caricato da alexiamascia

2016 LG AIOM Linfomi

annuncio pubblicitario
Linee guida
LINFOMI
Edizione 2016
LINEE GUIDA LINFOMI
Coordinatore Massimo Federico
Oncologia Medica – Università degli Studi di Modena e Reggio
Emilia-Centro Oncol. Modenese - Modena
Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità Pubblica - Università degli
Studi di Modena e Reggio Emilia - Modena
Segretario
Stefano Luminari
Estensori
Monica Balzarotti
UO Ematologia - Istituto Humanitas - Rozzano MI
Antonino Carbone
Anatomia Patologica - Centro di Riferimento Oncologico IRCCS
Istituto Nazionale Tumori - Aviano
Luca Castagna
Terapia Cellulare - Isituto Humanitas - Rozzano MI
Graziella Pinotti
UO Oncologia Medica - A. O. Circolo-Fond. Macchi - Varese
Umberto Ricardi
Dipartimento di Oncologia - Università di Torino
Michele Spina
Lucilla Tedeschi
Revisori
Augusto Federici
Stefano Molica
Divisione di Oncologia Medica A - Centro di Riferimento oncologico Aviano PN
UOS Dipartimentale Ematologia, UO Oncologia A. O. S. Carlo
Borromeo - Milano
SIE
Immunoematologia e Medicina Trasfusionale - Ospedale
Luigi Sacco - Milano
Oncologia Medica - A.O. A. Pugliese - Catanzaro
2
LINEE GUIDA LINFOMI
Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
Parte generale ...................................................................................................................... 9
1.1 Epidemiologia dei linfomi.............................................................................................. 9
1.2 La diagnosi istopatologica.............................................................................................. 9
Linfomi diffusi a grandi cellule B ...................................................................................... 13
2.1 Epidemiologia.............................................................................................................. 13
2.2 Classificazione istopatologica e Diagnosi Multidimensionale ....................................... 13
2.3 Stadiazione clinica ....................................................................................................... 14
2.4 Suddivisione in gruppi prognostici ............................................................................... 15
2.5 Trattamento dei DLBCL .............................................................................................. 16
2.6 Trattamento del paziente anziano ................................................................................. 23
2.7 Definizione dei criteri di risposta ................................................................................. 25
2.8 Follow-up .................................................................................................................... 26
Linfomi follicolari ............................................................................................................. 32
3.1 Epidemiologia.............................................................................................................. 32
3.2 Inquadramento diagnostico .......................................................................................... 32
3.3 Trattamento del linfoma follicolare .............................................................................. 35
3.4 Valutazione della risposta ai trattamenti ....................................................................... 43
3.5 Follow-up .................................................................................................................... 44
3.6 Figure .......................................................................................................................... 46
Linfomi di Hodgkin ........................................................................................................... 51
4.1 Epidemiologia.............................................................................................................. 51
4.2 Diagnosi ...................................................................................................................... 51
4.3 Classificazione istopatologica ...................................................................................... 52
4.4 Stadiazione .................................................................................................................. 54
4.5 Indagini diagnostiche ................................................................................................... 55
4.6 Trattamento del linfoma di Hodgkin ............................................................................ 56
4.7 Valutazione della risposta ai trattamenti - Ruolo della PETinterim e PET finale ........... 64
4.8 Follow-up .................................................................................................................... 64
4.9 Hodgkin e gravidanza .................................................................................................. 66
4.10 Figure ........................................................................................................................ 67
Pazienti con infezione da HIV ........................................................................................... 71
5.1 HIV e linfoma di Hodgkin ........................................................................................... 71
5.2 HIV e linfoma non Hodgkin......................................................................................... 71
5.3 Terapia di salvataggio .................................................................................................. 72
Raccomandazioni prodotte con metodologia GRADE ........................................................ 73
Bibliografia ....................................................................................................................... 75
Allegato: Tabelle GRADE evidence profile
3
LINEE GUIDA LINFOMI
Abbreviazioni
aaIPI
ABC
ABVD
ADCC
B2M
BEAC
BEACOPP
BEAM
BL
B-LLC
BMI
CLL/SLL
CHOP
CMV
COP
CS
CT
CTX
CVP
DLBCL
DHAP
DFS
EBV
ECG
EFS
EMA
EORTC
ESHAP
FC
FDG
FF2F
FFP
FFS
FFTF
FN
FND
GBC
GHSG
GVHD
Hb
HBV
HBC
HCT-CI
HDC/HDT
HIV
HPF
IAP
ICE
IEV
IFN
IGEV
IPI
IPS
ISH
LCA
LDH
LF
Indice Prognostico Internazionale aggiustato per età
Activated B-cell like
doxorubicina, bleomicina, vinblastina, dacarbazina
citotossicità anticorpo mediata
β2 microglobulina
carmustina, etoposide, citarabina, ciclofosfamide
bleomicina, etoposide, doxorubicina, ciclofosfamide, vincristina, procarbazina, prednisone
carmustina, etoposide, citarabina, melphalan
Linfoma di Burkitt
leucemia linfatica cronica a cellule B
coinvolgimento midollare
Leucemia Linfatica cronica/ Linfoma a piccoli linfociti
ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina, prednisone
citomegalovirus
ciclofosfamide, vincristina, prednisone
stadio clinico
chemioterapia
ciclofosfamide
ciclofosfamide, vincristina, prednisone
Linfomi diffusi a grandi cellule B
desametasone, cisplatino, Ara-C, prednisone
tempo libero da malattia
Virus Epstein-Barr
elettrocardiogramma
sopravvivenza libera da eventi
antigene di membrana epiteliale
European Organisation for Research and Treatment of Cancer
etoposide, metilprednisolone, Ara-C, cisplatino, prednisone
fludarabina, ciclofosfamide
[18F] fluorodesossiglucosio
tempo libero da secondo fallimento
tempo libero da progressione
sopravvivenza libera da fallimento
tempo libero da fallimento del trattamento
fludarabina, mitoxantrone
fludarabina, mitoxantrone, desametasone
Germinal centre B-cell like
German Hodgkin Study Group
Graft-versus-host disease
emoglobina
virus epatite B
virus epatite C
hematopoietic cell tranplantation-comorbidity index
chemioterapia ad alte dosi/ Terapia ad alte dosi
sindrome da immunodeficienza acquisita
High power field
Accademia Internazionale di Patologia
ifosfamide, carboplatino, etoposide
ifosfamide, epirubicina, vepesid
interferone
ifosfamide, gemcitabina, vinorelbina
Indice Prognostico Internazionale
Score Prognostico Internazionale
Ibridazione in situ
antigene comune leucocitario
Lattato deidrogenasi
Linfoma follicolare
4
LINEE GUIDA LINFOMI
LH
LNH
LoDLIN
LPL
MAC
MCL
MDC
MINE
MOPP
MS
MZL
NRM
ORL
OS
PBL
PCR
PEL
PET
PFS
PG
PS
QOL
RC
RP
R-CHOP
R-CVP
R-CODOX-M/IVAC
REAL
R-FCM
R-FM
R-FND
RFS
R-HyperCVAD
RIC
R-IF, RT-IF
RIT
R-MCP
RMN
RT
SCT
sIPI
SPD
STANFORD V
TAC, TC
TB
TBI
TRM
UNL
VEBEP
VES
WHO
Linfoma di Hodgkin
Linfoma non Hodgkin
Longest diameter of the largest involved node
Linfoma linfoplasmacitico
CONDIZIONAMENTO mieloablativo
Linfoma mantellare
Mezzo di contrasto
Mitoxantrone, Ifosfamide, Etoposide
Mecloretamina, vincristina, procarbazina, prednisone
Malattia stabile
Linfoma marginale
Mortalità non correlata a ricaduta
Otorinolaringoiatra
Sopravvivenza globale
Linfoma plasmablastico
Reazione polimerasica a catena
Effusione linfoma tosa primaria
Tomoscintigrafia globale corporeaad emissione di positroni
Sopravvivenza libera da progressione
Progressione
Performance status
Qualità della vita
Remissione completa
Remissione parziale
Rituximab, ciclofosfamide, doxorubicina, vincristina e prednisone
Rituximab, ciclofosfamide, vincristina, prednisone
Rituximab, ciclofosfamide, vincristina, doxorubicina, metotrexate, ifosfamide, etoposide,
citarabina
Revised European-American Lymphoma
Rituximab, fludarabina, ciclofosfamide, mitoxantrone
Rituximab, fludarabina, mitoxantrone
Rituximab, fludarabina, mitoxantrone, desametasone
Tempo libero da recidiva
Rituximab, ciclofosfamide, vincristina, doxorubicina, desametasone
Condizionamento ad intensità ridotta
Radioterapia Involved Field
Radioimmunoterapia
Rituximab, mitoxantrone, clorambucile, prednisolone
Risonanza magnetica nucleare
Radioterapia
Trapianto cellule staminali
IPI alla recidiva o progressione
Somma dei prodotti dei diametri
Mecloretamina, doxorubicina, vinblastina, vincristina, bleomicina, etoposide, prednisone
Tomografia (assiale) computerizzata
Tumor burden
Irradiazione total body
Mortalità correlata al trattamento
Limite normale superiore
Vinorelbina, endoxan, bleomicina, epirubicina, prednisone
Velocità di eritrosedimentazione
World Health Organization
5
LINEE GUIDA LINFOMI
Come leggere le raccomandazioni *
Le raccomandazioni cliniche fondamentali vengono presentate in tabelle e vengono corredate dalla qualità
delle evidenze a supporto e dalla forza della raccomandazione
Nel caso in cui la qualità delle evidenze è stata valutata con metodologia SIGN (Scottish Intercollegiate
Guidelines Network) la riga d’intestazione della tabella è verde, mentre è in arancione nel caso di
applicazione del metodo GRADE (v. capitolo specifico alla fine di ogni linea guida).
Qualità dell’evidenza
SIGN (1)
Raccomandazione clinica (3)
Forza della
raccomandazione
clinica (2)
B
Nel paziente oncologico in fase avanzata di malattia,
con dolore di diversa etiologia, la somministrazione di
FANS e paracetamolo dovrebbe essere effettuata per
periodi limitati e con attenzione ai possibili effetti
collaterali.
Positiva debole
(1) Qualità dell’evidenza SIGN: PRECEDE LA RACCOMANDAZIONE
Nell’approccio SIGN, la qualità delle evidenze a sostegno della raccomandazione veniva valutata tenendo
conto sia del disegno dello studio sia di come esso era stato condotto: il Livello di Evidenza veniva riportato
nel testo a lato della descrizione dei soli studi ritenuti rilevanti a sostegno o contro uno specifico intervento.
Livelli di Evidenza SIGN
1
Revisioni sistematiche e meta-analisi di RCT o singoli RCT
1 ++
Rischio di bias molto basso.
1+
Rischio di bias basso.
1Rischio di Bias elevato -> i risultati dello studio non sono affidabili.
Revisioni sistematiche e meta-analisi di studi epidemiologici di caso/controllo o di coorte o
2
singoli studi di caso/controllo o di coorte.
Rischio di bias molto basso, probabilità molto bassa di fattori confondenti, elevata probabilità
2 ++
di relazione causale tra intervento e effetto.
Rischio di bias basso, bassa probabilità presenza fattori di confondimento, moderata probabilità
2+
di relazione causale tra intervento e effetto.
Rischio di Bias elevato -> i risultati dello studio non sono affidabili, esiste un elevato rischio che
2la relazione intervento/effetto non sia causale.
3
Disegni di studio non analitici come report di casi e serie di casi.
4
Expert opinion.
La Qualità Globale delle Evidenze SIGN veniva quindi riportata con lettere (A, B, C ,D) che sintetizzavano il
disegno dei singoli studi, unitamente all’indicazione sulla diretta applicabilità delle evidenze e alla eventuale
estrapolazione delle stesse dalla casistica globale.
Ogni lettera indicava la “fiducia” nell’intero corpo delle evidenze valutate a sostegno della
raccomandazione; NON riflettevano l’importanza clinica della stessa e NON erano sinonimo della forza
della raccomandazione clinica.
6
LINEE GUIDA LINFOMI
Qualità Globale delle Evidenze SIGN
Almeno una meta-analisi o revisione sistematica o RCT valutato 1++ e direttamente
applicabile alla popolazione target oppure
A
Il corpo delle evidenze disponibili consiste principalmente in studi valutati 1+
direttamente applicabili alla popolazione target e con risultati coerenti per direzione e
dimensione dell’effetto
Il corpo delle evidenze include studi valutati 2++ con risultati applicabili direttamente
alla popolazione target e con risultati coerenti per direzione e dimensione dell’effetto.
B
Evidenze estrapolate da studi valutati 1++ o 1+
C
Il corpo delle evidenze include studi valutati 2+ con risultati applicabili direttamente
alla popolazione target e con risultati coerenti per direzione e dimensione dell’effetto.
Evidenze estrapolate da studi valutati 2++
Evidenze di livello 3 o 4
D
Evidenze estrapolate da studi valutati 2+
Dal 2016 le LG AIOM hanno abbandonato il SIGN in quanto quest’ultimo ha deciso di integrare il
GRADE come metodo per la sola valutazione della qualità delle evidenze suddivisa in quattro livelli:
MOLTO BASSA, BASSA, MODERATA, ALTA*.
Per raccomandazioni prodotte dal 2016, infatti, la tabella delle raccomandazioni subisce delle leggere
modifiche e si avvicina a quella derivante da tutto il processo formale GRADE.
Qualità Globale
delle evidenze
ALTA
Forza della
raccomandazione
clinica
Raccomandazione
I pazienti con tumore pN+ oppure sottoposti a intervento
resettivo senza adeguata linfoadenectomia (<D2) o anche R1
devono essere sottoposti a radiochemioterapia adiuvante
(68,73)
Positiva forte
(2) LA FORZA DELLA RACCOMANDAZIONE CLINICA
La forza della raccomandazione clinica viene graduata in base all’importanza clinica, su 4 livelli:
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva Forte
Positiva Debole
Terminologia
Significato
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx dovrebbe essere
preso inconsiderazione come opzione
terapeutica di prima intenzione”
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx può essere preso in
considerazione come opzione
terapeutica di prima intenzione, in
alternativa a yyy”
L’intervento in esame dovrebbe essere
considerato come prima opzione terapeutica
(evidenza che i benefici sono prevalenti sui
danni)
L’intervento in esame può essere considerato
come opzione di prima intenzione,
consapevoli dell’esistenza di alternative
ugualmente proponibili (incertezza riguardo
alla prevalenza dei benefici sui danni)
7
LINEE GUIDA LINFOMI
Forza della
raccomandazione
clinica
Terminologia
Negativa Debole
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx non dovrebbe essere
preso in considerazione come opzione
terapeutica di prima intenzione, in
alternativa a yyy”
L’intervento in esame non dovrebbe essere
considerato come opzione di prima
intenzione; esso potrebbe comunque essere
suscettibile di impiego in casi altamente
selezionati e previa completa condivisione
con il paziente (incertezza riguardo alla
prevalenza dei danni sui benefici)
Negativa Forte
“Nei pazienti con (criteri di selezione)
l’intervento xxx non deve essere
preso inconsiderazione come opzione
terapeutica di prima intenzione”
L’intervento in esame non deve essere in
alcun caso preso in considerazione (evidenza
che i danni sono prevalenti sui benefici)
Significato
(3) LA RACCOMANDAZIONE CLINICA
Deve esprimere l’importanza clinica di un intervento/procedura. Dovrebbe essere formulata sulla base del
P.I.C.O.* del quesito (popolazione, intervento, confronto, outcome). In alcuni casi può contenere delle
specifiche per i sottogruppi, indicate con il simbolo √.
* La descrizione complete delle metodologie applicate alle LG AIOM e la modalità di formulazione del
quesito clinico sono reperibili sul sito www.aiom.it
SIGN= Scottish Intercollagiate Guidelines Network
GRADE= Grading of Recommendations Assessment, Development and Evaluation
Le informazioni complete relative al processo GRADE sono riportate nel capitolo successivo a quello delle
FIGURE.
8
LINEE GUIDA LINFOMI
1.
Parte generale
1.1
Epidemiologia dei linfomi
I Linfomi maligni rappresentano il quinto tipo di tumore per frequenza nel mondo occidentale, con una
incidenza pari a circa 19-20 casi per 100.000 abitanti.
L’incidenza dei linfomi è ampiamente influenzata da fattori geografici, razziali e temporali ed è superiore nei
paesi industrializzati, nei soggetti di sesso maschile e di razza bianca.
Dopo una fase epidemica che nei paesi occidentali ha portato ad un incremento dei casi di linfoma del 50%
circa dagli anni ‘70 agli anni ’90, numerosi studi concordano sul fatto che l’incidenza delle malattie
linfoproliferative si sia attualmente stabilizzata o registri solo incrementi minori.
Le cause del notevole incremento del passato sono sicuramente da ascrivere al miglioramento diagnostico, e,
almeno in alcune realtà, alla pandemia di infezione da HIV registrata negli anni ’80. In Italia si stima che
ogni anno vengano diagnosticati circa 16.000 nuovi casi di linfoma con un incremento annuo pari
all’ 1,3% [1].
Recentemente anche gli studi epidemiologici sulle malattie linfoproliferative stanno acquisendo la filosofia
dei sistemi classificativi REAL/WHO che considerano i linfomi come un insieme di entità clinico-biologiche
distinte. L’effetto è che anche dal punto di vista epidemiologico è stata documentata ampia variabilità tra i
diversi tipi di linfoma. Accanto ai linfomi follicolari e ai linfomi a grandi cellule, per i quali è descritto un
incremento di incidenza di circa 1,5%, è infatti riportata una riduzione dei casi di CLL del 2% circa [2].
Nonostante i soggetti di razza bianca registrino incidenza superiore per la maggior parte dei linfomi, altre
malattie linfoproliferative come i linfomi a cellule T sono più frequenti nella razza nera. Nei soggetti di razza
asiatica infine si registrano meno casi di CLL/SLL e di linfoma di Hodgkin [2].
1.2 La diagnosi istopatologica
La biopsia linfonodale è da considerarsi il “gold standard” nella diagnosi di linfoma. La diagnosi di linfoma
infatti, è usualmente posta su sezioni istologiche ottenute da campioni linfonodali escissi chirurgicamente.
Quando non si apprezzano linfonodi superficiali patologici, l’agobiopsia con ago grosso (Tru-cut) eco/TAC
guidata è un’alternativa valida alla chirurgia diagnostica.
Il campione bioptico è utilizzabile per un’ampia gamma di indagini, dalla istopatologia convenzionale, agli
accertamenti immunoistochimici, agli studi di citometria a flusso e di genetica molecolare. A differenza
dell’aspirazione con ago sottile (fine-needle), l’agobiopsia con ago grosso (Tru-cut) eco/TAC guidata ha il
vantaggio di fornire un campione istologico anziché uno striscio citologico.
La procedura con agobiopsia eco/TAC guidata è anche un metodo efficace per accertare ripresa di malattia o
progressione di malattia in pazienti con diagnosi di linfoma già stabilita in precedenza [3].
Una corretta diagnostica dei linfomi maligni è fondata sull’appropriato trattamento del tessuto da esaminare,
sull’istituzione di una refertazione standardizzata, sull’applicazione di principi classificativi moderni e sulle
definizioni di requisiti minimi.
1.2.1 Trattamento dei campioni bioptici tissutali da esaminare
Linee guida molto precise per il trattamento dei vari tessuti interessati da un linfoma sono state fornite dal
Gruppo Italiano di Ematopatologia (GIE) [4] e sono reperibili sul sito della Società Italiana di Anatomia
Patologica e Citodiagnostica/Divisione Italiana dell’International Academy of Pathology (SIAPEC/IAP)
all’indirizzo www.siapec.it [5].
In linea di principio, si consiglia l’invio immediato a fresco del campione bioptico al Patologo, affinché
quest’ultimo possa procedere alla criopreservazione di una parte di questo ed all’ottimale trattamento del
restante.
9
LINEE GUIDA LINFOMI
1.2.2 Istituzione di una refertazione standardizzata
Standardizzare la refertazione è il mezzo ottimale per assicurare che il referto patologico diagnostico includa
le informazioni necessarie per il trattamento del paziente, l’accertamento di fattori prognostici e predittivi, il
grading, lo staging, l’analisi degli outcome e i codici di registrazione tumorale [6].
Le informazioni minime da includere nel referto diagnostico finale sono:
A. le principali e pertinenti informazioni clinico-anamnestiche;
B. la descrizione macroscopica;
C. le seguenti informazioni diagnostiche:
1. Tipo istologico. L’Associazione Italiana di Oncologia Medica raccomanda l’uso della WHO
Classification of Tumors of the Hematopoietic and Lymphoid Tissues [7]. L’assegnazione di varianti
morfologiche o cliniche é considerata opzionale per molti scopi clinici. Se viene utilizzata una
classificazione alternativa, questa deve essere specificata nella diagnosi.
2. Studi speciali ad es. immunoistochimica, studi di genetica molecolare, virologici e citogenetici; la
diagnosi o il commento dovrà contenere una frase che riguarda questi studi e le loro implicazioni
diagnostiche.
1.2.3. Principi diagnostico-classificativi
I linfomi corrispondono a diverse distinte entità patologiche, la cui diagnosi richiede la conoscenza dei
seguenti fattori:
- Morfologici;
- Profili fenotipici;
- Caratteristiche molecolari e citogenetica;
- Informazioni cliniche.
Tale assunto è stato fatto proprio dalla WHO, che lo ha codificato in due edizioni successive della “WHO
Classification of Tumours of the Haematopoietic and Lymphoid Tissues”, delle quali la più recente é
divenuta disponibile fra la fine del 2008 e l’inizio del 2009 [7].
“Neoplasia in situ” è un concetto ben consolidato nei tumori epiteliali. Solitamente questo è il primo step nel
processo di accumulo di eventi genetici e molecolari che portano allo sviluppo e alla progressione del
tumore. Negli ultimi anni, il concetto “neoplasia in situ” è stato trasferito anche nell’ambito dei linfomi.
La Classificazione WHO del 2008 ha collocato il tema delle lesioni in situ tra i primi eventi nell'evoluzione
della neoplasia linfoide [7]. In queste lesioni le cellule neoplastiche sono localizzate "nella sede" che è
occupata dalla controparte normale della cellula tumorale, senza invasione delle strutture circostanti. I
linfomi in situ sono stati riconosciuti sia per il linfoma follicolare che per il linfoma mantellare [7].
Per i linfomi HIV-associati si può fare riferimento al recente lavoro di Carbone e Colleghi [8].
I linfomi più comuni che insorgono in presenza di immunosoppressione associata ad HIV includono oggi il
linfoma di Burkitt (BL) e il linfoma B diffuso a grandi cellule (DLBCL). È interessante notare, tuttavia, che
linfomi che insorgono specificamente nei pazienti HIV positivi comprendono l’effusione linfomatosa
primaria (PEL) (Linfoma delle cavità sierose) e la sua variante solida, il linfoma KSHV-associato correlato
con la malattia di Castleman, e il linfoma plasmablastico (PBL), del cavo orale. La frequenza dei vari
sottotipi di linfomi HIV-associati è la seguente: 50% per il DLBCL, 40% per il BL, e 10% per tutti gli altri
sottotipi. Tra questi ultimi, sia il PEL che il PBL rappresentano il 3% ciascuno.
10
LINEE GUIDA LINFOMI
1.2.4. Nuovi principi di classificazione (ancora da sottoporre a verifica clinica)
Recenti progressi nella comprensione dei meccanismi immunogenetici e nella conoscenza delle alterazioni
genetico molecolari delle neoplasie ematopoietiche e in particolare linfoidi hanno consentito un approccio su
base patogenetica della loro classificazione. Molti linfomi sono considerati distinte entità dal momento che
hanno profili immunofenotipici caratteristici e alterazioni genetiche note e pertanto possono essere
identificati attraverso tecniche di laboratorio disponibili diffusamente.
La revisione 2016 della Classificazione WHO [9], originariamente pubblicata nel 2008, 1) meglio definisce
alcune categorie (per esempio, le neoplasie follicolari o mantellari in situ, i linfomi diffusi a grandi cellule, il
linfoma di Hodgkin a predominanza linfocitaria); 2) conferma e riconosce categorie che nella versione del
2008 erano state definite “provvisorie” (per esempio, il linfoma a cellule B, non classificabile, con aspetti
intermedi fra il linfoma diffuso a grandi cellule e il linfoma di Hodgkin classico); 3) introduce nuove entità
provvisorie (per esempio, il linfoma a grandi cellule B con riarrangiamento di IRF4/MUM1, il linfoma di
Burkitt con aberrazione dell’11q – privo di riarrangiamento di MYC).
Di seguito menzioneremo in breve soltanto le modifiche principali concernenti il linfoma follicolare, il
linfoma diffuso a grandi cellule B, i linfomi a cellule B ad alto grado ed il linfoma di Hodgkin.
Linfoma follicolare: viene dato il nuovo nome di “neoplasia follicolare in situ” al già chiamato linfoma
follicolare in situ, perché il nuovo termine meglio riflette il basso rischio di progressione al linfoma franco.
Vengono riconosciute come entità distinte il “linfoma follicolare di tipo duodenale”, una forma localizzata
con basso rischio di disseminazione, ed il “linfoma follicolare di tipo pediatrico” una proliferazione clonale
localizzata con prognosi eccellente, in bambini e giovani adulti.
Linfoma diffuso a grandi cellule: recenti studi di next generation sequencing hanno dimostrato un profilo di
alterazioni rappresentate differenzialmente nei due sottotipi germinal center B-cell like (GCB) (alterazione in
EZH2, traslocazione di BCL2, mutazione in GNA13) e non GCB, chiamato activated B cell (ABC)
(mutazioni in MYD88, CD79A, CARD11, TNFAIPA3 attivanti i pathways BCR e NFKB). Pertanto, si
conferma la suddivisione dei linfomi diffusi a grandi cellule, NAS nei due gruppi GCB e non GCB (ABC).
Tale distinzione, che può essere affidabilmente riconosciuta attraverso un algoritmo immunoistochimico, può
influenzare la terapia. Nei linfomi diffusi a grandi cellule, NAS la coespressione di MYC e BCL2 (double
expressor lymphoma) è considerato un nuovo marcatore prognostico. Il termine linfoma diffuso a grandi
cellule, NAS EBV+ sostituisce il termine linfoma diffuso a grandi cellule dell’anziano, dal momento che tale
linfoma può presentarsi in pazienti più giovani.
Linfomi a cellule B ad alto grado: una nuova categoria è introdotta per designare i linfomi a cellule B ad alto
grado con espressione di “double” o “triple hit”. La nuova categoria viene definita come linfoma a cellule B
ad alto grado con traslocazione di MYC e di BLC2 e/o BCL6. Accanto a questa nuova categoria è presente
un’altra categoria di linfoma a cellule B ad alto grado, NAS cioè mancante delle traslocazioni di MYC e di
BLC2 e BCL6, che include linfomi a cellule B, a grandi cellule con morfologia blastoide e sostitutisce la
categoria WHO 2008 del linfoma a cellule B non classificabile con aspetti intermedi fra il linfoma diffuso a
grandi cellule ed il linfoma di Burkitt.
Linfoma di Hodgkin: nel linfoma di Hodgkin a predominanza linfocitaria nodulare vengono riconosciute le
varianti di pattern di crescita che includono anche la quantità delle cellule tumorali (rare vs numerose) e la
loro distribuzione dominante (in sede intranodulare vs extranodulare). Le varianti devono essere riportate nel
referto diagnostico, in quanto sono associate a differenti connotazioni cliniche. Viene ribadito che il linfoma
di Hodgkin classico “lymphocyte rich” presenta aspetti intermedi fra il linfoma di Hodgkin a predominanza
linfocitaria ed altri sottotipi del linfoma di Hodgkin classico, in termini di fenotipo della cellula tumorale e di
background.
La revisione 2016 della Classificazione WHO pubblicata nel 2008, tratta anche di altre entità linfomatose a
cellule T e neoplasie istiocitiche/dendriche che non sono oggetto di considerazione delle presenti linee guida.
11
LINEE GUIDA LINFOMI
1.2.5. Requisiti minimi
Requisiti minimi in immunoistochimica
Si raccomanda di usare un algoritmo fenotipico basato sugli anticorpi inclusi nel panello rappresentato nella
Figura a. Tale pannello offre un aiuto cruciale nel riconoscimento diagnostico e nella classificazione precisa
della maggior parte dei linfomi a cellule B. Si ricorda tuttavia che non sono rari i casi in cui si osservano
eccezioni ai fenotipi standard [10].
Figura a. Algoritmo immunofenotipico per la classificazione delle principali neoplasie linfoidi a cellule B mature
Requisiti minimi in studi di genetica molecolare
Si raccomanda di ottenere informazioni diagnostiche sulla clonalità dell’infiltrato linfoide (B o T cellulare)
attraverso:
Lo studio dell’espressione delle catene leggere K/λ mediante ISH (quando appropriato);
Lo studio dei riarrangiamenti dei geni che codificano per le immunoglobuline e/o il T-cell receptor
mediante PCR.
Requisiti minimi in studi virologici
Occorre almeno poter disporre di:
Definizione dell’infezione da Epstein-Barr virus mediante ISH;
Definizione dell’infezione da HHV8 mediante immunoistochimica.
Requisiti minimi in studi citogenetici
Allo stato attuale non previsti; è obbligatorio servirsi di un laboratorio di riferimento.
12
LINEE GUIDA LINFOMI
2.
Linfomi diffusi a grandi cellule B
2.1 Epidemiologia
I linfomi diffusi a grandi cellule B (DLBCL) rappresentano il sottogruppo più frequente di linfoma non
Hodgkin (LNH) pari a circa il 30% di tutti i LNH. Dai dati del registro tumori di Modena [1] relativi al
periodo 1997-2003, per i DLBCL risulta un’incidenza standardizzata per età pari a 4.8 casi/100.000
persone/anno (dati registro tumori 2000-2003, www.registro-tumori.it).
2.2 Classificazione istopatologica e Diagnosi Multidimensionale
Nell’ambito dei casi che rispondono ai criteri diagnostici dei DLBCL, mancano aspetti patologici utili a
stratificare ulteriormente i pazienti al fine di predire la prognosi, la risposta alla terapia, e in futuro la scelta
stessa del trattamento. Recentemente, grazie allo studio dei profili di espressione genica, sono stati descritti
tre principali sottotipi di DLBCL definiti “GCB”, “ABC” e “Mediastinici” sulla base delle analogie con
un’ipotetica cellule d’origine, che presentano una diversa prognosi [11].
Il gruppo di pazienti con GCB DLBCL ha una sopravvivenza analoga al sottotipo “mediastinco” e
significativamente migliore rispetto al gruppo ABC (OS 60% VS 35%, p < 0.0001) [12]. Uno studio del
gruppo di Rosenwald ha registrato una più alta percentuale del sottotipo ABC nei pazienti di età superiore ai
60 anni [11]. Questo dato è stato confermato da uno studio retrospettivo condotto da Mareschal et al su 131
pazienti di età superiore ai 50 anni (età media alla diagnosi di 68 anni) riportando un significativo aumento
del sottotipo ABC all’aumentare dell’età [13]. Simili risultati sono stati ottenuti dall’analisi dei dati dello
studio di Lenz [14].
Sono stati fatti numerosi tentativi per replicare con tecnica immunistochimica la suddivisione dei DBLCL in
base alla cellula d’origine ottenuta con lo studio di espressione genica ma i risultati sono stati
insoddisfacenti. Ad oggi non esistono raccomandazioni per utilizzare il sottotipo DLBCL nella pratica
clinica.
Nell’ambito dei DLBCL vanno inoltre aggiunte le forme “non classificabili” con caratteristiche intermedie
tra DLBCL e linfomi di Burkitt (BL), o B-UNC/BL/DLBCL. Queste forme hanno tipicamente un cariotipo
complesso mostrando la doppia traslocazione bcl2 e C-MYC. Questi casi sono denoiminati “double hit”, e
presentano dal punto di vista clinico una prognosi significativamente più infausta rispetto agli altri DLBCL.
Classificazione WHO [7]:
VARIANTI
Varianti morfologiche comuni
• Centroblastico
• Immunoblastico
• Anaplastico
Varianti morfologiche rare
SOTTOGRUPPI
Sottogruppi molecolari
• Germinal centre B-cell-like (GBC)
• Activated B-cell like (ABC)
Mediastinal DLBCL
• Inclassificabili DLBCL- Burkitt o “double hit”
Sottogruppi immunoistochimici
• CD5-positive DLBCL
• Germinal centre B-cell-like (GBC)
• Non-germinal centre B-cell-like (non-GBC)
13
LINEE GUIDA LINFOMI
SOTTOTIPI/ENTITA’
Linfoma a grandi cellule B ricco in istiociti e cellule T
Linfoma diffuso a grandi cellule B primitivo del sistema nervoso centrale
Linfoma diffuso a grandi cellule B primitivo cutaneo, leg type
Linfoma diffuso a grandi cellule B dell’anziano EBV positivo
Altri linfomi a grandi cellule B
• Linfoma a grandi cellule B primitivo del mediastino (timico)
• Linfoma a grandi cellule B intravascolare
• Linfoma diffuso a grandi cellule B associato a infiammazione cronica
• Granulomatosi linfomatoide
• Linfoma a grandi cellule B ALK-positivo
• Linfoma plasmablastico
• Linfoma a grandi cellule B in soggetti con malattia di Castleman multicentrica associata a infezione
KSHV
• Linfoma delle cavità sierose (Primary effusion Lymphoma)
CASI BORDERLINE
Linfoma a cellule B, non classificabile, con caratteristiche intermedie tra linfoma diffuso a grandi cellule
B e linfoma di Burkitt, o “double hit” .
Il linfoma di Burkitt a istologia intermedia o i DLBCL CD10+ con un indice di proliferazione >90% con
o senza caratteristiche simili al linfoma di Burkitt possono essere considerati per trattamenti più
aggressivi come per il BURK-A. Per questi casi sarebbe appropriatao valutare i riarrangiamenti di BCL2,
BCL6 e MYC.
Linfoma a cellule B, non classificabile, con caratteristiche intermedie tra linfoma diffuso a grandi cellule
B e linfoma di Hodgkin classico, o “gray zone lymphoma”
DIAGNOSI MULTIDIMENSIONALE
• Adeguata immunofenotipizzazione per stabilire la diagnosi
• IHC panel: CD20, CD3, CD5, CD10,CD45, BCL2, BCL6, Ki67, IRF4/MUM1
oppure
• Analisi dei marker cellulari di superficie mediante citometria a flusso:
Kappa/Lamba, CD45, CD3, CD5, CD19, CD10, CD20
UTILE IN DETERMINATE CIRCOSTANZE
• Studi immunoistochimici addizionali per stabilire il sottotipo di linfoma
• IHC panel: CCND1, Kappa/Lambda, CD138, EBER-ISH, ALK, HHV8
• Analisi molecolari per ricercare riarrangiamenti genici dei recettori degli antigeni; riarrangiamenti
CCND1, BCL2, BCL6, MYC mediante FISH o IHC
• Citogenetica o FISH: t(14;18); t(8;14).
2.3 Stadiazione clinica
La valutazione pre-trattamento di un paziente con nuova diagnosi di DLBCL prevede le indagini elencate
nella Tabella 1, che permettono l’identificazione dello stadio di malattia come definito dalla classificazione
di Ann Arbor/Cotswold [15].
14
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella 1. Indagini pre-trattamento per un paziente con nuova diagnosi di DLBCL (segue)
* v paragrafo 2.4
ESAME
Anamnesi ed esame obiettivo
INDICAZIONE
NOTE
Obbligatori
Emocromo e chimica clinica inclusi LDH
Obbligatori
e sierodiagnosi per HBV, HCV, HIV
Biopsia osteomidollare monolaterale
Obbligatoria
dalla cresta iliaca posteriore
Rx torace standard in 2 proiezioni
Obbligatoria
TC collo torace addome-pelvi con MDC
Obbligatoria
PET total body
Altamente raccomandata
Valutazione ORL
Altamente raccomandata
ECG + visita cardiologica
Obbligatori
Ecocardiogramma o MUGA scan per
valutazione della frazione di eiezione
Obbligatorio
TC/RMN cerebrale, scintigrafia
scheletrica, ecografia testicolare, studio
radiologico e/o endoscopico del tratto
gastroenterico
Situazioni particolari
In base alla sede di insorgenza
Obbligatorio
in situazioni particolari
Presentazioni a rischio di
diffusione meningea: SNC,
testicolo, regioni
paravertebrali/vertebrali, seni
paranasali, palato duro, midollo
osseo, IPI intermedio-alto o alto
rischio* con LDH elevate e
localizzazione in due o più sedi
extranodali
Esame citologico chimico-fisico del
liquido cefalo-rachidiano
RMN in caso di intolleranza/
controindicazione al MDC
A tutti i pazienti giovani in età fertile devono essere resi noti i rischi di infertilità connessi alla chemioterapia
e la necessità di evitare una gravidanza nel periodo del trattamento e almeno nei due anni successivi. Devono
essere quindi proposti l’assunzione di estroprogestinico oppure la criopreservazione di tessuto
ovarico/ovociti e, rispettivamente, la criopreservazione del liquido seminale.
2.4 Suddivisione in gruppi prognostici
I DLBCL vengono suddivisi in gruppi prognostici in base all’Indice Prognostico Internazionale (IPI) [16] e
all’ IPI “aggiustato per età” (age-adjusted IPI, aa IPI). I fattori che contribuiscono al calcolo dell’IPI sono:
Età > 60 anni,
LDH sieriche > UNL,
Performance status > 2,
Stadio Ann Arbor III-IV,
Coinvolgimento > 1 sede extranodale.
15
LINEE GUIDA LINFOMI
I fattori di rischio invece per il calcolo dell’aaIPI sono:
LDH sierica > UNL,
Performance status > 2,
Stadio Ann Arbor III-IV.
Le tabelle seguenti (Tabella 2; Tabella 3) illustrano la suddivisione in gruppi prognostici e le relative
probabilità di RFS e OS in base all’IPI e all’aaIPI.
Tabella 2. Indice Prognostico Internazionale
Gruppo di rischio
N fattori
%RFS 5 anni
% OS 5 anni
BASSO
0-1
70
73
BASSO-INTERMEDIO
2
50
51
ALTO-INTERMEDIO
3
49
43
ALTO
4-5
40
26
Tabella 3. IPI aggiustato per età (aaIPI) , per pazienti di età < 60 anni
Gruppo di rischio
N fattori
%RFS 5 anni
% OS 5 anni
BASSO
0-1
73
77
INTERMEDIO
2
66
51
ALTO
3
22
30
2.5 Trattamento dei DLBCL
2.5.1 Scelta del regime R-CHOP
Il paziente con linfoma diffuso a grandi cellule B deve essere avviato a una chemioterapia contenente
antracicline e associata a rituximab.
Lo studio randomizzato del gruppo francese GELA [17] (Livello di evidenza 1++) ha confrontato 8 cicli
CHOP e 8 cicli CHOP + rituximab (R-CHOP) in 399 pazienti di età compresa tra 60 e 80 anni. A 10 anni di
follow-up, l’aggiunta di rituximab allo schema R-CHOP ha migliorato la sopravvivenza libera da
progressione e la sopravvivenza globale del 6%, e la sopravvivenza libera da malattia per i pazienti con
remissione completa del 22%. Analoghe le conclusioni del gruppo della Mayo Clinic [18] (Livello di
evidenza 1++), in cui l’aggiunta del rituximab, somministrato simultaneamente o successivamente a CHOP,
ha conferito un vantaggio in termini di sopravvivenza libera da progressione del 30% circa a due anni.
Nell’analisi di popolazione effettuata dai ricercatori della British Columbia Cancer Agency sono stati
confrontati i risultati terapeutici di 140 pazienti con DLBCL in stadio avanzato trattati con CHOP nei 18
mesi precedenti l’introduzione del rituximab nella pratica clinica e 152 trattati con R-CHOP nei primi 18
mesi dopo l’introduzione. Si è evidenziato un incremento della sopravvivenza globale dal 53% al 77% e
della sopravvivenza libera da progressione dal 52% al 71%. Il vantaggio dell’aggiunta di rituximab è stato
indipendente dall’età < o > 60 anni [19] (Livello di evidenza 2++).
Nello studio randomizzato MinT (Mabthera International trial) [20] (Livello di evidenza 1++), 823 pazienti
di età < 61 anni con DLBCL a basso rischio (IPI 0-1) hanno ricevuto 6 cicli CHOP (o CHOP-like o regimi di
III generazione) versus i medesimi regimi con l’aggiunta di rituximab. Quest’ultima ha determinato un
incremento della EFS del 18% (74 vs 56%) e della OS del 10% (90% vs 80%) a sei anni di follow up.
Il gruppo tedesco [21] (Livello di evidenza 1++) ha confrontato, in pazienti anziani tra 61 e 80 anni, il
trattamento con CHOP somministrato ogni 14 giorni (CHOP 14) con R-CHOP sempre somministrato ogni
14 giorni (R-CHOP 14) per sei vs otto cicli.
16
LINEE GUIDA LINFOMI
L’aggiunta di rituximab a 6 cicli di CHOP 14 ha determinato un incremento di EFS del 19.3 % (66.5 vs
47.2%) e di OS del 10.4% (78.1% vs 67.1%) rispetto alla sola chemioterapia.
Nel primo decennio del nuovo millennio diversi gruppi hanno proposto la terapia dose-dense con R-CHOP
ogni 14 giorni. Più recentemente due studi randomizzati uno francese e uno inglese hanno riportato i dati di
confronto fra R-CHOP 21 con il dose-dense R-CHOP 14 senza trovare alcuna differenza significative tra le
due schedule in termini di PFS, OS e EFS. Si è confermata invece una maggiore tossicità midollare con
neutropenia di grado 3 o 4 nel braccio dose-dense che ha richiesto un maggiore utilizzo di G-CSF [22, 23].
In conclusione, in base agli studi randomizzati disponibili è possibile concludere che lo schema di
riferimento per il paziente anziano con DLBCL è rappresentato dall’ immunochemioterapia R-CHOP
somministrata per 6 cicli con intervallo interciclo di tre settimane seguita da 2 dosi aggiuntive di rituximab.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
Il regime R-CHOP dovrebbe essere utilizzato in tutti i pazienti
con DLBCL indipendentemente dal gruppo di rischio [17, 18,
20, 21].
Positiva forte
2.5.2 Stadi localizzati (I-II) favorevoli (IPI 0, non bulky) (Very favorable MiNT)
Due studi randomizzati hanno dimostrato una maggior efficacia terapeutica della chemio-radioterapia
rispetto alla sola chemioterapia. Nello studio SWOG [24] la sopravvivenza libera da progressione e la
sopravvivenza globale sono risultate significativamente migliori nei pazienti trattati con 3 CHOP seguiti da
radioterapia tipo involved fields con dosi di 36 Gy, rispetto ai pazienti trattati con sola chemioterapia (8
CHOP), pur in presenza di una progressiva riduzione di tale differenza ad una successiva e più recente
analisi [25].
Nello studio ECOG [26] 172 pazienti in remissione completa dopo 8 cicli CHOP sono stati randomizzati tra
radioterapia involved fields con dosi di 30 Gy e sola osservazione, con sopravvivenze libere da malattia a 6
anni rispettivamente pari al 73% e 56% (p=0.05).
La reale necessità di radioterapia al termine di un programma chemioterapico viene posta in discussione dai
risultati di due studi randomizzati francesi, condotti rispettivamente su pazienti giovani (chemioterapia
intensiva ACVBP) [27] e su pazienti anziani (4 cicli CHOP) [28], capaci di dimostrare analoghi risultati
terapeutici indipendentemente dall’aggiunta della radioterapia; questa risulta anzi in una sopravvivenza
globale inferiore per i pazienti anziani (> 69 anni), in relazione ad un possibile contributo di morbidità
iatrogena (involved fields 40 Gy); nei giovani, devono viceversa essere segnalati i possibili problemi di
tossicità tardiva (secondi tumori) di una chemioterapia dose-dense quale lo schema ACVBP.
Lo scenario attuale si è ulteriormente modificato in seguito all’aggiunta del rituximab alla chemioterapia
anche negli stadi localizzati.
E’ sicuramente corretto pensare a opzioni terapeutiche personalizzate definite sulla base del calcolo degli
score prognostici: IPI [16] e IPI modificato per gli stadi iniziali. Quest’ultimo si differenzia dall’IPI generale
solo per il fatto che lo stadio II è considerato un fattore prognostico sfavorevole rispetto allo stadio I [29, 30].
I pazienti in stadio localizzato (I e II1) e a buona prognosi (IPI 0), in assenza di malattia bulky (very
favorable MinT) hanno come standard terapeutico di riferimento una breve chemioimmunoterapia (3-4 cicli),
con regimi contenenti antracicline (R-CHOP o R-CHOP like), seguita da una radioterapia di consolidamento
con dosi di 30 Gy [31]. Infatti in uno studio inglese su 460 pazienti, che randomizzava 45 vs 30 Gy, non si
rilevano differenze in termini di incidenza di remissioni complete e durata di risposta (Livello di evidenza
1++). L’eventuale omissione della radioterapia nei pazienti in remissione completa, documentata anche
mediante ristadiazione funzionale (PET), non è attualmente da considerarsi convenzionale al di fuori di uno
studio clinico controllato, sottolineando peraltro come l’eventuale alternativa ad una radioterapia di
consolidamento debba prevedere un numero di cicli totale di chemioterapia decisamente maggiore a quello
di una strategia combinata (6 cicli versus 3-4 cicli).
17
LINEE GUIDA LINFOMI
Va ancora ricordato che da una parte la maggior parte degli studi randomizzati relativi al ruolo della
radioterapia appartengono all’era “pre-rituximab”, ma dall’altra non vi sono ancora molti dati riguardo
l’omissione della radioterapia dopo R-CHOP [32]. Oltre al già citato studio di Lowry et al, un lavoro
retrospettivo dell’MDACC relativo a 469 pazienti affetti da DLCL (190 dei quali in stadio iniziale) e trattati
con R-CHOP ± radioterapia, ha dimostrato il ruolo protettivo della radioterapia di consolidamento (eseguita
in 142 pazienti) sia in termini di PFS che di OS [33].
Qualità
dell’evidenza
SIGN
B
Raccomandazione clinica
Nei pazienti in stadio localizzato I e II e con IPI 0 in assenza di
malattia bulky possono essere somministrati 3-4 cicli di
chemioimmunoterapia (R-CHOP 21) seguiti da radioterapia IF
con dosi di 30 Gy, se le localizzazioni di malattia risultano
includibili in volumi radioterapici ragionevoli (stadi I e II1)
[31].
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
√ In alternativa, secondo la presentazione clinica, può essere
utilizzato un ciclo completo di chemioimmunoterapia RCHOP 21 per 6 cicli senza radioterapia.
2.5.3 Stadi avanzati favorevoli (III-IV, IPI 1) e stadi iniziali sfavorevoli (bulky e/o IPI 1)
Il trattamento standard dei pazienti in stadio III-IV oppure I-II sfavorevole (bulky e/o incremento LDH e/o
compromissione del PS) è rappresentato da 6-8 cicli di chemio-immunoterapia secondo schema RCHOP/CHOP-like [34] (Livello di evidenza 1++) che attualmente è il regime terapeutico con il miglior
rapporto costo-beneficio (vedi studio MinT paragrafo 2.5.1). Il vantaggio di R-CHOP rispetto a CHOP si
mantiene anche quando il rituximab è associato allo schema CHOP eseguito ad intervalli ridotti (RCHOP14) nel paziente anziano [21, 35].
Il gruppo francese GELA ha randomizzato 379 pazienti con aaIPI pari a 1 a ricevere R-CHOP oppure
trattamento intensificato con R-ACVBP e successiva intensificazione e ha osservato un vantaggio per il
gruppo trattato con terapia intensificata in termini sia di EFS che di PFS che di OS [36]. Tuttavia, due grandi
studi randomizzati, uno francese e uno inglese, concludono che una volta inserito il rituximab la superiorità
della terapia dose dense (R-CHOP 14) rispetto allo standard (R-CHOP 21) non è confermata [22, 23].
Nel paziente in stadio localizzato sfavorevole la chemioimmunoterapia R-CHOP è seguita dalla radioterapia
IF sulle sedi originali di malattia, con dosi totali di 30 Gy in frazionamento convenzionale [24-26, 32]
(Livello di evidenza 1++). L’eventuale omissione della radioterapia in base alla risposta PET non è
attualmente da considerasi convenzionale al di fuori di uno studio clinico controllato [37].
In assenza di studi clinici randomizzati ben disegnati a valutare il reale contributo terapeutico nella malattia
avanzata, il ruolo della radioterapia quale consolidamento post-chemioterapia è attualmente discusso ed
appare limitato, in assenza di dati certi che ne possano sostenere un impiego routinario. In casi selezionati di
persistenza localizzata di malattia, la radioterapia potrebbe avere un ruolo importante nell’eventuale
conversione in RC: le dosi consigliate sono di 36-40 Gy, in frazionamento convenzionale, da somministrare
a circa 4 settimane dalla fine del programma chemioterapico su volumi che tengano conto della
presentazione iniziale, della risposta alla chemioterapia e del residuo di malattia valutabile all’imaging
morfologico e/o funzionale.
Per quanto riguarda il consolidamento della risposta (RC al termine della chemioimmunoterapia), nei
pazienti con linfoma in stadio localizzato, rimane ancora da chiarire il reale contributo dell’irradiazione delle
lesioni inizialmente bulky (diametro massimo compreso tra 5 e 10 cm). In un’analisi “esplorativa” sugli 823
pazienti trattati nel protocollo MinT, il gruppo tedesco conclude che il rituximab riduce il rischio di recidiva
legato alle dimensioni massime della massa tumorale, ma non lo annulla: qualsiasi cut-off dimensionale
18
LINEE GUIDA LINFOMI
compreso tra 5 e 10 cm di diametro massimo della massa tumorale separa due catorie prognosticamente
differenti; per convenzione, e in considerazione dei dati storici, viene confermato il limite dei 10 cm [38]; al
riguardo, l’indicazione al trattamento radioterapico è spesso condizionata nel singolo caso da valutazioni
relative al rapporto rischio-beneficio (sede, età, pattern di risposta) (Livello di evidenza 2++). Nell’era PET,
recenti segnalazioni suggeriscono l’indicazione a irradiare le singole regioni con captazione residua
indipendentemente dall’estensione bulky all’esordio: si tratta tuttavia di valutazioni retrospettive [39]. Le
dosi consigliate sono di 30-36 Gy, in frazionamento convenzionale, da somministrare a 4 settimane circa dal
termine della chemioterapia sulla presentazione iniziale bulky, tenendo però conto della risposta ed
aggiungendo adeguati margini.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
B
Raccomandazione clinica
I pazienti in stadio avanzato favorevole (II-IV, IPI 1) e in
stadio localizzato sfavorevole (stadio I-II con malattia bulky
e/o con IPI 1) dovrebbero essere trattati con 6-8 cicli di
chemioimmunoterapia (R-CHOP) [34].
In presenza di malattia Bulky alla diagnosi, alla fine della
chemioterapia può essere somministrata radioterapia IF sulla
sede Bulky in origine, con dosi totali di 30 Gy in
frazionamento convenzionale [24-26, 32].
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva debole*
* La forza della raccomandazione non può essere forte perché negli studi disponibili non è mai stata
utilizzata una valutazione della risposta con PET.
2.5.4 Stadi avanzati sfavorevoli (aaIPI>2) nel paziente di età < 65 anni
Il trattamento standard dei pazienti in stadio III-IV oppure I-II sfavorevole (bulky e/o incremento LDH e/o
compromissione del PS) è rappresentato da 6-8 cicli di chemio-immunoterapia secondo schema RCHOP/CHOP-like [34] (studio Mint vedi paragrafo 2.5.1) (Livello di evidenza 1++).
Per questo gruppo di pazienti, la cui prognosi rimane ancora grave, sono in corso trials clinici di confronto
tra regimi dose-dense, tipo R-CHOP14, e terapia ad alte dosi (high-dose chemotherapy, HDC) con supporto
di cellule staminali autologhe.
In letteratura sono presenti diversi studi randomizzati che hanno confrontato l’impiego della HDC in pazienti
considerati a cattiva prognosi sulla base della presenza di alcuni fattori prognostici ed in alcuni studi con una
post-hoc riclassificazione secondo IPI [40-55]. I risultati sono nel complesso contrastanti con alcuni studi che
hanno definito un vantaggio per l’uno o l’altro approccio terapeutico. Tali differenze sono dovute ai diversi
criteri di inclusione utilizzati e alle varie linee chemioterapiche di induzione somministrate, sia in termini di
dosi che di numero totale di cicli.
Due metanalisi hanno valutato l’impatto della HDC con supporto di cellule staminali autologhe [56, 57].
Dall’analisi di Strehl et al. [56] (11 studi randomizzati - 2228 pazienti), la mortalità globale non è risultata
significativamente differente tra i pazienti trattati con HDC o chemioterapia convenzionale; tuttavia quando
si è suddivisa la popolazione in sottogruppi (18 sottogruppi considerati), la HDC è risultata migliorare la
sopravvivenza nella popolazione considerata se: i) il drop-out nel braccio HDC era inferiore al 25% [40, 42,
47, 48, 51], ii) i pazienti con IPI intermedio-alto e alto ricevevano una terapia di induzione completa prima
della HDC [41, 46], iii) veniva applicata la terapia ad alte dosi sequenziale [48, 51].
In seguito tuttavia lo studio Mistral, pubblicato nel 2006 [58], non ha dimostrato un vantaggio della terapia
ad alte dosi sequenziale rispetto alla terapia convenzionale.
Nella metanalisi di Greb et al. [57, 59] (15 studi randomizzati - 2758 pazienti) la HDC non portava a un
miglioramento della OS; suddividendo però i pazienti in gruppi in base all’IPI, la HDC sembrava aumentare
la sopravvivenza di quelli ad alto rischio. Al contrario, la EFS non è risultata differente nei due gruppi di
rischio.
19
LINEE GUIDA LINFOMI
Infine, in uno studio di farmaco-economia effettuato sui dati generati da uno studio randomizzato [47], è
stato dimostrato che in pazienti a rischio intermedio-alto secondo l’IPI, la HDC rappresenta una terapia
migliore in termine di costo-efficacia rispetto alla terapia convenzionale [60].
In conclusione nel paziente giovane con aaIPI 2-3 la HDC è da considerarsi un’opzione adeguata a
discrezione dei curanti, anche se è auspicabile l’arruolamento in protocolli prospettici randomizzati.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
I pazienti in stadio avanzato sfavorevole (aaIPI 2-3 ) di età <65
anni dovrebbero essere trattati con 6-8 cicli di
chemioimmunoterapia (R-CHOP) [34].
Positiva forte
2.5.5 Pazienti non in remissione completa al termine della terapia di prima linea
In questi casi la non RC va considerata, di fatto, come un fallimento della terapia di prima linea e i pazienti
vanno pertanto avviati al trattamento di salvataggio.
Fanno eccezione i casi con RP caratterizzata da focale residuo di malattia alla PET. In una valutazione
retrospettiva del gruppo canadese di 196 pazienti trattati con 6 cicli R-CHOP e radioterapia sui residui PET
irradiabili, i casi irradiati hanno mostrato una FFP a 3 anni sovrapponibile a quella di pazienti in remissione
completa (PET negativa) dopo R-CHOP [61]. Pertanto nei casi con residuo PET unico e irradiabile al
termine della chemioimmunoterapia R-CHOP potrebbe essere indicata la radioterapia.
2.5.6 Terapia di salvataggio
I pazienti con malattia in recidiva o refrattaria alla prima linea vanno avviati a una chemioterapia di
salvataggio seguita, se la malattia si dimostra chemiosensibile, da HDC con supporto cellulare autologo [62]
(Livello di evidenza 1++). Lo studio PARMA, fase III randomizzato pubblicato nel 1995, riguarda 215
pazienti con linfoma aggressivo recidivato o refrattario, avviati a terapia di seconda linea. I 109 casi con
risposta parziale o completa dopi due cicli DHAP, sono stati assegnati a due ulteirori cicli DHAP oppure a
consolidamento ad alte dosi con supporto di cellule staminali. EFS e OS a 5 anni sono risultate
significativamente superiori per i pazienti del gruppo “alte dosi” (EFS 46 vs12%, p 0,001; OS 53 vs 32, p
0.038).
I risultati della sequenza CT di salvataggio-HDC sono stati stigmatizzati dallo studio randomizzato CORAL
[63], in cui per tutti i pazienti inclusi la OS e la PFS a 3 anni sono rispettivamente 49% e 37%. In questo
studio si conclude anche che non vi è differenza nell’uso dei diversi schemi di induzione RDHAP o RICE
prima del consolidamento ad alte dosi.
I fattori prognostici fondamentali nei pazienti con DLBCL recidivato-refrattario sono 1) la chemioresistenza
alla terapia di prima linea e la durata della risposta alla terapia di prima [63, 64] 2) la risposta alla terapia di
salvataggio [64, 65] 3) l’IPI alla recidiva o progressione [64, 66-70] 4) il precedente trattamento con
rituximab [63, 71, 72] 5) lo stato della malattia al momento del trapianto, valutato tramite PET [73-81].
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
Il paziente con linfoma recidivato/refrattario responsivo alla
terapia di salvataggio dovrebbe essere avviato al trattamento ad
alte dosi [62].
Positiva forte
20
LINEE GUIDA LINFOMI
2.5.7 Condizionamento: ruolo del rituximab e della radioimmunoterapia
Gli schemi utilizzati nei programmi di HDC sono variabili, senza che un condizionamento si sia dimostrato
superiore ad altri principalmente per la mancanza di studi randomizzati, tranne uno di confronto tra BEAM e
BEAC con un vantaggio di EFS e OS per BEAM. Per quanto riguarda gli schemi di condizionamento,
l’associazione BEAM rimane ancora il riferimento pur in assenza di studi randomizzati. Diversi studi hanno
riportato risultati sovrapponibili e tossicità accettabile con schemi analoghi come FEAM (con fotemustina) e
BEAM (con bendamustina). Nella tabella 4 sono riportati i principali studi in cui si confrontano i vari schemi
di condizionamento e nella tabella 5, i dati ottenuti in studi utilizzando schemi alternativi al BEAM. É da
notare che un solo studio ha preso in considerazione solo pazienti con DLBCL [82-94].
Tabella 4. Studi retrospettivi in cui BEAM é stato confrontato con altri regimi di condizionamento
Autore
Salar 2001
Jantunen 2003
Wang 2004
Puig 2006
Jo 2008
Zaucha 2008
Liu 2010
Kim 2011
N
Istologia
Schema
OS
PFS
TRM
365
DLBCL
CyTBI vs
≈30%
≈30%
14%
BEAM vs
BEAC vs
CBV
BEAM vs
BEAC
BEAM vs
CEB
BEAM vs
CBV
BEAM vs
BEAC
BEAM vs
BuMelTT
BEAM vs
CyTBI-E
BEAM vs
BuCyE
≈60%
≈50%
7%
65% vs
55%
84% vs
60%
/
55%
9% vs 3%
72% vs
58%
/
0 vs 11%
63% vs
32%
50% vs
65%
63% vs
53%
40% vs
40%
62% vs
28%
28% vs
50%
50% vs
50%
45% vs
40%
Schema
OS
PFS
TRM
CyTBI-E vs
BuMelTT
ivBuCyE
(vs
osBuCyE)
CyTBI-E vs
BuMelTT
44%
42%
32%
34%
16%
21%
58% vs
28%
17%
3% vs
28%
54% vs
63%
50% vs
50%
8% vs
4%
36 vs
36
20 vs
52
38 vs
75
28 vs
69
48 vs
59
46 vs
27
43 vs
22
Varie
Varie
Varie
Varie
Varie
Varie
Varie
7% vs 25%
7% vs 7%
0 vs 10%
2% vs 7%
4% vs
9%
Tabella 5. Risultati ottenuti con schemi alternativi al BEAM.
Autore
N
Istologia
351
Varie
Aggarwal 2006
31 vs
18
LNH
Liu 2010
26 vs
47
Varie
Musso 2010
84
Varie
FEAM
/
/
2.4%
Carella 2010
81
Varie
TEAM
/
85%
1%
Visani 2011
43
Varie
BeEAM
90%
70%
0
Gutierrez Delgado
2001
Tuttavia, in assenza di studi controllati, il regime BEAM rimane ancora lo schema di condizionamento di
riferimento prima della reinfusione delle cellule staminali autologhe.
21
LINEE GUIDA LINFOMI
Oggi è da considerarsi obsoleto un regime di condizionamento contenente TBI [95]. Di conseguenza, gli
schemi utilizzati comprendono diverse combinazioni di farmaci, principalmente alchilanti, antimetaboliti e
inibitori delle topoisomerasi, che risultano ben tollerati con una tossicità prevalentemente mucosa [96].
L’aggiunta di rituximab a dosi e con tempi di somministrazione variabili ha permesso di migliorare i risultati
clinici. Khouri et al [97] hanno confrontato i risultati ottenuti associando al BEAM il rituximab durante la
mobilizzazione, il condizionamento e anche dopo HDC. Con questo schema, rispetto a quanto osservato in
un gruppo senza rituximab, la DFS era 67% vs 43% e la OS era 80% vs 53%, in favore dello schema con
rituximab. Va tuttavia sottolineato che queste considerazioni sono state pubblicate in epoca precedente
all’uso sistematico del rituximab in prima e seconda linea, e pertanto potrebbe risultare oggi annullata la
differenza nell’uso di rituximab nella fase “pericondizionamento”.
Infine anche i radioimmunoconiugati (RIT), quali l’90Yittrio Ibritumomab (Zevalin) e il 131I Tositumomab
(Bexxar), iniziano ad essere integrati nel condizionamento prima della reinfusione delle cellule staminali
autologhe. Il razionale per l’uso dei RIT è nella supposta efficacia della radioterapia nell’eradicare le cellule
linfomatose, senza aumentare il danno su tessuti sani. In generale, finora sono stati pubblicati solo studi di
fase I e II che possono essere suddivisi in funzione della dose di RIT e della associazione o meno con
chemioterapici ed includendo popolazioni di pazienti con differenti istologie. I risultati sono promettenti in
termini di PFS e OS con tossicità moderata [98-101]. Si tratta di studi eterogenei per selezione dei pazienti,
dosaggio e schedula di somministrazione di RIT, pertanto difficilmente paragonabili tra loro con
conseguente difficoltà a trarne conclusioni solide. Pertanto l’aggiunta dei radioimmunoconiugati ai regimi di
condizionamento è da considerarsi solo nell’ambito di studi clinici controllati.
2.5.8 Trapianto allogenico
Il ruolo del trapianto allogenico nella strategia terapeutica del DLBCL deve essere ancora definita. La
tendenza attuale è di sottoporre pazienti avanzati, possibilmente chemiosensibili, spesso ricaduti dopo HDC
con supporto autologo o con recidiva dopo diverse linee di terapia, al trapianto allogenico preceduto da un
condizionamento di intensità ridotta (reduced intensity regimen, RIC), al fine di diminuire la TRM, per poter
sfruttare l’effetto “graft versus lymphoma”.
In vari studi sono riportati i risultati ottenuti in pazienti con linfoma aggressivo, tra cui il DLBCL,
utilizzando un condizionamento mieloablativo (myeloablative conditioning, MAC) [102-108].
Nei trial in cui il trapianto allogenico è stato confrontato con l’autologo [102, 104, 109], la OS è risultata al
meglio identica e molto spesso inferiore a causa della elevata TRM. Ma ciò che è importante sottolineare è la
dimostrazione della esistenza di un effetto immunologico contro le cellule di linfoma, testimoniato dalla
frequenza di ricadute post-allo inferiore rispetto a quanto osservato dopo HDC. Da circa un decennio una
serie di studi hanno riportato che l’uso di RIC riduce la TRM, permettendo un più ampio utilizzo del
trapianto allogenico.
Dodici sono stati gli studi più significativi condotti sul trapianto allogenico con condizionamento RIC [110121]. Il confronto con gli studi precedenti è difficile soprattutto per la differenza delle caratteristiche generali
(di solito i pazienti sottoposti a RIC hanno un’età maggiore con un numero significativo di comorbidità) e
specifiche legate alla malattia (più linee di terapia, ricadute dopo autologo). Nonostante questi limiti, la TRM
è nella maggior parte dei casi ridotta ed in alcune serie la sopravvivenza è particolarmente significativa.
Il valore prognostico della presenza di comorbidità è stato sottolineato da alcuni studi del Fred Hutchinson
Cancer Research Center [122]. Questo score definito HCT-CI (hematopoietic cell transplantationcomorbidity index), permette di individuare almeno 3 gruppi di pazienti con un rischio di mortalità
trapiantologica significativamente differente. Lo stesso score è stato successivamente adattato ai pazienti con
linfoma e leucemia linfatica cronica [121] e da questa analisi è risultato che i pazienti con uno score di 0
hanno la stessa TRM qualunque sia il tipo di condizionamento, RIC o MAC. Al contrario, per valori
superiori, i regimi MAC sono gravati da una TRM crescente e da una riduzione della OS. Lo stesso score è
stato anche valutato in pazienti con linfoma che hanno ricevuto solo RIC.
Nello studio italiano, l’analisi effettuata in pazienti con linfoma e mieloma, tutti condizionati con RIC, ha
validato lo score di Sorror, che ha permesso di suddividere i pazienti in 3 gruppi (HCT-CI 0, 1-2, >3) con
TRM, PFS e OS significativamente differenti [123].
22
LINEE GUIDA LINFOMI
La casistica americana, con un numero più basso di pazienti ma trattati in modo uniforme, conferma
l’influenza dell’HCT-CI solo sulla TRM con modalità di segregazione differente (HCT-CI 0-2 vs >3) [120].
Altri studi hanno recentemente analizzato i risultati ottenuti con il trapianto allogenico nei pazienti con
DLBCL. La qualità metodologica di questi studi è limitata in quanto si tratta in ogni caso di studi
retrospettivi, da registro e con diversi bias di selezione [124, 125].
In entrambi gli studi, circa il 30% dei pazienti riceveva un condizionamento mieloablativo, che era gravato
da una maggiore NMR nello studio EBMT, mentre non risultava avere un peso prognostico nello studio
italiano, in cui la NMR era influenzata solo dal tipo di donatore (alternativo vs HLA identico). In uno studio
del registro americano (CIBMTR), Lazarus et al. [126] sono stati confrontati i risultati ottenuti in pazienti
con DLBCL con la HDC o con un trapianto allogenico da donatore familiare HLA identico preceduto da un
condizionamento mieloablativo. Le 2 coorti di pazienti presentano caratteristiche differenti, con una
maggiore presenza di fattori prognostici negativi nel gruppo allogenico. I risultati sono stati che la TRM è
più alta dopo allogenico durante il primo anno di follow up (41 % vs 12%), per poi essere simile, mentre
l’incidenza di ricaduta a 1, 3 e 5 anni (33% vs 30%, 37% vs 33%, 40% vs 33%, rispettivamente) non
differisce statisticamente, e la PFS (56% vs 29%, 47% vs 24%, 43% vs 22%) e OS (66% vs 33%, 53% vs
26%, 49% vs 22%) risultano essere migliori nel gruppo HDC.
In conclusione il trapianto allogenico può avere un ruolo nella strategia terapeutica del DLBCL
recidivato/refrattario, ma comunque sempre e solo nell’ambito di uno studio clinico.
2.5.9 Terapia per i pazienti non candidabili a trapianto autologo di cellule staminali
I pazienti ricaduti dopo trapianto autologo di cellule staminali o non candidabili a tale procedura hanno una
prognosi infausta a breve termine.
Ad oggi non esistono evidenze sufficenti per formulare raccomandazioni per la scelta terapeutica di questa
fase della malattia pertanto la definizione del programma terapeutico deve essere basata sulla valutazione del
singolo paziente optando se disponibile per l’arruolamento in uno studio clinico controllato.
2.6 Trattamento del paziente anziano
Il linfoma diffuso a grandi cellule B rappresenta il sottotipo più comune di LNH nella popolazione anziana.
Benché l’età costituisca di per sé un fattore prognostico negativo, oltre il 50% degli anziani che possono
essere sottoposti a chemioterapia curativa, ha la prospettiva di guarire dal linfoma.
Nelle decadi passate, studi clinici prospettici nel sottogruppo degli anziani hanno mostrato ottimi risultati
terapeutici anche in questa popolazione di difficile gestione e cura. Per il paziente anziano in buone
condizioni generali sono applicabili le evidenze precedentemente descritte che identificano nella terapia RCHOP lo schema di riferimento.
Il problema maggiore nella trattazione del linfoma a grandi cellule dell’anziano è rappresentato dalla scelta
del trattamento nei casi in cui al linfoma si aggiunge la presenza di copatologie, di situazioni di inabilità o
ridotta funzione che condizionano in maniera significativa la scelta terapeutica [127]. Questi pazienti non
sono rappresentati negli studi randomizzati precedentemente menzionati e ad essi non possono essere
direttamente applicate le raccomandazioni fatte per il paziente senza comorbidità.
In assenza di studi randomizzati condotti specificatamente per la popolazione dei pazienti anziani o fragili i
livelli di evidenza sono molto bassi e si basano su scelte empiriche condivisibili e sui risultati di studi di fase
II.
In questo contesto un primo obbiettivo è quello di rendere oggettiva la valutazione del paziente.
In un modello semplificato della valutazione geriatrica l’età ha rappresentato e attualmente rappresenta
ancora un criterio decisionale fondamentale. L’utilizzo dell’età tuttavia richiede un consenso sulla
definizione del paziente anziano da sottoporre a trattamento alternativo rispetto allo standard che è difficile
da indentificare per soggetti di età inferiore a 80 anni.
23
LINEE GUIDA LINFOMI
Accettando l’età di 80 anni come definizione empirica del soggetto anziano la letteratura offre alcune
evidenze, da studi non randomizzati, per formulare raccomandazioni.
Tra gli studi disponibili il gruppo GELA ha pubblicato i risultati di uno trial multicentrico valutando
l’efficacia terapeutica e la tossicità dello schema R-mini CHOP che prevedeva l’utilizzo di dosi inferiori di
CHOP e dosi convenzionali di Rituximab in 149 pazienti affetti da DLBCL di età superiore agli 80 anni.
Dopo un follow up medio di 20 mesi la OS e la PFS a 2 anni sono risultate rispettivamente pari a 59% e 47%
[128] (Livello di evidenza 3).
Nei pazienti anziani e nei cardiopatici può essere inoltre consigliata la sostituzione della doxorubicina
liposomiale dello schema CHOP con la forma liposomiale non pegilata, schema R-COMP riducendo la
tossicità del trattamento senza modificarne l’efficacia come mostrato dallo studio eur018 condotto su 75
anziani con una PFS a 3 anni del 69% [129-131] (Livello di evidenza 3).
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
D
Il regime R-mini CHOP può essere considerato un regime
standard nei pazienti anziani (>80 anni) con DLBCL[128].
Positiva debole
D
Il regime R-COMP può essere utilizzato nei pazienti anziani o
nei soggetti fragili o nei soggetti cardiopatici indipendentemente
dal gruppo di rischio [129-131].
Positiva debole
Il complesso profilo medico dell’anziano deve tuttavia tenere conto di numerose variabili quali la presenza di
comorbilità, l’assunzione di farmaci concomitanti, la ridotta riserva midollare, la compromissione dello stato
cognitivo e psico-emotivo che richiedono un approccio interdisciplinare e multidimensionale geriatrico e
oncologico. A tal fine è sicuramente utile valutare il paziente tramite strumenti di Valutazione Geriatria
Multidimensionale (VGM) quali strumenti di screening in grado di individuare almeno tre categorie
funzionali di pazienti:
- Paziente fit, funzionalmente indipendente e privo di comorbilità elegibile ad un trattamento con
intento curativo di tipo standard
- Paziente unfit, con riserve d’organo tali da imporre riduzione di dose dei farmaci o l’utilizzo di
farmaci a basso profilo di tossicità
- Paziente fragile, con importanti limitazioni funzionali e/o comorbidità, candidato a ricevere terapia a
finalità palliativa
La VGM prevede l’utilizzo di scale di misura quali la determinazione del performance status (karnofsky o
ECOG), dello stato funzionale secondo la scala Activities of daily living (ADL), la presenza di comorbilità
secondo la scala Cumulative Illness Rating Scale (CIRS-G) oltre al criterio cronologico e alla presenza di
almeno una sindrome geriatrica valutata tramite il MMSE.
L’utilizzo della valutazione geriatrica multidimensionale, all’interno di studi prospettici, quale strumento per
definire in maniera standardizzata la categoria di rischio di ogni paziente, potrebbe oggi rappresentare un
buon approccio nell’ambito di un piano di cura personalizzato.
Interessante è lo studio del trattamento pre-phase al fine di ridurre le possibili tossicità correlate alla
chemioterapia. L’utilizzo di prednisone nei 7 giorni precedenti l’inizio del trattamento, da solo o con 1 mg di
vincristina potrebbe essere considerato per i pazienti di tutte le età ma soprattutto negli anziani più fragili.
Si è apprezzata infatti una riduzione della tossicità midollare e del numero di casi di sindrome da lisi
tumorale nei pazienti trattati con R-CHOP [21]. È necessario però valutare i rischi e i benefici di un
trattamento corticosteroideo in pazienti anziani che molto spesso presentano comorbilità come il diabete.
Nonostante l’aumento di sopravvivenza nei pazienti anziani dovuto alla possibilità di ricevere trattamenti
chemioimmunoterapici a dosi piene o adattate all’età con uguale efficacia, circa il 30-40% dei pazienti affetti
da DLBCL andrà in corso a recidiva di malattia o presenterà malattia refrattaria. La maggior parte delle
recidive si verificano nei primi due anni dal trattamento iniziale.
24
LINEE GUIDA LINFOMI
In molti dei pazienti anziani che recidivano l’obiettivo del trattamento non ha più intento curativo ma ha
come finalità il controllo della malattia con la palliazione dei sintomi e la conservazione di una qualità di vita
soddisfacenti.
I dati a disposizione concernenti un trattamento con HDT/supporto di cellule staminali autologhe sono
concordi nel definire che gli anziani in ottime condizioni generali possano avere chance di risposta e tossicità
molto simili a quelle dei pazienti più giovani e che non è l’età anagrafica ma le co-morbidità e le
vulnerabilità “nascoste” di molti anziani a influire negativamente sui risultati clinici di un approccio ad alte
dosi.
Per i pazienti non candidabili a terapia ad alte dosi di salvataggio, inclusi i pazienti di età > a 70 anni, i
potenziali trattamenti comprendono terapia con agente singolo, la scelta di un trattamento palliativo e
l’inclusione all’interno di trial clinici controllati. Sono ben tollerati inoltre regimi di combinazione che
includono R-gemox [132], la bendamustina con o senza rituximab[133] e CVP +/- rituximab.
Un ruolo importante inoltre sembra essere svolto dalla lenalidomide nei pazienti del sottogruppo non GBC
con o senza rituximab [134].
La definizione del programma terapeutico deve essere basata sulla valutazione del singolo paziente optando
se disponibile per l’arruolamento in uno studio clinico controllato.
2.7 Definizione dei criteri di risposta
La risposta è definita sulla base di criteri validati a livello internazionale (Cheson 2007). Per la definizione
della risposta devono essere utilizzati esami radiologici quali TC e PET (o PET-TC) ed esami istologici.
La risposta al trattamento può essere definita (Tabella 6).
Remissione Completa (RC): scomparsa di ogni sede di malattia e di tutti i sintomi ad essa legati. Sono
considerati in RC i pazienti con PET positiva all’esordio (o che non hanno eseguito la PET, ma con linfoma
PET avido) e che ottengono una PET negativa al termine della terapia, indipendentemente dalle masse
linfonodali residue alla TC.
Remissione Parziale (RP): riduzione volumetrica delle adenopatie superiore al 50% in assenza di
incremento di altre sedi di malattia o di comparsa di nuove lesioni. I noduli epatici e splenici devono ridursi
di almeno il 50%. E’ ammessa positività alla PET al termine della terapia solo se sulle sedi iniziali di
malattia non incrementate.
Malattia stabile (MS): mancanza dei criteri per RC o RP o di progressione. Positività alla PET delle sedi
iniziali di malattia senza comparsa di nuove lesioni.
Progressione (PG): un aumento superiore al 50% delle dimensioni delle lesioni linfomatose presenti
all’inizio del trattamento e/o comparsa di nuove localizzazioni. Comparsa di nuove lesioni alla PET.
Tabella 6. Criteri per la definizione della risposta al trattamento.
Risposta
Definizione
Masse linfonodali
Milza fegato
Midollo Osseo
RC
Completa
scomparsa della
malattia
Linfomi FDG-avidi o PET
positivi prima della terapia;
masse di qualsiasi dimensione
con PET negativa
Non palpabili, scomparsa
di tutti i noduli
Assenza di infiltrato alla
ripetizione della biopsia, se
non determinabile dalla
morfologia,
immunoistochimica deve
essere negativa
RP
Riduzione della
malattia
misurabile e
nessuna nuova
sede
Riduzione ≥ 50% nel SPD delle
6 masse nodali più grandi,
nessun aumento dimensionale di
altre masse
Linfomi FDG-avidi o PET
positivi prima della terapia;
positiva in 1 o più sedi iniziali
Diminuzione ≥ 50% della
SPD dei noduli (per
masse singole diametro
trasverso maggiore);
nessun incremento di
dimensione di milza e
fegato
Irrilevante se positivo prima
della terapia; deve essere
specificato il tipo cellulare
25
LINEE GUIDA LINFOMI
Risposta
Definizione
Masse linfonodali
Milza fegato
MS
Fallimento
nell’ottenere RC,
RP, PG
PG
Comparsa di
qualsiasi nuova
lesione e aumento
≥ 50% delle
lesioni
preesistenti
Linfomi FDG-avidi o PET
positivi prima della terapia; PET
positiva nelle sedi iniziali di
malattia, non nuove sedi alla
TAC o PET
Comparsa di nuova/e lesione/i >
1.5 cm, incremento ≥ 50% della
SPD di più di una massa
linfonodale, o incremento ≥ 50%
del diametro maggiore di un
linfonodo noto > 1 cm.
Lesioni PET positive nei linfomi
FDG avidi, o PET positiva prima
della terapia
Incremento > 50% della
SPD basale di qualsiasi
lesione iniziale
Midollo Osseo
Nuovo coinvolgimento o
recidiva
2.8 Follow-up
Le recidive dei linfomi a grandi cellule B sono passibili di trattamenti di seconda linea con buone percentuali
di remissione dopo terapia di salvataggio (58%). Non ci sono studi prospettici randomizzati che dimostrino
che l’uso sistematico di esami radiologici, nei pazienti in remissione completa ed in assenza di sintomi
specifici migliori la sopravvivenza. La maggior parte delle recidive viene diagnosticata per la presenza di
sintomi e/o per alterazione degli esami di laboratorio.
I dati disponibili a favore dell’utilizzo routinario della TC non sono conclusivi ma è comunque prassi diffusa
sia nei centri nordamericani sia europei eseguire esami radiologici periodici (TC e/o PET) nei programmi di
follow-up. In uno studio del 2003 su 117 pazienti in remissione completa solo il 5.7% dei ricaduti è stato
individuato con una TC ( eseguita a 3 e 12 mesi dal termine della chemioterapia) in assenza di altri sintomi
specifici, mentre nell’86% dei casi la recidiva era riscontrata in seguito alla comparsa di segni e/o sintomi
[135].
In uno studio nel quale il follow-up dei pazienti comprendeva l’uso periodico della TC (ogni 6 mesi per i
primi 2 anni) una diagnosi precoce di recidiva riscontrata mediante imaging non hanno mostrato un
vantaggio nell’outcome dei pazienti [136].
I dati di un recente studio retrospettivo multicentrico condotto su pazienti con NHL aggressivi e HL
dimostrano, nei paziente affetti da linfimi diffusi a grandi cellule B, che nel 41% dei casi la recidiva è
riconosciuta per la comparsa di sintomi e per anomalie agli esami di laboratorio e solo nel 26% dei casi la
TC aveva anticipato la diagnosi di recidiva con un modesto beneficio sulla sopravvivenza a scapito di un
elevato numero di indagini radiologiche eseguite [137].
Non vi è indicazione all’utilizzo della PET al di fuori di uno studio clinico controllato [138, 139] (Livello di
evidenza 3).
Sulla scorta di questi dati, i pazienti con DLBCL in remissione completa dopo terapia di prima o anche
seconda linea devono essere seguiti:
• routine ematochimici, LDH ed esame clinico ogni 3 mesi per i primi 2 anni, poi ogni 6 mesi per i 3 anni
successivi, poi annualmente (NCCN Practice Guidelines in Oncology: Diffuse large B-cell Lymphoma.
2014; version 2) (Livello di evidenza 4).
• la TC può essere eseguita a 6,12 e 24 mesi dal termine del trattamento [140] (Livello di evidenza 3).
Nel caso sussista un dubbio clinico e/o radiologico di ricaduta di malattia è raccomandata la biopsia
diagnostica.
26
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella 7. Procedure durante il follow up
Procedura
Raccomandazione
Esame clinico
Anamnesi ed esame obiettivo ogni 3 mesi
nei primi due anni, poi ogni 6 mesi nei
successivi 3 anni, poi annualmente (NCCN
2014).
ogni 3 mesi nei primi due anni, poi ogni 6
mesi nei successivi 3 anni (NCCN 2014).
A 6-12 e 24 mesi dal temine del trattamento
(linee guida ESMO 2012).
Esami ematici
(routine+LDH)
TC collo-toraceaddome completo
con mdc
Procedure non
raccomandate
In assenza di indicazioni cliniche i seguenti
esami sono “sconsigliati”:
TC-PET con fdG [138, 139].
27
Qualità
dell’evidenza
SIGN
D
Forza della
Raccomandazione
Positiva debole
D
Positiva debole
D
Positiva debole
D
Positiva Forte
28
In alcune circostanze:CCND1,
kappa/lambda, CD138. EBER-ISH,
HHV8 , ALK
In alcune circostanze: ricerca t (8;14)
o t (14;18) su tessuto mediante FISH
o PCR.
Conferma istologica di Linfoma diffuso
a grandi cellule
Requisiti di appropriatezza
- Biopsia linfonodale o di tessuto
extranodale .
- Pannello IHC completo con
CD20,CD3, CD5, CD10, CD45, BCL2,
BCL6, Ki67, IRF4/MUM1
Diagnosi di Linfoma
diffuso a grandi
cellule o Linfoma
Follicolare grado 3b
STADIAZIONE
Esami raccomandati
- Esame fisico
- Performance Status
- Sintomi B
- Emocromo completo con formula
- LDH
- panel metabolico e dosaggio
immunoglobuline
- TC collo , torace, addome con mezzo di
contrasto
- Sierologia per HIV, HBV e HCV
- Biopsia osteomidollare
- Ecocardiogramma, ECG, visita
cardiologica
- PET-TC scan (altamente raccomandata)
- In casi selezionati: EGDS, visita ORL,
esame del liquido cefalorachidiano
- Valutazione riproduttiva per i soggetti di
età < 40 anni
Figura 1 DLBCL: Diagnosi e stadiazione
aa IPI 2-3 età < 65 anni
STADIO I- II bulky aa IPI 0
STADIO III-IV aa IPI 1
STADIO I-II aaIPI 0
Favorevole (non bulky)
LINEE GUIDA LINFOMI
2.9 Figure
29
STADIO III-IV aa IPI 2-3
≤65 anni
STADIO I- II bulky aa IPI
0 STADIO III-IV aa IPI 1
STADIO I-II aaIPI 0
Favorevole (non bulky)
6-8 R-CHOP (ev. RT su aree limitate in RP) o
Arruolamento in trial clinici
6-8 R-CHOP +/- RT-IF (30-36 Gy)
(ev. bulky negli stadi III-IV)
3-4 R-CHOP+ RT-IF (36 Gy)
(opzione di prima scelta) o
6 R-CHOP +/-RT-IF(30-36 Gy)
Figura 2 DLBCL: Terapia iniziale
Valutazione
risposta
LINEE GUIDA LINFOMI
Valutazione risposta:
-Anamnesi ed esame obiettivo
-Esami ematochimici
-Biopsia osteomidollare monolaterale
se positiva pre-terapia
-RX torace
-TC collo, torace , addome
-PET o PET/TC
PR,RN, PG
RC
30
Vedi “terapia di salvataggio”
FOLLOW-UP
-Visita periodica (ogni 3 -4 mesi per 2 anni, poi
ogni 6 mesi fino a 5 anni, poi annualmente)
-Esami ematochimici completi (ogni 3 -4 mesi
per 2 anni, poi ogni 6 mesi fino a 5 anni, poi
annualmente) ; funzione tiroidea se RT su
collo
-Biopsia osteomidollare monolaterale se
positiva pre-terapia
-RX torace (annualmente dopo i primi 5 anni
se a rischio per ca polmone)
-TC collo, torace , addome (ogni 6 mesi per 2
anni poi annualmente)
-Valutazione cardiovascolare, respiratoria,
psicosociale, riproduttiva (annuale)
Figura 3 DLBCL : Valutazione della risposta
LINEE GUIDA LINFOMI
31
Non candidabili
HDC
* DHAP, ESHAP, ICE, IEV, MINE, miniBEAM
Accertamento istologico
possibilmente su
linfonodo intero
Candidabili
HDC
Valutazione
risposta
CT*+/-R o studio clinico
CT* +/-R
Figura 4 DLBCL : Terapia di salvataggio
Valutazione
risposta
Se non remissione CT di
terza linea o trial clinico o
trapianto allogenico
Se RC o RP
terapia ad alte dosi
LINEE GUIDA LINFOMI
LINEE GUIDA LINFOMI
3.
Linfomi follicolari
3.1 Epidemiologia
Il Linfoma Follicolare (LF) rappresenta circa il 10-20% di tutti i linfomi, con un’incidenza di 4-5 nuovi casi
ogni 100.000 persone l’anno [2]. Questo tipo di linfoma presenta un’incidenza più elevata in Europa
Occidentale e in U.S.A rispetto ai paesi dell’Est Europa, Asia e alle nazioni in via di sviluppo. In Italia la
frequenza dei linfomi follicolari è di poco superiore al 10% circa, inferiore a quanto riportato per le
casistiche statunitensi, e il tasso standardizzato di incidenza annua è pari a 2 casi/100.000 abitanti [1]. Dopo
un incremento significativo di incidenza registrato nelle ultime decadi, osservazioni più recenti sembrano
essere a favore di un trend temporale di incidenza senza significative variazioni [141]. Il LF è una neoplasia
dell’età medio-avanzata, con una lieve prevalenza nelle donne (M/F, 1:1,7); l’età media alla diagnosi è di
poco superiore ai 50 anni, ed è leggermente inferiore rispetto a quella osservata per altri linfomi indolenti.
Meno del 10% dei pazienti ha un’età inferiore a 30 anni al momento della diagnosi.
Ad oggi i dati di mortalità e prevalenza sono riferiti a tutti i Linfomi e mancano dettagli sui LF e sugli altri
istotipi.
Per quanto riguarda i fattori di rischio, un recente studio [142] ha messo in evidenza l’influenza di alcune
variabili come l'altezza, l'uso di tinture permanenti per capelli, la variante allelica del polimorfismo I143V
del gene MGMT, e il fenotipo NAT2 acetilatore. Inoltre, in uno studio che ha valutato il ruolo
dell’esposizione ai pesticidi nella patogenesi dei LNH, è stata messa in evidenza la correlazione tra
esposizione professionale a dieldrina, atrazina e fungicidi e lo sviluppo di linfomi positivi alla traslocazione
t(14;18) [143].
3.2 Inquadramento diagnostico
3.2.1 Diagnosi e stadiazione
La diagnosi di LF deve essere eseguita mediante esame istologico di tessuto rappresentativo di malattia. In
presenza di adenopatie si deve sempre procedere a biopsia escissionale del linfonodo. In assenza di
adenopatie una diagnosi di compatibilità/probabilità può essere eseguita mediante esame istologico di
biopsia osteomidollare; in questi casi la disponibilità di marcatori diagnostici aggiuntivi, coma la ricerca
della traslocazione t (14;18), possono contribuire a migliorare l’accuratezza diagnostica. Altre procedure
diagnostiche, quali analisi citofluorimetrica di sospensione cellulare di sangue midollare o periferico, non
consentono di definire una diagnosi di certezza, ma solo di porre un sospetto diagnostico. I criteri per
formulare la diagnosi di LF sono quelli definiti dalla terza edizione della Classificazione WHO delle
neoplasie emopoietiche [144]. In ogni caso la diagnosi istologica o citologica deve essere supportata da una
valutazione immunoistochimica o immunocitochimica (Tabella 8).
Tabella 8. Immunofenotipizzazione per definire la diagnosi
Adeguata Immunofenotipizzazione per definire la diagnosi
IHC panel
CD20, CD3, CD5, CD10, BCL22, BCL6, CCND1,
CD21, CD23
Analisi marker cellular di superficie mediante Kappa/Lambda, CD19, CD20, CD5, CD23, CD10
citometria a flusso
Utili in determinate circostanze
Analisi molecolari
Riarrangiamenti genici dei recettori degli antigeni,
riarrangiamento BCL2
Citogenetica o FISH
t(14;18); t (8;14) o varianti
IHC panel
Ki673
32
LINEE GUIDA LINFOMI
1 Immunofenotipo tipico: CD10+, BCL2+, CD23+/-, CD43-, CD5-, CD20+, CCND1-, BCL6+. Rari casi di
LF possono essere CD10- or BCL2-.
2 Nei pazienti giovani BCL2 negativi con malattia localizzata, deve essere considerata l’entità del LF
pediatrico.
3 Ci sono report che mostrano che la frazione di proliferazione di Ki67 > 30% può essere associata con un
comportamento clinico più aggressivo ma non c’è evidenza che questo aspetto debba guidare le decisioni
terapeutiche.
Sebbene patologi esperti affermino di poter riconoscere il LF situ sulla base delle modeste alterazioni
morfologiche, una diagnosi patologica precisa di LF situ richiede il riconoscimento delle seguenti
caratteristiche istologiche ed immunoistochimiche: 1) una architettura d’insieme conservata del linfonodo; 2)
la presenza di follicoli trasformati, che di solito sono dispersi; 3) l’individuazione immunoistologica di
cellule B del centro germinativo che mostrano colorazione fortemente positiva per BCL2 e CD10 [7]. Le
cellule B del centro germinativo BCL2+ e CD10+ sono anche positive per gli altri marcatori delle cellule B,
tra cui CD20 e BCL6, ma sono negative per IgD. Le cellule B BCL2 + e CD10 + mostrano un indice
proliferativo basso e sono assenti al di fuori dei follicoli. La colorazione del BCL2 è più intensa rispetto alle
cellule del mantello o alle cellule T reattive.
Alla diagnosi di LF deve essere aggiunta l’informazione sul grading istologico, determinato in base al
numero di centroblasti (Tabella 9) e quella sulla presenza di aree a crescita diffusa.
Inoltre, mentre nella classificazione WHO 2001 era opzionale stratificare i linfomi follicolari G3 in accordo
alla presenza o assenza di centrociti residui (3A versus 3B), nella classificazione 2008 è considerato
obbligatorio.
L’identificazione di pazienti con LF di grado 3b o dei soggetti con aree di linfoma diffuso a grandi cellule
costituiscono attualmente un criterio patologico per trattare il paziente come DLBCL (Tabella 10).
Tabella 9. Grading linfomi follicolari [145]
Grado
Definizione
Grado 1-2
0-15 centroblasti per hpf
1
0-5 centroblasti per hpf
2
6-15 centroblasti per hpf
Grado 3
>15 centroblasti per hpf
3
Presenti centrociti
3B
Aree diffuse di centroblasti
Tabella 10. Pattern linfomi follicolari
Pattern riportato
Proporzione follicolare
Follicolare
>75%
Follicolare e diffuso
25-75%
Focolai di LF
<25%
Diffuso
0%
Aree diffuse che contengono >15 centroblasti per hpf sono riportate come
DLBCL con linfoma follicolare (Grado 1-2, Grado 3A o Grado 3B).
La ricerca della traslocazione t(14;18) che caratterizza il LF può essere eseguita su tessuto linfonodale o su
campione di sangue midollare e/o periferico mediante tecniche FISH o PCR. Nella valutazione dell’esito
della ricerca della traslocazione t(14;18) è necessario tenere sempre conto della possibilità di falsi negativi
(assenza di malattia nel tessuto esaminato, mancata amplificazione della regione traslocata) o di falsi positivi
(presenza di soggetti sani con traslocazione t(14;18).
Le procedure di stadiazione sono comuni a quelle previste per le altre malattie linfoproliferative (Tabella 11).
33
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella 11. Procedure di stadiazione per la diagnosi di linfoma follicolare
ESAME
INDICAZIONE
Anamnesi ed esame obiettivo
Emocromo e chimica clinica inclusi LDH e
virologia per HBV, HCV, HIV
Biopsia osteomidollare monolaterale dalla
cresta iliaca posteriore
Obbligatori
Obbligatori
Obbligatoria
Rx torace standard in 2 proiezioni
Obbligatoria
TC collo torace addome-pelvi con mezzo di
contrasto
Obbligatoria
PET total body
Trial clinico
Valutazione ORL
Consigliata
ECG + visita cardiologia
Obbligatori
Ecocardiogramma o MUGA scan per
valutazione della frazione di eiezione
TC/RMN cerebrale, scintigrafia scheletrica,
studio radiologico e/o endoscopico del tratto
gastroenterico interessato. Esame citologico
chimico-fisico del liquido cefalo-rachidiano
Biologia molecolare su sangue midollare o
sangue periferico: ricerca traslocazione
(14;18)
NOTE
RMN in caso di intolleranza/
controindicazione al MDC
Altamente
raccomandata
Situazioni
particolari
In base alla sede di insorgenza
Trial clinico
Il LF è attualmente considerato una neoplasia “avida” per la captazione del glucosio radiomarcato e vi sono
dati sull’utilità nella fase di stadiazione e sul ruolo prognostico nella valutazione della risposta al trattamento
iniziale [146-148]. L’esecuzione di FDG-PET al momento della stadiazione aumenta la capacità di
indentificare localizzazioni di malattia. Il migliore potere discriminante della PET rispetto alla TAC è
particolarmente utile e potrebbe acquisire un risvolto clinico rilevante per confermare il sospetto radiologico
di una malattia localizzata [149].
A tutti i pazienti giovani in età fertile devono essere resi noti i rischi di infertilità connessi alla chemioterapia
e la necessità di evitare una gravidanza nel periodo del trattamento e almeno nei due anni successivi. Devono
essere quindi proposti l’assunzione di estroprogestinico e, rispettivamente, la criopreservazione del liquido
seminale.
3.2.2 Fattori prognostici
L’estensione della malattia è considerata uno dei più importanti fattori prognostici per i pazienti con LF; può
essere misurata sia in maniera diretta mediante la stadiazione di Ann Arbor, sia in modo indiretto attraverso
surrogati quali il “tumor burden”, la malattia “bulky”, la presenza di interessamento midollare o l’alterazione
di parametri di laboratorio indirettamente collegati alla quantità di malattia. Per identificare meglio i pazienti
con diversa probabilità di morte, recidiva o di progressione di malattia e per meglio definire la più opportuna
strategia terapeutica sono stati sviluppati diversi indici prognostici per i LF.
L’indice FLIPI è il modello attualmente più utilizzato per valutare la prognosi dei pazienti con LF [150]. Il
principale limite del FLIPI è tuttavia rappresentato dal fatto che i pazienti analizzati non sono stati trattati
con rituximab. Molto recentemente è stato pubblicato il nuovo indice FLIPI2, sviluppato come evoluzione
del FLIPI, che apporta alcune novità rispetto al precedente tra le quali l’utilizzo di una raccolta prospettica di
dati, l’inclusione di pazienti trattati con rituximab e la scelta della PFS come endpoint di sopravvivenza
[151].
34
LINEE GUIDA LINFOMI
3.3 Trattamento del linfoma follicolare
3.3.1 Strategia terapeutica generale
Le opzioni terapeutiche per il LF sono ancora oggetto di controversie e vanno dal semplice regime
osservazionale (watch and wait), fino al trapianto di cellule staminali emopoietiche. Le opzioni intermedie
comprendono l’utilizzo di regimi monochemioterapici, in genere con alchilanti, di polichemioterapia o di
radioterapia. Da circa 10 anni il trattamento dei pazienti con LF è stato “rivoluzionato” dall’introduzione
degli anticorpi monoclonali anti CD20 ed in particolare dal rituximab che, sia in monoterapia che in
combinazione con chemioterapia, rappresenta oggi la base dei trattamenti per il LF. Gli anticorpi
monoclonali sono utilizzati in forma libera ma anche nella forma di radioimmunocomposti.
La strategia terapeutica per i LF deve tenere conto della natura indolente della malattia e del rischio di
recidive che rende quasi certo il ricorso nel tempo a ulteriori linee di terapia. La corretta pianificazione del
programma terapeutico complessivo si può tradurre in un buon controllo della malattia nel tempo che,
associato all’età medio-alta della maggior parte dei pazienti con LF, può risultare in una significativa
diminuzione dell’effetto negativo della malattia sull’aspettativa di vita.
La scelta terapeutica per i pazienti con LF dipende dall’estensione della malattia e dalle condizioni del
paziente. Fanno eccezione i casi classificati come grado 3b e quelli con aree di grandi cellule che dovrebbero
essere trattati seguendo le linee guida dei linfomi a grandi cellule B.
Di seguito vengono passate in rassegna le diverse opzioni terapeutiche oggi disponibili per il trattamento dei
pazienti con LF.
3.3.2 Watch & wait
L’astensione dal trattamento è un’opzione che deve essere valutata in ogni paziente al momento della
diagnosi e che può essere considerata in alcuni casi al momento della recidiva. La scelta di non trattare è
ragionevole per i pazienti che presentano malattia a basso rischio ed è in genere valutata sulla base della
presenza/assenza di sintomi o segni di malattia. Ad oggi sono disponibili i risultati di uno studio
randomizzato che tuttavia presenta problemi di trasferibilità dei risultati per l’inclusione di pazienti
classificati con il sistema della WF, e trattati nel braccio di controllo con un trattamento con clorambucile
non proponibile ai nostri giorni [152] (Livello di evidenza 1+). Sono oggi disponibili i risultati di uno studio
randomizzato che ha confrontato in 379 pazienti con linfoma follicolare in stadio avanzato e con basso tumor
burden l’osservazione vs la monoterapia con rituximab [153]. Questo studio ha dimostrato come il
trattamento con rituximab è in grado di ridurre in maniera significativa il rischio di progressione di malattia
rispetto alla sola osservazione. L’arruolamento di un notevole numero di pazienti, il disegno randomizzato e
l’utilizzo di criteri diagnostici moderni consentono di associare ai risultati dello studio un livello di evidenza
molto elevato (Livello di evidenza 1++). Tali risultati non sono tuttavia immediatamente trasferibili alla
pratica clinica poiché ad oggi non sono ancora visibili gli effetti del trattamento immediato sull’overall
survival. Inoltre esiste un problema metodologico sulla definizione di efficacia di un trattamento attivo
rispetto all’osservazione. Secondo alcuni autori il confronto tra osservazione e terapia attiva dovrebbe essere
più correttamente misurato valutando l’efficacia della seconda linea di terapia piuttosto che della prima per il
quale esiste sempre uno sbilanciamento di intervento a favore della terapia attiva (FF2TF). Questo tipo di
analisi è stato utilizzato in uno studio prospettico recentemente pubblicato che ha dimostrato come la scelta
per un periodo di W&W o di terapia immediata non influenzi l’efficacia delle terapie successive [154]. In
base a quanto sopra riportato la sola osservazione è da considerarsi ancora un’opzione valida anche nell’era
del rituximab I criteri per escludere l’indicazione ad un trattamento immediato sono diversi. Le linee guida
NCCN (National Comprehensive Cancer Network) includono l’assenza di sintomi sistemici o di
compromissione di organi vitali, la stabilità della malattia e l’assenza di citopenie secondarie al linfoma e di
malattia bulky. Altri criteri da valutare sono la mancanza di valori aumentati di LDH e di VES e l’assenza di
interessamento di organi extranodali. In Italia sono disponibili le raccomandazioni SIE [155].
Da ultimo ma non meno importante la proposta di un programma di W&W deve sempre considerare anche le
aspettative del paziente e deve essere discussa nel corso della visita iniziale.
35
LINEE GUIDA LINFOMI
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
B
Il trattamento può essere evitato nei pazienti asintomatici o
privi di fattori di rischio [152].
Positiva debole
A
In caso di terapia immediata l’uso del rituximab in
monoterapia rappresenta lo standard di cura [153].
Positiva forte
3.3.3 Terapia di prima linea: malattia localizzata
Sia nel paziente giovane che in quello anziano quando il LF si presenta in stadio I-II a basso rischio (FLIPI
0-1) l’opzione di prima scelta è il trattamento radioterapico. I pazienti con linfoma follicolare in stadio I e II,
sottoposti a trattamento radioterapico con dosi pari a 30-36 Gy in 15-20 frazioni giornaliere, mostrano dei
tassi di controllo locale di malattia superiori al 95% con tossicità modesta tenendo presente le più frequenti
sedi di coinvolgimento linfonodale (stazioni superficiali laterocervicali, ascellari, inguino-crurali) [156-168].
Come emerso da una revisione sistematica del 2003 con la RT è possibile guarire un percentuale di pazienti
compresa tra il 30 e il 50% [169] (Livello di evidenza 1+).
Relativamente alla dose un recente studio randomizzato inglese ha dimostrato nei linfomi indolenti (per la
maggior parte linfomi follicolari) analoga efficacia terapeutica di 24 Gy in 12 frazioni rispetto ai tradizionali
40-45 Gy in 20-23 frazioni. La dose standard nei linfomi follicolari può pertanto oggi essere considerata pari
a 24 Gy in frazionamento convenzionale [31] (Livello di evidenza 1++).
Il recente studio inglese FoRT, non ancora pubblicato, che confrontava nei linfomi follicolari localizzati
trattati con sola radioterapia 24 Gy in 12 frazioni versus 4 Gy in 2 frazioni, ha dimostrato recentemente che
la dose di radioterapia standard nei linfomi follicolari deve continuare ad essere rappresentata dai 24 Gy, pur
in presenza di ottimi tassi di risposte maggiori con dosi di soli 4 Gy.
Sei trials prospettici randomizzati [170-175] hanno mostrato come l’aggiunta della chemioterapia ad un
trattamento radioterapico di prima linea non aumenti la sopravvivenza globale; tuttavia solo uno studio ha
selettivamente arruolato e analizzato pazienti affetti da linfomi non-Hodgkin indolenti. (Livello di evidenza
1-). Dall’analisi di questi studi non può scaturire una raccomandazione poiché sono studi datati e il cui
arruolamento era basato su sistemi classificativi e metodologie diagnostiche non attuali e pertanto certamente
affetti da bias.
Studi di fase II dall’MD Anderson Center [176-179] hanno riportato tassi di sopravvivenza libera da recidiva
pari al 76% a 5 anni nei pazienti sottoposti a chemioterapia secondo schema COP/CHOP-like e radioterapia
“involved fields” (con tassi pari al 50-55% a 5 anni nei pazienti sottoposti a sola radioterapia).
I pazienti con malattia in stadio limitato (I-II) ma con un elevato “tumor burden” e/o un rischio elevato
(FLIPI >2) sono considerati ad alto rischio di recidiva dopo sola radioterapia [166, 168, 179], e in tale
sottogruppo la maturità delle evidenze disponibili, anche se prodotte da studi osservazionali o da studi di fase
II, è sufficiente per consigliare un programma di chemioimmunoterapia (3-4 cicli) seguita da radioterapia
“involved fields” (Livello di evidenza 3).
Un approccio innovativo nel trattamento di pazienti in stadio localizzato con basso “tumor burden” potrebbe
essere l’associazione di immunoterapia (Rituximab) e radioterapia, ma al momento non vi sono studi
randomizzati che confrontino la radioterapia esclusiva con il trattamento combinato immuno-radioterapico
[180].
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
B
Nei pazienti in stadio I-II con malattia localizzata, basso tumor
burden l’opzione di prima scelta è il trattamento radioterapico
involved field con dose di 24 Gy in 12 frazioni [169].
Positiva forte
36
LINEE GUIDA LINFOMI
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La dose standard nei LF dovrebbe essere considerata pari a 24
Gy in frazionamento convenzionale [31].
Positiva forte
3.3.4 Terapia di prima linea: malattia avanzata
La chemioterapia sistemica rappresenta il “core” del trattamento per i pazienti con LF quando la malattia si
presenta in fase sintomatica ed in stadio avanzato. Fino ad oggi sono stati testati numerosi agenti citostatici,
sia come agenti singoli che in combinazione. La classe di farmaci che riveste il ruolo più importante è
rappresentata dagli agenti alchilanti. Quale agente singolo il clorambucile ha rappresentato per molti anni il
trattamento di riferimento [152] ed attualmente può essere ancora considerato nei pazienti anziani.
Altro agente alchilante è rappresentato dalla ciclofosfamide utilizzata come agente singolo ma soprattutto
come parte del regime polichemioterapico CVP che ha per lungo tempo rappresentato il trattamento
standard.
Oltre agli agenti alchilanti almeno altre due classi di farmaci sono stati ampiamente utilizzati nel LF e sono
le antracicline e gli analoghi delle purine. Le antracicline sono state e sono attualmente utilizzate nell’ambito
di combinazioni chemioterapiche e prevalentemente negli schemi CHOP o CHOP-like.
Per quanto riguarda gli analoghi delle purine, il principio attivo che ha trovato il maggiore spazio nel
trattamento dei LF è la fludarabina [181-183] che tuttavia è associato ad elevata immunosoppressione ed il
suo utilizzo determina un rischio aumentato di infezioni opportunistiche e di fallimento delle procedure di
mobilizzazione; in alcuni studi infine l’utilizzo di fludarabina è stato associato ad aumento del rischio di
sviluppare leucemie secondarie.
Oggi il trattamento chemio-immunoterapico è lo standard per la terapia dei pazienti con LF. L’aggiunta del
rituximab a qualsiasi regime chemioterapico consente di migliorarne i risultati in termini di overall response
rate, durata della risposta, PFS e OS [184-186]. La riduzione del rischio di morte con l’aggiunta del
rituximab alla chemioterapia è stata confermata anche da una meta-analisi [187] (Livello di evidenza 1++).
Per cercare di rispondere al quesito su quale regime di chemioterapia debba essere preferito tra le varie
opzioni disponibili la Fondazione Italiana Linfomi (FIL) ha condotto lo studio randomizzato FOLL05 che
confrontava un trattamento standard R-CVP, con R-CHOP e R-FM, nella terapia di prima linea in pazienti
adulti con FL in stadio II-IV. Lo studio è stato recentemente completato e i risultati su 534 pazienti arruolati
hanno mostrato che R-CVP è associato a un Time to Treatment Failure (TTF) a 3 anni inferiore (47%)
rispetto a R-FM (60%) e a R-CHOP (57%) e che quest'ultimo aveva un profilo di tossicità migliore rispetto a
R-FM. Sulla base dei risultati dello studio FOLL05, R-CHOP può essere quindi definito come il trattamento
standard per il FL in fase avanzata [188] (Livello di evidenza 1++).
Recentemente sono stai pubblicati i risultati di due studi randomizzati che hanno confrontato la
chemioimunoterapia convenzionale con R-CHOP o R-CVP con la combinazone di rituximab e
Bendamustina. Il primo studio del gruppo tedesco Stil prevedeva un confronto randomizzato tra R-CHOP ed
R-Bendamustina in pazienti con linfoma indolente tra cui LF, linfomi linfocitici, linfomi mantellari e linfomi
marginali. Lo studio, con un follow up mediano di 45 mesi, ha dimostrato che l’utilizzo di R-Bendamustina
determina una riduzione del rischio di progressione (HR= 0.58) rispetto ad R-CHOP, mantenendo simile la
percentuale di risposta ma riducendo in maniera significativa il rischio di tossicità ematologica e non
(neutropenia grado III-IV, alopecia, neuropatia periferica, stomatite). I risultati complessivi di efficacia dello
studio sono stati replicati nel sottogruppo dei pazienti con LF (N=279; 54% della casistica) e consentono di
concludere che l’utilizzo di bendamustina può essere raccomandato come valida alternativa a CHOP [189]
(Livello di evidenza 1+). Pur trattandosi di uno studio randomizzato il trial è potenzialmente affetto da bias:
il disegno originale di non inferiorità non consentirebbe di trarre conclusioni sulla superiorità di un regime
sull’altro. Inoltre lo studio è stato condotto con analisi per protocollo e non come intention to treat. Infine i
risultati dello studio sui pazienti con LF sono frutto di una sottoanalisi dello studio complessivo.
37
LINEE GUIDA LINFOMI
Il secondo studio noto con il nome BRIGHT ha confrontato un trattamento con R-CHOP o R-CVP con la
combinazione R-Bendamustina in pazienti con linfoma indolente o linfoma mantellare non precedentemente
trattato utilizzando un disegno di fase III randomizzato e condotto con l’obbiettivo di verificare la non
inferiorità dei 2 schemi di terapia in termini di risposta completa. Lo studio ha arruolato 447 pazienti, di cui
297 con LF e ha dimostrato la non inferiorità dei due trattamenti per l’endopoint primario (CR del 31% vs
25% nel braccio R-CHOP/CVP e R-B) confermando il dato di minore tossicità associata a R-B (neutropenia
severa con R-B 39% dei casi vs 57% con R-CHOP: p< 0.0001) già osservato nello studio STIL. I risultati di
non inferiorità sul tasso di risposta sono stati confermati anche sul sottogruppo di LF e confermano che R-B
può essere utilizzato come alternativa a R-CHOP [190] (Livello di evidenza 1+).
Il farmaco rituximab può essere utilizzato in ogni tipo di paziente. Gli unici pazienti che necessitano di una
più attenta valutazione del rapporto rischio-beneficio sono i soggetti con epatite B asintomatica (HbSaG +) o
occulta (anticore +). Sono infatti descritti casi di riattivazione di epatite B, anche fatali, nei soggetti HBV +
per i quali esiste la possibilità di prescrivere profilassi con lamivudina e limitare così il rischio di
riattivazione virale in corso di trattamento con rituximab. Ad oggi non vi sono dati che consentano di
definire una linea di comportamento per il trattamento con anticorpo monoclonale dei pazienti con infezione
da HCV.
Oltre all’utilizzo in combinazione con la chemioterapia il rituximab è stato anche utilizzato come terapia di
mantenimento dopo l’ottenimento di una risposta iniziale soddisfacente [191]. Recentemente sono stati
pubblicati i risultati finali dello studio PRIMA, in cui veniva valutata l’efficacia in termini di PFS di un
trattamento di mantenimento di due anni con rituximab, somministrato ogni 8 settimane, nei pazienti con
elevato TB responsivi a un trattamento immunochemioterapico di prima linea. Dopo un follow-up mediano
di 36 mesi, i paziente sottoposti a terapia di mantenimento presentavano un rischio di progressione del 50%
più basso rispetto ai pazienti non trattati.
La somministrazione di rituximab per due anni (375mg/m2 ogni 2 mesi) dopo risposta a
chemioimmunoterapia iniziale può attualmente essere raccomandata con il massimo livello di evidenza
scientifica e rappresenta una valida opzione terapeutica dopo terapia di prima linea [192] (Livello di
evidenza 1++).
Per il trattamento iniziale dei pazienti con LF, negli ultimi anni sono state valutate alcune alternative alla
chemioimmunterapia convenzionale che consistono nell’utilizzo della sola immunoterapia, nell’uso di
anticorpi diversi dal rituximab o nella somministrazione di terapia ad alte dosi.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
B
A
Raccomandazione clinica
Il trattamento chemio-immunoterapico dovrebbe essere lo
standard per la terapia dei pazienti con LF [187].
R-CHOP è il regime standard per il trattamento iniziale dei
pazienti con LF [188].
R-bendamustina può essere considerata una valida alternativa
al trattamento R-CHOP per i pazienti per cui il profilo di
tossicità di R-CHOP rappresenta un rischio eccessivo [189,
190].
Il trattamento di mantenimento con rituximab per 2 anni
(375mg/m2 ogni 2 mesi) dovrebbe essere somministrato nei
pazienti con LF responsivi a chemioimmunoterapia iniziale
[192].
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva forte
Positiva forte
Positiva forte
Ruolo della radioterapia nella malattia avanzata
Nel trattamento della malattia avanzata, non vi sono evidenze a sostegno di un ruolo della radioterapia in tale
setting, anche limitatamente ad un eventuale contributo come consolidamento post-chemioterapia su
eventuali localizzazioni bulky [193, 194]. In un contesto di finalità palliativa citoriduttiva, potrebbero essere
utilizzate schedule radioterapiche con dosi ridotte (4 Gy in 2 frazioni), che hanno dimostrato ottimi profili
terapeutici ed elevati tassi di risposte maggiori in tali situazioni oncologiche [195].
38
LINEE GUIDA LINFOMI
Radioimmunoterapia
Anche se finora il rituximab rappresenta il principale anticorpo monoclonale utilizzato nella pratica clinica,
esistono altre molecole di derivazione diretta dal rituximab o altri anticorpi monoclonali che sono in diverse
fasi di sviluppo clinico e che potranno rappresentare ulteriori opzioni terapeutiche per il trattamento del LF.
Tra queste i radioimmunoconiugati, gli anticorpi anti-CD20 umanizzati e gli anticorpi diretti contro bersagli
diversi dal CD20.
I radioimmunocomposti per il trattamento dei LF sono attualmente 2: un primo farmaco coniugato con
iodio131 (tositumomab; non disponibile in Italia), un secondo coniugato con ittrio90 (ibritumomab).
Quando utilizzato in monoterapia per pazienti con LF avanzato 131I-tositumomab è risultato associato al
95% di risposte con una PFS a 5 anni pari al 59% [196]; in combinazione con CHOP ha determinato invece
risposte nel 91% dei casi con una OS e una PFS a 5 anni rispettivamente pari al 87% e al 67% [197].
Sulla base dei risultati di uno studio randomizzato condotto su 414 pazienti con LF in stadio avanzato vi è
inoltre evidenza per l’uso della RIT di consolidamento dopo ottenimento di risposta completa o parziale alla
chemioterapia CHOP iniziale. In questo setting di pazienti l’uso della RIT migliora la PFS rispetto alla sola
osservazione (PFS media 35.5 vs 13.3 mesi; p<0.001) e permette di aumentare il tasso di conversione da
risposta parziale dopo l’induzione a risposta completa dopo RIT (77%) [198] (Livello di evidenza 1++).
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
La radioimmunoterapia può essere somministrata come
consolidamento dopo chemioterapia per il trattamento iniziale
dei pazienti con LF avanzato.
B
√L’evidenza di questa raccomandazione si basa sui risultati
di uno studio randomizzato in cui la terapia di prima linea
non prevedeva l’utilizzo di rituximab. Attualmente non sono
ancora stati pubblicati i risultati dello studio randomizzato
che confronta l’efficacia di Zevalin vs osservazione dopo RCHOP.
Positiva debole
Terapie alte dosi prima linea
Diversi studi prospettici e retrospettivi, tutti condotti in epoca pre-rituximab, hanno valutato il ruolo della
HDC nei linfomi follicolari in prima linea evidenziando che la procedura era ben tollerata e che la OS
sembrava migliore rispetto a pazienti trattati in modo convenzionale [199-206].
Sono stati successivamente condotti quattro studi randomizzati [207-211] che hanno confrontato l’uso della
HDC con supporto di cellule staminali autologhe con un trattamento convenzionale in pazienti con LF in
prima linea, dai quali è emerso che la PFS o EFS è migliore nel gruppo di pazienti che hanno ricevuto la
HDC, anche se non sono state evidenziate differenze nella OS. In due studi [208-210], in cui il FLIPI era
derivato in modo retrospettivo, la HDC si era dimostrata statisticamente superiore solo in termini di PFS nei
pazienti ad alto rischio (score ≥3). Tuttavia questo dato è stato completamente sovvertito nell’analisi a lungo
termine (mediana di follow-up 9 anni) dello studio del GOELAMS [209], in cui la HDC migliorava la PFS
nel sottogruppo con 0 fattori (low risk).
Tra gli studi randomizzati disponibili, lo studio GITMO/IIL [211] si differenzia dagli altri poiché sono stati
arruolati solo pazienti considerati ad alto rischio (secondo IPI e/o score IIL), sono state confrontate una
strategia terapeutica convenzionale + rituximab con un trattamento ad alte dosi seguito da infusione di cellule
staminali autologhe e associato a Rituximab ed infine, per una parte dei pazienti in RC, è stato effettuato lo
studio della malattia minima residua a livello midollare mediante PCR (polymerase chain reaction). I risultati
dello studio hanno mostrato una migliore PFS per i pazienti trattati con terapia ad alte dosi senza tuttavia
nessuna differenza in termini di sopravvivenza tra i due trattamenti (Livello di evidenza 1++).
39
LINEE GUIDA LINFOMI
Inoltre è stata confermata l’importanza dell’ottenimento della remissione completa molecolare, in quanto i
pazienti PCR- hanno mostrato una PFS statisticamente migliore rispetto ai pazienti con PCR+. E’ stato
inoltre evidenziato che la PFS non era diversa se la RC molecolare era raggiunta dopo HDS o terapia
convenzionale.
Sulla base dei dati disponibili il panel di esperti concorda sulla mancanza di indicazione all’utilizzo di terapie
ad alte dosi in prima linea nei pazienti con LF. Tale procedura, se prevista, deve essere utilizzata solo
nell’ambito di trial clinici.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
Nei pazienti con LF la terapia ad alte dosi non deve essere
utilizzata per il trattamento di prima linea [211].
Negativa forte
3.3.5 Terapia di seconda linea e di salvataggio
Di solito i pazienti con LF rispondono bene alla terapia di prima linea, ma sono soggetti a recidive con
elevata frequenza. La scelta del trattamento di seconda o ulteriore linea di terapia deve essere fatta valutando
gli stessi parametri considerati per la terapia di prima linea (estensione di malattia, età e comorbidità) e
aggiungendo alla valutazione il tipo di trattamento iniziale e la durata della risposta. Anche nella terapia di
salvataggio lo standard di cura è rappresentato dalla somministrazione di chemio-immunoterapia. Ai
trattamenti convenzionali si aggiungono in questa fase altre possibilità che includono il ricorso a regimi ad
alte dosi con supporto di cellule staminali autologhe e l’utilizzo di farmaci innovativi.
Nella scelta del trattamento di salvataggio si deve preferire uno schema che non comporti resistenza crociata
con il regime usato in precedenza. Anche nella terapia di seconda linea è raccomandato l’aggiunta di
rituximab alla chemioterapia.
Tra i farmaci oggi disponibili per il trattamento del LF, una molecola che sta acquistando sempre maggiore
importanza è la bendamustina. Utilizzato come agente singolo in pazienti pretrattati e refrattari al rituximab è
stato in grado di determinare risposte nel 82% dei pazienti [212]. Utilizzato in associazione con rituximab ha
consentito di ottenere risposte nel 96% dei LF recidivati [213].
Al momento della recidiva i pazienti possono essere anche trattati con RIT, sia come agente singolo sia come
consolidamento di un programma di chemioterapia. La RIT è in grado di migliorare i tassi e la durata della
risposta rispetto al trattamento con rituximab [214] (Livello di evidenza 1++). Complessivamente le risposte
globali ottenute con la RIT in monoterapia, per il trattamento dei pazienti in recidiva, vanno dal 70 al 97%,
con una durata mediana della risposta pari a circa 2 anni. Il trattamento radioimmunoterapico è associato a
maggiore efficacia nei pazienti con un numero limitato di precedenti linee di terapia, che presentano un
numero limitato di stazioni linfonodali coinvolte e assenza di malattia Bulky. La RIT non sembra aumentare
il rischio di sindromi mielodisplastiche o di leucemie mieloidi acute anche se i pazienti trattati con questa
metodica sono ancora pochi per trarre conclusioni definitive. Unica controindicazione assoluta alla
somministrazione di RIT è rappresentata dalla presenza di infiltrato midollare superiore al 25% [214-217].
Nei pazienti responsivi alla terapia di salvataggio due studi randomizzati hanno dimostrato che l’utilizzo di
un trattamento di mantenimento con rituximab è in grado di prolungare la sopravvivenza libera da
progressione rispetto alla sola osservazione (Livello di evidenza 1++) [218], [219].
40
LINEE GUIDA LINFOMI
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Forza della
raccomandazione
clinica
Raccomandazione clinica
Al momento della recidiva i pazienti possono essere trattati con
RIT come agente singolo o come consolidamento di un
programma di chemioterapia [214].
B
√ L’evidenza su cui si basa questa raccomandazione è
limitata dal fatto che l’unico studio randomizzato che
dimostra un vantaggio di RIT utilizza come braccio di
controllo una monoterapia con rituximab che non è
attualmente riconosciuta come standard di trattamento
nei pazienti con LF recidivato o refrattario.
Positiva debole
L’efficacia della terapia di mantenimento nei pazienti con LF che rispondono a terapia di salvataggio è stata
recentemente confermata da una metanalisi che ha stimato in una riduzione del 42% l’effetto sul rischio di
morte per i pazienti con LF in recidiva o refrattario [191]*.
Qualità Globale
delle evidenze
GRADE
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
Nei pazienti responsivi alla terapia di salvataggio deve
essere utilizzato un trattamento di mantenimento con
rituximab 1 dose ogni 2-3 mesi per 2 anni
Moderata
* La valutazione complessiva della qualità delle
evidenze ad oggi disponibili circa “l’efficacia di un
trattamento di mantenimento”, la valutazione del
rapporto tra i benefici ed i rischi correlati e la
formulazione della raccomandazione relativa al
quesito posto, sono state
analizzate secondo
metodologia GRADE (vedere capitolo 6).
Positiva forte
Chemioterapia ad alte dosi con supporto di cellule staminali autologhe in seconda linea
I pazienti di età inferiore a 65 anni, con recidiva estesa o precoce dopo un trattamento di prima linea con
antracicline o fludarabina possono essere presi in considerazione per una terapia ad alte dosi e trapianto
autologo di cellule staminali emopoietiche (SCT). La possibilità di dover ricorrere a un trattamento ad alte
dosi deve essere presa in considerazione nei pazienti più giovani e nei soggetti potenzialmente eleggibili
andrebbero evitati trattamenti associati a severa mieolosoppressione. In questo setting di pazienti sono
disponibili in letteratura sia studi retrospettivi, sia prospettici [201, 203, 220-229]. Nell’unico studio
randomizzato [230] dopo una mediana di follow-up di 69 mesi, la PFS e la OS a 5 anni erano
significativamente migliori per i pazienti nel braccio HDC (PFS 50-58% vs 12%; OS 70% vs 45%), senza
tuttavia differenza se il supporto cellulare era o meno sottoposto a purging [230].
Come confermato anche da una recente metanalisi [231] è possibile concludere che l’utilizzo di terapia ad
alte dosi nei pazienti con LF recidivato è in grado di migliorare la PFS e la OS (Livello di evidenza 1++).
Questi risultati tuttavia sono sicuramente applicabili ai pazienti non precedentemente trattati con rituximab
ma non possono essere completamente trasferiti ai pazienti che recidivano dopo un trattamento ICT.
A tal proposito, il GELA/GOELAMS ha recentemente riportato che la HDC rimane un trattamento efficace
anche per i pazienti esposti o meno al rituximab. Per i pazienti che non ricevono il rituximab in prima linea la
OS e EFS a 3 anni sono superiori per chi viene avviato alla HDC (92% vs 60% e 72% vs 31%,
rispettivamente). Per i pazienti che hanno ricevuto il rituximab in prima linea, il vantaggio della HDC rimane
significativo per la OS e la EFS (92% vs 65% e 75% vs 49%, rispettivamente) [232].
41
LINEE GUIDA LINFOMI
In conclusione per i pazienti recidivati dopo ICT l’indicazione ad un trattamento ad alte dosi è raccomandata
in caso di recidiva precoce (entro i 12 mesi).
Sono necessari studi randomizzati che valutino l’utilizzo di terapia ad alte dosi in paziente recidivati dopo
ICT.
Un problema comune nell’ambito della HDC dei LF è la necessità e la modalità (ex vivo o in vivo) del
purging del supporto cellulare. Per quanto riguarda la prima domanda sulla necessità del purging, studi non
randomizzati hanno costantemente riportato una minor frequenza di ricadute e una migliore sopravvivenza
quando il purging veniva praticato e soprattutto quest’ultimo permetteva di ottenere un prodotto cellulare
senza contaminazione da parte di cellule linfomatose (di solito valutata in PCR) [211, 228, 233].
La seconda domanda riguarda la migliore modalità di purging. Le tecniche di purging ex vivo si sono
dimostrate tutte efficaci, anche se la selezione positiva delle cellule CD34+ è per lo meno dal punto di vista
pratico, la più facile da effettuare in quanto il sistema per la selezione è automatizzato e facilmente
riproducibile, sebbene con un certo costo. Il purging ex vivo, basato sulla selezione negativa delle cellule,
non linfomatose con l’ausilio di anticorpi anti B, risulta essere molto meno standardizzata e più complessa,
perciò è stata abbandonata nella pratica clinica. Il purging in vivo ha assunto un peso maggiore dall’avvento
del rituximab.
A tal proposito è stata ben documentata l’efficacia della decontaminazione del prodotto cellulare (periferico)
con l’uso in peri-raccolta di questo anticorpo, rendendone l’applicazione estremamente facile e ripetibile in
ogni centro [234].
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
La chemioterapia ad alte dosi con supporto di cellule staminali
autologhe può essere utilizzata nei pazienti con malattia in
recidiva dopo terapia di prima linea [231].
B
√ L’evidenza su cui si basa questa raccomandazione è frutto
di studi randomizzati e di una metanalisi condotta su pazienti
recidivati dopo sola chemioterapia. Ad oggi non sono
disponibili risultati di studi randomizzati che valutano
l’efficacia
della
terapia
ad
alte
dosi
dopo
immunochemioterapia.
Positiva debole
Condizionamento
Per l’uso del rituximab negli schemi di condizionamento e dei radioimmunoconiugati si può fare riferimento
a quanto descritto nella sezione relativa ai linfomi diffusi a grandi cellule.
Trapianto allogenico
L’interesse del trapianto allogenico nella strategia terapeutica del LF è legato ad alcune caratteristiche quali
il quasi costante interessamento midollare, soprattutto nelle fasi più avanzate, con la conseguente
contaminazione del supporto cellulare, l’evolutività lenta che rende possibile l’approccio immunoterapico e
la presenza di specificità antigeniche suscettibili per la reattività linfocitaria allogenica. Recentemente, uno
studio inglese ha provato l’effetto immunologico in pazienti con LF avanzato che ricevevano un
condizionamento con BEAM seguito da cellule staminali autologhe o allogeniche. Il gruppo BEAM-allo,
nonostante il maggior numero di terapie precedenti, presentava un rischio di recidiva inferiore ma con una
maggiore TRM [235].
Tuttavia, l’apparente “cronicità” del LF, l’età spesso avanzata, e soprattutto la TRM elevata con il
condizionamento mieloablativo non hanno permesso un utilizzo ampio del trapianto allogenico. D’altra
parte, nei primi studi era comunque evidente una frequenza di recidiva bassa rispetto a quanto osservato
dopo le HDC, dimostrando così l’esistenza di un effetto “graft versus lymphoma”. La situazione è cambiata
con l’utilizzo del trapianto preceduto da RIC che ha permesso di ridurre significativamente la tossicità.
42
LINEE GUIDA LINFOMI
Dai risultati degli studi disponibili sul trapianto allogenico mieloablativo nel LF emerge che questa tipologia
di trattamento consente di ottenere una OS (51%-78%) e una PFS (41%-78%) paragonabili a quanto riportato
per popolazioni di pazienti simili dopo HDC con supporto autologo. Considerando la bassa incidenza di
ricadute dopo allogenico, questo risultato è l’effetto di una TRM ancora troppo elevata, circa 30%, che
rappresenta il vero limite di questo approccio.
La conseguenza pratica di questi dati è che il trapianto allogenico MAC è sempre meno utilizzato nella
pratica clinica.
Una ben più ampia letteratura è stata prodotta per il trapianto allogenico preceduto da vari condizionamenti
di intensità ridotta [110, 113, 116, 119, 235-241]. Come per altre patologie la riduzione della mortalità
trapiantologica conseguente all’uso di condizionamenti di intensità ridotta, avrebbe dovuto permettere un
miglioramento della sopravvivenza. In effetti, in diversi lavori viene evidenziato che la prognosi dei pazienti
con LF è particolarmente buona dopo trapianto allogenico, rispetto agli altri istotipi [116, 119]. Resta
comunque sempre da definire il timing del trapianto allogenico preceduto da RIC durante la storia del LF.
Come per altri istotipi, due indicazioni per candidare un paziente per un trapianto allogenico sono: malattia
in ricaduta dopo HDC, malattia refrattaria a due o più linee di terapia comprendenti il rituximab. In entrambe
queste situazioni, lo stato di malattia pre-allo dovrebbe essere quello di una malattia chemiosensibile.
Nell’analisi dei dati delle serie di pazienti allotrapiantati, deve essere sempre considerato un bias di selezione
dei pazienti in senso peggiorativo. Questo è particolarmente evidente quando il condizionamento è di
intensità ridotta, perché di solito i pazienti hanno ricevuto un numero elevato di linee di terapia,
dimostrandone la chemioresistenza.
Il ruolo del trapianto allogenico nella terapia del LF è stata valutata di recente in alcuni studi. Il primo studio
inglese in cui 82 pazienti con LF sono stati allotrapiantati con un condizionamento di intensità ridotta e una
T deplezione ex vivo con CAMPATH, seguito da un trapianto da donatore familiare o volontario. Sebbene i
criteri di inclusione non siano molto chiari, i risultati sono piuttosto interessanti in quanto OS, PFS e NRM a
4 anni sono 80%, 76% e 8%, rispettivamente. L’outcome è inoltre significativamente differente per i pazienti
trapiantati con un donatore familiare rispetto al donatore volontario. In questo studio, l’infusione dei linfociti
del donatore fa parte della strategia terapeutica [242]. Il gruppo spagnolo GELTAMO ha pubblicato i dati di
2 studi prospettici in cui 37 pazienti con LF ricaduto o refrattario hanno ricevuto un trapianto allogenico RIC
con un donatore HLA identico. Anche in questo caso i risultati sono interessanti con una OS, DFS e NRM a
4 anni del 54%, 57%, e 37%. I dati di sopravvivenza sono differenti, anche se non significativi per la DFS, in
rapporto allo stato di malattia apre-allo [243]. Infine, uno studio prospettico canadese ha valutato i risultati di
una sequenza HDC-allo in 27 pazienti in prima ricaduta, se trasformati o refrattari o in progressione entro 18
mesi dall’ultima terapia, o in seconda ricaduta.
Questi pazienti ricevono quindi una HDC, secondo schema BEAM o BEAC, seguita entro 3-4 mesi dal
trapianto allogenico RIC e dalla infusione di cellule staminali periferiche da un donatore familiare HLA
identico. L’outcome dei pazienti è estremamente positivo, in quanto la OS e la PFS a 3 anni è 96% con NRM
di 4% [244].
In conclusione il panel concorda che il trapianto allogenico può essere considerato, ma solo nell’ambito di
sperimentazioni cliniche controllate, in pazienti giovani con LF in recidiva/progressione dopo HDC o in
pazienti in recidiva o progressione dopo almeno 2 linee di chemioimmunoterapia. In ogni caso il trattamento
allogenico dovrebbe essere somministrato in presenza di malattia chemiosensibile e utilizzando regimi di
condizionamento ad intensità ridotta.
3.4 Valutazione della risposta ai trattamenti
Ogni paziente con LF a cui viene somministrata una terapia deve essere sottoposto ad accertamenti al
termine del trattamento per la valutazione della risposta. Gli esami devono includere esame clinico, esami di
laboratorio e TC con MDC. Devono inoltre essere ripetuti tutti gli altri esami che documentavano la presenza
di malattia all’esordio. Questo vale ad esempio per la biopsia ossea o per indagini radiologiche di specifici
distretti, indagini endoscopiche o visite specialistiche. La valutazione della risposta al trattamento dovrebbe
essere eseguita dopo circa un mese dalla fine della terapia.
43
LINEE GUIDA LINFOMI
Il tipo di risposta inoltre deve essere codificato secondo quanto indicato dai criteri internazionali
recentemente aggiornati e pubblicati (Tabella 6) [245]. Recentemente sono stati resi noti i risultati di 2 studi
retrospettivi e di uno studio prospettico che hanno valutato il ruolo della PET nella valutazione della risposta
ai trattamenti iniziali. Gli studi hanno dimostrato che i trattamenti convenzionali determinano la
negativizzazione della PET nel 75% circa dei pazienti e che i pazienti con PET negativa hanno una PFS
significativamente superiore ai pazienti con residuo PET positivo. Questi dati rappresentano la base per lo
sviluppo, in studi clinici, di strategie terapeutiche adattate alla risposta [146-148].
3.5 Follow-up
A differenza dei linfomi aggressivi i pazienti non vengono guariti dai trattamenti standard per cui si ritiene
necessario un utilizzo più sistematico delle indagini strumentali e una più lunga durata del follow-up al fine
di individuare le recidive/progressioni di malattia che nella maggior parte dei casi sono asintomatiche e/o
tardive. Esistono pochi dati sul ruolo della sorveglianza radiologica in questi pazienti. In uno studio
retrospettivo pazienti in remissione completa erano valutati periodicamente con esame clinico, ematochimici
e TC. Globalmente la recidiva è stata riscontrata con imaging nel 4% dei casi [246]. In un più recente studio
prospettico è stato valutato il ruolo della PET nel follow-up di pazienti affetti da linfomi non-Hodgkin. Nel
gruppo di pazienti con linfomi indolenti ( n:78) la PET ha identificato la recidiva nel 10% dei pazienti a 6
mesi, 12% a 12 mesi, 9% a 18 e 24 mesi,8% a 36 mesi, 6% a 48. Dei 48 pazienti con ricaduta PET positiva
38 erano stati identificati con la TC e 30 erano stati identificati per la comparsa di sintomi [138].
Sulla scora di questi dati si raccomanda di eseguire (NCCN Practice Guidelines in Oncology: Follicular
Lymphoma. 2014; version 2):
• Una visita completa ogni 3-6 mesi per 5 anni, quindi annualmente (Livello di evidenza 4).
• Gli esami di laboratorio (emocromo, LDH, β2-microglobulina, routine) ogni 3-6 mesi per 5 anni,
quindi annualmente (Livello di evidenza 4).
• Per quanto riguarda gli esami radiologici è opportuno eseguire una TC total body, ogni 6 mesi nei
primi due anni e successivamente ogni 12 mesi (Livello di evidenza 4).
Ad oggi non esistono dati a sostegno dell’utilizzo della PET nel follow-up dei pazienti con LF [138].
Durante il follow-up è importante riconoscere la trasformazione in linfomi ad alto grado (3 % all’anno per i
primi 15 anni) [247]. Bisogna considerare la probabilità di tale evento in caso di aumento LDH, marcato
aumento di volume di una singola stazione linfonodale o di una sede extranodale e/o la comparsa di sintomi
B (NCCN Practice Guidelines in Oncology: Follicular Lymphoma. 2014; version 2). In queste situazioni
l’utilizzo della PET-TC potrebbe essere dirimente, indispensabile comunque la conferma istologica [248]
(Livello di evidenza 3).
Nonostante alcuni studi abbiano documentato il ruolo prognostico favorevole del raggiungimento di uno
stato di remissione molecolare, definito come la scomparsa dopo il trattamento di un marcatore molecolare
(t(14;18) o riarrangiamento delle Ig) dal sangue midollare o periferico dimostrata con tecniche ad elevata
sensibilità (PCR), lo studio della malattia minima residua al termine del trattamento e nel corso del follow-up
non può attualmente essere proposto se non all’interno di uno studio clinico controllato.
44
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella 12. Procedure durante il follow up
Qualità
dell’evidenza
SIGN
D
Forza della
Raccomandazione
Procedura
Raccomandazione
Esame clinico
Anamnesi ed esame obiettivo ogni 3-6 mesi
nei primi cinque anni, poi annualmente (NCCN
2014).
Esami ematici
(routine+LDH)
Ogni 3-6 mesi nei primi 5 anni, poi
annualmente (NCCN 2014).
D
Positiva debole
TC collotorace-addome
completo
Ogni 6 mesi dal temine del trattamento per i
primi 2 anni, poi annualmente (NCCN 2014).
D
Positiva debole
Procedure non
raccomandate
In assenza di indicazioni cliniche i seguenti
esami sono “sconsigliati”:
-TC-PET con fdG, salvo nei casi di sospetta
trasformazione in linfoma aggressivo [248].
-remissione molecolare
D
Positiva forte
45
Positiva debole
46
Diagnosi di Linfoma
Follicolare grado 3b
* Evitare FNAB nella fase diagnostica
- Utile in certe circostanze FISH per
t(14;18) su tessuto oppure PCR su
DNA estratto da tessuto neoplastico
paraffinato o congelato.
- PET-TC scan
- Ricerca t(14;18) e/o riarrangiamento
Ig su sangue midollare e/o periferico.
-Ecocardiogramma
Esami utili in casi selezionati:
- Pannello IHC completo con
CD20,CD79, CD10, BCL2, BCL6,
Ki67, CD23.
- TC collo , torace, addome con mezzo
di contrasto
- Sierologia per HIV, HBV e HCV
- Biopsia osteomidollare
Grado 1,2,3a
-LDH e beta2 microglobulina
- panel metabolico e dosaggio
immunoglobuline
- Biopsia linfonodale o di tessuto
extranodale *;
Conferma istologica di Linfoma
Follicolare
Requisiti di appropriatezza
Diagnosi di Linfoma
Follicolare
- Sintomi B
- Emocromo completo con formula
- Esame fisico
- Performance Status
STADIAZIONE
Esami raccomandati
Figura 1 LF : Diagnosi e stadiazione
VEDI LG DLBCL
STADIO III-IV
STADIO II
STADIO I
LINEE GUIDA LINFOMI
3.6 Figure
47
Indicazioni per terapia:
- Presenza di malattia attiva
(secondo SIE/SIES)
- Disponibilità studio clinico
No
Si
Osservazione
Immunochemioterapia+/
- RT-IF(per stadi I-II)*
o
studio clinico
*Terapie di prima linea: R-CHOP, R-Bendamustina, R-CVP, R-FM
Stadio IIIIV
FLIPI
alto
Stadio
I-II
FLIPI
basso
IF-RT 25-30 Gy
(prima scelta) o
osservazione
Monitoraggio attivo con
- Visita con esami di
laboratorio ogni 3-6 mesi
-TC semestrale per i primi 2
anni poi annuale
Figura 2 LF : Terapia iniziale
Vedi “Gestione
follow-up”
Vedi
“Valutazione
risposta”
Vedi “Gestione
follow-up”
LINEE GUIDA LINFOMI
-Biopsia osteomidollare
(se positiva all’esordio)
-Esami di laboratorio
Valutazione risposta:
-TC
RN, PG
RC, RP
-Mantenimento con
Rituximab per 2 anni
-Radioimmunoterapia
Si
No
Indicazione al
trattamento
Recidiva/PG
48
Si
No
Figura 3 LF : Valutazione della risposta
Vedi “Terapia di
salvataggio”
Vedi “Gestione
follow-up”
Vedi “Gestione
follow-up”
LINEE GUIDA LINFOMI
Visita periodica
-Emocromo completo con formula
ogni 3-6 mesi
-TC collo, torace, addome, pelvi con
mezzo di contrasto ogni 6 mesi per i
primi due anni poi annualmente
Se
PG
Paziente
pretrattato
Paziente era in
osservazione
Figura 4 LF : Gestione follow-up
Vedi “terapia di
salvataggio”
Vedi “terapia
iniziale”
LINEE GUIDA LINFOMI
49
50
Valutazione età e
durata della risposta
alla prima linea
ASCT*
Immunochemioterapia
Radioimmunoterapia
Studio clinico
*Raccomandato nel paziente giovane o anziano fit come prima linea di salvataggio.
E’ raccomandata la
conferma istologica per
escludere la trasformazione
in Linfoma aggressivo.
Restaging completo.
Recidiva/Progressione con
indicazione al trattamento.
Figura 5 LF : Terapia di salvataggio
Valutazione
risposta
LINEE GUIDA LINFOMI
LINEE GUIDA LINFOMI
4.
Linfomi di Hodgkin
4.1 Epidemiologia
Il linfoma di Hodgkin (LH) è una patologia relativamente rara che colpisce il sistema linfatico
prevalentemente i giovani adulti. Nel periodo 1998-2002 l’incidenza in Italia è stata di circa 3 casi su
100.000 abitanti (3.7 per gli uomini e 3 per le donne), rappresentando lo 0,5% di tutti i tumori diagnosticati e
lo 0,2% del totale dei decessi in entrambi i sessi. Dalle stime degli ultimi anni si registra un aumento
statisticamente significativo nel sesso femminile, mentre per quanto riguarda la mortalità il trend è stabile nei
due sessi.
Fino agli anni ’60 la sopravvivenza a 5 anni era al di sotto del 10%. Con l’avvento della chemioterapia di
combinazione negli anni ’70 le prospettive di raggiungere una remissione completa e una lunga
sopravvivenza sono aumentate in modo significativo. Attualmente i registri sia Americani (SEER), sia
Europei (EUROCARE 4), sia Italiani (AIRTUM) riportano una sopravvivenza a 5 anni di oltre l’80%.
Secondo il documento congiunto AIOM-AIRTUM del 2011, per i pazienti sopravvissuti dopo 1, 3 e 5 anni
dalla diagnosi, la percentuale di sopravvivenza aumenta rispettivamente a 87, 92 e 96 %.
In Italia i livelli medi si allineano a quelli della media europea [249-252].
La curva di insorgenza del LH presenta due picchi di età: il primo nella terza decade e il secondo dopo la
quinta. Dati più recenti mostrerebbero la scomparsa del secondo picco dovuta ad un'erronea attribuzione di
linfomi non-HG a grandi cellule al sottogruppo istologico a deplezione linfocitaria.
Nella fascia di età compresa tra 0-44 anni i LH rappresentano il 5,8% dei tumori nei maschi e il 3,6% delle
femmine.
E' stato postulato che il virus di Epstein-Barr (EBV) abbia un ruolo nella patogenesi del LH, il virus viene
identificato in una certa percentuale di casi (circa il 50% nei paesi industrializzati e 90% nei paesi in via di
sviluppo).
I miglioramenti ottenuti nella cura di questi pazienti sono dovuti principalmente ai progressi della
chemioterapia, della radioterapia e ad un più razionale utilizzo della combinazione di entrambe.
Tuttavia nelle ultime due decadi è stato evidenziato e quantificato il rischio di tossicità tardive correlate al
trattamento, soprattutto in termini di secondi tumori e tossicità cardiaca; la principale causa di morte nei
primi 10-15 anni è dovuta al LH, mentre dalla seconda decade in avanti la prima causa è dovuta a secondi
tumori e a sequele cardiache [253-257]. Ciò ha indirizzato verso programmi terapeutici che mantengano, o
possibilmente aumentino, le percentuali di guarigione, minimizzando il rischio di tossicità a lungo termine in
particolare negli stadi iniziali.
Nella programmazione terapeutica è importante considerare che le morti per Hodgkin sono più frequenti nei
primi dieci anni post terapia, mentre dalla seconda decade la causa principale è determinata da secondi
tumori e da patologie cardiache.
4.2 Diagnosi
Le caratteristiche principali per un sospetto diagnostico sono: giovane adulto con adenopatia di solito non
dolente, prevalentemente a livello delle regioni cervicali, con accompagnamento in una certa percentuale di
alcuni segni e sintomi quali febbre, perdita di peso consistente (>10 Kg nei 6 mesi precedenti), sudorazioni
profuse notturne, prurito generalizzato, fatigue. A questo quadro standard possono mancare o aggiungersi
altre caratteristiche di sedi o sintomi anche in relazione all’istotipo.
51
LINEE GUIDA LINFOMI
La diagnosi deve essere fatta su biopsia escissionale di un linfonodo ogni volta sia possibile e comunque essa
deve comprendere una quantità di tessuto sufficiente per l’analisi dei requisiti minimi immunoistochimici
adeguati per rispondere al quesito diagnostico.
E’ quindi da evitare una citologia con ago sottile.
4.3
Classificazione istopatologica
Attualmente è in uso la classificazione WHO, derivata dalla classificazione REAL, che divide i linfomi di
Hodgkin in due varianti distinte: il LH nodulare a predominanza linfocitaria e il LH classico [7].
Tale distinzione è importante poiché le due entità differiscono per quadro e comportamento clinico, per
composizione cellulare e, importante ai fini diagnostici, per la morfologia, per l’immunoistochimica e per il
mantenimento o meno dell’espressione genica B-cellulare.
Il LH classico comprende 4 sottotipi istologici: sclerosi nodulare, cellularità mista, deplezione linfocitaria e
ricco in linfociti.
Classificazione istologica del LH sec. WHO 2008
Linfoma di Hodgkin nodulare a predominanza linfocitaria
Linfoma di Hodgkin classico
- Linfoma di Hodgkin classico sclerosi nodulare
- Linfoma di Hodgkin classico ricco in linfociti
- Linfoma di Hodgkin classico a cellularità mista
- Linfoma di Hodgkin classico a deplezione linfocitaria
Questi sottotipi, a loro volta, differiscono per sito di coinvolgimento, caratteristiche cliniche, composizione
cellulare, presenza o meno di fibrosi e presenza o meno d’infezione da virus di Epstein Barr.
I requisiti minimi immunoistochimici per la diagnosi sono: CD3, CD15, CD20, CD30, CD45.
La variante nodulare a predominanza linfocitaria è: CD15-, CD20+, CD30-, CD45+.
La variante classica è: CD15+, CD20-, CD30+, CD45-.
Si segnala che la variante nodulare a predominanza linfocitaria e il sottotipo ricco in linfociti, pur
possedendo caratteristiche immunofenotipiche differenti, presentano buona risposta clinica e outcome alle
terapie standard sovrapponibile [258].
La Tabella 13 [10] presenta un pannello anticorpale di base per valutare casi potenzialmente diagnosticabili
come LH. Tale pannello è sufficiente nella maggior parte dei casi per porre diagnosi corretta di LH. Occorre
ricordare che possono ricorrere fenotipi atipici, come per esempio quelli che comportano l’assenza
dell’espressione di CD15. Inoltre, non tutti gli ematopatologi sono convinti che l’immunoreazione per CD45
sia utile come le altre.
E’ importante anche essere consapevoli che alcuni casi saranno classificati come linfomi della zona grigia
con caratteristiche intermedie fra un linfoma non Hodgkin diffuso a grandi cellule B ed un LH.
52
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella13. Pannello anticorpale di base del Linfoma di Hodgkin
Fenotipo cellule neoplastiche
Reattività
normale
LH nodulare a
Antigene
ematopoietica/linf
LH classico
predominanza
oide
linfocitaria
CD 20
Cellule B, alcune
Negativo in molti casi; in
Positivo
cellule T
alcuni casi positivo, di solito
associato ad un subset di
cellule di Reed-Stenberg
LNH B
In molti casi
positivo
CD 3
Cellule T, cellule
NK
Solo raramente positivo
Negativo
Negativo
CD 15
Granulociti, alcuni
istiociti, alcune
cellule epiteliali e
carcinomi, cellule
infettate da CMV
Cellule linfoidi
attivate
Positivo in molti casi (85%)
Negativo
Negativo in
molti casi
Positivo
Di solito
negativo
LCA
Leucociti
Negativo
Di solito negativo;
occasionalmente
positivo; possono
risultare positive
alcune cellule non
neoplastiche
Positivo
EMA
Alcune
plasmacellule
Solo raramente positivo
Alcune cellule
positive
Di solito
negativo
CD 30
Di solito
positivo
LCA antigene comune dei leucociti; EMA, antigene di membrana epiteliale.
Nel modello di LH nodulare a predominanza linfocitaria originariamente descritto da Fan e colleghi come
"pattern A", le cellule della predominanza linfocitaria (LP) risiedono nel classico nodulo neoplastico, mentre
tali cellule fuori del nodulo sono rare (pattern inizialmente invasivo / early invasive NLPHL pattern).
Durante la progressione della malattia, le cellule LP aumentano di numero e si estendono anche al di fuori
dei noduli neoplastici e infiltrano lo spazio perinodulare (pattern invasivo/frankly invasive NLPHL pattern).
È importante sottolineare che la presenza di numerose cellule LP al di fuori dei noduli caratterizza il pattern
di crescita francamente invasivo [259]. Questo pattern può indicare l’inizio di una progression verso un
pattern diffuso e quindi predire la progressione verso un linfoma diffuso (DLBCL).
53
LINEE GUIDA LINFOMI
4.4 Stadiazione
A tutt’oggi la classificazione in stadi si basa sul sistema di Ann Arbor/Cotswolds che definisce 4 (I-IV) stadi
di malattia, a loro volta definiti dalla lettera A o B a seconda della presenza o meno dei sintomi sistemici in
precedenza elencati [15] (Tabella 14).
Si definisce inoltre malattia bulky mediastinica la presentazione di malattia in cui il rapporto tra massa
mediastinica e diametro toracico sia maggiore di un terzo, o vi sia una massa linfonodale in altra sede > 10
cm nel diametro maggiore.
Gli stadi iniziali a loro volta vengono suddivisi in favorevoli o sfavorevoli a seconda della presenza o meno
di fattori di rischio, con alcune differenze tra i principali gruppi europei e americani; mentre negli stadi
avanzati è stato formulato uno score prognostico internazionale (IPS) a seconda della presenza o meno di età
>45 anni, sesso maschile, stadio IV, Hb< 10,5 g/dL, albumina<4 g/dL, leucociti >15 x 10/L, linfociti< 0,6
x10/L. La presenza di uno o più di questi parametri determina un impatto negativo sul FFP a 5 anni e può
determinare una scelta terapeutica più aggressiva [260] (Tabella 15; Tabella 16).
Tabella 14. Stadiazione Ann Arbor/Cotswolds
STADIO
I
SEDI INTERESSATE
Unica regione linfonodale (I) o singola sede extralinfatica (IE).
II
Due o più regioni linfonodali dallo stesso lato del diaframma (II) o estensione locale extralinfatica e
una o più regioni dallo stesso lato del diaframma (IIE).
III
Regioni linfonodali in entrambi i lati del diaframma (III), accompagnate o meno da un’estensione
locale extralinfatica (IIIE).
IV
Diffuso coinvolgimento di una o più sedi extralinfatiche.
A
Assenza di sintomi sistemici.
B
Presenza di almeno uno dei seguenti sintomi:
• Perdita di peso >10% del peso abituale negli ultimi 6 mesi
• Febbre ricorrente >38°
• Sudorazioni notturne inspiegabili.
E’ importante sottolineare che i sintomi correlati ad una prognosi peggiore sono la perdita di peso e la
febbre.
Le sudorazioni notturne da sole non influenzano negativamente la prognosi e il prurito, non più
considerato tra i criteri di Ann Arbor come sintomo B, acquisisce importanza di sintomo sistemico
qualora sia ricorrente, generalizzato e altrimenti inspiegabile.
Bulky
Singola massa delle dimensioni ≥10 cm nel diametro maggiore o massa mediastinica >1/3 del diametro
trasverso misurato a livello di D5-D6 su Rx standard.
54
LINEE GUIDA LINFOMI
Tabella 15. Confronto fattori di rischio, stadi iniziali favorevoli e sfavorevoli
GHSG
EORTC
FATTORI DI
RISCHIO
a) bulky mediastino
b) Malattia extranodale
c) VES ≥ 50 senza
sintomi B o ≥30 con
sintomi B
d) ≥ 3 sedi linfonodali
FAVOREVOLI
CS I-II
CS I-II (sopradiafram.)
senza fattori di rischio senza fattori di rischio
SFAVOREVOLI CS I o CS IIA
con ≥1 fattore
di rischio
CS IIB con c) o d) ma
senza a) e b)
NCIC/ECOG
a) bulky mediastino
a) istologia (no LP/NS)
b) età ≥50 anni
b) età ≥ 40 anni
c) VES ≥ 50 senza sintomi c) VES ≥ 50
B o ≥ 30 con sintomi B d) ≥ 4 sedi linfonodali
d) ≥ 4 sedi linfonodali
CS I-II
(sopradiaframmatico)
con ≥1 fattore
di rischio
NCCN
a) bulky mediastino
b) VES>50
c) >3 sedi linfonodali
d) sintomi B
CS I-II
CS I-II
senza fattori di rischio senza fattori di rischio
CS I-II
con ≥ 1 fattore
di rischio
CS I-II
con ≥ 1 fattore
di rischio
Tabella 16. International Prognostic System
N°
Età>45 anni; sesso maschile;stadio IV;
Hb <10,5 g/dL, albumina <4 g/dL, leucociti >15 x 10 /L, linfociti <0,6 x 10 /L
FFP a 5 anni (%)
0
84
1
77
2
67
3
60
4
51
>5
42
Fattori prognostici
4.5 Indagini diagnostiche
La tipologia e il numero degli esami diagnostici necessari per valutare la reale estensione della malattia ha
avuto nelle ultime tre decadi una notevole evoluzione. Il passaggio da una strategia terapeutica
prevalentemente basata sulla radioterapia ad una comprensiva di chemioterapia in maniera sempre più ampia
ha portato all’abbandono di indagini invasive quali la laparotomia con splenectomia (gravata da una
percentuale di morbilità del 10% e mortalità dello 0.5% e con possibilità di sviluppare leucemie secondarie)
o la linfografia pedidia.
Attualmente lo staging clinico nel LH comprende: anamnesi con attenta valutazione dei sintomi
eventualmente presenti, esame obiettivo, esami di laboratorio inclusivi di VES, LDH, albumina, valutazione
della funzionalità renale, epatica e tiroidea, test di gravidanza per le donne in età fertile e consulto per
programmi di preservazione della fertilità (criopreservazione del seme maschile o di oociti o tessuto ovarico
nelle femmine), con prescrizione di estro progestinici, ovaropessi in caso vi sia in programma una RT
pelvica.
55
LINEE GUIDA LINFOMI
Importante la valutazione delle eventuali comorbidità mediante la ricerca di sierologia positiva per HBV,
HCV e HIV, lo studio della funzionalità cardiaca con ecocardiogramma e la valutazione della frazione di
eiezione. Per i pazienti trattati con bleomicina è consigliabile eseguire prove di funzionalità respiratoria con
spirometria.
Le attuali indagini radiologiche comprendono Rx standard, con misurazione del rapporto tra massa
mediastinica e diametro toracico in antero-posteriore a livello del passaggio D5-D6 (definizione di bulky se
rapporto > 0,33), TC collo, torace, addome, PET o PET-TC.
Per quanto attiene la biopsia osteomidollare, la positività nel LH è circa il 5%. Per tale motivo questa
procedura diagnostica è da eseguire solo nei pazienti ritenuti a maggior rischio di interessamento midollare, i
pazienti in stadio avanzato o quelli in stadio localizzato con fattori prognostici sfavorevoli.
4.5.1 TC, PET, PET-TC diagnostica
La TC collo torace e addome completo è attualmente l’indagine standard nella valutazione iniziale,
monitoraggio della risposta ai trattamenti e nella valutazione finale dopo completamento del programma
terapeutico. Limiti di questa tecnica d’imaging sono: informazioni sulle dimensioni, ma non sulle funzioni
cellulari, incapacità a rilevare lesioni piccole < al centimetro.
La PET (tomografia a emissione di positroni con fluorodesossiglucosio) e la PET/TC sono un’utile
integrazione alla TC standard con aumento significativo della sensibilità e della specificità diagnostica [261,
262].
Attualmente uno studio di imaging funzionale con PET o PET-TC è altamente raccomandata in fase
diagnostica stadiativa.
Tra le due metodiche è da preferire l’esecuzione della PET-TC.
4.6 Trattamento del linfoma di Hodgkin
4.6.1 Terapia stadi iniziali
La RT esclusiva a grandi campi estesi è stata per molte decadi il trattamento standard del LH classico in
stadio iniziale [263]. Il ruolo della radioterapia ha subito un progressivo ridimensionamento per le seguenti
evidenze:
• Maggior numero di recidive negli stadi precoci dopo trattamento con la sola radioterapia, con teorica
necessità di stadiazione patologica (laparosplenectomia);
• Il presunto incremento a distanza di neoplasie secondarie in territorio irradiato.
Sono stati recentemente pubblicati i risutati finali di uno studio randomizzato canadese che aveva
confrontato un trattamento con ABVD vs radioterapia a campi estesi in pazienti con LH in stadio localizzato.
Lo studio ha arruolato 405 pazienti e dopo un follow-up medio di 12 anni ha dimostrato la superiorità del
trattamento chemioterapico rispetto alla RT esclusiva per un incremento dei decessi per cause diverse dal
linfoma nei pazienti trattati con RT [264] (Livello di evidenza 1++). Tale dato è certamente importante,
soprattutto nel sottolineare come possibile endpoint clinico futuro un parametro quale la sopravvivenza
globale, ma è fortemente limitato dal fatto che la strategia terapeutica impiegata (STNI, con o senza ABVD)
rappresenti una strategia terapeutica obsoleta, non più utilizzata da molti anni nella pratica clinica, e nella
quale una radioterapia a campi estesi e per di più associata alla chemioterapia gioca un ruolo importante
nell’eccesso di mortalità.
L’ABVD rimane lo schema polichemioterapico di riferimento da utilizzare nei pazienti con LH in stadio
iniziale [265-270].
Una strategia combinata di CT+RT è considerata lo standard sia delle forme favorevoli che sfavorevoli
(criteri EORTC, GHSG). Il trattamento standard dei pazienti con malattia in stadio limitato è generalmente
identificato nella somministrazione di 4 cicli ABVD seguiti da radioterapia di tipo IF-RT [268].
56
LINEE GUIDA LINFOMI
Nel tentativo di ridurre la tossicità a lungo termine potenzialmente correlata alla RT (secondi tumori,
tossicità cardiaca), diversi studi hanno valutato il ruolo della sola CT nel trattamento degli stadi iniziali [271274]. Al momento attuale i dati sull’efficacia della sola CT rispetto alla combinazione CT+RT non sono
conclusivi e non permettono di consigliare tale modalità al di fuori di studi clinici, evidenziando anzi un
peggior outcome clinico nei pazienti trattati con sola chemioterapia rispetto a quelli trattati in modalità
combinata, per lo meno in termini di sopravvivenza libera da progressione.
Altri studi hanno messo a confronto la sola radioterapia con trattamenti combinati e hanno dimostrato la
superiorità di quest’ultima modalità sia per il sottogruppo favorevole che sfavorevole [264, 266].
Il gruppo EORTC ha pubblicato nel 2007 i risultati dello studio H8 su 1538 pazienti con LH in stadio
localizzato dimostrando come un breve trattamento chemioterapico seguito da IF-RT era superiore alla sola
radioterapia a campi estesi (STNI) nel sottogruppo di pazienti a prognosi favorevole e consentiva di ottenere
risultati analoghi ad un trattamento prolungato di chemioterapia (6 cicli) seguito da IFRT o ad un
consolidamento con radioterapia STNI [266].
Nelle forme favorevoli (secondo i criteri del GHSG) un recente studio randomizzato del gruppo tedesco su
1370 pazienti ha paragonato il trattamento standard (4 cicli di ABVD + 30 Gy RT-IF) a trattamenti ridotti sia
nei cicli di chemioterapia che nelle dosi di radioterapia dimostrando che 2 cicli di ABVD seguiti da 20 Gy di
RT-IF sono parimenti efficaci in termini di time to treatment failure e sopravvivenza globale ma meno tossici
rispetto al trattamento standard [275] (Livello di evidenza 1++). Recentemente i gruppi EORTC/FIL/LYSA
hanno pubblicato i risultati della prima interim dello studio H10 in cui veniva utilizzata una valutazione
precoce della risposta con PET in pazienti con LH in stadio localizzato nel tentativo di eliminare la
radioterapia dopo 3 cicli di ABVD nei pazienti con evidenza di risposta precoce. Lo studio ha concluso che
la radioterapia non può essere omessa dal trattamento dei pazienti con LH in stadio localizzato in virtù di un
numero inferiore di progressioni di malattia osservato tra i pazienti trattati con modalità combinata rispetto a
quelli trattati con sola chemioterapia [276] (Livello di evidenza 1++).
Nelle forme svaforevoli il gruppo GHSG è giunto alle medesime conclusioni del gruppo EORTC
confermando lo standard di 4 cicli ABVD seguiti da IFRT 30Gy [267] (Livello di evidenza 1++).
Nell studio HD11gli autori tedeschi hanno paragonato con un disegno fattoriale 2x2 la terapia con 4 cicli
ABVD verso 4 cicli di BEACOPP e una radioterapia IF standard con 30Gy vs 20Gy. I risultati su 1395
pazienti hanno dimostrato che il BEACOPP seguito da RT (20 o 30 Gy) non era superiore a 4 cicli di ABVD
+ 30 Gy RT-IF, mentre ABVD seguito da 20 Gy RT-IF era inferiore in termini di controllo della malattia
[267].
Successivamente lo stesso gruppo, nel tentativo di migliorare l’outcome di tali pazienti, ha paragonato i 4
cicli di ABVD + 30 Gy RT-IF con 2 cicli di BEACOPP escalated seguiti da 2 cicli di ABVD + 30 Gy RT-IF
dimostrando su 1528 pazienti che il regime 2+2 è superiore in termini di freedom from treatment failure ma
significativamente più tossico rispetto allo standard. Rimangono da valutare i dati sulla tossicità a lungo
termine [277].
Il concetto di IF, che ha totalmente sostituito lo storico approccio cosiddetto “extended fields” (Mantellina, Y
rovesciata) garantendo minor tossicità a parità di tassi di cura, fa riferimento all’irradiazione delle sole sedi
linfonodali interessate all’esordio, con l’inclusione, generalmente, della stazione linfonodale contigua non
interessata; in questo senso l’IF è più correttamente definibile come “regional field”.
Pur con questa estensione all’immediata regione non clinicamente coinvolta, la RT-IF comporta certamente
una significativa riduzione dei volumi irradiati rispetto ai campi estesi classici, con notevole risparmio dei
tessuti sani.
Una più recente evoluzione, ancora del tutto sperimentale, del concetto di involved field è rappresentata
dall’approccio “involved nodal” RT, che comporta un’ulteriore riduzione dei campi di radioterapia, fino ad
arrivare all’irradiazione dei soli linfonodi interessati all’esordio, e non della regione linfonodale coinvolta.
Tale riduzione dei campi di RT è attualmente in fase di sperimentazione. In attesa della conclusione degli
studi clinici internazionali, pur in presenza di studi retrospettivi [278] che ne giustificherebbero la sicurezza
clinica, il trattamento radioterapico involved nodal non deve essere utilizzato nella normale pratica clinica,
continuando a considerare il trattamento IF lo standard radioterapico.
57
LINEE GUIDA LINFOMI
Una nuova generazione di studi clinici sta attualmente utilizzando la valutazione precoce della risposta
mediante imaging funzionale (interim-PET) per identificare eventuali pazienti in cui sia possibile de-escalare
il trattamento mediante l’omissione della radioterapia. Nell’attesa di conoscere i risultati di tali studi
prospettici, bisogna comunque sottolineare le numerose criticità relative all’interpretazione della interimPET (criteri non univoci) ed alla ovvia necessità che l’omissione della radioterapia debba essere bilanciata da
una chemioterapia con maggior numero di cicli (a fronte di una prevedibile modesta tossicità di una
radioterapia involved fields e a dosi ridotte rispetto ai dati storici della radioterapia a campi estesi e dosi
elevate).
Si ritiene quindi che il trattamento standard degli stadi iniziali sia:
Pazienti in stadio iniziale a prognosi favorevole: 3-4 cicli di ABVD + RT-IF (30Gy) (2 cicli ABVD
+ 20 Gy se criteri GHSG);
Pazienti in stadio iniziale a prognosi sfavorevole secondo i criteri sia del GHSG che dell’EORTC: 4
cicli di ABVD + RT-IF (30Gy).
Alla raccomandazione di un utilizzo combinato chemio-radioterapico potrebbero fare eccezione i pazienti
con LH a predominanza linfocitaria in stadi precoci, per i quali è segnalata l’ottima efficacia in termini di
PFS e OS del solo trattamento radioterapico IF [279].
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
A
A
A
Raccomandazione clinica
I pazienti affetti da LH in stadio localizzato dovrebbero essere
trattati con approccio combinato chemio radioterapico (breve
chemioterapia seguita da radioterapia limitata) [264, 266] .
I pazienti con LH in stadio localizzato a prognosi sfavorevole
dovrebbero essere trattati con 4 cicli della combinazione
ABVD seguiti dalla soministrazione di 30Gy di RT con
modalità IF [267].
I pazienti con LH in stadio localizzato a prognosi favorevole
dovrebbero essere trattati con 3-4 cicli della combinazione
ABVD seguiti dalla soministrazione di 30Gy di RT con
modalità IF [268, 276].
I pazienti con malattia localizzata favorevole secondo criteri
GHSG possono essere trattati con 2 cicli ABVD seguiti da
RTIF 20 Gy [275].
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Positiva forte
Positiva forte
Positiva forte
4.6.2 Terapia stadi avanzati
Il primo schema chemioterapico utilizzato per la cura della malattia avanzata è stato il MOPP che permetteva
di raggiungere la remissione di malattia in circa la metà dei pazienti [280, 281]. Successivamente alla
valutazione dei dati di efficacia dell’ABVD, diversi studi randomizzati hanno dimostrato la superiorità di
quest’ultimo schema rispetto al MOPP [282, 283].
Nella terapia della malattia avanzata l’utilizzo della sola chemioterapia, purchè somministrata per un numero
adeguato di cicli è superiore al trattamento combinato come documentato da una metanalisi pubblicata dal
gruppo tedesco [284] (Livello di evidenza 1++). Per quanto riguarda la scelta del trattamento
chemioterapico, diversi studi hanno valutato l’efficacia di schemi alternati o ibridi MOPP/ABVD,
dimostrando che l’ABVD è superiore alla MOPP e paragonabile agli schemi ibridi o alternati ma con una
tossicità inferiore [285-291]*.
58
LINEE GUIDA LINFOMI
Qualità Globale
delle evidenze
GRADE
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
L’ABVD è superiore alla MOPP ed equivalente agli
schemi ibridi o alternati ma meno tossico e deve
essere considerato lo schema standard”.
Molto bassa
* La valutazione complessiva della qualità delle
evidenze ad oggi disponibili circa “l’efficacia della
somministrazione di ABVD rispetto ad un altro
schema terapeutico BEACOPP”, la valutazione del
rapporto tra i benefici ed i rischi correlati e la
formulazione della raccomandazione relativa al
quesito posto, sono state analizzate secondo
metodologia GRADE (vedere capitolo 6).
Positiva forte
Due studi randomizzati del GELA e dell’EORTC hanno confermato che l’utilizzo sistematico della
radioterapia, condotta dopo 6-8 cicli di chemioterapia, con la tecnica IF su tutte le sedi inizialmente
coinvolte, non migliora i risultati ed è perciò da evitare nei pazienti in risposta completa al termine del
trattamento chemioterapico, evidenziando per contro un ruolo positivo della RT nei pazienti in RP al termine
del trattamento chemioterapico [292, 293]. Anche i risultati dello studio tedesco HD12, sembrano suggerire
la possibilità di evitare questo tipo di irradiazione [294]. In questo studio tuttavia un’elevata percentuale di
pazienti con lesione bulky alla diagnosi e randomizzata a non ricevere la radioterapia, ha prudenzialmente
ricevuto la radioterapia.
La valutazione delle evidenze per formulare una raccomandazione sull’uso della radioterapia di
consolidamento in pazienti con malattia avanzata deve oggi necessariamente confrontarsi con l’utilizzo della
PET nella valutazione della risposta.
I recenti risultati dello studio tedesco HD15 [295] sembrerebbero confermare la possibilità di ridurre
l’intensità della chemioterapia e di omettere la radioterapia di consolidamento nei pazienti PET negativi al
termine del programma chemioterapico, evidenziando un valore predittivo negativo della PET del 94%. Lo
stesso studio tedesco HD15, che prevedeva la RT in presenza di residui morfologici > 2.5 cm di diametro
positivi alla PET finale (da eseguire solo in presenza di residui morfologici di dimensioni superiori al cut-off
di 2.5 cm), ha anche dimostrato l’ottimo contributo terapeutico della radioterapia in tale particolare scenario.
In caso di risposta parziale alla chemioterapia (BEACOPP) ma con residui linfonodali di diametro inferiore
ai 2,5 cm la RT può essere omessa. Analogamente, la RT puo’ essere omessa in caso di residui di diametro >
2.5 cm purchè PET negativi (Livello di evidenza 1++). Gli studi che valutano il ruolo della RT dopo ABVD
e che utilizzano le PET per la valutazione della risposta sono attualmente in corso.
Più controversa è la necessità di irradiare o meno le aree bulky all’esordio. Ad oggi non esistono studi che
abbiano valutato il ruolo della radioterapia in soggetti con malattia avanzata e localizzazione bulky. In base
alle evidenze disponibili la decisione sulla somministrazione di IF-RT in pazienti con malattia bulky
dovrebbe essere basata sulla risposta al trattamento chemioterapico, analogamente ai pazienti senza malattia
bulky.
La recente valorizzazione del ruolo prognostico della negatività PET dopo 2 soli cicli di chemioterapia
suggerisce l’utilità di una modulazione del trattamento sulla base della PET precoce ma questa strategia
dovrebbe per il momento essere limitata a studi clinici controllati.
Rimane da definire il ruolo del BEACOPP che non ha ancora dimostrato una chiara superiorità nei confronti
dell’ABVD, anche se alcune recenti pubblicazioni sembrano dimostrare un vantaggio per questo schema nei
confronti dell’ABVD o degli schemi ibridi, seppur con una significativa maggiore tossicità [296-300]. In
particolare in una recente metanalisi il gruppo tedesco ha analizzato gli studi pubblicati di confronto tra
ABVD e BEACOP concludendo come lo schema BEACOPP sia associato ad un vantaggio in termini di
sopravvivenza rispetto a ABVD stimando una riduzione del rischio di morte pari al 9% [301].
59
LINEE GUIDA LINFOMI
Non ha nessun ruolo al momento un’intensificazione precoce nei pazienti a prognosi sfavorevole. Infatti, uno
studio condotto dall’EBMT, recentemente aggiornato nel follow-up, ha dimostrato che dopo 4 cicli di ABVD
non esiste alcuna differenza tra continuare lo stesso schema o intensificare con HDC [302, 303].
Quindi la HDC frontline non è indicata in pazienti responsivi alla chemioterapia convenzionale (Livello di
evidenza 1++). L’evidenza degli studi analizzati è solo minimanete indebolità dal fatto che nello studio
randomizzato citato i criteri di inclusione che definiscono ad i pazienti ad alto rischio non sono stati validati
in modo prospettico, e non sono stati utilizzati in maniera del tutto omogenea tra i centri.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
A
B
A
Raccomandazione clinica
I pazienti con LH in stadio avanzato dovrebbero essere trattati
con un programma di 6-8 cicli di chemioterapia [284].
In caso di risposta parziale alla chemioterapia ma con residui
linfonodali di diametro inferiore ai 2,5 cm la RT può essere
omessa. Analogamente, la RT puo’ essere omessa in caso di
residui di diametro > 2.5 cm purchè PET negativi. L’evidenza
su cui si basa questa raccomandazione deriva da una
sperimentazione su pazienti trattati solamente con
chemioterapia BEACOPP e non con ABVD [295].
I pazienti con LH ad alto rischio responsivi al trattamento
iniziale non devono essere trattati con un consolidamento con
HDC [302, 303] .
Forza della
raccomandazione
clinica
Positiva forte
Negativa debole
Negativa forte
4.6.3 Terapia di salvataggio
Esiste una frazione di pazienti che non rispondono alla chemioterapia di prima linea, definiti come refrattari
(progressione durante il trattamento o recidiva entro 3 mesi dalla fine della terapia di prima linea) o che
ricadono dopo aver ottenuto la remissione completa.
Due studi randomizzati e una serie di studi retrospettivi o prospettici hanno valutato i risultati ottenuti in
pazienti con malattia refrattaria o in recidiva, che hanno raggiunto una risposta almeno parziale dopo la
terapia di salvataggio.
Il primo studio randomizzato è quello del BNLI [304] che ha randomizzato 40 pazienti dopo una terapia di
induzione comune con miniBEAM, a proseguire con la stessa terapia oppure a ricevere una HDC con
BEAM. Lo studio ha dimostrato che la EFS e la DFS sono significativamente migliori nel braccio HDC.
Il secondo studio [305] conferma che dopo una terapia di salvataggio efficace (dexa-BEAM), che permette di
ottenere una remissione parziale o completa, la HDC migliora in modo significativo la FFTF a 3 anni mentre
non si evidenzia una differenza significativa per la OS, probabilmente per un effetto cross-over.
Tutti gli studi non randomizzati confermano che circa il 60% dei pazienti con malattia chemiosensibile
rimane libero da ricaduta dopo HDC; inoltre la mortalità trapiantologica è bassa (meno del 5% negli studi più
recenti con condizionamento TBI-free).
Alcuni pazienti potrebbero non essere avviati alla terapia ad alte dosi ma trattati con la chemioterapia
convenzionale, se recidivano in modo limitato (stadio I/II), se sono stati trattati con la sola radioterapia in
prima linea e se non presentano fattori prognostici aggiuntivi [306].
In alcuni studi sono stati evidenziati diversi fattori prognostici nei pazienti con malattia chemiosensibile al
salvataggio che influenzano i risultati dopo HDC e che potrebbero guidare la strategia terapeutica in modo
più razionale. Tra i fattori prognostici la sensibilità alla terapia di salvataggio rimane il più forte in termini di
sopravvivenza. A tale proposito uno studio francese [307] ha riportato i risultati ottenuti modificando la
terapia tra 3 gruppi di pazienti definiti sulla base di uno score prognostico precedentemente costruito dallo
stesso gruppo [308]. In questo studio il gruppo a prognosi peggiore era quello composto dai pazienti
refrattari alla terapia di prima linea, un secondo gruppo era quello dei pazienti ricaduti con ≥ 2 fattori di
rischio ed il terzo gruppo era quello di pazienti ricaduti senza fattori prognostici. I primi due gruppi hanno
ricevuto una doppia HDC mentre il terzo una singola HDC. In questo modo, la FF2F (freedom from 2nd
60
LINEE GUIDA LINFOMI
failure) e la OS a 5 anni sono risultati 46% e 57% nei pazienti refrattari, 53% e 52% nel gruppo con ≥ 2
fattori di rischio e 85% e 73% nel gruppo con 0-1 fattori.
Josting et al. hanno recentemente pubblicato i risultati di uno studio randomizzato in cui lo schema classico
di CT di salvataggio con HDC secondo schema BEAM è stato confrontato ad uno schema intensivo
sequenziale. I risultati ottenuti nei 2 bracci di trattamento non sono differenti in termini di freedom from
treatment failure (FFTF, 71% vs 65%), OS (87% vs 80%), e PFS (72% vs 67%). Di rilievo in questo studio è
anche la validazione dello score prognostico, basato sulla presenza di anemia, stadio IV e ricaduta precoce o
multipla, precedentemente descritto [309].
Uno studio recente del Memorial Sloan Kettering ha valutato, dopo un follow-up di circa 11 anni, la qualità
della vita e l’incidenza di seconde neoplasie in un gruppo di 218 pazienti con LH trattati con HDC. Si è
evidenziato che la maggior parte dei pazienti decede a causa del linfoma, e che la probabilità di morte non
associata al linfoma è di 8% a 10 anni e 17% a 20 anni. L’incidenza cumulativa di sviluppare una seconda
neoplasia (che sopravviene dopo una mediana di 9 anni dal trapianto) aumenta progressivamente nel tempo
(2% a 5 anni, 5% a 10 anni, 15% a 15 anni), con un rischio di 6 volte più alto rispetto alla popolazione
generale.
Anche se i valori medi riportati nei questionari di QOL (quality of life) non sono differenti rispetto alla
popolazione generale, i pazienti trapiantati presentano più frequentemente problemi cognitivi e sociali [310].
La HDC con supporto cellulare autologo periferico deve essere proposta a pazienti con recidiva precoce e
tardiva [304, 305] (Livello di evidenza 1++).
Pazienti in recidiva, trattati inizialmente con la sola radioterapia, senza altri fattori prognostici negativi,
possono ricevere chemioterapia convenzionale. In questi casi il trattamento sistemico deve essere seguito da
RT-IF, se possibile.
In caso di recidiva localizzata (stadio I-II) dopo trattamento convenzionale, può essere presa in
considerazione la somministrazione di radioterapia come modalità esclusiva di terapia di salvataggio [311]
(Livello di evidenza 3).
Pazienti con malattia refrattaria, definita come progressione durante la chemioterapia di prima linea, o
recidivati entro 3 mesi dalla fine della stessa rappresentano il gruppo a prognosi peggiore con una
sopravvivenza media di circa 30% dopo HDC.
Anche tra i pazienti refrattari è possibile identificare dei sottogruppi con prognosi differente. Infatti, è
interessante analizzare in dettaglio lo studio del gruppo tedesco [312] che ha valutato 206 pazienti refrattari.
Di questi, 74% era stato trattato con CT, il 23% con RT e per il 6% non era stato possibile alcun trattamento.
La risposta globale dopo CT era risultata 43% e dopo RT 66%. Solo il 33% dei pazienti era stato sottoposto a
HDC. La maggior parte non aveva potuto ricevere trattamento ad alte dosi a causa della progressione rapida
della malattia o per le complicanze dopo la terapia di salvataggio. Globalmente la FF2F a 5 anni e la OS sono
risultate pari al 17% e al 26% mentre nei pazienti trapiantati al 31% e al 43% rispettivamente. Dall’analisi
multivariata 3 fattori prognostici sono risultati predittivi della sopravvivenza: età (cut-off 50 anni), Karnofski
performance status (cut-off 90%) e ottenimento di una risposta dopo la prima linea. Di particolare interesse si
è rivelato l’uso della RT che ha permesso di ottenere una FF2F e OS di 26% e 57% quando applicata a
pazienti con malattia localizzata (stadio I/II). Quest’ultimo risultato è stato anche riportato da altri autori
[313, 314], soprattutto in assenza di alcuni fattori quali sintomi B e malattia extranodale.
Una nota particolare è che, a differenza dei pazienti ricaduti, solo 2 studi hanno evidenziato la valenza
prognostica della chemiosensibilità pre-HDC [315, 316].
Smith et al. hanno pubblicato i dati di 214 pazienti refrattari e la EFS e OS sono stati 45% e 55% a 6 anni. In
un’analisi multivariata sono stati identificati 2 fattori che influenzano l’outcome: la presenza di malattia
extranodale e bulky (diametro > 5cm). La EFS e OS con 0, 1 o 2 fattori è stata 65% e 81%, 47% e 55%, 24%
e 27%, rispettivamente [317].
In base ai risultati degli studi descritti, pur in mancanza di trial randomizzati la HDC con supporto cellulare
autologo periferico è indicata nei pazienti con malattia refrattaria [312] (Livello di evidenza 3).
Uno dei problemi nell’interpretazione dei risultati della terapia convenzionale e della HDC è legato alla
persistenza di masse residue individuate con la TC, soprattutto quando era presente una malattia bulky. L’uso
di studi funzionali quali la scintigrafia con Gallio, e più recentemente la FDG-PET, hanno permesso di
valutare al meglio la risposta dopo terapia, tanto che quest’ultima tecnica diagnostica è ormai integrata nei
criteri di risposta. Nel caso specifico della HDC, il contributo della FDG-PET sembra essere importante.
61
LINEE GUIDA LINFOMI
Il ruolo prognostico della risposta preHDC valutata con FDG-PET è confermato da numerosi studi
retrospettivi o prospettici [73, 318-322].
L’interesse principale della FDG-PET pre-HDC resta quello di poter identificare pazienti con prognosi
infausta che potrebbero quindi beneficiare di terapie alternative prima di procedere con HDC o nella fase
post trapiantologica. Non ci sono attualmente indicazioni relative alla modifica della strategia terapeutica nel
paziente candidato ad HDC. Questi pazienti dovrebbero essere inclusi in studi clinici controllati.
Recentemente sono stati pubblicati i risultati di uno studio di fase II che utilizza il farmaco Brentuximab
Vedotin in monoterapia nel trattamento dei pazienti con malattia recidiva/refrattaria dopo ASCT o nei
pazienti non eleggibili al trapinto autologo. I risultati dimostrano una notevole attività del trattamento in una
fase della malattia in cui mancano adeguate alternative terapeutiche. Sono in corso numerosi studi in cui il
Brentuximab Vedotin viene associato ai trattamenti convenzionali [323] (Livello di evidenza 3).
L’uso del trapianto allogenico nel LH è iniziato negli anni ’80, con l’utilizzo di MAC, in pazienti con
malattia attiva e trattati con diverse linee di CT e RT [104, 324-327]. La conseguenza di queste variabili è
stata un’elevata TRM e un’elevata percentuale di ricadute o progressioni, che hanno completamente
“cancellato” un eventuale effetto graft versus Hodgkin.
Due studi hanno confrontato il trapianto allogenico con l’HDC senza poter dimostrare una superiorità
dell’allotrapianto dovuta alla presenza dell’effetto immunologico. Tuttavia, nello studio di Akpek, quando
l’analisi veniva ristretta ai pazienti con malattia sensibile pre-trapianto, la OS, la PFS e il rischio di ricaduta a
10 anni risultavano tendenzialmente migliori dopo allo (OS 63% vs 44%, PFS 44% vs 33%, ricadute 34% vs
51%, rispettivamente).
Infine Sureda et al. [328] ha pubblicato uno studio caso controllo in cui sono stati confrontati pazienti con
LH che hanno ricevuto un trapianto previo MAC o RIC. Questo studio conferma la minore incidenza di
mortalità non dovuta alla ricaduta (non relapse mortality, NRM) nel RIC (NRM a 1 anno 23% vs 43%) con
un vantaggio sulla sopravvivenza (OS a 5 anni 28% vs 22%). Anche in questo studio è evidente che la
malattia refrattaria al momento dell’allotrapianto è un fattore predittivo della sopravvivenza, così come è
evidente l’effetto protettivo della GvHD nella sua forma cronica. Tuttavia, il rischio di ricaduta è maggiore
dopo RIC.
Attualmente sono stati riportati numerosi studi [116, 119, 329-333] in cui il trapianto allogenico è stato
effettuato dopo RIC e attraverso i quali si è osservato che:
La maggior parte dei pazienti inclusi è ricaduta dopo HDC o ha ricevuto diverse linee di CT (da 2 a 5);
La TRM si é ridotta in modo considerevole rispetto al condizionamento MAC, pur sottoponendo al
trapianto allogenico pazienti in ricaduta dopo HDC;
Lo stato di malattia pre-allo (chemiosensibile vs malattia refrattaria) si conferma come il fattore
prognostico più forte anche in questo setting di pazienti, per la sopravvivenza, la ricaduta e per la
TRM, in associazione ad altri fattori quali il performance status, l’età ed il numero di linee di CT > 3;
La presenza di graft versus host disease si correla, in molti ma non tutti gli studi, con una riduzione
della incidenza di ricadute post-allo;
La sopravvivenza dei pazienti in ricaduta post-HDC è superiore per i pazienti allotrapiantati rispetto ai
non trapiantati;
La OS e PFS sono piuttosto riproducibili nei vari studi essendo intorno al 50-60% e al 25-30%,
rispettivamente.
Alcuni lavori hanno confermato o prodotto nuove informazioni per quanto riguarda il trapianto. Il GITMO
ha confermato in uno studio retrospettivo i dati di 2 studi di minori dimensioni, con un’analisi donor vs no
donor. In questo studio, i pazienti ricaduti dopo HDC, che hanno un donatore e che ricevono un trapianto
allogenico hanno una OS e PFS statisticamente superiori rispetto al gruppo senza donatore [334].
In uno studio prospettico di fase 2 congiunto EBMT/GELTAMO, 92 pazienti con HL refrattari, sono stati
sottoposti ad un trapianto allogenico da donatore identico utilizzando lo stesso regime RIC. La PFS a 4 anni
per i pazienti trapiantati (78) è stata di 24%, mentre la OS di 43%, confermando i dati di tanti studi
retrospettivi. La presenza di GVHD cronica riduce l’incidenza di ricadute e la NRM a 1 anno è di 15% [335].
Due studi hanno valutato il significato della valutazione della risposta PET prima e dopo il trapianto
allogenico, con risultati discordanti. In uno studio italiano, con una casistica che comprende anche i LNH, la
62
LINEE GUIDA LINFOMI
PET positiva prima del trapianto mantiene una valenza prognostica significativa e la OS e PFS a 3 anni è
risultata essere 76% e 73% vs 33% e 31%, nei pazienti PET negative e PET positivi, rispettivamente [336].
In uno studio inglese, invece, in pazienti con LH e LNH, mentre la valutazione PET pre-allo non identifica
una popolazione di pazienti con un rischio di ricaduta maggiore e minore sopravvivenza, la valutata posttrapianto con PET e successivo trattamento al momento della positivizzazione o aumento della captazione
con DLI, ha permesso di ottenere una PET negativa in 13/14 pazienti. Un limite importante di questo studio
che pochi pazienti sono stati biopsiati per provare la recidiva istologicamente [337].
Infine, Peggs et al. hanno riporato i dati di 76 pazienti, e tra questi 46 ricevono le DLI. Gli autori confermano
l’esistenza di un effetto allogenico contro il LH in quanto i pazienti che ricevono le DLI perché con
chimerismo misto ma senza malattia, hanno una incidenza di recidiva di solo 5%, confrontato con i pazienti
sempre senza malattia ama con chimerismo completo che non ricevono le DLI, la cui incidenza di recidiva è
del 43%. Inoltre per i pazienti in recidiva, la percentuale di remissione completa è ottenuta nel 79% dei
pazienti [338].
Lo stato di malattia pre-allo è sempre un elemento prognostico deciso per l’outcome dei pazienti. Tuttavia,
con le terapie “convenzionali” le probabilità di ottenere una riduzione di malattia significativa è limitata,
anche per la ridotta tolleranza agli schemi di polichemioterapia. Di recente, la situazione è cambiata con
l’uso del brentuximab vedotin, un anticorpo anti-CD30 coniugato con un veleno del fuso (auristatina E).
L’anticorpo, dopo legame con il CD30, viene internalizzato e l’auristatina rilasciata con induzione della
morte cellulare. In uno studio di fase 1, Younes et al. ha identificato la dose massima tollerata del
brentuximab vedotin (1.8 mg/kg ogni 3 settimane) in una coorte di pazienti mista, ma prevalentemente con
linfoma di Hodgkin. In un successivo studio di fase 2, in pazienti unicamente con LH, recidivati o refrattari
dopo un ciclo di chemioterapia ad alte dosi, il brentuximab vedotin ha ottenuto una risposta globale del 75%
(remissione completa 34%). La mediana della PFS è stata di 5.6 mesi e per i pazienti che ottengono la
remissione completa di 20 mesi. Il farmaco è ben tollerato con una tossicità prevalentemente neurologica
periferica sensitiva (42%). Questi dati indicano che, quando disponibile, il brentuximab vedotin induce una
eccellente citoriduzione con una ridotta tossicità d’organo, permettendo così di avviare più pazienti al
trapianto allogenico con una malattia chemio sensibile [323, 339].
Il trapianto allogenico è indicato nei pazienti in recidiva dopo HDC e con malattia chemiosensibile (valutata
con FDG-PET) [335] (Livello di evidenza 3). Il condizionamento al di fuori di uno studio clinico dovrebbe
essere di tipo RIC e non mieloablativo. Questi pazienti dovrebbero essere inclusi in studi clinici controllati.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
A
La HDC con supporto cellulare autologo periferico dovrebbe
essere proposta a pazienti con recidiva precoce e tardiva [304,
305].
Positiva forte
D
Pazienti con recidiva limitata (stadio I/II), senza altri fattori
prognostici sfavorevoli, possono essere trattati con RT-IF
[311].
D
La HDC con supporto cellulare autologo periferico dovrebbe
essere proposta a pazienti con malattia refrattaria [312].
Positiva forte
D
Il trapianto allogenico dovrebbe essere proposto ai pazienti in
recidiva dopo HDC e con malattia chemio sensibile [335].
Positiva debole
D
I pazienti con malattia in recidiva o refrattaria dopo trapianto
autologo o non candidabili al trapianto autologo possono
essere trattati con Brentuxima Vedotin [323].
63
Positiva debole
Positiva forte
LINEE GUIDA LINFOMI
4.7 Valutazione della risposta ai trattamenti - Ruolo della PETinterim e PET finale
Al termine del trattamento i pazienti devono essere sottoposti a ristadiazione completa con controllo di tutti i
siti iniziali di malattia.
La TC è l’esame radiologico più importante nella valutazione della risposta, oltre all’esame fisico e al
controllo di parametri alterati all’inizio della malattia.
La PET2 (interim-PET) ha mostrato un ottimo valore predittivo negativo in pazienti in stadio iniziale, con
PFS del 95% sia dopo completamento della terapia con sola chemioterapia o con radioterapia [340-343].
Negli stadi iniziali non tutti gli autori danno a questi risultati la stessa interpretazione poiché dipende dalla
politica terapeutica di ciascun centro: utilizzo di chemioterapia x 2 cicli e poi radioterapia (la valutazione
PET intermedia in questo caso ha meno senso), oppure definizione del proseguo del programma terapeutico
a seconda del risultato della PET interim (se negativa, circa 80% ulteriori 2 cicli di ABV, se positiva, circa il
20% aggiunta della radioterapia). Questa differenza nei programmi terapeutici e quindi del posizionamento e
interpretazione dei dati PET è in corso di valutazione in studi controllati volti a verificare, tramite i risultati
della PETinterim, l’eventuale costo in termini di PFS a fronte della rinuncia alla radioterapia.
Inoltre non c’è completo consenso attorno all’utilità della valutazione PETinterim in stadi iniziali non bulky
[344]. Per alcuni solo la PET alla fine del trattamento è altamente predittiva per PFS e OS,
indipendentemente dai risultati della PET intermedia, mentre altri confermano la forte predittività negativa
sia in stadi iniziali sia in stadi avanzati. Da queste considerazioni si deduce che l’interim PET al di fuori di
trials clinici non può ancora essere raccomandata.
Negli stadi avanzati è unanime il riscontro di un favorevole impatto prognostico nei pazienti con PET interim
negativa rispetto a quelli con persistente positività, eliminando l’impatto dei fattori prognostici di base.
Questo ha portato al disegno di studi che prevedono un’intensificazione del trattamento sulla base dell’esito
PET2 [295]. E’ stato però sottolineato anche che da un lato i pazienti con PET2 positiva dopo 2 cicli di
terapia standard hanno senza dubbio una probabilità maggiore di ricadere, ma che dall’altro una parte di
pazienti con PET2 positiva possono raggiungere una remissione stabile pur proseguendo con lo stesso
regime chemioterapico.
Prima di risultati clinici definitivi di alta evidenza non è raccomandato, al di fuori di trials clinici, modificare
il programma terapeutico sulla base della interim PET dato l’alto rischio di tossicità a breve e lungo termine
senza un sicuro vantaggio nell’outcome dei pazienti.
Al termine del programma terapeutico la FDG-PET è raccomandata per la valutazione della risposta
terapeutica con una sensibilità e una specificità rispettivamente dell’84% e 90% nell’evidenziare zone di
tumore residuo. E’ opportuno valutare il corretto timing di esecuzione poiché possono persistere stati
infiammatori post-radioterapia determinanti falsi positivi. In alcuni casi è indicata, laddove possibile, una
biopsia delle sedi con persistente positività. Per tale motivo è consigliabile eseguire il controllo PET dopo
2-3 settimane dalla fine della chemioterapia e 8-12 settimane dopo la fine della radioterapia [345].
La ridefinizione dei criteri di risposta formulata da Cheson nel 2007 include la PET come esame
fondamentale per la valutazione della risposta in una patologia dove frequentemente si osservano masse
residue [245].
4.8 Follow-up
Il razionale su cui si basare l’utilizzo di un follow-up programmato è che le recidive di linfoma di Hodgkin
possono essere trattate con terapia di salvataggio con buona probabilità di ottenimento di una nuova
remissione completa di malattia ( 80%) duratura nel tempo. Nella maggior parte dei casi la recidiva viene
riconosciuta per la presenza di sintomi e/o segni clinico-laboratoristici, inoltre non ci sono studi randomizzati
che dimostrino che un’anticipazione strumentale della diagnosi di recidiva possa impattare favorevolmente
sulla prognosi. Dati di un recente studio retrospettivo dimostrano che nel 44% dei casi le ricadute sono
riscontrate dalla presenza di sintomi e/o anomalie di laboratorio [137].
Altro fattore importante è il riconoscimento delle sequele tardive dei trattamenti, in particolar modo secondi
tumori e danni cardiovascolari (NCCN Practice Guidelines in Oncology: Hodgkin's disease/Lymphoma.
2014; version 2; PDQ NCI: Hodgkin lymphoma. last modified 5-2009).
64
LINEE GUIDA LINFOMI
Sulla scorta di questi dati si può raccomandare (NCCN Practice Guidelines in Oncology: Hodgkin's
disease/Lymphoma. 2014; version 2):
• Controllo completo della biochimica (con VES) e visita ogni tre mesi per i primi 2 anni poi ogni 6
mesi fino al 5° anno, e successivamente ogni anno (Livello di evidenza 4);
• TC total body ogni 6-12 mesi per i primi 2 anni dal termine del trattamento (Livello di evidenza 3)
La PET non viene raccomandata nel follow-up per l’aumentata possibilità di falsi positivi [345] (Livello di
evidenza 3).
Ipotiroidismo, secondi tumori (solidi ed ematologici), malattie cardiovascolari e problematiche di fertilità
sono i più importanti effetti a lungo termine dei trattamenti, pertanto per i pazienti in remissione completa al
termine dei trattamenti , specie se comprensivi di radioterapia, è mandatorio un controllo clinico continuativo
delle tossicità tardive. Va sottolineato che la letteratura disponibile consiste in studi retrospettivi eseguiti
negli ultimi 20-30 anni con programmi terapeutici comprensivi di regimi chemioterapici più tossici e dosi
maggiori di radioterapia.
In base ai dati a nostra disposizione si può raccomandare, dopo 5 anni dal termine del trattamento (NCCN
Practice Guidelines in Oncology: Hodgkin's disease/Lymphoma. 2014; version 2):
• Monitoraggio annuale della funzione tiroidea se eseguita RT su collo (Livello di evidenza 3);
• Monitoraggio mammografia annuale e/o risonanza magnetica nelle donne giovani dopo 8-10 anni
dal trattamento radiante al torace o ai linfonodi ascellari o dall’età di 25-30 anni (Livello di
evidenza 3);
• Monitoraggio annuale della pressione arteriosa e funzione cardiovascolare e correzione dei fattori di
rischio (Livello di evidenza 3);
• Monitoraggio con imaging toracico nei pazienti ad alto rischio per neoplasia polmonare (sottoposti a
RT toracica e/o a chemioterapia con alchilanti, presenza di fattori di rischio) (Livello di evidenza 3)
• monitoraggio capacità riproduttiva, problematiche psicosociali (Livello di evidenza 3).
Tabella 17. Procedure durante il follow up
Procedura
Raccomandazione
Esame clinico
TC collo-toraceaddome completo
Anamnesi ed esame obiettivo ogni 3 mesi nei
primi due anni, ogni 6 mesi nei successivi 3 anni,
poi annualmente (NCCN 2014).
Ogni 3 mesi nei primi due anni, poi ogni 6 mesi
nei successivi 3 anni, poi annualmente (NCCN
2014).
Ogni 6-12 mesi dal temine del trattamento per i
primi 2 anni (NCCN 2014).
TSH
Esami ematici
(routine+VES)
Qualità
dell’evidenza
SIGN
D
Forza della
Raccomandazione
Positiva debole
D
Positiva debole
D
Positiva debole
Annualmente se RT sul collo (NCCN 2014).
D
Positiva forte
Mammografia
Annualmente se RT a livello del torace e/o
linfonodi ascellari (NCCN 2014).
D
Positiva forte
Altre indagini
consigliate
Monitoraggio annuale della pressione arteriosa e
funzione cardiovascolare e correzione dei fattori
di rischio.
D
Positiva forte
D
Positiva forte
Monitoraggio capacità riproduttiva, problematiche
psicosociali.
Monitoraggio con imaging toracico per pazienti
ad alto rischio di sviluppare neoplasia polmonari
(NCCN 2014).
Procedure non
raccomandate
In assenza di indicazioni cliniche i seguenti esami
sono “sconsigliati”: TC-PET con fdG [345].
65
LINEE GUIDA LINFOMI
4.9 Hodgkin e gravidanza
E’ sembrato opportuno in queste linee guida accennare al problema dell’Hodgkin e gravidanza poiché la
popolazione affetta da questa patologia si trova ampiamente in età fertile.
Fermo restando che la stadiazione deve essere il più possibile completa, utilizzando esami che non
espongano a radiazioni, e che la terapia deve essere personalizzata tenendo in considerazione i desideri della
madre, la severità e la velocità di accrescimento della malattia e lo stadio di gravidanza, si possono fare
alcune considerazioni sulla terapia nella prima metà della gravidanza e in particolare nel primo trimestre e la
terapia nella seconda fase della gravidanza [346].
Nel primo trimestre, se la malattia non è velocemente progressiva e ha localizzazioni esclusivamente al di
sopra del diaframma, può essere preso in considerazione sia un controllo serrato e un’induzione precoce
della gravidanza, sia una radioterapia [347]. Non ci sono dati di malformazioni congenite con questa seconda
opzione, ma il rischio di sequele tardive non può essere trascurato, per cui, in casi selezionati e non
particolarmente aggressivi, può essere considerato per primo uno stretto follow up [348].
Più difficile la scelta terapeutica in questa fase della gravidanza se la malattia appare molto aggressiva. Il
compito dell’oncoematologo è quello di illustrare la necessità di un trattamento, le possibili sequele sul
bambino e affiancare la paziente in una scelta difficile, ma strettamente personale.
Nella seconda metà della gravidanza l’opzione principale sembra essere ancora il monitoraggio stretto in
caso di malattia a lento accrescimento, o, in caso di malattia sintomatica, un trattamento chemioterapico con
singolo agente (ad es. vinblastina) o con terapia di combinazione (ABVD) [349, 350] che in recenti
pubblicazioni non ha mostrato sequele nel nascituro [351].
Si ritiene indispensabile affiancare alle pazienti, oltre un’equipe ginecologica e pediatrica di eccellenza,
anche un supporto psicologico per tutto il periodo pre e post-parto.
66
Diagnosi
-Biopsia escissionale di
un linfonodo intero
-Immunoistochimica
(vedi capitolo dedicato)
67
In casi selezionati:
-Consulto per programmi di preservazione fertilità
-Criopreservazione liquido seminale /ovociti
-Prove di funzionalità respiratoria
-Test di gravidanza (donne fertili)
-Rx torace standard(2 proiezioni)
-PET/ PET-TC
-Ecocardiogramma con frazione di eiezione
Esami diagnostici e/o altamente raccomandati:
-Esame fisico
-Performance status
-Sintomi B
-Emocromo completo con formula
-LDH
-panel metabolico e dosaggio immunoglobuline
-TC collo,torace,addome con mezzo di contrasto
-Sierologia per HIV, HBV e HCV
-Biopsia osteomidollare in pazienti con sintomi B
e stadio III-IV
Diagnosi di LH
predominanza
linfocitaria
Diagnosi di LH
classico
Figura 1 LH - Diagnosi e stadiazione
Stadi IIB-III-IV
Stadi I-IIA sfavorevoli
(vedi criteri GHSG,
EORTC)
Stadi I-IIA favorevoli
(vedi criteri GHSG,
EORTC)
LINEE GUIDA LINFOMI
4.10 Figure
68
Stadi IIB- III-IV
Stadi I-IIA sfavorevoli
(vedi criteri GHSG, EORTC)
6 ABVD + RT-IF su bulky*
4 x ABVD + RT-IF (30 Gy)
EORTC: 3xABVD + RT-IF
(30 Gy)
GHSG: 2x ABVD + RT-IF
(20 Gy)
Linfoma Hodgkin
predominanza
linfocitaria
Stadi avanzati
Stadi
localizzati (I-II)
ABVD+/- RT-IF
ABVD +/-Rituximab +/- RT-IF
RT-IF esclusiva (prima scelta)
ABVD +/- Rituximab +/- RT-IF
*considerare RT anche in situazioni di "ottima" RP (ad esempio positività focali alla PET al termine della
chemioterapia; aree a lenta risposta morfologica)
Linfoma Hodgkin
classico
Stadi I-IIA favorevoli
(vedi criteri GHSG, EORTC)
Figura 2 LH – Terapia iniziale
Valutazione
risposta
Valutazione
risposta
LINEE GUIDA LINFOMI
69
-Biopsia osteomidollare monolaterale
se positiva pre-terapia
-RX torace
-TC collo, torace , addome o PET-TC
-Valutazione cardiovascolare,
respiratoria, psicosociale, riproduttiva
Valutazione risposta:
-Anamnesi ed esame obiettivo
-Esami ematochimici
PR,RN, PG
RC
Vedi “terapia di
salvataggio”
Follow-up:
-Visita periodica (ogni 3 mesi per 2 anni)
-Esami ematochimici con VES e funzione
tiroidea se RT su collo (ogni 6 mesi fino a 5
anni poi annualmente)
-RX torace (annualmente dopo i primi 5
anni se a rischio per ca polmone)
-TC collo, torace , addome (ogni 6 mesi
per 2 anni poi annualmente)
-Valutazione cardiovascolare, respiratoria,
psicosociale, riproduttiva(annuale)
Se applicabile: mammografia, risonanza
magnetica e visita senologica (dopo 10
anni dalla terapia o dai 40 anni)
Figura 3 LH - Valutazione della risposta e follow-up
LINEE GUIDA LINFOMI
Se chemioterapia
in prima linea
Se IF-RT esclusiva
in prima linea
70
Malattia
avanzata
Malattia
localizzata
HDC+ASCT (prima scelta) o
chemioterapia
RT-IF o chemioterapia +/- RT-IF
Chemioterapia
Figura 4 LH – Terapia di salvataggio
Valutazione
risposta
Valutazione
risposta
LINEE GUIDA LINFOMI
LINEE GUIDA LINFOMI
5.
Pazienti con infezione da HIV
5.1 HIV e linfoma di Hodgkin
L’introduzione della terapia antiretrovirale altamente efficace (HAART) dal 1997, ha completamente
cambiato la prognosi dei pazienti con infezione da HIV. Dal punto di vista epidemiologico si è assistito ad un
calo significativo dei LNH e del sarcoma di Kaposi e ad un aumento dei casi di LH [352-354].
In questo setting di pazienti la malattia è quasi sempre EBV correlata e oltre il 70% dei pazienti si presenta in
stadio avanzato con malattia extranodale in oltre la metà dei casi, soprattutto midollo osseo, milza e fegato
[355, 356]. Non esistono a oggi studi randomizzati, ma solo studi di fase II o valutazioni retrospettive. Tutti
gli studi pubblicati prima dell’introduzione dell’HAART hanno dimostrato che i pazienti con LH e infezione
da HIV rispondono poco ai trattamenti chemioterapici (circa 50% di risposte obiettive), hanno un’elevata
percentuale di recidive (oltre il 25%) e la sopravvivenza mediana si attesta intorno ai 12-18 mesi [357-359].
Dopo l’introduzione dell’HAART sono stati pubblicati diversi studi prospettici che hanno utilizzato regimi
standard impiegati nella popolazione HIV negativa quali lo STANFORD V, il BEACOPP baseline, il
VEBEP e l’ABVD. In questo momento l’ABVD può essere considerato lo schema di riferimento con una
strategia per stadi simile a quella dei pazienti HIV negativi [360-363] (Livello di evidenza 3).
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
I pazienti HIV+ con LH devono essere trattati con ABVD
somministrato con gli stessi dosaggi e le stesse tempistiche dei
pazienti HIV negativi [360-363].
D
√ E’ stato condotto un solo studio di fase II. Tutti gli
schemi riportati hanno mostrato più o meno pari efficacia e
tossicità e per estrapolazione dalla popolazione HIV
negativa si preferisce/raccomanda l’ABVD.
Positiva Forte
5.2 HIV e linfoma non Hodgkin
L’incidenza di LNH associato all’infezione da HIV è aumentata sin dall’inizio dell’epidemia di HIV e, prima
dell’introduzione dell’HAART, i LNH rappresentavano la seconda neoplasia più frequentemente associata
all’HIV dopo il sarcoma di Kaposi. L’introduzione dell’HAART ha portato a una significativa diminuzione
dell’incidenza del linfoma primitivo cerebrale, e recentemente anche dei LNH sistemici, a presentazioni
cliniche che si avvicinano sempre più a quelle della popolazione generale, con una significativa riduzione
dell’incidenza di sedi extranodali come le meningi ed il midollo osseo, e a un significativo miglioramento
della sopravvivenza dei pazienti con LNH ed infezione da HIV [353, 364].
Gli studi clinici effettuati prima dell’introduzione dell’HAART hanno portato alla conclusione che il CHOP
poteva essere considerata la terapia standard in questi pazienti [365, 366].
L’introduzione dell’HAART è coincisa con quella del rituximab per cui nel corso degli ultimi 10 anni diversi
studi hanno testato la fattibilità e l’efficacia dell’associazione immunochemioterapica.
Le conclusioni degli studi permettono di affermare che lo schema R-CHOP può essere considerato lo schema
di riferimento in questi pazienti (Livello di evidenza 2++).
Una certa cautela deve essere osservata nei pazienti con CD4<50/dl per l’eventuale aumento del rischio
infettivo [367-371]. Il linfoma di Burkitt, che rappresenta circa un quarto dei LNH diagnosticati nei pazienti
con infezione da HIV, fino a qualche anno fa era trattato con schemi simili a quelli per i linfomi diffusi a
grandi cellule. Diversi studi hanno dimostrato che la prognosi dei pazienti con Burkitt rimane severa e i
miglioramenti ottenuti con l’HAART non riguardano questo sottotipo di linfoma [372, 373].
71
LINEE GUIDA LINFOMI
Poiché parecchie serie hanno dimostrato la fattibilità e l’efficacia di schemi chemioterapici aggressivi nei
pazienti HIV+ con Burkitt [374, 375], tali schemi (es. R-CODOX-M/IVAC, Stanford per Burkitt, RHyperCVAD) devono essere considerati lo standard anche in questi pazienti (Livello di evidenza 2++).
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
B
I pazienti con LNH ed HIV positivi devono essere trattati con
R-CHOP [366-370].
Positiva Forte
B
I pazienti HIV+ con Burkitt devono ricevere schemi
chemioterapici aggressivi come R-CODOX-M/IVAC, Stanford
per Burkitt, R-HyperCVAD [374, 375].
Positiva Forte
5.3 Terapia di salvataggio
Per quanto riguarda la possibilità di eseguire una chemioterapia ad alte dosi con reinfusione di cellule
staminali da periferico come terapia di salvataggio dei pazienti recidivati o refrattari, tutti i dati disponibili
dimostrano la fattibilità della procedura con un’efficacia e una tossicità pari a quella della popolazione HIVnegativa [376-379]; pertanto tale approccio può essere considerato lo standard nei pazienti con malattia in
remissione parziale o con malattia recidivata o refrattaria a una prima linea (Livello di evidenza 2++).
Rimane da valutare il ruolo di un consolidamento con alte dosi di chemioterapia e reinfusione di cellule
staminali in pazienti in remissione completa da LNH ad alto rischio di recidiva.
Qualità
dell’evidenza
SIGN
Raccomandazione clinica
Forza della
raccomandazione
clinica
B
Pazienti con LNH HIV positivi recidivati o refrattari devono
essere trattati con alte dosi di chemioterapia e re infusione di
cellule staminali da periferico [376-379].
Positiva Forte
72
LINEE GUIDA LINFOMI
6.
Raccomandazioni prodotte con metodologia GRADE
QUESITO 1: Nei pazienti affetti da linfoma follicolare è raccomandabile la somministrazione di una
terapia di mantenimento?
RACCOMANDAZIONE:
Nei pazienti affetti da linfoma follicolare la terapia di mantenimento deve essere effettuata.
I pazienti per i quali è massimo il bilancio tra beneficio e danno sono quelli con malattia
recidiva/refrattaria.
Forza della raccomandazione: POSITIVA FORTE
Motivazioni/Commenti al bilancio Beneficio/Danno:
La valutazione del bilancio beneficio/danno è a favore di un trattamento di mantenimento. I vantaggi
maggiori sono presenti quando il mantenimento è somministrato dopo terapia di seconda linea.
Sono stati valutati tre studi: una meta-analisi (6 RCTs) e due RCTs successivi. Si evidenzia un netto
vantaggio in termini di PFS sia nella meta-analisi di Vidal sia nello studio di Salles (tot pz ca. 2000). Nella
meta-analisi (ca. 1000 pz) si evidenzia anche un vantaggio in termini di Overall survival.
Gli effetti collaterali considerati rilevanti dal panel sono stati: infezioni grado III/IV e neutropenia.
Entrambi significativamente associati al trattamento.
Votazione forza raccomandazione
Votazione bilancio Beneficio/Danno
Positiva
Positiva
Negativa
Negativa
Favorevole
Incerto
Sfavorevole
forte
debole
debole
forte
6
2
5
3
Implicazioni per le ricerche future: Gli studi futuri dovranno fornire aggiornamenti con follow-up
prolungato sull’effetto della terapia di mantenimento sulla OS. Inoltre dovranno essere identificati fattori
predittivi di efficacia della terapia di mantenimento, attualmente non noti.
Qualità delle Evidenze
La qualità delle evidenze è stata giudicata MODERATA per le seguenti motivazioni: in 4 dei 6 studi
inclusi nella meta-analisi di Vidal non sono stati descritti i metodi utilizzati per la generazione delle liste di
allocazione e per l’allocation concealment. Nessuno dei trials era in cieco (blinding of outcome assessors).
L’analisi Intention-to-treat è stata eseguita in due studi (Hainsworth 2005; van Oers 2006).Il tasso di
dropouts era meno del 10% in quattro studi (Forstpointner 2006; Ghielmini 2004; Hainsworth 2005; van
Oers 2006). Quattro studi sono stati pubblicati in riviste peer-reviewed come full text e uno come abstract
(Hochster 2005; Hochster 2007). Gli autori di uno studio (Hainsworth 2005) dichiaravano un conflitto di
interesse. Alcuni studi hanno ricevuto co-finanziamenti dall’industria farmaceutica (Ghielmini 2004;
Hainsworth 2005; van Oers 2006).
Inoltre, tre studi sono stati interrotti prima per beneficio come pianificato. L’interruzione precoce degli
studi potrebbe esporre al rischio di non rilevare alcuni effetti collaterali.
Lo studio di Salles e quello di Martinelli riportano risultati non significativi e imprecisi per l’OS.
Qualità globale delle evidenze: MODERATA
Questa raccomandazione è stata prodotta con metodo GRADE.
In appendice online: quesito clinico all’origine della raccomandazione, votazione della criticità degli
outcome, tabella GRADE completa e caratteristiche del panel.
73
LINEE GUIDA LINFOMI
QUESITO 2: Nei pazienti affetti da linfoma di Hodgkin è raccomandabile la terapia con ABVD vs
BEACOPP?
RACCOMANDAZIONE:
Nei pazienti affetti da linfoma di Hodgkin deve essere effettuata la terapia con ABVD rispetto alla terapia
con BEACOPP.
Forza della raccomandazione: POSITIVA FORTE
Motivazioni/Commenti al bilancio Beneficio/Danno:
Gli studi analizzati hanno dimostrato che il regime ABVD è meno efficace rispetto a BEACOPP in termini
di PFS ma è associato ad un minor rischio di infezioni di alto grado. L’assenza di differenze tra i due
regimi in termini di OS, nonostante la qualità dell’evidenza su questo output non sia elevata, ha
determinato una maggiore propensione tra i membri del panel a favore di ABVD.
Sono disponibili informazioni parziali relative a outcome come la fertilità e le morti legate al trattamento,
mentre sono totalmente assenti i dati sulla cardiotossicità.
Inoltre, solo due dei quattro studi inclusi nella meta-analisi di Bauer riportano i dati relativi ai tumori
secondari.
Votazione forza raccomandazione
Votazione bilancio Beneficio/Danno
Positiva
Positiva
Negativa
Negativa
Favorevole
Incerto
Sfavorevole
forte
debole
debole
forte
6
2
5
3
Implicazioni per le ricerche future: Considerando l’ottima efficacia dei trattamenti oggi disponibili per
la cura dei pazienti con Linfoma di Hodgkin, la ricerca clinica su questa patologia si dovrà
progressivamente spostare da una valutazione puramente “quantitativa” della cura ad una analisi più
“Qualitativa” identificando gli aspetti di tossicità soprattutto tardiva come endpoint primari. In questo
modo potrà essere fornita una risposta di “qualità” accettabile ai quesiti identificati come “critici” dal panel
di esperti.
Qualità delle Evidenze
La qualità globale delle evidenze è risultata MOLTO BASSA per i seguenti motivi:
Nella meta-analisi di Bauer vengono inclusi anche due abstract.
La mediana di follow-up varia da studio a studio. Follow-ups più lunghi e l’inclusione dello studio EORTC
20012 avrebbero comportato una più precisa stima dell’effetto per l’OS.
La definizione di Progression of disease risulta essere diversa nei vari studi inclusi e queste diverse
definizioni comportano una stima imprecisa dell’effetto.
Solo studio riporta i risultati relativi alla mortalità correlata al trattamento. Gli autori sospettano che anche
gli altri studi abbiano valutato questo evento avverso ma abbiano deciso di non riportare il dato. Lo stesso
vale per l’outcome infertilità.
Emerge una eterogeneità rilevante (I2 > 80%) nella meta-analisi dei tre studi che riportano il numero di
infezioni di grado 3/4.
Dato che la maggior parte degli studi aveva un follow-up mediano inferiore ai 10 anni, non ci si può
attendere dati a lungo termine sui tumori secondari.
Qualità globale delle evidenze: MOLTO BASSA
Questa raccomandazione è stata prodotta con metodo GRADE.
In appendice online: quesito clinico all’origine della raccomandazione, votazione della criticità degli
outcome, tabella GRADE completa e caratteristiche del panel.
74
LINEE GUIDA LINFOMI
7.
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
Bibliografia
Luminari S, Cesaretti M, Rashid I et al. Incidence, clinical characteristics and survival of malignant lymphomas: a
population-based study from a cancer registry in northern Italy. Hematol Oncol 2007; 25: 189-197.
Morton LM, Wang SS, Devesa SS et al. Lymphoma incidence patterns by WHO subtype in the United States,
1992-2001. Blood 2006; 107: 265-276.
Carbone A, Ferlito A, Devaney KO, Rinaldo A. Ultrasound-guided core-needle biopsy: is it effective in the
diagnosis of suspected lymphomas presenting in the head and neck? J Surg Oncol 2008; 98: 4-5.
Paulli M, Artusi T, Baroni CD et al. [The Haemolymphopathology Italian Group (H.I.G.): an essential resource for
the new technical and organization problems troubling modern haemolymphopathology diagnostics]. Pathologica
2006; 98: 37-40.
Pileri ASE. Linee guida GIE : Trattamento del campione bioptico. In Edition.
Jaffe ES, Banks PM, Nathwani B et al. Recommendations for the reporting of lymphoid neoplasms: a report from
the Association of Directors of Anatomic and Surgical Pathology. Mod Pathol 2004; 17: 131-135.
Swerdlow SHC, E.; Harris, N.L.; Jaffe, E.S.; Pileri, S.A.; Stein, H.; Thiele, J.; Vardiman, J.W. WHO
Classification of Tumors of Haematopoietic and Lymphoid Tissues. In Edition 4th. Lyon: IARC Press 2008.
Carbone A, Cesarman E, Spina M et al. HIV-associated lymphomas and gamma-herpesviruses. Blood 2009; 113:
1213-1224.
Swerdlow SH, Campo E, Pileri SA et al. The 2016 revision of the World Health Organization classification of
lymphoid neoplasms. Blood 2016; 127: 2375-2390.
Garcia CF, Swerdlow SH. Best practices in contemporary diagnostic immunohistochemistry: panel approach to
hematolymphoid proliferations. Arch Pathol Lab Med 2009; 133: 756-765.
Rosenwald A, Staudt LM. Gene expression profiling of diffuse large B-cell lymphoma. Leuk Lymphoma 2003; 44
Suppl 3: S41-47.
Rimsza LM, Leblanc ML, Unger JM et al. Gene expression predicts overall survival in paraffin-embedded tissues
of diffuse large B-cell lymphoma treated with R-CHOP. Blood 2008; 112: 3425-3433.
Mareschal S, Lanic H, Ruminy P et al. The proportion of activated B-cell like subtype among de novo diffuse
large B-cell lymphoma increases with age. Haematologica 2011; 96: 1888-1890.
Lenz G, Wright GW, Emre NC et al. Molecular subtypes of diffuse large B-cell lymphoma arise by distinct
genetic pathways. Proc Natl Acad Sci U S A 2008; 105: 13520-13525.
Lister TA, Crowther D, Sutcliffe SB et al. Report of a committee convened to discuss the evaluation and staging of
patients with Hodgkin's disease: Cotswolds meeting. J Clin Oncol 1989; 7: 1630-1636.
A predictive model for aggressive non-Hodgkin's lymphoma. The International Non-Hodgkin's Lymphoma
Prognostic Factors Project. N Engl J Med 1993; 329: 987-994.
Coiffier B, Thieblemont C, Van Den Neste E et al. Long-term outcome of patients in the LNH-98.5 trial, the first
randomized study comparing rituximab-CHOP to standard CHOP chemotherapy in DLBCL patients: a study by
the Groupe d'Etudes des Lymphomes de l'Adulte. Blood 2010; 116: 2040-2045.
Habermann TM, Weller EA, Morrison VA et al. Rituximab-CHOP versus CHOP alone or with maintenance
rituximab in older patients with diffuse large B-cell lymphoma. J Clin Oncol 2006; 24: 3121-3127.
Sehn LH, Donaldson J, Chhanabhai M et al. Introduction of combined CHOP plus rituximab therapy dramatically
improved outcome of diffuse large B-cell lymphoma in British Columbia. J Clin Oncol 2005; 23: 5027-5033.
Pfreundschuh M, Kuhnt E, Trumper L et al. CHOP-like chemotherapy with or without rituximab in young patients
with good-prognosis diffuse large-B-cell lymphoma: 6-year results of an open-label randomised study of the
MabThera International Trial (MInT) Group. Lancet Oncol 2011; 12: 1013-1022.
Pfreundschuh M, Schubert J, Ziepert M et al. Six versus eight cycles of bi-weekly CHOP-14 with or without
rituximab in elderly patients with aggressive CD20+ B-cell lymphomas: a randomised controlled trial (RICOVER60). Lancet Oncol 2008; 9: 105-116.
Delarue R, Tilly H, Salles G et al. R-CHOP14 Compared to R-CHOP21 in Elderly Patients with Diffuse Large BCell Lymphoma: Results of the Interim Analysis of the LNH03-6B GELA Study. Blood 2009; 114: 169-169.
Cunningham D, Smith P, Mouncey P et al. R-CHOP14 versus R-CHOP21: Result of a randomized phase III trial
for the treatment of patients with newly diagnosed diffuse large B-cell non-Hodgkin lymphoma. J Clin Oncol
2011; 29:(suppl; abstr 8000)
Miller TP, Dahlberg S, Cassady JR et al. Chemotherapy alone compared with chemotherapy plus radiotherapy for
localized intermediate- and high-grade non-Hodgkin's lymphoma. N Engl J Med 1998; 339: 21-26.
Miller TP, Leblanc M, Spier C et al. CHOP alone compared to CHOP plus radiotherapy foe early stage aggressive
non-Hodgkin's lymphomas: Update of the Southwest Oncology Group (SWOG) randomized trial. Blood 2001; 98:
724a-725a.
75
LINEE GUIDA LINFOMI
26. Horning SJ, Weller E, Kim K et al. Chemotherapy with or without radiotherapy in limited-stage diffuse aggressive
non-Hodgkin's lymphoma: Eastern Cooperative Oncology Group study 1484. J Clin Oncol 2004; 22: 3032-3038.
27. Reyes F, Lepage E, Ganem G et al. ACVBP versus CHOP plus radiotherapy for localized aggressive lymphoma.
N Engl J Med 2005; 352: 1197-1205.
28. Bonnet C, Fillet G, Mounier N et al. CHOP alone compared with CHOP plus radiotherapy for localized aggressive
lymphoma in elderly patients: a study by the Groupe d'Etude des Lymphomes de l'Adulte. J Clin Oncol 2007; 25:
787-792.
29. Miller TP. The limits of limited stage lymphoma. J Clin Oncol 2004; 22: 2982-2984.
30. Shenkier TN, Voss N, Fairey R et al. Brief chemotherapy and involved-region irradiation for limited-stage diffuse
large-cell lymphoma: an 18-year experience from the British Columbia Cancer Agency. J Clin Oncol 2002; 20:
197-204.
31. Lowry L, Smith P, Qian W et al. Reduced dose radiotherapy for local control in non-Hodgkin lymphoma: a
randomised phase III trial. Radiother Oncol 2011; 100: 86-92.
32. Persky DO, Unger JM, Spier CM et al. Phase II study of rituximab plus three cycles of CHOP and involved-field
radiotherapy for patients with limited-stage aggressive B-cell lymphoma: Southwest Oncology Group study 0014.
J Clin Oncol 2008; 26: 2258-2263.
33. Phan J, Mazloom A, Jeffrey Medeiros L et al. Benefit of consolidative radiation therapy in patients with diffuse
large B-cell lymphoma treated with R-CHOP chemotherapy. J Clin Oncol 2010; 28: 4170-4176.
34. Pfreundschuh M, Trumper L, Osterborg A et al. CHOP-like chemotherapy plus rituximab versus CHOP-like
chemotherapy alone in young patients with good-prognosis diffuse large-B-cell lymphoma: a randomised
controlled trial by the MabThera International Trial (MInT) Group. Lancet Oncol 2006; 7: 379-391.
35. Coiffier B, Lepage E, Briere J et al. CHOP chemotherapy plus rituximab compared with CHOP alone in elderly
patients with diffuse large-B-cell lymphoma. N Engl J Med 2002; 346: 235-242.
36. Recher C, Coiffier B, Haioun C et al. Intensified chemotherapy with ACVBP plus rituximab versus standard
CHOP plus rituximab for the treatment of diffuse large B-cell lymphoma (LNH03-2B): an open-label randomised
phase 3 trial. Lancet 2011; 378: 1858-1867.
37. Sehn LH, Savage KJ, Hoskins P et al. Limited-stage diffuse, large B-cell lymphoma (DLBCL) patients with a
negative pet scan following three cycles of R-CHOP can be effectively treated with abbreviated
chemoimmunotherapy alone. Blood 2007; 110: 242a-242a.
38. Pfreundschuh M, Ho AD, Cavallin-Stahl E et al. Prognostic significance of maximum tumour (bulk) diameter in
young patients with good-prognosis diffuse large-B-cell lymphoma treated with CHOP-like chemotherapy with or
without rituximab: an exploratory analysis of the MabThera International Trial Group (MInT) study. Lancet Oncol
2008; 9: 435-444.
39. Sehn LH, Hoskins P, Klasa R et al. FDG-PET Scan Guided Consolidative Radiation Therapy Optimizes Outcome
In Patients with Advanced-Stage Diffuse Large B-Cell Lymphoma (DLBCL) with Residual Abnormalities on CT
Scan Following R-CHOP. Blood 2010; 116: 372-372.
40. Verdonck LF, van Putten WL, Hagenbeek A et al. Comparison of CHOP chemotherapy with autologous bone
marrow transplantation for slowly responding patients with aggressive non-Hodgkin's lymphoma. N Engl J Med
1995; 332: 1045-1051.
41. Santini G, Salvagno L, Leoni P et al. VACOP-B versus VACOP-B plus autologous bone marrow transplantation
for advanced diffuse non-Hodgkin's lymphoma: results of a prospective randomized trial by the non-Hodgkin's
Lymphoma Cooperative Study Group. J Clin Oncol 1998; 16: 2796-2802.
42. Martelli M, Vignetti M, Zinzani PL et al. High-dose chemotherapy followed by autologous bone marrow
transplantation versus dexamethasone, cisplatin, and cytarabine in aggressive non-Hodgkin's lymphoma with
partial response to front-line chemotherapy: a prospective randomized italian multicenter study. J Clin Oncol
1996; 14: 534-542.
43. Martelli M, Gherlinzoni F, De Renzo A et al. Early autologous stem-cell transplantation versus conventional
chemotherapy as front-line therapy in high-risk, aggressive non-Hodgkin's lymphoma: an Italian multicenter
randomized trial. J Clin Oncol 2003; 21: 1255-1262.
44. Gisselbrecht C, Lepage E, Molina T et al. Shortened first-line high-dose chemotherapy for patients with poorprognosis aggressive lymphoma. J Clin Oncol 2002; 20: 2472-2479.
45. Haioun C, Lepage E, Gisselbrecht C et al. Comparison of autologous bone marrow transplantation with sequential
chemotherapy for intermediate-grade and high-grade non-Hodgkin's lymphoma in first complete remission: a
study of 464 patients. Groupe d'Etude des Lymphomes de l'Adulte. J Clin Oncol 1994; 12: 2543-2551.
46. Haioun C, Lepage E, Gisselbrecht C et al. Survival benefit of high-dose therapy in poor-risk aggressive nonHodgkin's lymphoma: final analysis of the prospective LNH87-2 protocol--a groupe d'Etude des lymphomes de
l'Adulte study. J Clin Oncol 2000; 18: 3025-3030.
47. Milpied N, Deconinck E, Gaillard F et al. Initial treatment of aggressive lymphoma with high-dose chemotherapy
and autologous stem-cell support. N Engl J Med 2004; 350: 1287-1295.
76
LINEE GUIDA LINFOMI
48. Vitolo U, Liberati AM, Cabras MG et al. High dose sequential chemotherapy with autologous transplantation
versus dose-dense chemotherapy MegaCEOP as first line treatment in poor-prognosis diffuse large cell
lymphoma: an "Intergruppo Italiano Linfomi" randomized trial. Haematologica 2005; 90: 793-801.
49. Kaiser U, Uebelacker I, Abel U et al. Randomized study to evaluate the use of high-dose therapy as part of
primary treatment for "aggressive" lymphoma. J Clin Oncol 2002; 20: 4413-4419.
50. Kluin-Nelemans HC, Zagonel V, Anastasopoulou A et al. Standard chemotherapy with or without high-dose
chemotherapy for aggressive non-Hodgkin's lymphoma: randomized phase III EORTC study. J Natl Cancer Inst
2001; 93: 22-30.
51. Gianni AM, Bregni M, Siena S et al. High-dose chemotherapy and autologous bone marrow transplantation
compared with MACOP-B in aggressive B-cell lymphoma. N Engl J Med 1997; 336: 1290-1297.
52. Vitolo U, Chiappella A, Brusamolino E et al. A Randomized Multicentre Phase Iii Study for First Line Treatment
of Young Patients with High Risk (Aaipi 2-3) Diffuse Large B-Cell Lymphoma (Dlbcl): Rituximab (R) Plus DoseDense Chemotherapy Chop14/Megachop14 with or without Intensified High-Dose Chemotherapy (Hdc) and
Autologous Stem Cell Transplantation (Asct). Results of Dlcl04 Trial of Italian Lymphoma Foundation (Fil).
Annals of Oncology 2011; 22: 106-106.
53. Schmitz N, Nickelsen M, Ziepert M et al. Conventional Chemoimmunotherapy (R-Choep-14) or High-Dose
Therapy (R-Mega-Choep) for Young, High-Risk Patients with Aggressive B-Cell Lymphoma: Final Results of the
Randomized Mega-Choep-Trial of the German High-Grade Non-Hodgkin Lymphoma Study Group (Dshnhl).
Annals of Oncology 2011; 22: 106-107.
54. Stiff PJ, Unger JM, Cook J et al. Randomized phase III U.S./Canadian intergroup trial (SWOG S9704) comparing
CHOP ± R for eight cycles to CHOP ± R for six cycles followed by autotransplant for patients with highintermediate (H-Int) or high IPI grade diffuse aggressive non-Hodgkin lymphoma (NHL). Print this page J Clin
Oncol 2011; 29 (suppl; abstr 8001).
55. Le Gouill S, Milpied N, Lamy T et al. First-line rituximab (R) high-dose therapy (R-HDT) versus R-CHOP14 for
young adults with diffuse large B-cell lymphoma: Preliminary results of the GOELAMS 075 prospective
multicenter randomized trial. J Clin Oncol 2011; 29(suppl; abstr 8003).
56. Strehl J, Mey U, Glasmacher A et al. High-dose chemotherapy followed by autologous stem cell transplantation as
first-line therapy in aggressive non-Hodgkin's lymphoma: a meta-analysis. Haematologica 2003; 88: 1304-1315.
57. Greb A, Bohlius J, Trelle S et al. High-dose chemotherapy with autologous stem cell support in first-line treatment
of aggressive non-Hodgkin lymphoma - results of a comprehensive meta-analysis. Cancer Treat Rev 2007; 33:
338-346.
58. Betticher DC, Martinelli G, Radford JA et al. Sequential high dose chemotherapy as initial treatment for
aggressive sub-types of non-Hodgkin lymphoma: results of the international randomized phase III trial
(MISTRAL). Ann Oncol 2006; 17: 1546-1552.
59. Intragumtornchai T, Prayoonwiwat W, Numbenjapon T et al. CHOP versus CHOP plus ESHAP and high-dose
therapy with autologous peripheral blood progenitor cell transplantation for high-intermediate-risk and high-risk
aggressive non-Hodgkin's lymphoma. Clin Lymphoma 2000; 1: 219-225.
60. Fagnoni P, Milpied N, Limat S et al. Cost effectiveness of high-dose chemotherapy with autologous stem cell
support as initial treatment of aggressive non-Hodgkin's lymphoma. Pharmacoeconomics 2009; 27: 55-68.
61. Sehn L, Klasa R, Shenkier Tea. Long-term experience with PET-guided consolidative radiation therapy (XRT) in
patients with advanced stage diffuse large B-cell lymphoma (DLBCL) treated with R-CHOP. Hematological
Oncology 2013; 31(S1):137 (abstract 123).
62. Philip T, Guglielmi C, Hagenbeek A et al. Autologous bone marrow transplantation as compared with salvage
chemotherapy in relapses of chemotherapy-sensitive non-Hodgkin's lymphoma. N Engl J Med 1995; 333: 15401545.
63. Gisselbrecht C, Glass B, Mounier N et al. Salvage regimens with autologous transplantation for relapsed large Bcell lymphoma in the rituximab era. J Clin Oncol 2010; 28: 4184-4190.
64. Schutt P, Passon J, Ebeling P et al. Ifosfamide, etoposide, cytarabine, and dexamethasone as salvage treatment
followed by high-dose cyclophosphamide, melphalan, and etoposide with autologous peripheral blood stem cell
transplantation for relapsed or refractory lymphomas. Eur J Haematol 2007; 78: 93-101.
65. Ardeshna KM, Kakouros N, Qian W et al. Conventional second-line salvage chemotherapy regimens are not
warranted in patients with malignant lymphomas who have progressive disease after first-line salvage therapy
regimens. Br J Haematol 2005; 130: 363-372.
66. Hamlin PA, Zelenetz AD, Kewalramani T et al. Age-adjusted International Prognostic Index predicts autologous
stem cell transplantation outcome for patients with relapsed or primary refractory diffuse large B-cell lymphoma.
Blood 2003; 102: 1989-1996.
67. Blay J, Gomez F, Sebban C et al. The International Prognostic Index correlates to survival in patients with
aggressive lymphoma in relapse: analysis of the PARMA trial. Parma Group. Blood 1998; 92: 3562-3568.
77
LINEE GUIDA LINFOMI
68. Guglielmi C, Gomez F, Philip T et al. Time to relapse has prognostic value in patients with aggressive lymphoma
enrolled onto the Parma trial. J Clin Oncol 1998; 16: 3264-3269.
69. Lerner RE, Thomas W, Defor TE et al. The International Prognostic Index assessed at relapse predicts outcomes
of autologous transplantation for diffuse large-cell non-Hodgkin's lymphoma in second complete or partial
remission. Biol Blood Marrow Transplant 2007; 13: 486-492.
70. Costa LJ, Micallef IN, Inwards DJ et al. Time of relapse after initial therapy significantly adds to the prognostic
value of the IPI-R in patients with relapsed DLBCL undergoing autologous stem cell transplantation. Bone
Marrow Transplant 2008; 41: 715-720.
71. Vellenga E, van Putten WL, van 't Veer MB et al. Rituximab improves the treatment results of DHAP-VIM-DHAP
and ASCT in relapsed/progressive aggressive CD20+ NHL: a prospective randomized HOVON trial. Blood 2008;
111: 537-543.
72. Martin A, Conde E, Arnan M et al. R-ESHAP as salvage therapy for patients with relapsed or refractory diffuse
large B-cell lymphoma: the influence of prior exposure to rituximab on outcome. A GEL/TAMO study.
Haematologica 2008; 93: 1829-1836.
73. Schot BW, Zijlstra JM, Sluiter WJ et al. Early FDG-PET assessment in combination with clinical risk scores
determines prognosis in recurring lymphoma. Blood 2007; 109: 486-491.
74. Cremerius U, Fabry U, Wildberger JE et al. Pre-transplant positron emission tomography (PET) using fluorine-18fluoro-deoxyglucose (FDG) predicts outcome in patients treated with high-dose chemotherapy and autologous
stem cell transplantation for non-Hodgkin's lymphoma. Bone Marrow Transplant 2002; 30: 103-111.
75. Filmont JE, Gisselbrecht C, Cuenca X et al. The impact of pre- and post-transplantation positron emission
tomography using 18-fluorodeoxyglucose on poor-prognosis lymphoma patients undergoing autologous stem cell
transplantation. Cancer 2007; 110: 1361-1369.
76. Svoboda J, Andreadis C, Elstrom R et al. Prognostic value of FDG-PET scan imaging in lymphoma patients
undergoing autologous stem cell transplantation. Bone Marrow Transplant 2006; 38: 211-216.
77. Becherer A, Mitterbauer M, Jaeger U et al. Positron emission tomography with [18F]2-fluoro-D-2-deoxyglucose
(FDG-PET) predicts relapse of malignant lymphoma after high-dose therapy with stem cell transplantation.
Leukemia 2002; 16: 260-267.
78. Spaepen K, Stroobants S, Dupont P et al. Prognostic value of pretransplantation positron emission tomography
using fluorine 18-fluorodeoxyglucose in patients with aggressive lymphoma treated with high-dose chemotherapy
and stem cell transplantation. Blood 2003; 102: 53-59.
79. Escobar IG, Alonso PT, Barrigon DC et al. Prognostic impact of pre-transplantation computed tomography and
67gallium scanning in chemosensitive diffuse large B cell lymphoma patients undergoing hematopoietic stem-cell
transplantation. Ann Nucl Med 2008; 22: 251-260.
80. Derenzini E, Musuraca G, Fanti S et al. Pretransplantation positron emission tomography scan is the main
predictor of autologous stem cell transplantation outcome in aggressive B-cell non-Hodgkin lymphoma. Cancer
2008; 113: 2496-2503.
81. Hoppe BS, Moskowitz CH, Zhang Z et al. The role of FDG-PET imaging and involved field radiotherapy in
relapsed or refractory diffuse large B-cell lymphoma. Bone Marrow Transplant 2009; 43: 941-948.
82. Shipp MA, Abeloff MD, Antman KH et al. International Consensus Conference on High-Dose Therapy with
Hematopoietic Stem Cell Transplantation in Aggressive Non-Hodgkin's Lymphomas: report of the jury. J Clin
Oncol 1999; 17: 423-429.
83. Jo JC, Kang BW, Jang G et al. BEAC or BEAM high-dose chemotherapy followed by autologous stem cell
transplantation in non-Hodgkin's lymphoma patients: comparative analysis of efficacy and toxicity. Ann Hematol
2008; 87: 43-48.
84. Gutierrez-Delgado F, Maloney DG, Press OW et al. Autologous stem cell transplantation for non-Hodgkin's
lymphoma: comparison of radiation-based and chemotherapy-only preparative regimens. Bone Marrow Transplant
2001; 28: 455-461.
85. Visani G, Malerba L, Stefani PM et al. BeEAM (bendamustine, etoposide, cytarabine, melphalan) before
autologous stem cell transplantation is safe and effective for resistant/relapsed lymphoma patients. Blood 2011;
118: 3419-3425.
86. Aggarwal C, Gupta S, Vaughan WP et al. Improved outcomes in intermediate- and high-risk aggressive nonHodgkin lymphoma after autologous hematopoietic stem cell transplantation substituting intravenous for oral
busulfan in a busulfan, cyclophosphamide, and etoposide preparative regimen. Biol Blood Marrow Transplant
2006; 12: 770-777.
87. Liu HW, Seftel MD, Rubinger M et al. Total body irradiation compared with BEAM: Long-term outcomes of
peripheral blood autologous stem cell transplantation for non-Hodgkin's lymphoma. Int J Radiat Oncol Biol Phys
2010; 78: 513-520.
78
LINEE GUIDA LINFOMI
88. Musso M, Scalone R, Marcacci G et al. Fotemustine plus etoposide, cytarabine and melphalan (FEAM) as a new
conditioning regimen for lymphoma patients undergoing auto-SCT: a multicenter feasibility study. Bone Marrow
Transplant 2010; 45: 1147-1153.
89. Salar A, Sierra J, Gandarillas M et al. Autologous stem cell transplantation for clinically aggressive non-Hodgkin's
lymphoma: the role of preparative regimens. Bone Marrow Transplant 2001; 27: 405-412.
90. Jantunen E, Kuittinen T, Nousiainen T. BEAC or BEAM for high-dose therapy in patients with non-Hodgkin's
lymphoma? A single centre analysis on toxicity and efficacy. Leuk Lymphoma 2003; 44: 1151-1158.
91. Wang EH, Chen YA, Corringham S et al. High-dose CEB vs BEAM with autologous stem cell transplant in
lymphoma. Bone Marrow Transplant 2004; 34: 581-587.
92. Puig N, de la Rubia J, Remigia MJ et al. Morbidity and transplant-related mortality of CBV and BEAM
preparative regimens for patients with lymphoid malignancies undergoing autologous stem-cell transplantation.
Leuk Lymphoma 2006; 47: 1488-1494.
93. Zaucha R, Gooley T, Holmberg L et al. High-dose chemotherapy with BEAM or Busulphan/Melphalan and
Thiotepa followed by hematopoietic cell transplantation in malignant lymphoma. Leuk Lymphoma 2008; 49:
1899-1906.
94. Kim JE, Lee DH, Yoo C et al. BEAM or BuCyE high-dose chemotherapy followed by autologous stem cell
transplantation in non-Hodgkin's lymphoma patients: a single center comparative analysis of efficacy and toxicity.
Leuk Res 2011; 35: 183-187.
95. Friedberg JW, Neuberg D, Stone RM et al. Outcome in patients with myelodysplastic syndrome after autologous
bone marrow transplantation for non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 1999; 17: 3128-3135.
96. Fernandez HF, Escalon MP, Pereira D, Lazarus HM. Autotransplant conditioning regimens for aggressive
lymphoma: are we on the right road? Bone Marrow Transplant 2007; 40: 505-513.
97. Khouri IF, Saliba RM, Hosing C et al. Concurrent administration of high-dose rituximab before and after
autologous stem-cell transplantation for relapsed aggressive B-cell non-Hodgkin's lymphomas. J Clin Oncol 2005;
23: 2240-2247.
98. Gisselbrecht C, Bethge W, Duarte RF et al. Current status and future perspectives for yttrium-90 ((90)Y)ibritumomab tiuxetan in stem cell transplantation for non-Hodgkin's lymphoma. Bone Marrow Transplant 2007;
40: 1007-1017.
99. Krishnan A, Nademanee A, Fung HC et al. Phase II trial of a transplantation regimen of yttrium-90 ibritumomab
tiuxetan and high-dose chemotherapy in patients with non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2008; 26: 90-95.
100. Winter JN, Inwards DJ, Spies S et al. Yttrium-90 ibritumomab tiuxetan doses calculated to deliver up to 15 Gy to
critical organs may be safely combined with high-dose BEAM and autologous transplantation in relapsed or
refractory B-cell non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2009; 27: 1653-1659.
101. Devizzi L, Guidetti A, Tarella C et al. High-dose yttrium-90-ibritumomab tiuxetan with tandem stem-cell
reinfusion: an outpatient preparative regimen for autologous hematopoietic cell transplantation. J Clin Oncol 2008;
26: 5175-5182.
102. Ratanatharathorn V, Uberti J, Karanes C et al. Prospective comparative trial of autologous versus allogeneic bone
marrow transplantation in patients with non-Hodgkin's lymphoma. Blood 1994; 84: 1050-1055.
103. Dhedin N, Giraudier S, Gaulard P et al. Allogeneic bone marrow transplantation in aggressive non-Hodgkin's
lymphoma (excluding Burkitt and lymphoblastic lymphoma): a series of 73 patients from the SFGM database.
Societ Francaise de Greffe de Moelle. Br J Haematol 1999; 107: 154-161.
104. Peniket AJ, Ruiz de Elvira MC, Taghipour G et al. An EBMT registry matched study of allogeneic stem cell
transplants for lymphoma: allogeneic transplantation is associated with a lower relapse rate but a higher
procedure-related mortality rate than autologous transplantation. Bone Marrow Transplant 2003; 31: 667-678.
105. Freytes CO, Loberiza FR, Rizzo JD et al. Myeloablative allogeneic hematopoietic stem cell transplantation in
patients who experience relapse after autologous stem cell transplantation for lymphoma: a report of the
International Bone Marrow Transplant Registry. Blood 2004; 104: 3797-3803.
106. Doocey RT, Toze CL, Connors JM et al. Allogeneic haematopoietic stem-cell transplantation for relapsed and
refractory aggressive histology non-Hodgkin lymphoma. Br J Haematol 2005; 131: 223-230.
107. Aksentijevich I, Jones RJ, Ambinder RF et al. Clinical outcome following autologous and allogeneic blood and
marrow transplantation for relapsed diffuse large-cell non-Hodgkin's lymphoma. Biol Blood Marrow Transplant
2006; 12: 965-972.
108. Kim SW, Tanimoto TE, Hirabayashi N et al. Myeloablative allogeneic hematopoietic stem cell transplantation for
non-Hodgkin lymphoma: a nationwide survey in Japan. Blood 2006; 108: 382-389.
109. Chopra R, Goldstone AH, Pearce R et al. Autologous versus allogeneic bone marrow transplantation for nonHodgkin's lymphoma: a case-controlled analysis of the European Bone Marrow Transplant Group Registry data. J
Clin Oncol 1992; 10: 1690-1695.
79
LINEE GUIDA LINFOMI
110. Robinson SP, Goldstone AH, Mackinnon S et al. Chemoresistant or aggressive lymphoma predicts for a poor
outcome following reduced-intensity allogeneic progenitor cell transplantation: an analysis from the Lymphoma
Working Party of the European Group for Blood and Bone Marrow Transplantation. Blood 2002; 100: 4310-4316.
111. Branson K, Chopra R, Kottaridis PD et al. Role of nonmyeloablative allogeneic stem-cell transplantation after
failure of autologous transplantation in patients with lymphoproliferative malignancies. J Clin Oncol 2002; 20:
4022-4031.
112. Escalon MP, Champlin RE, Saliba RM et al. Nonmyeloablative allogeneic hematopoietic transplantation: a
promising salvage therapy for patients with non-Hodgkin's lymphoma whose disease has failed a prior autologous
transplantation. J Clin Oncol 2004; 22: 2419-2423.
113. Morris E, Thomson K, Craddock C et al. Outcomes after alemtuzumab-containing reduced-intensity allogeneic
transplantation regimen for relapsed and refractory non-Hodgkin lymphoma. Blood 2004; 104: 3865-3871.
114. Kusumi E, Kami M, Kanda Y et al. Reduced-intensity hematopoietic stem-cell transplantation for malignant
lymphoma: a retrospective survey of 112 adult patients in Japan. Bone Marrow Transplant 2005; 36: 205-213.
115. Dean RM, Fowler DH, Wilson WH et al. Efficacy of reduced-intensity allogeneic stem cell transplantation in
chemotherapy-refractory non-hodgkin lymphoma. Biol Blood Marrow Transplant 2005; 11: 593-599.
116. Corradini P, Dodero A, Farina L et al. Allogeneic stem cell transplantation following reduced-intensity
conditioning can induce durable clinical and molecular remissions in relapsed lymphomas: pre-transplant disease
status and histotype heavily influence outcome. Leukemia 2007; 21: 2316-2323.
117. Rezvani AR, Norasetthada L, Gooley T et al. Non-myeloablative allogeneic haematopoietic cell transplantation for
relapsed diffuse large B-cell lymphoma: a multicentre experience. Br J Haematol 2008; 143: 395-403.
118. Thomson KJ, Morris EC, Bloor A et al. Favorable long-term survival after reduced-intensity allogeneic
transplantation for multiple-relapse aggressive non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2009; 27: 426-432.
119. Armand P, Kim HT, Ho VT et al. Allogeneic transplantation with reduced-intensity conditioning for Hodgkin and
non-Hodgkin lymphoma: importance of histology for outcome. Biol Blood Marrow Transplant 2008; 14: 418-425.
120. Pollack SM, Steinberg SM, Odom J et al. Assessment of the hematopoietic cell transplantation comorbidity index
in non-Hodgkin lymphoma patients receiving reduced-intensity allogeneic hematopoietic stem cell transplantation.
Biol Blood Marrow Transplant 2009; 15: 223-230.
121. Sorror ML, Storer BE, Maloney DG et al. Outcomes after allogeneic hematopoietic cell transplantation with
nonmyeloablative or myeloablative conditioning regimens for treatment of lymphoma and chronic lymphocytic
leukemia. Blood 2008; 111: 446-452.
122. Sorror ML, Maris MB, Storb R et al. Hematopoietic cell transplantation (HCT)-specific comorbidity index: a new
tool for risk assessment before allogeneic HCT. Blood 2005; 106: 2912-2919.
123. Farina L, Bruno B, Patriarca F et al. The hematopoietic cell transplantation comorbidity index (HCT-CI) predicts
clinical outcomes in lymphoma and myeloma patients after reduced-intensity or non-myeloablative allogeneic
stem cell transplantation. Leukemia 2009; 23: 1131-1138.
124. van Kampen RJ, Canals C, Schouten HC et al. Allogeneic stem-cell transplantation as salvage therapy for patients
with diffuse large B-cell non-Hodgkin's lymphoma relapsing after an autologous stem-cell transplantation: an
analysis of the European Group for Blood and Marrow Transplantation Registry. J Clin Oncol 2011; 29: 13421348.
125. Rigacci L, Puccini B, Dodero A et al. Allogeneic hematopoietic stem cell transplantation in patients with diffuse
large B cell lymphoma relapsed after autologous stem cell transplantation: A GITMO study. Ann Hematol 2012;
91: 931-939.
126. Lazarus HM, Zhang MJ, Carreras J et al. A comparison of HLA-identical sibling allogeneic versus autologous
transplantation for diffuse large B cell lymphoma: a report from the CIBMTR. Biol Blood Marrow Transplant
2010; 16: 35-45.
127. van de Schans SA, Wymenga AN, van Spronsen DJ et al. Two sides of the medallion: poor treatment tolerance but
better survival by standard chemotherapy in elderly patients with advanced-stage diffuse large B-cell lymphoma.
Ann Oncol 2012; 23: 1280-1286.
128. Peyrade F, Jardin F, Thieblemont C et al. Attenuated immunochemotherapy regimen (R-miniCHOP) in elderly
patients older than 80 years with diffuse large B-cell lymphoma: a multicentre, single-arm, phase 2 trial. Lancet
Oncol 2011; 12: 460-468.
129. Luminari S, Montanini A, Caballero D et al. Nonpegylated liposomal doxorubicin (MyocetTM) combination (RCOMP) chemotherapy in elderly patients with diffuse large B-cell lymphoma (DLBCL): results from the phase II
EUR018 trial. Ann Oncol 2010; 21: 1492-1499.
130. Rigacci L, Mappa S, Nassi L et al. Liposome-encapsulated doxorubicin in combination with cyclophosphamide,
vincristine, prednisone and rituximab in patients with lymphoma and concurrent cardiac diseases or pre-treated
with anthracyclines. Hematol Oncol 2007; 25: 198-203.
131. Visani G, Ferrara F, Alesiani F et al. R-COMP 21 for frail elderly patients with aggressive B-cell non-Hodgkin
lymphoma: a pilot study. Leuk Lymphoma 2008; 49: 1081-1086.
80
LINEE GUIDA LINFOMI
132. El Gnaoui T, Dupuis J, Belhadj K et al. Rituximab, gemcitabine and oxaliplatin: an effective salvage regimen for
patients with relapsed or refractory B-cell lymphoma not candidates for high-dose therapy. Ann Oncol 2007; 18:
1363-1368.
133. Weidmann E, Kim SZ, Rost A et al. Bendamustine is effective in relapsed or refractory aggressive non-Hodgkin's
lymphoma. Ann Oncol 2002; 13: 1285-1289.
134. Zinzani PL, Pellegrini C, Gandolfi L et al. Combination of lenalidomide and rituximab in elderly patients with
relapsed or refractory diffuse large B-cell lymphoma: a phase 2 trial. Clin Lymphoma Myeloma Leuk 2011; 11:
462-466.
135. Guppy AE, Tebbutt NC, Norman A, Cunningham D. The role of surveillance CT scans in patients with diffuse
large B-cell non-Hodgkin's lymphoma. Leuk Lymphoma 2003; 44: 123-125.
136. Liedtke M, Hamlin PA, Moskowitz CH, Zelenetz AD. Surveillance imaging during remission identifies a group of
patients with more favorable aggressive NHL at time of relapse: a retrospective analysis of a uniformly-treated
patient population. Ann Oncol 2006; 17: 909-913.
137. El-Galaly TC, Mylam KJ, Bogsted M et al. Role of routine imaging in detecting recurrent lymphoma: A review of
258 patients with relapsed aggressive non-Hodgkin and Hodgkin lymphoma. Am J Hematol 2014; 89: 575-580.
138. Zinzani PL, Stefoni V, Tani M et al. Role of [18F]fluorodeoxyglucose positron emission tomography scan in the
follow-up of lymphoma. J Clin Oncol 2009; 27: 1781-1787.
139. Avivi I, Zilberlicht A, Dann EJ et al. Strikingly high false positivity of surveillance FDG-PET/CT scanning among
patients with diffuse large cell lymphoma in the rituximab era. Am J Hematol 2013; 88: 400-405.
140. Tilly H, Vitolo U, Walewski J et al. Diffuse large B-cell lymphoma (DLBCL): ESMO Clinical Practice Guidelines
for diagnosis, treatment and follow-up. Ann Oncol 2012; 23 Suppl 7: vii78-82.
141. Anderson JR, Armitage JO, Weisenburger DD. Epidemiology of the non-Hodgkin's lymphomas: distributions of
the major subtypes differ by geographic locations. Non-Hodgkin's Lymphoma Classification Project. Ann Oncol
1998; 9: 717-720.
142. Morton LM, Wang SS, Cozen W et al. Etiologic heterogeneity among non-Hodgkin lymphoma subtypes. Blood
2008; 112: 5150-5160.
143. Vose JM, Chiu BC, Cheson BD et al. Update on epidemiology and therapeutics for non-Hodgkin's lymphoma.
Hematology Am Soc Hematol Educ Program 2002; 241-262.
144. Jaffe ES, Harris NL, Stein H, Isaacson PG. Classification of lymphoid neoplasms: the microscope as a tool for
disease discovery. Blood 2008; 112: 4384-4399.
145. Berard CW, Greene MH, Jaffe ES et al. NIH conference. A multidisciplinary approach to non-hodgkin's
lymphomas. Ann Intern Med 1981; 94: 218-235.
146. Dupuis J, Meignan M, Julian A et al. Significant Prognostic Impact of [18F]Fluorodeoxyglucose-PET Scan
Performed During and At the End of Treatment with R-CHOP in High-Tumor Mass Follicular Lymphoma
Patients: A GELA-GOELAMS Study. Blood 2011; 118: 400-401.
147. Trotman J, Fournier M, Lamy T et al. Positron Emission Tomography-Computed Tomography (PET-CT) After
Induction Therapy Is Highly Predictive of Patient Outcome in Follicular Lymphoma: Analysis of PET-CT in a
Subset of PRIMA Trial Participants. Journal of Clinical Oncology 2011; 29: 3194-3200.
148. Luminari S, Biasoli I, Versari A et al. The prognostic role of post-induction FDG-PET in patients with follicular
lymphoma: a subset analysis from the FOLL05 trial of the Fondazione Italiana Linfomi (FIL). Ann Oncol 2014;
25: 442-447.
149. Luminari S, Biasoli I, Arcaini L et al. The use of FDG-PET in the initial staging of 142 patients with follicular
lymphoma: a retrospective study from the FOLL05 randomized trial of the Fondazione Italiana Linfomi. Ann
Oncol 2013.
150. Solal-Celigny P, Roy P, Colombat P et al. Follicular lymphoma international prognostic index. Blood 2004; 104:
1258-1265.
151. Federico M, Bellei M, Marcheselli L et al. Follicular Lymphoma International Prognostic Index 2: A New
Prognostic Index for Follicular Lymphoma Developed by the International Follicular Lymphoma Prognostic
Factor Project. J Clin Oncol 2009.
152. Ardeshna KM, Smith P, Norton A et al. Long-term effect of a watch and wait policy versus immediate systemic
treatment for asymptomatic advanced-stage non-Hodgkin lymphoma: a randomised controlled trial. Lancet 2003;
362: 516-522.
153. Ardeshna KM, Qian W, Smith P et al. Rituximab versus a watch-and-wait approach in patients with advancedstage, asymptomatic, non-bulky follicular lymphoma: an open-label randomised phase 3 trial. Lancet Oncol 2014;
15: 424-435.
154. Solal-Celigny P, Bellei M, Marcheselli L et al. Watchful Waiting in Low-Tumor Burden Follicular Lymphoma in
the Rituximab Era: Results of an F2-Study Database. Journal of Clinical Oncology 2012; 30: 3848-3853.
81
LINEE GUIDA LINFOMI
155. Barosi G, Carella A, Lazzarino M et al. Management of nodal indolent (non marginal-zone) non-Hodgkin's
lymphomas: practice guidelines from the Italian Society of Hematology, Italian Society of Experimental
Hematology and Italian Group for Bone Marrow Transplantation. Haematologica 2005; 90: 1236-1257.
156. Petersen PM, Gospodarowicz M, Tsang R et al. Long-term outcome in stage I and II follicular lymphoma
following treatment with involved field radiation therapy alone. Journal of Clinical Oncology 2004; 22: 563s-563s.
157. Peters MV, Bush RS, Brown TC, Reid J. The place of radiotherapy in the control of non-Hodgkin's lymphomata.
Br J Cancer Suppl 1975; 2: 386-401.
158. Chen MG, Prosnitz LR, Gonzalez-Serva A, Fischer DB. Results of radiotherapy in control of stage I and II nonHodgkin's lymphoma. Cancer 1979; 43: 1245-1254.
159. Gospodarowicz MK, Bush RS, Brown TC, Chua T. Prognostic factors in nodular lymphomas: a multivariate
analysis based on the Princess Margaret Hospital experience. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1984; 10: 489-497.
160. Gomez GA, Barcos M, Krishnamsetty RM et al. Treatment of early--stages I and II--nodular, poorly differentiated
lymphocytic lymphoma. Am J Clin Oncol 1986; 9: 40-44.
161. Lawrence TS, Urba WJ, Steinberg SM et al. Retrospective analysis of stage I and II indolent lymphomas at the
National Cancer Institute. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1988; 14: 417-424.
162. Soubeyran P, Eghbali H, Bonichon F et al. Localized follicular lymphomas: prognosis and survival of stages I and
II in a retrospective series of 103 patients. Radiother Oncol 1988; 13: 91-98.
163. Richards MA, Gregory WM, Hall PA et al. Management of localized non-Hodgkin's lymphoma: the experience at
St. Bartholomew's Hospital 1972-1985. Hematol Oncol 1989; 7: 1-18.
164. Epelbaum R, Kuten A, Coachman NM et al. Stage I-II low grade non-Hodgkin's lymphoma: prognostic factors
and treatment results. Strahlenther Onkol 1992; 168: 66-72.
165. Vaughan Hudson B, Vaughan Hudson G, MacLennan KA et al. Clinical stage 1 non-Hodgkin's lymphoma: longterm follow-up of patients treated by the British National Lymphoma Investigation with radiotherapy alone as
initial therapy. Br J Cancer 1994; 69: 1088-1093.
166. Mac Manus MP, Hoppe RT. Is radiotherapy curative for stage I and II low-grade follicular lymphoma? Results of
a long-term follow-up study of patients treated at Stanford University. J Clin Oncol 1996; 14: 1282-1290.
167. Kamath SS, Marcus RB, Jr., Lynch JW, Mendenhall NP. The impact of radiotherapy dose and other treatmentrelated and clinical factors on in-field control in stage I and II non-Hodgkin's lymphoma. Int J Radiat Oncol Biol
Phys 1999; 44: 563-568.
168. Wilder RB, Jones D, Tucker SL et al. Long-term results with radiotherapy for Stage I-II follicular lymphomas. Int
J Radiat Oncol Biol Phys 2001; 51: 1219-1227.
169. Gustavsson A, Osterman B, Cavallin-Stahl E. A systematic overview of radiation therapy effects in non-Hodgkin's
lymphoma. Acta Oncol 2003; 42: 605-619.
170. Landberg TG, Hakansson LG, Moller TR et al. CVP-remission-maintenance in stage I or II non-Hodgkin's
lymphomas: preliminary results of a randomized study. Cancer 1979; 44: 831-838.
171. Yahalom J, Varsos G, Fuks Z et al. Adjuvant cyclophosphamide, doxorubicin, vincristine, and prednisone
chemotherapy after radiation therapy in stage I low-grade and intermediate-grade non-Hodgkin lymphoma.
Results of a prospective randomized study. Cancer 1993; 71: 2342-2350.
172. Nissen NI, Ersboll J, Hansen HS et al. A randomized study of radiotherapy versus radiotherapy plus chemotherapy
in stage I-II non-Hodgkin's lymphomas. Cancer 1983; 52: 1-7.
173. Carde P, Burgers JM, van Glabbeke M et al. Combined radiotherapy-chemotherapy for early stages non-Hodgkin's
lymphoma: the 1975-1980 EORTC controlled lymphoma trial. Radiother Oncol 1984; 2: 301-312.
174. Monfardini S, Banfi A, Bonadonna G et al. Improved five year survival after combined radiotherapychemotherapy for stage I-II non-Hodgkin's lymphoma. Int J Radiat Oncol Biol Phys 1980; 6: 125-134.
175. Kelsey SM, Newland AC, Hudson GV, Jelliffe AM. A British National Lymphoma Investigation randomised trial
of single agent chlorambucil plus radiotherapy versus radiotherapy alone in low grade, localised non-Hodgkins
lymphoma. Med Oncol 1994; 11: 19-25.
176. McLaughlin P, Fuller LM, Velasquez WS et al. Stage I-II follicular lymphoma. Treatment results for 76 patients.
Cancer 1986; 58: 1596-1602.
177. McLaughlin P, Fuller L, Redman J et al. Stage I-II low-grade lymphomas: a prospective trial of combination
chemotherapy and radiotherapy. Ann Oncol 1991; 2 Suppl 2: 137-140.
178. Besa PC, McLaughlin PW, Cox JD, Fuller LM. Long term assessment of patterns of treatment failure and survival
in patients with stage I or II follicular lymphoma. Cancer 1995; 75: 2361-2367.
179. Seymour JF, Pro B, Fuller LM et al. Long-term follow-up of a prospective study of combined modality therapy for
stage I-II indolent non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2003; 21: 2115-2122.
180. Ghielmini M, Schmitz SF, Cogliatti SB et al. Prolonged treatment with rituximab in patients with follicular
lymphoma significantly increases event-free survival and response duration compared with the standard weekly x
4 schedule. Blood 2004; 103: 4416-4423.
82
LINEE GUIDA LINFOMI
181. Solal-Celigny P, Brice P, Brousse N et al. Phase II trial of fludarabine monophosphate as first-line treatment in
patients with advanced follicular lymphoma: a multicenter study by the Groupe d'Etude des Lymphomes de
l'Adulte. J Clin Oncol 1996; 14: 514-519.
182. Coiffier B, Neidhardt-Berard EM, Tilly H et al. Fludarabine alone compared to CHVP plus interferon in elderly
patients with follicular lymphoma and adverse prognostic parameters: a GELA study. Groupe d'Etudes des
Lymphomes de l'Adulte. Ann Oncol 1999; 10: 1191-1197.
183. Hagenbeek A, Eghbali H, Monfardini S et al. Phase III intergroup study of fludarabine phosphate compared with
cyclophosphamide, vincristine, and prednisone chemotherapy in newly diagnosed patients with stage III and IV
low-grade malignant Non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2006; 24: 1590-1596.
184. Marcus R, Imrie K, Solal-Celigny P et al. Phase III study of R-CVP compared with cyclophosphamide,
vincristine, and prednisone alone in patients with previously untreated advanced follicular lymphoma. J Clin
Oncol 2008; 26: 4579-4586.
185. Herold M, Haas A, Srock S et al. Rituximab added to first-line mitoxantrone, chlorambucil, and prednisolone
chemotherapy followed by interferon maintenance prolongs survival in patients with advanced follicular
lymphoma: an East German Study Group Hematology and Oncology Study. J Clin Oncol 2007; 25: 1986-1992.
186. Hiddemann W, Kneba M, Dreyling M et al. Frontline therapy with rituximab added to the combination of
cyclophosphamide, doxorubicin, vincristine, and prednisone (CHOP) significantly improves the outcome for
patients with advanced-stage follicular lymphoma compared with therapy with CHOP alone: results of a
prospective randomized study of the German Low-Grade Lymphoma Study Group. Blood 2005; 106: 3725-3732.
187. Schulz H, Bohlius JF, Trelle S et al. Immunochemotherapy with rituximab and overall survival in patients with
indolent or mantle cell lymphoma: a systematic review and meta-analysis. J Natl Cancer Inst 2007; 99: 706-714.
188. Federico M, Luminari S, Dondi A et al. R-CVP versus R-CHOP versus R-FM for the initial treatment of patients
with advanced-stage follicular lymphoma: results of the FOLL05 trial conducted by the Fondazione Italiana
Linfomi. J Clin Oncol 2013; 31: 1506-1513.
189. Rummel MJ, Niederle N, Maschmeyer G et al. Bendamustine plus rituximab versus CHOP plus rituximab as firstline treatment for patients with indolent and mantle-cell lymphomas: an open-label, multicentre, randomised,
phase 3 non-inferiority trial. Lancet 2013; 381: 1203-1210.
190. Flinn IW, van der Jagt R, Kahl BS et al. Randomized trial of bendamustine-rituximab or R-CHOP/R-CVP in firstline treatment of indolent NHL or MCL: the BRIGHT study. Blood 2014; 123: 2944-2952.
191. Vidal L, Gafter-Gvili A, Leibovici L et al. Rituximab maintenance for the treatment of patients with follicular
lymphoma: systematic review and meta-analysis of randomized trials. J Natl Cancer Inst 2009; 101: 248-255.
192. Salles G, Seymour JF, Offner F et al. Rituximab maintenance for 2 years in patients with high tumour burden
follicular lymphoma responding to rituximab plus chemotherapy (PRIMA): a phase 3, randomised controlled trial.
Lancet 2011; 377: 42-51.
193. Ha CS, Kong JS, McLaughlin P et al. Stage III follicular lymphoma: long-term follow-up and patterns of failure.
Int J Radiat Oncol Biol Phys 2003; 57: 748-754.
194. Ha CS CF, Lee MS, Tucker SL, McLaughlin P, Rodriguez MA et al. A prospective randomized study to compare
the molecular response rates between central lymphatic irradiation (CLI) and intensive alternating triple
chemotherapy (ATT) in the treatment of stage I-III follicular Lymphoma. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2003;
57:S211-2.
195. Hoskin PJ, Kirkwood AA, Popova B et al. 4 Gy versus 24 Gy radiotherapy for patients with indolent lymphoma
(FORT): a randomised phase 3 non-inferiority trial. Lancet Oncol 2014; 15: 457-463.
196. Kaminski MS, Tuck M, Estes J et al. 131I-tositumomab therapy as initial treatment for follicular lymphoma. N
Engl J Med 2005; 352: 441-449.
197. Press OW, Unger JM, Braziel RM et al. Phase II trial of CHOP chemotherapy followed by tositumomab/iodine I131 tositumomab for previously untreated follicular non-Hodgkin's lymphoma: five-year follow-up of Southwest
Oncology Group Protocol S9911. J Clin Oncol 2006; 24: 4143-4149.
198. Morschhauser F, Radford J, Van Hoof A et al. Phase III trial of consolidation therapy with yttrium-90ibritumomab tiuxetan compared with no additional therapy after first remission in advanced follicular lymphoma.
J Clin Oncol 2008; 26: 5156-5164.
199. Freedman AS, Gribben JG, Neuberg D et al. High-dose therapy and autologous bone marrow transplantation in
patients with follicular lymphoma during first remission. Blood 1996; 88: 2780-2786.
200. Colombat P, Cornillet P, Deconinck E et al. Value of autologous stem cell transplantation with purged bone
marrow as first-line therapy for follicular lymphoma with high tumor burden: a GOELAMS phase II study. Bone
Marrow Transplant 2000; 26: 971-977.
201. Voso MT, Martin S, Hohaus S et al. Prognostic factors for the clinical outcome of patients with follicular
lymphoma following high-dose therapy and peripheral blood stem cell transplantation (PBSCT). Bone Marrow
Transplant 2000; 25: 957-964.
83
LINEE GUIDA LINFOMI
202. Tarella C, Caracciolo D, Corradini P et al. Long-term follow-up of advanced-stage low-grade lymphoma patients
treated upfront with high-dose sequential chemotherapy and autograft. Leukemia 2000; 14: 740-747.
203. Seyfarth B, Kuse R, Sonnen R et al. Autologous stem cell transplantation for follicular lymphoma: no benefit for
early transplant? Ann Hematol 2001; 80: 398-405.
204. Horning SJ, Negrin RS, Hoppe RT et al. High-dose therapy and autologous bone marrow transplantation for
follicular lymphoma in first complete or partial remission: results of a phase II clinical trial. Blood 2001; 97: 404409.
205. Corradini P, Ladetto M, Zallio F et al. Long-term follow-up of indolent lymphoma patients treated with high-dose
sequential chemotherapy and autografting: evidence that durable molecular and clinical remission frequently can
be attained only in follicular subtypes. J Clin Oncol 2004; 22: 1460-1468.
206. Brown JR, Feng Y, Gribben JG et al. Long-term survival after autologous bone marrow transplantation for
follicular lymphoma in first remission. Biol Blood Marrow Transplant 2007; 13: 1057-1065.
207. Lenz G, Dreyling M, Schiegnitz E et al. Myeloablative radiochemotherapy followed by autologous stem cell
transplantation in first remission prolongs progression-free survival in follicular lymphoma: results of a
prospective, randomized trial of the German Low-Grade Lymphoma Study Group. Blood 2004; 104: 2667-2674.
208. Deconinck E, Foussard C, Milpied N et al. High-dose therapy followed by autologous purged stem-cell
transplantation and doxorubicin-based chemotherapy in patients with advanced follicular lymphoma: a
randomized multicenter study by GOELAMS. Blood 2005; 105: 3817-3823.
209. Gyan E, Foussard C, Bertrand P et al. High-dose therapy followed by autologous purged stem cell transplantation
and doxorubicin-based chemotherapy in patients with advanced follicular lymphoma: a randomized multicenter
study by the GOELAMS with final results after a median follow-up of 9 years. Blood 2009; 113: 995-1001.
210. Sebban C, Mounier N, Brousse N et al. Standard chemotherapy with interferon compared with CHOP followed by
high-dose therapy with autologous stem cell transplantation in untreated patients with advanced follicular
lymphoma: the GELF-94 randomized study from the Groupe d'Etude des Lymphomes de l'Adulte (GELA). Blood
2006; 108: 2540-2544.
211. Ladetto M, De Marco F, Benedetti F et al. Prospective, multicenter randomized GITMO/IIL trial comparing
intensive (R-HDS) versus conventional (CHOP-R) chemoimmunotherapy in high-risk follicular lymphoma at
diagnosis: the superior disease control of R-HDS does not translate into an overall survival advantage. Blood
2008; 111: 4004-4013.
212. Friedberg JW, Cohen P, Chen L et al. Bendamustine in patients with rituximab-refractory indolent and
transformed non-Hodgkin's lymphoma: results from a phase II multicenter, single-agent study. J Clin Oncol 2008;
26: 204-210.
213. Rummel MJ, Al-Batran SE, Kim SZ et al. Bendamustine plus rituximab is effective and has a favorable toxicity
profile in the treatment of mantle cell and low-grade non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2005; 23: 3383-3389.
214. Witzig TE, Gordon LI, Cabanillas F et al. Randomized controlled trial of yttrium-90-labeled ibritumomab tiuxetan
radioimmunotherapy versus rituximab immunotherapy for patients with relapsed or refractory low-grade,
follicular, or transformed B-cell non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2002; 20: 2453-2463.
215. Witzig TE, White CA, Gordon LI et al. Safety of yttrium-90 ibritumomab tiuxetan radioimmunotherapy for
relapsed low-grade, follicular, or transformed non-hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2003; 21: 1263-1270.
216. Horning SJ, Younes A, Jain V et al. Efficacy and safety of tositumomab and iodine-131 tositumomab (Bexxar) in
B-cell lymphoma, progressive after rituximab. J Clin Oncol 2005; 23: 712-719.
217. Vose JM, Wahl RL, Saleh M et al. Multicenter phase II study of iodine-131 tositumomab for chemotherapyrelapsed/refractory low-grade and transformed low-grade B-cell non-Hodgkin's lymphomas. J Clin Oncol 2000;
18: 1316-1323.
218. van Oers MH, Klasa R, Marcus RE et al. Rituximab maintenance improves clinical outcome of relapsed/resistant
follicular non-Hodgkin lymphoma in patients both with and without rituximab during induction: results of a
prospective randomized phase 3 intergroup trial. Blood 2006; 108: 3295-3301.
219. Forstpointner R, Unterhalt M, Dreyling M et al. Maintenance therapy with rituximab leads to a significant
prolongation of response duration after salvage therapy with a combination of rituximab, fludarabine,
cyclophosphamide, and mitoxantrone (R-FCM) in patients with recurring and refractory follicular and mantle cell
lymphomas: Results of a prospective randomized study of the German Low Grade Lymphoma Study Group
(GLSG). Blood 2006; 108: 4003-4008.
220. Freedman AS, Ritz J, Neuberg D et al. Autologous bone marrow transplantation in 69 patients with a history of
low-grade B-cell non-Hodgkin's lymphoma. Blood 1991; 77: 2524-2529.
221. Colombat P, Donadio D, Fouillard L et al. Value of autologous bone marrow transplantation in follicular
lymphoma: a France Autogreffe retrospective study of 42 patients. Bone Marrow Transplant 1994; 13: 157-162.
222. Bastion Y, Brice P, Haioun C et al. Intensive therapy with peripheral blood progenitor cell transplantation in 60
patients with poor-prognosis follicular lymphoma. Blood 1995; 86: 3257-3262.
84
LINEE GUIDA LINFOMI
223. Weaver CH, Schwartzberg L, Rhinehart S et al. High-dose chemotherapy with BUCY or BEAC and unpurged
peripheral blood stem cell infusion in patients with low-grade non-Hodgkin's lymphoma. Bone Marrow Transplant
1998; 21: 383-389.
224. Freedman AS, Neuberg D, Mauch P et al. Long-term follow-up of autologous bone marrow transplantation in
patients with relapsed follicular lymphoma. Blood 1999; 94: 3325-3333.
225. Apostolidis J, Gupta RK, Grenzelias D et al. High-dose therapy with autologous bone marrow support as
consolidation of remission in follicular lymphoma: long-term clinical and molecular follow-up. J Clin Oncol 2000;
18: 527-536.
226. Berglund A, Enblad G, Carlson K et al. Long-term follow-up of autologous stem-cell transplantation for follicular
and transformed follicular lymphoma. Eur J Haematol 2000; 65: 17-22.
227. Brice P, Simon D, Bouabdallah R et al. High-dose therapy with autologous stem-cell transplantation (ASCT) after
first progression prolonged survival of follicular lymphoma patients included in the prospective GELF 86
protocol. Ann Oncol 2000; 11: 1585-1590.
228. van Besien K, Loberiza FR, Jr., Bajorunaite R et al. Comparison of autologous and allogeneic hematopoietic stem
cell transplantation for follicular lymphoma. Blood 2003; 102: 3521-3529.
229. Rohatiner AZ, Nadler L, Davies AJ et al. Myeloablative therapy with autologous bone marrow transplantation for
follicular lymphoma at the time of second or subsequent remission: long-term follow-up. J Clin Oncol 2007; 25:
2554-2559.
230. Schouten HC, Qian W, Kvaloy S et al. High-dose therapy improves progression-free survival and survival in
relapsed follicular non-Hodgkin's lymphoma: results from the randomized European CUP trial. J Clin Oncol 2003;
21: 3918-3927.
231. Schaaf M, Reiser M, Borchmann P et al. High-dose therapy with autologous stem cell transplantation versus
chemotherapy or immuno-chemotherapy for follicular lymphoma in adults. Cochrane Database Syst Rev 2012; 1:
CD007678.
232. Le Gouill S, De Guibert S, Planche L et al. Impact of the use of autologous stem cell transplantation at first relapse
both in naive and previously rituximab exposed follicular lymphoma patients treated in the GELA/GOELAMS
FL2000 study. Haematologica 2011; 96: 1128-1135.
233. Gribben JG, Freedman AS, Neuberg D et al. Immunologic purging of marrow assessed by PCR before autologous
bone marrow transplantation for B-cell lymphoma. N Engl J Med 1991; 325: 1525-1533.
234. Magni M, Di Nicola M, Devizzi L et al. Successful in vivo purging of CD34-containing peripheral blood harvests
in mantle cell and indolent lymphoma: evidence for a role of both chemotherapy and rituximab infusion. Blood
2000; 96: 864-869.
235. Ingram W, Devereux S, Das-Gupta EP et al. Outcome of BEAM-autologous and BEAM-alemtuzumab allogeneic
transplantation in relapsed advanced stage follicular lymphoma. Br J Haematol 2008; 141: 235-243.
236. Faulkner RD, Craddock C, Byrne JL et al. BEAM-alemtuzumab reduced-intensity allogeneic stem cell
transplantation for lymphoproliferative diseases: GVHD, toxicity, and survival in 65 patients. Blood 2004; 103:
428-434.
237. Maris MB, Storb R. Allogeneic hematopoietic cell transplantation as consolidation immunotherapy of cancer after
autologous transplantation. Acta Haematol 2005; 114: 221-229.
238. Vigouroux S, Michallet M, Porcher R et al. Long-term outcomes after reduced-intensity conditioning allogeneic
stem cell transplantation for low-grade lymphoma: a survey by the French Society of Bone Marrow Graft
Transplantation and Cellular Therapy (SFGM-TC). Haematologica 2007; 92: 627-634.
239. Rezvani AR, Storer B, Maris M et al. Nonmyeloablative allogeneic hematopoietic cell transplantation in relapsed,
refractory, and transformed indolent non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2008; 26: 211-217.
240. Khouri IF, McLaughlin P, Saliba RM et al. Eight-year experience with allogeneic stem cell transplantation for
relapsed follicular lymphoma after nonmyeloablative conditioning with fludarabine, cyclophosphamide, and
rituximab. Blood 2008; 111: 5530-5536.
241. Hari P, Carreras J, Zhang MJ et al. Allogeneic transplants in follicular lymphoma: higher risk of disease
progression after reduced-intensity compared to myeloablative conditioning. Biol Blood Marrow Transplant 2008;
14: 236-245.
242. Thomson KJ, Morris EC, Milligan D et al. T-cell-depleted reduced-intensity transplantation followed by donor
leukocyte infusions to promote graft-versus-lymphoma activity results in excellent long-term survival in patients
with multiply relapsed follicular lymphoma. J Clin Oncol 2010; 28: 3695-3700.
243. Pinana JL, Martino R, Gayoso J et al. Reduced intensity conditioning HLA identical sibling donor allogeneic stem
cell transplantation for patients with follicular lymphoma: long-term follow-up from two prospective multicenter
trials. Haematologica 2010; 95: 1176-1182.
244. Cohen S, Kiss T, Lachance S et al. Tandem autologous-allogeneic nonmyeloablative sibling transplantation in
relapsed follicular lymphoma leads to impressive progression-free survival with minimal toxicity. Biol Blood
Marrow Transplant 2012; 18: 951-957.
85
LINEE GUIDA LINFOMI
245. Cheson BD, Pfistner B, Juweid ME et al. Revised response criteria for malignant lymphoma. J Clin Oncol 2007;
25: 579-586.
246. Oh YK, Ha CS, Samuels BI et al. Stages I-III follicular lymphoma: role of CT of the abdomen and pelvis in
follow-up studies. Radiology 1999; 210: 483-486.
247. Al-Tourah AJ, Gill KK, Chhanabhai M et al. Population-based analysis of incidence and outcome of transformed
non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2008; 26: 5165-5169.
248. Noy A, Schoder H, Gonen M et al. The majority of transformed lymphomas have high standardized uptake values
(SUVs) on positron emission tomography (PET) scanning similar to diffuse large B-cell lymphoma (DLBCL).
Ann Oncol 2009; 20: 508-512.
249. Italian cancer figures--report 2006: 1. Incidence, mortality and estimates. Epidemiol Prev 2006; 30: 8-10, 12-28,
30-101 passim.
250. Verdecchia A, Francisci S, Brenner H et al. Recent cancer survival in Europe: a 2000-02 period analysis of
EUROCARE-4 data. Lancet Oncol 2007; 8: 784-796.
251. Brenner H, Gondos A, Pulte D. Ongoing improvement in long-term survival of patients with Hodgkin disease at
all ages and recent catch-up of older patients. Blood 2008; 111: 2977-2983.
252. Bosetti C, Levi F, Ferlay J et al. The recent decline in mortality from Hodgkin lymphomas in central and eastern
Europe. Ann Oncol 2009; 20: 767-774.
253. Aleman BM, van den Belt-Dusebout AW, Klokman WJ et al. Long-term cause-specific mortality of patients
treated for Hodgkin's disease. J Clin Oncol 2003; 21: 3431-3439.
254. Dores GM, Metayer C, Curtis RE et al. Second malignant neoplasms among long-term survivors of Hodgkin's
disease: a population-based evaluation over 25 years. J Clin Oncol 2002; 20: 3484-3494.
255. Behringer K, Josting A, Schiller P et al. Solid tumors in patients treated for Hodgkin's disease: a report from the
German Hodgkin Lymphoma Study Group. Ann Oncol 2004; 15: 1079-1085.
256. Swerdlow AJ, Higgins CD, Smith P et al. Myocardial infarction mortality risk after treatment for Hodgkin disease:
a collaborative British cohort study. J Natl Cancer Inst 2007; 99: 206-214.
257. De Bruin ML, Dorresteijn LD, van't Veer MB et al. Increased risk of stroke and transient ischemic attack in 5-year
survivors of Hodgkin lymphoma. J Natl Cancer Inst 2009; 101: 928-937.
258. Diehl V, Sextro M, Franklin J et al. Clinical presentation, course, and prognostic factors in lymphocytepredominant Hodgkin's disease and lymphocyte-rich classical Hodgkin's disease: report from the European Task
Force on Lymphoma Project on Lymphocyte-Predominant Hodgkin's Disease. J Clin Oncol 1999; 17: 776-783.
259. Carbone A, Spina M, Gloghini A et al. Nodular lymphocyte predominant Hodgkin lymphoma with non-invasive
or early invasive growth pattern suggests an early step of the disease with a highly favorable outcome. Am J
Hematol 2013; 88: 161-162.
260. Hasenclever D, Diehl V. A prognostic score for advanced Hodgkin's disease. International Prognostic Factors
Project on Advanced Hodgkin's Disease. N Engl J Med 1998; 339: 1506-1514.
261. Seam P, Juweid ME, Cheson BD. The role of FDG-PET scans in patients with lymphoma. Blood 2007; 110: 35073516.
262. Evans WC, Gilmore D, English J. The role of PET and PET/CT in managing the care of lymphoma patients. J
Nucl Med Technol 2011; 39: 190-194.
263. Armitage JO. Early-stage Hodgkin's lymphoma. N Engl J Med 2010; 363: 653-662.
264. Meyer RM, Gospodarowicz MK, Connors JM et al. ABVD alone versus radiation-based therapy in limited-stage
Hodgkin's lymphoma. N Engl J Med 2012; 366: 399-408.
265. Noordijk EM, Carde P, Dupouy N et al. Combined-modality therapy for clinical stage I or II Hodgkin's
lymphoma: long-term results of the European Organisation for Research and Treatment of Cancer H7 randomized
controlled trials. J Clin Oncol 2006; 24: 3128-3135.
266. Ferme C, Eghbali H, Meerwaldt JH et al. Chemotherapy plus involved-field radiation in early-stage Hodgkin's
disease. N Engl J Med 2007; 357: 1916-1927.
267. Eich HT, Diehl V, Gorgen H et al. Intensified chemotherapy and dose-reduced involved-field radiotherapy in
patients with early unfavorable Hodgkin's lymphoma: final analysis of the German Hodgkin Study Group HD11
trial. J Clin Oncol 2010; 28: 4199-4206.
268. Bonadonna G, Bonfante V, Viviani S et al. ABVD plus subtotal nodal versus involved-field radiotherapy in earlystage Hodgkin's disease: long-term results. J Clin Oncol 2004; 22: 2835-2841.
269. Engert A, Pluetschow A, Eich HT et al. Combined modality treatment of two or four cycles of ABVD followed by
involved field radiotherapy in the treatment of patients with early stage Hodgkin's lymphoma: Update interim
analysis of the randomised HD10 study of the German Hodgkin study group (GHSG). Blood 2005; 106: 750a750a.
270. Ferme C, Divine M, Vranovsky A et al. Four ABVD and involved-field radiotherapy in unfavorable
supradiaphragmatic clinical stages (CS) I-II Hodgkin's lymphoma (HL): Preliminary results of the EORTC-GELA
H9-U trial. Blood 2005; 106: 240a-240a.
86
LINEE GUIDA LINFOMI
271. Rueda Dominguez A, Marquez A, Guma J et al. Treatment of stage I and II Hodgkin's lymphoma with ABVD
chemotherapy: results after 7 years of a prospective study. Ann Oncol 2004; 15: 1798-1804.
272. Straus DJ, Portlock CS, Qin J et al. Results of a prospective randomized clinical trial of doxorubicin, bleomycin,
vinblastine, and dacarbazine (ABVD) followed by radiation therapy (RT) versus ABVD alone for stages I, II, and
IIIA nonbulky Hodgkin disease. Blood 2004; 104: 3483-3489.
273. Meyer RM, Gospodarowicz MK, Connors JM et al. Randomized comparison of ABVD chemotherapy with a
strategy that includes radiation therapy in patients with limited-stage Hodgkin's lymphoma: National Cancer
Institute of Canada Clinical Trials Group and the Eastern Cooperative Oncology Group. J Clin Oncol 2005; 23:
4634-4642.
274. Eghbali H, Brice P, Creemers GY et al. Comparison of three radiation dose levels after EBVP regimen in
favorable supradiaphragmatic clinical stages (CS) I-II Hodgkin's lymphoma (HL): Preliminary results of the
EORTC-GELA H9-F trial. Blood 2005; 106: 240a-240a.
275. Engert A, Plutschow A, Eich HT et al. Reduced treatment intensity in patients with early-stage Hodgkin's
lymphoma. N Engl J Med 2010; 363: 640-652.
276. Raemaekers JM, Andre MP, Federico M et al. Omitting radiotherapy in early positron emission tomographynegative stage I/II Hodgkin lymphoma is associated with an increased risk of early relapse: Clinical results of the
preplanned interim analysis of the randomized EORTC/LYSA/FIL H10 trial. J Clin Oncol 2014; 32: 1188-1194.
277. von Tresckow B, Pluetschow A, Fuchs M et al. Dose-Intensification in Early Unfavorable Hodgkin's Lymphoma:
Final Analysis of the German Hodgkin Study Group HD14 Trial. J Clin Oncol 2012; 30(9): 907-913.
278. Campbell BA, Voss N, Pickles T et al. Involved-nodal radiation therapy as a component of combination therapy
for limited-stage Hodgkin's lymphoma: a question of field size. J Clin Oncol 2008; 26: 5170-5174.
279. Chen RC, Chin MS, Ng AK et al. Early-stage, lymphocyte-predominant Hodgkin's lymphoma: patient outcomes
from a large, single-institution series with long follow-up. J Clin Oncol 2010; 28: 136-141.
280. DeVita VT, Jr., Simon RM, Hubbard SM et al. Curability of advanced Hodgkin's disease with chemotherapy.
Long-term follow-up of MOPP-treated patients at the National Cancer Institute. Ann Intern Med 1980; 92: 587595.
281. Longo DL, Young RC, Wesley M et al. Twenty years of MOPP therapy for Hodgkin's disease. J Clin Oncol 1986;
4: 1295-1306.
282. Santoro A, Bonadonna G, Valagussa P et al. Long-term results of combined chemotherapy-radiotherapy approach
in Hodgkin's disease: superiority of ABVD plus radiotherapy versus MOPP plus radiotherapy. J Clin Oncol 1987;
5: 27-37.
283. Bonadonna G, Valagussa P, Santoro A. Alternating non-cross-resistant combination chemotherapy or MOPP in
stage IV Hodgkin's disease. A report of 8-year results. Ann Intern Med 1986; 104: 739-746.
284. Loeffler M, Brosteanu O, Hasenclever D et al. Meta-analysis of chemotherapy versus combined modality
treatment trials in Hodgkin's disease. International Database on Hodgkin's Disease Overview Study Group. J Clin
Oncol 1998; 16: 818-829.
285. Somers R, Carde P, Henry-Amar M et al. A randomized study in stage IIIB and IV Hodgkin's disease comparing
eight courses of MOPP versus an alteration of MOPP with ABVD: a European Organization for Research and
Treatment of Cancer Lymphoma Cooperative Group and Groupe Pierre-et-Marie-Curie controlled clinical trial. J
Clin Oncol 1994; 12: 279-287.
286. Viviani S, Bonadonna G, Santoro A et al. Alternating versus hybrid MOPP and ABVD combinations in advanced
Hodgkin's disease: ten-year results. J Clin Oncol 1996; 14: 1421-1430.
287. Connors JM, Klimo P, Adams G et al. Treatment of advanced Hodgkin's disease with chemotherapy--comparison
of MOPP/ABV hybrid regimen with alternating courses of MOPP and ABVD: a report from the National Cancer
Institute of Canada clinical trials group. J Clin Oncol 1997; 15: 1638-1645.
288. Canellos GP, Anderson JR, Propert KJ et al. Chemotherapy of advanced Hodgkin's disease with MOPP, ABVD,
or MOPP alternating with ABVD. N Engl J Med 1992; 327: 1478-1484.
289. Duggan DB, Petroni GR, Johnson JL et al. Randomized comparison of ABVD and MOPP/ABV hybrid for the
treatment of advanced Hodgkin's disease: report of an intergroup trial. J Clin Oncol 2003; 21: 607-614.
290. Gobbi PG, Levis A, Chisesi T et al. ABVD versus modified stanford V versus MOPPEBVCAD with optional and
limited radiotherapy in intermediate- and advanced-stage Hodgkin's lymphoma: final results of a multicenter
randomized trial by the Intergruppo Italiano Linfomi. J Clin Oncol 2005; 23: 9198-9207.
291. Johnson PW, Radford JA, Cullen MH et al. Comparison of ABVD and alternating or hybrid multidrug regimens
for the treatment of advanced Hodgkin's lymphoma: results of the United Kingdom Lymphoma Group LY09 Trial
(ISRCTN97144519). J Clin Oncol 2005; 23: 9208-9218.
292. Aleman BM, Raemaekers JM, Tirelli U et al. Involved-field radiotherapy for advanced Hodgkin's lymphoma. N
Engl J Med 2003; 348: 2396-2406.
87
LINEE GUIDA LINFOMI
293. Ferme C, Mounier N, Casasnovas O et al. Long-term results and competing risk analysis of the H89 trial in
patients with advanced-stage Hodgkin lymphoma: a study by the Groupe d'Etude des Lymphomes de l'Adulte
(GELA). Blood 2006; 107: 4636-4642.
294. Eich HT, Gossmann A, Engert A et al. A Contribution to solve the problem of the need for consolidative
radiotherapy after intensive chemotherapy in advanced stages of Hodgkin's lymphoma--analysis of a quality
control program initiated by the radiotherapy reference center of the German Hodgkin Study Group (GHSG). Int J
Radiat Oncol Biol Phys 2007; 69: 1187-1192.
295. Engert A, Haverkamp H, Kobe C et al. Reduced-intensity chemotherapy and PET-guided radiotherapy in patients
with advanced stage Hodgkin's lymphoma (HD15 trial): a randomised, open-label, phase 3 non-inferiority trial.
Lancet 2012; 379: 1791-1799.
296. Diehl V, Franklin J, Pfreundschuh M et al. Standard and increased-dose BEACOPP chemotherapy compared with
COPP-ABVD for advanced Hodgkin's disease. N Engl J Med 2003; 348: 2386-2395.
297. Engert A, Diehl V, Franklin J et al. Escalated-Dose BEACOPP in the Treatment of Patients With Advanced-Stage
Hodgkin's Lymphoma: 10 Years of Follow-Up of the GHSG HD9 Study. J Clin Oncol 2009.
298. Federico M, Luminari S, Iannitto E et al. ABVD compared with BEACOPP compared with CEC for the initial
treatment of patients with advanced Hodgkin's lymphoma: results from the HD2000 Gruppo Italiano per lo Studio
dei Linfomi Trial. J Clin Oncol 2009; 27: 805-811.
299. Viviani S, Zinzani PL, Rambaldi A et al. ABVD versus BEACOPP for Hodgkin's lymphoma when high-dose
salvage is planned. N Engl J Med 2011; 365: 203-212.
300. Carde P, Karrasch M, Fortpied C et al. ABVD (8 cycles) versus BEACOPP (4 escalated cycles => 4 baseline) in
stage III-IV high-risk Hodgkin lymphoma (HL): First results of EORTC 20012 Intergroup randomized phase III
clinical trial. J Clin Oncol 2012; 30 (suppl; abstr 8002)
301. Borchmann P. Early intensification treatment approach in advanced-stage Hodgkin lymphoma. Hematol Oncol
Clin North Am 2014; 28: 65-74.
302. Federico M, Bellei M, Brice P et al. High-dose therapy and autologous stem-cell transplantation versus
conventional therapy for patients with advanced Hodgkin's lymphoma responding to front-line therapy. J Clin
Oncol 2003; 21: 2320-2325.
303. Carella AM, Bellei M, Brice P et al. High-dose therapy and autologous stem cell transplantation versus
conventional therapy for patients with advanced Hodgkin's lymphoma responding to front-line therapy: long-term
results. Haematologica 2009; 94: 146-148.
304. Linch DC, Winfield D, Goldstone AH et al. Dose intensification with autologous bone-marrow transplantation in
relapsed and resistant Hodgkin's disease: results of a BNLI randomised trial. Lancet 1993; 341: 1051-1054.
305. Schmitz N, Pfistner B, Sextro M et al. Aggressive conventional chemotherapy compared with high-dose
chemotherapy with autologous haemopoietic stem-cell transplantation for relapsed chemosensitive Hodgkin's
disease: a randomised trial. Lancet 2002; 359: 2065-2071.
306. Ruffer JU, Ballova V, Glossmann J et al. BEACOPP and COPP/ABVD as salvage treatment after primary
extended field radiation therapy of early stage Hodgkins disease - results of the German Hodgkin Study Group.
Leuk Lymphoma 2005; 46: 1561-1567.
307. Morschhauser F, Brice P, Ferme C et al. Risk-adapted salvage treatment with single or tandem autologous stemcell transplantation for first relapse/refractory Hodgkin's lymphoma: results of the prospective multicenter H96
trial by the GELA/SFGM study group. J Clin Oncol 2008; 26: 5980-5987.
308. Brice P, Bouabdallah R, Moreau P et al. Prognostic factors for survival after high-dose therapy and autologous
stem cell transplantation for patients with relapsing Hodgkin's disease: analysis of 280 patients from the French
registry. Societe Francaise de Greffe de Moelle. Bone Marrow Transplant 1997; 20: 21-26.
309. Josting A, Muller H, Borchmann P et al. Dose intensity of chemotherapy in patients with relapsed Hodgkin's
lymphoma. J Clin Oncol 2010; 28: 5074-5080.
310. Goodman KA, Riedel E, Serrano V et al. Long-term effects of high-dose chemotherapy and radiation for relapsed
and refractory Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2008; 26: 5240-5247.
311. Josting A, Nogova L, Franklin J et al. Salvage radiotherapy in patients with relapsed and refractory Hodgkin's
lymphoma: a retrospective analysis from the German Hodgkin Lymphoma Study Group. J Clin Oncol 2005; 23:
1522-1529.
312. Josting A, Rueffer U, Franklin J et al. Prognostic factors and treatment outcome in primary progressive Hodgkin
lymphoma: a report from the German Hodgkin Lymphoma Study Group. Blood 2000; 96: 1280-1286.
313. Wirth A, Corry J, Laidlaw C et al. Salvage radiotherapy for Hodgkin's disease following chemotherapy failure. Int
J Radiat Oncol Biol Phys 1997; 39: 599-607.
314. Campbell B, Wirth A, Milner A et al. Long-term follow-up of salvage radiotherapy in Hodgkin's lymphoma after
chemotherapy failure. Int J Radiat Oncol Biol Phys 2005; 63: 1538-1545.
88
LINEE GUIDA LINFOMI
315. Andre M, Henry-Amar M, Pico JL et al. Comparison of high-dose therapy and autologous stem-cell
transplantation with conventional therapy for Hodgkin's disease induction failure: a case-control study. Societe
Francaise de Greffe de Moelle. J Clin Oncol 1999; 17: 222-229.
316. Tarella C, Cuttica A, Vitolo U et al. High-dose sequential chemotherapy and peripheral blood progenitor cell
autografting in patients with refractory and/or recurrent Hodgkin lymphoma: a multicenter study of the
intergruppo Italiano Linfomi showing prolonged disease free survival in patients treated at first recurrence. Cancer
2003; 97: 2748-2759.
317. Smith SD, Moskowitz CH, Dean R et al. Autologous stem cell transplant for early relapsed/refractory Hodgkin
lymphoma: results from two transplant centres. Br J Haematol 2011; 153: 358-363.
318. Castagna L, Bramanti S, Balzarotti M et al. Predictive value of early 18F-fluorodeoxyglucose positron emission
tomography (FDG-PET) during salvage chemotherapy in relapsing/refractory Hodgkin lymphoma (HL) treated
with high-dose chemotherapy. Br J Haematol 2009; 145: 369-372.
319. Moskowitz CH, Yahalom J, Zelenetz AD et al. High-dose chemo-radiotherapy for relapsed or refractory Hodgkin
lymphoma and the significance of pre-transplant functional imaging. Br J Haematol 2010; 148: 890-897.
320. Moskowitz AJ, Yahalom J, Kewalramani T et al. Pretransplantation functional imaging predicts outcome
following autologous stem cell transplantation for relapsed and refractory Hodgkin lymphoma. Blood 2010; 116:
4934-4937.
321. Moskowitz CH, Matasar MJ, Zelenetz AD et al. Normalization of pre-ASCT, FDG-PET imaging with second-line,
non-cross-resistant, chemotherapy programs improves event-free survival in patients with Hodgkin lymphoma.
Blood 2012; 119: 1665-1670.
322. Smeltzer JP, Cashen AF, Zhang Q et al. Prognostic significance of FDG-PET in relapsed or refractory classical
Hodgkin lymphoma treated with standard salvage chemotherapy and autologous stem cell transplantation. Biol
Blood Marrow Transplant 2011; 17: 1646-1652.
323. Younes A, Gopal AK, Smith SE et al. Results of a Pivotal Phase II Study of Brentuximab Vedotin for Patients
With Relapsed or Refractory Hodgkin's Lymphoma. J Clin Oncol 2012; 30: 2183-2189.
324. Anderson JE, Litzow MR, Appelbaum FR et al. Allogeneic, syngeneic, and autologous marrow transplantation for
Hodgkin's disease: the 21-year Seattle experience. J Clin Oncol 1993; 11: 2342-2350.
325. Gajewski JL, Phillips GL, Sobocinski KA et al. Bone marrow transplants from HLA-identical siblings in advanced
Hodgkin's disease. J Clin Oncol 1996; 14: 572-578.
326. Milpied N, Fielding AK, Pearce RM et al. Allogeneic bone marrow transplant is not better than autologous
transplant for patients with relapsed Hodgkin's disease. European Group for Blood and Bone Marrow
Transplantation. J Clin Oncol 1996; 14: 1291-1296.
327. Akpek G, Ambinder RF, Piantadosi S et al. Long-term results of blood and marrow transplantation for Hodgkin's
lymphoma. J Clin Oncol 2001; 19: 4314-4321.
328. Sureda A, Robinson S, Canals C et al. Reduced-intensity conditioning compared with conventional allogeneic
stem-cell transplantation in relapsed or refractory Hodgkin's lymphoma: an analysis from the Lymphoma Working
Party of the European Group for Blood and Marrow Transplantation. J Clin Oncol 2008; 26: 455-462.
329. Peggs KS, Hunter A, Chopra R et al. Clinical evidence of a graft-versus-Hodgkin's-lymphoma effect after
reduced-intensity allogeneic transplantation. Lancet 2005; 365: 1934-1941.
330. Peggs KS, Sureda A, Qian W et al. Reduced-intensity conditioning for allogeneic haematopoietic stem cell
transplantation in relapsed and refractory Hodgkin lymphoma: impact of alemtuzumab and donor lymphocyte
infusions on long-term outcomes. Br J Haematol 2007; 139: 70-80.
331. Alvarez I, Sureda A, Caballero MD et al. Nonmyeloablative stem cell transplantation is an effective therapy for
refractory or relapsed hodgkin lymphoma: results of a spanish prospective cooperative protocol. Biol Blood
Marrow Transplant 2006; 12: 172-183.
332. Todisco E, Castagna L, Sarina B et al. Reduced-intensity allogeneic transplantation in patients with refractory or
progressive Hodgkin's disease after high-dose chemotherapy and autologous stem cell infusion. Eur J Haematol
2007; 78: 322-329.
333. Robinson SP, Sureda A, Canals C et al. Reduced intensity conditioning allogeneic stem cell transplantation for
Hodgkin's lymphoma: identification of prognostic factors predicting outcome. Haematologica 2009; 94: 230-238.
334. Sarina B, Castagna L, Farina L et al. Allogeneic transplantation improves the overall and progression-free survival
of Hodgkin lymphoma patients relapsing after autologous transplantation: a retrospective study based on the time
of HLA typing and donor availability. Blood 2010; 115: 3671-3677.
335. Sureda A, Canals C, Arranz R et al. Allogeneic stem cell transplantation after reduced intensity conditioning in
patients with relapsed or refractory Hodgkin's lymphoma. Results of the HDR-ALLO study - a prospective clinical
trial by the Grupo Espanol de Linfomas/Trasplante de Medula Osea (GEL/TAMO) and the Lymphoma Working
Party of the European Group for Blood and Marrow Transplantation. Haematologica 2012; 97: 310-317.
336. Dodero A, Crocchiolo R, Patriarca F et al. Pretransplantation [18-F]fluorodeoxyglucose positron emission
tomography scan predicts outcome in patients with recurrent Hodgkin lymphoma or aggressive non-Hodgkin
89
LINEE GUIDA LINFOMI
337.
338.
339.
340.
341.
342.
343.
344.
345.
346.
347.
348.
349.
350.
351.
352.
353.
354.
355.
356.
357.
358.
359.
360.
361.
lymphoma undergoing reduced-intensity conditioning followed by allogeneic stem cell transplantation. Cancer
2010; 116: 5001-5011.
Lambert JR, Bomanji JB, Peggs KS et al. Prognostic role of PET scanning before and after reduced-intensity
allogeneic stem cell transplantation for lymphoma. Blood 2010; 115: 2763-2768.
Peggs KS, Kayani I, Edwards N et al. Donor lymphocyte infusions modulate relapse risk in mixed chimeras and
induce durable salvage in relapsed patients after T-cell-depleted allogeneic transplantation for Hodgkin's
lymphoma. J Clin Oncol 2011; 29: 971-978.
Younes A, Bartlett NL, Leonard JP et al. Brentuximab vedotin (SGN-35) for relapsed CD30-positive lymphomas.
N Engl J Med 2010; 363: 1812-1821.
Hutchings M, Loft A, Hansen M et al. FDG-PET after two cycles of chemotherapy predicts treatment failure and
progression-free survival in Hodgkin lymphoma. Blood 2006; 107: 52-59.
Gallamini A, Hutchings M, Rigacci L et al. Early interim 2-[18F]fluoro-2-deoxy-D-glucose positron emission
tomography is prognostically superior to international prognostic score in advanced-stage Hodgkin's lymphoma: a
report from a joint Italian-Danish study. J Clin Oncol 2007; 25: 3746-3752.
Connors JM. Positron emission tomography in the management of Hodgkin lymphoma. Hematology Am Soc
Hematol Educ Program 2011; 2011: 317-322.
Zinzani PL, Rigacci L, Stefoni V et al. Early interim 18F-FDG PET in Hodgkin's lymphoma: evaluation on 304
patients. Eur J Nucl Med Mol Imaging 2012; 39: 4-12.
Barnes JA, LaCasce AS, Zukotynski K et al. End-of-treatment but not interim PET scan predicts outcome in
nonbulky limited-stage Hodgkin's lymphoma. Ann Oncol 2011; 22: 910-915.
El-Galaly TC, Mylam KJ, Brown P et al. Positron emission tomography/computed tomography surveillance in
patients with Hodgkin lymphoma in first remission has a low positive predictive value and high costs.
Haematologica 2012; 97: 931-936.
Bachanova V, Connors JM. How is Hodgkin lymphoma in pregnancy best treated? ASH evidence-based review
2008. Hematology Am Soc Hematol Educ Program 2008; 33-34.
Greskovich JF, Jr., Macklis RM. Radiation therapy in pregnancy: risk calculation and risk minimization. Semin
Oncol 2000; 27: 633-645.
Lishner M. Cancer in pregnancy. Ann Oncol 2003; 14 Suppl 3: iii31-36.
Cardonick E, Iacobucci A. Use of chemotherapy during human pregnancy. Lancet Oncol 2004; 5: 283-291.
Iriyama N, Horikoshi A, Tanaka T et al. Successful treatment of Hodgkin lymphoma in second trimester of
pregnancy: feasibility of ABVD regimen. Int J Hematol 2011; 94: 104-107.
Sagan D, Semczuk A, Lampka E. Combination chemotherapy for Hodgkin's lymphoma during pregnancy:
favorable outcome for mother and child. J Obstet Gynaecol Res 2010; 36: 882-886.
Biggar RJ, Jaffe ES, Goedert JJ et al. Hodgkin lymphoma and immunodeficiency in persons with HIV/AIDS.
Blood 2006; 108: 3786-3791.
Engels EA, Biggar RJ, Hall HI et al. Cancer risk in people infected with human immunodeficiency virus in the
United States. Int J Cancer 2008; 123: 187-194.
Clifford GM, Rickenbach M, Lise M et al. Hodgkin lymphoma in the Swiss HIV Cohort Study. Blood 2009; 113:
5737-5742.
Tirelli U, Errante D, Dolcetti R et al. Hodgkin's disease and human immunodeficiency virus infection:
clinicopathologic and virologic features of 114 patients from the Italian Cooperative Group on AIDS and Tumors.
J Clin Oncol 1995; 13: 1758-1767.
Carbone A, Gloghini A, Serraino D, Spina M. HIV-associated Hodgkin lymphoma. Curr Opin HIV AIDS 2009; 4:
3-10.
Errante D, Tirelli U, Gastaldi R et al. Combined antineoplastic and antiretroviral therapy for patients with
Hodgkin's disease and human immunodeficiency virus infection. A prospective study of 17 patients. The Italian
Cooperative Group on AIDS and Tumors (GICAT). Cancer 1994; 73: 437-444.
Errante D, Gabarre J, Ridolfo AL et al. Hodgkin's disease in 35 patients with HIV infection: an experience with
epirubicin, bleomycin, vinblastine and prednisone chemotherapy in combination with antiretroviral therapy and
primary use of G-CSF. Ann Oncol 1999; 10: 189-195.
Levine AM, Li P, Cheung T et al. Chemotherapy consisting of doxorubicin, bleomycin, vinblastine, and
dacarbazine with granulocyte-colony-stimulating factor in HIV-infected patients with newly diagnosed Hodgkin's
disease: a prospective, multi-institutional AIDS clinical trials group study (ACTG 149). J Acquir Immune Defic
Syndr 2000; 24: 444-450.
Spina M, Gabarre J, Rossi G et al. Stanford V regimen and concomitant HAART in 59 patients with Hodgkin
disease and HIV infection. Blood 2002; 100: 1984-1988.
Hartmann P, Rehwald U, Salzberger B et al. BEACOPP therapeutic regimen for patients with Hodgkin's disease
and HIV infection. Ann Oncol 2003; 14: 1562-1569.
90
LINEE GUIDA LINFOMI
362. Xicoy B, Ribera JM, Miralles P et al. Results of treatment with doxorubicin, bleomycin, vinblastine and
dacarbazine and highly active antiretroviral therapy in advanced stage, human immunodeficiency virus-related
Hodgkin's lymphoma. Haematologica 2007; 92: 191-198.
363. Spina M, Rossi G, Antinori A et al. VEBEP regimen and highly active antiretroviral therapy (HAART) in patients
(PTS) with HD and HIV infection (HD-HIV). Annals of Oncology 2008; 19: 152-152.
364. Vaccher E, Spina M, Talamini R et al. Improvement of systemic human immunodeficiency virus-related nonHodgkin lymphoma outcome in the era of highly active antiretroviral therapy. Clin Infect Dis 2003; 37: 15561564.
365. Kaplan LD, Straus DJ, Testa MA et al. Low-dose compared with standard-dose m-BACOD chemotherapy for
non-Hodgkin's lymphoma associated with human immunodeficiency virus infection. National Institute of Allergy
and Infectious Diseases AIDS Clinical Trials Group. N Engl J Med 1997; 336: 1641-1648.
366. Mounier N, Spina M, Gabarre J et al. AIDS-related non-Hodgkin lymphoma: final analysis of 485 patients treated
with risk-adapted intensive chemotherapy. Blood 2006; 107: 3832-3840.
367. Spina M, Jaeger U, Sparano JA et al. Rituximab plus infusional cyclophosphamide, doxorubicin, and etoposide in
HIV-associated non-Hodgkin lymphoma: pooled results from 3 phase 2 trials. Blood 2005; 105: 1891-1897.
368. Kaplan LD, Lee JY, Ambinder RF et al. Rituximab does not improve clinical outcome in a randomized phase 3
trial of CHOP with or without rituximab in patients with HIV-associated non-Hodgkin lymphoma: AIDSMalignancies Consortium Trial 010. Blood 2005; 106: 1538-1543.
369. Boue F, Gabarre J, Gisselbrecht C et al. Phase II trial of CHOP plus rituximab in patients with HIV-associated
non-Hodgkin's lymphoma. J Clin Oncol 2006; 24: 4123-4128.
370. Ribera JM, Oriol A, Morgades M et al. Safety and efficacy of cyclophosphamide, adriamycin, vincristine,
prednisone and rituximab in patients with human immunodeficiency virus-associated diffuse large B-cell
lymphoma: results of a phase II trial. Br J Haematol 2008; 140: 411-419.
371. Levine A, Lee J, Kaplan L et al. Efficacy and toxicity of concurrent rituximab plus infusional EPOCH in HIVassociated lymphoma: AIDS Malignancy Consortium Trial 034. J Clin Oncol 2008; 26(15S): 460s, abs. 8527.
372. Lim ST, Karim R, Nathwani BN et al. AIDS-related Burkitt's lymphoma versus diffuse large-cell lymphoma in the
pre-highly active antiretroviral therapy (HAART) and HAART eras: significant differences in survival with
standard chemotherapy. J Clin Oncol 2005; 23: 4430-4438.
373. Spina M, Simonelli C, Talamini R, Tirelli U. Patients with HIV with Burkitt's lymphoma have a worse outcome
than those with diffuse large-cell lymphoma also in the highly active antiretroviral therapy era. J Clin Oncol 2005;
23: 8132-8133; author reply 8133-8134.
374. Wang ES, Straus DJ, Teruya-Feldstein J et al. Intensive chemotherapy with cyclophosphamide, doxorubicin, highdose methotrexate/ifosfamide, etoposide, and high-dose cytarabine (CODOX-M/IVAC) for human
immunodeficiency virus-associated Burkitt lymphoma. Cancer 2003; 98: 1196-1205.
375. Oriol A, Ribera JM, Bergua J et al. High-dose chemotherapy and immunotherapy in adult Burkitt lymphoma:
comparison of results in human immunodeficiency virus-infected and noninfected patients. Cancer 2008; 113:
117-125.
376. Re A, Cattaneo C, Michieli M et al. High-dose therapy and autologous peripheral-blood stem-cell transplantation
as salvage treatment for HIV-associated lymphoma in patients receiving highly active antiretroviral therapy. J Clin
Oncol 2003; 21: 4423-4427.
377. Balsalobre P, Diez-Martin JL, Re A et al. Autologous stem-cell transplantation in patients with HIV-related
lymphoma. J Clin Oncol 2009; 27: 2192-2198.
378. Diez-Martin JL, Balsalobre P, Re A et al. Comparable survival between HIV+ and HIV- non-Hodgkin and
Hodgkin lymphoma patients undergoing autologous peripheral blood stem cell transplantation. Blood 2009; 113:
6011-6014.
379. Re A, Michieli M, Casari S et al. High-dose therapy and autologous peripheral blood stem cell transplantation as
salvage treatment for AIDS-related lymphoma: long-term results of the Italian Cooperative Group on AIDS and
Tumors (GICAT) study with analysis of prognostic factors. Blood 2009; 114: 1306-1313.
91
Allegato: Tabelle GRADE evidence profile
LINEE GUIDA LINFOMI
Author(s): MC MM
Date: 2012-06-18
Question: Nei pazienti affetti da linfoma follicolare è raccomandabile la somministrazione di una terapia di mantenimento?
Bibliography: Vidal L, J Natl Cancer Inst 2009;101: 248 – 255; Martinelli G, J Clin Oncol(2010), 28:4480-4484; Salles G, Lancet (2010); 377:42–51
Valutazione della qualità
Numero di pazienti
Effetto
Qualità
Numero di
studi
Disegno
Terapia di
mantenimento
Assenza di terapia di
mantenimento
Relativo
(95% CI)
Nessuna
73/492
(14.8%)
121/492
(24.6%)
HR 0.60
(0.45 a
0.79)
90 in meno per 1000
⊕⊕⊕Ο
(da 46 in meno a 127
CRITICA
MODERATA
in meno)
5
Nessuna
23/73
(31.5%)
36/78
(46.2%)
HR 0.63
(0.37 a
1.06)
139 in meno per 1000
⊕⊕⊕Ο
(da 257 in meno a 20
CRITICA
MODERATA
in più)
6
26/505
(5.1%)
30/513
(5.8%)
HR 0.87
(0.51 a
1.47)
7 in meno per 1000 (da
⊕⊕⊕Ο
CRITICA
28 in meno a 26 in più) MODERATA
104/227
(45.8%)
197/227
(86.8%)
HR 0.53
(0.42 a
0.66)
210 in meno per 1000
⊕⊕⊕Ο
(da 131 in meno a 295
CRITICA
MODERATA
in meno)
135/505
(26.7%)
221/513
(43.1%)
HR 0.55
(0.44 a
0.68)
164 in meno per 1000
(da 112 in meno a 211
in meno)
20/320
(6.3%)
7/327
(2.1%)
RR 2.90
(1.24 a
6.76)
41 in più per 1000 (da
⊕⊕⊕Ο
CRITICA
5 in più a 123 in più) MODERATA
Risk of bias Inconsistency Indirectness Imprecision
Altre
considerazioni
Importanza
Assoluto
Overall survival (Vidal)
6
Studi clinici
randomizzati
1,2
Importante
Non
3
importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Importante
Non
importante
Non
importante
Importante
Nessuna
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Nessuna
4
Overall survival (Martinelli) (follow-up mediana 3 anni)
1
Studi clinici
randomizzati
Non
importante
Non
importante
Overall survival (Salles) (follow-up mediana 36 mesi)
1
Studi clinici
randomizzati
Non
importante
Progression-free survival (Vidal)
3
Studi clinici
randomizzati
1,2
Importante
4
Progression-free survival (Salles) (follow-up mediana 36 mesi; valutato con: NCI Sponsored International Working Group)
1
Studi clinici
randomizzati
Non
7
importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Nessuna
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Nessuna
⊕⊕⊕⊕
ALTA
CRITICA
Infezioni di grado III/IV (Vidal)
3
Studi clinici
randomizzati
2
Importante
4
93
LINEE GUIDA LINFOMI
Valutazione della qualità
Numero di
studi
Disegno
Numero di pazienti
Risk of bias Inconsistency Indirectness Imprecision
Altre
considerazioni
Terapia di
mantenimento
Assenza di terapia di
mantenimento
Effetto
Relativo
(95% CI)
Assoluto
Qualità
Importanza
8
Infezioni di grado III/IV (Salles) (follow-up mediana 36 mesi; valutato con: Common Terminology Criteria for Adverse Events )
1
Studi clinici
randomizzati
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Nessuna
197/501
(39.3%)
123/508
(24.2%)
RR 1.62
(1.35 a
1.96)
150 in più per 1000
(da 85 in più a 232 in
più)
⊕⊕⊕⊕
ALTA
CRITICA
Non
importante
Non
importante
Nessuna
18/501
(3.6%)
5/508
(0.98%)
RR 3.6
(1.35 a
9.58)
26 in più per 1000 (da
3 in più a 84 in più)
⊕⊕⊕⊕
ALTA
CRITICA
Neutropenia (Salles) (follow-up mediana 36 mesi)
1
Studi clinici
randomizzati
Non
importante
Non
importante
1
La generazione della lista di randomizzazione è stata considerata adeguata in due studi (Forstpointner 2006; Hainsworth 2005). Per gli altri studi non sono stati descritti i metodi utilizzati per la generazione
delle liste di allocazione e quindi sono stati considerati di moderata qualità. La gestione delle liste di allocazione è stata considerata adeguata in tre studi (Forstpointner 2006;Hainsworth 2005;Ghielmini 2004)
negli altri non è stata descritta. Nessuno dei trials era in cieco (blinding of outcome assessors). L’analisi Intention-to-treat (dove tutti I pazienti randomizzati sono inclusi nella valutazione dell’outcome primario) è
stata eseguita in due studi (Hainsworth 2005; van Oers 2006).Il tasso di dropouts era meno del 10% in quattro studi (Forstpointner 2006; Ghielmini 2004; Hainsworth 2005; van Oers 2006). Quattro studi sono
stati pubblicati in riviste peer-reviewed come full text e uno come abstract (Hochster 2005; Hochster 2007). Tutti gli studi tranne uno (Hochster 2005; Hochster 2007) riportano l’approvazione da parte del
comitato etico ed il consenso informato ottenuto e firmato dai pazienti. Gli autori di uno studio (Hainsworth 2005) dichiaravano un conflitto di interesse. Alcuni studi hanno ricevuto co-finanziamenti dall’industria
farmaceutica (Ghielmini 2004; Hainsworth 2005; van Oers 2006).
2
Tre studi, come pianificato in fase di disegno di studio, sono stati interrotti precocemente per beneficio. L’interruzione precoce degli studi potrebbe esporre al rischio di non rilevare alcuni effetti collaterali
3
Hainsworth 2005 prevedeva la somministrazione di rituximab in entrambi I bracci ma con differenti strategie di somministrazione.
4
Il funnel plot non suggerisce la presenza di publication bias.
5
L’intervallo di confidenza al 95% include il non effetto e il limite inferiore dell’intervallo supera la differenza clinicamente importante (MID)
6
L’intervallo di confidenza al 95% include il non effetto e sia il limite inferiore sia il limite superiore dell’intervallo superano la differenza clinicamente importante (MID)
7
I valutatori degli outcomes non erano in cieco rispetto al trattamento assunto dal paziente
8
Sono state considerate anche infezioni di grado II
94
LINEE GUIDA LINFOMI
Author(s): MC
Date: 2012-06-26
Question: Nei pazienti affetti da linfoma di Hodgkin è raccomandabile la terapia con ABVD vs BEACOPP?
Bibliography: Bauer K (2011) Cochrane review ; Behringer K, Annals of Oncology (2012); doi:10.1093/annonc/mdr575; Scholz M, Annals of Oncology (2011);22: 681–688
Valutazione della qualità
Numero di
studi
Disegno
Numero di pazienti
Risk of bias Inconsistency Indirectness Imprecision
Altre
BEACOPP ABVD
considerazioni
Effetto
Relativo
(95% CI)
Qualità
Importanza
⊕⊕ΟΟ
BASSA
CRITICA
Assoluto
Overall survival
4
Studi clinici
randomizzati
1
Importante
Non
importante
Non
importante
importante
Nessuna
72/1323
(5.4%)
Non
importante
Non
importante
Non
3
importante
Nessuna
152/1323 286/1260 HR 0.53 (0.44 a 99 in meno per 1000 (da 75 in
⊕⊕⊕Ο
(11.5%) (22.7%)
0.64)
meno a 120 in meno)
MODERATA
668/719
(92.9%)
2
91/1260 HR 0.80 (0.59 a 14 in meno per 1000 (da 29 in
(7.2%)
1.09)
meno a 6 in più)
Progression free survival
4
Studi clinici
randomizzati
1
Importante
CRITICA
Tasso di risposta oggettiva (valutato con : Tasso di risposta completa)
3
Studi clinici
randomizzati
Importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Nessuna
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Molto
5
importante
reporting bias
4
437/526 RR 1.11 (1.06 a 91 in più per 1000 (da 50 in
(83.1%)
1.16)
più a 133 in più)
⊕⊕⊕Ο
IMPORTANTE
MODERATA
Morti correlate al farmaco
1
Studi clinici
randomizzati
6
2/98
(2%)
0/99
(0%)
RR 5.05 (0.25 a
103.87)
-
-
-
-
-
⊕ΟΟΟ
MOLTO
BASSA
CRITICA
Cardiotossicità
Nessuna
evidenza
disponibile
Infezioni di grado III-IV
0
3
Studi clinici
randomizzati
Nessuna
7
Importante
8
Importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Importante
175/1369 38/1178 RR 3.67 (2.57 a 86 in più per 1000 (da 51 in
(12.8%)
(3.2%)
5.24)
più a 137 in più)
Nessuna
CRITICA
⊕⊕ΟΟ
BASSA
CRITICA
⊕⊕ΟΟ
BASSA
IMPORTANTE
Fertilità (Bauer) (valutata con: amenorrea secondaria)
1
Studi clinici
randomizzati
Non
importante
Non
importante
9
reporting bias
95
10
38/74
(51.4%)
12/32 RR 1.37 (0.38 a 139 in più per 1000 (da 233 in
(37.5%)
2.26)
meno a 472 in più)
LINEE GUIDA LINFOMI
Valutazione della qualità
Numero di pazienti
Effetto
Qualità
Numero di
Disegno
Risk of bias Inconsistency Indirectness Imprecision
studi
Fertilità (Behringer) (valutata con: gravidanze dopo terapie)
1
Studi clinici
randomizzati
11
Importante
Non
importante
Non
importante
Non
importante
Altre
BEACOPP ABVD
considerazioni
Relativo
(95% CI)
Importanza
Assoluto
Nessuna
32/126
(25.4%)
20/137 RR 1.67 (1.01 a 98 in più per 1000 (da 1 in più
⊕⊕⊕Ο
IMPORTANTE
(14.6%)
2.75)
a 255 in più)
MODERATA
Nessuna
45/1369
(3.3%)
35/1178 RR 0.95 (0.61 a 1 in meno per 1000 (da 12 in
(3%)
1.48)
meno a 14 in più)
Tumori secondari
3
Studi clinici
randomizzati
4
Importante
Non
importante
12
Importante
13
Importante
1
⊕ΟΟΟ
MOLTO
BASSA
IMPORTANTE
Due studi sono in full text, gli altri due sono abstract.
La mediana di follow-up varia da studio a studio. Follow-ups più lunghi e l’inclusione dello studio EORTC 20012 trial avrebbero comportato una più precisa stima dell’effetto. Questa incertezza causa un
abbassamento della qualità.
3
La definizione di Progression of disease risulta essere diversa per studio. Queste diverse definizioni comportano una stima imprecisa dell’effetto e quindi un abbassamento della qualità.
4
Solo uno studio è pubblicato in full-text
5
Uno dei quattro studi riporta I risultati relativi alla mortalità correlata al trattamento. L’inclusione di ulteriori studi avrebbe comportato una più precisa stima dell’effetto. Questa incertezza causa un
abbassamento della qualità.
6
Uno dei quattro studi riporta I risultati relativi alla mortalità correlata al trattamento. Si sospetta che anche gli altri studi abbiano valutato questo evento avverso ma abbiano deciso di non riportare il dato.
7
Tre studi sono stati inclusi. Due di questi sono in full text mentre il più grande è un abstract.
8
2
Eterogeneità: I =80%
9
Solo 106 pazienti dello studio HD9 sono stati analizzati per l’infertilità. L’inclusione di ulteriori studi avrebbe comportato una più precisa stima dell’effetto. Questa incertezza causa un abbassamento della
qualità.
10
Si sospetta che anche gli altri studi abbiano valutato questo evento avverso ma abbiano deciso di non riportare il dato.
11
Viene effettuata solo l’analisi per-protocol.
12
Solo due dei quattro studi riportano i dati relativi ai tumori secondari. Inoltre, dato che la maggior parte degli studi aveva un follow-up mediano inferiore ai 10 anni, non ci si può attendere dati a lungo termine
sui tumori secondari
13
L’inclusione di ulteriori studi e I risultati di follow-ups più lunghi avrebbero comportato una più precisa stima dell’effetto. Questa incertezza causa un abbassamento della qualità.
2
96
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard