Gradualismo o Equilibrio punteggiato

annuncio pubblicitario
Gradualismo o Equilibrio punteggiato
L’evoluzione è uno scorrere continuo che
modifica gli organismi, oppure un susseguirsi di eventi catastrofici che cambiano radicalmente il mondo?
La teoria di Darwin si basa sul graduale cambiamento degli organismi in seguito al mutare delle circostanze ambientali e
alla variazione casuale degli individui. Per Darwin l’evoluzione è graduale, procede lenta e costante (“natura non facit
saltus”) e la selezione naturale agisce meccanicamente giorno per giorno, istante per istante, senza mai fermarsi. Per
questo motivo, i dati fossili ci dovranno restituire una serie non interrotta di specie, fino ad arrivare a quelle attualmente
esistenti. Questo non avviene, secondo Darwin, a causa dell'imperfezione della nostra conoscenza e delle difficoltà del
processo di fossilizzazione.
Nel 1972, due paleontologi (Niles Eldredge e Stephen J. Gould,) pubblicano un articolo destinato a suscitare molto
clamore e discussioni: "Equilibri punteggiati: una alternativa al gradualismo”. Per i due autori è necessario dare una
nuova interpretazione ai dati fossili: le lacune incolmabili fra le diverse specie NON possono essere attribuite SOLO
all'imperfezione della nostra conoscenza paleontologica. Eldredge e Gould propongono di "leggere" in maniera letterale i
dati fossili: se non ci sono forme, è perché queste non si sono fossilizzate, se le specie non mostrano evoluzione, è
perché, in un certo periodo, non si sono evolute. Scaturisce quindi una storia naturale in cui lunghi periodi di stasi (o di
equilibrio) delle specie sono intervallati (o punteggiati) da brevi periodi di rapida evoluzione: i cosiddetti equilibri
punteggiati. Questa nuova interpretazione spiega perché mancano le forme di transizione: semplicemente, si sono
evolute in tempi troppo brevi per poter lasciare tracce fossili. Oppure, si tratta di meccanismi di speciazione
(formazioni di nuove specie) che riguardano popolazioni estremamente limitate, che hanno avuto pochissime
possibilità di lasciare prove paleontologiche. Abbiamo quindi a disposizione un'interpretazione complementare a quella
gradualista che si può affiancare alle descrizioni evolutive tradizionali.
Il ruolo della selezione naturale
Mentre nell'interpretazione del gradualismo la selezione lavora lentamente e costantemente, nella visione punteggiata il
lavoro della selezione naturale è concentrato in brevi periodi di intensa attività, alla fine dei quali nasce una nuova
specie. Ecco quindi emergere un tempo in cui vi sono "istanti" più importanti, momenti in cui la selezione e gli altri
meccanismi evolutivi modificano qualitativamente la popolazione. In questa nuova visione la selezione naturale è
legata cambiamenti ambientali locali e improvvisi come un tifone tropicale che crea uno stagno isolato all'interno del
quale si sviluppa una particolare specie di zanzare. che ne regolano l'azione così come possono farlo eventi esterni
casuali ed imprevedibili come la caduta di un meteorite, la scomparsa dei dinosauri e la conseguente affermazione dei
mammiferi che per tutta l'era mesozoica avevano vivacchiato senza grandi speranze; insomma, la nostra presenza sul
pianeta è dovuta ad un gran colpo di fortuna, una specie di lotteria in cui abbiamo preso il primo premio.
Insomma il cammino dell'evoluzione non si può prevedere, e soprattutto non vi è la certezza che riavvolgendo il film della
vita la successiva proiezione sia uguale a quella precedente
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

123

2 Carte

creare flashcard