correzione chirurgica miopia - Studio Dr. Alessandro Pezzola

annuncio pubblicitario
Oltre che con l’occhiale e le lenti a contatto esiste la possibilità di correggere
chirurgicamente la miopia, l’astigmatismo e l’ipermetropia.
Questi interventi agiscono tutti sulla parte anteriore dell’occhio, aggiustando
la messa a fuoco dell’immagine sulla retina ma, non guariscono in alcun
modo, i danni che possono essere associati al difetto come ad esempio la
miopia progressiva, le distrofie retiniche, il glaucoma etc.
Inoltre, è normale che, una volta corretto il difetto di messa a fuoco, i pazienti
oltre i 40 anni debbano usare gli occhiali per lettura; questo è causato dalla
perdita di elasticità del cristallino dovuta all’età (presbiopia).
Gli interventi più diffusi sono: il trattamento con il laser ad eccimeri,
l’inserzione di lenti negative all’interno dell’occhio, la sostituzione del
cristallino naturale.
Nel primo caso il raggio di uno speciale tipo di laser (ad eccimeri) modella, la
superficie anteriore della cornea. La procedura si chiama PRK dalle iniziali
in inglese di “cheratectomia foto refrattiva”.
Una variante della PRK è la cosiddetta LASIK, con la quale viene creato un
lembo corneale prima di levigare col laser la cornea.
In alternativa alla LASIK si può installare una sottile lente in materiale
plastico biocompatibile tra il cristallino naturale e l’iride; tale lente si chiama
ICL (dall’inglese: “lente a contatto intraoculare”).
Tale metodo permette di correggere miopie più elevate.
Infine l’asportazione del cristallino naturale con l’uso degli ultrasuoni
(facoemulsificazione) e l’impianto di una lente artificiale al suo posto
permette di correggere qualunque grado di difetto.
E’ molto importante ricordare che, anche se il paziente che è stato sottoposto
ad uno di questi interventi riesce a vedere perfettamente senza occhiali, la
sua malattia in realtà è stata corretta ma non è guarita. Per questo motivo
dovrà sempre sottoporsi a visite periodiche soprattutto all’esame del fondo
dell’occhio e della periferia retinica che è la zona dove si generano le rotture
di retina e dove può iniziare un distacco.
L’oculista è in grado di identificare i punti retinici che predispongono a tali
malattie ed è in grado di prevenirle usando un altro tipo di laser (l’Argonlaser) capace di fotocoagulare e rinforzare la retina.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard