Adriano Pessina, “Bioetica

annuncio pubblicitario
Adriano Pessina, “Bioetica. L’uomo sperimentale”, Bruno Mondatori, 2000, pag. 40 e ss., ridotto
L’esigenza originaria, quella di valutare in termini di bene e di male morali l’azione dell’uomo
che opera nel contesto della cultura tecnologica, mette in luce come il problema autentico della
nostra epoca non riguardi le scienze ma la filosofia o, se si preferisce un termine meno specifico, la
visione del mondo e delle cose presente nelle scienze e nell’attività scientifica.
L’esigenza di pensare il processo tecnologico e quindi di appropriarsi del senso (direzione e
sviluppo) della civiltà occidentale, impone il coraggio di percorrere vie più complesse. La bioetica
deve porsi come coscienza critica della civiltà tecnologica. Dove il termine “coscienza critica”
indica il livello di chiarificazione e di valutazione morale dello specifico contenuto pratico e teorico
introdotto dalle tecnoscienze. Da questo punto di vista, la bioetica si configura come un’attività
filosofica, da chiunque venga di fatto svolta, perché le domande che investono le tecnoscienze sono
di natura filosofica e riguardano il significato della costruzione dell’identità umana all’interno
dell’azione tecnologica.
La questione bioetica interessa tutto l’uomo e tutti gli uomini. A questa impresa “critica” è bene
collaborino tutti coloro che, da prospettive differenti e con bagagli culturali diversificati, sono
interessati a comprendere la condizione storica dell’uomo contemporaneo e formulare giudizi di
valore. L’interdisciplinarietà della bioetica non deriva soltanto dal fatto che ciò di cui si sta
discutendo è un complesso insieme teorico-pratico, ma per il motivo che la verità si acquisisce
dialetticamente, nel confronto tra tesi opposte.
La bioetica perde la sua specificità se non prende in esame la condizione storica entro cui è
affrontata oggi la questione della vita: il binomio vita-etica è posto dentro il filtro con cui le scienze
sperimentali pensano e governano i fenomeni della vita. Pensare di discutere della vita senza
comprendere come essa venga conosciuta e presentata grazie alla mediazione delle tecnoscienze
significa trascurare che persino il nostro linguaggio ordinario è permeato dai concetti che esse ci
hanno reso familiari: significa, soprattutto, non avere il senso della storicità e, quindi, non aprire un
autentico confronto con l’essenza del progetto tecnologico.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard