Note sul programma - Coro Polifonico Universitario

annuncio pubblicitario
Note sul programma di sala
Il concerto inizia con “O dolce vita mia” di Adrian Willaert, compositore fiammingo vissuto a cavallo fra il XV e il XVI
secolo, che dette un notevole contributo allo sviluppo del mottetto e del madrigale; in questo brano un giovane
innamorato esprime in un antico linguaggio “napolitano” il suo dolore per le dure parole della sua amata (“Che t’aggio
fatto che mi minacci ogn’hor con tue parole”).
Di John Wilbye, musicista inglese vissuto fra il ‘500 e il ‘600, è il secondo brano dedicato alla bellezza di Amarilli. Al
tatto è dedicata “Sentomi la formicula”, divertente composizione tratta dalla raccolta di carattere popolareggiante
“Villotte del fiore” di Filippo Azzaiolo, compositore del XVI secolo che con questo genere ha contribuito allo sviluppo
del madrigale cinquecentesco. Vista e tatto sono rappresentati dalle due composizioni di Orlando di Lasso, uno dei
grandi maestri della polifonia, vissuto a Napoli fra il 1549 e il ’52: “O occhi manza mia” e “Matona mia cara”; in
quest’ultima un lanzichenecco ubriaco esprime, in un italiano deturpato (“Matona mia cara mi follere canzon”), il suo
audace corteggiamento verso la donna amata. Si passa al ‘900 con Paul Hindemith, eclettico musicista tedesco nel cui
stile musicale appare radicato il senso della tonalità che lo colloca non fra i musicisti di tendenze neoclassiche ma
piuttosto come progressivo restauratore della tradizione tedesca. Molto affascinante il gioco di colori musicali e di
dinamiche che creano l’atmosfera e la rappresentazione visiva del cigno, dolce immagine in movimento che si rispecchia
nell’acqua come la persona amata si rispecchia navigando nella nostra anima. L’olfatto è ben rappresentato nel
successivo brano, un divertente canone a tre voci di Henry Aldrich, musicista vissuto a cavallo fra il ‘600 e il ‘700, nel
quale si racconta delle caratteristiche e delle “imprese” del naso di Tom Jolly. John Farmer, compositore inglese del
XVII secolo, è l’autore di “Fair Nymphs”,brano a sei voci che rappresenta un’altra testimonianza del senso dell’udito.
Fino ad ora è mancato uno dei sensi più…gradevoli ed importanti: il gusto, che entra con impeto nel programma con il
canone “Essen trinken das erhält” di Wolfgang Amadeus Mozart, gioiosa composizione nella quale si sottolinea il
fondamentale ruolo del bere nella vita dell’uomo e con il “Tourdion”, antico brano francese di autore anonimo, nel quale
il coro, iniziando a mezza voce, pian piano cresce fino all’esplosione finale come a simboleggiare un progressivo stato di
felice ebbrezza.
Poche spiegazioni sono necessarie per il successivo pezzo “Viva viva la bottiglia”, allegro canone a tre voci maschili di
Antonio Salieri, che ci fa poi ritornare alla vista con “Son confusa pastorella” a tre voci femminili. Una particolare
composizione di Orlando di Lasso “Oh, che bon eccho” mostra il divertente effetto dell’eco rappresentato da due
distinti gruppi di coristi che, posizionati in diverse parti della sala, realizzano questo strano effetto uditivo.
I tre brani conclusivi meritano una particolare attenzione perché composti da un Autore contemporaneo che, presente
in sala, elabora la parte elettronica e le proiezioni che “entrano” nei quadri di Anita Ottner che ne hanno ispirato la
parte musicale. Le composizioni di Stefano Busiello sono costituite da una componente elettronica che si affianca al
coro accompagnato dal pianoforte. La musica è stata composta appositamente per il Coro Polifonico Universitario di
Napoli; questo concerto rappresenta quindi la prima esecuzione in assoluto di queste tre composizioni. L’Autore ha
evitato uno stile sperimentale con forti dissonanze e ha preferito uno stile accordale rispetto a quello
contrappuntistico. Ciò ha creato una musica formata dalla concomitanza di due linguaggi molto lontani: quello della
musica elettronica (in cui non esiste né armonia né melodia e i concetti di suono e di ritmo sono completamente
stravolti) e quello della musica cantata dal coro (in un linguaggio quasi tonale, benché caratterizzato da frequenti
risoluzioni eccezionali). Ma questi due linguaggi, data la loro diversità, non si disturbano, anzi si integrano e si fondono.
Il progetto artistico di cui fanno parte queste tre composizioni parte da un’idea della pittrice viennese contemporanea
Anita Ottner che ha dipinto una serie di quadri aventi come tema comune dei bambini con delle conchiglie. Ispirato da
questi quadri, Giuseppe De Chiara ha scritto delle poesie in latino. Si tratta però di un latino non classico, ma popolare,
simile al latino volgare (ciò è evidente soprattutto in Perlmuttschnecke). Questo latino dà alla poesia un carattere
popolaresco e semplice che rispecchia la semplicità e l’ingenuità dei bambini raffigurati nei quadri. La bellezza e la
grazia di questi bambini ha ispirato a Giuseppe De Chiara delle poesie aventi come tematica di sottofondo la caducità
delle cose belle ma soggette all’inesorabilità del tempo e contemporaneamente l’eternità dei sentimenti come l’amore di
un padre verso la figlia che le augura giorni radiosi (candida) anche quando egli non ci sarà più (Esther mit muschel) o
l’amore di un marito (Perlmuttschnecke) verso la sua sposa infedele il quale rinuncia a tutte le sue ricchezze per
riaverla con sé. Queste opere sono costituite da una parte video in cui, con dei filmati molto semplici e privi di effetti
speciali, si “viaggia” nel quadro a cui la composizione si ispira. Si è così realizzata un’opera che rappresenta la fusione di
tre arti: musica, pittura e poesia, venendo quindi incontro al filo conduttore di tutto il concerto, ossia “I cinque sensi
A cura di Sergio Majocchi
della Musica”.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard