caricato da Utente2530

Coop Learning ridotto

annuncio pubblicitario
L’apprendimento
cooperativo
Interdipendenza positiva
Interdipendenza positiva è il termine che si riferisce all’attitudine a
pensare il gruppo come una squadra in cui il destino di ogni membro
è interconnesso e il successo di uno è legato al successo degli altri;
significa che tutti partecipanti beneficiano dei risultati degli altri
AC come metodologia per l’inclusione
•
fornisce una risposta concreta e specifica
•
è uno strumento flessibile che permette di perseguire più obiettivi
•
promuove l’apprendimento dei contenuti, della convivenza, della
prosocialità
•
stimola diverse intelligenze e diversi stili di apprendimento
Fasi importanti
•
La formazione dei gruppi
• casuali
• omogenei
• eterogenei
•
per livello di
apprendimento,
attitudine, interessi,
provenienza, stili
cognitivo
l’appartenenza ad un gruppo produce
sempre qualche forma di identificazione
è auspicabile utilizzare categorie
connesse con le funzioni richieste per lo
svolgimento del compito
è preferibile usare categorie connesse
con le funzioni necessarie allo
svolgimento del compito
Distribuzione dei ruoli
gestore del tempo
• gestore dei turni di parola
• gestore del compito
• gestore dei materiali
• l’amico critico
•
La gestione dei materiali
Il materiale è una variabile fondamentale
per innescare l’interdipendenza positiva,
bisogna scegliere in base al tipo di gruppo
e al tipo di compito:
• fornire tutto a tutti
• distribuire il materiale a coppie
• distribuire una parte comune a tutti e
una parte solo ai singoli
• distribuire in base al compito
Il mandato/compito
•
•
•
•
•
è l’avvio per percorso di insegnamento/
apprendimento
deve essere chiaro e collegato agli
obiettivi indicati al sistema di valutazione
richiede attenzione comunicativa, alcune
parole suscitano determinate reazioni
richiedere il feedback di comprensione
utilizzare strumenti visivi per presentare
il compito
Jigsaw:
1. Si suddividono gli studenti in gruppi di base di 4/5 componenti. Verrà distribuita al gruppo
una copia del materiale completo e suddiviso in parti, denominando le singole parti con un
numero (uguale al numero degli studenti).
2. Gli allievi possono scegliere uno dei testi (l’insegnante può consegnarli personalmente)
3. Gli studenti singolarmente analizzano la parte di testo assegnata (elaborano).
4. Si formano i gruppi degli esperti composti dai membri che devono esaminare il medesimo
testo al fine di approfondire il lavoro di analisi.
5. Ogni allievo ritorna al gruppo di base con l’obiettivo di far comprendere il proprio
argomento ai compagni.
6. Al termine il gruppo di base può compilare una mappa semantica e rispondere alle domande
di verifica poste dall’insegnante. È possibile prevedere anche una prova individuale
Group investigation
A. Fase I organizzare una ricerca
A. Partire dagli interrogativi che suscitano interesse
B. Pianificare le attività da svolgere
C. Ricerca delle fonti e dei materiali
B. Fase II l’interazione
A. interagire, scambiare il materiale e le opinioni, avviare nel gruppo il confronto sulle tematiche
scoperte
C. Fase III: interpretazione
A. Attività di comprensione e di interpretazione del materiale.
B. Ricercare le risposte alle domande iniziali
C. Elaborare modelli interpretativi
D. Fase IV: Esposizione
A. Preparazione della presentazione
B. presentazione dei risultati della ricerca e del processo realizzato
La controversia
FASI DELLA CONTROVERSIA
1. Assegnazione del compito da svolgere a ciascuna coppia: l'insegnante affida alle coppie
all'interno di ogni gruppo una posizione, che dovrà essere sviluppata e sostenuta grazie alla
raccolta ed elaborazione di informazioni trovate in materiali appositamente predisposti o resi
disponibili. L'obiettivo è costruire una argomentazione persuasiva a favore della posizione da
sostenere che entrambi i membri della coppia potranno presentare.
2. Le coppie presentano le rispettive argomentazioni: a turno ciascuna delle coppie presenta la
propria argomentazione. L'altra coppia ascolta, prende appunti e chiede chiarimenti.
3. Le coppie discutono per sostenere le rispettive posizioni, individuando punti deboli delle
argomentazioni, chiedendo altre informazioni, difendendo la propria posizione.
4. Le coppie si scambiano le posizioni e cercano nuovi spunti per le argomentazioni, con lo scopo
di approfondire l'argomento dalla nuova opposta prospettiva.
5. Le coppie abbandonano la difesa delle posizioni e cercano una nuova posizione attraverso il
consenso. Dopo avere ulteriormente discusso le nuove informazioni, in questa fase il gruppo di 4
ha l'obiettivo di sviluppare una posizione complessiva che tenga conto di tutte le informazioni
precedentemente raccolte e discusse. Su tale posizione il gruppo dovrà essere completamente
d'accordo. Le coppie stendono una relazione sulla discussione svolta.
Schede di lavoro
Il sociogramma
Bibliografia
- M. Comoglio, M.A. Cardoso, Insegnare e apprendere in gruppo. Il Cooperative Learning. LAS Roma 1996
- M. Comoglio, Educare insegnando. Apprendere ad applicare il Cooperative Learning. LAS Roma 1998
- D. Johnson, R. Johnson e E. Holubec, Apprendimento cooperativo in classe. Erickson Trento 1996
- Y. Sharan e S. Sharan, Gli alunni fanno ricerca. L'apprendimento in gruppi cooperativi. Erickson Trento 1998
- E. Cohen, Organizzare i gruppi cooperativi. Erickson Trento 1999
- S. Kagan, Apprendimento cooperativo. L'approccio strutturale. Edizioni Lavoro Roma 2000
- A. La Prova, Apprendimento cooperativo in pratica. Erickson, Trento, 2015
Scarica
Random flashcards
blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard