La sfida della società di immigrazione in Germania e in Italia

annuncio pubblicitario
La sfida della società di immigrazione in Germania e in Italia
Dr. Roberto Sala, Max Weber Center for Advanced Cultural and Social Studies,
University of Erfurt
La Germania e l’Italia condividono oggigiorno il destino comune di molti stati industrializzati: una
parte significativa della loro popolazione è originaria di altri paesi. Si tratta quindi, senza ombra di
dubbio, di società di immigrazione. È però possibile mettere a confronto la condizione dei e
delle migranti in Germania e in Italia? I due paesi sono all’altezza delle sfide lanciate dalle
migrazioni moderne? A prima vista la risposta appare semplice: mentre la Germania ha fatto parte
importante dei suoi compiti, sembra che l’Italia si trovi invece in una condizione estremamente
problematica. Prendiamo in considerazione due aspetti concreti: il dibattito politico relativo alla
migrazione così come quello sullo stato della cornice giuridica che regola i flussi migratori.
Il primo esempio concerne la strumentalizzazione della xenofobia nella discussione politica.
Nella primavera del 2011 si sono svolte a Milano le consultazioni amministrative per l’elezione del
sindaco. Il Popolo della Libertà e la Lega Nord – cioè i partiti del polo di destra – hanno enfatizzato
particolarmente un messaggio: in caso di vittoria della sinistra la città sarebbe finita in mano agli
stranieri. Nel retroscena si agitavano da un lato i progetti per la costruzione di una moschea,
dall’altro i rapporti con gli insediamenti della popolazione rom. L’ex presidente del consiglio
Berlusconi aveva messo in guardia la popolazione da una trasformazione di Milano in una „città
islamica“ o meglio in una “zingaropoli”. Il calcolo è risultato sbagliato poiché è stato il candidato
del centro-sinistra a vincere le elezioni municipali. Era tuttavia risultato evidente che due grandi
partiti popolari erano disposti a utilizzare, per fini politici, argomenti xenofobi senza alcun filtro. È
fuori discussione che il tema della migrazione venga strumentalizzato anche in Germania
nell’ambito delle competizioni elettorali, anche e in particolar modo nelle elezioni municipali.
Eppure sarebbe possibile immaginarsi la cancelliera federale Merkel che soffia sul fuoco per
impedire la costruzione di una moschea a Colonia? No. Un apparato ideologico di stampo populista
di tale natura è impensabile nei grandi partiti popolari tedeschi.
Il secondo esempio concerne la condizione giuridica dei migranti. Al centro del dibattito politico
sull‘immigrazione in Italia si collocano i cosiddetti “clandestini”. Si tratta di persone che vivono in
Italia senza un permesso di soggiorno valido. I “clandestini” sono – secondo l’opinione comune –
responsabili di innumerevoli crimini e rappresentano una gravissima minaccia per la sicurezza degli
italiani. L’irregolarità del permesso di soggiorno viene ridotta al comportamento personale dei
1 migranti secondo l’adagio “infrangono la legge, quindi sono criminali”. In verità però é l’intero
sistema italiano di immigrazione a poggiare sull’irregolarità, tanto da poter quasi affermare che il
percorso istituzionale per immigrare in Italia è rappresentato dall’illegalità. Da un lato delle leggi
severe rendono impossibile fin dall’inizio ottenere un permesso di soggiorno valido. Dall’altro lato
lo stato tollera in maniera sistematica – nonostante le campagne politiche di odio – la presenza
massiccia dei „clandestini“, disattendendo così le proprie leggi. Con regolarità vengono varati
provvedimenti di legalizzazione, nel cui quadro centinaia di migliaia di stranieri ottengono l’ambito
permesso di soggiorno. La questione degli immigrati illegali è presente anche in Germania,
possiede tuttavia dimensioni chiaramente più ridotte in considerazione del fatto che la legislazione
definisce chiare regole per immigrare. In aggiunta all’incerta condizione giuridica dei migranti in
Italia, alcune organizzazioni internazionali hanno inoltre criticato le autorità italiane per infrazioni
sistematiche dei diritti umani nei rapporti con i richiedenti asilo.
Come si spiega la differenza qui evidenziata fra la situazione dei migranti in Germania e in Italia?
In primo luogo si potrebbe pensare al fattore tempo. L’Italia è diventata un paese di immigrazione
solo dagli anni Novanta del secolo scorso, mentre l’afflusso di immigrati nella Repubblica Federale
si sviluppa ormai su un arco di oltre mezzo secolo. La Germania, in altre parole, ha avuto più tempo
per affrontare le conseguenze della migrazione. Ciò spiega, a mio avviso, alcune delle differenze fra
i due paesi: ad esempio la presenza crescente nella politica tedesca, per quanto ancora molto
limitata, di persone con retroterra migratorio e invece la sua assenza nella politica italiana. Tuttavia,
a mio parere, molto è riconducibile non allo sviluppo temporale, bensì alla cultura politica. Sono i
deficit della democrazia italiana ad essere responsabili delle succitate disfunzioni.
Questo è un lato della medaglia. Eppure nonostante queste palesi divergenze la Germania e
l’Italia condividono numerosi problemi in ugual misura: in entrambi i paesi i migranti occupano i
gradini più bassi della scala sociale, soprattutto nell’ambito dell’istruzione e sul mercato del lavoro.
Con ciò questa condizione precaria non viene sufficientemente combattuta per mezzo di efficienti
misure di politica sociale, ma risulta addirittura aggravata a causa di una generale stigmatizzazione
dell’immigrazione. Le difficoltà socio-economiche vengono mascherate attraverso l’impiego di
modelli interpretativi che vedono in una „cultura“ diversa il problema principale dei migranti. Ciò
vale sì per l’Italia, ma appunto anche per la Germania. Per quanto i partiti popolari e i media
tedeschi respingano aperte posizioni xenofobe, ricorrono spesso ad argomenti che a livello
subliminale richiamano la xenofobia e il nazionalismo. Prendiamo alcuni esempi. Per la parola
italiana “immigrazione” ci sono oggigiorno in tedesco due varianti: “Einwanderung” e
“Zuwanderung”. Il motivo è semplice. Fino agli avanzati anni Novanta del secolo scorso il grido di
2 battaglia della politica tedesca suonava: la Germania non è una terra di immigrazione. Questa
formula speciosa è stata messa da parte negli ultimi anni. Il concetto di “Einwanderung” tuttavia
continua a essere evitato dalla maggior parte dei politici, preferendo di regola il termine
“Zuwanderung”. Questa nozione suggerisce come il risultato della migrazione possa rappresentare
un soggiorno solo provvisorio: a suo modo viene riprodotta la prospettiva derivante dall’era dei
“Gastarbeiter”, i lavoratori ospiti. Ciò vale anche per il fatto che le riflessioni relative
all’accoglienza di nuovi migranti si basano quasi esclusivamente su argomenti economici. Relazioni
di carattere sociale più ampie restano relegate in secondo piano. Oltre a ciò la politica di
integrazione degli ultimi anni, che dell’inserimento dei migranti dovrebbe fare una questione
prioritaria, non appare priva di aspetti problematici. Lo scopo dell’integrazione continua a essere
posto in stretta relazione soprattutto con presunte differenze culturali, cioè a dire la carente
integrazione viene considerata come conseguenza del comportamento individuale degli immigranti.
I problemi strutturali della società tedesca invece restano in ombra, come è il caso del sistema
scolastico, estremamente selettivo e discriminatorio, che di rado è in grado di offrire a persone
provenienti da ceti poco acculturati delle effettive uguali opportunità.
I problemi comuni della Germania e dell’Italia nei confronti della migrazione possono essere
messi in relazione con un aspetto particolare. Penso qui all’eclatante discrepanza esistente fra la
percezione pubblica dei migranti e la loro realtà sociale. Negli ultimi anni i migranti sono diventati
la superficie su cui vanno a rispecchiarsi quei conflitti internazionali scatenatisi in seguito ai fatti
dell’11 settembre del 2001. L’appartenenza all’Islam è stata stilizzata in breve tempo come presunto
ostacolo principale all’integrazione. Gli immigranti di religione musulmana sono diventati così
capri espiatori di scontri geopolitici che niente hanno a che fare con la loro vita quotidiana. Questa
stigmatizzazione sistematica della religione alimenta le paure xenofobe della popolazione ed è
molto più dannosa per l’integrazione delle presunte differenze fra Islam e Cristianesimo. In effetti
oggigiorno un musulmano in Germania e Italia è messo nella condizione di doversi confrontare
giorno dopo giorno con l’accusa di essere un potenziale nemico del sistema – ciò non è proprio di
aiuto nella ricerca, da parte dei giovani, di un lavoro e di un appartamento, così come nella ricerca
di una propria identità
Le tesi di Thilo Sarrazin sono state commentate da più parti con la
considerazione che egli avrebbe avuto il coraggio di dire quello che altri pensano – e temo che ciò
sia vero. Se la società tedesca approva però idee venate di nazionalismo e di razzismo, quasi di
impronta eugenetica, come sono state sostenute da Sarrazin stesso, allora risultano in pericolo i
principi democratici della Repubblica Federale. In questo senso l’uccisione di stranieri per mano di
terroristi dell’estrema destra ne rappresenta una triste prova.
3 Osservando più da vicino la stigmatizzazione dell’Islam si può notare come la discrepanza fra
stereotipi e realtà riguardi anche i “pregiudizi positivi”, che in linea di principio non sono meno
problematici di quelli negativi. Ciò risulta chiaro proprio per quanto concerne la presenza degli
italiani in Germania, che rappresentano il secondo gruppo più numeroso nel contesto della
popolazione straniera residente nella Repubblica Federale. Negli anni Sessanta dello scorso secolo i
migranti italiani avevano la fama di pericolosi “Gastarbeiter”. Oggi passano tuttavia per
perfettamente integrati, persino come rappresentanti di uno stile di vita invidiabile. Molti tedeschi si
immaginano che un gran numero di “Gastarbeiter” italiani abbia migliorato le proprie condizioni di
vita passando alla gastronomia. Il salto di carriera da operaio alla catena di montaggio a proprietario
di ristorante rappresenta nell’immaginario collettivo un esempio paradigmatico di integrazione
riuscita. La nicchia ben visibile dei gastronomi italiani consiste tuttavia raramente di ex migranti del
lavoro; la maggior parte dei proprietari di ristoranti si sono trasferiti in Germania infatti come
piccoli imprenditori.
I veri “Gastarbeiter” italiani, così come la seconda e la terza generazione, sono riusciti di rado
nell’ascesa sociale e soffrono spesso di gravi problemi. Gli esperti della materia ad esempio sanno
che i bambini di origine italiana raggiungono risultati molto negativi nel sistema scolastico. Il
„pregiudizio positivo“ dell’integrazione riuscita conduce poi all’assunto che le difficoltà degli
italiani non rappresentino affatto una questione politica; di conseguenza queste difficoltà non
vengono affrontate con misure complessive di politica sociale. Alcuni anni fa la stampa tedesca si
era ricordata per un breve lasso di tempo dei problemi sociali delle persone di origine italiana: nel
2007, allorché la mafia calabrese provocò il bagno di sangue di Duisburg. Il settimanale “Der
Spiegel” pubblicò un lungo articolo nel quale si sosteneva che i migranti italiani rappresentassero
un fertile terreno di coltura per la mafia in Germania; ciò sarebbe stato da mettere in relazione col
fatto che i figli dei “Gastarbeiter” italiani fossero integrati e continuassero a incarnare una cultura
arcaica e di clan. Da una prospettiva scientifica, la tesi che la popolazione di origine italiana
rappresenti un trampolino di lancio per la mafia nella Repubblica Federale appare insostenibile. La
mafia prospera particolarmente bene nei nuovi Länder federali della Germania orientale, che non
sono stati la meta della migrazione italiana di massa. Grazie all’impressione lasciata dagli echi
mediatici degli omicidi di Duisburg l’argomento propagato dallo “Spiegel” ha riscontrato largo
interesse. “Der Spiegel”, così come la vasta opinione pubblica tedesca, hanno però poi rapidamente
dimenticato in toto le difficoltà di carattere sociale dei migranti italiani. La menzogna
dell’integrazione perfettamente riuscita degli italiani può quindi continuare a vivere indisturbata.
Detto ciò, giungo alla conclusione. La sfida forse più difficile della società di immigrazione – in
Germania come in Italia – consiste nel distaccarsi da modelli interpretativi polarizzanti. Infatti la
4 maggior parte di quello che viene detto della migrazione alimenta le paure e la ricerca di identità di
quei settori della popolazione senza un’esperienza migratoria alle spalle. Le persone si percepiscono
come “indigene” trovano in ciò la conferma di essere parte della società. Quello che invece viene
messo in pericolo è la coesione della società vera e propria intesa totale nel suo complesso. Forse i
tempi sono maturi affinché la Germania e l’Italia comincino a utilizzare l’appartenenza nazionale
non più come criterio primario e determinante per definire un individuo.
5 
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard