Altri circuiti con operazionali

annuncio pubblicitario
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 1/13
ALTRI CIRCUITI CON OPERAZIONALI
1
Sommatore invertente
1
Sommatore non invertente
3
Amplificatore differenziale
7
Buffer
11
Altri circuiti con operazionali
Sommatore invertente
R
R1
+VCC
V1
2
R2
R3
V3
3
U1
1
VO
+
V2
-
4
5
-VCC
Con questo circuito possiamo ottenere in uscita un segnale che sia la combinazione lineare dei
segnali d’ingresso. Con una opportuna scelta dei valori dei resistori avremmo in uscita, a meno del
segno, la somma dei segnali di ingresso da cui il nome di tale configurazione. Nell’esempio di
figura abbiamo un sommatore con tre ingressi. IL discorso che andremo a fare ora vale per un
numero qualsiasi di ingressi.
Analizziamo il circuito usando le due ipotesi semplificative dell’operazionale ideale. L’ipotesi
dell’AVO infinita porta come al solito a dedurre che il morsetto 4 si trova a massa virtuale. Dal punto
di vista delle tensioni possiamo allora disegnare tutte le resistenze d’ingresso in questo modo
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 2/13
I1
R1
V1
I2
V2
R2
I3
V3
R3
da cui, applicando i principi della meccanica relativistica e gli ultimi risultati degli studi sulle
superstringhe, si ha
I1 =
V1
R1
I2 =
V2
R2
I3 =
V3
R3
Lo stesso discorso si può fare per la resistenza di retroazione, collegata con un morsetto a massa e
l’altro alla tensione di uscita
R
VO
I
Ora ricordiamo che, in questo disegno abbiamo che i versi convenzionali di corrente e tensione da
noi scelti, sono uguali, per cui dobbiamo scrivere
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 3/13
I =−
VO
R
I
R
I1
R
V1
R
+VC
I2
A
V2
R
I3
2
U
4-
1
3+
V3
VO
5
-
Applicando il primo principio di Kirchhoff al nodo A si ha
I = I1 + I 2 + I 3 ⇒ −
⎛R
VO V1 V2 V3
R
R ⎞
=
+
+
⇒ VO = −⎜⎜ V1 +
V2 + V3 ⎟⎟
R
R1 R2 R3
R2
R3 ⎠
⎝ R1
Se le resistenze sono tutte uguali
VO = −(V1 + V2 + V3 )
il segnale di uscita, a meno del segno, è la somma dei segnali d’ingresso.
Sommatore non invertente
Vediamo ora un circuito analogo a quello precedente negli effetti, ma che non introduce lo
sfasamento di 180°, non inverte il segnale
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 4/13
R1
+VCC
V1
5
R2
3 +
V2
R3
4
V3
1
2
-VCC
R5
R4
Anche in questo caso abbiamo tre segnali di ingresso solo come esempio.
Per ricavare il legame fra ingresso e uscita dobbiamo notare che
U1
VO
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 5/13
V1
R
+VC
R
5
3 +
4 -
V2
R
V3
U
1
VO
2
R
V’
R
la parte di circuito racchiusa nel riquadro costituisce un normale amplificatore in configurazione
non invertente che amplifica la tensione V’. Dunque si ha
⎛
R ⎞
VO = ⎜⎜1 + 5 ⎟⎟V '
R4 ⎠
⎝
Dobbiamo solo ricavare il legame fra V’ e le tensioni d’ingresso. La situazione è la seguente
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 6/13
R1
V1
R2
R3
V2
V’
V3
Abbiamo tre rami in parallelo ciascuno dei quali è costituito dalla serie di una resistenza e un
generatore di tensione. Ora per ricavare la tensione V’ occorre applicare il teorema di Millmann
V1 V2 V3
+
+
R1 R2 R3
V '=
1
1
1
+
+
R1 R2 R3
In definitiva abbiamo
V1 V2 V3
+
+
⎛
R5 ⎞ R1 R2 R3
⎟⎟
VO = ⎜⎜1 +
⎝ R4 ⎠ 1 + 1 + 1
R1 R2 R3
Per fare in modo che la tensione di uscita sia esattamente pari alla somma delle tensioni di ingresso
cominciamo col porre R1=R2=R3=R
V1 V2 V3
1
(V + V2 + V3 ) ⎛ R ⎞ (V + V + V )
+
+
⎛
R5 ⎞ R R R ⎛
R5 ⎞ R 1
2
3
⎟⎟
⎟⎟
VO = ⎜⎜1 +
= ⎜⎜1 + 5 ⎟⎟ 1
= ⎜⎜1 +
1
1
1
3
R
R
3
R
4 ⎠
4 ⎠
4 ⎠
⎝
⎝
⎝
+ +
R R R
R
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 7/13
in questo particolare circuito dobbiamo porre ora R5=2R4 in modo che il loro rapporto sia uguale a
due e si abbia
VO = (1 + 2 )
(V1 + V2 + V3 )
3
= (3)
(V1 + V2 + V3 )
3
= V1 + V2 + V
Amplificatore differenziale
R1
-VCC
2
R2
3
V2
R3
U1
1
V0
+
4
-
V1
5
R4
+VCC
questo circuito fa in modo che la tensione di uscita sia proporzionale alla differenza fra le due
tensioni di ingresso. Per studiare il legame ingresso-uscita, tenendo presente che ci troviamo di
fronte ad un circuito lineare possiamo applicare il principio di sovrapposizione degli effetti.
Poniamo inizialmente V1 diverso da zero e V2 uguale a zero e calcoliamo la VO’ in questo caso. Il
morsetto di ingresso di V2 va posto a massa
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 8/13
R1
V1
2
R2
4-
1
3+
R3
U1
V0’
5
R4
+VC
per cui il disegno diventa anche
R1
V1
2
R2
4-
U1
1
3+
V0’
5
R3
R4
+VC
ma il parallelo fra R3 ed R4 si trova in serie con al resistenza d’ingresso dell’operazionale che è
infinita per cui possiamo considerare nulla la sua influenza e abbiamo il seguente circuito
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 9/13
R1
V1
2
R2
4-
U1
1
3+
V0’
5
+VC
che costituisce un amplificatore in configurazione invertente. In definitiva
VO ' = −
R1
V1
R2
Poniamo ora V1 uguale a zero e V2 diverso da zero.
R1
2
R2
4-
1
3+
V2
R3
U1
V0’’
5
R4
+VC
capovolgiamo il circuito
Notiamo che ora siamo di fronte ad un circuito amplificatore non invertente che amplifica non la V2
ma la tensione ai capi di R4
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 10/13
5
V2
3 +
4 -
R3
R4
1
V0
2
R2
V’
U
+VC
R1
abbiamo allora
⎛
⎛
R ⎞
R ⎞ R4
VO ' ' = ⎜⎜1 + 1 ⎟⎟V ' = ⎜⎜1 + 1 ⎟⎟
V2
⎝ R2 ⎠ R3 + R4
⎝ R2 ⎠
Applicando il principio di sovrapposizione degli effetti ben noto a tutti i premi Nobel della IV A
abbiamo
⎛
R ⎞ R4
R
VO = VO '+VO ' ' = ⎜⎜1 + 1 ⎟⎟
V2 − 1 V1
R2
⎝ R2 ⎠ R3 + R4
se poniamo R1=R2 abbiamo
VO = VO '+VO ' ' = (1 + 1)
R4
R4
V2 − V1 = 2
V2 − V1
R3 + R4
R3 + R4
Se poniamo R3=R4, otteniamo
1
VO = 2 V2 − V = V2 − V1
2
Vediamo, dunque, che la tensione di uscita è pari alla differenza fra le tensioni di ingresso.
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 11/13
Buffer
-VCC
2
3
U1
V0
1
+
V1
-
4
5
+VCC
questo circuito è detto anche inseguitore di tensione poiché la tensione di uscita è esattamente pari
alla tensione di ingresso: VO=V1. Basta osservare che ci troviamo di fronte ad una configurazione
non invertente
+VCC
5
3 +
V1
4
U1
1
V2
2
-VCC
R2
R1
in cui R2=0 e R1 non c’è, il che equivale a dire che abbiamo messo una resistenza di valore infinito.
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 12/13
+VC
5
V1
3 +
4 -
U1
1
V0
2
-
Applicando la formula
⎛
R ⎞
0⎞
⎛
VO = ⎜⎜1 + 2 ⎟⎟V1 = ⎜1 + ⎟V1 = (1 + 0 )V1 = V1
R1 ⎠
⎝ ∞⎠
⎝
ci scusiamo con i matematici se abbiamo usato un linguaggio impreciso benché efficace, ma non
avevamo alcuna voglia di metterci a parlare di limiti e quant’altro.
Ma a che serve un amplificatore che non amplifica? La risposta è che funziona da adattatore di
impedenza. Vediamo un esempio. Consideriamo la figura seguente.
R1
R2
V
Con il voltmetro vogliamo misurare la tensione ai capi di R2. Ora sappiamo che l’inserzione di uno
strumento di misura in un circuito introduce sempre un errore: nel nostro caso l’errore è dovuto al
fatto che abbiamo introdotto nel circuito la resistenza interna del voltmetro in parallelo alla
Altri circuiti con operazionali | rev. 1 del 22/06/2008 pagina 13/13
resistenza R2 modificando dunque valori di tensioni e correnti nel circuito. Se il valore della R2 e
della resistenza RV sono dello stesso ordine di grandezza, abbiamo un errore notevole.
Nel circuito seguente, invece,
R1
+VC
5
3 +
4 -
1
2
R2
V
-
In questo caso la resistenza R2 si trova in parallelo alla resistenza elevatissima offerta dal buffer per
cui l’errore dovuto all’inserzione dello strumento è praticamente annullato.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard