Untitled - Comune di Grugliasco

annuncio pubblicitario
Nell’assolvere al proprio compito di sostegno e di promozione della cultura, la Regione Piemonte svolge
un ruolo di attento e costante interlocutore nei confronti di quel composito panorama di realtà che
costituiscono la fonte primaria di un ricco calendario di iniziative, manifestazioni ed eventi che animano
ormai stabilmente il nostro territorio.
Nel tempo sono andate crescendo e affermandosi proposte artistiche di qualità nei centri principali come
in realtà più piccole, offrendo al pubblico occasioni di fruizione differenziate e qualificate, che
rappresentano una delle espressioni tangibili del dinamismo regionale in campo culturale.
Oggi la composita offerta piemontese rappresenta quindi un vero e proprio sistema in costante
evoluzione, nei confronti del quale l’ente è impegnato in modo diretto e concreto. Impegno che si traduce
nel supporto alla realizzazione di iniziative destinate a un pubblico sempre più attento ed esigente, come
quello a cui, ormai da anni, si rivolge l’attività condotta dalla Compagnia Viartisti, che a Grugliasco ha
costruito la propria identità di teatro “impegnato” facendone un tratto distintivo. Una caratterizzazione
che si riscontra anche nell’articolazione di questa nuova stagione, multiforme per proposta artistica,
palcoscenici scelti e temi affrontati, alla cui realizzazione la Regione Piemonte è pertanto lieta di
contribuire.
Antonella Parigi
Assessore alla cultura e al turismo
della Regione Piemonte
La balena che solca i mari, il gay pride, l’invito alla manifestazione per la tragedia dei migranti, la cucina prelibata,
l’invito allo spettacolo/al cinematografo/alla conferenza, il volto della casalinga e del boia dell’Isis. Su tutto si
abbatte il like, il loro, il tuo, il mio.
Viartisti e il suo teatro di impegno civile sono sedotti dal like!
Magari amoreggiano.
Magari nascerà loro un figlio: L'insostenibile leggerezza del like.
La Compagnia Viartisti, prosegue con il suo lavoro verso la poesia della vita, sempre e comunque. Un teatro che si
interroga e che vuole ascoltare le necessità e i bisogni di ogni giorno, con una mano sollevata verso l’alto a tenere il
filo di un palloncino che vuol volare, ai piedi un paio di pattini, per scivolare sul quotidiano.
Ospiteremo il nostro pubblico allo Chalet Allemand del Parco Culturale le Serre di Grugliasco, con un nuovo
confortevole allestimento, in attesa della riapertura del Teatro Perempruner.
Si apre la collaborazione con altri luoghi prestigiosi e belli come il Teatro del castello, Museo d’Arte Contemporanea
di Rivoli, che ospitò Vittorio Gassman e altri straordinari attori, e l’elegante palazzina ottocentesca di Via Maria
Vittoria a Torino, sede della rete Rinascimenti Sociali. Ambienti, artisti, pubblico, un desiderio di bellezza, di poesia,
di gioco, nel segno di una condivisione profonda e comunitaria.
“L'insostenibile leggerezza del like” rimanda a un gesto diventato quotidiano nel mondo: il dito che sfiora e lancia
una adesione o no, a immagini, frasi, pensieri che navigano intorno a noi.
E il teatro, che è presenza di corpi in azione, di sguardi che incrociano sguardi, come si può accostare all’invasione
dei social, alla pervasività della società delle immagini?
Teatro e Impegno civile attraverserà quel mondo affondando i denti nella nostra contemporaneità.
Direzione artistica Viartisti
Pietra Selva, Gloria Liberati, Raffaella Tomellini
La consolidata vocazione per il teatro della nostra città trova ancora una conferma nell'impegno che la compagnia
Viartisti ha messo in campo per la prossima stagione 2015/2016.
Un impegno capace di dare vita ad un programma intenso, caratterizzato da una varietà sorprendente di temi, di
approcci e di culture che stimoleranno la curiosità di quel pubblico che ormai da anni segue con passione la vita
artistica e teatrale cittadina. Quest'anno alcune proposte del programma introducono anche una curiosa
contaminazione con altre forme di spettacolo dal vivo, segno dei tempi attuali in cui sempre più vanno
scomparendo distinzioni e categorie nel lavoro sul palcoscenico. Pronti ad aspettarci dietro il sipario troveremo
dunque Carver, Maraini, Checov ma anche la danza di Blucinque e le sorprese di Lucio Diana.
Un effetto spiazzante ma stimolante che verrà apprezzato e che troverà un suo adeguato riconoscimento, così come
avviene da anni per il nostro teatro e la compagnia Viartisti che lo tiene vivo.
L’Assessore alla Cultura della Città di Grugliasco
Pierpaolo Binda
COMUNICATO STAMPA
Torino, 20 ottobre 2015
Al via giovedì 25 novembre la nuova stagione Viartisti
L’insostenibile leggerezza del like
L’apertura affidata alle parole di Raymond Carver
È dedicata alla leggerezza, sottolineata con un gioco di parole dal titolo del bestseller di Milan Kundera, e andrà in
scena a partire da giovedì 25 novembre 2015 fino a giugno 2016, la nuova Stagione Teatrimpegnocivile diretta da
Viartisti Teatro. 11 gli eventi in scena, di cui 1 serata evento, 2 nuove produzioni, 3 spettacoli di repertorio, 5
ospitalità/residenze creative con ottime giovani compagnie, nella splendida cornice del Parco Culturale Le Serre di
Grugliasco, e con incursioni al Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea che ospita tre appuntamenti, e a
Torino, presso la sede del progetto Rinascimenti Sociali.
Teatrimpegnocivile entra in un gioco di restyling. Dopo l’# delle passioni, Viartisti si presenta quest’anno con le
parole di Milan Kundera prestate al social. Kundera parlava di dramma della leggerezza. Prendiamo quel dramma
che significa per estensione teatro e pattiniamo sulla leggerezza del like, insostenibile … La nostra stagione, firmata
da una direzione artistica tutta al femminile, avrà una grande curiosità verso l’universo social: sarà un matrimonio?
La stagione si inaugura il 25 novembre con “Piccole cose” dall’opera dell’americano Carver, coprodotto da Viartisti
e Tecnologia Filosofica, con Raffaella Tomellini e Renato Cravero, che curano anche la regia, seconda tappa di un
progetto dedicato alla coppia, inserita in un’installazione in parte autogestita. Il progetto si sta avvalendo di una
ricerca social per un “upload” dei personaggi e si prepara ad essere disponibile anche presso abitazioni private.
Inoltre sarà interessante scoprire legami con gli artisti Paloma Varga Weisz e Francesco Jodice, le cui opere saranno
esposte in quei giorni nelle sale del museo di Rivoli, dove presso il Teatro del Castello, debutterà lo spettacolo.
Sarà presentato a febbraio allo Chalet Allemand il simposio social “L’insostenibile leggerezza del Like” che
coinvolgerà una piattaforma di specialisti dell’immagine come Chiara Simonigh e Federico Vercellone/Università di
Torino, Andrea Terranova/designer della comunicazione, Lele Rizzo/esperto web e social.
Un tema caro a Teatrimpegnocivile, quello della lotta contro le mafie, si snoderà in 2 appuntamenti, 1 serata
evento dal titolo Limpida è la notte, a dicembre, con la partecipazione di Giancarlo Caselli e con Libera Piemonte a
cura dell’Associazione Orme e la residenza creativa dell’artista Eleonora Frida Mino con lo spettacolo “Il maestro,
storia di Judo e di vita”, un originale mix di teatro, sport e legalità realizzato con la complicità di Lucio Diana e
Adriana Zamboni, in scena a marzo.
3 spettacoli del nostro repertorio saranno rivisitati in un’ottica di contaminazione tra generi e azioni che prevedono
un atto sociale creativo del pubblico: Soit gentil et tiens courage/L’albero di Anne, spettacolo in matineé in cui il
pubblico è chiamato sulla scena per costruire il famoso ippocastano di Anne Frank; Celia Carli ornitologa/Dacia
Maraini, in scena ai primi di marzo a Rivoli, in concomitanza con la Festa delle donne, prevede la complicità del
pubblico nella scrittura del Quaderno on line dell’amore, zibaldone di pensieri sul tema dell’amore; a maggio, il
mese mariano, andrà in scena In nome della madre, che si compirà come un rito, dedicato alla vita e offrirà allo
spettatore datteri e fichi, frutti simbolo del racconto di Erri De Luca.
La creatività giovanile si snoda tutta nelle ospitalità: le compagnie abiteranno gli spazi per alcuni giorni per poter
presentare il loro lavoro. Si parte a gennaio con la Compagnia BlucinQue, in residenza allo Chalet Allemand, con un
progetto di teatro/danza/circo dal titolo “Deplacé time” che indaga il mutamento e il disequilibrio nel tempo; a
marzo, sempre allo Chalet sarà di scena la nuova drammaturgia con “Spegnete la luce”, di Ivan Ieri, che affronta il
delicato tema della pedofilia, realizzato con il Gruppo Orme, giovani artisti che si dedicano alle arti sceniche e
all’educazione alla legalità; ad aprile a Torino sarà in scena l’arte contemporanea attraverso l’esperienza sensoriale
site specific delle “Stanze segrete di S.”, ad opera dei giovani artisti, Eleonora Diana e Daniele Catalli; e infine
sempre ad aprile conosceremo la Compagnia Il mulino di Amleto, vincitrice del bando Generazione Creativa Scene
allo sbando 2014, con una nuova creazione sul grande classico di Cechov, Il gabbiano.
INFO
Teatro Perempruner, tel. 011.787780
[email protected] - www.viartisti.it
facebook viartisti teatrimpegnocivile / amici teatro perempruner
Ufficio Stampa
Raffaella Tomellini
Compagnia Viartisti
T +39.011.787780, C +39.3333268636, E [email protected]
www.viartisti.it
Fabrizio Pasquino, Elisa Zunino
Ufficio Comunicazione della Città di Grugliasco
Ufficio Stampa Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
Silvano Bertalot – Manuela Vasco
T +39.011.9565209 - 211, C +39.3387865367, E [email protected], [email protected]
www.castellodirivoli.org; www.castellodirivoli.tv
dal 25 al 29 novembre 2015
Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, piazzale Mafalda di Savoia
PICCOLE COSE
frammenti dall’opera di Raymond Carver
a cura di e con Raffaella Tomellini e Renato Cravero
ispirati dalle fotografie di Diane Arbus
con la musica di Blur, Christian Fennesz, FKA Twigs, Jon Hassel, Nine Inch Nails, Alva Noto, Radiohead, Sigur Ros, Ruiki Sakamoto
scene e luci di Eleonora Diana
COMPAGNIA VIARTISTI / TECNOLOGIA FILOSOFICA_MORENICA CANTIERE CANAVESANO
Piccole cose è il titolo di un racconto che Raymond Carver dedica a una coppia in procinto di separarsi, ne descrive le azioni, le piccole cose
quotidiane che li circondano e il figlio da spartire. Poche pagine, dialoghi asciutti, il set è un interno non borghese, la fotografia è nitida, fuori
piove, il finale è tragico. Piccole cose fulminee che ci hanno suggerito la scelta di altri scatti limpidi in prosa e poesia, che immortalano coppie
in de-composizione. Uomini e donne affetti da una permanente incapacità di comunicare tra loro. Istantanee del grande condominio subumano di Carver: Voi non sapete che cos’è l’amore / ve lo dico io cos’è / ma voi non mi ascoltate.
11 dicembre 2015
LIMPIDA E’ LA NOTTE
da “Loro mi cercano ancora” di Manuela Mareso, Maria Stefanelli
elaborazione drammaturgica e regia Ivan Ieri
con Marco Chiapella, Josette Cossu, Ivan Ieri, Francesca Mannino, Enrico Nasi
e con il magistrato Gian Carlo Caselli, la referente di Libera Piemonte Maria José Fava
apre la serata il sindaco di Grugliasco presidente di Avviso Pubblico Roberto Montà
ASSOCIAZIONE ORME
Il racconto di una donna di incredibile coraggio Maria Stefanelli, testimone di giustizia. La sua storia ha una forza dirompente che abbatte
preconcetti e pregiudizi, rivelando ciò che non si vuol vedere: le mafie sono anche al Nord; la famiglia è spesso il luogo delle violenze e dei
soprusi; essere lesbiche non è “normale”.
Manuela Mareso ha saputo dare le parole giuste a questa storia. Con sapienza tutta femminile il tocco della giornalista diviene racconto. Noi
proviamo a dare fiato e voce a tutto questo, ponendo al centro anche qui l'amore, amore per la figlia, per la vita, per la giustizia.
Lo spettacolo è stato presentato al presidio di Libera Valcamonica nella settimana della legalità nel maggio 2015 per ricordare le vittime della
strage di Capaci.
15,16 gennaio 2016
DEPLACÉ TIME
di Caterina Mochi Sismondi
con Elena Cavallo, Maria Rosa Mondiglio, Isabella Filippini, Michela Cotterchio, Davide Tomat, Caterina Mochi Sismondi
regia di Caterina Mochi Sismondi
COMPAGNIA BLUCINQUE in collaborazione con Superbudda
La compagnia BlucinQue, a partire dalle tematiche dello spettacolo Dép-dix, continua l’indagine sulle tematiche dello “spiazzamento”, del
“sentirsi fuori luogo”, inteso anche come fuori dal corpo, fuori dalla propria identità, in continuo mutamento, spostamento e disequilibrio.
Essere spiazzati, in bilico, fuori asse, il corpo spezzato, imbarazzato, fuori tempo. Immagini che delineano un percorso di ricerca su
movimento, voce e messa in scena e un lavoro sul testo, musicato dal vivo, contraffatto, reso partitura musicale, ritmo, poesia. Nell’evolversi
della creazione, la costruzione dello spettacolo ha cominciato a svilupparsi in più tappe di sperimentazione, anche performative, presentate
in forma di studio con il titolo Déplacé.
dal 25 al 29 gennaio 2016 ore 11 / la settimana della memoria
SOIT GENTIL ET TIENS COURAGE/ L’albero di Anne
di e con Raffaella Tomellini, movimenti scenici a cura di Doriana Crema
testi scelti dal libro “L’albero di Anne” di Irene Cohen Janca e dal “Diario” di Anne Frank
COMPAGNIA VIARTISTI
Anne Frank è considerata una delle figure femminili che ha cambiato la storia universale. Sulla copertina del suo diario scrisse “soit gentil et
tiens courage”, un breve appunto che ha il valore di un incoraggiamento, che una giovane donna rivolse a sé stessa e all’umanità. Lo
spettacolo desidera approfondire, attraverso il dialogo tra Anne e il suo albero, l’ippocastano situato nel giardino di fronte al nascondiglio
segreto, il tema dei sogni e del coraggio necessario per raggiungerli. L’esempio di Anne Frank è un ottimo antidoto contro quei sentimenti di
sfiducia o di passività o di isolamento, o atteggiamenti rivolti all’accontentarsi, che sono sempre più diffusi tra la gente dei nostri giorni.
Crediamo in una pedagogia che sappia ascoltare, fare, fare insieme e lasciar fare. Per questo la rappresentazione de L’albero di Anne ha inizio
con un atto sociale creativo: il pubblico è invitato a realizzare un’opera d’arte collettiva a partire da una catasta di legna, resti simbolici
dell’albero di Anne, abbattuto dal vento e dalla pioggia nel 2010.
5,6 febbraio 2016
IL MAESTRO UNA STORIA DI JUDO E DI VITA
tratto dall'omonimo libro di Luigi Garlando, di Lucio Diana, Eleonora Frida Mino, Adriana Zamboni, con Eleonora Frida Mino
scenografie e luci Eleonora Diana, regia Lucio Diana
COMPAGNIA ELEONORA FRIDA MINO
Ginevra è una Maestra di judo, cintura nera terzo dan. Insegna a Scampia (Napoli), nello Star Judo Club di Gianni Maddaloni. Con lei in scena
c’è Bum, orsetto dalle zampe bruciacchiate, “testimonial” della legalità, che è arrivato in palestra quando questa è stata bruciata ad opera
della camorra. In palestra sul tatami Ginevra racconta la storia di una scelta di vita: la storia di Filippo tra judo e camorra.
26,27 febbraio 2016
L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL LIKE
simposio/azione sul tema dei social
a cura di Pietra Selva
COMPAGNIA VIARTISTI
Il tema dei social affrontato con una piattaforma di esperti dell’immagine come Chiara Simonigh e Federico Vercellone/Università di Torino,
Andrea Terranova/designer della comunicazione, Lele Rizzo/esperto web e social, Gianluca Gobbi per Radioflash.
La forza dell'immagine, la potenza evocativa, sfugge alla concretezza stessa dell'immagine e muove pensieri, paure, desideri, passioni, azioni,
relazioni. Immagini tecnologiche, naturali, artistiche, immagini come contrasti di vita, rivelazione del gioco e della finzione della vita.
Immagini “immersive”: sono il nostro ambiente culturale/naturale.
4-5-6-8 marzo 2016
Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, piazzale Mafalda di Savoia
CELIA CARLI, ORNITOLOGA
di Dacia Maraini
regia Pietra Selva, con Gloria Liberati / luci scene e video Eleonora Diana
COMPAGNIA VIARTISTI
Ecco come Dacia Maraini, nel settembre 2014, racconta il proprio testo: “Celia Carli è una donna che vive sola, che si innamora di un uomo
sposato, che ama gli animali e soprattutto gli uccelli, diventati per lei materia di studio e di contemplazione. Celia però ha un animo ingenuo:
pensa che sia bene chiamare la moglie dell’uomo amato, per metterla a parte, onestamente, del loro rapporto. Pensa che un rapporto sincero
fra donne sia una cosa giusta. E così la troviamo, col telefono in mano, intenta a pensare come e quando cominciare a parlare con la donna
sconosciuta che divide il letto del suo amore. La realtà che scopre la sorprenderà. Ma forse l’aiuterà a capire che il mondo è misterioso e irto
di spine. A volte comico, senza neanche volerlo, a volte tragico e crudele. Ma certamente è sorprendente, come sono sorprendenti i volatili che
solcano un cielo sconosciuto, con ali che segnano nel cielo un progetto di libertà. Ma si tratta di vera libertà, o è tutto già deciso altrove? E da
chi?” Una commedia delicata e leggera commissionata ad inizi anni ’90 alla scrittrice dal regista palermitano Michele Perriera, portata ora in
scena in un riallestimento curato da Pietra Selva. Gloria Liberati, già protagonista per Perriera, è Celia, scintillante d’ironia, tenera, fragile e
tenace, in un gioco teatrale fatto di comicità e leggerezza.
18,19 marzo 2016
SPEGNETE LA LUCE
di e con Ivan Ieri
GRUPPO ORME
Debutto. Il testo inedito di Ivan Ieri si avvicina delicatamente, con una scrittura in versi, al tema della pedofilia. Gli occhi sono il primissimo
sipario che si apre sul mondo, la testimonianza privilegiata dell’intelligenza e dell’emozione, del reciproco riconoscersi in un senso di umanità
condivisa. Gli occhi si fanno di vetro quando quello che potrebbero raccontare diventa una colpa inaccettabile, quando il desiderio che
nascondono non può conciliarsi con le immagini che riesce a riflettere, quando la storia che potrebbero restituire è sepolta e cancellata dallo
sguardo di chi rifiuta di prestar loro attenzione. La scena è spoglia, soltanto un cubo al centro e una grande sfera che sovrasta il palco, che
diventa luna, cratere o mirrorball da discoteca, l’onnipresente occhio di cristallo che pende dall’alto e vuole dar luce al corpo dei personaggi,
per lo più incastrati nelle ombre e negli angoli scuri della scena.
8, 9 aprile 2016
sede SOCIAL FARE, Torino via Maria Vittoria 38
LE STANZE SEGRETE DI S.
stanza #3
lavoro collettivo di Eleonora Diana - regia, luci, suoni; Daniele Catalli - immagini e installazione
collaboratori: Ginevra Giachetti – canto; Guglielmo Diana – guida: Andrea Macchia – fotografo; collettivo Exhibitioff
MARCHE TEATRO
Le stanze segrete di S. è un’esperienza sensoriale che, a partire da un racconto esistente, vuole portare lo spettatore (definito in questo caso
Ospite) a creare il proprio percorso mentale, mentre le figure e i personaggi si rivelano man a mano sotto i suoi occhi. L’idea è far entrare gli
Ospiti all’interno di un libro illustrato, sottolineando sensazioni, sentimenti e passaggi narrativi tramite luci, suoni, odori, immagini. In questo
modo può capitare che più Ospiti diano la stessa interpretazione della storia o al contrario ne creino una personale, anche molto distante dal
testo originale. Lo scopo finale è restituire le sensazioni che scaturiscono da una storia. Ogni Stanza è un lavoro site specific, studiato ed
opportunamente modellato per lo spazio in cui viene installato, utilizzando le risorse (e/o storie) locali con eventuali collaborazione in loco.
Ogni Stanza è perciò da ritenersi unica.
30 aprile 2016
IL GABBIANO
di Anton Cechov
regia di Marco Lorenzi, con 6 attori de Il Mulino di Amleto, scene e costumi/Drammaturgia Il Mulino di Amleto
nuova produzione di IL MULINO DI AMLETO in collaborazione con Teatro Marenco di Ceva
In una tenuta di campagna nei pressi di un lago è stato costruito un piccolo teatro per una rappresentazione di famiglia. La melodia del
GABBIANO di Cechov è suonata tutta in questo spazio semplice ma fortemente evocativo. Ed è una melodia infuocata, tenera, esplosiva,
urgente e dilaniante. È rischiosa da suonare … Il rischio …
È difficile dire qualcosa di intelligente su un testo sul quale sembra sia stato detto tutto (e forse tutto è già stato detto). Ma forse il mio
compito e quello che mi muove nel desiderio di portare in scena il GABBIANO non è il dire qualcosa d’intelligente. Mi muove, invece, la voglia
grandissima di entrare con i miei attori e compagni in un mondo pieno di paure, di fallimenti, di amore consegnato a persone che non
potranno mai amarti, di domande sull’arte e sul teatro, di desideri e delusioni, di fragilità e furia. I personaggi del GABBIANO sono tutto
questo.
La serata prevede un assaggio dello spettacolo, restituzione della residenza creativa, e un dialogo con il pubblico sui temi dello spettacolo e
sulla evoluzione di una creazione.
6, 7,8 maggio 2016
Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, piazzale Mafalda di Savoia
IN NOME DELLA MADRE
dal racconto di Erri De Luca, monologo di Raffaella Tomellini
trasposizione teatrale e regia di Pietra Selva, voci registrate di Gabriele Ciavarra, Gloria Liberati e Pietra Selva
COMPAGNIA VIARTISTI
È Miriam/Maria, per la prima volta, a raccontare, rievocare, in un lungo straordinario monologo, la sua maternità e la nascita del bambino
Gesù.
Il pubblico è accolto nella luce di Maria che con semplicità, forza e stupore comincia il suo racconto. Il corpo si fa cavo per lasciare spazio a
parole che sgorgano come perle. Il ricordo si fa ascolto di quelle voci che hanno accompagnato la sua esperienza. Brevi movimenti ricordano
l’annunciazione, la gioia della partenza, il viaggio con Joseph verso Betlehem, casa di pane in ebraico, fino alla stalla, alla nascita: sono queste
le “stanze” che attraversa Maria.
Al termine si offrono al pubblico fichi secchi e datteri, i frutti evocati nel racconto, se ne gusta il sapore e si scambia qualche breve, intenso
sguardo. Insieme.
6, giugno 2016 ore 11
LIMPIDA E’ LA NOTTE repliche
da “Loro mi cercano ancora” di Manuela Mareso, Maria Stefanelli
elaborazione drammaturgica e regia Ivan Ieri
con Marco Chiapella, Josette Cossu, Ivan Ieri, Francesca Mannino, Enrico Nasi
ASSOCIAZIONE ORME
Il racconto di una donna di incredibile coraggio Maria Stefanelli, testimone di giustizia. La sua storia ha una forza dirompente che abbatte
preconcetti e pregiudizi, rivelando ciò che non si vuol vedere: le mafie sono anche al Nord; la famiglia è spesso il luogo delle violenze e dei
soprusi; essere lesbiche non è “normale”.
Manuela Mareso ha saputo dare le parole giuste a questa storia. Con sapienza tutta femminile il tocco della giornalista diviene racconto. Noi
proviamo a dare fiato e voce a tutto questo, ponendo al centro anche qui l'amore, amore per la figlia, per la vita, per la giustizia.
Lo spettacolo è stato presentato al presidio di Libera Valcamonica nella settimana della legalità nel maggio 2015 per ricordare le vittime della
strage di Capaci.
EVENTI COLLATERALI




realizzazione di brevi messe in scena con allievi dei corsi di teatro sulle tematiche scelte per la stagione;
adesione a progetti sul territorio di Grugliasco settore giovani/ settore scuole/ settore politiche sociali/ pari opportunità/ piano di
offerta formativo, che prevedono la realizzazione di brevi performance con gli allievi dei corsi di teatro e focus-seminari rivolti agli
insegnanti/cittadini adulti nei progetti di aggiornamento previsti dal Ministero dell’Istruzione;
partecipazione a eventi culturali promossi da Città di Grugliasco che prevedono letture professionali e/o interventi su temi di
Teatrimpegnocivile; progetto Vite coraggiose, in collaborazione con Presidenza del Consiglio/Pari Opportunità di Grugliasco, per le
manifestazioni legate alla Giornata mondiale contro la violenza alle donne e alla Giornata internazionale della donna;
lezioni e approfondimenti sul teatro a cura di: Isabella Lagattolla, Sergio Ariotti/ Festival delle Colline; Walter Malosti/Direzione
Scuola Teatro Stabile Torino; Alfonso Cipolla e Giovanni Moretti/Istituto dei Beni Marionettistici; Paola Stratta/Circo Vertigo
LUOGHI
dove non diversamente indicato
GRUGLIASCO, CHALET ALLEMAND, PARCO CULTURALE LE SERRE, VIA TIZIANO LANZA 31
ORARI
dove non diversamente indicato ore 21,00
domenica repliche pomeridiane ore 18 eccetto domenica 6 marzo ore 16
BIGLIETTI
Intero € 10,00€
Ridotto € 8,00(studenti e ultra 65enni)
Matinée € 5,00
Professionali 3,00€
I biglietti saranno in vendita presso mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo. Gradita la prenotazione.
Per informazioni e prenotazioni
Teatro Perempruner, tel. 011.787780
[email protected] - www.viartisti.it
facebook viartisti teatrimpegnocivile / amici teatro perempruner
Ufficio Stampa
Raffaella Tomellini
Compagnia Viartisti
T +39.011.787780, C +39.3333268636, E [email protected]
www.viartisti.it
Fabrizio Pasquino, Elisa Zunino
Ufficio Comunicazione della Città di Grugliasco
Ufficio Stampa Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
Silvano Bertalot – Manuela Vasco
T +39.011.9565209 - 211, C +39.3387865367, E [email protected], [email protected]
www.castellodirivoli.org; www.castellodirivoli.tv
L’insostenibile leggerezza del like Stagione 2015/2016 è realizzata grazie al contributo di:
CITTÀ DI GRUGLIASCO / COMPAGNIA DI SAN PAOLO, BANDO ARTI SCENICHE / FONDAZIONE CRT / REGIONE PIEMONTE
in collaborazione con LIVE PIEMONTE DAL VIVO / CASTELLO DI RIVOLI MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA
partner SOCIETA’ LE SERRE
sponsor F.LLI RACCA GELATERIA / LA FOGLIA MATTA
si ringrazia L’ALVEARE CHE DICE SI!
Viartisti è partner di rete di SOCIAL FARE
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard