Nessun titolo diapositiva

annuncio pubblicitario
COMPLICANZE
DELL’ULCERA
PEPTICA
MALATTIA PEPTICA
Per malattia peptica si intende la presenza di una lesione ulcerosa
della mucosa dell’apparato digerente, determinata dall’azione
lesiva del secreto acido-peptico.
Le ulcere possono localizzarsi in diverse sedi:
•
gastrica
•
duodenale
•
esofagea (da reflusso gastroesofageo)
•
digiunale (sindrome di Zollinger-Ellison)
•
diverticolo di Meckel
Per malattia peptica si intende corretametne la localizzazione
gastrica e/o duodenale.
Fisiopatologia della malattia peptica
Gli eventi patogenetici dell’ulcera gastrica differiscono da quelli
dell’ulcera duodenale:
ULCERA GASTRICA - L’evento fondamentale è una ridotta
capacità della mucosa di proteggersi dal secreto acido-peptico.
•
•
ULCERA
DUODENALE
l’ipersecrezione gastrica.
-
L’evento
fondamentale
è
Numerosi altri meccanismi (H. pylori, farmaci, alcool, fumo, ecc.)
possono influenzare e modulare la comparsa della malattia
ulcerosa.
Sintomatologia

DOLORE
•
Si evidenzia come dolore crampiforme, accompagnato da pirosi
e/o spasmo epigastrico.
•
Si irradia a cintura o al dorso
•
Insorge ogni giorno alla stessa ora, 1-4 ore dopo i pasti principali
Il dolore persiste per alcuni giorni, 10-15, per poi recedere
spontaneamente. Passato il periodo critico si instaura un periodo di
calma che dura alcuni mesi.
Questa evoluzione per crisi, intermittente, è tipica della malattia
ulcerosa
ULCERA GASTRICA
Dolori precoci: compaiono 1-2 ore dopo i pasti con ritmo
nictemerale (un giorno + una notte).
Rx addome: “ NICCHIA” - immagine di plus. (d.d. con cancro)
ULCERA DUODENALE
Dolori tardivi: compaiono 3-4 ore dopo i pasti e sono alleviati
dall’ingestione di alimenti. Si risolvono per crisi e il
loro ritmo è nictemerale.
L’ulcera pilorica è rapidamente stenosante: vomito precoce.
Rx addome : immagine “a coccarda” + bulbo “deformato”.
ULCERA CALLOSA - Ulcera di vecchia data circondata da una
zona di sclerosi. La sintomatologia dolorosa è continua.
Terapia

TERAPIA MEDICA
Gli obiettivi principali della terapia medica sono:
•
la risoluzione della sintomatologia;
•
la guarigione della lesione ulcerosa;
•
la prevenzione delle complicanze.
Nella maggior parte dei casi l’ulcera peptica guarisce dopo terapie con
farmaci che tamponano od inibiscono la secrezione acida gastrica
(antiacidi, antagonisti dei recettori H2 istaminici, inibitori della pompa
protonica) o con farmaci ad attività protettiva diretta sulla mucosa (per
es.: sucralfato, tricitrato di potassio bismuto).
C’è consenso sulla necessità di sottoporre a terapia di eradicazione
dell’Helicobacter pylori tutti i pazienti affetti da ulcera ed infetti da quel
battere.

TERAPIA CHIRURGICA*
L’intervento chirurgico è indicato in presenza di:
•
ulcere refrattarie alla terapia, o recidivanti, che comportano grave
sintomatologia dolorosa e limitano fortemente la qualità di vita del
paziente;
sospetto di natura maligna dell’ulcera, anche in caso di negatività
dei reperti istologici;
•
•
scarsa accettazione del trattamento medico da parte del paziente.
•
complicanze gravi*: emorragia massiva o recidivante,
perforazione, stenosi cicatriziale serrata, cancerizzazione.
*(Vedi di seguito)
Ulcera gastrica
Ulcera duodenale
COMPLICANZE DELL’ULCERA
PEPTICA
Le complicanze della malattia ulcerosa possono essere:
•
EMORRAGIA
•
PERFORAZIONE
•
STENOSI
•
CANCERIZZAZIONE
EMORRAGIA
L’emorragia è la complicanza più frequente e più grave.
Nel 45% dei casi di sanguinamento del primo tratto del tubo
digerente la causa è rappresentata da un’ulcera peptica.
L’emorragia è una complicanza che compare nel 15-20% dei
portatori di ulcera gastro-duodenale ed è responsabile di circa la
metà dei decessi imputabili alla malattia ulcerosa.
Il 40% dei pazienti che hanno avuto un episodio di sanguinamento
presenta episodi emorragici ricorrenti, con progressivo
aggravamento della sintomatologia e diminuzione della risposta
alla terapia.
Le ulcere gastriche e quelle duodenali presentano una frequenza di
sanguinamento pressoché sovrapponibile. La recidiva di
sanguinamento è però circa 3 volte più frequente nell’ulcera
gastrica.
Inoltre le emorragie ad origine gastrica sono in genere più gravi e
nel 10% dei casi si associano alla perforazione.
L’emorragia acuta si verifica solitamente per l’erosione di rami
parietali delle arterie gastriche o duodenali, più raramente di rami
dell’arteria gastro-epiploica, o dell’arteria pancreatico-duodenale;
rara ma possibile è l’erosione di vasi mesocolici, per penetrazione
dell’ulcera.
La mortalità in caso di emorragia acuta massiva è del 15% e supera
il 30% nei casi di sanguinamento recidivo.
Sintomatologia
Un modesto STILLICIDIO EMATICO nella sede dell’ulcera
spesso si segnala solo per la comparsa di astenia e anemia, e per la
positività della ricerca di sangue occulto nelle feci.
•
Un’EMORRAGIA ACUTA si manifesta generalmente con
ipotensione, anemizzazione acuta e melena.
•
Se l’EMORRAGIA è COPIOSA, così da indurre distensione dello
stomaco in seguito alla raccolta di una grande quantità di sangue,
ai segni di anemizzazione fa seguito la comparsa di ematemesi.
•
Diagnosi
Esame endoscopico: evidenzia l’origine dell’emorragia in oltre
l’80% dei casi.
•
L’esame radiologico: con pasto baritato: è in genere di scarso
ausilio.
•
L’esame angiografico: si impiega assai raramente, quando si
sospetta che la sede del sanguinamento possa localizzarsi oltre il
legamento di Treitz.
•
Terapia

TERAPIA MEDICA
•
In circa ¾ dei pazienti con sanguinamento da ulcera peptica il
trattamento medico (antiacidi, antagonisti dei recettori H2 istaminici,
inibitori della pompa protonica, somatostatina) risulta sufficiente ad
arrestare il sanguinamento ed a stabilizzare le condizioni.
•
Il posizionamento di un sondino naso-gastrico di grosso calibro
permette il lavaggio dello stomaco, la rimozione di sangue e coaguli
e il monitoraggio dell’eventuale ripresa del sanguinamento.
L’elettrocoagulazione, la lasercoagulazione, adesivi tissutali, colla
di fibrina, collagene o l’infiltrazione con ponfo di sostanze
sclerosanti per via endoscopica delle lesioni sanguinanti possono
risultare utile e talora risolutiva.,
•

TERAPIA CHIRURGICA
Il 25% dei pazienti affetti da ulcera peptica sanguinante in modo
acuto richiede comunque il ricorso all’intervento chirurgico
d’urgenza.
L’intervento chirurgico si prefigge prima di tutto di identificare e di
arrestare (mediante sutura e/o legatura) la fonte emorragica.
Si può procedere in seguito ad uno degli interventi chirurgici validi
per la terapia dell’ulcera peptica:
•
•
Vagotomia semplice
Vagotomia + antrectomia
gastrointestinale).
(con
ripristino
della
continuità
Ulcera peptica sanguinante
Individuata la sede del
sanguinamento, si procederà
in urgenza al suo arresto
PERFORAZIONE
La perforazione avviene in genere per l’erosione lenta della parete
gastrica o duodenale in seguito alla penetrazione progressiva
dell’ulcera.
La sede della perforazione, in caso di ulcera gastrica, è
normalmente rappresentata dalla piccola curvatura o dalla parete
anteriore dello stomaco in regione antrale.
La maggior parte delle ulcere duodenali perforate si localizza sulla
parete anteriore del duodeno.
La mortalità in caso di perforazione gastro-duodenale è circa del
10%; essa aumenta progressivamente con l’età del paziente e con il
tempo intercorso tra l’insorgenza della complicanza ed il
trattamento.
Sintomatologia
Il quadro clinico della perforazione di ulcera è quello della
peritonite acuta.
Inizialmente la peritonite è di natura chimica irritativa, ma si
trasforma entro 12-24 ore in peritonite purulenta per la
proliferazione dei batteri fuoriusciti nel cavo peritoneale.
Se il paziente giunge tardivamente all’osservazione possono già
essere insorte le manifestazioni dello shock settico ipodinamico
conseguente all’instaurarsi della peritonite.
In caso di ulcere croniche, la reazione infiammatoria della sierosa
gastroduodenale comporta l’aderenza dei tessuti contigui prima che
la perforazione abbia luogo; in questo caso si svilupperà la
cosiddetta perforazione coperta.

CLINICA
Forte DOLORE epigastrico che rende immobile il paziente e che ben
presto si irradia a tutto l’addome.
Vomito e nausea sono incostanti e quasi mai precoci.
Nel caso di una perforazione coperta la sintomatologia dolorosa può
attenuarsi per qualche tempo, senza però recedere mai del tutto
ESAME OBIETTIVO:
•
Palpazione
difesa addominale (addome “ a tavola”)
•
Percussione
scomparsa dell’ottusità epatica
silenzio in tutto l’ambito addominale
• Ascoltazione
ILEO PARALITICO
•Esplorazione
rettale
vivo dolore nel cavo di Douglas
Diagnosi
•
Anamnesi + clinica
•
Esame obiettivo
•
Rx diretto dell’addome
•
ECG
Aria “libera” in sede subfrenica
d.d. con patologie cardiache
Terapia

TERAPIA MEDICA
• Trattamento rianimatorio (infusioni, trasfusioni)
•
Sondino nasogastrico: per svuotare lo stomaco e per arrestare lo
spandimento di contenuto gastro-duodenale in cavità addominale.
•
Terapia antibiotica ad ampio spettro
• Antiacidi, antagonisti dei recettori H2 istaminici, inibitori della pompa
protonica

TERAPIA CHIRURGICA
La scelta del tipo di intervento viene effettuata in relazione alle
condizioni del paziente; se queste sono critiche per la presenza di
grave shock settico o di insufficienze d’organo, si ricorre
abitualmente alla semplice raffia dell’ulcera.
Nella maggior parte dei casi la raffia, unitamente alla terapia
antiacida e con anti-H2-recettori, è in grado di risolvere la
complicanza.
Raramente è necessaria l’esecuzione di una gastroresezione, o si può
eseguire l’exeresi dell’ulcera, con vagotomia e piloroplastica, per la
prevenzione della recidiva ulcerosa e per favorire lo svuotamento
gastrico.
Ulcera duodenale perforata
Ulcera gastrica perforata
STENOSI
È una complicanza abbastanza frequente nel caso di localizzazione
iuxtapilorica dell’ulcera.
Inizialmente il quadro è quello di stenosi funzionale del piloro,
indotta dalla vicinanza della lesione ulcerosa, sensibile alla terapia
antispastica.
La stenosi organica compare quando la flogosi perilesionale
raggiunge ed infiltra l’anello pilorico e ne provoca la sclerosi.
Sintomatologia
Se la stenosi è modesta lo stomaco riesce a svuotarsi, seppure con
lentezza, ed il paziente è in grado di sopportare la situazione
dispeptica che ne consegue, caratterizzata da:
•
senso di peso
•
distensione epigastrica
La ricomparsa del dolore ulceroso si accompagna:
•
•
ad aumento dei disturbi dispeptici
alla comparsa di vomito alimentare e di succo gastrico (dovuto ad
uno spasmo riflesso del piloro).
Alla difficoltà di svuotamento dello stomaco corrisponde:
•
un aumento della peristalsi gastrica
•
progressiva ipertrofia della tunica muscolare
•
in seguito compaiono ipotonia e gastrectasia imponente.
In caso di stenosi serrata si evidenziano:
•
numerosi episodi di vomito alimentare (a volte causati dal pz.)
•
un calo ponderale cospicuo
•
una condizione di malnutrizione
•
disidratazione e alterazioni elettrolitiche
Terapia
La terapia medica della stenosi pilorica serrata consiste in:
•
Sondino nasogastrico
• Antiacidi, H2 antagonisti, inibitori della pompa protonica
•
correzione degli eventuali
dell’equilibrio acido-base.
squilibri
idro-elettrolitici
e
La terapia chirurgica , conseguente a quella medica, consiste in:
•
gastroresezione distale con gastro-enteroanastomosi
oppure
•
bypass della stenosi mediante gastro-enterostomia a monte della
stessa.
Ulcera duodenale stenosante
con gastrectasia a monte
della stenosi
CANCERIZZAZIONE
La possibilità di cancerizzazione di un’ulcera peptica riguarda la
localizzazione gastrica, con bassa percentuale dell’1%.
La sintomatologia è correlabile a quella dell’ulcera gastrica.
Si ritiene che la quasi totalità delle ulcere neoplastiche gastriche
insorgano come tali fin dall’inizio, nonostante l’aspetto
macroscopico iniziale benigno risultato dall’endoscopia.
Per quanto riguarda la potenziale trasformazione maligna delle
ulcere duodenali, non vi sono dati a proposito, che possano
testimoniare tale evenienza.
Interventi per ulcera peptica
Gli interventi chirurgici possono essere suddivisi in:
 VAGOTOMIE

•
Vagotomia tronculare
•
Vagotomia selettiva distale
•
Vagotomia selettiva prossimale o superselettiva
RESEZIONI
•
Antrectomia ( con vagotomia)
•
Duodeno-gastroresezione
•
Gastrectomia totale
•
Vagotomia tronculare
Consiste nella resezione di 2-3 cm dei nervi vaghi al loro ingresso
nell’addome, nella porzione adiacente al tratto sottodiaframmatico
dell’esofago. La tecnica comporta una totale denervazione dello
stomaco e causa stasi gastrica per atonia della parete e mancata
inibizione della contrazione pilorica.
Tali effetti collaterali impongono di associare alla vagotomia
tronculare la piloroplastica (sezione e ampliamento dello sfintere
pilorico oppure una anastomosi gastro-enterica per evitare
problemi
di
svuotamento
dello
stomaco.
La percentuale di recidive ulcerose dopo vagotomia è abbastanza
elevata: mediamente del 10%.
•
Vagotomia selettiva distale
Consiste nella sezione dei nervi vaghi poco sotto la biforcazione in
ramo gastrico (nervo di Latarjet) e ramo extragastrico. È così
possibile preservare il ramo epatico del vago di sinistra e quello
celiaco del vago di destra; tale intervento viene di regola eseguito in
associazione con l’antrectomia o con una gastroresezione.
•
Vagotomia selettiva prossimale, o superselettiva
Vengono sezionati in prossimità della parete gastrica solo i rami
nervosi destinati ai 2/3 prossimali dello stomaco; si ottiene così la
denervazione della porzione acido-secernente dello stomaco,
conservando invece l’innervazione dell’antro e del piloro. Lo
svuotamento gastrico risulta quindi normale e non è necessario
eseguire la piloroplastica.
Vagotomia tronculare
Vagotomia selettiva distale
Vagotomia selettiva
prossimale o superselettiva
Piloroplastica sec. Heineke-Mikulicz
In associazione a
vagotomia tronculare
Gastro-digiunostomia antecolica
 Antrectomia con
vagotomia
Nei pazienti che presentano una produzione acida molto elevata
può essere utile procedere all’asportazione dell’antro gastrico, del
piloro e del duodeno prossimale riducendo il volume dello stomaco
del 30-50%, ed eseguire contemporaneamente la vagotomia.
Ciò evita i disturbi connessi con le resezioni maggiori dello stomaco
e riduce l’incidenza delle recidive ulcerose.
L’intervento combinato presenta una percentuale di recidive
dell’1-2%.
Il ripristino della continuità del canale alimentare avviene
solitamente tramite gastroduodenostomia (intervento secondo
Billroth I), o gastrodigiunostomia (intervento secondo Billroth II).
Antrectomia con vagotomia

Duodenogastroresezione
Consiste nella resezione di circa i 2/3 distali dello stomaco e della
porzione prossimale del duodeno, seguita da una ricostruzione tipo
Billroth II o da gastrodigiunoanastomosi su ansa digiunale a Y
secondo Roux.
La duodenogastroresezione offre il vantaggio di rimuovere, oltre
all’antro gastrico, anche una notevole porzione della mucosa acidosecernente.
La frequenza di ulcere recidive è dell’1-5%.
Per il trattamento del sanguinamento incontrollabile di ulcere
peptiche antrali o del bulbo duodenale si esegue d’urgenza la
duodenogastroresezione.
Duodenogastroresezione per
ulcera del bulbo doudenale
Metodi di ripristino della
continuità alimentare:
•
Billroth II
•
Roux en Y

Gastrectomia totale
Può rendersi necessaria nel caso di ulcere in regione sottocardiale,
oppure associate alla sindrome di Zollinger-Ellison refrattarie alla
terapia, o nella gastrite acuta emorragica.
L’asportazione completa dello stomaco è seguita da esofagodigiunostomia, con ansa alla Roux, per la ricostruzione della
continuità del tubo digerente.
Gastrectomia totale e ricostruzione
con ansa digiunale ad Y alla Roux
COMPLICANZE DELL’ULCERA
PEPTICA

Qual è il batterio che è presente spesso in una gastrite
ed in un’ulcera gastroduodenale?

Qual è il sintomo principale dell’ulcera peptica?
Quali sono le principali complicanze dell’ulcera
peptica?


Quali i sintomi principali?

Quali sono le terapie mediche per tali complicanze?

E quelle chirurgiche?
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard