Immagini e video

annuncio pubblicitario
Immagini e video
Distinguiamo innanzi tutto tra immagini vettoriali e immagini scalari. Un’immagine
vettoriale è un oggetto composto da singoli elementi (punti, linee, poligoni), ognuno con
le sue proprietà (colore di riempimento, spessore del contorno), che trovano la loro
posizione e forma grazie ad una serie di coordinate e impostazioni matematiche. Questo
tipo di immagini è adatto per le figure geometriche ma non per le foto e in questo caso la
codifica interessa i singoli elementi grafici.
Le immagini scalari o raster, invece, sono composte da singoli punti chiamati pixel
(picture element) che vengono disposti e colorati in modo differente per creare il disegno,
proprio come accade con le tessere di un mosaico. Per codificare un’immagine raster
bisogna indicare innanzi tutto le sue dimensioni, ovvero da quanti pixel è formata. Poi si
considera ogni pixel, ad esempio, partendo dalla prima riga, poi la seconda, e così via. Il
colore da associare ad ogni pixel è codificato tramite una sequenza di bit.
Per un’immagine in bianco e nero, senza sfumature, è sufficiente un solo bit per ogni
pixel (che vale ‘0’ per rappresentare un pixel bianco e ‘1’ per rappresentare un pixel
nero).
Per le immagini in bianco e nero con scala di grigi se si utilizza un byte per ogni pixel
dell’immagine, si hanno a disposizione 256 gradazioni di grigio. Se si usano più byte
ovviamente aumenta il numero di toni di grigio disponibili.
Per le immagini a colori si può utilizzare, ad esempio, la rappresentazione del colore
secondo il modello RGB (red, green, blue): il colore risultante di ogni pixel è la
combinazione di tre colori fondamentali. Ad ogni pixel si associa quindi una terna di
numeri binari ed ogni numero specifica quanto rosso, quanto verde e quanto blu debba
essere associato a quel quadratino. Se ad esempio si usa un byte per ogni colore, si hanno
a disposizione 8·3 = 24 bit per pixel1 e quindi 224, ovvero più di 16 milioni, di colori.
Più bit si assegnano ad un pixel, più colori si hanno a disposizione ma aumenta
l’occupazione della memoria e conviene, allora, utilizzare formati che consentano una
compressione delle immagini. I due formati di compressione utilizzati più
frequentemente sono il formato “gif” ed il formato “jpeg”. Nel formato gif viene eseguita
una compressione, tuttavia è possibile ricostruire esattamente l'immagine di partenza. Gli
1
Il numero di bit per pixel è detto profodità del colore.
algoritmi di compressione si basano di norma sull'osservazione che non è necessario
memorizzare una sequenza di bit tutti uguali, ma è sufficiente, ad esempio, memorizzare
il numero di tali bit nella sequenza. Nel formato jpeg, invece, si ha una perdita
d’informazione, ma se il livello di compressione non è troppo alto, la qualità
dell'immagine risulta perfettamente accettabile all'occhio umano.
Oltre alle immagini statiche, è possibile immagazzinare sequenze d’immagini, ovvero
filmati. Un formato molto utilizzato in questo caso è il formato “mpeg”, che rappresenta
un'estensione del formato jpeg. In mpeg, la compressione viene eseguita andando a
memorizzare non la semplice sequenza d’immagini, ma soltanto le differenze tra
l'immagine (frame) corrente ed il frame precedente.
Scarica
Random flashcards
Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard