la prevenzione della pubalgia

annuncio pubblicitario
LA PREVENZIONE DELLA PUBALGIA
Prof. Roberto Sassi
Molte sono le indagini presenti nella letteratura scientifica internazionale che analizzano le cause
della pubalgia, cause che secondo alcuni Autori (Jarvinen e coll. 1997; Gal 2000) possono essere
svariate decine. Negli ultimi anni, per cercare di intervenire su alcune di esse, abbiamo cercato di
modificare in modo sostanziale la pianificazione e l’utilizzo di alcuni mezzi di allenamento nelle
squadre professionistiche da noi allenate. Cambiando una parte del metodo di lavoro, abbiamo
riscontrato una riduzione dei problemi alla regione pubica, sino ad osservarne pochi casi e senza
gravi conseguenze negli ultimi anni. Per arrivare a questo risultati, abbiamo posto grande attenzione
alle ricerche presentate in letteratura non solo sulla problematica specifica delle pubalgie, ma più in
generale sull’evoluzione delle metodologie specifiche di allenamento del calciatore. Ci siamo posti
così l’obiettivo di migliorare il collegamento tra gli esercizi di allenamento specifici per il gioco del
calcio ed alcune metodiche di carattere generale importanti in ambito preventivo, nel quadro di una
generale ottimizzazione della programmazione e dell’esecuzione dei diversi mezzi di allenamento.
In questo contributo si vuole presentare l’esperienza così maturata sul campo riguardo la
prevenzione della pubalgia, che viene da noi attuata sulla base degli interventi di seguito elencati.
a) Un riscaldamento con esercizi prevalentemente basati sullo stretching dinamico in
sostituzione quasi totale degli esercizi di stretching statico (Szymanski, 2001). A nostro
avviso le tradizionali procedure di riscaldamento erano parzialmente inadeguate nell’ottica
della prevenzione delle problematiche muscolari, tendinee ed articolari, e di conseguenza
della prevenzione dei problemi del pube (Shrier, 2004).
Riteniamo che si debbano svolgere alcuni esercizi dinamici che interessano
soprattutto l’articolazione coxo-femorale, riservando maggior attenzione
ai “particolari”: maggiore cura, durante l’esecuzione dell’esercizio, all’ampiezza del
movimento e alla dinamicità; il principio da seguire è quello secondo cui i movimenti
devono simulare con la massima ampiezza di escursione articolare il gesto tecnico che
successivamente verrà
effettuato durante il gioco.
b) Un lavoro di tonificazione muscolare prevalentemente a catena cinetica chiusa (ma non solo
in questa modalità), con esercizi che rispettino i parametri cinematici della gestualità
specifica del calciatore. Per tale ragione abbiamo sostituito la quasi totalità del
potenziamento usualmente effettuato utilizzando macchine isotoniche con esercizi svolti con
attrezzi che rendono possibile lavorare sui gesti simili a quelli che effettua il calciatore sul
campo, attivando in modo continuo regimi di contrazione concentrico-eccentrico ad elevata
velocità di esecuzione (Askling et al., 2003; Alkner & Tesch, 2004). Per indirizzarci meglio
alla specificità degli esercizi ci siamo avvalsi di test di tensiometria (Tous, 2006) attraverso i
quali è possibile valutare con maggior attendibilità i muscoli che necessitano di un
rafforzamento specifico.
c) Una quantificazione più accurata del numero di tiri in porta effettuati in allenamento: il tiro
in porta che è universalmente riconosciuto come il gesto più traumatico per il calciatore.
Pensiamo che non sia necessario effettuare molte esecuzioni alla massima intensità, ma si
debba dare molta più importanza alla precisione del tiro. Inoltre, la preparazione dell’azione
di tiro dovrebbe rispettare maggiormente il tipo di movimenti che si svolgono generalmente
durante la partita. Abbiamo ottenuto buone impressioni facendo precedere a questo tipo di
allenamento un lavoro di forza reattiva.
d) Un programma graduale di esercizi basati sui cambi di direzione. Il gioco del calcio è
caratterizzato prevalentemente da corse con cambi di direzione (mediamente uno ogni 4-6
secondi) effettuati a diverse velocità, con fasi di lavoro marcate di tipo concentrico (in
accelerazione) ed eccentrico (specie in frenata) (Ellis et al., 2000). Quest’ultima fase, che
implica anche molti spostamenti laterali, è stata a nostro avviso sino ad oggi troppo
trascurata durante gli allenamenti, soprattutto nel periodo invernale della stagione: in
inverno richiederebbe maggiori attenzioni, in quanto le mutevoli superfici del terreno creano
più facilmente problematiche agli adduttori.
e) Un lavoro specifico di potenziamento individuale ed esercizi collettivi basati sulla “core
stability”, che sembra dare maggiori vantaggi rispetto ai classici esercizi addominali (pur
riconoscendo che quest’ultimi vengono effettuati ultimamente in maniera molto più corretta,
senza creare eccessivi traumi alla colonna e tensioni inadeguate nella zona pubica).
f) L’utilizzo di una concatenazione di esercizi specifici, della durata di circa 10 minuti: una
serie di “micromovimenti” della zona coxo-femorale che vengono effettuati prima o dopo
allenamenti o partite, soprattutto quando i giocatori manifestano tensioni o affaticamento
muscolari.
g) Una modulazione dei diversi carichi di allenamento, tale da consentire all’organismo la
possibilità di beneficiare di una supercompensazione corretta, evitando così quei
sovraccarichi funzionali che potrebbero col tempo danneggiare le strutture più deboli
dell’apparato locomotore dell’atleta (Foster & Lehmann, 1997; Smith, 2003; Sassi A. 2005).
La cura dei “dettagli” e la perseveranza nello svolgere il lavoro sopra descritto costituiscono il
fulcro della nostra strategia di prevenzione delle problematiche legate alla pubalgia.
Bibliografia
 Gal C. (2000). La pubalgia. Prevenzione e trattamento. Società Stampa
Sportiva, Roma.
 Jarvinen M., Orava S., Kuyala M. (1997). Groin pain (adductor
syndrome). Operative techniques in sport medicine, 5(3): 133-137.
 Shrier I. (2004). Does stretching improve performance? A systematic and
critical review of the literature. Clin. J. Sport Med., 14(5): 267-273.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard