DEPRESSIONE: MALATTIA SOCIALE Dr. Makoui Chahriar

annuncio pubblicitario
DEPRESSIONE: MALATTIA SOCIALE
Dr. Makoui Chahriar
Psichiatra, Gerontologo, Direttore Sanitario Fondazione Solaris di Sermide
La depressione è una malattia che poggia sulla tristezza senza speranza di guarire, sul
sentimento di colpa e sul dolore morale. Le espressioni psichiche coinvolte sono l’umore, la
psicomotricità, il pensiero e gli istinti. Sono presenti inoltre sintomi neurovegetativi
interessanti il sonno, l’appetito e la libido, nonché alterazioni del ritmo sonno-veglia.
I sintomi che permettono l’inquadramento della depressione devono essere valutati sia per
quanto riguarda la severità che la durata, così come di seguito delineato:
1. Umore: i pazienti possono sentirsi tristi, irritabili, scoraggiati, privi di speranza; possono
manifestare una perdita di interessi e di entusiasmo per le attività quotidiane, espressa
così: “Io non mi occupo più di niente” o “ Niente fa differenza per me”.
2. Apatia, faticabilità: molti pazienti sono meno attivi della norma lamentando la propria
sofferenza con “Io non so più fare nulla” o “Trascorro tutto il giorno seduto e non riesco a
muovermi”. Hanno bassi livelli di energia, espressi come “Mi stanco presto” o “non ho più
energie”. Parlano piano e lentamente, alcune volte così piano che si sentono a malapena;
dicono di essere ritardati, rallentati.
3. Insonnia: Alcuni pazienti, soprattutto nelle forme severe, riportano difficoltà
nell’addormentamento oppure una volta addormentati, si risvegliano in breve tempo.
4. Peso corporeo: solitamente i pazienti perdono appetito (perdono interesse nel cibo o lo
considerano non più buono). In taluni casi la perdita di peso può essere drammatica, fino
a 10 chili in una settimana.
5. Sessualità: la frequenza e il piacere del sesso sono aboliti.
6. Sentimenti e pensieri di inadeguatezza, auto-repressione e di colpa: si sentono
inadeguati con sé stessi. I pazienti riferiscono di non poter pensare in modo chiaro; sono
incapaci di concentrarsi. Ogni mansione può diventare molto difficile, se non impossibile
da portare a termine. La perdita di attenzione durante le normali attività, come cucinare,
guardare la televisione, possono lasciare il paziente frustrato e inadeguato. Non riescono a
prendere decisioni sull’andamento della giornata. Un loro possibile decadimento cognitivo
può essere facilmente scambiato per demenza.
7. Pensieri di morte: alcuni pazienti sperano nella morte, come sollievo dal dolore o per
poter presto riunirsi con il congiunto defunto. Alcuni formulano piani di morte, altri
sistemano i propri affari, altri ancora progettano il suicidio.
Il sesso femminile presenta un rischio circa 2 volte superiore a quello maschile di sviluppare
un’alterazione dell’affettività. La depressione può colpire dal bambino all’anziano.
In questa ultima fase della vita i numerosi eventi vitali negativi che la costellano, rendono
ragione, sul versante psicosociale, della maggiore prevalenza della depressione: tra i fattori
più importanti si annoverano la vedovanza, il pensionamento, il sentimento di solitudine, la
mancanza di supporto e di interazione sociale, le difficoltà finanziarie, la situazione abitativa,
l’istituzionalizzazione.
La depressione deve essere sempre considerata con estrema serietà dalla famiglia e dai
sanitari, che, dopo una attenta valutazione, possono intervenire con cure farmacologiche e
con un supporto psicologico.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard