Analisi del fabbisogno di finanziamento

annuncio pubblicitario
Ilfabbisognodifinanziamentoe
lemodalitàdicopertura
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Fabbisogno di finanziamento (FF)
•  Concetto: Quantità di mezzi finanziari per avviare la produzione d’impresa
fino alla vendita dei prodotti
•  Causa del F.F.: le uscite di denaro (per costi) precedono le entrate (per ricavi)
• Fabbisogno
complessivo
•  Connesso ad un dato programma di
investimenti
•  Connesso ad un dato periodo di tempo
• Fattispecie:
• Fabbisogno
iniziale
• Copertura o finanziabilità
del F.F.
Dipende dai caratteri
del F.F.
Connesso alla durata del 1° ciclo
produttivo
Capitale
• durevole
permanente
stabile
•  Carattere
durevole
Passivo
• durevole
consolidato
variabile
•  Carattere
temporaneo
Passivo
corrente
2
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
La sfasatura tra entrate ed uscite
Acquisto dei
fattori
produttivi
Magazzino
materie
Pagamento
degli
acquisti
Vendita di
beni o
servizi
CICLO ECONOMICO
Produzione
Magazzino
prodotti
Incasso delle
vendite
CICLO MONETARIO
Durata del ciclo monetario (Cash conversion cycle - CCC):
GG
+
+
+
=
Giacenza media delle materie prime in magazzino
Giacenza media dei debiti verso fornitori
Periodo di produzione
Giacenza media dei prodotti finiti in magazzino
Giacenza media dei crediti verso clienti
Ciclo monetario della gestione
3
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
xx
(xx)
xx
xx
xx
XX
INDICI di
durata
3
Corso di Economia aziendale
Correlazione tra fabbisogno e
fonti di copertura
Immobilizzazioni
Correlazione tra investimenti /
Fabbisogno
Risorse investite in
FFS e FFR che non
possono
assolutamente essere
distolte dall’attuale
destinazione senza
pregiudicare
l’equilibrio economico
e
Forme di
copertura
● Investimenti che
determinano un
Fabbisogno
durevole stabile
Es. FFS, Crediti, Scorte
monetarie necessarie
Capitale
permanente
(Cap. proprio + Debiti
v/Forn. + Debiti
Trattam. Fine Rapp.)
● Investimenti che
determinano un
Fabbisogno
durevole variabile
Es. FFR
Passivo
Consolidato
(Es. Mutui Pass.)
4
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Correlazione tra fabbisogno e
fonti di copertura
Disponibilità
Correlazione tra investimenti /
Fabbisogno
Risorse investite in
investimenti che
non sono
indispensabili per
il processo
produttivo
Investimenti che
determinano un
Fabbisogno
temporaneo
Es. Scorte monetarie
eccedenti quelle
necessarie,
investimenti in Bot
prontamente
recuperabili
e
Forme di
copertura
Passivo Corrente
(Es. Debiti c/c)
5
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Tipologie di fabbisogno
Tipologie di fabbisogno
Durevole stabile
•  Rimanenze (per la
parte delle cd. Scorte di
“ferro”)
•  Crediti vs/clienti
•  Scorte liquide
•  Partecipazioni (per il
controllo)
Durevole variabile
•  Fatt. Fec. Rip.
•  Crediti di
finanziamento
•  Partecipazioni
•  Alcuni investimenti
accessori
Temporaneo
•  Fatt. Fec. Rip.
•  Crediti di
finanziamento
•  Rimanenze
•  Investimenti accessori
•  Scorte liquide
6
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Tipologie delle fonti di finanziamento
Tipologie di fonti
Passivo corrente
Passivo consolidato
Capitale permanente
•  Debiti a breve (banche
c/c)
•  Parte a breve debiti a
lungo
•  Dividendi
•  Debiti v/fornitori e
TFR (quota da pagare a
•  Capitale di proprietà
•  Debiti v/fornitori (per
•  Debiti a lungo
la parte stabilmente
presente)
•  TFR (quota non da
pagare a breve)
breve)
7
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
I MMO B I L I Z Z A Z I ON I
Caratteri del fabbisogno finanziario
e delle fonti di copertura
Tipo di fabbisogno
Finanziario
Forme di copertura del
fabbisogno finanziario
DUREVOLE
STABILE
Capitale
permanente
DUREVOLE
VARIABILE
Passivo
consolidato
DISPONI
BILITA’
TEMPORANEO
Passivo a breve
8
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Correlazione tra investimenti e fonti di finanziamento:
iter da seguire per l’impostazione e la soluzione del problema
1°
passo
2°
passo
Classificazione degli
investimenti in relazione
alla loro importanza per
l’esecuzione dei processi
produttivi d’impresa
• Immobilizzazioni
Risorse indispensabili per
l’attività d’impresa
•  Disponibilità
Risorse non indispensabili
per l’attività d’impresa
Classificazione degli
investimenti in relazione
al tipo di fabbisogno che
essi determinano
• Immobilizzazioni
Immobilizzazioni che
determinano un fabbisogno
durevole variabile
•  Disponibilità
3°
passo
4°
passo
Suddivisione delle fonti
di copertura in relazione
al vincolo di restituzione
Correlazione tra tipo
di fabbisogno e fonti
di copertura
Immobilizzazioni che
determinano un fabbisogno
durevole stabile
Causano fabbisogno
temporaneo
• Capitale permanente
• Passivo consolidato
• Passivo corrente
• 
Fabbisogno durevole stabile
Capitale permanente
• 
Fabbisogno durevole variabile
Passivo consolidato
• 
Fabbisogno temporaneo
Passivo corrente
9
Università degli Studi della Tuscia – Viterbo
Corso di Economia aziendale
Scarica