Registrato un probabile caso di creutzfeldt

advertisement
COMUNICATO STAMPA
Registrato alle Scotte un caso di probabile malattia di Creutzfeldt-Jacob
Non si tratta della variante bovina della malattia ma della forma classica umana.
E’ stato registrato al policlinico Santa Maria alle Scotte un caso di probabile malattia di CreutzfeldtJacob di tipo sporadico. Non si tratta però della variante della malattia legata alla consumazione di
carne bovina che tanto preoccupa l’opinione pubblica. Lo rende noto la Direzione Sanitaria
dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, che ha prontamente trasmesso tutti i dati del caso
all’Istituto Superiore di Sanità anche se, secondo le linee guida internazionali, per giungere ad una
diagnosi di certezza è necessario seguire gli ulteriori sviluppi della malattia. “La Creutzfeldt-Jacob
sporadica - spiega il professor Alessandro Rossi, direttore del Dipartimento di Scienze
Neurologiche e Neurosensoriali - è una rara patologia degenerativa del sistema nervoso centrale,
caratterizzata da demenza rapidamente progressiva e da altri segni neurologici, che colpisce
soprattutto pazienti di età compresa tra i 60 e i 70 anni. Dal 1993, da quando cioè in Italia esiste un
sistema di sorveglianza, sono stati registrati circa 350 casi di Creutzfeldt-Jacob sporadici. L’agente
trasmissibile – prosegue Rossi – non è né un virus, né un batterio ma una proteina chiamata ‘prione’
che come tale non si riproduce e ciò giustifica la relativa bassa trasmissibilità della malattia. La
segnalazione alle autorità competenti, regionali e nazionali, è un atto dovuto perché vanno prese
particolari precauzioni relative a donazioni di sangue ed espianti d’organo, a cui questi pazienti non
possono essere sottoposti”.
Scarica