caricato da Utente5284

PowerPoint Atene

annuncio pubblicitario
Sparta e Atene
(II parte)
Atene: la città dell’olivo
Dopo l’invasione dei Dori, Atene rimase a lungo una roccaforte micenea
Atene sorgeva a 4 chilometri
dalla costa
Il suo entroterra era fertile e
ricco di miniere d’argento e
cave di pietra
Aveva 3 porti: in origine il più
importante era il Falero
Sviluppo delle attività
commerciali
L’abitudine ai contatti esteri rese
Atene la città più internazionale
e colta della Grecia
L’Atene aristocratica
All’inizio dell’età arcaica (VIII-VII sec.) il potere era in mano agli
aristocratici
Ogni anno l’ecclesía (l’assemblea cittadina)
eleggeva 9 arconti di stirpe aristocratica
Leggi
Religione
L’ecclesía aveva
potere elettivo ma
non decisionale
Esercito
Al termine del mandato, gli arconti entravano
nell’Areopago, che ha compiti amministrativi e giudiziari.
Scena di vita aristocratica (VI sec. a.C.)
La riforma draconiana
A partire dal VII sec. molte città greche si dotarono
di leggi scritte vincolanti per tutti i cittadini
La prima legislazione ateniese risale a
Dracone (620-621 a.C.)
Omicidio
involontario
Legge
sull’omicidio
La riforma di
Dracone introduce
il principio della
responsabilità
personale
Omicidio
volontario
La riforma di Solone
Per risolvere i contrasti socio-economici interni alla città, nel 594 a.C.
Solone fu nominato arbitro e legislatore
Cancellazione
dei debiti
Suddivisione della
popolazione in
quattro classi sulla
base del censo
Abolizione della
schiavitù per debiti
Riforma
timocratica
M. Blondel, Solone (1823)
La riforma privilegiava i grandi proprietari perché la
suddivisione teneva conto solo del reddito agricolo
Le quattro classi di censo
La rendita agricola alla base del censo era calcolata in medimni
I classe
II classe
Petancosiomedimni
Cavalieri
Grandi proprietari con una
produzione cerealicola di
almeno 500 medimni
Proprietari in grado di permettersi un
cavallo da guerra
1 Medimno = 52,5 l
III classe
IV classe
Zeugiti
Piccoli proprietari in possesso di
almeno una coppia di buoi
Teti
Poveri e nullatenenti
I caratteri della riforma di Solone
Con la riforma di Solone i diritti politici dipendevano dal patrimonio, non
dal sangue
Pentacosiomedimni
Cavalieri
Collegio dei 9 arconti
Funzioni esecutive e militari
Ekklesiasterion, Paestum (V sec. a.C.)
Areopago
Consiglio degli anziani
Tutti i cittadini potevano prendere parte all’ecclesía, l’assemblea
popolare, che viene rafforzata e assume il compito di approvare le leggi,
e all’eliéa, il tribunale popolare
La tirannide di Pisistrato
Le riforme di Solone scontentarono sia i nobili sia il popolo: se ne
avvantaggiò l’aristocratico Pisistrato, che nel 561 a.C. occupò
militarmente l’acropoli
Pisistrato fu tiranno di Atene fino al 528 a.C.
Politica di prestigio
culturale e politico
Consenso dei ceti
popolari
Gli succedettero i figli Ippia e Ipparco, che si
alienarono il consenso con il loro dispotismo
Armodio e Aristogitone nell’atto
di assassinare Ipparco
La riforma di Clistene
Nel 508 a.C. Clistene introdusse la prima costituzione democratica della
storia
La prima tappa fu una nuova
suddivisione del territorio cittadino
L’Attica fu divisa in pianura,
montagna, costa
La popolazione fu suddivisa in dieci
tribù
Ogni tribù era composta da cittadini
provenienti da ognuna delle tre zone
Ciascuna tribù
rispecchiava tutte le
componenti della
società ateniese
Gli arconti e la boulé
Clistene modificò radicalmente l’organizzazione politica ateniese
Le operazioni militari e la difesa erano affidate a dieci strateghi
Il potere esecutivo spettava a dieci arconti, uno per ogni tribù
Gli arconti erano affiancati dalla
boulé, il Consiglio dei
cinquecento, con funzioni
legislative e di governo
La boulé era composta da
cinquanta rappresentanti per
tribù scelti a sorte
Bouleterion, Priene (III sec. a.C.)
L’ecclesía: l’assemblea popolare
L’organo supremo dello Stato era l’ecclesía, l’assemblea di tutti i cittadini
Decide sulla pace e sulla
guerra (politica estera)
Elegge arconti e
strateghi
Sceglie per sorteggio i
giudici dell’eliéa
La democrazia ateniese era una
democrazia diretta: ogni
cittadino poteva proporre e votare
direttamente le leggi
A partire dal V sec. a.C. l’ecclesía si riuniva sulla
collina della Pnice
I limiti della democrazia ateniese
La costituzione di Clistene realizzò l’uguaglianza teorica di tutti i cittadini,
ma non tutti gli abitanti di Atene erano cittadini
Gli stranieri residenti erano detti meteci: non
avevano diritto di cittadinanza ma godevano di
limitati diritti politici
Gli schiavi e le donne erano
esclusi dalla cittadinanza
Nel V sec. a.C. Atene contava 250.000
abitanti, di cui solo 30.000 erano cittadini
Una donna e la sua schiava
(IV sec. a.C.)
L’ostracismo
I cittadini ritenuti pericolosi per l’assetto democratico
erano condannati all’esilio per dieci anni tramite
ostracismo
Il nome del nemico
dello Stato veniva
scritto su un
óstrakon («coccio»)
Il provvedimento doveva essere approvato da almeno
6000 cittadini
Óstrakon con il nome di Temistocle
Nato per difendere la costituzione democratica, l’ostracismo divenne uno
strumento per eliminare avversari politici e cittadini scomodi
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard