- fabriziocarmignani

annuncio pubblicitario
ALZHEIMER contagioso
come il morbo della mucca pazza
Alcuni casi sporadici potrebbero essere legati a un'infezione
Alzheimer contagioso come il morbo della mucca pazza? I risultati di uno studio pubblicato
oggi online su Molecular Psychiatry aprono la strada alla possibilità che alcune forme
sporadiche della malattia possano avere un’origine simile a quella dell’encefalopatia
spongiforme bovina, o della malattia di Creutzfeldt-Jakob. Nel mirino degli scienziati
americani c’è infatti un “processo infettivo”, simile a quello che agisce nelle malattie da
prioni.
I ricercatori dell’University of Texas Health Science Center di Houston, diretti da Claudio
Soto, hanno iniettato tessuti di cervello umano malato nei topi, scoprendo che in questo
modo gli animali sviluppano la demenza. «I nostri risultati aprono alla possibilità che
alcune forme sporadiche di Alzheimer possano originarsi da un processo infettivo - dice
Soto - che si verifica in altre malattie neurologiche, come la mucca pazza».
Il meccanismo in azione dietro questa forma di demenza, dunque, sarebbe molto simile a
quello delle malattie da prioni: una proteina normale si altera ed è capace di diffondersi,
trasformando proteine sane in malate. «Le proteine “cattive” si accumulano nel cervello,
formando depositi di placche che si ritiene uccidano le cellule dei neuroni nell’Alzheimer».
Dei circa 5,4 milioni di casi di Alzheimer in Usa, il 90% è di tipo sporadico. E sarebbero
proprio questi i casi nel mirino dei ricercatori. Lo studio mostra, infatti, una diffusione
infettiva dell’Alzheimer in modelli animali che di solito non sviluppano questa forma di
demenza.
I ricercatori hanno iniettato tessuto cerebrale di un paziente con Alzheimer in alcuni topi,
confrontando i risultati con quelli di altri animali in cui era stato iniettato tessuto prelevato
da un soggetto sano. Ebbene, nessuna cavia del gruppo di controllo ha mostrato segni
della malattia, mentre praticamente tutti gli altri hanno sviluppato placche e altre
alterazioni tipiche dell’Alzheimer.
«Abbiamo preso un modello di topo che non sviluppa spontaneamente alcun danno
cerebrale, iniettando poi una piccola quantità di tessuto cerebrale umano affetto da
Alzheimer direttamente nel cervello degli animali - spiega Soto - Così abbiamo visto che il
topo si è ammalato e che l’Alzheimer si è diffuso ad altre parti del cervello. Attualmente
stiamo lavorando per capire se la trasmissione della malattia può verificarsi anche nella
vita reale, attraverso vie di esposizione più “naturali”».
OTTOBRE 2011
Scarica
Random flashcards
Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard