Formato pdf - Progetto Life Arctos

annuncio pubblicitario
www.life-arctos.it
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.02 Pagina 1
LIFE
PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
WWW.LIFE-ARCTOS.IT
Arctos
UN PROGETTO
PER LA TUTELA
DELL’ORSO BRUNO
IN ITALIA
PREVENZIONE
E GESTIONE
DEL FENOMENO
DEGLI ORSI
CONFIDENTI
E/O PROBLEMATICI
© SARA BRAGONZI
Opuscolo realizzato con il contributo finanziario
del progamma LIFE dell’Unione Europea
Arctos
© SANCHEZ & LOPE / WWF-CANON
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.11 Pagina 2
L’orso, nel costante girovagare per il
suo territorio al fine di soddisfare le
proprie esigenze, non di rado arriva a
frequentare casolari e le immediate
vicinanze di centri abitati. La frequentazione delle aree
antropizzate dipende da diversi fattori quali le locali abitudini
alimentari degli orsi, le modalità con cui vengono praticate le
attività agro-silvo-pastorali e l’abbondanza di risorse trofiche
naturali disponibili nell’area. Laddove la frequenza degli episodi
di avvicinamento e/o presenza dell’orso si intensifica,
rappresentando un rischio per la conservazione della specie e
per la sicurezza delle persone o determinando situazioni di
per prevenire ed eventualmente risolvere la problematicità.
La prevenzione e la gestione del fenomeno si inseriscono in una
più complessa strategia di conservazione della popolazione di
orso, dove il contributo genetico e riproduttivo di ogni singolo
individuo ha un ruolo fondamentale, insostituibile e
irrinunciabile, e dove il coinvolgimento delle comunità locali è
imprescindibile per una pacifica convivenza.
© WILD WONDERS OF EUROPE /WIDSTRAND / WWF
conflitto con le attività antropiche, è importante poter intervenire
© HOMOAMBIENS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.11 Pagina 3
La prevenzione del fenomeno
Per scongiurare l’insorgenza di situazioni di problematicità e criticità causate
dagli orsi confidenti/problematici è necessario mettere in atto una strategia
specifica, che preveda una serie di interventi puntuali.
L’insorgenza di comportamenti problematici da
parte degli orsi può anche essere favorita da
comportamenti e pratiche antropiche che
andrebbero sottoposte a specifica disciplina, come le attività che portano cittadini
e turisti a interagire con l’orso per documentarne la presenza. Infine, coinvolgimento, sensibilizzazione ed educazione
per una nuova cultura della convivenza
con il plantigrado devono essere gli obiettivi di un’attenta, puntuale ed accurata
campagna di comunicazione.
© MAURO_BELARDI
© WILD WONDERS OF EUROPE /WIDSTRAND / WWF
Il risanamento del territorio, finalizzato a bloccare l’accesso a potenziali fonti
di cibo di chiara origine umana, come i punti di alimentazione artificiali
allestiti per gli animali domestici (i.e. i carotai), i rifiuti e gli scarti alimentari,
costituisce l’irrinunciabile punto di partenza. Altre risorse appetibili come
frutteti, orti e apiari possono essere protetti attraverso strutture adeguate e di
comprovata efficacia, come le recinzioni elettrificate, in modo da non renderle
più accessibili agli orsi.
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.11 Pagina 4
Strategie di prevenzione
1. Risanamento del territorio
Il primo obiettivo della strategia mirata a prevenire il fenomeno degli orsi confidenti/problematici non può che essere la riduzione dell’accessibilità alle
risorse trofiche di natura antropica, in modo da limitare l’avvio di processi di
condizionamento ed abituazione* attraverso i quali un orso si trasforma in
orso confidente.
Da un punto di vista più operativo ciò si traduce nella definizione delle aree di
azione, e nella successiva individuazione di sotto-zone in relazione alle priorità
di intervento, ossia il censimento delle risorse trofiche, in funzione sia delle
risorse umane e strumentali disponibili, che di casi conclamati di orsi confidenti.
Una volta distinte le zone di prevenzione generica da quelle in cui proporre interventi pro-attivi, si procederà all’inventario e alla mappatura delle aree/strutture
critiche e di quelle a rischio (pollai, stalle etc. e delle relative caratteristiche
strutturali), e alla mappatura delle risorse trofiche di origine naturale ed
antropica presenti.
Per evitare l’insorgenza di fenomeni di abituazione alimentare da parte di
esemplari di orso, si devono rimuovere le risorse trofiche di origine umana,
come nel caso dei carotai per bovini/equini e i rifiuti organici che derivano da
molteplici attività e/o strutture ricettive. Mentre per le altre risorse, quali orti,
apiari e frutteti, vanno attivati degli strumenti di difesa passiva (recinti, cancelli,
etc.), che possano impedire l’accesso all’orso.
Comportamenti, attività e pratiche antropiche che possono contribuire all’insorgenza del fenomeno devono essere individuate e disciplinate da parte delle
Autorità competenti, mediante l’attuazione di provvedimenti amministrativi ad
hoc (i.e. ordinanze comunali) sia per tutelare la pubblica incolumità, disciplinando
il comportamento di cittadini e turisti (i.e. inseguire, avvicinarsi eccessivamente
per documentarne la presenza), sia per garantire la gestione degli animali
domestici nei centri abitati (ricovero obbligatorio nelle ore notturne).
Contestualmente, le amministrazioni competenti dovrebbero adottare le opportune misure (strumenti urbanistici) per eliminare le strutture (non realizzate
a norma di legge) poco protette ed accessibili all’orso, e per adeguare le
strutture adibite ad ospitare gli animali da cortile e i magazzini di mangimi, a
garanzia della sicurezza e funzionalità delle stesse.
© SARA BRAGONZI
2. Definizione di norme comportamentali:
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.12 Pagina 5
3. Comunicazione
Il problema degli orsi confidenti è soprattutto un problema culturale a cui negli
anni non si è riusciti a rispondere adeguatamente, anche in termini di comunicazione. Gli orsi confidenti sono sempre esistiti, proprio perché vivono
all’interno di un territorio che condividono da sempre con l’uomo, come testimoniano le cronache del tempo e i racconti degli anziani. Ciò che è cambiato
negli anni, invece, è la modalità con la quale il fenomeno viene percepito: per
la società prettamente agropastorale dello scorso secolo l’unica preoccupazione
era il danno arrecato alla fonte di reddito (bestiame, apiari, orti, ecc.), mentre
nella complessità della società odierna prevale la strumentalizzazione del fenomeno, rendendone difficile la gestione.
Una corretta informazione dei gruppi sociali e delle categorie economiche principalmente coinvolte dal fenomeno riveste un’importanza fondamentale per
ridurre le situazioni conflittuali legate alla presenza del plantigrado. È necessario
promuovere una nuova conoscenza di ciò che ancor oggi è percepito come un
problema, attraverso un’adeguata, quanto efficace, strategia di comunicazione.
INFORMARE
•
•
•
•
•
© SARA BRAGONZI
•
SULLE TECNICHE E SUI METODI GIÀ SPERIMENTATI CON SUCCESSO
Attivare un canale di informazione tempestivo, chiaro e trasparente tra gli
enti parco, gli amministratori e le comunità locali (per rafforzare la credibilità
degli enti responsabili della gestione degli orsi).
Favorire e promuovere attraverso un percorso partecipato una comunicazione
trasparente delle problematiche e delle criticità, in modo da favorire da
parte dei cittadini l’adozione di comportamenti idonei alla presenza dell’orso
e incentivare la crescita di una nuova cultura della convivenza.
Promuovere e diffondere la conoscenza della specie e delle problematiche
ad essa connesse per incentivare il sostegno e la partecipazione alle
iniziative indirizzate alla conservazione della specie.
Promuovere e diffondere materiale divulgativo sugli aspetti connessi al fenomeno orsi problematici ed alle azioni poste in essere per la riduzione del
conflitto con l’uomo.
Chiara ed efficace attività di divulgazione degli obiettivi, delle strategie e
dei risultati degli interventi di gestione e conservazione per ridurre la percezione dell’orso come specie conflittuale.
Promuovere una tempestiva e corretta informazione circa le strategie di
conservazione (azioni di prevenzione, monitoraggio e controllo) e gestione
dell’orso attraverso i mass media locali e nazionali veicolando informazioni
corrette in modo da limitare eventuali strumentalizzazioni o campagne
pubblicitarie sovradimensionate e non veritiere.
* Per le definizioni si rimanda a pagina 12
© HOMOAMBIENS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.12 Pagina 6
La gestione degli individui confidenti
È importante predisporre, e quando necessario attivare, interventi funzionali
alla gestione di situazioni critiche e di emergenza provocate dagli orsi. E’ necessario monitorare e controllare i casi di problematicità conclamata, e
adottare le opportune misure, proporzionate al livello di problematicità manifestata, per ripristinare la diffidenza dell’orso nei confronti dell’uomo e dei
centri abitati.
Strategie di gestione
Nella gestione degli orsi problematici va posta una particolare attenzione alla
formazione di personale specializzato. Infatti una corretta gestione della problematicità passa attraverso la competenza professionale, la disponibilità e la
motivazione del personale interessato a vario titolo. Operatori adeguatamente
preparati dovrebbero fungere da punto di riferimento per chiunque necessiti
di informazioni sull’orso, dando risposte alle comunità locali in maniera il più
omogenea possibile in materia di monitoraggio, prevenzione, accertamento
danni e gestione delle situazioni di crisi, nonché preparati ad affrontare
eventuali situazioni di conflitto.
Il personale addetto alle attività sul campo deve essere anche in grado di
gestire le situazioni, sempre più ricorrenti, in cui “gli amanti dell’orso”
(coloro che pur di filmare e fotografare l’orso sarebbero disposti a tutto) rischiano di essere a tutti i livelli (comunicativo - strumentalizzazione, sicurezza
© WILD WONDERS OF EUROPE /STAFFAN WIDSTRAND / WWF
1. Formazione del personale
© FOTO ORSO_FLICKR CREATIVE COMMONS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.13 Pagina 7
pubblica, etc.) un vero elemento di destabilizzazione per la riuscita di alcuni
interventi di prevenzione.
Una formazione diversificata per tipologia di operatore, così come il loro aggiornamento, deve rappresentare un impegno costante delle autorità competenti.
Le figure che maggiormente si rapportano con le problematicità legate all’orso
• Figure professionali addette al controllo/sorveglianza del territorio
(guardiaparco, guardie forestali, operatori faunistici e di aree protette);
• Operatori per la messa in opera di recinzioni elettrificate;
• Personale dei centri visita e uffici informazione
© WILD WONDERS OF EUROPE /STAFFAN WIDSTRAND / WWF
2. Gestione delle emergenze
In presenza di orsi la cui “problematicità” è stata conclamata bisogna intervenire
attivando una struttura funzionale organizzativa ed una operativa, preventivamente
definite (composizione, mandati e responsabilità) per intervenire in modo
efficace e tempestivo, in modo da scongiurare eventuali lentezze burocratiche
ed organizzative.
Struttura organizzativa
Costituita da un gruppo di persone con responsabilità decisionali, la struttura
organizzativa deve godere di adeguata autonomia nelle situazioni di criticità. Il
suo ruolo è quello di definire le priorità d’intervento, individuare le risorse
umane, strumentali e finanziarie, ripartire i compiti, definire le procedure
operative, etc.
© ALESSANDRO DI FEDERICO
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.13 Pagina 8
Struttura operativa
La struttura operativa consta di due squadre con funzioni diverse.
Squadra censimento e prevenzione
Squadra intervento rapido
Addetta agli interventi rapidi è composta da almeno 4 unità, alle quali, in operazioni di cattura, si aggiungono un veterinario e altre 2 unità qualificate alla
eventuale cattura dell’esemplare. Compiti della squadra sono l’allestimento di
siti di cattura, operazioni di cattura e attività di controllo dell’animale a cui
eventualmente viene apposto il radio-collare per assicurarne
il monitoraggio continuativo nel tempo.
© M. FRATTON
È composta dal personale addetto al controllo del territorio (inventario e
verifica della funzionalità delle strutture presenti), così come la messa in opera
delle misure di prevenzione. E’ anche preposta alla comunicazione di
avvistamenti di orso, di danni alla fauna e/o episodi riconducibili a possibili
orsi problematici/confidenti.
Gli interventi vengono attivati in base all’atteggiamento dell’orso individuato come
esemplare confidente e/o problematico.
Sebbene sia molto difficile schematizzare
in poche definizioni lo spettro dei possibili
atteggiamenti di un orso, è possibile basarsi sul risultato di esperienze pregresse
per determinare le principali tipologie di
intervento che andrebbero messe in atto.
© FOTO ORSO_FLICKR CREATIVE COMMONS
Interventi reattivi e di controllo
© FOTO ORSO_FLICKR CREATIVE COMMONS
© M. FRATTON
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.14 Pagina 9
© SANCHEZ & LOPE / WWF-CANON
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.15 Pagina 10
Pericolosità dei possibili comportamento di un orso
Alcuni atteggiamenti aggressivi - come quelli riportati di seguito (vedi punti E,
F, G) - pur ritenuti ad elevata pericolosità, prescindono dall’assuefazione
all’uomo, e vanno considerati istintivi ed estemporanei, tali quindi da non richiedere l’attivazione di alcun provvedimento operativo.
Casi in cui un orso, sentendosi in pericolo, può reagire
manifestando un comportamento aggressivo difensivo
A. Orso sorpreso mentre si trova su una carcassa/cibo
B. Orso spaventato o sorpreso all’improvviso
C. Orso madre protettiva verso i propri piccoli
D. Orso provocato dall’uomo
E. Orso ferito
F. Orso a cui viene bloccata la via di fuga
G. Orso in tana disturbato dall’uomo
H. Orso che viene attaccato da cani lasciati liberi
© FOTO ORSO_FLICKR CREATIVE COMMONS
3. Cattura, Monitoraggio e Controllo
Alcune forme di intervento richiedono un assiduo e costante controllo dell’esemplare che può essere garantito solo attraverso il monitoraggio radio telemetrico. L’applicazione di un radio collare comporta la cattura dell’esemplare.
Le operazioni di cattura devono essere dettagliatamente pianificate, stabilendo
in precedenza i metodi e le procedure da seguire (vedi protocollo operativo).
La cattura va inoltre realizzata prendendo tutte le precauzioni necessarie a
garantire l’incolumità degli operatori e il benessere dell’animale stesso.
© SARA BRAGONZI
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.16 Pagina 11
Programma di Condizionamento
Laddove le forme di prevenzione non limitino la presenza dell’orso all’interno
delle aree urbane e l’orso tenti di entrare in strutture poste vicino a case
abitate o in presenza di persone, si deve procedere all’utilizzo di tecniche di
dissuasione e di condizionamento negativo con l’obiettivo di allontanare l’individuo problematico e favorire – ove possibile - il ripristino della abituali
condizioni di diffidenza e reattività nei confronti dell’uomo.
Eventuale rimozione degli orsi
© DARREN JEW / WWF-CANON
Può capitare che un orso debba necessariamente essere rimosso (dall’ambiente
naturale) quando non hanno avuto effetto gli interventi di condizionamento
negativo oppure quando un esemplare si dimostra aggressivo senza essere
provocato (qualora un’approfondita analisi della situazione confermi che
l’esemplare sia aggressivo).
È importante sottolineare che, ai fini della conservazione della popolazione, la
rimozione degli orsi problematici deve essere sempre e comunque considerata
come un ultimo, estremo rimedio che, tra le altre cose, resta a testimonianza
dell’incapacità gestionale di anticipare e risolvere il problema con soluzioni
più idonee allo status di conservazione della popolazione.
Ad oggi non sussistono casi conclamati di pericolosità dell’orso bruno. Ciò
rende meno impellente la necessità di ricorrere alla rimozione come strumento
gestionale, ma non può e non deve essere considerato alibi per una
prolungata assenza di attenzione e risposta, soprattutto nella prospettiva di
un’auspicata espansione della popolazione in aree esterne a quella di attuale
presenza stabile.
© HOMOAMBIENS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.16 Pagina 12
DEFINIZIONI
ABITUAZIONE
AZIENDA ZOOTECNICA
Processo di progressiva riduzione
di risposta comportamentale (es.
fuga) rispetto ad uno stimolo. In
base a McCollough (1982) si verifica in assenza di rinforzi positivi
o negativi; ad esempio la presenza
dell’uomo può essere tollerata a
distanze sempre minori se questa
non è associata a stimoli negativi.
Struttura che ospita allevamento
di animali domestici, appositamente registrata presso le strutture di riferimento (CCIAA, ecc.).
BONIFICA DEL TERRITORIO
Attività di eliminazione e/o messa
in sicurezza di possibili risorse alimentari di origine umana in modo
da renderle inaccessibili all’orso.
© HOMOAMBIENS
AREA CRITICA
Territorio all’interno del quale si
applicano le procedure d’intervento ‐ prevenzione e controllo ‐
previste dalle linee guida. L’area
viene individuata in base agli elementi oggettivi disponibili: episodi
di interazione critica uomo‐orso,
presenza di possibili fonti di abituazione, risorse trofiche di origine umana.
CASA ISOLATA
AVVISTAMENTO DI ORSO
COMUNICAZIONE
Evento in cui l’osservazione viene
svolta senza che l’orso si accorga
dell’osservatore e/o in assenza
di reazioni apparenti da parte
dell’animale.
Insieme delle attività poste in essere per comunicare gli aspetti
connessi al fenomeno orsi problematici ed alle azioni poste in
essere per la riduzione del conflitto con l’uomo.
Struttura antropica abitualmente
o saltuariamente utilizzata ma
esterna al centro urbano così
come codificato dall’apposito
PRG.
CENTRO URBANO
Area antropizzata i cui confini
sono definiti dall’apposito PRG.
© MICHEL GUNTHER / WWF-CANON
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.16 Pagina 13
CONDIZIONAMENTO
NEGATIVO
Tecnica di intervento gestionale
che prevede la somministrazione,
continua e coerente, di stimoli
negativi ad un orso al fine di ridurne manifestazione e frequenza
di un dato comportamento.
CONDIZIONAMENTO
Processo di apprendimento in
cui si associa un comportamento
(risposta comportamentale) ad
un dato stimolo (positivo o negativo).
CONTROLLO
Attività poste in essere a carico
di un orso problematico mediante
cattura, apposizione di radiocollare, monitoraggio radio telemetrico e condizionamento negativo.
DISTANZA DI REAZIONE
La distanza entro la quale un
orso reagisce visibilmente alla
presenza dell’uomo durante una
interazione uomo–orso.
EVENTO DANNOSO
Occasione in cui l’orso determina
attivamente, attraverso la sua presenza o comportamento, un danno
di natura economica a cose, animali
o strutture di proprietà dell’uomo.
GESTIONE PREVENTIVA
Messa in atto di tutte le azioni
necessarie a prevenire l’insorgenza del fenomeno di orsi problematici (comunicazione, protezione fonti trofiche di origine umana, norme di comportamento e
provvedimenti da adottare in presenza di un orso, ecc. ecc.).
GESTIONE PROATTIVA
DETERRENTE
Un agente negativo somministrato
ad un orso con l’intenzione di
provocare dolore, irritazione o allontanamento.
Sequenza di interventi finalizzati
alla riduzione e/o eliminazione
del comportamento problematico
e delle situazioni potenzialmente
critiche in un’area in cui il fenomeno si è manifestato.
© HOMOAMBIENS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.17 Pagina 14
GESTIONE REATTIVA
Sequenza di interventi adottati
direttamente a carico di orsi confidenti e/o problematici al fine di
aumentarne la diffidenza relativamente ai centri abitati.
INTERAZIONE UOMO ORSO
Evento in cui sia l’osservatore
che l’orso sono reciprocamente
consapevoli della rispettiva presenza.
MONITORAGGIO
© FOTO ORSO_FLICKR CREATIVE COMMONS
Insieme delle attività poste in essere per assicurare la verifica periodica, secondo procedure codificate, di: presenza di orsi, funzionalità delle strutture preventive,
distribuzione degli avvistamenti,
distribuzione ed entità dei danni,
controllo telemetrico degli orsi
muniti di radio-collare.
ORSO AGGRESSIVO
Orso che mostra evidenti moduli
comportamentali aggressivi nei
confronti dell’uomo, anche in assenza di provocazione o motivazione (difesa dei cuccioli, della
preda ecc.).
ORSO CHE PROVOCA
DANNI
Orso che attraverso il suo comportamento più o meno frequente
determina eventi dannosi. Non
necessariamente si tratta di individui condizionati, confidenti o
problematici.
ORSO CONDIZIONATO
Orso, che ricerca attivamente risorse trofiche di origine umana,
avendo imparato ad associarle
alla presenza umana, a talune infrastrutture (centri antropici, depositi di rifiuti, etc.) o ad altri stimoli di natura antropica.
ORSO CONFIDENTE
Orso che non mostra evidenti
reazioni in presenza dell’uomo
come conseguenza di una ripetuta esposizione a stimoli di natura antropica senza conseguenze
negativo per l’orso stesso.
ORSO PERICOLOSO
Orso che a causa del suo comportamento aggressivo può rappresentare un rischio per la incolumità delle persone.
© HOMOAMBIENS
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.18 Pagina 15
ORSO PROBLEMATICO
RIMOZIONE
Orso che provoca danni, o è protagonista di interazioni uomo‐orso,
con una frequenza tale da creare
problemi economici e/o sociali al
punto da richiedere un immediato
intervento gestionale risolutivo.
Riduzione in cattività di un esemplare problematico su cui non
hanno avuto effetti gli interventi
di condizionamento negativo e/o
orso pericoloso.
ORSO TRATTATO
© WILD WONDERS OF EUROPE /STAFFAN WIDSTRAND / WWF
Orso confidente o problematico
su cui sono state adottate tecniche di condizionamento negativo
per ricondurlo a condizioni di naturalità.
www.life-arctos.it
brochure_Arctors_16A5_Layout 1 25/07/13 17.02 Pagina 1
LIFE
PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
WWW.LIFE-ARCTOS.IT
Arctos
UN PROGETTO
PER LA TUTELA
DELL’ORSO BRUNO
IN ITALIA
PREVENZIONE
E GESTIONE
DEL FENOMENO
DEGLI ORSI
CONFIDENTI
E/O PROBLEMATICI
© SARA BRAGONZI
Opuscolo realizzato con il contributo finanziario
del progamma LIFE dell’Unione Europea
Arctos
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard