YEYS - Visita a scuola

annuncio pubblicitario
COMUNICATO STAMPA N. 12/2017
14 marzo 2017
Il Comitato economico e sociale europeo celebra
sessant'anni d'Europa con uno sguardo al futuro dell'UE
Il 13 marzo 2017 il Comitato economico e sociale europeo (CESE) ha tenuto a Roma una conferenza
di alto livello per ricordare i sessant'anni della firma dei trattati costitutivi dell'Europa, avvenuta il 25
marzo 1957 proprio a Roma. Il CESE ha voluto celebrare questa ricorrenza senza grandi
festeggiamenti, ma piuttosto ricordando le importanti conquiste dell'Europa e, soprattutto,
affrontando tre nodi cruciali per superare la crisi attuale e assicurarle un futuro migliore: combattere
le crescenti diseguaglianze sociali, ritrovare la via della crescita economica e dare una risposta
efficace e coerente con i suoi principi alla sfida delle migrazioni.
La conferenza, dal titolo Sessant'anni di comunità europea – Forgiamo il futuro!, è stata organizzata
presso la Camera dei deputati a Montecitorio in collaborazione con il Consiglio dei Ministri e con il
patrocinio del Parlamento. Ad aprire i lavori sono stati l'on. Guglielmo Epifani, il Presidente del CESE
Georges Dassis, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli affari
europei Sandro Gozi e Ian Borg, Segretario parlamentare, in rappresentanza della Presidenza
maltese dell'UE. Nel suo discorso inaugurale Georges Dassis, dopo aver enumerato i più importanti
benefici apportati dall'Europa e delineato le difficoltà attuali, ha sottolineato: "Questo sessantesimo
anniversario deve essere l'occasione di un nuovo inizio – l'inizio di un'Europa molto più unita e
solidale, un'Europa che pensa davvero al benessere della popolazione europea. Il futuro deve
appartenere alle forze del progresso sociale, alle aziende, ai lavoratori e a tutti coloro che vogliono
vivere nella pace e nella dignità. E spero che con il suo contributo alla definizione del Futuro dell'UE il
Comitato economico e sociale europeo concorrerà a fare di questa visione dell'Europa una realtà".
Tre le sessioni di lavoro, in cui sono state affrontate le tematiche seguenti:



L'Europa sociale come strumento per combattere le disuguaglianze
Completare l'Unione economica e monetaria per un'Europa più forte
L'immigrazione e le politiche di integrazione
Al termine dei lavori il Presidente Dassis ha consegnato a nome del Comitato economico e sociale
europeo uno speciale riconoscimento al responsabile sanitario di Lampedusa, dottor Pietro Bartolo,
reso noto dal premiato Film Fuocoammare, per il grande esempio di umanità offerto nel prestare
soccorso ai rifugiati e migranti che affrontano la pericolosa rotta del Mediterraneo centrale. "La
società civile europea ringrazia il dottor Pietro Bartolo per il coraggio e l'umanità con cui ha
affrontato la crisi dei migranti, che ha visto Lampedusa primo approdo di quanti fuggivano dalla
guerra guardando con speranza verso l'Europa", recita la targa a lui consegnata durante la cerimonia.
"Grazie di aver pensato a un medico di Lampedusa. Lampedusa è un salvagente nel Mediterraneo, lo
ha sempre dimostrato, come Malta, come la Grecia. Sono ventisei anni che Lampedusa accoglie tutti.
La chiamano la porta d'Europa, perché è l'ultimo lembo d'Europa rivolto verso l'Africa. Una porta
sempre aperta, mai chiusa da ventisei anni. Non abbiamo mai fatto trovare un muro o un filo
Rue Belliard/Belliardstraat 99 – 1040 Bruxelles/Brussel – BELGIQUE/BELGIË
Tel. +32 25469406 – Fax +32 25469764
E-mail: [email protected] – Internet: www.eesc.europa.eu
Seguici su
IT
spinato", ha dichiarato commosso il dottor Bartolo nel ricevere il premio, "Il popolo di Lampedusa
non ha mai rifiutato nessuno. Io dico che i lampedusani sono affetti da una malattia stranissima, una
malattia straordinaria che si chiama accoglienza, che si chiama solidarietà. E spero che questa
malattia possa diventare contagiosa e arrivare in tutti i popoli."
Nel chiudere il convegno, il Presidente Dassis ne ha così riassunto le principali conclusioni:












l'Unione europea va preservata, e a tal fine dobbiamo mettere i bisogni dei cittadini al centro
del progetto europeo;
non ci può essere futuro per l'Unione europea senza dimensione sociale;
dobbiamo evitare di creare concorrenza tra lavoratori di paesi diversi perché condividiamo
tutti lo stesso destino;
uno dei fondamenti dell'Europa è stata l'armonizzazione nel progresso, bisogna
assolutamente evitare il livellamento verso il basso;
i politici e i mass media devono ricordare le grandi conquiste dell'Europa per i cittadini e
smettere di incolpare l'Unione europea per tutti i mali di questo mondo, e che le decisioni a
Bruxelles sono prese dai ministri dei 28 Stati membri, dal Parlamento europeo eletto dai
cittadini e dalla Commissione, che rappresenta l'interesse generale europeo;
esiste oggi un forte squilibro tra la dimensione economica e la dimensione sociale
dell'Europa; occorre rafforzare la dimensione sociale perché così si potranno creare anche
più opportunità per le imprese. La dimensione sociale non è un costo a perdere, ma un
investimento produttivo che può aiutare l'economia reale;
occorre prestare attenzione alla qualità del lavoro e del lavoro giovanile. È importante dare
prospettive ai giovani. Per i giovani, che hanno vissuto in uno stato di degrado progressivo, è
più difficile credere nella costruzione europea, ed è quindi importante adottare
provvedimenti in loro favore;
è indispensabile dotarsi quanto prima di una vera e propria politica comune europea di
immigrazione, asilo e integrazione – una proposta che il CESE aveva avanzato decenni fa. Non
è più possibile fare affidamento solo sulla buona volontà dei singoli e della società civile;
le proposte del CESE si applicano a tutta l'EU, ma questo non deve impedire agli Stati membri
della zona euro di andare oltre nel completamento dell'Unione economica e monetaria. I
paesi che non fanno parte della zona euro non devono vedere questo come qualcosa di
negativo nei loro confronti, ma anzi: una zona euro rafforzata avrà una maggiore attrattiva e
potrà convincere i governi dei paesi che non ne fanno parte a proporre ai loro cittadini di
aderire non ad una semplice moneta unica, ma una vera unione economica e monetaria;
la politica economica può essere modificata dal Consiglio e dalla Commissione senza porre
mano ai trattati;
non si può accettare che la fiscalità continui a essere un fattore di dumping e di concorrenza
fra gli Stati membri;
il piano Juncker non è sufficiente, occorrono massicci investimenti pubblici e privati a favore
del capitale umano, con politiche a sostegno delle famiglie per garantire una vita decente
anche in assenza di occupazione.
"Ritengo che in quanto rappresentanti delle società civile, siamo riusciti oggi a gettare le basi di
questo rilancio. Ora dobbiamo orientare i nostri sforzi a trasmettere le nostre idee e le nostre
proposte ai dirigenti politici europei, " ha concluso Georges Dassis. Nei prossimi mesi, le riflessioni del
convegno andranno ad alimentare i lavori del Comitato economico e sociale europeo sul Libro bianco
sul futuro dell'UE.
Rue Belliard/Belliardstraat 99 – 1040 Bruxelles/Brussel – BELGIQUE/BELGIË
Tel. +32 25469406 – Fax +32 25469764
E-mail: [email protected] – Internet: www.eesc.europa.eu
Seguici su
Per maggiori informazioni, si prega di contattare:
Daniela Marangoni
Unità Stampa
E-mail: [email protected]
Tel. +32 2 546 8422
_______________________________________________________________________________
Il Comitato economico e sociale europeo rappresenta le diverse componenti economiche e sociali della società
civile organizzata. Esso è un organo istituzionale consultivo, istituito dal Trattato di Roma nel 1957. La funzione
consultiva del Comitato permette ai suoi membri, e quindi alle organizzazioni che essi rappresentano, di
partecipare al processo decisionale dell'Unione. Il Comitato si compone di 350 membri, provenienti da tutta
l'UE, nominati dal Consiglio dell'Unione europea.
_______________________________________________________________________________
Rue Belliard/Belliardstraat 99 – 1040 Bruxelles/Brussel – BELGIQUE/BELGIË
Tel. +32 25469406 – Fax +32 25469764
E-mail: [email protected] – Internet: www.eesc.europa.eu
Seguici su
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard