star bene a scuola - IC Don Lorenzo Milani

annuncio pubblicitario
STAR BENE A SCUOLA
Percorrendo insieme le tappe della crescita
A.S. 2012 - 2013
Sommario
PREMESSA.......................................................................................................................................................... 3
I nostri progetti….. ............................................................................................................................................. 4
“Screening DSA” ............................................................................................................................................ 4
Finalità ....................................................................................................................................................... 5
Obiettivi specifici........................................................................................................................................ 5
Destinatari ................................................................................................................................................. 6
Tabella riepilogativa “Screening DSA” ...................................................................................................... 7
“Io ti ascolto: sportello di ascolto per famiglie e ragazzi” ............................................................................. 8
Obiettivi ..................................................................................................................................................... 8
Articolazione del progetto ......................................................................................................................... 8
Tabella riepilogativa “Io ti ascolto: sportello di ascolto per famiglie e ragazzi”....................................... 8
“Sportello di Ascolto” .................................................................................................................................... 9
Obiettivi ..................................................................................................................................................... 9
Modalità di lavoro ................................................................................................................................... 10
Presentazione delle procedure di accesso agli alunni.............................................................................. 10
Operatore come tramite .......................................................................................................................... 10
Tabella riepilogativa “Sportello di Ascolto” ............................................................................................. 11
TABELLA PROGETTI .......................................................................................................................................... 12
MATERIALI E STRUMENTAZIONE TECNICA ...................................................................................................... 12
PERIODO .......................................................................................................................................................... 12
COSTI ............................................................................................................................................................... 12
CONTATTI......................................................................................................................................................... 13
L’équipe (Dr.sse Leonoro S., Lamboglia V., D’Andrea C., Fiani C.) si rende disponibile a
prestare servizio gratuito di sportello di formazione/informazione sui DSA, valutazione e
trattamento DSA e sportello di consulenza psicologica presso il presidio medico comunale di
Monte Porzio Catone con frequenza settimanale (ore pomeridiane).
2
PREMESSA
La scuola, dopo la famiglia, è la principale sede di formazione e di socializzazione dell’individuo,
quindi, uno dei perni su cui far leva nella promozione del benessere psico-fisico ed emotivo dei
ragazzi. Quale luogo in cui passano gran parte della loro vita, è lo spazio in cui i ragazzi
sperimentano l’incontro con l’altro, imparano a convivere ed instaurare relazioni, ed iniziano a
costruire una nuova immagine di sé, attraverso i riscontri derivati dalla vita scolastica sul piano
relazionale, comportamentale e degli apprendimenti.
La nostra proposta s’inserisce, quindi, in un progetto più ampio teso a valorizzare l’individuo nella
sua interezza ed a stimolarne la crescita sia a livello cognitivo che
emozionale.
In quest’ottica, le nostre figure svolgono attività d’informazione, formazione, prevenzione e
consulenza psicologica, collaborando con docenti, genitori ed alunni ed intervenendo in ogni
sistema implicato nella vita del bambino/ragazzo, nella convinzione che solo con l’integrazione di
diverse competenze sia possibile promuovere e sostenere un clima di benessere all’interno del
percorso di formazione, premessa fondamentale per il pieno sviluppo delle potenzialità del giovane.
Questi interventi sono rappresentati sia dall’offerta di consulenza psicologica individuale per tutte le
figure che operano all’interno della scuola - insegnanti, genitori - sia da attività pensate per il
gruppo classe.
Gli obiettivi principali del progetto sono:
Promuovere il benessere psico-fisico di alunni e insegnanti
Promuovere negli alunni la motivazione allo studio e la fiducia in se stessi
Sostenere la prevenzione del disagio e dell’abbandono scolastico, correlati e non ai DSA
Favorire il processo di formazione e socializzazione degli alunni
Promuovere attività di orientamento e collaborazione con altri Enti ed Associazioni
presenti sul territorio
Favorire la cooperazione tra scuola e famiglie
E’ quindi evidente la necessità di istituire spazi di costante e continua comunicazione e presenza
durante tutto l’arco dell’anno scolastico, avendo come obiettivo acquisire, elaborare, trattare e
migliorare tutte le difficoltà e problematiche emergenti per gli alunni, per gli insegnanti e per i
genitori, in modo da arricchire il contesto di vita dei bambini/ragazzi, intervenendo a più livelli sia
per i soggetti coinvolti che per le diverse fasi dell’anno scolastico.
3
I nostri progetti…..
I nostri progetti, nascono dalle richieste avanzate dall’Istituto “D.L. Milani”, di Monte Porzio
Catone, per rispondere all’esigenza di garantire continuità a percorsi già avviati nell’anno scolastico
2011/2012, volti a fornire la scuola di un servizio interno di prevenzione del disagio e promozione
del benessere di tutti i soggetti coinvolti.
“Screening DSA”
La scuola italiana si trova oggi ad affrontare una situazione di emergenza che scaturisce dalle attuali
disposizioni di legge, emergenza che va a colpire sia la generale situazione lavorativa del corpo
docente che la qualità dell’educazione e dell’istruzione in favore di tutti gli studenti. L’intervento da
noi presentato si propone di rispondere alle sollecitazioni avanzate dalla “Legge 8 Ottobre 2010,
n.170” e dalle “Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi
specifici di apprendimento”, le quali, riconoscendo i DSA come disturbi che possono costituire nel
tempo una limitazione importante, pongono come principale obiettivo l’inderogabile diritto
all’istruzione per tutti gli alunni.
Il DSA, Disturbo Specifico dell’Apprendimento, è un disturbo che interessa uno specifico dominio
di abilità (lettura, ortografia, grafia e calcolo) in modo significativo, ma circoscritto lasciando
intatto il funzionamento intellettivo generale. I DSA, meglio conosciuti con i termini di dislessia,
disortografia, disgrafia e discalculia sono, quindi, disturbi che riguardano lo sviluppo di abilità
specifiche, rappresentano un problema ad alta incidenza nella popolazione scolastica (dal 2 al 5%) e
originano molti casi di disagio e abbandono scolastico.
Prendendo atto che i DSA hanno per convenzione nei servizi pubblici una diagnosi che si attesta
intorno agli 8 anni, nelle classi elementari e medie si troveranno bambini che per lunghi anni hanno
convissuto con un disturbo che si è cronicizzato nel tempo e che ha prodotto conseguenze
importanti:
-
A livello individuale, si riscontreranno insofferenza, reattività, insicurezza, fuga dal
compito, difficoltà nella capacità di attenzione e concentrazione, un basso livello di tolleranza alle
frustrazioni, scarsa autonomia, perdita dell’autostima e della motivazione ad apprendere, isolamento
e/o iperattività.
-
A livello sociale, il bambino potrà manifestare problematicità nelle relazioni con i pari,
relazioni che evidenziano spesso una discontinuità e un oscillazione tra polarità emotive, con
tendenza ad alternare un coinvolgimento impulsivo a momenti di smarrimento/estraneazione.
4
Per questo è importante identificare il prima possibile tali disturbi, al fine di poter agire sin dalle
fasi iniziali di acquisizione delle abilità funzionali all’apprendimento. Muoversi tempestivamente
permette, inoltre, di ridurre il disagio di tipo affettivo e sociale e di prevenire l’insorgenza di
disturbi comportamentali. A fronte di queste difficoltà cronicizzate nel tempo, anche i genitori si
smarriscono nella comprensione reale del problema e nell’attivazione di risorse adeguate, con
frequenti vissuti di inadeguatezza, rabbia e impotenza, spesso riversati nei rapporti con la scuola.
Pertanto, fin dalla scuola dell’Infanzia occorre saper riconoscere i segnali e, all’occorrenza
effettuare un’indagine approfondita per poi intervenire con metodologie idonee coinvolgendo
l’intero corpo docente in continuità orizzontale con le famiglie e il territorio.
Nello specifico, si prevede l’attuazione di momenti di indagine conoscitiva tramite:
Screening degli alunni di tutte le classi prime della Scuola Primaria
Screening, a richiesta degli insegnanti, degli alunni della Scuola dell’Infanzia, Secondaria di
I grado e delle altre classi della Scuola Primaria
Restituzione di quanto rilevato dallo screening ad insegnanti e genitori
Consulenza DSA insegnanti
Realizzazione di una scheda di rilevazione DSA di cui dotare gli insegnanti delle ultime
classi della Scuola dell’Infanzia, per agevolare il passaggio alla Scuola Primaria
Tutto ciò offre la possibilità di garantire agli alunni un percorso di apprendimento sereno e,
pertanto, significativo.
Finalità
Prevenzione del disagio e dell’abbandono scolastico correlati ai Disturbi Specifici
dell’Apprendimento
Formare il personale docente all’utilizzo di strategie educative e didattiche mirate sugli
alunni con DSA
Attivare consapevolezza ed attenzione sui DSA in tutte le famiglie
Obiettivi specifici
Permettere l’individuazione di alunni con DSA e favorirne l’accesso ai Servizi diagnostici
Fornire una consulenza sui DSA, intesa come supporto psico – pedagogico e di
orientamento per i docenti
5
Fornire una buona preparazione sui DSA, sia agli insegnanti che alle famiglie, ciascuno per i
propri ruoli e compiti
Dotare la scuola del modello PDP (Piano Didattico Personalizzato) per gli alunni con DSA
Ridurre il disagio affettivo-relazionale legato ai DSA
Rafforzare l’autostima e la motivazione all’apprendimento negli alunni DSA
Potenziare negli alunni in situazione di disagio le abilità cognitive funzionali
all’apprendimento
Favorire strategie metacognitive
Permettere il successo scolastico agli alunni DSA attraverso l’utilizzo di metodologie
didattiche e valutative adeguate
Promuovere attenzione e giuste modalità di rapporto con le famiglie degli alunni DSA
Destinatari
Il progetto si rivolge a tutti gli alunni, insegnanti e genitori dell’Istituto “D. L. Milani”
Nello specifico:
 Alunni prime classi scuola Primaria
 Alunni di tutte le classi della scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado che ne
faranno richiesta
 Insegnanti scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado
 Genitori
6
Tabella riepilogativa “Screening DSA”
ATTIVITA’
REFERENTI
MONTE ORE
Dr. sse
Screening classi I° elementari
(+ correzione)
Leonoro S.
16
Lamboglia V.
Dr. sse
Screening a richiesta
Leonoro S.
30
Lamboglia V.
Dr. sse
Restituzione genitori
Leonoro S.
8
Lamboglia V.
Dr. sse
Consulenza docenti
Leonoro S.
7
Lamboglia V.
Dr. sse
Scheda rilevazione DSA
scuola infanzia
Leonoro S.
6
Lamboglia V.
TOTALE
67
COSTO
€ 2000,00
7
“Io ti ascolto: sportello di ascolto per famiglie e ragazzi”
Il principale scopo di questo intervento è quello di creare un luogo, per insegnanti e genitori, di
consulenza dove poter chiarire i loro dubbi e ricevere eventuali consigli relativi ai problemi
scolastici dei ragazzi.
Obiettivi
Fornire supporto e sostegno a insegnanti e genitori rispetto ai problemi psicologici dei
bambini;
Fornire una rete informativa e di sostegno sulle difficoltà comportamentali e di
apprendimento degli alunni;
Individuare le strategie di intervento più adeguate alla gestione del singolo e del gruppo
classe;
Fornire un punto di appoggio per insegnanti e genitori per gestire al meglio i loro rapporti
con i bambini.
Articolazione del progetto
Sarà presente nei due plessi scolastici uno sportello di ascolto una volta a settimana,
presumibilmente il martedì mattina dalle ore 9 alle ore 12. Per accedere allo sportello di ascolto è
importante prendere un appuntamento con la psicologa di riferimento per evitare attese inutili o
sovrapposizioni di appuntamenti.
Lo sportello sarà attivo dal mese di Ottobre al mese di Maggio per un totale di 50 ore.
Tabella riepilogativa “Io ti ascolto: sportello di ascolto per famiglie e ragazzi”
ATTIVITA’
REFERENTE
MONTE ORE
Sportello di ascolto per
famiglie e ragazzi (scuola
Infanzia e Primaria)
Dr.ssa Fiani C.
3 h. settimanali
TOTALE
50
COSTO
€ 1500,00
8
“Sportello di Ascolto”
Il servizio di “Ascolto” prevede la figura di uno specialista nel gestire problematiche
complesse di cambiamento e di crescita connesse al periodo adolescenziale.
I ragazzi mostrano il bisogno di esprimersi e di raccontarsi in un contesto “personale e
privato” che offre loro ascolto e sostegno senza sentirsi giudicati. L’iniziativa prevede la
stretta collaborazione con il personale docente con il proposito di stabilire una condivisione
e collaborazione.
All’interno del progetto di Educazione alla Salute, si realizzeranno degli incontri di
educazione alla affettività/sessualità per le classi II e III.
Nel mese di gennaio l’attività di sportello sarà riservata alla consulenza di orientamento
per i ragazzi di terza. La disponibilità a colloqui finalizzati alla scelta della scuola superiore
sarà estesa anche ai genitori.
Si propone pertanto di avviare, nell’ a.s. 2012/2013, un progetto che prevede:
Attivazione di uno sportello d’ascolto e consulenza individuale;
Attività di gruppo per le classi prime, seconde e terze.
Obiettivi
La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all’interno della scuola è una grande
occasione e opportunità per:
riconoscere ed affrontare problematiche scolastiche sia in riferimento agli aspetti
relazionali che a quelli didattici (organizzazione del lavoro scolastico, gestione delle
attività, conseguimento di risultati...);
riconoscere ed affrontare problematiche individuali sia in riferimento ad aspetti
emotivo-affettivi che dinamico-relazionali, acquisire uno stile positivo di
interazione all’interno del gruppo classe;
confrontarsi
rispetto
a
tematiche
specifiche
con
particolare
riferimento
all’orientamento scolastico e professionale.
9
Modalità di lavoro
Lo psicologo presente in istituto è a disposizione degli studenti che desiderino un confronto
con un esperto di relazioni e comunicazioni tenuto al segreto professionale.
Gli interventi saranno brevi e focalizzati con l’obiettivo di promuovere nella persona la
capacità di fronteggiare il problema o la situazione emotiva che sta vivendo.
La procedura di intervento sarà basata su:
-
ascolto e accoglimento della richiesta di aiuto;
-
raccolta di informazioni utili a comprendere la situazione;
-
attivazione delle risorse presenti, incoraggiando nuove modalità di relazione e
di comunicazione.
I colloqui sono rivolti a tutti gli alunni e si terranno in orario scolastico, all’interno della
scuola.
Lo sportello sarà attivo a partire dal mese di ottobre, e fino al mese di maggio, una volta a
settimana per due ore.
I giorni di presenza a scuola dello Psicologo saranno concordati con il coordinatore del
progetto e tempestivamente comunicati alla scuola
Ciascun incontro avrà la durata di 30 minuti.
Gli alunni potranno presentarsi da soli, in coppia o in piccoli gruppi.
Il Servizio sarà disponibile anche per i genitori e gli insegnanti che ne faranno richiesta.
Presentazione delle procedure di accesso agli alunni
Al fine di avviare un contatto con i ragazzi e di creare un clima rassicurante e di reciproca
fiducia, l’attivazione dello sportello verrà preceduta da un incontro, per ciascuna classe
prima, durante il quale verrà presentata la figura dello psicologo, ne verrà chiarito il ruolo,
verranno specificate le finalità dello sportello di ascolto, i giorni, il luogo e la durata del
colloquio, nonché il numero massimo di colloqui possibili, le modalità di prenotazione.
Verrà garantita la riservatezza del colloquio.
Per quanto riguarda le classi seconde e terze si procederà ad una comunicazione dei tempi
e delle modalità di accesso.
Operatore come tramite
Si dà massima disponibilità al confronto con i coordinatori di classe, in una ottica di
circolarità della comunicazione, al fine di garantire una visione completa ed esaustiva degli
alunni che accedono al servizio.
10
E’ pertanto prevista un’ora al mese dedicata al dialogo con i docenti che ne facciano
richiesta nel periodo compreso fra novembre ed aprile.
E’ prevista, altresì, la partecipazione ai consigli di classe nelle situazioni in cui venga
ritenuto importante il confronto con i docenti in relazione ai singoli casi trattati.
Tabella riepilogativa “Sportello di Ascolto”
ATTIVITA’
REFERENTE
ORE MENSILI
Attività nelle classi I
Dr.ssa D’Andrea C.
4h ottobre
4
Dr.ssa D’Andrea C.
4 h. febbraio
4
Dr.ssa D’Andrea C.
3 h. marzo
3
Dr.ssa D’Andrea C.
3 h. marzo
3
Dr.ssa D’Andrea C.
8 h. mensili
36
Incontri di gruppo classi
I – educazione alle
relazioni
Attività nelle classi IIed. affettività
Attività nelle classi IIIed, affettività/sessualità
Sportello alunni
ORE TOTALI
TOTALE
50
COSTO
€ 1500,00
11
TABELLA PROGETTI
PROGETTO
REFERENTI
MONTE ORE
Dr. sse
“Screening DSA”
Leonoro S.
Lamboglia V.
“Sportello di Ascolto” scuola
Dr.ssa
secondaria I°
D’Andrea C.
“Io ti ascolto: sportello di
ascolto per famiglie e ragazzi”
Scuola Infanzia e Primaria
Dr.ssa
Fiani C.
TOTALE
67
50
50
167
MATERIALI E STRUMENTAZIONE TECNICA
 Locali: scolastici, palestra
 Materiali di consumo: fogli, fotocopie, penne
 Strumentazione tecnica (computer, videoproiettore, strumenti tecnici per screening)
PERIODO
Il progetto avrà inizio nel mese di ottobre 2012 e terminerà nel mese di maggio 2013, abbracciando
l’intero anno scolastico.
COSTI
Il costo complessivo del progetto (Tot. 167 h) è corrispondente a 5.000,00 euro.
12
CONTATTI
Dott.ssa Silvia Leonoro
3281664711
[email protected]
Dott.ssa Valeria Lamboglia
3496060881
[email protected]
Dott.ssa Cinzia D’Andrea
3476371981
[email protected]
Dott.ssa Cecilia Fiani
3470376266
[email protected]
13
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard