinematica
 velocità di rotazione terrestre (vorticità planetaria)
 ij delta di Kronecker (vale 0 se i≠j, vale 1 se i=j)
g accelerazione di gravità
 latitudine
f  2 sin  parametro di Coriolis
Ug velocità del vento geostrofico
uiuj componente del tensore degli stress turbolenti di Reynolds
V, H viscosità turbolenta verticale e orizzontale
conduttività termica
u  flussi turbolenti
L lunghezza di scala orizzontale
H lunghezza di scala verticale

 vorticità relativa
 componente verticale della vorticità relativa
3
1-I MOTI ATMOSFERICI
I moti atmosferici sono descritti di un insieme di 3 equazioni
differenziali:
 Conservazione della massa (equazione di continuità)
 Conservazione della quantità di moto (equazioni di NavierStokes)
 Conservazione
dell’energia
(primo
principio
della
termodinamica)
Inoltre, per chiudere il sistema è necessaria una quarta equazione,
l’equazione di stato dei gas ideali.
Nello studio dei fenomeni atmosferici, e più in generale in
fluidodinamica, si distinguono due modi per descrivere le variabili
fisiche: Euleriano e Lagrangiano.
Nel sistema di riferimento Euleriano le variabili vengono
osservate da un punto fisso di coordinate x,y,z e sono funzione di
queste coordinate, oltre che naturalmente del tempo, per esempio:
u(x, y, z, t). Nel sistema di riferimento Lagrangiano si segue il
4
moto delle particelle di fluido. Le variabili dipendono quindi dalla
posizione iniziale (al tempo t=0) e dal tempo u(x0, y0, z0, t).
La variazione temporale totale (o sostanziale)
du
,
dt
di una variabile
atmosferica è data dalla somma della sua variazione locale nel
u
tempo t più il termine avvettivo dovuto al moto del fluido
u
u
u
u
v
w
x
y
z
:
5
du u
u
u
u

u
v
w
dt t
x
y
z .
2-L’EQUAZIONE DI CONTINUITA’
Questa equazione esprime il bilancio di massa in un volume V. La
variazione di massa è dovuta solo al flusso attraverso la superficie
 che contorna il volume V allora, se  è la densità:
 

 div  v  0
t
Per fluidi incompressibili si ha:
u v w
div(v) 
 
0
.
x y z
6
3-L’EQUAZIONE DI STATO
Per un gas lontano dal punto critico vale, con buona
approssimazione l’equazione di stato
pV  nRu T
dove Ru è la costante universale dei gas (8.314 J mol-1 K-1), n il
numero di moli, n=m/0 : massa diviso massa di un mole (peso
molecolare).
L’equazione può essere riscritta in altra forma ponendo R=Ru/0
=287 m2 s-2 K-1, per aria secca e condizioni standard.
p  RT
dove  è la densità
Se l’atmosfera è umida bisogna considerare il vapore d’acqua. Il
contenuto di vapore d’acqua può essere caratterizzato dall’umidità
specifica:
mv  v
q

m

cioè il rapporto tra la massa del vapor d’acqua mv e la massa
dell’aria umida m=mv+md dove md è la massa dell’aria secca. Si è
7
1
m
  v

v
inoltre definito
vv V , dove vv è il volume specifico, per
cui =’v
+’d.
Si ricordi che il vapore è più leggero dell’aria umida che a sua
volta è molto più leggera dell’aria secca v < < d.
La pressione atmosferica è la somma delle pressioni parziali
dell’aria secca pd e del vapore d’acqua e (legge di Dalton).
Supponendo che entrambi siano gas ideali si ottiene
p  pd  e   d RT   v RvT 
  d
1.61 v

 RT 


 


  RT 1  0.61q 

Rv 28.96
essendo R  18  1.61 (rapporto tra i pesi molecolari)
oppure
p  RTv
dove,
Tv =T(1+0.61q)
8
è la temperatura virtuale, ovvero la temperatura che deve avere
una particella d’aria secca per avere la stessa densità di una
particella di aria con umidità specifica q a parità di pressione.
Inoltre Rv=1.61R.
Nel caso in cui sia presente sia vapore sia liquido si ha,
=’v+’L+’d
e
Tv =T(1+0.61q-qL),
essendo qL =’L/ per il liquido.
4-IL PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA
Le variazioni di energia interna sono legate agli scambi di calore e
di lavoro dalla legge (primo principio)
dU  Q  pdV
9
Per un processo adiabatico dQ=0 vale l’equazione di Poisson
Tv1  p1 
  
Tv 2  p2 
R
cp
dove cp=1007 m2 s-2 K-1 è il calore specifico a pressione costante
(diviso 0 ).
La temperatura potenziale virtuale  è definita, dall’equazione di
Poisson, come la temperatura virtuale raggiunta da una particella
portata, con un processo adiabatico, dalla pressione a livello p fino
al livello 1000 mbar
 1000 

  Tv 
 p 
R
cp
Il primo principio può essere riscritto come segue
dU  Q  d  pV   Vdp  Q  RdT  Vdp
utilizzando la relazione di Mayer cp-cv=R e la relazione dU=cvdT,
considerando per semplicità una mole, si ottiene:
c p dT  Q  Vdp
Si tenga conto che in questa espressione cp ed R sono divisi per 0
e quindi anche gli altri termini vanno considerati per unità di
10
massa, in particolare si ha , avendo considerato una mole, V/0
=1/. Inoltre, avendo ottenuto questa espressione per unità di
massa, essa resta valida in generale per n moli.
Derivando rispetto al tempo la precedente espressione del primo
principio e considerando la temperatura virtuale si ha
dTv
1 dp

 S
dt
c p dt
1 Q
S

dove si è posto  c dt che rappresenta sorgenti e pozzi di
p
calore.
Infine con l’aiuto dell’equazione per la temperatura potenziale 1
si ha:
d 
 S
dt Tv
1
.
Prendendo il logaritmo dell’espressione che definisce la temperatura potenziale e
differenziando otteniamo:
d dTv R dp



Tv c p p
11
5-EQUAZIONI DEL MOTO (di Navier-Stokes)
La variazione della quantità di moto in un volume V è data dalle
forze sulla superficie di tale volume, più le forze agenti sull’intero
volume.
T forze di superficie
G forze di volume
Per la singola componente si ha:
d
 u  div(T )  G
dt
5.1)
T rappresenta il tensore degli stress
 11 12 13 


T   21 22 23 
   
 31 32 33 
 ii
componenti normali
 ij
componenti parallele
12
E’ un tensore simmetrico
 ij   ji
Se il fluido è senza attriti, non viscoso, si ha:
 ij  0
per ij,
inoltre
11   22   33   p
e quindi
 11   22   33
3
 p
13
La pressione è invariate per rotazioni (isotropia).
Sostituendo l’espressione di
 ij
nell’equazione (5.1), se il fluido
è incompressibile, si ottiene:
du
1 p

 Fr  G
dt
 x
dove il primo termine a destra dell’uguale rappresenta le forze di
gradiente di pressione:
Fr rappresenta le forze di attrito viscoso:
G rappresenta la forza di gravità
14
Se il fluido si trova in un sistema di riferimento rotante (non
inerziale) come la terra:
bisogna trasformare l’equazione precedente utilizzando le seguenti
relazioni:
   
v  V   R

 
  
t inerziale t
15

v

è la velocità nel sistema inerziale, V la velocità nel


sistema rotante,  la velocità di rotazione terrestre ed R il vettore
dove
posizione rispetto al centro della terra che individua la posizione
della particella d’aria.
Si ottiene:


    
dv
dV

 2  V      R
dt inerz. dt


dove il secondo termine della parte destra e’ l’accelerazione di
Coriolis e il terzo e’ la forza centrifuga.
Quest’ultimo, di norma, viene inglobato nel termine di gravità,

    
g  G    R

dando origine alla gravità effettiva g.
Scrivendo per componenti il termine di Coriolis si ottiene,
considerando il sistema di riferimento della terra:
 asse x diretto verso EST
 asse y diretto verso NORD
 asse z perpendicolare al piano tangente
16
e indicando con  la latitudine, si ha:
du
1 p

 Fr  2 sin v  2 cosw
dt
 x
5.2)
dv
1 p

 Fr  2 sin u
dt
 y
dw
1 p

 Fr  g  2 cos u
dt
 z
17
6- SEMPLIFICAZIONE DELLE EQUAZIONI BASE
Ogni variabile termodinamica viene scomposta in due parti: uno
stato di riferimento (sinottico) ed una perturbazione:
p  p 0  p 
  0   
T  T0  T 
  0   
dove, accanto alle usuali variabili termodinamiche, pressione (p),
densità () e temperatura assoluta (T), è stata introdotta la
temperatura potenziale (), ovvero la temperatura che una
particella d’aria avrebbe se fosse portata dalla quota in cui si trova
(alla pressione p), alla quota di riferimento caratterizzata da una
pressione di 1000 hPa, tramite un processo adiabatico secco:
 1000 

 p 
  T 
R
cp
Le variabili di riferimento soddisfano le seguenti equazioni:
equazioni del vento geostrofico:
18
1 p0
 fU g1
0 y

6.1a)
1 p0
 fU g 2
0 x
6.1b)
1 p0
 g
0 z
6.2)
p0  0 RT0
6.3)
equazione idrostatica:
equazione di stato:
dove con f si è indicato il parametro di Coriolis f  2 sin  .
Utilizzando le (6.1a), (6.1b) e (6.2) e trascurando le fluttuazioni di
densità   in tutti i termini tranne che in quello di gravità
(approssimazione di Boussinesq), si ottengono le equazioni del
moto atmosferico (e oceanico).
Si noti che l’approssimazione di Boussinesq e’ valida per flussi
atmosferici con scala verticale delle lunghezze inferiore a 1km. Da
essa deriva l’incompressibilità del fluido e la soppressione delle
onde acustiche.
Nello scrivere i termini di Coriolis si possono trascurare i termini
2 cosw e 2 cosu .
19
E’ generalmente accettato che i flussi atmosferici e oceanici siano
descritti da queste equazioni.
Non si conoscono soluzioni analitiche, ma possono essere risolte
numericamente. La complessità e’ introdotta dai termini non
lineari (prodotti delle componenti delle velocità per le loro
derivate):
du u
u
u
u

u
v
w
dt t
x
y
z
che determinano il comportamento caotico, la dipendenza dalle
condizioni iniziali e la non predicibilità.
Un grosso problema nella soluzione di queste equazioni e’ dato
dal grande numero di scale spaziali e temporali che e’ necessario
considerare.
Questo problema può essere risolto con l’ipotesi di Reynolds: le
variabili possono essere scomposte in un termine medio più una
fluttuazione, il primo termine corrispondente alla grande scala ed
il secondo alla piccola scala:
ui  U i  ui

p  P  p
    
le medie possono essere spaziali, temporali o d’insieme.
20
Sostituendo e mediando l’equazioni si ottengono delle nuove
equazione, per i valori medi, analoghe alle equazioni di NavierStokes ma nelle quali compaiono dei termini in più, delle nuove
incognite date dai valori medi dei prodotti delle fluttuazioni
(cross-correlazioni) detti “Reynolds stress”:
u 'v ' , u ' w' , v' w' , u '2 , v'2 , w'2
Questi termini costituiscono un tensore simmetrico detto “tensore
degli stress di Reynolds” e rappresentano la parte turbolenta del
moto.
Il problema e’ come esprimere questi termini in funzione delle
quantità medie in modo da chiudere le equazioni, per questo
motivo va sotto il nome di “chiusura della turbolenza”.
Una semplice soluzione si ottiene immaginando che il moto
turbolento a piccola scala agisca sul moto a grande scala nello
stesso modo in cui il moto molecolare influenza il flusso
macroscopico, introducendo il concetto di “viscosità turbolenta” o
“eddy viscosity” il tensore degli stress si può esprimere in
funzione dei gradiente delle quantità medie, come segue:
21
u   H
2
U
x ,
v'2   H
 U V 

uv'   H 

 y x  ,
V
y ,
w'2   V
u ' w'   V
v' w'   V
U
W
 H
z
x
W
z
,
V
W
 H
z
y
dove si è introdotta la condizione di anisotropia distinguendo tra
viscosità turbolenta orizzontale H e verticale V.
In atmosfera:
V  10 m2s-1
H  105 m2s-1
nell’oceano:
V  0.01 m2s-1
H  102 m2s-1
Valori molecolari:
 = 1.5 10-5 m2s-1
 = 10-6 m2s-1
per l’aria
per l’acqua.
Lo stesso procedimento può essere applicato all’equazione per la
temperatura potenziale, che riscriviamo introducendo il termine di
22
conduttività termica  e introducendo l’ipotesi di Reynolds e
mediando l’equazione si ottiene una nuova equazione dove
compaiono i flussi turbolenti di calore: u '  , v'  , w'  .
Analoghi procedimenti di media si possono applicare alle altre
equazioni differenziali che descrivono i moti atmosferici
7- IL FLUSSO GEOSTROFICO
Consideriamo la cosiddetta scala sinottica, definita dalle seguenti
grandezze di scala per le variabili che caratterizzano il moto
atmosferico:
U 10 m s-1
scala delle velocità orizzontali
W 1 cm s-1
scala delle velocità verticali
L 106 m
lunghezza di scala orizzontale
H 104 m
lunghezza di scala verticale
P/ 103 m2s-2
scala delle fluttuazioni orizzontali di pressione
L/U 105 s
scala dei tempi
23
Utilizzando questi valori di scala possiamo valutare gli ordini di
grandezza e quindi la relativa importanza dei vari termini delle
equazioni del moto non mediate (5.2).
Per le equazioni orizzontali si ha:
Eq. -x
du
dt
2 sin v 2 cosw
Eq. -y
dv
dt
2 sin u
Scale
U2
L
f 0U
ms-2
10-4
10-3
f 0W
10-6

1 p
 x
Fr

1 p
 y
Fr
P
L

10-3
10-12
U
H2
4 1
Dove f 0  2 sin  0  10 s per le medie latitudini e   10 5 m 2 s 1
viscosità cinematica molecolare.
Tenuto conto degli ordini di grandezza dei vari termini possiamo
semplificare l’equazioni del moto orizzontali mantenendo solo i
termini dell’ordine di 10-3 si ottengono così l’equazioni per il moto
geostrofico :
24
 fv  
fu  
1 p
 x
1 p
 y
Il primo termine trascurato, perché di un ordine di grandezza
inferiore e’ la derivata temporale delle componenti della velocità,
quindi queste equazioni sono valide se il rapporto tra questo
termine e quelli che le compongono e’ molto minore di 1. In altre
parole l’approssimazione geostrofica e’ valida se il numero di
Rossby definito come rapporto tra i termini inerziali (derivate
temporali) e quelli dovuti alla rotazione:
U2 /L U
Ro 

fU
fL
e’ molto minore di 1 (Ro<<1). Si noti che Ro e’ una quantità
adimensionale e quindi indipendente dal sistema di misura
utilizzato.
Quando questa condizione non e’ più valida, si debbono includere
anche i termini inerziali, cioè utilizzare le equazioni quasigeostrofiche.
du
1 p
 fv  
dt
 x
dv
1 p
 fu  
dt
 y
25
Per l’equazione verticale si ha:
2 cosu
Eq. -z
dw
dt
Scale
UW
L
f 0U
ms-2
10-7
10-3
1 p
 z
-g
Fr
P0
H
g

10
10
10-15

W
H2
con P0=103 hPa e =1 Kg m-3.
I termini più importanti sono quelli di gradiente di pressione e di
gravità, considerando solo questi due termini si ottiene
l’equazione idrostatica:
1 p
 g
 z
26
Questa
equazione
può
essere
considerata
una
buona
approssimazione dell’equazione del moto verticale, in un gran
numero di casi ed di scale di moto, infatti i termini che la
compongono sono di diversi ordini di grandezza maggiori degli
altri. Tuttavia equazioni più complesse devono essere considerate
in casi in cui non sia possibile trascurare l’accelerazione verticale
(equazioni non-idrostatiche).
Quindi per le scale qui considerate o, più in generale, quando le
scale del moto siano tale da dare un numero di Rossby minore di
1, la soluzione delle equazioni del moto e’ data dal flusso
geostrofico che obbedisce al seguente set di equazioni:
ug  
1 p
f y
1 p
vg 
f x
p
  g
z
U
con Ro  fL  1 .
Per esempio con U=10 m s-1 f=10-4 s-1 ed L=1000 Km si ha:
Ro=0.1
27
Le equazioni precedenti rappresentano un moto lungo le isobare
(curve lungo le quali la pressione e’ costante) come rappresentato
in figura per l’emisfero nord:
-grad p
U
p-p
p= cost.
Forze di
Coriolis
Si possono verificare due diverse situazioni:
In presenza di un minimo di pressione (L) si ha circolazione
ciclonica:
28
U
L
-grad p
Co
In presenza di un massimo di pressione (H) si ha circolazione
anticiclonica:
H
Co
-grad p
U
8- IL VENTO TERMICO
In presenza di un gradiente orizzontale di densità si ha una
variazione del vento geostrofico con la quota.
29
p=cost
z
z 2
p+p
z1
=cost
x1
Essendo
x2
x

 0 per l’equilibrio idrostatico ( p   gz ) deve
x
essere z2  z1 , quindi, come mostrato in figura, le superfici
isobariche sono inclinate verso l’alto con pendenza crescente con
la quota, ne risulta che il gradiente orizzontale di pressione cresce
con la quota e quindi il vento geostrofico cresce con la quota.
Si definisce vento termico la differenza del vento geostrofico a
quote diverse, non è quindi un vento reale.
Si può dimostrare che il vento termico è parallelo alle isoterme
con l’aria calda sulla destra nell’emisfero nord.
Si noti per inciso che il vento termico non e’ un vero e proprio
vento (per così dire non ‘soffia’) ma è unicamente la differenza
del vento geostrofico tra due livelli isobarici. Esso è tuttavia
un’utile quantità in meteorologia, infatti, come si può vedere
dall’esempio che segue, può essere utile a valutare l’avvezione di
30
temperatura, cioè il movimento di masse d’aria a diversa
temperatura, dalla misura del vento geostrofico a due diverse
quote.
Si consideri la situazione mostrata in figura:
aria fredda
T-T
Vg1
T
Vg0
VT
T+T
aria calda
se si osserva una rotazione antioraria con la quota del vento
geostrofico si ha avvezione fredda, cioè il vento geostrofico soffia
da zone dove l’aria e’ più fredda verso zone dove l’aria e’ più
calda.
Nel caso in cui si osservi una rotazione in senso orario si ha
avvezione calda.
31
aria fredda
T-T
VT
T
Vg0
Vg1
T+T
aria calda
Viceversa si può stimare il vento geostrofico ad ogni quota, noto il
suo valore ad un certo livello, dal campo di temperatura.
Il vento termico e’ un fenomeno tipicamente baroclino, infatti si
definisce fluido baroclino un fluido in cui le superfici di ugual
densità non sono parallele alle superfici di ugual pressione:
=cost.
p=cost.
32
In un’atmosfera di questo tipo si ha un gradiente di temperatura
isobarico (cioè calcolato sulle superfici a pressione costante) non
nullo e quindi il vento geostrofico varia con la quota.
In un fluido barotropico invece la densità dipende solo dalla
pressione
   ( p) , le superfici di ugual densità sono parallele
alle superfici isobariche:
p=cost.
=cost.
In una atmosfera barotropica si ha il gradiente di temperatura
isobarico nullo e quindi il vento geostrofico non varia con la
quota.
9 TEOREMA DI TAYLOR-PROUDMAN
Consideriamo, in un fluido omogeneo, un flusso geostrofico:
Ro 
U
 1 ,
fL
33
siano le forze viscose trascurabili:

U


fU

E

1
L2
fL2
dove si è definito il numero di Ekman (E) come rapporto tra le
forze viscose e le forze di Coriolis: υ è la viscosità molecolare, U
la scala delle velocità, L la scala spaziale e f il parametro di
Coriolis.
L’equazioni del moto sono quelle del moto geostrofico per
l’orizzontale e l’equazione idrostatica per la direzione verticale:
1 p
fu  
 0 y
fv 
1 p
 0 x
p
  g
z
Derivando la prima equazione rispetto ad x, la seconda rispetto ad
y e sommando membro a membro si ottiene:
 u v 
f     0
 x y 
34
Inoltre,
per
la
condizione
di
incompressibilità
 u v w 
  
  0
, si ha:

x

y

z


w
 0;
z
derivando ora rispetto a z l’equazioni geostrofiche e introducendo
l’equazione idrostatica, si ottiene:
u v

0
z z
In conclusione, non si ha variazione del campo di velocità lungo la
direzione verticale (direzione parallela all’asse di rotazione):

U
0
z
Inoltre, se esiste una parete solida perpendicolare all’asse di
rotazione, in corrispondenza di tale parete deve essere w=0 (come
ad esempio al suolo), per quanto visto in precedenza si ha:
u v

 0 e w=0 in ogni punto lungo questa direzione.
z z
Quindi il flusso e’ interamente bidimensionale in piani
perpendicolari all’asse di rotazione.
35
In presenza di un ostacolo si forma una zona di acqua stagnante
lungo la proiezione dell’ostacolo nella direzione dell’asse di
rotazione (come un prolungamento dell’ostacolo stesso), detta
Colonna di Taylor.
10 MODELLO PER ACQUA SOTTILE
Consideriamo la situazione mostrata in figura, un strato di fluido
omogeneo di spessore H e dimensione orizzontale L per cui sia:
H<<L (modello per l’acqua sottile).
Per la condizione di incompressibilità si ha:
36
U W
U
L
  0 e quindi
 ;
L H
W H
essendo H<<L si ha anche W<<U.
z

H
Sia (x,y) la variazione di spessore del fluido rispetto ad H
(<<H), la pressione alla generica quota z può essere espressa in
funzione di questa quantità:
p( z)  g H    z 
Introducendo la vorticità relativa:

  rot (U )

37
si ha per la sua componente verticale:
v u
  
x y
Le aree a circolazione antioraria (ciclonica nell’emisfero nord)
sono caratterizzate da valori della vorticità relativa positiva,
mentre le aree a circolazione oraria (anticiclonica nell’emisfero
nord) sono caratterizzate da vorticità relativa negativa.
Introducendo l’approssimazione di -plane per la variazione del
parametro di Coriolis con la latitudine:
f  f0  y
dove si intende y diretta lungo i meridiani e  una costante, si
ottiene:
d   f 

0
dt  h 
La quantità tra parentesi, chiamata vorticità potenziale:
38
P
f
h
si conserva lungo il moto.
Consideriamo per semplicita’ l’emisfero nord. Se il fluido passa
sopra un ostacolo (p.e. un rilievo montuoso) lo spessore h del
fluido diminuisce e di conseguenza (restando f costante), affinché
la vorticità potenziale rimanga costante, anche la vorticità relativa
deve diminuire creando una curvatura in senso orario nel flusso
(anticiclonica). Viceversa se lo spessore del fluido aumenta, la
vorticità potenziale aumenta e si crea una circolazione antioraria
(vorticità ciclonica).
Questo costituisce l’importante principio di conservazione della
vorticità potenziale. Si può dimostrare che questo principio e’
valido anche per fluidi non omogenei ma barotropici, nella forma:
39

  2

P

 
dove  è una quantità che si conserva per ogni elemento di fluido.
Nel caso di fluidi baroclini è possibile definire la vorticità
potenziale di Ertel come segue:

 

P     f   g
p 

dove

è la componente verticale della vorticità relativa
calcolata su superfici isoentropiche (a temperatura potenziale  =
cost.).
Si può dimostrare che per flussi adiabatici e non viscosi questa
quantità si conserva lungo il moto.
La vorticità potenziale, in generale, rappresenta sempre il rapporto
tra la vorticità assoluta, somma di quella relativa e quella
planetaria, e l’effettivo spessore dei vortici.
In questo caso l’effettivo spessore è la distanza tra superfici a
temperatura potenziale costante, misurate in unità di pressione.
40
Un interessante esempio è costituito dal flusso su un rilievo
orografico.
Si noti il diverso comportamento del flusso da ovest rispetto a
quello da est, a causa del termine di vorticità planetaria.
41
(da Holton, 1992)
42
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard