Comunicato Stampa - Accademia Nazionale dei Lincei

annuncio pubblicitario
ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI
COMUNICATO STAMPA
Giornata Lincea Golgi
Problemi attuali e prospettive future
nello studio delle malattie neurodegenerative
Verso un vaccino per l’Alzheimer?
L’Accademia Nazionale dei Lincei organizza, per il pomeriggio di lunedì 23 maggio – dalle ore
14.30 -, la Giornata Lincea Golgi che quest’anno avrà come tema generale le malattie
neurodegenerative, quali il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, la corea di Hungtinton, la
sclerosi amiotrofica laterale e le malattie da prioni (la cosiddetta malattia della mucca pazza),
problemi di grande attualità e rilevanza per il loro impatto sociale ed emotivo.
Complessivamente si stima che sia oggi affetto da demenza circa il 5% della popolazione oltre i
65 anni, e addirittura il 30% degli over 85. Quasi metà delle demenze sono dovute alla malattia di
Alzheimer, con una preponderanza di donne. In Italia, circa 700mila persone sono colpite da
varie forme di demenza e circa 400mila sono malate di Alzheimer. Per quanto riguarda il
Parkinson, si stimano circa 100.000 persone affette in Italia, con lieve preponderanza di
uomini.
Vi sono diverse e articolate cause, di natura genetica e ambientale, all’origine di queste malattie
e, negli ultimi due decenni, la ricerca ha identificato una serie di fattori e meccanismi prima
insospettati. Insieme alle cause e alle predisposizioni genetiche si è visto che l’aggravamento di
queste malattie è dovuto spesso a processi infiammatori, che inizialmente si manifestano come
reazioni difensive nei riguardi delle degenerazioni cellulari ma che possono col tempo diventare
dannose.
L’allungamento della vita e le abitudini acquisite con il progresso economico-industriale,
probabilmente facilitano le trasformazioni in senso patogenetico di proteine essenziali per il
metabolismo dei neuroni. Così come aumenta il rischio che vadano fuori controllo i meccanismi
infiammatori e immunitari che si innescano contro le intossicazioni proteiche.
Le strategie terapeutiche che si stanno sperimentando cercano di contrastare l’infiammazione, ma
anche di stimolare risposte immunitarie che portino all’eliminazione delle proteine tossiche. E' già
stato sperimentato un vaccino contro l’amiloide beta, la proteina di cui sono fatte le placche
nei cervelli colpiti da Alzheimer. Ma i risultati sono stati solo parzialmente positivi.
Roma, 20 maggio 2005
Antonella Rotolo
Ufficio Stampa: tel. 06 68027216 - 3355248101
L’incontro è aperto al pubblico
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard