idealismo - Liceo Classico Dettori

annuncio pubblicitario
L'IDEALISMO
La filosofia antica e quella medioevale affermano che la realtà è conoscibile dal pensiero dell'uomo; ma affermano
anche che la realtà è esterna al pensiero e indipendente da esso.
La filosofia moderna, fino a Kant compreso, continua a tener fermo il principio che la realtà vera e propria esiste
esternamente e indipendentemente dal pensiero, ma a cominciare da Cartesio mette in rilievo che il contenuto del
pensiero, ossia tutto ciò che il pensiero pensa - e quindi l'intera realtà che ci sta dinanzi, che sperimentiamo e in cui
viviamo - è una rappresentazione umana (il "fenomeno" di Kant). Il contenuto del pensiero, pertanto, non è la realtà
vera e propria che esiste esternamente e indipendentemente dal pensiero (la realtà cioè che corrisponde alla "cosa
in sé" di Kant). La "cosa in sé", ossia ciò che esiste esternamente e indipendentemente dalla conoscenza umana, è
destinata a restare inconoscibile, perché qualsiasi presunta conoscenza di essa non potrebbe portarsi al di fuori del
conoscere e cogliere la cosa come è in sé stessa. Il mondo che sperimentiamo è rappresentazione ( e non "cosa in
sé"); il contenuto della conoscenza umana può essere soltanto "fenomeno", realtà che appare a noi.
Da tutto questo appare con chiarezza che l'affermazione kantiana della inconoscibilità delle cose in sé ha senso
soltanto in relazione al riconoscimento dell'esistenza delle cose in sé. Anche il fenomenismo kantiano è dunque un
realismo - ossia è affermazione che la res, la cosa, è indipendente e esterna rispetto al conoscere.
L'idealismo è l'oltrepassamento del realismo - di un atteggiamento cioè che non solo è presente sin dall'inizio nello
sviluppo della filosofia, ma è rintracciabile anche nella più lontana esistenza prefilosofica dell'uomo e in tutte le
forme di civiltà.
Si tratta di comprendere - in questo consiste l'essenza dell'idealismo - che il concetto di "cosa in sé" è
contraddittorio. La "cosa in sé" è infatti la cosa come essa è al di fuori e indipendentemente dal suo essere
conosciuta: è la cosa, chiusa in sé e chiusa al conoscere. Ma nel concetto di "cosa in sé", la cosa in sé è, appunto,
concepita, cioè conosciuta, e, in quanto concepita e conosciuta, essa non è chiusa in sé e chiusa al conoscere, ma
aperta al conoscere. Proprio perché è concepita, la "cosa in sé" non può essere in sé.
Comprendere che il concetto di cosa in sé è contraddittorio significa comprendere che al di la' del pensiero non può
esistere alcuna cosa in sé esterna e indipendente da esso. Proprio perché la cosa in sé è "pensata", essa non può
essere "in sé", né qualcosa di assolutamente inconoscibile. Il tentativo di stabilire dei limiti al conoscere, quindi, non
può che fallire, perché tali limiti possono essere posti solo in quanto, in qualche modo, si conosce ciò che sta al di la'
di essi, e cioè solo in quanto essi sono oltrepassati.
Mediante la negazione della cosa in sé, l'idealismo giunge ad affermare di nuovo che il contenuto del pensiero è
l'essere - e non l'immagine soggettiva, fenomenica dell'essere. Se per il criticismo kantiano l'essenza dell'essere è
di rimanere nascosta all'uomo (la cosa in sé è inconoscibile), per l'idealismo, all'opposto, l'essenza dell'essere è di
rivelarsi nella coscienza umana. Se (e poiché) al di la' di ciò che appare nel pensiero non c'è nulla - perchè se si
volesse dire che c'è qualcosa (ad esempio Dio, la natura, la cosa in sé) questo qualcosa sarebbe pur sempre un che di
pensato e dunque non starebbe al di la' del pensiero - allora ciò che appare nel pensiero è la vera realtà, il vero
essere. Rendendosi conto che al di la' del pensiero non c'è nulla, l'idealismo mette insieme in rilievo che nessuna
realtà può essere esterna, indipendente e indifferente rispetto al pensiero.
L'idealismo opera pertanto una sorta di ritorno all'antica maniera di intendere il rapporto tra l'essere e il pensiero,
ritorno che pero' è anche l'estremo allontanamento da esso. Nell'idealismo, infatti, l'identità di essere e pensiero
non è immediata, come nell'antico realismo, ma è mediata dalla negazione assoluta di ogni realtà trascendente il
pensiero, e quindi dalla negazione assoluta che la realtà pensata sia soltanto un'immagine soggettiva e fenomenica
della realtà in sé stessa.
Mostrando l'assurdità dell'affermazione di una realtà esterna e indifferente al pensiero, l'idealismo non "si chiude"
nel pensiero: è solo nella parte che ci si può "chiudere"; ma se ogni "al di la' del pensiero" è un concetto assurdo,
allora il pensiero non è una parte ma è il Tutto; e stare nel pensiero non è "chiudersi" in qualcosa, ma aprirsi al Tutto
che non ha nulla fuori di sé. E dire che il pensiero è il Tutto, significa dire che il Tutto è l'Essere che viene pensato
dal pensiero. Con l'idealismo la metafisica si ripropone come "scienza" il cui contenuto è il Tutto. La negazione
kantiana della metafisica come "scienza" deriva infatti dall'affermazione della inconoscibilità della "cosa in sé", e
questa affermazione è a sua volta fondata sul presupposto dell'esistenza della cosa in sé. L'eliminazione idealistica
di tale presupposto implica pertanto inevitabilmente il ritorno della metafisica come "scienza", che non si limita alla
considerazione di questa o quella parte della realtà, ma si solleva, come la filosofia greca, alla comprensione del
Tutto.
1
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard