Seconda guerra mond.le

annuncio pubblicitario
La seconda guerra mondiale
Introduzione
Seconda guerra mondiale Guerra combattuta dal 1° settembre 1939 all’8 maggio
1945 in Europa e dal 7 dicembre 1941 al 2 settembre 1945 in Asia. Ebbe come
principali contendenti Gran Bretagna e Francia, prima, Stati Uniti d'America e
Unione Sovietica, poi, da una parte; Germania, Italia e Giappone dall’altra. Le
operazioni ebbero inizio nel 1939 con l'invasione della Polonia da parte della
Germania nazista. In risposta all'aggressione Gran Bretagna e Francia dichiararono
guerra alla Germania e il conflitto si estese fino a interessare molti paesi e aree
geografiche del pianeta. Più che in qualsiasi altra guerra precedente, il
coinvolgimento delle nazioni partecipanti fu totale e l'evento bellico interessò in
modo drammaticamente massiccio anche le popolazioni civili. La sua conclusione
segnò l'avvento di un nuovo ordine mondiale incentrato sulle due superpotenze
vincitrici, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.
La
guerra
Il 1° settembre 1939 iniziò l'invasione del territorio polacco da parte delle armate
tedesche che passarono di vittoria in vittoria, specie in considerazione del fatto che
l'armamento dei due eserciti era di un tale divario da non consentire ai polacchi che
una disperata eroica re-sistenza. Varsavia venne raggiunta dai tedeschi il 9 settembre;
il 17 anche la Russia entrò in guerra contro la Polonia e tre giorni dopo si ebbe il
congiungimento delle truppe russo-tedesche. Il 6 ottobre la Polonia cessava di
esistere come nazione. Hitler decise di affrontare e risolvere la questione norvegese.
La Germania invase la Danimarca e la Norvegia ottenne ancora una volta una
schiacciante rapida vittoria. Si giunse così al 10 maggio 1940 quando scattò sul fronte
occidentale il grande attacco tedesco che doveva portare all'annientamento delle
truppe anglo-francesi. In 5 giorni fu occupata l'Olanda, poi il Belgio; quindi i tedeschi
sfondarono la grande linea Maginot dilagando sino alla Manica e accerchiando il
resto
degli
eserciti
alleati.
Entrata
in
guerra
dell'Italia
(10
Giugno
1940)
Ormai per la Francia era la fine: il 10 giugno anche l'Italia entrò in guerra a fianco
della Germania, il 14 giugno i tedeschi occuparono Parigi; il 22 giugno la Francia
firmò l'armistizio. Ora contro il nazismo ed il fascismo (che, va ricordato, il 1
novembre 1936 avevano stipulato l'asse Roma-Berlino e che il 22 maggio 1939
avevano firmato il patto d'acciaio tra le due potenze) si ergeva solo l'Inghilterra. In
Inghilterra era subentrato alla presidenza del consiglio un uomo che avrebbe
influenzato con la propria grande personalità tutto il resto del conflitto: Winston
Churchil. L'Inghilterra subì dall'agosto all'ottobre una tremenda serie di
bombardamenti aerei da parte dell’esercito tedesco. La battaglia di Inghilterra fu
affrontata con grande decisione dagli inglesi, una decisione tale da sconsigliare Hitler
a tentare uno sbarco sull'isola. Per quanto concerne l'Italia va subito detto che le
nostre forze armate, decisamente impreparate a una guerra moderna, si trovarono
disperse su vari fronti: prima quello contro la Francia, poi quello in Libia e quindi
quello
in
Africa
orientale.
La guerra in Grecia
Mussolini testardo volle comunque proiettarsi verso la politica estera. Il 25 ottobre
1940 Mussolini decise di attaccare la Grecia partendo dall'Albania, con la
convinzione di ottenere una facile vittoria. Ma l'esercito greco non solo resistette
validamente ma occupò addirittura il territorio albanese. Così fu necessario
l'intervento tedesco per togliere dai guai l'alleato e per potere affrontare senza
preoccupazioni su altri fronti il problema russo. Non va di-menticato che, malgrado il
patto di non aggressione esistente tra la Russia e la Germania, l'occupazione di
territori all'est era pur sempre per Hitler il modo di dare spazio alla Germania nelle
terre
orientali.
La
guerra
in
Russia
Infatti Hitler aveva già programmato l'operazione Barbarossa che avrebbe dovuto
signifi-care l'annientamento dell'esercito sovietico. Così si arrivò alla completa
occupazione della Jugoslavia e della Grecia dove, con la fine di aprile 1941, ogni
resistenza ufficiale veniva a cessare. Con il 22 giugno 1941 la Germania attaccò la
Russia ed anche in questa cam-pagna si assistette ad un susseguirsi di successi dei
Tedeschi che all'inizio dell'inverno si trovarono sotto le mura di Mosca. Centinaia di
migliaia di soldati russi vennero fatti prig-ionieri o annientati e sembrò che nulla
potesse
fermare
le
armate
naziste.
Pearl
Harbour
(Dicembre
1941)
Ma non fu così: l'inverno russo e una maggiore resistenza offerta dai combattimenti
sovie-tici fecero fallire i piani di Hitler alla fine del 1941. Va considerato che un altro
fatto acca-duto a migliaia di chilometri di distanza doveva influire in modo decisivo
sugli sviluppi della guerra. Il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccò di sorpresa la
flotta americana nella base di Pearl Harbour coinvolgendo direttamente gli Stati
Uniti. Ottennero poi anche una serie di vittorie però erano ignari del fatto che gli
USA, finora neutrali, si stavano preparando ad un nuovo scontro stringendo nel
frattempo accordi con la Gran Bretagna per determinare le strategie da seguire
nell’eventualità
della
loro
entrata
in
guerra.
Una
grande
vittoria
russa:
Stalingrado!
Mentre questi fatti accadevano nel bacino del Mediterraneo, il fronte russo segnava
una se-rie di successi sovietici tra cui decisamente il più importante, sia sul piano
militare che su quello politico, fu la vittoria di Stalingrado in cui l’armata tedesca fu
costretta
a
ritirarsi.
La
situazione
italiana
La guerra era davvero mondiale e nella vastità del conflitto il settore italiano
sembrava di importanza minore, ma questa valutazione non era certamente valida per
i soldati italiani combattenti in Africa settentrionale, in Russia e contro la guerriglia
jugoslava; ne tanto meno per la popolazione civile che in molte città viveva
l'esperienza tragica dei bom-bardamenti aerei diurni e notturni. La situazione
continuava a complicarsi su tutti i fronti.
Per l'Italia il 1943 fu un anno di gravi avvenimenti: la perdita dell'Africa nel maggio,
lo sbarco in Sicilia il 10 luglio, il bombardamento di Roma il 19 luglio, il voto del
gran consiglio nella notte tra il 24-25 luglio contro Mussolini, l'arresto di quest'ultimo
a Villa Savoia dopo un ultimo colloquio con il re, la nomina a capo del governo del
maresciallo Badoglio, la dichiarazione dell'armistizio dell'8 settembre, la fuga del re e
dei generali da Pescara a Brindisi, il ritorno sulla scena politica di Mussolini liberato
il 12 settembre dai tedeschi, l'inizio di tragici mesi di guerra civile e di enormi
distruzioni causate dalla guerra che eserciti stranieri combattevano sul nostro
territorio.
La
guerra
in
Italia
Dopo avere occupato nel giugno del 1943 Pantelleria e Lampedusa, il 10 luglio tre
divisioni americane, una canadese e tre inglesi sbarcarono in Sicilia, battendo quattro
divisioni italiane e due tedesche e superando, il 17 agosto, l'ultima resistenza
dell'Asse. Mussolini era stato rovesciato il 25 luglio: il nuovo governo italiano,
presieduto da Pietro Badoglio, aveva avviato i negoziati firmando il 3 settembre un
armistizio segreto, reso pubblico l'8 settembre. I tedeschi, occuparono militarmente
l'Italia centrosettentrionale, mentre il governo italiano fuggiva nel Meridione,
riparando presso gli Alleati e abbandonando a se stesso l'esercito, privo di ordini
chiari. Mussolini fu liberato dai tedeschi e trasferito al Nord, dove diede vita alla
Repubblica di Salò.
Il 3 settembre truppe anglo-americane, attraversarono lo stretto di Messina, il 9
settembre sbarcarono nei pressi di Salerno; il 12 ottobre gli angloamericani avevano
già stabilito una solida linea attraverso la penisola, dal fiume Volturno, a nord di
Napoli, fino a Termoli, sulla costa adriatica. Per la fine dell'anno la resistenza tedesca
aveva fermato gli Alleati a circa 100 km a sud di Roma. Lo sbarco ad Anzio, il 22
gennaio del 1944, non permise all'esercito alleato di fare molti progressi, perché i
tedeschi si erano attestati lungo il fiume Liri e a Cassino, lungo la cosiddetta linea
Gustav,
che
attraversava
l'Appennino
fra
Termoli
e
Gaeta
La
fine
della
guerra
Dal '44 il fronte italiano era diventato del tutto secondario nella strategia alleata dato
che il 6 giugno gli anglo-americani avevano effettuato (con una operazione
aeronavale colossale) lo sbarco in Normandia aprendo così quel secondo fronte che
avrebbe segnato la fine della Germania nazista. L'esercito germanico stretto tra i russi
ad est e gli Alleati ad ovest dovette abbandonare i territori occupati e si trovò a
combattere in Germania in un folle tentativo di vana resistenza. I russi e gli Alleati si
congiunsero in Austria, i russi arrivarono a Berlino il 23 aprile e qui si concluse la
resistenza tedesca che dopo il suicidio di Hitler (30 aprile) non poteva avere più
senso. In Europa il conflitto era terminato; in Asia e nel Pacifico la disfatta
giapponese si stava chiaramente delineando ma quello che decise il Giappone a
chiedere la resa incondizionata fu l'uso da parte americana prima su Hiroshima e poi
su Nagasaki, di due bombe nucleari, ordigni di distruzione e di morte che venivano
impiegati per la prima volta nella storia dell'umanità e che posero termine al secondo
conflitto mondiale. La data per la storia è il 2 settembre 1945.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard