scarica il pdf

annuncio pubblicitario
LA CORRENTE ELETTRICA
“Giuseppe Frangiamore con la collaborazione di Antonino Palumbo”
Definizione di corrente elettrica
La corrente elettrica è un qualsiasi moto ordinato di cariche elettriche, definita operativamente come
la quantità di carica elettrica che attraversa una determinata superficie nell'unità di tempo.
I = Q/t
dove:
Q è la corrente elettrica
t il tempo.
La corrente convenzionale è definita come il flusso di carica positiva, sebbene in realtà la corrente
elettrica sia solitamente realizzata attraverso un moto ordinato di elettroni all'interno di un
conduttore elettrico.
L'intensità di corrente elettrica, indicata usualmente col simbolo I, è assunta come grandezza
fondamentale nel sistema internazionale SI. La sua unità di misura è l'ampere (A).
La corrente elettrica può essere misurata direttamente con un amperometro, ma questo metodo
richiede l'interruzione del circuito, che talvolta può essere un inconveniente. La corrente può anche
essere misurata senza interrompere il circuito, tramite il rilevamento del campo magnetico da essa
generato.
La pila voltaica
Nel 1800 Alessandro Volta annuncia alla comunità scientifica l'invenzione della Pila, un
predecessore della batteria elettrica, che produceva una corrente elettrica costante, e permise lo
studio e lo sviluppo dei fenomeni elettrici , legati al movimento di cariche.
Circuito elettrico
Il circuito elettrico, è il luogo fisico ben definito in cui hanno sede fenomeni di
natura elettromagnetica. In maniera più specifica si definisce circuito elettrico l'interconnessione di
Pagina 1
elementi elettrici collegati insieme in un percorso chiuso in modo che la corrente possa fluire con
continuità.
Nel caso più elementare il circuito elettrico è costituito da un generatore, da un utilizzatore , da fili
conduttori , che li collegano tra loro e da un interruttore che consente di interrompere a discrezione
il flusso della corrente
Il lavoro del generatore consiste nel trasferire alle cariche l’energia necessaria per mantenere il
flusso della corrente. Per il principio di conservazione dell’energia, questa energia non può essere
creata dal nulla, ma prelevata da qualche fonte. Il compito del generatore, dunque, è quello di
trasformare in energia elettrica qualche altra forma di energia. La differenza di potenziale tra i poli
di un generatore viene anche detta tensione. Nel disegno dei circuiti i componenti elettrici si
indicano con apposita simbologia.
Resistenza elettrica e Leggi di Ohm
La resistenza elettrica è una grandezza fisica scalare che misura la tendenza di un conduttore ad
opporsi al passaggio di una corrente elettrica. Questa opposizione dipende dal materiale con cui è
realizzato, dalle sue dimensioni e dalla sua temperatura.
La resistenza è definita dalla prima legge di Ohm :
Pagina 2
dove:
R è la resistenza tra gli estremi del componente
 V la tensione a cui è sottoposto il componente
 I è l'intensità di corrente che attraversa il componente

Nel sistema internazionale l'unità di misura della resistenza elettrica è l'ohm, indicato con la lettera
greca maiuscola omega: Ω.
La seconda legge di Ohm, permette di calcolare la resistenza di un conduttore elettrico a partire
dalle sue caratteristiche fisiche e geometriche:
dove ρ è la resistività del materiale
l la Lunghezza
S la sua sezione.
La resistività di un metallo aumenta all'aumentare della temperatura secondo la relazione:
ρ = ρ0[1 + α(T − T0)]
dove ρ è la resistività
T la temperatura
ρ0 è la resistività del metallo alla temperatura T0 di riferimento solitamente 20 C°
α è il coefficiente termico dipendente dal materiale.
Pagina 3
Potenza elettrica
Si dice potenza di un componente elettrico il prodotto della sua tensione per la sua corrente. La
potenza la indichiamo con la lettera P. La formula è la seguente:
P=VxI
Unità di misura della potenza è il Watt, che si abbrevia: W.
In circuito elettrico la somma delle potenze di tutti i generatori presenti deve essere uguale alla
somma delle potenze di tutti gli utilizzatori.
Effetto Joule
In fisica, l'effetto Joule, anche detto effetto termico o legge di Joule, è un fenomeno per cui
un conduttore attraversato da una corrente elettrica disperde energia sotto forma di calore in
funzione dell'intensità della corrente elettrica che lo attraversa. L'effetto termico viene sfruttato in
molte apparecchiature elettriche di uso comune.
In termini matematici si può scrivere
Questa è la relazione che esprime la potenza dissipata per effetto joule in un circuito puramente
resistivo.
Resistenze in serie
Si parla di collegamento in serie quando due o più resistenze sono collegate in modo da formare un
percorso unico per la corrente elettrica che li attraversa.
La schematizzazione di più resistenze messe in serie è la seguente :
Pagina 4
La resistenza equivalente alle resistenze poste in serie si trova con la seguente relazione:
Resistenze in parallelo
Si parla invece di collegamento in parallelo quando le resistenze sono collegate ad una coppia di
conduttori in modo che la tensione elettrica sia applicata a tutti quanti allo stesso modo.
La schematizzazione di più resistenze poste in parallelo è la seguente :
La resistenza equivalente alle resistenze poste in parallelo si determina con la seguente relazione:
copyright© all rights reserved
A.P.
Pagina 5
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard