RÉMI BRAGUE «Il Cristianesimo per sua natura è laico»

annuncio pubblicitario
36
MARTEDÌ 29 GENNAIO 2008
L’ECO DI BERGAMO
➔ Cultura
❈ La fede cerca, la ragione trova. E di nuovo la
ragione torna a cercare Colui che ha trovato.
Sant’Agostino
RÉMI BRAGUE
«Il Cristianesimo
per sua natura è laico»
Entrando nella storia, ha fatto fare un passo indietro alle religioni
Il Papa oggi sta difendendo la ragione: in tutte le sue dimensioni
émi Brague, specialista di to» all’interno di culture anche molto diverfilosofia medievale araba se fra loro.
ed ebraica, di Maimonide
«Ciò che voglio dire è che non esiste
e di San Bernardo ma an- una rivendicazione cristiana di tutte le
che di Aristotele e di Hei- dimensioni della cultura. Altre religiodegger, insegna alla Sorbo- ni hanno la pretesa di rispondere a ogni
na di Parigi e alla Ludwig possibile domanda umana. È del tutto
Maximilian Universität di Monaco: sie- chiaro che questo desiderio non potrebde cioè sulla cattedra che fu di Roma- be mai venir soddisfatto completamenno Guardini. Assieme ad Alain Finkielk- te, ma in via di principio un ebreo, un
raut oggi è uno dei grandi intellettuali musulmano potrebbe sapere quello che
con i quali la Francia sta tornando a sfi- deve fare in ogni circostanza della vidare la pigra cultura europea, e anche se ta. Non è possibile, ad esempio, parlastessa. Ospite del Centro
re di una "cucina cristiana"
culturale di Milano, stasera
né di una "medicina cristia(ore 20.45) parlerà sul tema
na", mentre esiste una "cuPer il docente
«Le diverse culture e il cricina ebraica" e anche una
della Sorbona,
stianesimo: una convivenmedicina profetica dell’Iche stasera sarà slam, che riprende affermaza nuova». Terrà la sua lezione a Palazzo Marino, il
a Milano, la fede zioni di Maometto su diversimbolo stesso del potere cisi problemi che riguardano
è «una ventata
vico: alle sue spalle, un po’
l’igiene, la salute, il trattadistante sopra i tetti, spunmento di determinate madi ottimismo»
ta la sagoma della Madonlattie. Questo è il sintomo di
viva nei secoli
nina dorata del Duomo.
un atteggiamento più geneBrague, però, è uomo derale. Con Paolo, e prima anstinato a confondere le topografie trop- cora con Gesù stesso il Cristianesimo ha
po scontate: è uno studioso che quando avuto inizio facendo un passo indietro:
affronta parole logore come «laicità» o grazie a questo gesto si apre un ambito
«ideologia» o «fondamentalismo» co- in cui il "sacro" non c’entra più. Non esistringe a osservarle in maniera nuova, ste una regola, non esiste nessun "libretscoprendole magari dove non ci si aspet- to di manutenzione" del Cristianesimo.
terebbe di trovarle. E induce a guarda- Questo non vuol dire che non ci sia
re anche il cristianesimo in modo tutt’al- un’attenzione alla dimensione della legtro che abituale. Non ha avuto paura di ge: Gesù non propone un’assenza di nordefinire l’Europa di oggi come «uno me, dice anzi che la legge è buona, è nezombie, che non sa di esser morto e con- cessaria. Ma la sua applicazione storica
tinua a respirare e camminare per abitu- deve continuamente essere trovata daldine», o di dire che la tolleranza ormai l’uomo. Dio ci dà gli strumenti per scoè diventata «un ideale veramente infi- prirla, ci dà il cibo di cui abbiamo bimo». A chi gli chiede come andrebbero sogno: noi però dobbiamo ogni volta degestiti i problematici rapporcidere come va cucinato».
ti fra Stato e Chiesa dopo la
Sta dicendo che, rispetto alloro separazione «moderl’impasto primitivo di religio«Il Dio di Gesù
na», fa notare che Papa e Imne e politica delle altre fedi il
non propone
peratore erano già due poli
Cristianesimo è per sua natumolto ben distinti nel mera un fenomeno laico?
innanzitutto
dioevo, e che questo non è
«Ha offerto a tutta la culnorme: ci dà
certamente avvenuto per catura umana la chance di sviil cibo di cui
so. Anzi, Brague dice che
lupparsi senza dover rispetforse avremmo qualcosa da abbiamo bisogno, tare a ogni passo regole di tiimparare dall’idea secondo
po religioso. È dunque in
non ricette»
cui i due supremi poteri si
qualche modo già un prodevono spartire bene i comcesso di secolarizzazione.
piti: il primo deve occuparsi, in modo La secolarizzazione a cui stiamo assimolto concreto, della «salvezza delle ani- stendo non è qualcosa che si svolge conme», il secondo di «fare il meglio possi- tro il Cristianesimo, ma è una dimensiobile il suo mestiere: far regnare la pace». ne che esiste al suo stesso interno».
Per Brague il Cristianesimo è qualcoLei, sia dopo Ratisbona sia dopo il mansa non di dottrinario ma di vivo in azio- cato discorso alla Sapienza, ha difeso il Pane nella storia, è «una ventata di ottimi- pa contro le fiammate di intolleranza musmo», carica di promesse soprattutto per sulmana e laicista. Benedetto XVI, in enil futuro: «Forse - dice -, noi siamo so- trambi i casi, più che il «primato di Pietro»
lo all’inizio del Cristianesimo».
è sembrato preoccupato di riaffermare il priProfessore, lei sostiene che «l’Europa è mato della ragione, in tutte le sue dimensiostata costruita da gente il cui scopo non era ni...
affatto quello di costruire una "civiltà cri«Precisamente: in tutte le sue dimenstiana"», che questa è stata solo «un effetto sioni, non soltanto quelle di una ragiocollaterale che la fede in Cristo ha prodot- ne sperimentale utile nella costituzione
R
Jacques-Louis David, «La consacrazione di Napoleone»
di una scienza come la fisica matema- certi nostri politici e intellettuali si comtica. Il sapere scientifico è un processo portano come se avessero da portare la
di continua approssimazione e di corre- luce della concezione francese dei rapzione, l’ideologia scientista invece og- porti fra Stato e Chiesa a un "resto del
gi presume il possesso di una verità as- mondo" che rimane ancora immerso nelsoluta e indubitabile. E immagina che la le tenebre».
scienza sia l’unica via di accesso. Ma
Lei ha contestato piuttosto duramente l’iquesta non è più un’affermazione scien- dea che i cattolici debbano impegnarsi a «ditifica: è cattiva filosofia».
fendere i valori cristiani». Dicendo che, se
Il suo presidente, Nicolas Sarkozy, par- vanno difesi, significa che sono deboli.
lando prima di Natale in Laterano a Roma
«Ciò che non viene capito di questo
ha scandalizzato i benpensanti laici di mez- discorso sui valori, è che è del tutto inuza Europa, e ha sorpreso un po’ tutti. Ha det- tile. Domenica sono andato a Messa, era
to che la Francia «ha bisogno di cattolici con- la giornata della Sacra famiglia, e ho senvinti, che non temano di affermare ciò che tito un prete parlare del bene che rappresono e ciò in cui credono». Ha
senta il fatto di crescere in
invocato «l’avvento di una laiuna famiglia unita. Ha usacità positiva» capace di ricoto almeno 3 o 4 volte l’e«Sbaglia chi
noscere lealmente la storia crispressione "valori": una padifende sempre
stiana dell’Europa e al tempo
rola francamente superflua.
stesso di continuare a difendeChiunque capisce benissii "valori
re uno spazio pubblico «neumo che è meglio venire tiracristiani":
trale» per chi non crede in nesti su da genitori che si voultimamente,
sun Dio.
gliono bene, assieme ai propri fratelli, in un’atmosfera
«L’aspetto interessante di
quella è un’idea
d’amore. È una cosa del tutquel discorso è che la fa fiche divide»
to naturale. E allora perché
nita, finalmente, con una
chiamare questo, che è un
bugia molto diffusa secondo la quale lo Stato francese non sapreb- bene oggettivo, "valore cristiano"? Non
be neppure che cos’è cristianesimo. Que- ci si rende conto che la metafisica che
sto è stato a lungo l’atteggiamento pre- presuppone l’uso di tale espressione è
giudiziale di una certa élite. L’atteggia- una metafisica soggettivistica: il soggetmento reale, invece, fra cattolici e lai- to "A" avrà i valori "A", il soggetto "B"
ci, è di collaborazione. Ciò che ha det- avrà i suoi valori "B", e ciascuno di loto Sarkozy mi pare dunque soprattutto ro potrà dire: "Non ci intendiamo, abbiala conferma, il riconoscimento di qual- mo valori diversi". Ultimamente, quelcosa che già c’è. Dopo un discorso del la dei "valori" è un’idea che divide. Mengenere è più difficile adottare un’inter- tre il Cristianesimo ha questa particopretazione laicista della laicità, che in larità, che i beni che propone sono quelquesti anni sembrava diventata il conte- li che ricercano tutti gli uomini. Nel Crinuto di una specie di "missione civiliz- stianesimo non vi è nulla che sarebbe
zatrice" che la Francia si è data. Ad esem- buono esclusivamente per i cristiani».
pio, alla Comunità europea di Bruxelles
Carlo Dignola
Platone va a teatro: letture al Donizetti
Relatrice la grecista Bianca Maria Mariano, in scena gli attori Lisa Ferrari e Carlo Villa
n grande logico inglese,
Alfred North Whitehead, affermava che
l’intero corso della filosofia occidentale si ridurrebbe a «delle note
di commento a Platone»: non certo nel senso che tutti i pensatori successivi avrebbero sottoscritto
il suo insegnamento, ma piuttosto perché nei dialoghi platonici – dalla giovanile Apologia di Socrate al tardo Le
leggi – verrebbero definite le questioni
fondamentali su cui poi, per due millenni e mezzo, avrebbe insistito la riflessione filosofica dell’Occidente. Basterebbe
questo a spiegare il fascino e l’importanza di un’iniziativa compresa nella stagione 2007-2008 del Teatro Donizetti e presentata ieri mattina in conferenza stampa: un ciclo di incontri ad ingresso libero (in programma il 6, il 14, il 28 febbraio e il 3 marzo all’Auditorium di piazza della Libertà, con inizio alle 21) intitolato «Pensiero e immagine: i miti di
U
Platone come testo poetico. Prove di let- sati per un pubblico non necessariamentura».
te fresco di studi filosofici ma desideroRelatrice di questi incontri sarà la gre- so di confrontarsi con alcune idee e temi
cista Bianca Maria Mariano (già autrice fondamentali della nostra cultura». «Abdi bellissime traduzioni dell’Edipo
biamo immaginato degli "spettacoli
re di Sofocle e della Medea di
di lettura" basati su testi di PlaEuripide per gli allestimentone e di altri scrittori greti teatrali di Fabio Sonzoci, come Esiodo e Aristogni), mentre le letture –
fane – ha aggiunto Bianaccompagnate dalle
ca Maria Mariano –,
musiche di Bach e
senza attenerci a un
dalle diapositive di
approccio strettamennote opere d’arte – sate filosofico: questo
ranno svolte dagli atperché, oltre che filotori del Pandemosofo, Platone è un
nium Teatro, Lisa Fergrande inventore di
rari e Carlo Villa. «Rimiti. Egli ricorre al mitengo che tra i compiti di
to e al simbolo per inun teatro civico rientri
dagare quelle realtà
Bianca Maria Mariano
quello di offrire al pubblico
(come l’anima umana)
delle occasioni per riflettere –
che non si lasciano deha detto ieri l’assessore alla Cultura del finire adeguatamente mediante concetComune di Bergamo Enrico Fusi –: que- ti». Da parte sua, l’attrice Lisa Ferrari si è
sti incontri sui miti di Platone, anche nel- detta «entusiasta» del progetto di una trala loro collocazione oraria, sono stati pen- sposizione multimediale – per così dire
– dei miti di Platone: «Credo che la lettura pubblica di questi scritti, a voce alta,
sia cosa diversa da una lettura silenziosa, condotta in privato – ha spiegato –: la
voce, qui, non ha solo lo scopo di esaltare il valore letterario della pagina platonica, ma di rivelarne ulteriori aspetti,
coinvolgendo il pubblico nella sua interpretazione». Nel ciclo «Pensiero e immagine» saranno dunque trattati alcuni tra
i più celebri miti di Platone: quelli focalizzati sul ruolo della poesia e sull’invenzione della scrittura (dal dialogo
Fedro), quelli sulla natura e la genealogia di Eros (dal Simposio), quello del Protagora sul valore delle «tecniche» nell’evoluzione del genere umano. Si applica,
a tutti questi mythoi, il motto paradossale espresso da Friedrich Dürrenmatt ne
La guerra invernale del Tibet, un racconto a sua volta ispirato a un celebre mito
platonico, quello della «caverna»: «Senza osare delle finzioni non si può percorrere il cammino della conoscenza».
Giulio Brotti
IIIII IL CORSO DI FILOSOFIA DI «NOESIS»
Hannah Arendt e la speranza
Stasera (ore 20-22), nell’Aula magna del Vittorio Emanuele, continua
il corso di filosofia organizzato dal
professor Giovanbattista Paninforni e da Noesis, libera associazione
per la diffusione e lo studio della cultura filosofica. Marina Maruzzi, del
liceo scientifico di Lovere, parlerà
sul tema «Oltre la tolleranza: dalla sopportazione dell’altro al mutuo
riconoscimento della differenza».
Intanto, nell’ambito di quello che
per Bergamo ormai è un appuntamento fisso con la filosofia, la scorsa settimana è intervenuta la professoressa Laura Boella, docente di Filosofia morale all’Università Statale di Milano. Boella è tra l’altro una
delle maggiori esperte in Italia del
pensiero di Hannah Arendt ed è appunto su questa decisiva figura del
Novecento che si è concentrato l’incontro. La Arendt (1906-75), come è
noto, è la pensatrice tedesca che, dopo l’avvento del nazismo, visse in
Francia e poi dal 1941 negli Stati Uniti, dove la sua riflessione politica sulla storia politica del Novecento la portò a
difendere la democrazia americana e i suoi valori.
Argomento non
scontato, peraltro, la Arendt:
come Boella ammette fin dall’inizio, il tema centrale
del ciclo di conferenze
di Noesis, la speranza, parrebbe poco in linea con un pensiero
nettamente distante da tentazioni
utopistiche, «rivoluzionarie», come
quello della Arendt. La sfida è recuperare un pensiero di speranza tra
le pieghe di una riflessione focalizzata prevalentemente sull’agire politico, una meditazione spesso dolente, quando non apertamente pessimistica, sulla condizione umana.
La domanda è: può una pensatrice
che è passata attraverso le grandi
tribolazioni del secolo scorso, disincantata verso le promesse di redenzione della fede, fredda nei confronti degli afflati utopistici di un Benjamin (di cui pure fu grande amica),
può, dicevamo, lanciare un appello
di speranza, di rinnovamento radicale? Sì, può: «Gli uomini, anche se
devono morire, non sono nati per
morire ma per incominciare».
La citazione è tratta dal quinto capitolo di «Vita activa», uno dei capolavori di Arendt, scritto negli anni Cinquanta, vera summa medita-
tiva sull’agire politico come condizione specifica dell’uomo. Non è una
prosa facile, immediata, andrebbe
letta e riletta. Ma quel che sottolinea
Boella è soprattutto il suo tono paradossale, rispetto all’impianto «laico» del progetto teorico arendtiano:
Arendt parla esplicitamente di «miracolo» dell’azione umana: «L’azione in effetti è l’unica facoltà dell’uomo capace di operare miracoli come Gesù di Nazareth». E non si tratta di un miracolo altisonante, un
Mar Rosso che si spalanca, ma di un
miracolo minimo, appena percettibile, ma a suo modo – e verrebbe
da dire: «evangelicamente» – immenso: quello della nascita. Il nascere è per la Arendt il segno più potente dell’apertura degli uomini al
nuovo, al bene e al bello, un segno
dunque di fede e speranza. «È questa fede e speranza nel mondo che
trova forse la più gloriosa e efficace
espressione nelle poche parole con
cui il vangelo annunciò la "lieta novella" dell’avvento:
"Un bambino è nato fra
noi"». Forse noi oggi,
in un’epoca di
amaro disincanto,
di derive meschine di certe politiche di «palazzo», non riusciamo bene a comprendere la portata dirompente di
queste parole,
scritte da un’eLaura Boella
brea non credente, esule, refrattaria ad ogni etichettatura ideologica.
Queste parole sono il cuore pulsante dell’agire politico, là dove la politica si oppone alla semplice riproduzione dell’esistente, dello status
quo, là dove la politica offre qualcosa in più della «nuda vita», dell’esistenza vegetativa (e consumante) alla quale siamo tristemente consegnati quando non riusciamo a scorgere i segni della speranza.
Agire, dunque, conclude Boella, è
avere il coraggio di stare insieme
nella scena del mondo, uscire allo
scoperto, mettere in gioco la propria vita per sentirne il sapore, la
consistenza, avvertirne il valore di
«eccedenza», quel «di più» che
apre al nuovo. I cieli e la terra nuovi non si aprono grazie a gesta eroiche, ma grazie all’azione genuina
degli uomini e delle donne che si
consegnano a vicenda il senso di
ciò che sono: gli attori di una storia
comune.
Martino Doni
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard