I trattati di pace e il sistema di Versailles"

annuncio pubblicitario
I trattati di pace e il sistema di Versailles"
Di Chiara Tolomei
Venerdì 24 aprile 2015 nella sala Mario Tobino presso il Palazzo Ducale di Lucca sono
riprese le conferenze del ciclo relativo al primo conflitto mondiale promosse
dall’Associazione Culturale “Amici del Machiavelli”.
Come da programma, è stato il Prof. Maurizio Degli Innocenti dell’Università di Siena ad
occuparsi della parte conclusiva della Grande Guerra con i conseguenti trattati di pace e le
relative implicazioni di carattere politico ed economico. Il relatore ha inizialmente precisato
che il conflitto di cui si tratta è stato, a tutti gli effetti, una “guerra totale”, in quanto ha
richiesto un notevolissimo impegno sotto ogni aspetto (politico, economico, industriale) da
parte di ogni belligerante nell’intento di conseguire una vittoria altrettanto totale.
Gli accordi di Versailles del 1919 acuirono la difficile situazione della Germania a seguito
delle condizioni imposte dalle potenze vincitrici, insostenibili per un paese devastato dove
imperversavano l’inflazione altissima (ritenuta da alcuni probabile causa remota della crisi
economica del 1929), la disoccupazione intorno al 10% e la svalutazione monetaria.
Non deve, pertanto, meravigliare il successivo e voluto protagonismo tedesco nel secondo
conflitto mondiale, che pure la Francia aveva fortemente temuto e tentato di arginare. Non
desti stupore neppure il fatto che, per le dinamiche connesse alle vicende belliche, siano
nati in Europa i grandi regimi totalitari del Novecento (nazismo, fascismo e comunismo)
con le conseguenti esaltazioni sfociate in stermini di massa o genocidi che ancora oggi
sono oggetto di accesi contrasti.
Da ricordare, inoltre, la caduta dei quattro grandi imperi (zarista, asburgico, ottomano e
guglielmino) e le sorti dei paesi coinvolti: la Russia degli Zar divenuta con Lenin U.R.S.S.;
l’Austria, cuore dell’impero asburgico, fortemente ridimensionata, unita alla Germania; la
mezzaluna fertile, simbolo dell’impero ottomano, spartita tra Francia e Inghilterra. Infine
l’Italia, acquisite Trento e Trieste, si vide sfuggire l’Istria e la Dalmazia. Di qui l’espressione
“vittoria mutilata” coniata dal Vate, Gabriele d’Annunzio.
In conclusione, un gran bel rompicapo!
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard