appunti sui principali modelli atomici - Digilander

annuncio pubblicitario
APPUNTI SUI PRINCIPALI MODELLI ATOMICI
(semplificato)
Nel 1902, Joseph John Thomson propose il primo modello fisico dell'atomo: aveva infatti
provato un anno prima l'esistenza dell'elettrone. Egli immaginò che un atomo fosse
costituito da una sfera fluida di materia caricata positivamente (protoni e neutroni non
erano stati ancora scoperti) in cui gli elettroni (negativi) erano immersi (modello a
panettone, in inglese plum pudding model o modello ad atomo pieno), rendendo neutro
l'atomo nel suo complesso.
Questo modello fu superato quando furono scoperte da Ernest Rutherford le particelle
che formano il nucleo dell'atomo: il protone (dotato di carica positiva) e il neutrone (privo di
carica elettrica). Nel 1911 Rutherford fece un esperimento cruciale, con lo scopo di
convalidare il modello di Thomson. Egli bombardò un sottilissimo foglio di oro, posto fra
una sorgente di particelle alfa e uno schermo. Le particelle, attraversando la lamina,
lasciarono una traccia del loro passaggio sullo schermo. L'esperimento portò alla
constatazione che i raggi alfa non venivano quasi mai deviati; solo l'1% dei raggi incidenti
era deviato considerevolmente dal foglio di oro (alcuni venivano completamente respinti).
Attraverso questo esperimento, Rutherford propose un modello di atomo in cui quasi tutta
la massa dell'atomo fosse concentrata in una porzione molto piccola, il nucleo (caricato
positivamente) e gli elettroni gli ruotassero attorno così come i pianeti ruotano attorno al
Sole (modello planetario).
Nel 1913 Niels Bohr propose una modifica concettuale al modello di Rutherford. Pur
accettandone l'idea di modello planetario, postulò che gli elettroni avessero a disposizione
orbite fisse, dette anche "orbite quantizzate", queste orbite possedevano un'energia
quantizzata (ossia un'energia già prestabilita identificata da un numero detto numero
quantico principale N) nelle quali gli elettroni non emettevano né assorbivano energia
(questa infatti rimaneva costante): in particolare, un elettrone emetteva o assorbiva
energia sotto forma di onde elettromagnetiche solo se effettuava una transizione da
un'orbita all'altra, e quindi passava ad uno stato a energia minore o maggiore.
Il principio di indeterminazione, introdotto da Heisenberg nel 1927, rende ragione
dell'impossibilità di determinare mediante osservazione contemporaneamente la posizione
e la quantità di moto di una particella elementare, in quanto l'una esclude l'altra e noi,
nell'osservare, restiamo totalmente estranei al mondo subatomico.
Fu abbandonato il concetto di orbita e fu introdotto il concetto di orbitale. Secondo la
meccanica quantistica non ha più senso infatti parlare di traiettoria di una particella: di
conseguenza non si può neanche definire con certezza dove un elettrone si trova in un
dato momento. Ciò che si poteva conoscere era la probabilità di trovare l'elettrone in un
certo punto dello spazio in un dato istante di tempo.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

creare flashcard