Marco Ferruccio Ballurio

annuncio pubblicitario
“POLITICHE PER L’INFANZIA IN CONTESTO AZIENDALE:
IL CASO OLIVETTI”
MARCO FERRUCCIO BALLURIO
Università degli studi di Torino
Relatore: Prof. Dario Rei
PRESENTAZIONE
1. La responsabilità sociale dell’impresa: elementi di riflessione recente
2. Lo sviluppo della tesi
I.
LE POLITICHE PER L’INFANZIA NELLA TRANSIZIONE DEL WELFARE
1. La domanda di politiche di welfare per la famiglia
2. La famiglia come attore di sistema
3. Partecipazione femminile al mercato del lavoro e fecondità
4. Il Child-care system
5. Scenari attuali e scenari futuri
II.
IL WELFARE SYSTEM OLIVETTI
1. Due imprenditori innovativi
2. Gli aspetti del “primo parternalismo”
3. Il paternalismo negli anni Cinquanta
4. “Adriano Olivetti non era Valletta”
5. La concezione di impresa di Adriano Olivetti
6. Il “taylorismo dal volto umano”
7. Il “welfare system” Olivetti
8. La gestione “scientifica” dei servizi sociali
9. Il “manifesto” dei servizi sociali
10. L’impostazione del servizio sociale in fabbrica
11. Il “modello Olivetti” nella filosofia del servizio sociale
III.
LE PRESTAZIONI PER LA FAMIGLIA E L’INFANZIA
1. L’interesse per i temi familiari
2. Il “Regolamento Assistenza Lavoratrici Olivetti”(A.L.O.)
3. L’A.L.O. nel suo contesto storico
4. La tutela delle lavoratrici negli anni Cinquanta
5. Il supplemento aziendale Assegni Familiari
6. Nuove strutture: i consultori
7. L’assistenza pediatrica e il consultorio lattanti sani
8. La campagna di vaccinazione anti-poliomielitica
9. Il Fondo di Solidarietà Interna
IV.
ASILI, SCUOLE MATERNE E COLONIE: LA PEDAGOGIA OLIVETTI
1. L’Asilo Olivetti
2. Il funzionamento dell’Asilo Nido
3. La scuola materna
4. Metodi e stili educativi
5. Assistenza in età scolastica: il doposcuola e il collegio
6. Le colonie estive ed il C.E.M.E.A.
7. Lo stile educativo delle colonie Olivetti
8. Le pre-colonie
9. Colonie diurne e campeggi
V.
LA DIFFUSIONE DEI SERVIZI
1. L’azienda ed il suo territorio
2. L’assistenza alla comunità: il Centro Relazioni Sociali
3. Il Piano di miglioramento delle scuole materne in Canavese
4. Un caso di successo: i parchi gioco Robinson
5. Il Centro Psico-Pedagogico: un’occasione mancata
6. Alcune valutazioni conclusive
APPENDICE: INTERVISTE
FONTI E BIBLIOGRAFIA
Dalla PRESENTAZIONE. La responsabilità sociale dell’impresa: elementi di riflessione
recente
…….La responsabilità sociale delle imprese (Corporate Social Responsability) è diventata un
obiettivo strategico dei governi a tutti i livelli, ed in particolare nelle politiche della Commissione
delle Comunità Europee, che ne parla come di condizione strategica per una crescita economica
sostenibile.
È opportuno chiedersi quale realmente debba essere il ruolo delle imprese all’interno del sistema
sociale.
Perché le imprese devono avere un ruolo attivo nella creazione delle politiche di welfare, anziché
assumere un ruolo marginale all’interno delle rivendicazioni provenienti dalla società civile?
Se la missione dell’impresa è primariamente quella di creare valore per gli azionisti, appare
scontato rilevare che l’impresa non può rimanere alla porta di questioni sociali tanto rilevanti,
soprattutto perché ciò andrebbe ad incidere negativamente sulla propria redditività.
E’ impensabile considerare una qualsiasi impresa totalmente scollegata dalla propria comunità di
riferimento, con la quale viene ad instaurare un rapporto di mutua dipendenza, nell’interesse
primario dell’industria stessa di favorire le condizioni ottimali al proprio funzionamento.
Lo stretto rapporto che si viene a creare tra comunità locale ed impresa, comprende il reclutamento
della forza lavoro, e comporta che l’immagine e la reputazione di quest’ultima avrà dei sicuri effetti
sulla sua competitività. Se l’impresa fornisce alla comunità locale posti di lavoro, salari ed entrate
fiscali, il suo successo è di gran lunga influenzato dalla stabilità e dalla prosperità del territorio che
l’accoglie…
Il concetto di responsabilità sociale significa essenzialmente che le imprese decidono di propria
iniziativa di contribuire a migliorare la società in cui operano. Un nido aziendale, una politica degli
alloggi a tassi agevolati, dei corsi di formazione professionale specifici, riuscirebbero a coniugare
meglio le domande del territorio con le risposte aziendali.
La Commissione Europea ha emanato nel Luglio del 2001 un “libro verde”, dal titolo “Promuovere
un quadro europeo per la responsabilità sociale delle imprese”, che “invita tutte le imprese a
contribuire di propria iniziativa al miglioramento della società, rendendole più consapevoli del
fatto che la responsabilità sociale può rivestire un valore economico diretto”.
Quest’ultima affermazione è molto importante: se la finalità rimane quella di generare profitto, le
imprese possono allo stesso tempo contribuire ad obiettivi sociali, integrando la responsabilità
sociale come “investimento strategico”, nel quadro della propria strategia di mercato e dei loro
strumenti di gestione.
La sfida avviata a livello continentale dal Consiglio Europeo di Lisbona, facendo appello al senso di
responsabilità delle imprese nel settore sociale, ha sottolineato l’assoluta necessità di una
partnership, che integri le imprese a fianco delle parti sociali e delle autorità locali nella gestione
delle politiche sociali.
Le prassi socialmente responsabili hanno riflessi, nell’ambito dell’impresa, in primo luogo sui
dipendenti…….
Da IL WELFARE SYSTEM OLIVETTI. La concezione di impresa di Adriano Olivetti
…….Pensare che l’impresa dovesse produrre ricchezza, creare occupazione, diffondere sul
territorio, nelle comunità, nei paesi, i frutti del lavoro, i ricavi del successo conseguito sul mercato:
un’impresa così concepita, distingueva per molti aspetti Adriano Olivetti rispetto ai suoi
contemporanei.
Era alquanto atipico un imprenditore che pretendeva che l’impresa diffondesse intorno a sé
bellezza, valori estetici, armonia di forme, e per raggiungere questo obiettivo arruolava i migliori
architetti, per costruire strutture di alto valore architettonico.
Stabilimenti industriali, asili nido, case destinate ai lavoratori, colonie per i figli dei dipendenti,
centri culturali, biblioteche, furono la realizzazione pratica dell’idea che l’impresa non solo deve
continuamente far ricadere sul territorio investimenti e buoni salari, ma anche diffondere cultura,
attrattiva e qualità della vita.
Approdava in questo modo alla concezione dell’ “industria complessa di massa”, dove complessa
significa impresa che non può esaurirsi nella produzione e nel profitto, perché ha degli obblighi che
si estendono verso l’ambiente circostante e la società.
Se confrontata all’opinione diffusa che la missione dell’impresa è primariamente o esclusivamente
quella di creare valore per gli azionisti, la visione di Adriano Olivetti fu sicuramente quella di un
solitario; ma questa solitudine non impedì all’azienda eporediese di crescere ed affermarsi sui
mercati a livello mondiale.
“Può l’impresa darsi dei fini? Si trovano questi semplicemente nell’indice dei profitti? Non vi è al
di là del ritmo apparente qualcosa di più affascinante, una destinazione, una vocazione, anche
nella vita di fabbrica?” (A. Olivetti)
Non va dimenticato che l’Ing. Adriano era primariamente un imprenditore convinto che la chiave
per il raggiungimento degli obiettivi risiedesse nella continua innovazione, sia dei prodotti, che dei
modi di produrre, entro un’organizzazione il più possibile “scientifica” di tutta l’azienda, che
tenesse in ogni caso, largamente conto delle peculiarità locali e delle esigenze umane…….
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard