caricato da Utente5153

Presentazione senza titolo (20)

annuncio pubblicitario
Appunti di Storia: Nazismo e
inizio della Secoda Guerra
Mondiale
Con il termine totalitarismo si intende un sistema di governo dove, in opposizione
al sistema dei partiti e alle istituzioni democratiche, tutto il potere è concentrato
nelle mani di un partito, il partito unico, ed il suo leader. La dittatura di Hitler fu un
totalitarismo in quanto il Partito Nazionalsocialista al potere controllava in modo
totale l’organizzazione politica, economica e sociale della nazione e dominava
ogni momento della vita dei cittadini, per mezzo di una organizzazione militare le
SA (Reparti d’assalto) eliminate poi dalle SS, squadre di protezione del Fuhrer e
dei suoi gerarchi.Le SS erano formate da corpi scelti che assicuravano al nazismo
il dominio delle piazze, attaccavano le sedi dei partiti e uccidevano i
rappresentanti del movimento operaio. Dopo la Prima Guerra Mondiale, l’esercito
tedesco doveva essere tutto ricostruito, ma successivamente diventerà un
esercito molto potente, pronto sempre a combattere.
Hitler prese il potere dopo Mussolini, a cui si ispirò, anche se in realtà si riteneva
superiore. L’Italia durante la Seconda Guerra Mondiale non aveva i mezzi bellici
adatti a combattere, a differenza dell’esercito tedesco che, quando invase la
Polonia, era il più forte di tutti.
Nel suo libro, MeinKampf (La mia battaglia), del 1925 Hitler parla della conquista
di uno Spazio Vitale tedesco, a spese delle popolazioni dell’Europa Orientale, per
recuperare tutto quello che la Germania aveva perso durante la Prima Guerra
Mondiale.
I Punti Forza di Hitler:
-La Germania era la potenza dominatrice dell’Europa
-I Tedeschi rappresentavano la pura razza ariana, programmata per dominare il
mondo ed avevano il diritto di riprendersi lo ‘spazio vitale’ che a loro era stato
tolto.
Un’ altra questione molto importante riguardava quei paesi che impedivano la
crescita della Germania. Anche il popolo ebraico costituiva un problema, perché
anche se non aveva una propria patria, manteneva vivo un ruolo di appartenenza
e ricopriva ruoli importanti nella società tedesca. Hitler poi era alla ricerca dell’oro
degli ebrei, risorse tolte in maniera indebita alla Germania. Un altro problema per
lui, era il peso delle persone disabili che rappresentavano una zavorra da cui si
doveva liberare. Questi costituivano un alto costo per lo stato tedesco e alla fine
farà proprio una propaganda apposita per eliminarli. Di questa sua intenzione si
parlava nei cinema, nelle scuole,ecc…Non furono i soli ad essere eliminati nei
campi di sterminio, ma anche i disabili, gli oppositori, gli omosessuali.
Chi appoggiava Hitler?
Hitler era sostenuto da industriali ed ex combattenti, oltre a tutti i suoi gerarchi. Lui
soffriva di problemi legati alla psiche, ma era dotato di capacità sovraumane e per
anni studiò come fare a portare a livelli più elevati una nazione intera. I tedeschi
erano convinti che tutto quello che faceva Hitler era giusto e capirono i suoi errori
solo alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando furono mandati in guerra i
ragazzi di quattordici anni. Hitler aveva creato una perfetta macchina di sterminio,
alla base della quale c’era la Soluzione Finale.
L’ incendio del Reichstag, sede del Parlamento tedesco, del 1933 è considerato il
momento cruciale dell’affermazione del Nazismo, seguito dal rogo dei libri che non
erano graditi al regime e dall’esilio di molti intellettuali,fino ad arrivare alle leggi di
Norimberga del 1935 che consentivano la repressione del popolo ebreo. Esse
privarono gli ebrei della cittadinanza tedesca e impedirono loro di sposarsi con
cittadini di razza ariana e di esercitare alcune professioni e diverse attività
economiche.
Tra i tre dittatori (Mussolini, Stalin e Hitler)quest’ultimo era quello che esercitato
più timore e che nello stesso tempo era riuscito a portare dalla sua parte un’intera
popolazione. Il discorso con cui si insediò nel Parlamento fece capire a tutti cosa
voleva ottenere dalla Germania. La notte tra l’8 e il 9 novembre del 1938 culminò
in una serie di violenze contro gli ebrei:vetrine di negozi, sinagoghe, case private
furono incendiate e distrutte e per questo fu chiamata la “Notte dei cristalli”.
Hitler aveva in mente un conflitto mondiale e si avvalse della propaganda
sfruttando il cinema e i mezzi di comunicazione. Le ragazze oltre ad essere
impegnate come madri di famiglia, dovevano essere in grado di affrontare tutte le
difficoltà. Una forte attenzione era rivolta all’ istruzione per inculcare sin da piccoli i
principi del Nazismo. La propaganda veniva fatta in maniera subdola,facendo
emergere i valori positivi della Grande Germania.Durante le olimpiadi del ’36
vennero esclusi gli atleti di colore. Hitler in pochi anni riuscì a creare uno Stato
forte, dotato di un’aviazione potentissima.
Come si arriva alla Seconda Guerra Mondiale?
Mussolini era impegnato con l’Italia nell’ impresa di Abissinia e voleva conquistare
tutto il Corno d’ Africa,dopo avere conquistato l’Eritrea. Ad un certo punto Hitler
decise di allearsi con il duce che già ventilava questa possibilità.
Nel 1936 importante fu la creazione dell’Asse Roma-Berlino-Tokyo. Si stava quindi
formando un collegamento fra tre paesi totalitari e aggressivi.
Mussolini e Hitler avevano l’obiettivo comune di combattere il Comunismo, che
rappresentava un grosso pericolo per entrambi. Quando Mussolini diventò alleato
di Hitler, fu costretto ad accettare una condizione:nel 1938 furono firmate da
Vittorio Emanuele III le leggi antiebraiche, improntate su un linguaggio simile a
quello della politica della Germania nazista. Per esempio ci fu il divieto per gli
ebrei di frequentare le scuole pubbliche e di avere degli incarichi politici nelle
pubbliche amministrazioni.Non potevano svolgere neanche il servizio militare.
Nacque in questo periodo la rivista ’Lavazza’ in cui venivano veicolate queste idee
di inferiorità razziale. Lo Stato italiano divenne complice di questi soprusi,delle
violenze e delle deportazioni nei campi di concentramento, da cui pochissimi
fecero ritorno e dove finirono anche molti intellettuali,tra cui emerge il nome di
Primo Levi, deportato ad Auschwitz.
Come reagirono le altre nazioni a tutto questo?
La Spagna aveva già la sua dittatura con Francisco Franco, Francia e Gran
Bretagna inizialmente non credevano che Hitler potesse essere un problema per
l’Europa e pensarono di non intervenire. Questo consentì al dittatore di dilagare
ed espandersi. Gli Stati Uniti, anche dopo la crisi del’29, si tenevano a debita
distanza.
Passo dopo passo però si arrivò alla guerra: da una parte c’era Mussolini che
voleva far rivivere i fasti dell’Impero Romano, dall’ altra Hitler che aveva come
obiettivo lo Spazio Vitale, occupando tutti questi paesi. Una delle zone che più gli
faceva gola era quella del Mar Baltico, infatti l’espansione italiana si indirizzava
versoiterritori del Mediterraneo, mentre quella tedesca verso Est, in particolare
verso Danzica, già molto importante nel Medioevo, luogo strategico, perché molto
vicina alla repubblica scandinava e alla Russia.
Nel marzo 1938 Hitler giunse all’invasione e all’annessione dell’Austria alla
Germania(Anschluss), perché era una nazione molto vicina al popolo tedesco per
cultura, tradizioni e storia e successivamente rivendicò la zona dei Sudeti, abitata
da una forte minoranza tedesca. Egli giustificò le annessioni perché voleva riunire
in un unico Stato tutti i territori europei abitati da popolazioni di lingua tedesca.
Continuò nel 1939 con l’occupazione di alcuni i territori della Cecoslovacchia,
andando contro il Trattato di Versailles che aveva posto fine alla Prima Guerra
Mondiale. Francia e Gran Bretagna non approvarono, ma non si opposero e
restarono a guardare. Lo faranno solo una settimana dopo, quando ormai era
troppo tardi.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

creare flashcard