la “religione atea” di schopenhauer

annuncio pubblicitario
LA “RELIGIONE ATEA” DI SCHOPENHAUER
Ho letto “il dubbio” mentre leggevo un libro su Schopenhauer (letture a cui ammetto di essere
poco avvezzo), e piuttosto che inerpicarmi su un pendio per me assai insidioso, mi limiterò alla
trascrizione frammentaria di alcuni passi che ho trovato interessanti per la discussione.
- Schopenhauer sviluppa una radicale e violenta ostilità verso la filosofia idealista e le sue
componenti progressive, per le quali la “missione dell’uomo” consisteva in un
autoperfezionamento, in una lotta per la propria libertà e che ha come scopo finale la conquista
della libertà universale.
- Questa “volontà etica” è base per il perfezionamento dell’umanità, e per raggiungere
un’immortalità che va ben oltre i limiti dell’esistenza empirica.
- S. è invece orientato a vedere l’esistenza umana come negativa, poiché in ogni impresa umana
vi è solo vanità e quindi risulta impossibile qualsiasi miglioramento o mutamento. Questo lo
porterà a un fondamentale distacco e rifiuto della realtà poiché solo nel proprio “intimo” si può
cercare una liberazione da una realtà opprimente e dolorosa.
- S. sviluppa un messaggio di natura etico-religiosa, una sorta di “religione atea” che
riconosceva il “nulla” di ogni esistenza individuale, assai più vicina ai testi sacri orientali che
alle norme etico-cristiane.
“… non l’individuo, ma la specie sola importa alla natura, la quale per la conservazione della
specie si affatica con ogni sforzo, … invece l’individuo non ha per lei valore alcuno, … ella è
ognor pronta a lasciar cadere l’individuo, il quale non solo in mille modi, per i più piccoli
accidenti, è esposto alla rovina, ma alla rovina è fin da principio destinato e dalla natura stessa
condotto, a partir dall’istante, in cui esso è servito alla conservazione della specie.
… può l’uomo, che abbia afferrato questa concezione, … consolarsi a giusta ragione della
morte sua e degli amici suoi, contemplando l’immortal vita della natura, la quale è lui
stesso”.
- Per S. bisognava affrancarsi dall’”inutile lotta quotidiana” e invitava alla rassegnazione e alla
riconosciuta “immutabilità delle cose umane” e all’aspirazione alla “pura” coscienza morale, ma
tutta risolta nell’individuo.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard