Panico - Psicologi Psicoterapeuti

annuncio pubblicitario
GLI ATTACCHI DI PANICO
Giovanni a 30 anni, descrive il primo attacco di panico così: “Ho avvertito dei lievi crampi alla
pancia. Ho pensato che fosse qualcosa che avevo appena mangiato. Ma pian piano il cuore ha
iniziato a battermi sempre più forte, all’impazzata, quasi volesse uscirmi fuori dal petto. Mi
mancava l’aria, anche se le finestre erano aperte. Sono rimasto lì, senza poter fare niente… la testa
mi girava, mi sembrava di vederci doppio, un dolore al torace, la gola chiusa. “sto per morire” mi
sono detto, “eccoci! Un infarto come mio padre. Non mi rimane molto da vivere”. Mi è preso un
malessere ingestibile, sono fuggito fuori dalla stanza cercando aria. Mia madre mi ha raggiunto e mi
ha portato al pronto soccorso. Piano piano mi è passato. All’elettrocardiogramma è tutto normale.
Mi hanno detto che non era niente. Ma vivo nel terrore costante che mi riaccada di nuovo…..”
Gli attacchi di panico sono episodi di improvvisa ed intensa paura o di una rapida escalation
dell’ansia normalmente presente. Sono accompagnati da sintomi somatici e cognitivi, quali
palpitazioni, sudorazione improvvisa, tremore, sensazione di soffocamento, dolore al petto, nausea,
paura di morire o di impazzire, brividi o vampate di calore. La durata della crisi è breve, da pochi
secondi fino al massimo un’ora. I sintomi psichici dell’attacco sono rappresentati tipicamente da
apprensione, paura, terrore, sensazione di morte imminente, timore di perdere il controllo sulle
proprie idee e azioni.
Diventa così pressoché impossibile uscire di casa da soli, viaggiare in treno, autobus o guidare
l’auto, stare in mezzo alla folla o in coda, e cosi via.
L’evitamento di tutte le situazioni potenzialmente ansiogene diviene la modalità prevalente e la
persona si trova così ad essere schiava del suo disturbo, costringendo spesso tutti i familiari ad
adattarsi di conseguenza, a non lasciarlo mai solo e ad accompagnarlo ovunque, con l’inevitabile
senso di frustrazione che deriva dal fatto di essere "grande e grosso" ma dipendente dagli altri, che
può condurre ad una depressione secondaria.
Le persone ansiose tendono generalmente a vivere gli eventi esterni come pericoli potenziali. In
particolare chi ha un disturbo di panico si sente spesso indifeso e preda di un grave pericolo.
Nel livello istintivo, come hanno magistralmente descritto prima Mc Lean e poi Laborit, gli umani
sono del tutto simili come funzionamento a delle specie inferiori, come i rettili. Possiamo
considerare gli uomini come animali territoriali (alla stregua di molte altre specie animali) per cui
più sono vicini alla tana e in territori conosciuti e più si sentono sicuri, e al contrario più si
allontanano verso territori ignoti e più si sentono insicuri. In quest’ottica gli attacchi di panico non
appaiono come paure irrazionali ma piuttosto come l’amplificazione e la distorsione di una reazione
istintiva a uno dei principali indizi naturali di aumentato pericolo (trovarsi in un territorio
sconosciuto). Secondo l’approccio etologico quindi esisterebbe una soglia individuale agli attacchi
di panico che potrebbe essere abbassata sia da stimoli farmacologici (lattato, CO2, caffeina) che
psicologici (separazione, isolamento, ecc.) (Cassano et. Al, 2002)
Quando la persona con disturbo di panico arriva dallo psicoterapeuta solitamente ha una lunga
storia di fallimenti terapeutici; è turbato dalle tante diagnosi ricevute e dalle molte interpretazioni
attribuite ai suoi disturbi da parte dei numerosi specialisti che ha consultato, nel disperato tentativo
di dare un “nome” alla sua malattia.
Spesso manifesta la sensazione che il corpo non sia più suo, non più controllabile, che reagisce in
modo inconsueto e soprattutto ingestibile, il che non fa che aumentare lo stato di paura.
All’inizio è decisamente difficile lavorare sul sintomo in sé, è difficile anche individuare un
pericolo o una situazione scatenante. Spesso l’attacco di panico è solo un meccanismo di allarme di
un equilibrio vitale che non è più soddisfacente e inizialmente il lavoro psicoterapeutico è centrato
su problematiche che possono sembrare di secondaria importanza rispetto all’intensità del sintomo,
ma che lentamente possono permettere alla persona di trovare un nuovo equilibrio nel proprio
rapporto con il mondo e di sciogliere lentamente i nodi esistenziali da cui si sentono costrette,
ingabbiate e incastrate.
In un secondo momento il trattamento è rivolto a stabilire i processi che mantengono i sintomi oggi
e soprattutto a capire cosa può aggravarli, ovvero quali pensieri, azioni, comportamenti propri e
degli altri stanno alla base del mantenimento del disturbo nel qui-e-ora.
In questo modo lo psicoterapeuta riorganizza le risorse psicofisiologiche dell'organismo al fine di
un trattamento efficace del disturbo da attacchi di panico. I tempi per la remissione dei sintomi
variano, ma mediamente il problema migliora visibilmente in una media di dieci sedute a meno che
non sia aggravato da una situazione di ipertiroidismo importante.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard