[bso_f1 - 41] testata-bso/bresciaoggi/st/02 25/05/12

annuncio pubblicitario
Spettacoli 41
BRESCIAOGGI
Venerdì 25 Maggio 2012
VILLANUOVASULCLISI. Dastasera adomenicanell’ambitodel concorsopersingoli egruppi
LUMEZZANE. Presentatol’evento specialedel 14giugno
All’Aerosolilcantautore BrunoriSascon unaselezione deisuoibrani
Sabatoinbibliotecalacantante toscana presentailsuoultimo libro
AlteatroOdeonlarappresentazionedell’opera
più amata e interpretata dal grande tenore bresciano
Brunori Sas, Nada, Calibro 35,
Banda Osiris: queste le star in
cartellone per la terza edizione di «Musica da Bere», il concorso musicale organizzato
dall'Associazione culturale Il
Graffio di Vobarno che prende
il via questa sera all'Aerosol
Club di Villanuova sul Clisi. La
manifestazione va in porto
con il sostegno di Cooperativa
Sociale Area, amministrazione comunale di Vobarno e Fondazione della Comunità Bresciana.
Alla base dell'evento c'è il
concorso rivolto ad autori di
canzoni, singoli o gruppi senza limitazioni di genere: alle
tre edizioni si sono iscritti
complessivamente oltre 300
artisti, le prime due sono state
vinte da Ettore Giuradei e Stefano Vergani.
I finalisti dell'edizione 2012
sono Emanuele Bocci, Cardiophobia, Roberta Gulisano,
Intercity, IoSonoUnCane e
Margareth; i sei artisti si esibiranno durante le tre serate finali del concorso in programma da stasera fino a domenica, e saranno valutati da una
giuria specializzata che decreterà il vincitore.
Si comincia per l'appunto
questa sera alle 21.30 con l'esibizione di Emanuele Bocci,
Cardiophobia ed Intercity: la
serata sarà coronata dallo
showcase acustico del cantau-
La data del 14 giugno ha un significato particolare per Lumezzane: quel giorno di due
anni fa moriva infatti Giacinto
Prandelli, il grande tenore originario appunto di Lumezzane, che verrà ricordato con
una serata speciale al teatro
Odeon. L’evento, presentato ieri da Alberta Marniga della
Fondazione Asm, dai responsabili della stagione «Odeon
Classic» Laura Staffoni, Vittorio Pedrali e Sonia Mangoni,
dall’assessore Lucio Facchinetti e dalla regista Roberta
Pedrotti, metterà in scena una
delle opere più amate e interpretate da Giacinto Prandelli,
«Madama Butterfly» di Giacomo Puccini.
Come ha spiegato Roberta
Pedrotti, non si tratta di proporre il capolavoro pucciniano ma, attraverso tre voci quelle del soprano Yasko Sato
nel ruolo di Cio Cio San, del
mezzosoprano Erika Fonzar e
del baritono bresciano Riccardo Certi come Sharpless - di
dar vita ad un adattamento
drammaturgico cui parteciperanno il Coro del Conservatorio «Luca Marenzio» di Brescia diretto da Silvio Baracco,
la pianista Kuniko Kumagai e
la danzatrice Angiolisa Fusari
in una coreografia di Clara Morandi. Uno spettacolo particolare nel quale, in una sorta di
flashback, verrà ripercorsa la
ConNada ela Banda Osiris
lamusica ètutta«da bere»
Nadaè unadelle stardi «Musica dabere»:la cantantepresenterà ilsuoultimolibro«La grandecasa»
Seiifinalisti:
EmanueleBocci,
Cardiophobia,
RobertaGulisano
Intercity, Margareth
eIoSonoUnCane
tore indie calabrese Brunori
Sas, uno dei nomi in assoluto
più apprezzati nel panorama
della nuova canzone d'autore
italiana. L'artista proporrà
una selezione di canzoni dai
suoi due album solisti, l'ultimo dei quali, «Vol 2 Poveri Cri-
sti», è uscito a giugno 2011.
La rassegna continua domani con un appuntamento pomeridiano alle 17 alla Biblioteca comunale di Vobarno: ospite d'onore Nada, che presenterà il suo libro «La grande casa» prima dello showcase in
programma la sera all'Aerosol
(dove si esibiranno anche gli
altri tre finalisti del concorso).
La cantante toscana si esibirà
accompagnata dai Criminal
Jokers.
Gran finale domenica 27 a Vobarno: nel pomeriggio alle 16
in biblioteca presentazione
del volume «Dante e l'armonia delle sfere» e conferenza
della Banda Osiris; alle 18.30
al centro sportivo di Vobarno
aperitivo musicale con Marco
ed Ettore Giuradei e Musica
con Gusto, cena con i prodotti
delle aziende agricole del territorio; infine, alle 21.30, sempre al centro sportivo (o al teatro comunale di Vobarno in caso di pioggia) esibizione del
vincitore del concorso, della
Banda Osiris (targa Graffio alla Carriera) e dei Calibro 35
(Targa Musica da Bere), che si
esibiranno in un progetto unico con il Corpo Bandistico Sociale di Vobarno.
Tutti gli eventi sono ad ingresso libero. • C.A.
TEATRO GRANDE. Peril festivalpianistico, sottolaguida diVermeulen
Lostiledavvero«speciale»
dell’orchestra del XVIII Secolo
È un’orchestra davvero particolare quella del «XVIII Secolo», salita sul palcoscenico del
teatro Grande per il Festival
pianistico, sotto la direzione
di Dirk Vermeulen, che ha preso il posto di Frans Brüggen,
assente per motivi di salute.
Sotto la guida del direttore
«sostituto» l’orchestra non ha
perso nulla del suo carattere,
del suo stile. Subito evidente,
quest’ultimo, nell’interpretazione della Sinfonia in re maggiore n. 104 «London» di
Franz Joseph Haydn, con i
suoi suoni delicati e con gli archi che rifuggono dal «vibrato», ma soprattutto con i suoi
colori e la sua timbrica particolare.
Il risultato complessivo è
chiaramente molto diverso da
quelle realizzazioni «cariche»
alle quali forse il pubblico è fin
troppo abituato (qualcuno direbbe «viziato») ma - e questo
è doveroso dirlo - anche mondato dagli eccessi, da quelle
«storiche stonature» cui qual-
cuno voleva arrendersi negli
anni Settanta a proposito di orchestre con copie di strumenti
originali.
Un risultato dunque che suona un po’ freddino al gusto corrente, ma assolutamente corretto nell’intonazione e nella
dinamica, specialmente nella
parte finale della Sinfonia haydiniana.
Poi le tre gustose Arie scritte
da Haydn per il teatro dell’opera: cantate dal soprano Wilke
te Brummelstroete, hanno di-
pinto in musica la tipica figura della donna astuta, della finta semplicetta dalla quale gli
uomini faranno bene a guardarsi per evitare tradimenti e
mal di testa. Dizione italiana
non ineccepibile, ma convincente partecipazione del del
soprano olandese, a lungo applaudita.
Dobbiamo dire infine che
nella Sinfonia «Eroica» di Beethoven, cui era riservata la seconda parte della serata, l’Orchestra del XVIII Secolo ha riservato più d’una gradevole
sorpresa grazie a una dinamica più decisa e chiaroscurata,
specialmente nella celebre
Marcia funebre.
Lunghi gli applausi e un bis,
ancora haydniano. • L.FERT.
© RIPRODUZIONERISERVATA
ICONCERTIDI STASERA. Tutti gliappuntamenti in cittàe in provincia
L’irlandese Bird, iMagliolo
Gozzetti, Maffoni e Machines
È al solito affollata di appuntamenti, la notte live nel circuito
dei locali indie di Brescia e provincia. In una serata ad appannaggio soprattutto delle formazioni autoctone, spicca anche un appuntamento internazionale: è quello del Carmen
Town di via Fratelli Bandiera
3, a Brescia, dove alle 22 è di
scena la cantautrice irlandese
Wallis Bird. L'appuntamento
è come sempre ad ingresso
gratuito. Paragonata spesso a
più famose colleghe come Alanis Morissette ed Ani Di Fran-
co, la Bird presenterà al pubblico bresciano il suo terzo album omonimo, uscito a marzo e registrato tra Berlino, Londra e la sua Irlanda.
Una nuova formazione bresciana è invece di scena alle
22.30 al Lio Bar di via Togni
43, sempre in città: si chiamano Les Machines, denominazione dietro la quale si nascondono membri di progetti come Chocolate Collective,
Thoc! e Rigo Non Dorme. Propongono un concentrato di
funk, disco e «french touch»
realizzato con attitudine rock
e scarso ricorso alla tecnologia: l'ingresso è gratuito, a seguire Tibe Dj Set (rock
'80-'90).
Per l'inaugurazione della stagione estiva invece l'Otium
Cafè di via Leonardo Da Vinci
2 ha deciso di puntare su un
set dei Mag Brothers, ovvero
un trio composto da Jury e Kevin Magliolo oltre che da Carlo Poddighe. Propongono un
set di cover pescate dal repertorio funky e soul, che spazia
da Marvin Gaye, Curtis May-
field, Roy Ayers fino a Lenny
Kravitz, Prince e John Legend. A partire dalle 20, ingresso gratuito.
Fuori città, si segnala invece
il secondo appuntamento con
gli aperitivi in musica del circolo Arci Il Leone di Passirano, dove alle 18.30 è di scena
Daniele Gozzetti: il cantautore padernese sarà accompagnato da Nicola Anni. Ingresso gratuito ma riservato ai tesserati Arci.
Al Circolinoff di Scarpizzolo
di San Paolo infine, per la quinta edizione della festa in piazza del Circolino, c'è Riccardo
Maffoni con il duo newyorchese The End Men, che propongono una singolare miscela di
blues e hard rock ed hanno
pubblicato il loro primo ep nel
2011. • C.A.
UnaButterflyatrevoci
perl’omaggioaPrandelli
brevi
MUSICA LIVE
BRIT-ROCKALGASOLINE
JAMALLATTEPIÙ
UNPLUGGEDALL’IRISH
Ilsoprano Yasko Satocanterà nel ruolodiCio Cio San
vicenda della «tragedia giapponese», cogliendone i punti
più salienti e proponendo naturalmente le arie più note di
questo lavoro che proprio al teatro Grande di Brescia, il 28
maggio 1904, conobbe quel
trionfo che permise all’opera
di prendere il volo, dopo il fiasco di pochi mesi prima al teatro alla Scala di Milano.
Nel corso della serata sarà
possibile anche ascoltare la voce del celebre tenore Prandelli
nel personaggio di Pinkerton,
in una rara registrazione del
1952: per singolare coincidenza, infatti, il cantante lumezzanese interpretò molte volte
questo ruolo pucciniano, ma
non ne esiste un’incisione discografica.
Sarà anche l’occasione per
gli appassionati di partecipare a un’iniziativa a carattere
benefico: al Rotary Club Valtrompia Distretto 2050, rappresentato ieri mattina da Andrea Zanotti e Giuseppe Martinazzi, andrà infatti l’incasso
della serata per finanziare il
progetto «Pozzi d’acqua dolce
in Mozambico». I biglietti (10
euro, 5 il ridotto) saranno in
prevendita dal 29 maggio al teatro Odeon di Lumezzane e alla Libreria Punto Einaudi di
via Pace a Brescia. • L.FERT.
TEATRO. A SabbioChiesee aGottolengo
Unmarito «illustre»
elastoria degli allievi
Tributo al brit-rock stasera
al Gasoline Road Bar di Castegnato: omaggio agli Oasis con i Columbia (ore
21.30, ingresso libero). Al
Lattepiù di Brescia, in via
Di Vittorio, serata inedita
con «Theatre needs the night»: spazio a jam teatrali e
possibilità per tutti di allaccire collaborazioni artistiche «live». La colonna sonora è affidata a dj Pilvio (ingresso libero, musica dalle
ore 22). Musica dal vivo all’Irish pub di Desenzano, in
via Castello: Johnny & Cash
unplugged più Franco Faggi (ore 21.30, ingresso libero).
La teatro parrocchiale La Rocca di Sabbio Chiese va in scena
la commedia «Un marito per
mia moglie» con la compagnia «L’illustre teatro» di Vestone. Lo spettacolo, scritto e
diretto da John Comini, vede
in scena Maurizio Bettinzoli,
Manuela Bonacina, Roberto
Rizza, Antonella Pialorsi, Stefania Zanetti, Enrica Bertini,
Marta Modica, Roberto Giacobini, Gianluigi Bonassi, Lucia
Pappalardo, Paola Bettini, Silvia Pollini e Guido Assoni.
Inizio alle 20.30, l’ingresso è
gratuito.
CASA DEL POPOLO
TEATRO DIALETTALE
E LA CONDIZIONE
OPERAIA A NAVE
IMezzanottemmezza
redel«MusicContest»
«Da le ses a le dò, da le dò a
le des» è il titolo dello spettacolo in dialetto bresciano
di Enrico Re in scena alle
20.30 alla Casa del popolo
di via Risorgimento. In scena Enrico Re, Fabrizio Siau,
Maurizio Rinaldi; drammaturgia e regia di Silvio Gandellini. Prima dello spettacolo sarà presentato il libro
«La nave e la burrasca»,
condizione operaia a Nave
dal miracolo economico alla crisi della siderurgia. Fotografie dalla fabbrica occupata di Mauro Abati e Umberto Ghirardi. L’ingresso è
libero.
«Ti racconto una storia» è il
titolo dello spettacolo in scena
stasera alle 21 al teatro Zanardelli di Gottolengo, proposto
da Il Nodo.
Si tratta dell’esito del laboratorio teatrale del terzo anno
della Scuola dell’Attore condotto da Francesco Buffoli e
Daniele Bottini, con la collaborazione di Elena Vanni. In scena Sabrina Borgo, Ilaria Cadei, Linda Celli, Francesca Imperadori, Aurore Millet, Giorgio Mosca, Gaetano Sarro e Anna Villari. Ingresso 5 euro. Si
replica domani alla stessa ora.
MANERBA. Primo postocome coverband
Stasera al Portobello Road
Pub di Manerba verrà designata la band vincitrice della prima edizione del concorso
«Manerba Music Contest»
per la sezione brani inediti: sono in lizza Blackmail of Murder, The Rising, Wrong Side e
Omega.
Intanto, la settimana scorsa i
Mezzanottemmezza si sono
classificati al primo posto come cover band.
Il gruppo di G.Paolo «Mado» Madoglio (voce armonica), Maurizio Levato (chitarre), Luciano Cristini (basso) e
Alex «Bozzo» Bozzoni (percus-
sioni e batteria) ha primeggiato su un’agguerrita lista di pretendenti al titolo, presentando anche brani recenti, passando per le cavalcate dei Cream fino a S.R. Vaughan, il tutto riarrangiato seguendo il
proprio istinto musicale.
Ora i Mezzanottemmezza
stanno per realizzare ben due
demo cd live, uno che esprime
il proprio impeto elettrico,
mentre il secondo sarà intitolato «Vinorosso» per dimostrare quanto ancora si possa
esplorare in acustico seguendo un cuore blues. •
© RIPRODUZIONERISERVATA
Scarica