Intervento dott.ssa Federica Zanatta

annuncio pubblicitario
La Demenza in fase avanzata
Insieme nel fine vita
Relatrice: Dr. Federica Zanatta
U.O.S. Cure Palliative Feltre
 La demenza in fase avanzata si configura come
concetto di terminalità.
 Il malato demente nella fase terminale è una
persona che è giunta alla fase finale della sua vita
a causa di una malattia cronica inguaribile.
Quando il malato demente è
terminale ?
 Non è facile identificare i malati in fase terminale,
poiché non esiste una semplice e netta separazione
tra il periodo in cui l’individuo continua a vivere
pienamente, ed il processo in cui globalmente
vengono compromesse le funzioni della persona
fino alla terminalità.
 Anziani fragili polipatologici
 Pazienti con patologie associate
 Pazienti affetti da neoplasia
NON SEI SOLO...
Le Cure Palliative
 L’OMS (Organizzazione Mondiale della
Sanità),definisce le cure palliative come un
approccio olistico e multisciplinare che migliora
la qualità della vita dei pazienti e delle
famiglie che si confrontano con i problemi
associati a malattie mortali, attraverso la
prevenzione e il sollievo dalla sofferenza per
mezzo dell’identificazione precoce, della
valutazione e del trattamento corretto del dolore
e di altri problemi fisici-psico-sociali e spirituali.
Non si considera più solo l'aspetto sanitario della
malattia ma ciò che il malato vive con particolare
attenzione all'aspetto psicologico, spirituale, alla
sofferenza legata alla malattia e alle relazioni familiari
e sociali della persona.
Centralità delle cure sulla persona
In questa prospettiva il malato da oggetto passivo di
cure, diventa protagonista degli interventi a lui
destinati.
Solo lui infatti può comunicarci cosa rende migliore
la qualità della sua vita.
Scopo delle cure palliative:
 Migliorare la qualità della vita piuttosto che la
sopravvivenza, assicurando ai pazienti e alle loro
famiglie un’assistenza continua e globale
 La cura è centrata sulla persona tramite un’assistenza
adeguata che sa tener presenti tutti i bisogni: fisici,
psichici, emotivi, spirituali, relazionali, poiché la sua
vita conserva integralmente il suo valore, anche
se le condizioni fisiche vanno progressivamente
deteriorandosi.
La complessità della storia dei malati consiglia un
approccio valutativo che preveda di:
Intercettare i bisogni espressi
Individuare i bisogni inespressi
Prevenire i bisogni potenziali che potrebbero
insorgere durante l'evoluzione della malattia
Garantendo al malato la permanenza nel proprio
ambiente il più possibile, con la propria
famiglia, con il supporto dell'equipe sanitaria
preparata e presente.
COME?
Come operano le cure palliative?
 Danno sollievo al dolore e agli altri sintomi che
provocano sofferenza
 sostengono la vita e guardano al morire come un
processo naturale
 non intendono né affrettare né prosporre la morte
 integrano aspetti psicologici e sociali nell’assistenza al
paziente
 Offrono un sistema di supporto per aiutare la famiglia a
far fronte alla malattia del paziente e al lutto
 utilizzano un approccio di equipe per rispondere ai
bisogni del paziente e della famiglia
 migliorano la qualità della vita e possono anche
influenzare positivamente il decorso della malattia
In concreto le Cure Palliative agiscono:
Intervenendo sul controllo del dolore
Trattando le possibili complicanze intercorrenti
Somministrando una corretta terapia di supporto
La condizione clinica che determina più
frequentemente disturbi comportamentali nei
malati di demenza è:
Il dolore inespresso
La terapia del dolore assume una grande rilevanza
etica perché il dolore compromette le residue
capacità relazionali della persona.
La solidarietà non va in ferie!
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard