LA DEPRESSIONE NELL`ANZIANO DI GIUSEPPE

annuncio pubblicitario
La parola del medico a cura del dott. Giuseppe Di Franco
La depressione nell’anziano
Secondo alcuni studi il 25% degli anziani riferisce sintomi depressivi, anche se soltanto tra l’1% e il
9% dei soggetti di questa fascia di età soddisfa i criteri necessari per porre diagnosi di depressione
maggiore. Tassi più elevati di sintomi depressivi vengono descritti tra i pazienti anziani ricoverati in
ospedale (36-46%) e tra quelli in Rsa (10-22%). La maggior parte dei soggetti anziani conduce una
vita attiva e indenne da depressione, per cui la comparsa di depressione necessita di un tempestivo
trattamento medico. L’insorgenza di depressione può precedere un patologia medica (es. malattia di
Alzheimer o di Parkinson), può associarsi o seguire a patologia medica (es. infarto cardiaco, diabete, cancro, ipotiroidismo, maculopatia, ictus, sclerosi multipla, cerebropatia vascolare ecc.). Bisogna saper distinguere fra un umore depresso (depressione minore) da un vera e propria sindrome
depressiva maggiore. Il gold standard per la diagnosi di depressione è l’esame dello stato mentale
affidato a medici che hanno competenze per tale patologia. La più grave conseguenza della depressione maggiore è il suicidio, tuttavia uno stato depressivo esercita un effetto negativo e aggravante sulle altre patologie croniche di cui può essere affetto contemporaneamente l’anziano.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard