1 i caratteri fondamentali della restaurazione in europa

annuncio pubblicitario
769927308
01/06/17
1 I CARATTERI FONDAMENTALI DELLA RESTAURAZIONE IN EUROPA ................................... 5
2 IL CONGRESSO DI VIENNA E LA SANTA ALLEANZA .................................................................. 5
3 LA CULTURA DEL ROMANTICISMO E LA POLITICA .................................................................... 6
4 IL CONCETTO DI NAZIONE E LO SVILUPPO DEL LIBERALISMO .............................................. 7
5 LE SOCIETÀ SEGRETE NELL’EPOCA DELLA RESTAURAZIONE ................................................ 7
6 LE RIVOLUZIONI E I MOTI DEGLI ANNI VENTI IN EUROPA ....................................................... 8
7 L’INDIPENDENZA DELL’AMERICA LATINA ................................................................................... 8
8 LO SVILUPPO DEGLI STATI UNITI NELLA PRIMA METÀ DEL ’800 ........................................... 9
9 LE RIVOLUZIONI E I MOTI DEL 1830-1831 IN EUROPA ............................................................... 10
10 IL REGNO DI LUIGI FILIPPO IN FRANCIA .................................................................................... 10
11 L’INGHILTERRA NELL’ETÀ DELLE RIFORME (prima metà 800) ............................................... 10
12 CONFLITTI ED EQUILIBRI INTERNAZIONALI 1830-1848 .......................................................... 11
13 I FATTORI DINAMICI DELLO SVILUPPO ECONOMICO EUROPEO NEL 1° 800 ..................... 12
14 INDUSTRIALIZZAZIONE E NASCITA DELLA CLASSE OPERAIA ............................................ 12
15 LE ORIGINI DEL SOCIALISMO E LE SUE DIVERSE MATRICI IDEOLOGICHE ...................... 13
16 Il 1848 IN EUROPA: ASPETTI GENERALI ...................................................................................... 13
17 LA RIVOLUZIONE DEL 1848 E L’EVOLUZIONE VERSO IL SECONDO IMPERO ................... 14
18 RIVOLUZIONE DEL 1848 NELL’IMPERO ABURGICO E IN GERMANIA ................................. 14
19 LE TRASFORMAZIONI SCIENTIFICHE, ECONOMICHE E SOCIALI ALLA METÀ DEL '800 . 15
20 IL MOVIMENTO OPERAIO DOPO IL ’48. LA 1° INTERNAZIONALE E LA SUA CRISI ........... 15
21 L’ATTEGGIAMENTO DELLA CHIESA DI FRONTE A SOCIETÀ E STATO DEL ’800 .............. 16
22 L’INGHILTERRA LIBERALE ............................................................................................................ 17
23 LA RUSSIA ALLA METÀ DEL ’800 ............................................................................................... 17
24 IL SECONDO IMPERO E LE GUERRE DI NAPOLEONE III.......................................................... 18
25 L’ASCESA DELLA PRUSSIA E LA POLITICA DI BISMARK ....................................................... 18
26 LA GUERRA FRANCO-PRUSSIANA E L’UNIFICAZIONE TEDESCA ........................................ 19
27 LA COMUNE DI PARIGI ................................................................................................................... 19
28 LE DIFFERENZE ECONOMICHE E SOCIALI IN USA E LA GUERRA DI SECCESIONE ..... 20
29 DAL GIAPPONE FEUDALE AL GIAPPONE MODERNO .............................................................. 20
30 LA RESTAURAZIONE IN ITALIA (1815-’21) ................................................................................. 21
31 I MOTI DEL 1820-1821 ....................................................................................................................... 21
32 I MOTI DEL 1831 ................................................................................................................................ 22
33 MAZZINI: FORMAZIONE, IDEE E INIZIATIVE ............................................................................. 22
34 LO SVILUPPO DEGLI STATI ITALIANI FRA IL 1830 E IL 1848 .................................................. 23
35 MODERATISMO, NEOGUELFISMO, FEDERALISMO .................................................................. 24
36 IL 1848 IN ITALIA E LA PRIMA GUERRA D’INIDIPENDENZA .................................................. 24
37 LOTTE DEMOCRATICHE E NUOVA RESTAURAZIONE (1848-49)............................................ 25
38 CAVOUR E IL PIEMONTE ................................................................................................................ 27
39 INIZIATIVE MAZZINIANE E REPUBBLICANE NEGLI ANNI ‘50 ............................................... 27
40 LA SECONDA GUERRA D’INDIPENDENZA ................................................................................. 27
41 GARIBALDI E LA SPEDIZIONE DEI MILLE .................................................................................. 28
42 L’UNIFICAZIONE ITALIANA, I PLEBISCITI E LA PROCLAMAZIONE DEL NUOVO REGNO
................................................................................................................................................................... 29
43 BISMARK, POLITICA INTERNA ED ESTERA ............................................................................... 30
44 LA TERZA REPUBBLICA IN FRANCIA (SINO AL 1914) .............................................................. 31
45 L’INGHILTERRA NELLA SECONDA METÀ DEL XIX SECOLO ................................................. 32
46 LIBERISMO, PROTEZIONISMO E CRISI AGRARIA ..................................................................... 33
47 LO SVILUPPO SCIENTIFICO NELLA SECONDA METÀ DEL XIX° SECOLO ........................... 33
48 I CARATTERI DEL COLONIALISMO E DELL’IMPERIALISMO NEL ‘800 ................................ 34
49GLI EUROPEI IN AFRICA. ESPANSIONISMO E SPARTIZIONI. LA GUERRA ANGLO-BOERA
................................................................................................................................................................... 35
La guerra Anglo-boera. ......................................................................................................................... 36
50 ESPANSIONE EUROPEA IN ASIA E OCEANIA. ............................................................................ 36
51 Cina nel ‘800. Panoramica, dalle guerre dell’oppio alla rivolta dei boxers. ......................................... 37
52 GLI STATI UNITI POTENZA MONDIALE ALLA FINE DEL ‘800 ................................................ 37
53 SOCIETÀ DI MASSA E LE CONSEGUENZE POLITICHE: PARTITI, SINDACATI, ESERCITI . 38
54 LE ORIGINI DEL MOVIMENTO FEMMINILE ................................................................................ 39
55 I PARTITI SOCIALISTI, LA II INTERNAZIONALE, IL DIBATTITO TRA I MARXISTI. ........... 39
56 LEONE XIII: I CARATTERI DEL SUO PONTIFICATO E LA RERUM NOVARUM. ................... 40
57 LA CULTURA DEL POSITIVISMO, LA SUA CRISI, LE NUOVE SCIENZE. ............................... 41
58 NAZIONALISMO, ANTISEMITISMO, SIONISMO ALLA FINE DEL ’800. .................................. 41
59 LA FRANCIA TRA DEMOCRAZIA E RIFORME ............................................................................ 42
60 IMPERIALISMO E RIFORME IN GRAN BRETAGNA. .................................................................. 42
1
769927308
01/06/17
61 LA GERMANIA GUGLIELMINA ...................................................................................................... 43
62 I CONFLITTI DI NAZIONALITÀ IN AUSTRIA-UNGHERIA. ........................................................ 43
63 LA RUSSIA NELLA SECONDA METÀ DELL’OTTOCENTO. ....................................................... 44
64 I CONFLITTI INTERNAZIONALI PRECEDENTI LA I GUERRA MONDIALE ............................ 44
65 LA GUERRA RUSSO GIAPPONESE E LA RIVOLUZIONE DEL 1905 .......................................... 45
66 LA RIVOLUZIONE IN CINA ............................................................................................................. 45
67 IMPERIALISMO E RIFORME NEGLI USA ...................................................................................... 46
68 L’AMERICA LATINA E LA RIVOLUZIONE MESSICANA ........................................................... 46
69 DESTRA E SINISTRA DOPO IL 1861 IN ITALIA ............................................................................ 47
70 ITALIA DOPO IL ‘61 ACCENTRAMENTO STATALE E QUESTIONE SOCIALE ....................... 47
71 LA III GUERRA D’INDIPENDENZA ................................................................................................ 48
72 LA QUESTIONE ROMANA LA PRESA DI ROMA E LE SUE CONSEGUENZE. ......................... 48
73 LA SINISTRA AL POTERE E IL TRASFORMISMO(1871-1882) .................................................... 49
74 LE ORIGINI DEL MOVIMENTO OPERAIO E DEL SOCIALISMO IN ITALIA ............................ 49
75 I CATTOLICI INTRANSIGENTI E L’OPERA DEI CONGRESSI. ................................................... 50
76 POLITICA ECONOMICA CRISI AGRARIA E SVILUPPO INDUSTRIALE IN ITALIA .............. 50
77 LA POLITICA ESTERA TRIPLICE ALLEANZA E COLONIALISMO ........................................... 52
78 FRANCESCO CRISPI POLITICA INTERNA ED ESTERA .............................................................. 52
79 LA NASCITA DEL PARTITO SOCIALISTA .................................................................................... 53
80 LA CRISI DI FINE SECOLO ............................................................................................................... 53
81 LA SVOLTA LIBERALE DI ZANARDELLI E GIOLITTI ................................................................ 54
82 LO SVILUPPO INDUSTRIALE IN ITALIA IN EPOCA GIOLITTIANA ......................................... 54
83 IL SISTEMA DI GOVERNO DI GIOLITTI E I SUOI CRITICI ......................................................... 55
84 LE RIFORME DI GIOLITTI ................................................................................................................ 55
85 LA POLITICA ESTERA DI GIOLITTI I NAZIONALISTI E LA GUERRA DI LIBIA .................... 56
86 RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI NEL PARTITO SOCIALISTA .................................................. 56
87 DEMOCRATICI CRISTIANI CLERICO MODERATI PATTO GENTILONI .................................. 57
88 LA CRISI DI GIOLITTI E L’INTERVENTO NELLA I GUERRA MONDIALE .............................. 57
89 LO SCOPPIO DELLA I GUERRA MONDIALE CAUSE PROSSIME E REMOTE. ........................ 58
90 FASI E VICENDE MILITARI DELLA I GUERRA MONDIALE ..................................................... 59
Prima fase .............................................................................................................................................. 59
Seconda fase .......................................................................................................................................... 59
La svolta ........................................................................................................................................... 60
Terza fase .............................................................................................................................................. 60
91 LE NOVITÀ DELLA GUERRA NUOVI ARMAMENTI MOBILITAZIONE CIVILE..................... 61
92 LA SVOLTA DELLA GUERRA IL 1917 E LA POLITICA DI WILSON ......................................... 61
93 LE RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO E OTTOBRE 1917, IN RUSSIA ............................................... 62
94 LA TERZA INTERNAZIONALE (L’INTERNAZIONALE COMUNISTA) ..................................... 62
95 COMUNISMO DI GUERRA, NUOVA POLITICA ECONOMICA E NASCITA DELL’URSS ....... 63
96 I TRATTATI DI PACE DEL 1919 E LA SOCIETÀ DELLA NAZIONI ............................................ 64
97 LE CONSEGUENZE SOCIALI ED ECONOMICHE DELLA GUERRA. ......................................... 64
98 CONSEGUENZE POLITICHE DELLA GUERRA: BIENNIO ROSSO E RIVOLUZIONI IN
EUROPA.................................................................................................................................................... 65
99 RIVOLUZIONE E MODERNIZZAZIONE IN TURCHIA ................................................................. 67
100 LA FRANCIA E LA GRAN BRETAGNA TRA LE DUE GUERRE ............................................... 67
101 LA REPUBBLICA DI WEIMAR. ...................................................................................................... 67
102 GLI STATI UNITI NEGLI ANNI 20 E LA CRISI DEL 1929........................................................... 68
103 LE CONSEGUENZE MONDIALI ED EUROPEE DELLA CRISI DEL 1929 ................................. 69
104 ROOSEVELT ED IL NEW DEAL ..................................................................................................... 70
105 CULTURA DELLA CRISI ED ECLISSI DELLA DEMOCRAZIA TRA LE DUE GUERRE
MONDIALI ............................................................................................................................................... 70
Arti e scienze. ........................................................................................................................................ 70
Politica .................................................................................................................................................. 71
106 LA CRISI DELLA REPUBBLICA DI WEIMAR E L’AVVENTO DEL NAZISMO ...................... 71
107 I CARATTERI DEL TERZO REICH: IDEOLOGIA, REPRESSIONE, CONSENSO ..................... 73
Ideologia................................................................................................................................................ 73
Persecuzione degli ebrei ........................................................................................................................ 73
Opposizione al Regime ......................................................................................................................... 73
Forme di consenso al regime ................................................................................................................. 74
108 LO SVILUPPO DELL’UNIONE SOVIETICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI .................... 74
109 STALIN E LO STALINISMO ............................................................................................................ 75
110 I FRONTI POPOLARI ....................................................................................................................... 76
111 LA GUERRA DI SPAGNA ................................................................................................................ 76
2
769927308
01/06/17
112 LA CRISI INTERNAZIONALE DEGLI ANNI TRENTA ................................................................ 77
113 L’IMPERO BRITANNICO TRA LE DUE GUERRE MONDIALI .................................................. 77
114 NAZIONALISMO E COMUNISMO IN CINA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI ................... 78
115 IL GIAPPONE TRA LE DUE GUERRE MONDIALI ...................................................................... 79
116 LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI ............................................................................................... 79
117L’ITALIA IN GUERRA: VICENDE MILITARI, «FRONTE INTERNO»1915-1917 ...................... 79
118 IL 1917 – 1918: DA CAPORETTO A VITTORIO VENETO ........................................................... 80
119 L’ITALIA NEL 1919: TENSIONI SOCIALI, NUOVI PARTITI, ELEZIONI POLITICHE ............ 80
120 IL RITORNO DI GIOLITTI, LA QUESTIONE DI FIUME E L’OCCUPAZIONE DELLE
FABBRICHE. ............................................................................................................................................ 81
121 LA NASCITA DEL PCI: RADICI SOCIALI E POLITICHE E INFLUENZE INTERNAZIONALI 82
122 IL FASCISMO DA MOVIMENTO A PARTITO: LA REAZIONE AGRARIA .............................. 83
123 DAL GOVERNO BONOMI AI GOVERNI FACTA ED ALLA MARCIA SU ROMA ................... 84
124. LA POLITICA ITALIANA DAL ’22 AL ‘25 ................................................................................... 84
125 IL FASCISMO: FORME E STRUMENTI DELLA REPRESSIONE DEL DISSENSO ................... 86
126. IL FASCISMO: IL TOTALITARISMO IMPERFETTO .................................................................. 86
127 IL REGIME FASCISTA: COMUNICAZIONI DI MASSA, SCUOLA, CULTURA ........................ 87
128 LA POLITICA ECONOMICA E SOCIALE DEL FASCISMO PRIMA E DOPO LA GRANDE
CRISI. ........................................................................................................................................................ 87
129 I RAPPORTI DEL FASCISMO CON LA CHIESA CATTOLICA ................................................... 89
130 L’IMPERIALISMO FASCISTA E LA GUERRA D’ETIOPIA ........................................................ 89
131 GLI ANTIFASCISTI ALL’INTERNO E ALL’ESTERNO ............................................................... 90
132 L’ITALIA E IL FASCISMO NELLA SECONDA METÀ DEGLI ANNI ‘30 .................................. 91
133 LE ORIGINI DELLA II GUERRA MONDIALE .............................................................................. 91
134 LA GUERRA IN EUROPA 1939-1941 ............................................................................................. 93
135 L’ATTACCO ALL’UNIONE SOVIETICA....................................................................................... 94
136 L’AGGRESSIONE GIAPPONESE E IL COINVOLGIMENTO DEGLI STATI UNITI ................. 94
137 RESISTENZA E COLLABORAZIONISMO .................................................................................... 95
138 LA SVOLTA DELLA GUERRA E LE VICENDE MILITARI 1943-1945 ...................................... 96
139 LA GUERRA NEL PACIFICO E IN ASIA E LA SCONFITTA DEL GIAPPONE ......................... 98
La prima Arma Totale della storia: la Bomba Atomica ................................................................... 98
140 I PROBLEMI DEL DOPOGUERRA E LE NAZIONI UNITE. ........................................................ 98
141 LA GUERRA FREDDA ................................................................................................................... 100
142 L'URSS E L'EUROPA ORIENTALE DAL 1945 ALLA MORTE DI STALIN .............................. 100
143 L'EUROPA OCCIDENTALE NEL DOPOGUERRA: CARATTERI GENERALI ........................ 101
144 ORIGINI E SVILUPPI DELLA COMUNITÀ EUROPEA ............................................................. 101
145 LA FRANCIA DOPO IL 1945 : LA IV E V REPUBBLICA .......................................................... 102
146 GERMANIA: SPACCATURA DEL PAESE E SVILUPPI SUCCESSIVI DELLE DUE
REPUBBLICHE ...................................................................................................................................... 102
147 GLI STATI UNITI DOPO IL 1945: GLI ANNI 50 E IL MACCARTISMO ................................... 103
148 LA RIVOLUZIONE COMUNISTA IN CINA ................................................................................. 103
149 DISTENSIONE, DESTALINAZIONE, CRISI DEL 1956 .............................................................. 103
150 L'INDIA: L'INDIPENDENZA E SVLUPPI POLITICI SUCCESSIVI............................................ 104
151 LA DECOLINIZZAZIONE IN ASIA .............................................................................................. 104
152 IL MEDIO ORIENTE ISRAELE LE GUERRE ARABOISRAELIANE ........................................ 105
153 L’EGITTO DI NASSER E LA CRISI DEL 1956 ............................................................................ 106
154 LA DECOLONIZZAZIONE DEL MAGHREB E DELL’AFRICA NERA .................................... 107
155 L'AMERICA LATINA NEGLI ANNI ‘50 E ‘60 ............................................................................. 108
156 IL TERZO MONDO, IL NON ALLINEAMENTO E IL SOTTOSVILUPPO ................................ 109
157 KENNEDY, KUSCEV E LA DISTENSIONE ................................................................................. 109
158 LA CINA DI MAO ........................................................................................................................... 110
159 LA GUERRA DEL VIETNAM ........................................................................................................ 111
160 L’URSS E L’EUROPA ORIENTALE DA KRUSCEV A BREZNEV ............................................ 111
161 TRASFORMAZIONE ECONOMICHE, SOCIALI E DI COSTUME TRA GLI ANNI 50-60 ....... 112
162 I MOVIMENTI DI CONTESTAZIONE NEGLI ANNI ‘60 ............................................................ 112
163 CONCILIO ECUMENICO ............................................................................................................... 113
164 EUROPA OCCIDENTALE TRA ANNI SETTANTA E OTTANTA ............................................. 113
165 DITTATURE E DEMOCRAZIE IN AMERICA LATINA ............................................................. 114
166 GLI USA DA NIXON A REAGAN E BUSH .................................................................................. 115
167 DOPO BREZNEV: LA CRISI E LA DISSOLUZIONE DELL'URSS ............................................ 116
168 IL 1989 E LA CRISI DEL COMUNISMO IN EUROPA ORIENTALE ......................................... 116
169 LA GUERRA NEL GOLFO ............................................................................................................. 116
170 L'INTERVENTO ITALIANO NELLA II GUERRA MONDIALE E LE VIVENDE MILITARI .. 117
3
769927308
01/06/17
171 LE VICENDE DEL 1943, IL CROLLO DEL FASCISMO, I 45 GIORNI ...................................... 117
172 LA SPACCATURA DELL'ITALIA: REGNO DEL SUD REPUBBLICA SOCIALE E
RESISTENZA.......................................................................................................................................... 118
173 L'OCCUPAZIONE DELL'ITALIA E LE VICENDE POLITICHE E MILITARI 1943-1945......... 118
174 L'ITALIA DOPO IL 1945: SCELTA ISTITUZIONALE E COSTITUENTE ................................. 119
175 L'ITALIA DOPO IL 1945 : VICENDE POLITICHE, RICOSTRUZIONE, POLITICA ESTERA . 120
176 I PARTITI NELL'ITALIA DEL DOPOGUERRA ........................................................................... 120
177 IL CENTRISMO ............................................................................................................................... 121
178 Miracolo economico e trasformazioni sociali ................................................................................... 121
179 IL CENTRO-SINISTRA ................................................................................................................... 122
180 IL '68 E L'AUTUNNO CALDO ....................................................................................................... 123
181 IL TERRORISMO ............................................................................................................................ 124
182 CRISI DEL CENTRO SINISTRA, SOLIDARIETÀ NAZIONALE, PENTAPARTITO ................ 125
4
769927308
01/06/17
1 I CARATTERI FONDAMENTALI DELLA RESTAURAZIONE IN EUROPA
La Restaurazione, il periodo che comprende la storia europea dal 1815 al ‘30, è caratterizzata dalla
reimposizione, anche contro la volontà dei popoli, di forme di governo e amministrazione
precedenti la Rivoluzione Francese (1790), applicando il principio di legittimità sancito dal
Congresso di Vienna; disconoscendo le nuove grandi tendenze spirituali, le idee di libertà politica e
di nazionalità, in modo da fallire, in definitiva alle aspirazioni di fondere la vecchia con la nuova
Europa. Furono pertanto ristabiliti sui troni europei le dinastie antecedenti il 1790.
Contemporaneamente l’azione politica delle potenze vincitrici aveva l’intento di vigilare e
contrastare i possibili tentativi di rivalsa della Francia e di mantenere lo status quò, impedendo
ogni destabilizzazione dell’ordine ricostituito.
Tre erano le direttrici lungo le quali si sarebbe orientata la Restaurazione:
 Ricostituzione dell’ordine precedente la rivoluzione francese secondo il principio di
legittimità;
 Nuovo assetto politico dell’Europa dopo la sconfitta di Napoleone a Waterloo del Giugno
1815, con egemonia delle nazioni vincitrici;
 Costituzione di un sistema d’alleanze per mantenere a lungo il ricostituito assetto, con un
occhio di riguardo ad eventuali tentativi di rivalsa francese.
Ma troppi erano stati i mutamenti nella società del tempo (la certezza del diritto e l’uguaglianza
formale dei cittadini) e troppo in profondità si erano radicate le idee rivoluzionarie da consentire un tale
progetto. La situazione si sarebbe risolta in un compromesso fa antico e nuovo; fra il ritorno al potere
dei conservatori e il notevole sviluppo dei borghesi (Inghilterra, Francia, Germania, Belgio e Italia
settentrionale).
La stagione della Restaurazione, coincideva con la sconfitta di Napoleone e si proponeva la
ricostituzione del vecchio ordine infranto. Alla base si pose il principio di legittimità, abilmente
proposto dagli stessi francesi al congresso di Vienna (novembre 1814-giugno 1815), che riallocava i troni
su base dinastica (diritto divino dei sovrani, a contrapporsi ai principi rivoluzionari della volontà del
popolo).
Furono ristabilite le reggenze al potere prima del 1790, con l’intento di mantenere la situazione per un
lungo periodo. Per ottenere il risultato era necessaria un’opportuna rete d’alleanze, con l’intento di
vigilare sui tentativi di rivalsa francesi.
 La Santa Alleanza (Francia, Prussia, Russia e Austria)
 Quadruplice Alleanza (Inghilterra, Prussia, Russia e Austria).
Queste diedero inizio al concerto europeo, un dialogo politico periodico fra le potenze.
Con criteri settecenteschi intere regioni passarono da uno stato all’altro, come compensi di guerra,
senza considerare principi di nazionalità e con effetti diversi a seconda dei singoli paesi interessati.
In Gran Bretagna prevalse l’ala destra del partito conservatore, che produsse una politica rivolta a
favorire gli interessi della grande proprietà terriera, inasprendo le tensioni sociali che portarono a
numerose agitazioni operaie.
Prussia, Russia e Austria confermarono i vecchi assolutismi settecenteschi (politiche autoritarie
appoggiate da interventi militari).
La Spagna vide il misero riconoscimento di una costituzione conservatrice e la repressione di tutte le
correnti liberali.
Il Regno dei Paesi Bassi e in alcuni stati della Confederazione germanica i regimi furono
parzialmente rappresentativi con Parlamenti eletti a suffragio ristretto.
In Francia, invece, il nuovo re Luigi XVIII promulgò una costituzione liberale proclamando
l’uguaglianza dei cittadini davanti alla legge, garantì in forma limitata i diritti fondamentali e un
Parlamento bicamerale, che provocò lo scontento dei legittimisti più intransigenti che organizzarono
un partito – ultras - che alla morte del re, avrebbero portato al trono il fratello Carlo X, capo riconosciuto
degli ultrarealisti.
In Italia fu particolarmente dura nel Regno di Sardegna (l’unico autonomo dall’influenza austriaca),
dove fu bloccata la legislazione e altre riforme napoleoniche. Nel Regno delle Due Sicilie e nello
Stato Pontificio le spinte reazionarie furono in parte frenate dalla presenza di correnti moderate.
Nel Lombardo-Veneto autoritarismo e buona amministrazione caratterizzarono la dominazione
austriaca. Agricoltura e industria ne trassero benefici così come la rete interna di comunicazioni, che
la resero la più avanzata d’Italia economicamente.
2 IL CONGRESSO DI VIENNA E LA SANTA ALLEANZA
Il Congresso di Vienna fu proposto dal cancelliere austriaco: Metternich, dopo la caduta dell’Impero
napoleonico ad opera delle potenze vincitrici (Inghilterra, Russia, Austria e Prussia), per portare in
Europa un equilibrio politico che impedisse il sorgere di nuove rivoluzioni.
5
769927308
01/06/17
Inaugurato nell’Ottobre 1814 e terminò i propri lavori nel Giugno 1815. Nell’occasione furono sanciti
i principi della Restaurazione, per la ricostruzione di un equilibrio solido e duraturo, su proposta del
Principe di Taylerrand, delegato francese che si seppe inserire nella partita politica, sulla base del
“principio di legittimità”.
Parteciparono ai lavori moltissime delegazioni diplomatiche, ma le decisioni più importanti furono prese
dalle quattro maggiori potenze vincitrici della guerra a Napoleone: Gran Bretagna (Castlereagh),
Russia (Nasselroad delegato dello zar), Prussia (il cancelliere Hardenberg) e Austria (Metternich).
Riuscì, ad inserirsi nella riunione anche la Francia, grazie all’abilità di Taylerrand che permise alla sua
nazione di rimanere un pilastro del nuovo equilibrio europeo. Il principio di legittimità che ispirò il
congresso, suggerito dal delegato francese si riveriva ad una legittimità dinastica, basata sul diritto
divino dei sovrani (contrapposta ai principi rivoluzionari del potere per volontà del popolo). Sulla base di
quanto furono ristabiliti sui troni quei sovrani che erano al potere prima del 1790:
la Francia nonostante la sconfitta,conservò l’integrità territoriale
La Prussia ottenne la Sassonia e alcuni territori nella zona del Reno;
L’infinità dei vari stati tedeschi furono ridotti di numero e riuniti in una Confederazione germanica
(vedi Austria);
La Russia annesse: una fetta rilevante della Polonia, che costituì un regno autonomo unito all’impero
Russo; Finlandia, Polonia e Bessarabia;
L’Inghilterra non ebbe in Europa vantaggi territoriali rilevanti (Malta e alcune isole), ma entrò in
possesso di molte colonie francesi e olandesi (Colonia del Capo, Isola di Ceylon). Rafforzò quindi la
sua presenza nel Mediterraneo e nei mari in genere, mantenendo la supremazia navale e l’egemonia
economica;
Spagna e Portogallo mantennero le vecchie monarchie;
L’Austria perse Belgio e Lussemburgo che con l’Olanda formarono i Paesi Bassi, ma tornò in
possesso di:
Lombardo-Veneto;
Trentino e Tirolo;
Della Repubblica Indipendente di Venezia;
Il diritto di mantenere guarnigioni nel Granducato di Parma e Piacenza;
una notevole influenza militare nelle due Sicilie e Legazioni Pontificie;
Ottenne la presidenza della Nuova confederazione germanica.
Per il mantenimento del nuovo ordine fu istituita, per idea dello zar d’Alessandro I, la Santa Alleanza
(chiamata così per i suoi riferimenti mistico-religiosi), come appendice del Congresso di Vienna. Vi
aderirono: Francia, Russia, Prussia e Austria, ma non l’Inghilterra, che non si riconosceva nei
presupposti religiosi dell’accordo.
Si propose di mutuare le regole principali della religione cristiana per creare quei vincoli di
fratellanza per i sovrani considerati padri dei loro popoli. Fu trasformata dal Metternich come
strumento d’intervento per stroncare ogni tentativo di restaurazione liberale in Europa.
Per tutta risposta la stessa Inghilterra propose un secondo trattato – la Quadruplice Alleanza (- con
Russia, Prussia e Austria) che impegnava a vigilare sulle ambizioni di rivalsa francesi.
Le due alleanze prevedevano consultazioni periodiche tra le potenze, nacque così il cosiddetto
concerto europeo, un dialogo costante fra le potenze.
3 LA CULTURA DEL ROMANTICISMO E LA POLITICA
Durante l’età della Restaurazione in tutta Europa si diffuse la cultura romantica, nata in Germania
negli ultimi decenni del ‘700 (Hamann e Herder). Si contrapponeva al razionalismo settecentesco,
esaltando la spontaneità dei sentimenti, la libera creatività e i valori di tradizione, nazione e
patriottismo.
 Presto si diffuse in Inghilterra coi romanzi storici di Walter Scott;
 in Francia nella versione cattolica e tradizionalista di Chateaubriand;
 In Italia spiccherà soprattutto la “scuola Lombarda” che ebbe nella rivista “Il Conciliatore” un
veicolo culturale molto innovativo e vide il suo esponente di spicco in Alessandro Manzoni.
Dal 1815 si affermò un po’ ovunque come un riferimento comune della cultura europea dalla poesia al
romanzo, dalla musica alla pittura. La sensibilità romantica fu un fenomeno di costume per i giovani
intellettuali, diventò un modo di muoversi, vestirsi, nuova visione dell’abbigliamento,
dall’accostamento dei colori all’indossare un abito. Per alcuni si tradusse anche in una riscoperta
religiosa, in particolare un riavvicinamento al cattolicesimo con le sue gerarchie e suoi culti
tradizionali, per altri non significò un ritorno al passato e alle tradizioni, ma un nuovo concetto di
libertà, collegato con il sistema dei valori di chi combatteva contro la restaurazione. Per Francia,
Spagna e Gran Bretagna, l’idea di nazione e di patriottismo poteva esprimersi compiutamente grazie alla
6
769927308
01/06/17
storia unitaria, ma molti altri paesi che dovevano riconquistare la loro indipendenza, come Polonia, Italia
e Grecia, il sentimento patriottico assumeva un carattere rivoluzionario e nazionalistico.
4 IL CONCETTO DI NAZIONE E LO SVILUPPO DEL LIBERALISMO
I concetti principali che emersero dalla Restaurazione furono due:
 nuovo ideale di nazione, come entità omogenea che accorpa un tutt’uno di persone che
condividono cultura, lingua, tradizioni e religione;
 contrapposizione tra legittimisti (ritorno all’antico regime) e liberali-democratici (desiderosi
di un sistema rappresentativo e di una costituzione).
Il liberalismo poteva basare le sue tesi su un aspetto ideale e un materiale:
 gli ideali di libertà illuminista di Locke (Il Re regna ma non governa, il cittadino non è prevaricato
dal governo e può essere certo del mantenimento dei suoi diritti fondamentali) e Montesquieau (La
libertà è il bene fondamentale che permette il godimento di tutti gli altri beni. È l’uomo a formare lo
stato, non viceversa);
 le realtà istituzionali americane e inglesi, frutto dell’evoluzione delle idee rivoluzionarie in Francia,
America e Inghilterra
Se sul piano teorico le differenze tra liberali e democratici erano nette, su quello pratico trovavano il
loro punto d’unione negli obiettivi comuni:
 lotta ai principi della Restaurazione;
 parlamenti elettivi con regimi costituzionali;
 la garanzia dei diritti fondamentali.
Il modello politico liberale proponeva la tolleranza e la libertà d’opinione, la divisione dei poteri, la
rappresentatività elettiva limitata ad un’elite di cittadini, sull’esempio del modello britannico
(rispettato della proprietà privata, della libera iniziativa, assicurazione dei diritti fondamentali come la
libertà di pensiero, stampa e associazione; esercizio della rappresentatività solo tra aristocratici e
borghesi.
Il modello politico democratico invece prevedeva il principio fondamentale della sovranità popolare,
espressa attraverso il suffragio universale come unico modo per assicurare una giustizia sociale;
sull’esempio della rivoluzione francese.
Ad aumentare la coesione fra democratici e liberali contribuì un nuovo sentimento nazionalista dovuto
dall’eccessivo accanimento degli stranieri invasori nei territori occupati e un forte supporto culturalefilosofico romantico. Il nuovo impulso nazionalista trovò concretezza in numerosi episodi di sommosse
di democratico-liberali di cittadini, nati in un certo territorio, che parlano la stessa lingua e che hanno
costumi e tradizione comuni capaci d’esprimere una volontà comune.
5 LE SOCIETÀ SEGRETE NELL’EPOCA DELLA RESTAURAZIONE
Nei paesi sottoposti alla Restaurazione la lotta per l’affermazione degli ideali liberali, democratici e
nazionali, assunse forme illegali e segrete. A prendere parte a queste organizzazioni furono soprattutto i
militari ed ex-burocrati che erano stati epurati dai loro incarici precedenti con l’avvento della
Restaurazione. Ma gli stessi legittimisti se ne servirono per combattere gli avversari politici e per
privilegiare le proprie politiche.
Le società segrete più note erano ispirate a principi democratici e liberali, presero ispirazione dalla
Massoneria, nata nel Medioevo come corporazione di mestiere e divenuta nel ‘700 centro di diffusione
degli ideali laici ed illuministi. La più importante fu la Carboneria(ma anche gli Adelfi e i Filadelfi)
presente soprattutto in Spagna e Italia, con ideali di liberalismo democratico moderato.
Le strutture erano di tipo verticistico e gerarchicizzato (ogni adepto aveva una propria collocazione e
dei propri compiti, funzione dello stato sociale e del grado ricoperto). Il numero elevato di militari
aumentava la disponibilità di forza armata capace di fornire il braccio armato per la realizzazione pratica
dei moti(come in Spagna nel‘20, grazie ai Comuneros, o in Piemonte e Lombardia nel ’31).
Ma una mancanza di coordinamento e d’intenti generalmente provocò i fallimenti delle sollevazioni che
organizzarono. Ad esempio, i carbonari siciliani chiedevano la costituzione e l’autonomia dal Regno di
Napoli; i carbonari napoletani volevano, anch’essi, la Costituzione, ma il controllo dell’isola siciliana; i
carbonari veneti e Piemontesi volevano la costituzione francese del ’14 e l’indipendenza dall’Austria e si
proponevano di costituire un regno dell’Italia Settentrionale.
Fa una timida apparizione anche un’organizzazione chiamata Federazione Italiana che per la prima volta
propose ideali d’unità nazionale.
7
769927308
01/06/17
6 LE RIVOLUZIONI E I MOTI DEGLI ANNI VENTI IN EUROPA
L’ondata rivoluzionaria partì dalla Spagna, dove la restaurazione fu durissima causando una profonda
crisi economica e aggravata dalle rivolte nelle colonie, uno dei paesi in cui era più dura la
repressione. Con una situazione economica allo strenuo e, nel 1820, durante l’imbarco di nuove truppe
per il sud America, alcuni reparti ammutinarono sotto il comando di Raffael Riego dei Comuneros. Il
Re Ferdinando VII fu costretto a concedere la Costituzione di Cadige del 1812, continuando però ad
osteggiare la frangia liberale, poco invisa ad una massa contadina pilotata dalla Chiesa.
Così da riuscire a breve a riprendere il potere, grazie all’intervento della Francia nel ’23.
Anche in Portogallo il Re Giovanni VII fu costretto a concedere una Costituzione.
Quindi scoppiarono rivolte, anche nel Regno delle Due Sicilie e in Piemonte e Lombardia. Entrambi i
progetti insurrezionali sarebbero falliti.
Dopo poco anche il Portogallo mise fine alla fase liberal-democratica.
L’ultima rivoluzione europea fu quella in Russia del moto decabrista nel ‘25. Esigui gruppi
d’intellettuali e ufficiali dell’esercito cercarono d’imporre dottrine liberali, provando soprattutto ad
ammutinare l’esercito. La rivolta scoppiò a Sanpietroburgo in occasione dell’insediamento del nuovo
ZAR Nicola I. Provocò reazioni durissime e una violenta repressione delle truppe zariste ripresero il
controllo della situazione.
L’unica rivoluzione che si concluse positivamente fu quella dell’indipendenza greca dal dominio
turco, favorita dall’avvallo delle potenze europee contrarie alla presenza turca nel continente. La
partecipazione popolare rappresentò l’elemento vincente della rivolta. La setta patriottica Eteria
organizzò l’insurrezione nel ‘21 scatenando una serie di durissime repressioni ottomane da causare forte
sdegno nell’opinione pubblica europea. Inghilterra, Francia e Russia intervennero per equilibrare
l’appoggio egiziano ai turchi. Nel ‘27 la flotta turco-egiziana si scontrò con quella “alleata” e fu
sconfitta La vittoria decretò l’indipendenza della Grecia (e l’autonomia della Serbia, Moldavia e
Valacchia) e l’annessione d’alcuni territori dell’Impero ottomano, da parte della Russia.
7 L’INDIPENDENZA DELL’AMERICA LATINA
In America Latina le colonie spagnole e portoghesi portavano a compimento la loro indipendenza,
sfruttando le difficoltà in cui verteva la situazione europea.
Dal ‘700 questi paesi fungevano da magazzino di materie prime e prodotti agricoli (zucchero, cacao,
tabacco, caffè). Grandi monoculture in ampi territori, coltivate da schiavi neri africani, di proprietà di
pochi ricchi con una stratificazione sociale:
 latifondisti bianchi d’origine europea;
 creoli, bianchi d’origine europea discendenti dei primi coloni;
 meticci locali di ceto medio-basso, artigiani e commercianti dipendenti dai creoli;
 indios, i locali più poveri;
 i neri, solitamente schiavi.
L’organizzazione delle rivolte indipendentiste fu proposta dagli stessi creoli che volevano liberarsi dal
controllo e sfruttamento dei funzionari spagnoli.
La prima fase della lotta cominciò quando Napoleone invase la Spagna. Al posto dei governatori
s’insediarono delle rappresentanze locali creole. Il percorso verso l’indipendenza, s’interruppe nel ‘14’15 in coincidenza con la sconfitta di Napoleone e la Restaurazione. Il ristabilito trono spagnolo inviò
truppe regolari contro i ribelli.
La seconda fase cominciò subito dopo, nel 1816. Appoggiata dalla Gran Bretagna interessata a
subentrare alla Spagna negli interessi commerciali, vide l’organizzazione di autentiche operazioni
militari, distribuite su due fronti: al nord un esercito guidato da Bolívar e a Sud nelle province del Rio
de la Plata (attuale Argentina) un contingente guidato da San Martin(ufficiale spagnolo passato agli
insorti). Tra il ‘16 e il ’19 i ribelli resero indipendenti Argentina, Cile e Colombia.
La terza fase, nel ’20. La Spagna travolta dalla rivoluzione liberale bloccò l’invio di nuove truppe. I
rivoluzionari (appoggiati da Inghilterra e USA) completarono l’emancipazione con l’intento di creare
una confederazione sullo stile americano.
Il progetto si scontrò però con l’impreparazione politica delle classi sociali locali e i contrasti
territoriali, sorti fra i nuovi stati durante la lotta di liberazione. Si verificò, altresì, un’ulteriore
frammentazione tra gli stati liberati (la Gran Colombia che si divise in Venezuela, Colombia ed
Equador; ecc.). La situazione economica era molto difforme da quella statunitense. Tre secoli di
sfruttamento avevano orientato la politica economica all’esportazione in Europa bloccando, di fatto,
lo sviluppo del mercato interno succube di quello europeo. Alla fine gli squilibri sociali risultarono
aggravati, ovunque era presente povertà e analfabetismo; solo su piano dei diritti civili ci furono dei
8
769927308
01/06/17
progressi: fu abolita la schiavitù e le discriminazioni razziali si attenuarono, ma i nuovi organi
rappresentativi non riuscirono ad assumere una fisionomia politica stabile. L’amministrazione dei
territori era particolarmente difficile, anche a causa della scarsezza d’infrastrutture e dei grandi spazi
tipici del continente. Questa situazione porterà spesso a situazioni di malcontento e a sommovimenti
rivoluzionari che favoriranno repressioni militaresche con l’ascesa al potere di governi autoritari.
8 LO SVILUPPO DEGLI STATI UNITI NELLA PRIMA METÀ DEL ’800
Gli Stati Uniti all’inizio del ’800 occupavano solo una piccola striscia di costa Atlantica, e
presentavano una netta separazione territoriale-politica.
stati del Sud, grandi piantagioni lavorate da schiavi neri africani con un’economia dedita quasi
esclusivamente all’agricoltura;
stati del Nord, coi primi insediamenti industriali e dotati di una buona rete di trasporti basati su uno
sviluppo economico tipicamente liberista.
L’espansione americana avvenne lungo due direttrici principali: Ovest e Sud.
Per posizione geografica erano naturalmente incentivati all’espansione verso ovest; con lo Spirito
della Frontiera ondate successive di pionieri aggiornarono periodicamente i confini dello Stato
spaziando con libera iniziativa (proprio dal necessario individualismo nascerà lo spirito americano),
anche se frequentemente il governo centrale li appoggiava militarmente nei frequenti conflitti con le
tribù indiane(nativi nomadi con cui la convivenza non fu mai facile, che dopo una serie di sanguinosi
conflitti furono costretti in riserve territorialmente sempre più esigue).
L’espansione a Sud, fu propiziata grazie all’acquisto della Louisiana nel 1803 da una Francia
indebitata dalle guerre napoleoniche; e della Florida dalla Spagna, in difficoltà per le lotte
d’indipendenza in America latina.
Un tentativo d’espansione a Nord, fu segnato dall’insuccesso militare contro il Canada appoggiato
dalla Gran Bretagna.
L’evoluzione politica del sistema americano era favorita dall’inesistente radicamento aristocratico nel
paese, in breve si affermò lo spirito di frontiera anche nella politica, le istituzioni procedettero ad un
costante processo di democratizzazione sul modello dello stile britannico: competizione dei partiti
aperta con scelta della rappresentatività(a suffragio limitato).
La scena politica fu dominata dal contrasto tra federalisti e repubblicani.
 I federalisti con leader Washington, esprimevano gli interessi della borghesia urbana,
favorevoli ad un’economia protezionista che prevedeva il rafforzamento del potere centrale.
 I repubblicani di T. Jefferson, esprimevano gli interessi degli agricoltori del Sud favorevoli ad
una politica liberista (per incentivare l’esportazioni) e assertori di un sistema federalista con
ampie autonomie locali.
Dopo un ventennio di supremazia federalista, salirono al potere i repubblicani di Jefferson nel 1800
e vi rimasero per quasi 30 anni, risentendo del profondo mutamento avvenuto nella seconda metà
degli anni ‘20.
Scomparsi di scena i federalisti, i repubblicani si divisero in:
 whigs (liberali), eredi del programma federalista;
 democratici desiderosi di un’ampia democratizzazione.
Furono proprio i democratici ad affermarsi nel ‘28, con Jackson che abbassò i dazi doganali e allargò
il diritto di voto svincolandolo dai criteri di censo.
La lotta d’indipendenza nei paesi latino-americani offrì l’occasione agli USA di scalzare la Gran Bretagna
e imporre la propria egemonia economica-politica sul continente. Il presidente Monroe nel 1824
dichiarò che tutto il continente era americano e ogni eventuale tentativo di colonizzazione sarebbe
stato considerato atto ostile. Questo fu uno dei motivi per cui le potenze europee evitarono gli aiuti
alla Spagna.
Negli anni successivi l’espansione avvenne con l’annessione del Texas. Lo Stato apparteneva al
Messico, dopo una forte immigrazione americana si autodichiarò prima indipendente, poi manifestò il
desiderio di annettersi agli USA(1845). Ne seguì una guerra col Messico (’45-’48) che si concluse con
una netta vittoria americana. Ulteriore espansione del neonato Stato avvenne poco dopo con l’acquisto
della California (dal Messico), particolarmente importante per i suoi giacimenti auriferi.
9
769927308
01/06/17
9 LE RIVOLUZIONI E I MOTI DEL 1830-1831 IN EUROPA
Fra il ‘30-‘31l’Europa fu attraversata da una seconda ondata rivoluzionaria, simile a quelli degli
anni ’20, ma che riuscì a mettere in crisi i principi della Restaurazione. Primo e più importante fatto
si verificò in Francia, dove il Re Carlo X, successo a Luigi XVIII, tentò di ristabilire un rigido
autoritarismo assecondato dagli ultras, limitando le libertà costituzionali in favore di privilegi per clero
e aristocrazia. Il Parlamento cercò di varare una serie di riforme per rafforzare i propri poteri di
fronte al sovrano, ma queste furono sistematicamente bloccate, fino a che lo stesso Carlo X tentò un
vero e proprio colpo di stato emanando ordinanze con le quali:
 sospendeva la libertà di stampa
 scioglieva la Camera appena eletta;
 modificava a proprio favore la legge elettorale.
Contro il Re si schierarono in molti: democratici, intellettuali liberali, ma soprattutto la ricca
borghesia e persino l’aristocrazia illuminata. Il popolo parigino nel Luglio ‘30 scese in piazza,
costringendolo ad abbandonare la capitale e nominando al suo posto Luigi Filippo d’Orléans che
s’ispirò dall’inizio a un liberalismo moderato, e in politica estera per un moderato appoggio alle forze
liberali in Spagna e Portogallo.
La Rivoluzione Di Luglio aprì nuovi fronti in Europa, a partire dal Belgio (che era allora unificato con
l’Olanda in un unico stato). Il paese cattolico, dopo l’annessione al Regno dei Paesi Bassi decisa al
congresso di Vienna si trovò succube dei protestanti olandesi. Lo scontento provocò un’insurrezione a
Bruxelles nell’Agosto ’30 che portò all’intervento di Francia e Gran Bretagna, che ne ottennero la
discussione questione a una conferenza internazionale, che sancì l’indipendenza belga, con la nuova
monarchia affidata a un principe di Sassonia.
Altre insurrezioni, con esiti negativi, si verificarono in Italia settentrionale (Parma, Modena e Bologna)
e Polonia (che in un primo tempo conquistò l’indipendenza dall’impero russo, ma che poi fu
sottoposta ad un’opera di repressioni e di “russificazione”).
Verso la prima metà degli anni ‘30 si configurò una divisione in Europa:
 nuove monarchie liberali: Spagna, Portogallo, Inghilterra e Francia;
 vecchie monarchie autoritarie: Austria, Prussia e Russia.
10 IL REGNO DI LUIGI FILIPPO IN FRANCIA
Filippo Luigi d’Orleans, Re dopo i moti del ’30, attuò una politica interna liberal-moderata, e in
politica estera, per il non intervento nelle insurrezioni scoppiate in altre zone(soprattutto quelle più
distanti). Varò una nuova Costituzione:
 allargava il diritto di voto;
 rafforzava il controllo del Parlamento sull’esecutivo;
 realizzava una netta separazione tra Stato e Chiesa (laicizzazione).
Il suo indirizzo politico s’identificava con gli interessi dell’alta borghesia degli affari, questo non gli
consentiva d’avere un adeguato consenso. L’esecutivo trovò l’opposizione di aristocrazia (ultras
legittimisti) e clero, ma anche quella degli stessi rivoluzionari democratici che, organizzatori della
sommossa di Luglio erano diventati i veri padroni dell’ordine sociale. Quest’ultimi provocarono
insurrezioni nel paese chiedendo a gran voce una politica più radicale e liberista. L’instabilità
dell’esecutivo provocò una variazione di rotta nella politica di Luigi Filippo in senso conservatore,
con la nomina a capo del governo di Guizot(teorico del giusto mezzo fra legittimisti e rivoluzionari). Il
nuovo primo ministro limitò la libertà di stampa e di associazione, con lo scopo di ristabilire l’ordine
pubblico. Per riprendere in mano le redini del potere fu incrementata la repressione energica dei
malcontenti attraverso un incremento dei poteri ai rappresentanti pubblici. In questo modo la classe
dirigente contribuì ad accrescere quel malcontento da qualche tempo avvertito e che vedeva una netta
contrapposizione tra un paese legale (quello della classe dirigente, onnipotente) e il paese reale
(quello della popolazione, inerte). Se da un punto di vista sociale la politica di Guizot fu un
fallimento, da quello economico, favorì soprattutto la gran borghesia degli affari, contribuendo a
sviluppare il paese, ma anche ad aumentare ulteriormente il divario fra le classi ricche e povere;
provocando insanabili malcontenti che avrebbero portato a breve ad ulteriori cambiamenti dello
scenario francese.
11 L’INGHILTERRA NELL’ETÀ DELLE RIFORME (prima metà 800)
Fra gli anni‘20 e’40 l’Inghilterra visse una stagione decisiva nella sua storia liberale.
10
769927308
01/06/17
Le riforme più significative si ebbero quando nelle file del partito conservatore prevalse la
componente meno radicale con: Canning, artefice della politica britannica al di fuori dall’equilibrio
del congresso di Vienna, e Peel grande riformatore. Numerose furono le riforme in campo sociale:
 concessione ai lavoratori di unirsi in libere associazioni. Sorsero numerose unioni di mestiere
(Trade Unions) organizzate dagli operai per la tutela dei diritti e per le rivendicazioni
economiche(i primi sindacati);
 Nel ‘28-29 riconoscimento della parità dei diritti alle differenti religioni (protestanti della
Chiesa Anglicana e cattolici soprattutto irlandesi).
Ma il nodo fondamentale era quello della riforma elettorale che vedeva allargarsi considerevolmente la
base attiva rendendola adatta all’evoluta situazione economica del paese. All’inizio degli anni ’30,
una coalizione fra whigs e tories liberali, affrontò il problema delle circoscrizioni elettorali, che
penalizzava i grossi centri abitati. Ad accelerare i termini della politica riformatrice contribuì
l’ascesa al trono del nuovo Re Guglielmo IV, favorevole all’indirizzo liberale.
Furono approvate ancora, numerose e importanti riforme:
 lavoro nelle fabbriche (10 ore massime giornaliere);
 poveri(erogazione di indennizzi da statali);
 una nuova riforma elettorale che avrebbe ulteriormente allargato la base attiva (benché
rimasero ancora fuori dal sistema le classi più povere, il sistema inglese era il più moderno ed
efficiente d’Europa).
In questo panorama estremamente favorevole alla concertazione sociale, i leaders delle Trade Unions,
nel ‘38 elaborarono un documento - la Carta del popolo (da cui movimento cartista) - con il quale si
chiedeva:
 il suffragio universale maschile;
 la garanzia della segretezza del voto;
 l’abolizione dei criteri di censo per l’eleggibilità.
Il movimento cartista rimase attivo per molti anni, ma non riuscendo ad ottenere nessuno dei suoi
obiettivi finì con l’esaurirsi spontaneamente.
Tra la fine degli anni ’30 e l’inizio dei ’40, con l’appoggio del partito liberale, si abbattevano i dazi
doganali che, se da una parte salvaguardavano la produzione nazionale, dall’altro bloccavano l’economia
e sfavorivano le classi più povere. In questo modo, la ricca borghesia, vedeva soddisfatta la propria
richiesta di rimozione degli ostacoli che si opponevano principalmente all’esportazione dei prodotti.
Nel ‘46 con l’abolizione del dazio sul grano, si decretava la vittoria del liberismo.
12 CONFLITTI ED EQUILIBRI INTERNAZIONALI 1830-1848
La contrapposizione nata dopo i moti del ’30 in Europa tra monarchie illuminate e autoritarie, aveva
creato una frattura evolutiva tra i due schieramenti.
Inghilterra e Francia dimostrarono dinamismo politico e sociale.
Austria, Russia e Prussia si chiusero ad ogni innovazione, con rifiuto per ogni organo rappresentativo
e ciascuno la propria caratteristica:
 Per la Russia, il problema principale era la disastrosa situazione economica-sociale che
provocava continue rivolte contadine;
 L’Austria doveva fronteggiare le spinte autonomiste delle diverse etnie.
 La federazione germanica ebbe vita a sé. Il conservatorismo aristocratico unito ad un forte
nazionalismo finirono col rappresentare un elemento di coesione e di sviluppo dell’economia
(e della borghesia) che trovò il suo risultato più brillante nel breve con l’unione doganale del
‘34 (Zollverein –a differenza del liberismo inglese prevedeva l’abbattimento delle barriere
interne). Il sistema oligarchico teutonico rappresentò un punto di forza per lo sviluppo del
paese, un primo passo per l’unione politica del Reich.
In politica internazionale gli anni furono segnati dall’intesa tra Inghilterra e Francia, entrambe ostili
alle mire espansionistiche russe nei Balcani(contro i turchi). La questione d’Oriente: l’Egitto, di
Mohammed Alì, volle rendersi indipendente dalla Turchia. La Russia desiderosa d’ottenere vantaggi
per la navigazione(stretti: Dardanelli e Bosforo)si schierò con la Turchia; nacquero due guerre turcoegiziane:
 primo scontro(‘32-33) culminò con un tentativo di mediazione degli anglo-francesi e si
concluse con una vittoria diplomatica russa;
 secondo scontro(‘39-‘40)segnò la rottura tra l’intesa anglo-francese. L’Inghilterra appoggiò la
Turchia, in funzione antirussa, mentre la Francia l’Egitto per rafforzare la sua posizione nel
Mediterraneo. Le sorti del contrasto arrisero all’Inghilterra (anche per un cedimento politico
della Francia) e terminò con la conferenza di Londra del ’41.
 l’Egitto rimase turco e la Russia rinunciò ai privilegi marittimi sugli stretti.
11
769927308
01/06/17
La politica estera francese, del ministro Guizot, impedì il rappacificamento con l’Inghilterra. Il suo
timore d’ulteriori sviluppi rivoluzionari lo riaccostò alle forze conservatrici per finire con l’assumere il
ruolo di custode dei privilegi della monarchia. Ruolo che si concretò appieno nell’intervento nella
guerra civile in Svizzera. Nel ‘45 i cantoni cattolici, si staccarono da quelli protestanti, la Francia si
schierò coi primi, la Gran Bretagna con i secondi. L’intervento non fu necessario a causa della secca
sconfitta interna dei secessionisti(la nuova Confederazione. Elvetica aveva forma democratica: una
nuova Costituzione e un parlamento elettivo).
13 I FATTORI DINAMICI DELLO SVILUPPO ECONOMICO EUROPEO NEL 1° 800
La prima metà del ‘800 offre una realtà contraddittoria sul piano economico.
 una realtà preindustriale trainata dall’inarrivabile Inghilterra;
 una realtà alle prese con una serie di segnali che porterà, negli anni ’30, all’affermarsi del
capitalismo europeo.
L’economia dell’Europa continentale era essenzialmente agricola, in uno stadio tecnicamente ancora
arretrato, malgrado alcune innovazioni introdotte da poco come la rotazione delle colture e le prime
macchine agricole. L’arretratezza era dovuta anche all’eccessiva frammentazione del mercato, alla
scarsità di vie di comunicazione e l’elevato numero di barriere doganali. Altro elemento critico furono
le carestie del ’16-‘17 e del ’46-‘47(con effetti devastanti soprattutto sulla poverissima Irlanda).
Nonostante ciò, si verificarono numerosi fattori di dinamicità rispetto al passato.
La crescita demografica che in mezzo secolo fece salire del 50% la popolazione europea( dovuta al calo
della mortalità, ai progressi della medicina e nell’igiene).
Il lento ma costante allargamento del mercato favorì il commercio (che con la colonizzazione divenne
internazionale).
Il progresso scientifico che portò numerose innovazioni e scoperte e l’introduzione della macchina a
vapore, sia come strumento di locomozione (trasporti) che di lavoro. L’invenzione della
locomotiva(Stephenson) favorì le comunicazioni con la rete ferroviaria (soprattutto in Gran Bretagna,
Usa e Belgio) e: siderurgia e meccanica.
14 INDUSTRIALIZZAZIONE E NASCITA DELLA CLASSE OPERAIA
L’età della Restaurazione mostrò all’Europa come fosse improponibile la concorrenza coi prodotti
dell’economia liberista inglese. La scarsità dei capitali e l’inadeguatezza del sistema bancario
contribuivano a divaricare il tenore di vita europeo rispetto a quello britannico.
Nacquero centri d’industria moderna, soprattutto nel settore tessile e meccanico, nelle zone ricche di
materie prime o sorgenti d’energia (idrica o carbonifera). Lo sviluppo fu favorito soprattutto laddove
proliferava la borghesia imprenditoriale, che favoriti dalla buona congiuntura economica degli anni 30
avevano dato il via alla prima rivoluzione industriale.
Il Belgio(supportato dall’Inghilterra)fu il primo e più importante esempio di stato industrializzato.
La Francia ebbe una crescita più lenta, (sviluppo nei settori laniero e cotoniero). Ad impedire un
decollo più rapido fu la presenza di piccola e media proprietà contadina che teneva legati alla terra
capitali e forza-lavoro.
La Germania a metà del secolo era ancora indietro, ma gettava le premesse per il futuro. Svantaggiata
dallo strapotere aristocratico e dalle numerose barriere doganali, giocava tutte le sue carte nella
costruzione di una rete ferroviaria e nello sviluppo dell’istruzione (chimica, siderurgia e ingegneria).
Al di fuori di questi paesi l’industria moderna era praticante sconosciuta.
Con la nascita dell’industria, prendeva forma un nuovo conflitto sociale: quello tra borghesi e
proletari, imprenditori e salariati (proletari = proprietari di prole).
Quella dell’operaio di fabbrica era una figura sociale nuova, che a differenza dei vecchi artigiani
mancava di qualifica ed era privo d’abilità tecniche proprie. Le loro condizioni di vita peggiorarono
soprattutto a causa degli enormi costi d’avviamento dell’attività. Lavoravano anche donne e ragazzi,
gli orari massacranti, i salari molto bassi. Le condizioni di vita nei nuovi centri urbani erano carenti
d’igiene e inadatte a sopportare veloci variazioni di densità di residenti.
Le classi dirigenti, tentarono timide aperture riformiste per rimediare la drammaticità di tali
condizioni; ma la risposta migliore per la tutela della nuova figura professionale provenne
dall’interno: nasce l’associazionismo degli operai stessi.
Le prime forme di protesta assunsero i toni singolari del luddismo(violenza contro apparati
produttivi). In seguito, quando le associazioni si strutturarono opportunamente, nacquero nuclei
sindacali, come le Trade Unions in Inghilterra, le corporazioni di mestiere in Germania e le società
di mutuo soccorso in Francia (queste ultime con intenti più paternalistici che tutelativi); con l’intento di
tutelare la nuova figura sociale.
L’emergenza sulla questione operaia e lo sviluppo delle associazioni di categoria, portò all’ordine del
giorno delle nazioni in via d’industrializzazione la ricerca della gestione politica e sociale del confronto.
12
769927308
01/06/17
15 LE ORIGINI DEL SOCIALISMO E LE SUE DIVERSE MATRICI IDEOLOGICHE
Le nuove idee rivoluzionarie che presero forma l’industrializzazione, erano troppo innovative pur non
riuscendo a concrearsi in ambito istituzionale, gettarono le basi per la realizzazione del primo grande
partito di massa della storia.
Accettata l’industrializzazione come unica strada per lo sviluppo, la nascita del proletariato, porterà lo
sviluppo di nuove idee: socialiste, indispensabili per ridisegnare le tutele del proletariato, con
l’esigenza di strutturare contrappesi politici-sociali. Precursori dell’ideologia socialista furono l’inglese
Owen e il francese Saint-Simon.
Owen pensava che il sistema industriale potesse offrire il meglio delle sue potenzialità anche senza
sfruttare i lavoratori. Ricco industriale, intraprese un tentativo di costituzione di una piccola comunità
socialista; ma nella realtà realizzò un’industria modello in cui agli operai furono offerte tutele per quel
tempo inimmaginabili. L’eccessiva ambizione del suo progetto finirono con l’isolarlo e limitarlo alla
battaglia istituzionale per lo sviluppo delle Trade Unions in Inghilterra.
Saint-Simon vedeva la realtà industriale come l’unica strada percorribile dalla società ottocentesca,
teorizzò una società liberata da ogni parassitismo e governata da tecnici e produttori(influenza
economica nella politica).
In Francia si svilupparono numerose correnti filosofico-utopistiche:
 Fourier che auspicava una comunità in cui i lavoratori scegliessero il lavoro secondo le proprie
inclinazioni;
 Cobet e Blanqui, che vedevano nell’insurrezione popolare l’extrema ratio per affidare il pieno
governo al popolo(le prime idee rivoluzionarie);
 Blanc precursore del socialismo riformista, per cui la soluzione dei mali del capitalismo dovevano
essere superati dall’intervento di uno stato moderatore;
 Proudhon teorico dell’esigenza rivoluzionaria per contrastare il capitalismo.
Le ideologie socialiste si svilupparono anche nei pensatori tedeschi. Nel ’47 a Londra, fu fondata la
Lega dei comunisti, fu affidato a Karl Marx e Friedrich Engels, l’incarico di stenderne il Manifesto
programmatico. Marx e Engels proposero il loro socialismo scientifico che univa a una carica
rivoluzionaria un solido fondamento economico. Nucleo centrale delle teorie era la visione
materialista della storia, come cioè fosse stata caratterizzata da un susseguirsi di lotte di classe dovute
ad interessi economici, che trovava la sua attualizzazione all’interno del nuovo sistema industriale, nel
nuovo conflitto tra borghesia e proletariato. Erano i proletari ad essere in numero maggiore e a
trovarsi nelle condizioni d’inferiorità, per risolvere questa incongruenza l’unica soluzione era la rivolta
popolare (niente da perdere se non “le proprie catene”). Una rivolta che avrebbe dovuto estendersi a
tutte le nazioni; cerando una rivoluzione internazionale (“proletari di tutto il mondo unitevi”). In
questo clima di sommossa universale, il proletariato avrebbe sopraffatto la borghesia e, preso il potere,
avrebbe governato inizialmente con una dittatura(per contrastare i prevedibili tentativi di rivalsa
borghese) per fondare poi una nuova società libera da ogni privilegio e vincolo economico e politico.
La società comunista: senza stato, privilegi, classi.
16 Il 1848 IN EUROPA: ASPETTI GENERALI
A metà del ‘800 non si poteva più rimandare la risoluzione del problema politico delle richieste delle
forze progressiste (liberali, democratici e socialisti), che erano quelle tipiche degli ideali rivoluzionari:
libertà politiche, istituzioni rappresentative e indipendenza nazionale. La situazione del ’48 mostrò:
 L’anacronismo dei principi restauratori;
 una nuova spinta nazionalista e indipendentista soprattutto per quelle etnie senza nazione come:
Italia, Ungheria e Germania e Polonia;
 allargamento dei consensi alle rivolte delle grandi masse popolari.
Il proliferare tra gli intellettuali delle idee socialiste, soprattutto quelle di Marx, favorì una naturale
evoluzione degli ideali nazionali. I nuovi moti insurrezionali che ne nacquero furono organizzati secondo
lo schema base di “giornate rivoluzionarie” con dimostrazioni popolari nelle capitali, per sfociare in
rivolte. La popolarità delle nuove idee consentì di trovare anche quell’appoggio popolare che era
mancato nei moti del ’20 e del ’30, causandone l’insuccesso.
Nel ‘48 l’ondata rivoluzionaria fu d’eccezionale proporzioni, sia dal punto di vista territoriale che
d’intensità. Tutta l’Europa ne fu interessata, ad eccezione l’Inghilterra con episodi particolarmente
violenti, nella repressione in Russia, dove lo sviluppo del dialogo politico era da sempre impedito.
13
769927308
01/06/17
17 LA RIVOLUZIONE DEL 1848 E L’EVOLUZIONE VERSO IL SECONDO IMPERO
Il centro d’irradiazione dei moti fu la Francia. La debolezza dimostrata dalla monarchia orleanista e del
Ministro Guizot era messa in discussione da: democratici, bonapartisti e socialisti che chiedevano
riformismo incisivo.
A causa dei divieti, il nuovo strumento di protesta fu il “banchetto”, riunione privata. Fu proprio la
proibizione di uno di questi, il 22 febbraio a Parigi, ad innescare la scintilla. Il Re inviò la guardia
nazionale (corpo volontario di cittadini per l’ordine pubblico), che anziché sedarlo si unì agli insorti. Fu
inviato allora l’esercito che fu sconfitto dopo due giorni di scontri, costringendo Luigi Filippo
all’abbandono del trono. Gli insorti organizzarono un nuovo governo repubblicano, d’ispirazione
democratica (con la rappresentanza di alcune componenti operaie socialiste) che proponeva
un’Assemblea Costituente da eleggere a suffragio universale. I primi passi della 2° repubblica si
mossero in un clima di generale entusiasmo.
In politica interna fu seguita una certa moderazione:
 nuovi giornali;
 abolita la pena di morte per i reati politici;
 definizione dell’orario massimo di lavoro in 10 ore;
 sancito il principio del diritto al lavoro (gli ateliers nationaux, cooperative con lo scopo di
realizzare il pieno impiego; nella realtà riuscirono solo a rappezzare alcune situazioni eclatanti
occupando manodopera in lavori di pubblica utilità).
In politica estera s’impegnava a rispettare l’equilibrio europeo, dichiarando di non volere esportare
la rivoluzione.
Nonostante l’entusiasmo popolare, le elezioni (a suffragio universale) per l’assemblea costituente,
dell’Aprile ’48, videro la vittoria dei repubblicani moderati. Invano i democratici tentarono di
riprendere l’iniziativa creando nuove sollevazioni.
Il nuovo esecutivo per ripristinare l’ordine, chiuse gli ateliers e obbligò i giovani disoccupati ad
arruolarsi nell’esercito, misura che provocò l’insurrezione di giugno dei lavoratori di Parigi, che fu
duramente repressa.
I tempi erano ormai maturi per una nuova svolta conservatrice nella 2° Repubblica. Nel novembre ’48
l’approvazione di una nuova Costituzione d’ispirazione Americana porterà ad un ulteriore
rafforzamento del centro moderato-conservatore che porterà, nel dicembre ’48, all’elezione di Luigi
Napoleone Buonaparte. La situazione sociale rimaneva alquanto agitata, per togliersi dallo stallo il
nuovo capo dell’esecutivo rafforzò progressivamente il proprio potere. Nel dicembre ‘51 Luigi
Napoleone Bonaparte organizzò il colpo di Stato che con un plebiscito popolare ratificava la
restaurazione dell’Impero: Luigi Napoleone Bonaparte diventava imperatore con il nome di
Napoleone III.
18 RIVOLUZIONE DEL 1848 NELL’IMPERO ABURGICO E IN GERMANIA
Dopo l’insurrezione parigina, i moti si propagarono in gran parte dell’Europa.
Nell’impero asburgico e nella confederazione germanica i malcontenti per la crisi economica si
aggiunsero alle questioni nazionaliste.
La prima insurrezione, a Vienna nel marzo ’48, fu la causa delle dimissioni del cancelliere Matternich,
simbolo della Restaurazione, e provocò la diffusione del fenomeno in tutto l’Impero al punto che la
situazione a fine primavera sembrava fatale. L’imperatore Ferdinando I dovette abbandonare la
capitale e promettere un Parlamento.
Il primo ad insorgere fu l’Ungheria dove l’ala democratica-radicale creò un governo nazionale, fu
istituito un nuovo parlamento eletto a suffragio universale e organizzato un esercito.
A Praga il governo provvisorio che avrebbe voluto presiedere un congresso di tutti gli stati
dell’Impero per chiedere l’autonomia. Ma l’aggravarsi della situazione interna, tra i rivoltosi (antiche
rivalità tra slavi, che miravano ad una confederazione jugoslava; e magiari, desiderosi di costituire
una grande Ungheria), appena prima del congresso, consentì la riscossa austriaca che ristabilì l’ordine
imperiale.
Lo stesso esercito croato si unì a quello austriaco per fermare gli ungheresi. Poco dopo la repressione,
Ferdinando I abdicava per il nipote Francesco Giuseppe, che capì la necessità di un’apertura ai
democratici e promulgò una costituzione moderata che prevedeva un parlamento a suffragio ristretto e
con poteri limitati.
Nella confederazione germanica (fu richiesta un’assemblea costituente) dopo l’insurrezione di Berlino
del Marzo ’48. Il re di Prussia fu costretto a concedere:
 un parlamento;
 libertà di stampa.
14
769927308
01/06/17
Ma, una volta eletta la Costituente di Francoforte, apparve evidente la scarsità del suo potere e la
subordinazione allo stato più forte tra i confederati, cioè la Prussia, che intanto aveva provveduto a
sedare duramente una rivolta interna. Nell’assemblea di Francoforte l’argomento all’ordine del giorno era
la questione nazionale, con due correnti: la “grande Germania” (unificazione degli stati tedeschi sotto
l’impero Asburgico) e la “piccola Germania” (unificazione degli stati germanici in un’unica nazione
attorno alla Prussia). Prevalse la tesi piccolo-tedesca. Nel ‘49 Federico Guglielmo IV, Re di Prussia,
dimostrò la sua disapprovazione per le correnti liberali-democratiche rifiutando la corona imperiale,
perché offertagli da un’assemblea nata da un’insurrezione popolare. Fu la fine ingloriosa della
Costituente di Francoforte che si sciolse nel giugno 49 riconsegnando la confederazione germanica
ad una monarchia autoritaria.
19 LE TRASFORMAZIONI SCIENTIFICHE, ECONOMICHE E SOCIALI ALLA METÀ DEL
'800
Le rivoluzioni del ’48 erano terminate con una restaurazione delle monarchie conservatrici, ma il ceto
che si affermò definitivamente fu la borghesia (nonostante la presenza limitata nelle classi dirigenziali),
che rappresentava, l’unica forza capace di riformare la società europea e di promuoverne lo sviluppo
economico, con individualità, libera iniziativa e concorrenza.
Lo sviluppo borghese provocò un fenomeno culturale, capace di disegnare uno stile di vita, con alla
base valori fondamentali etica, l’austerità, moderazione e il risparmio.
Particolare cura fu dedicata all’abbigliamento e all’arredamento (nell’imitazione aristocratica).
Al centro dell’etica borghese c’era la famiglia (punto di riferimento da contrapporre alla difficoltà della
lotta quotidiana), strutturata su un modello patriarcale fortemente gerarchizzato e con uno stato di
decisa sovraordinazione dell’uomo sulla donna.
Nasce una nuova una corrente filosofica, il POSITIVISMO(capostipite Comte): la scienza come
strumento per la soluzione a tutti i problemi della società e l’unica fonte la verità storica. Si
sviluppano le scienze naturali: la biologia, la fisica(studi sull’elettricità), la chimica. Maggiore
rappresentante dello spirito positivista fu Charles Darwin che con la sua “teoria sull’evoluzione e sulla
selezione naturale” aveva sentenziato che gli esseri umani sono il risultato di una lotta quotidiana
all’adattamento naturale dove solo la specie forte (capace d’adattarsi) sopravvive(sposava i
presupposti borghesi ed infliggeva un duro colpo all’autorità religiosa rafforzando le direttici che da
tempo cercavano di laicizzare lo Stato).
Superata la crisi del ‘47 l’economia conobbe una fase d’espansione, che migliorò le condizioni di vita
e premise di incrementare la produttività. Importanti risultati si ottennero anche in agricoltura, ma il
perno del boom economico era l’industria che si potenziò notevolmente. Le applicazioni della
meccanica e la macchina a vapore contribuirono a grandi svolte; ma gli elevati costi di avviamento
degli impianti frenarono l’industrializzazione nei piccoli e poveri Stati, favorendola soprattutto
laddove la disponibilità di risorse e capitali consentivano la nascita di grandi apparati e società per
azioni creando uno sviluppo selettivo. Il nuovo slancio industriale provocò due periodi di crisi nel ‘57 e
nel ‘67; dovute a problemi di sovrapproduzione: le prime crisi economiche cicliche, che il “mercato”
riuscì ad assorbire.
A favorire lo sviluppo industriale furono soprattutto alcune importanti innovazioni:
 Smantellamento dei privilegi corporativi;
 Diffusione della carta-moneta come sistema di pagamento e di misura;
 Soppressione quasi totale delle barrire doganali(liberismo);
 Scoperta di nuovi giacimenti di materie prime (Francia, Germania e Belgio);
 Sviluppo delle infrastrutture: strade, porti e vie di comunicazione;
 Sviluppo dei mezzi di comunicazione (ferrovizzazzione dell’Europa);
 Forte sviluppo dei sistemi di telecomunicazione premoderni, come il telegrafo;
 Nascita delle banche commerciali (banche miste) con la funzione di convogliare i risparmi
verso impieghi a lungo termine (investimenti industriali); assumendo la forma delle banche
contemporanee.
20 IL MOVIMENTO OPERAIO DOPO IL ’48. LA 1° INTERNAZIONALE E LA SUA CRISI
La scientificità delle nuove concezioni proposte da Marx, si affermarono sulle altre ideologie
socialiste così da rappresentare la dottrina ufficiale del movimento operaio. I nuovi partiti socialisti
che nasceranno in questo periodo saranno ritenuti responsabili d’ogni agitazione e complotto, finendo
col rappresentare il nemico di tutti i governi conservatori. Il movimento operaio attorno cui si
coagularono non era ovunque egualmente sviluppato.
15
769927308
01/06/17
In Gran Bretagna, era strutturato solidamente e riconosciuto istituzionalmente. La sinistra liberale
rappresentava in parlamento le Trade Unions in costante evoluzione.
In Francia, i pochi nuclei si dividevano tra le idee comuniste di Blanqui e quelle libertariedemocratiche di Proudhon (cooperazione spontanea di piccole realtà autogestite), che s’adattavano alla
società francese (piccoli proprietari terrieri).
In Italia i primi timidi tentativi d’organizzazione operaia erano orientati ad una miscela ideologica
tra le idee di Proudhon e quelle di Mazzini.
Nella Confederazione Germanica, si stava formando rapidamente una solida classe operaia, trovò in
Vassalle un leader autorevole che credeva nella possibilità per gli operai di potere entrare nello stato
borghese dall’interno e trasformandolo attraverso il suffragio universale.
Il fallimento dei moti del ’48 costrinse Marx e Engels a rivedere le proprie tesi. Marx dedicò tutto il
suo tempo allo studio dell’economia e realizzò nel ‘67 il “Capitale”. Dottrina fondamentale del
socialismo, che proponeva un’attenta analisi dell’economia politica e individuava nel nuovo soggetto
emergente, il proletariato, l’attore della rivoluzione.
Base teoria è il concetto di valore-lavoro, secondo cui il valore di scambio di una merce è dato dal
tempo impiegato per produrla. Il lavoro stesso diventa quindi una merce compravenduta. L’uomolavoro era un normale prodotto, che faceva arricchire il borghese, creando una sperequazione
progressiva che provocava un allontanamento tra le classi. Per Marx il capitalismo doveva
rappresentare solo una fase storica, avrebbe dovuto esaurirsi in breve, perché il suo sviluppo avrebbe
portato alla concentrazione dei capitali in poche mani, acuendo le divisioni di classe, realizzando
dapprima una crisi di sovrapproduzione (aggravata dal mancato assorbimento dei prodotti, stagnazione
dei consumi), quindi alla rivolta delle classi oppresse. Le stesse leggi del capitalismo l’avrebbero
portato alla sua dissoluzione.
Nel ‘64 i movimenti operai europei cominciarono a organizzarsi nell’intento di aumentare la propria
visibilità; fu costituita a Londra la PRIMA INTERNAZIONALE SOCIALISTA, cui parteciparono i
rappresentanti di molti paesi e il cui statuto fu redatto dallo stesso Marx che fu preso a modello dai
vari partiti socialisti europei.
La vita dell’internazionale fu contrastata sia per indirizzi ideologici che per struttura organizzativa:
 Contrasti ideologici: le prime fratture arrivarono dalla contrapposizione tra Bakunin e Marx. Il
Russo era un convinto assertore dell’anarchismo socialista, secondo cui lo Stato era la causa della
non libertà dell’individuo. Stato e Religione erano gli strumenti attraverso cui la classe
dominante esercitava il potere sulle altre e le sottometteva. Liberate le masse da religione e stato,
il comunismo si sarebbe instaurato spontaneamente. Per Marx, invece, religione e stato altro non
erano che sovrastrutture originate dalla struttura principale: cioè dallo sfruttamento delle classi
operaie. L’eliminazione dello Stato avrebbe dovuto essere una conseguenza della rivoluzione
proletaria, che dopo una fase transitoria di dittatura del proletariato (per sedare ogni eventuale
rigurgito borghese), avrebbe dovuto evolvere naturalmente in uno stato senza alcune distinzioni
sociali;
 Contrasti organizzativi: Bakunin riteneva che l’internazionale doveva essere organizzata come una
confederazione di partiti socialisti con forte decentramento organizzativo locale. Marx, privilegiava
un’organizzazione degli obiettivi e strategie secondo un modello accentratore, dove la dirigenza fosse
ben strutturata.
Lo stesso Marx, a causa delle conflittualità interne, e conscio dell’inadeguatezza dei tempi per il
progetto finì col sancire la fine della Prima Internazionale nel ’76 poco dopo il trasferimento della
sede da Londra a New York.
21 L’ATTEGGIAMENTO DELLA CHIESA DI FRONTE A SOCIETÀ E STATO DEL ’800
La chiesa a metà del ‘800 fu presa tra due fuochi:
 Stati nazionali votati ad un tentativo di laicizzazione;
 Proliferare di ideologie anticlericali dei partiti socialisti.
la Chiesa assunse un atteggiamento molto critico nei confronti del capitalismo. Se il pericolo socialista
appariva ancora piuttosto distante, quello liberista della religione relegata a credenza popolare, non
poteva essere accettato in alcun modo.
Il mondo cattolico e il Papa Pio IX tentarono di riaffermare l’ortodossia cattolica, con provvedimenti
significativi:
 Nel ‘54 proclamò il dogma dell’Immacolata Concezione;
 Nel ‘64, il Papa emanò la Quarta Cura e il Sillabo nei quali elencava, le incongruenze della
società industriale: criticando ferocemente il liberalismo, la democrazia e il socialismo;
 Nel ‘70, durante il Concilio Vaticano I, proclamò il dogma dell’Infallibilità del Papa sulla morale
e in materia di fede.
16
769927308
01/06/17
Pochi Stati europei sposarono la politica pontificia e negli anni la Santa Sede rimase sempre più
isolata. Quando, nel settembre 1870, le truppe italiane entrarono a Roma, nessuno stato straniero si
mosse in favore del pontefice.
Nel tentativo di contrastare il degrado della società capitalistica e per ammornidire l’intransigenza della
curia presero forma i primi esperimenti d’associazionismo cattolico, con l’intento d’arginare l’ondata
innovatrice che stava travolgendo l’Europa. Movimenti cristiano-democratici, come quello in
Germania di Ketteler proponevano un intervento dello Stato nelle questioni sociali e nell’economia,
sotto forma d’iniziative assistenziali, per tutelare la situazione dei lavoratori.
22 L’INGHILTERRA LIBERALE
Nel ‘48, il Regno Unito era la più progredita nazione europea in: economia, politica e struttura
sociale. Nucleo principale dell’ulteriore evoluzione fu giocato nell’importanti battaglie per
l’allargamento del voto e nel rafforzamento degli organi rappresentativi. L’Inghilterra di metà ‘800
proponeva:
 Quasi la metà degli occupati nell’industria;

la più vasta rete ferroviaria d’Europa;

elevatissima produzione di materie prime;
 controllo marittimo e commerciale del mediterraneo;
 struttura istituzionale più progredita del continente.
Il sistema parlamentare si consolidò così da fornire alle camere la quasi totalità dei poteri (alla
corona rimase il ruolo simbolico d’unificatrice nazionale, manifestata platealmente con il regno della
regina Vittoria ‘37-1901).
Fondamentale per la democratizzazione fu la battaglia per l’allargamento al voto.
Fino agli anni ’60 la scena politica era dominata dalla figura moderata di Palmestorn, che affidò la
battaglia agli intellettuali radicali, come J.Stuart Mill. Nel ’65 alla guida dei liberali arrivò Gladstone
che dimostrò un eccesso di moderazione, che provocò una crisi di governo in favore dei conservatori
di Disraeli nel ‘66. Nel ‘67 con la “Reform Act” si allargò il voto a tutti i lavoratori urbani con un
certo reddito, riconoscendone così il peso nella società industriale inglese. Nonostante il coraggio
dimostrato, il nuovo consenso della base progressista, favorita dalla riforma elettorale, riportò al
governo il partito liberale. Con Gladstone, tra il ‘68e il ‘74, l’Inghilterra conobbe un periodo di
grandi riforme:
 fu incrementata e migliorata l’istruzione pubblica (ridimensionando la Chiesa);
 fu affermato il sistema di assunzione nel pubblico impiego per concorso;
 abolita la pratica del voto palese che aveva rappresentato per anni una arma di ricatto
dell’aristocrazia terriera, per le popolazioni delle campagne.
23 LA RUSSIA ALLA METÀ DEL ’800
L’Impero russo era il paese più arretrato d’Europa. La salita al trono del nuovo Zar fece sperare in
un’ondata riformatrice. Ad un inizio confortante seguirono violente sommosse che posero fine ad ogni
speranza, per fare ripiombare la Russia nell’oscurantismo dove nessuna opposizione politica era
consentita.
 privo d’istituzioni rappresentative;
 elevato tasso d’analfabetismo;
 governato da un grande appartato burocratico –poliziesco;
 l’economia poggiante per il 90% sull’agricoltura in condizioni semi-primitive; era fondata sulle
Mir: comunità di villaggio dove assemblee dei capifamiglia assegnavano i fondi da coltivare ed
esigevano le imposte in natura per lo Stato. Persisteva la servitù della gleba, che legava
indissolubilmente i contadini alla terra (compravenduti assieme ad essa).
Nonostante quest’arretratezza ferveva un’intensa vita intellettuale (Tolstoj, Dostojevskij, Gogol, ecc)
che favoriva la contaminazione con le idee continentali. S’ingenera una divisione culturale fra due
gruppi d’intellettuali:
 gli occidentalisti, favorevoli al cattolicesimo, ai modelli politici e sociali dei paesi europei;
 gli slavofili inclini alla religione ortodossa, alle tradizioni slave, e alle istituzioni comunitarie tipiche
della società russa.
L’avvento al potere del nuovo Zar, Alessandro II, alimentò forti speranze di rinnovamento. Il nuovo
zar attuò importanti innovazioni: nella burocrazia, nella scuola, nel sistema giudiziario, fece
un’amnistia per detenuti politici, ma soprattutto legò il suo nome all’abolizione della servitù della
gleba (1861) con la quale i servi acquisirono libertà personale e riconoscimento giuridico ed ebbero la
17
769927308
01/06/17
possibilità di riscattare le terre coltivate così da trasformarsi in piccoli proprietari terrieri. Ma
l’impreparazione strutturale con cui fu messa in atto la suddivisione delle terre procurò numerosi
scontenti. I nuovi liberi incolparono delle incongruenze della manovra attuativa agli aristocratici,
trasformando la situazione in una polveriera; autentici moti insurrezionali scoppiarono ovunque. La
nuova situazione d’instabilità, costrinse lo zar ad una sterzata conservatrice, che rafforzando i poteri
polizieschi dell’esercito provocò la repressione sanguinosa sia dei contadini sia dei polacchi sia
rivendicavano la propria indipendenza.
Si accentuò, nuovamente, la frattura fra stato e borghesia intellettuale che aveva permesso l’opera
riformatrice d’Alessandro II. Fra le nuove generazioni andarono diffondendosi forme di rifiuto totale
dell’ordine costituito che porterà alla nascita di correnti politico-filosofiche come il nichilismo
(individualismo anarchico e radicalmente pessimista) e il populismo (tentativo paternalistico
d’educazione del popolo avvicinandosi ad esso). Movimento complesso, il populismo riuniva vaste aree
di consenso: socialisti e occidentalisti democratici, tentarono di promuovere l’utopia di un socialismo
agrario che facesse leva sul proletariato delle campagne.
Il clima di confusione e di fermento costrinse lo Zar a dichiarare fuorilegge il populismo e ad
aumentare le repressioni poliziesche; lo scontro sociale manifestò il suo culmine nel ‘81 con
l’uccisione d’Alessandro II da parte di un anarchico.
24 IL SECONDO IMPERO E LE GUERRE DI NAPOLEONE III
La situazione francese della metà del ’800 è anomala rispetto agli altri paesi.
Il – bonapartismo –proponeva, una mediazione tra:
 centralismo autoritario basato sulla forza delle armi;
 moderato riformismo sociale paternalismo sottoposto a verifica popolare.
Grazie allo sviluppo borghese la situazione economica era soddisfacente con progressi del settore
bancario e la costruzione di ferrovie e opere pubbliche.
Caratteristica predominante dal punto di vista amministrativo fu ribattezzata tecnocrazia: la tendenza
cioè ad affidare compiti di governo ai tecnici (esperti d’economia, finanza, ingegneria, medicina).
L’entusiasmo che accompagnò il consenso al nuovo imperatore ripropose una nuova ondata
nazionalistica che troverà sfogo nelle nuove idee politiche imperialiste, che videro Napoleone III
impegnarsi al fianco dell’Inghilterra, nel ‘53-54, nella questione d’Oriente. Interessato allo scacchiere
mediterraneo, sostenne l’impero ottomano insidiato dalla Russia.
Una coalizione d’Anglo-franco-piemontesi intervenne nella guerra in Crimea (‘54) assicurando, con la
Conferenza di Parigi del 1855, l’integrità dell’impero ottomano e la neutralizzazione del Mar Nero. La
vittoria procurò un guadagno d’immagine alla Francia, che sfruttò abilmente per subentrare all’Austria
nei territori italiani. A tal proposito si alleò con il Piemonte nella prima guerra d’Indipendenza
italiana nel 1859. Al termine del conflitto benché vittoriosa, la Francia uscirà indebolita vittima dei
forti contrasti fra la politica imperiale e l’ala cattolica conservatrice (che ben conosceva i piani dei
nazionalisti italiani, che prevedevano l’annessione dello Stato della Chiesa al futuro regno d’Italia), che
portò ad una lenta evoluzione liberale dell’Impero, interrotta però nel ‘70 dalla guerra francoprussiana.
25 L’ASCESA DELLA PRUSSIA E LA POLITICA DI BISMARK
In Germania le redini del governo erano rimaste saldamente in mano alla monarchia e aristocrazia
conservatrice, con un Parlamento che godeva di poteri assai scarsi, che determinò, a differenza degli
altri: La Via Prussiana allo sviluppo.
Nella seconda metà del ’800 la Prussia si ripropose alla guida della confederazione germanica, forte
soprattutto del suo notevole sviluppo industriale e dell’integrazione con gli altri stati tedeschi uniti
dall’unificazione doganale (Zolverein). Lo sviluppo d’industria e della borghesia fu sostanzioso
soprattutto nella parte occidentale del territorio, la Renania e la Westfalia, mentre nel resto del paese
era ancora presente un’economia prevalentemente agricola basata sui ricchi latifondisti, gli
Junkers. Questi, mantenevano, grazie all’antico sistema elettorale, molto potere sulla vita politica dello
Stato formando un piccolo ma potente gruppo sociale. Punti di forza erano:
 un’alta diffusione d’istruzione elementare e una grande cultura romantica;
 grande apparato di vie di comunicazioni (soprattutto strade e canali, un po’ meno ferrovie) che
favorivano i grandi scambi commerciali.
Per rendere la Prussia una potenza assoluta mancava solo il rafforzamento militare. A ciò rimediò il
cancelliere Bismark, nominato dal nuovo sovrano Guglielmo I nel 1862. S’impegnò a far realizzare il
progetto di un nuovo e fortissimo esercito a dispetto della contrarietà del Parlamento con lo scopo
di risolvere il problema dell’unità nazionale con l’uso della forza. Ostacolo principale era l’Austria
18
769927308
01/06/17
con cui i rapporti s’acuirono tra il ’64 e il ’65 quando, dopo essersi impegnate nella sottrazione d’alcuni
territori alla Danimarca, finirono per arrivare alla guerra per disaccordi sulla loro amministrazione. Prima
di provocare il casus belli, il Bismark si alleò con il neonato Regno d’Italia assicurandosi anche la
neutralità della Russia e della Francia. Con l’Austria si schierarono molti stati minori della
confederazione tedesca intimoriti dallo strapotere prussiano. La guerra contro l’Austria del ‘66 durò
solo poche settimane e terminò la grande sconfitta austriaca a Sadowa. Grazie alla mediazione di
Napoleone III si arrivò alla Pace di Praga nell’Agosto ’66 nella quale l’Austria subì come unica
mutilazione quella del Veneto, passato al regno d’Italia, e dovette accettare lo scioglimento della
vecchia confederazione tedesca. Gli stati a Nord del fiume Meno entrarono a fare parte di una
nuova Germania del Nord, sotto Guglielmo I; mentre quelli a Sud del meno rimasero indipendenti. Il
trionfo di Bismark gli garantì un enorme rafforzamento anche in politica interna, molti deputati
oppositori liberali si schierarono dalla sua parte formando il nuovo partito nazional-liberale. Così
facendo la borghesia liberale rinunciava a guidare il processo d’unificazione nazionale a favore
dell’aristocrazia conservatrice.
26 LA GUERRA FRANCO-PRUSSIANA E L’UNIFICAZIONE TEDESCA
Per l’unificazione del Reich mancava solo l’annessione degli stati a Sud del Meno. L’ostacolo
principale era la Francia di Napoleone III. Solo dopo la vittoria dei sull’Austria s’era reso conto della
potenza militare e politica del nuovo stato teutonico.
L’occasione di scontro si presentò relativamente ad una questione dinastica alla corte di Spagna. A
causa dell’instabilità e della vacanza del trono, gli iberici proposero la reggenza ad un principe
prussiano, cosa che la Francia non poté che votarsi alla guerra. Dopo un’abile provocazione politica
del Bismark, la Francia dichiarò guerra alla Prussia nel Luglio ‘70. Nonostante l’entusiasmo, le forze
armate francesi inferiori per numero e organizzazione a quelle tedesche, furono duramente sconfitta
di Sedan nel ‘70, portò l’invasione del paese. I prussiani nella reggia di Versailles, simbolo del potere
monarchico francese, proclamarono Guglielmo I imperatore della Germania unificata (Deutscher
Kaiser). Con autoritarismo Bismark, nel trattato di Francoforte del ‘71, costrinse la Francia al
pagamento di forti indennità di guerra e a mantenere truppe tedesche nel proprio territorio fino al
pagamento completo dell’indennizzo; inoltre a cedere Alsazia e Lorena, due province di notevole
importanza economica e strategica. La sconfitta si tramutò in un’umiliazione avvertiva, anche tra gli
strati sociali inferiori, provocando la nascita di un forte senso di rivincita, nacque così il revanscismo
(da revanchè = rivincita) quel sentimento di rivalsa, che caratterizzò la politica francese sino alla prima
guerra Mondiale.
27 LA COMUNE DI PARIGI
Nella primavera del ‘71, mentre ancora si negoziava la pace con la Prussia, la Francia dovette
affrontare una grave crisi interna. Nella Parigi, diventata una metropoli operaia, le idee socialiste
avevano fatto proseliti e l’umiliazione di Sedan fece scoppiare un moto rivoluzionario che vide
l’organizzazione di una nuova Guardia Nazionale, e l’elezione di un’assemblea costituente per una
riscossa nazionale. L’insurrezione non riuscì a coinvolgere i contadini e gli abitanti dei centri minori che,
alle elezioni dell’assemblea consegnarono la vittoria alle forze conservatrici. Al governo andò Thiers
che come primo proposito cercò d’arrivare ad una dignitosa firma della pace. Ma il risultato
particolarmente gravoso delle trattative e la precarietà della situazione interna, provocarono
l’inasprimento della frattura tra le forze progressiste della capitale e quelle conservatrici delle
campagne. Ne nacque una nuova insurrezione a Parigi, che fu lasciata sola a se stessa. Nella città
l’unica autorità riconosciuta era la guardia nazionale, controllata da radicali di sinistra. Quando il
governo centrale le ordinò di posare le armi la città si rifiutò di obbedire ed indisse libere elezioni per il
Consiglio Della Comune. Con le elezioni del marzo ‘71, l’esperienza della comune assunse gli aspetti
della rivoluzione radicale, della sfida all’autorità precostituita. Per quanto divisi al loro interno i
dirigenti della Comune crearono al primo esperimento di democrazia diretta mai visto in Europa.
 Fu abolita la distinzione tra esecutivo e legislativo;
 tutti funzionari divennero eleggibili e revocabili;
 l’esercito fu sostituito da milizie popolari;
 alcuni stabilimenti industriali furono affidati a cooperative di lavoro.
Il limite maggior dell’esperienza della Comune era rappresentato dal suo totale isolamento dal paese.
Senza l’appoggio delle campagne (favorevole alle forze conservatrici) e del resto del Paese, era
impossibile proseguire. La fine definitiva della Comune si dovette ad una spietata repressione militare
dall’esercito (favorita dalla complicità tedesca), nel maggio ‘71.
19
769927308
01/06/17
Il movimento rivoluzionario francese si trovava così di nuovo sconfitto e decimato; la III repubblica
nasceva sotto l’impronta conservatrice di Thiers.
28 LE DIFFERENZE ECONOMICHE E SOCIALI IN USA E LA GUERRA DI SECCESIONE
Gli Usa alla metà del ‘800 erano in grande espansione. La grande immigrazione europea aveva
contribuito all’incremento demografico favorendo soprattutto lo sviluppo industriale nel Nord, ma
anche l’agricoltura al Sud e l’Ovest erano in grande progresso. La situazione presentava un paese
diviso in tre parti:
 Nord-Est, la zona più industrializzata del paese, dove era maggiore l’ondata migratoria. Regnava
uno spiccato capitalismo dominato da grandi gruppi industriali e finanziari;
 Nel Sud, una società prettamente agricola con grandi proprietari terrieri che sfruttavano
schiavi, soprattutto di colore, nelle piantagioni;
 L’Ovest invece era una terra in costante mutamento, una conquista quotidiana che cresceva i suoi
abitanti con lo spirito della frontiera, che privilegiava: iniziativa individuale, uguaglianza,
indipendenza.
Il grosso della battaglia politica e sociale si giocò sul problema dell’esportazione dal Sud all’Ovest
schiavismo, che mal si sposava con i principi d’eguaglianza dei pionieri.
La competizione politica si giocava da qualche tempo tra due partiti:
 Democratico, che raccoglieva il consenso degli agricoltori del Sud, s’ispirava al liberismo e
auspicava una confederazione con una notevole autonomia amministrativa locale. Favorevoli
allo schiavismo e alla sua esportazione;
 Whigs (successivamente partito repubblicano) che raccoglieva il consenso dei grandi gruppi
industriali del Nord, s’ispirava al protezionismo e all’accentramento statale, appoggiava
apertamente una politica antischiavista.
Quando nel ‘60 divenne presidente il repubblicano Abramo Lincoln, la spaccatura tra i due
schieramenti politici si tramutò in una guerra civile che vide configurarsi una coalizione tra Nord e
Ovest, contro il Sud. Nel ‘61 dieci Stati del si staccarono dagli USA per riunirsi in una
Confederazione Indipendente del Sud con capitale Richmond in Virginia. La secessione
rappresentava un grave problema per la solidità del Paese, perché metteva in crisi quei valori di
convivenza democratici che erano alla base dell’ordinamento. La guerra civile vide all’inizio un
predominio delle forze confederate (guidate dal Generale Lee), che speravano nell’aiuto militare
britannico (principale acquirente del cotone americano), ma gli stati del Nord-Ovest (guidati dal
generale Grant) confidarono sulla superiorità numerica e sulle ingenti risorse economiche. Le sorti
della guerra finirono per subire una brusca inversione nel 1863 che provocò l’occupazione degli stati
del Sud nel 1865. Pochi giorni dopo la fine della guerra fu assassinato il Presidente Lincoln da un
fanatico sudista.
Nel 1863 fu decretata l’abolizione della schiavitù, anche se, di fatto, la situazione non mutò nella
sostanza assumendo i connotati dell’operazione di facciata. Lo status degli schiavi non cambiò, ma per
tutta risposta, tra gli estremisti del Sud, si verificò la nascita di numerose associazioni clandestina di
discriminazione razziale (nasce del Ku Klux Klan). L’estremismo provocò un timore nei bianchi che
condizionò fortemente l’elettorato, tanto da riportare la vittoria al partito democratico.
La vittoria dei democratici nelle elezioni del 1870, restituì una situazione dei neri uguale a quella di
una decina d’anni prima: lo schiavismo.
29 DAL GIAPPONE FEUDALE AL GIAPPONE MODERNO
In Giappone l’imperatore (mikado) era più che altro un capo religioso ed esercitava un potere
simbolico. Il governo del paese era da più di due secoli nelle mani di una dinastia di feudatari, i
tokugawa, che si trasmettevano la carica di shogun per vie ereditarie, specie di sovrani assoluti che
legavano con un vincolo di vassallaggio i feudatari (daimyo) e sotto i samurai (la piccola nobiltà di un
tempo, dedita al mestiere delle armi). L‘unica attività economica e produttiva di rilievo era
l’agricoltura.
Non esistevano, di fatto, contatti con il mondo Occidentale, solo gli USA, a metà ‘800, chiesero
l’apertura di relazioni commerciali. L’iniziativa fu seguita dalla Gran Bretagna, Francia, Russia e
trovò il Giappone del tutto impreparato alla situazione. L’imperatore accettò di firmare accordi che,
di fatto, assicuravano agli occidentali ampie possibilità di penetrazione economica (TRATTATI
INEGUALI 1858).
20
769927308
01/06/17
L’impatto con l’Occidente provocò conseguenze e fu vissuto come un’intromissione autoritaria.
L’umiliazione spinse daimyo e samurai ad una rivolta contro lo shogun, che terminò con
l’insediamento di un imperatore quindicenne Meiji Tenno.
La restaurazione Meiji (1868), grazie all’apporto di una ben istruita élite dirigente nobile-borghese
produsse una modernizzazione accelerata dell’intera società giapponese, coinvolse l’economia e la
legislazione, il sistema politico e i rapporti sociali, e che consentì al Giappone di compiere in pochi
anni la transizione dal feudalesimo allo Stato moderno. La Restaurazione Meiji, rimase un caso unico
al mondo, senza alcuna partecipazione delle classi inferiori, una “rivoluzione dal alto” i cui i
dirigenti tradizionali si sono spogliati dei loro antichi diritti, senza perdere la loro posizione
privilegiata. Spostando i loro capitali, trasformarono un’oligarchia feudale in una industriale e
finanziaria.
30 LA RESTAURAZIONE IN ITALIA (1815-’21)
La restaurazione in Italia arrestò qualsiasi esperimento riformatore iniziato sotto il dominio
napoleonico confermando l’Austria potenza egemone nella penisola. Nei vari staterelli italiani, furono
ripristinate le monarchia prerivoluzionarie.
In Piemonte il Re, Vittorio Emanuele I:
 revocò la legislazione napoleonica;
 epurò l’amministrazione pubblica;
 privilegi all’aristocrazia;
 l’istruzione alla Chiesa e discriminazioni contro le minoranze religiose.
Nello Stato Della Chiesa la linea intransigente del consiglio cardinalizio, guidato dal Cardinal
Consalvi, prevalse sulla moderazione del Papa PioVII, producendo una politica fortemente
accentratrice, soprattutto dopo la morte del pontefice nel 1822.
Il Regno Delle Due Sicilie era in una condizione simile allo Stato Della Chiesa, ma l’influenza austriaca
era ancora più forte. La linea moderata del primo ministro Luigi De Medici dovette misurarsi col forte
conservatorismo del sovrano Ferdinando I. Ma grazie all’appoggio austriaco, il primo ministro
riuscì a portare a termine una politica di monarchia illuminata. Lo stato fu unificato
amministrativamente nel ’16, assumendo il nome di Regno Delle Due Sicilie, nonostante le proteste
indipendentiste siciliane, con una politica che avrebbe impedito uno sviluppo e una modernizzazione.
Granducato di Toscana: Guidato da Ferdinando III di Lorena particolare attenzione furono dedicate al
progresso agricolo, nonostante fosse sempre presente la mezzadria ed una notevole arretratezza. Il
dibattito politico era tollerato, facendone il centro di riferimento dei liberali italiani per parecchi
decenni.
Ducato di Parma e Piacenza: furono mantenuti gli ordinamenti giuridici e amministrativi del periodo
napoleonico, e il governo di Maria Luigia mantenne la sua linea di moderata modernizzazione e buon
governo economico.
Ducato di Modena: Guidato da Francesco IV d’Asburgo. Fu guidato da un oscillante e contraddittorio
governo che portò il ducato ad una situazione tale da sfociare in episodi d’aperta reazione.
Regno del Lombardo-Veneto: una miscela d’autoritarismo e buon’amministrazione caratterizzarono
la dominazione austriaca. Continuò ad essere la regione più avanzata economicamente, nonostante
contrariamente a molte realtà europee furono mantenuti e aumentati i dazi doganali che rallentarono
lo sviluppo. Da ricordare:
 Avvio di un’agricoltura moderna;
 Nascita dei primi nuclei d’industria;
 Sviluppo di una buona rete di comunicazione intera;
 istruzione pubblica e vivace attività culturale. Nasce “Il Conciliatore”, rivista con influenze
romantiche e idee liberali, quindi presto censurata dall’Austria.
31 I MOTI DEL 1820-1821
Le ondate rivoluzionarie degli anni ’20, termineranno con insuccessi per l’immaturità dei progetti e
l’impreparazione delle classi sociali che avrebbero in guidato la svolta riformatrice, nonché dalla
indifferenza dei contadini (sempre troppo influenzati dagli aristocratici e della Chiesa). A soffocarle
militarmente furono decisivi gli interventi delle grandi potenze europee, ed in particolare
dell’Austria.
L’ondata che partì dalla Spagna a breve coinvolse anche l’Italia.
Regno Delle Due Sicilie. Ai primi di Luglio le guarnigioni di Nola e Avellino, per opera di due ufficiali:
Morelli e Salviati, inalberarono il vessillo rivoluzionario (azzurro, rosso e nero) e al grido di “Viva il re e
21
769927308
01/06/17
viva la Costituzione” si mossero verso Napoli al comando del generale Guglielmo Pepe. L’8 Luglio
l’esercito rivoluzionario entrò a Napoli e il 13 Luglio Ferdinando I° concesse la Costituzione di Cadige.
Ma anche in questo caso si presentarono gli stessi problemi spagnoli: divisioni interne tra liberali e
democratici, ostilità del re e intransigenza austriaca, questione indipendentista siciliana che vide a
Palermo una violenta ribellione cui parteciparono congiuntamente popolazione e aristocrazia locale. La
difficoltà della situazione e la vastità della rivolta provocò l’invio di un corpo militare austriaco che riuscì
a reprimerla.
Sfruttando l’impegno militare austriaco, nel ’21, si attivarono anche le società segrete in Piemonte e
Lombardia – in particolare la Federazione italiana. Guidati da Santorre di Santarosa un progetto
insurrezionale mirava all’ammutinamento di reparti sabaudi. Punto di forza, doveva essere il tacito
assenso del principe Carlo Alberto, probabile erede al trono. La rivolta scoppiò ad Alessandria e si
estese in tutti i territori. Vittorio Emanuele I, piuttosto che concedere la Costituzione, preferì
abdicare a favore del fratello Carlo Felice che era fuori sede. La reggenza di Carlo Alberto, vide la
concessione della Costituzione, immediatamente bloccata dal ritorno di Carlo Felice. I rivoluzionari
furono battuti dall’esercito regolare(rafforzato con austriaci) presso Novara, decretando la fine
dell’esperienza rivoluzionaria.
L’esito negativo soprattutto allo scarso consenso delle masse contadine e agli interventi militari
austriaci interessati a mantenere intatto l’equilibrio conservatore.
Nel ‘20, con i congressi di Troppau e di Lubiana, l’Austria decise per l’intervento armato nei confronti
degli scontri in Italia meridionale e compì violente repressioni ai moti costituzionali piemontesi e in
particolare in Lombardia. Riportato l’ordine in Italia, col congresso di Verona del ’22 la Santa
Alleanza, la Francia, che voleva riequilibrare il rafforzamento austriaco, risistemò la situazione in
Spagna.
32 I MOTI DEL 1831
La rivoluzione di Luglio a Parigi risveglio i democratici italiani organizzando moti con rivendicazioni
nazionali. Elementi di novità furono: la base organizzativa borghese (Ciro Menotti) e aristocratica
liberarle, un discreto consenso popolare, il tentativo, inattuato, di coordinare le insurrezioni in un
moto nazionale.
L’entusiasmo che accompagnò le prime vittorie finì col lasciare posto alle divisioni tra democratici,
che volevano allargare il conflitto allo Stato della Chiesa e liberali che proponevano un’unificazione
diplomatica, che favorirono la repressione austriaca.
Il Carbonaro Menotti s’appoggiò al duca Francesco IV di Modena (le cui mire erano di usare i moti per
diventare sovrano del Regno d’Italia). Quando il progetto dovette trovare la sua realizzazione definitiva,
il duca intimorito dalla reazione austriaca abbandonò l’impresa e fece arrestare alcuni capi della
congiura. Ma la macchina organizzativa era ormai in moto, le prime sollevazioni scoppiarono nel
febbraio ‘31 a Bologna e si estesero rapidamente alle legazioni pontificie (Romagna, Pesaro Urbino);
quindi nel Ducato di Parma e Modena costringendo alla fuga Francesco IV.
Nelle Legazioni Pontificie fu costituito un governo delle province unite con Capitale Bologna e un corpo
di volontari col compito di marciare su Roma.
L’esito generale del moto fu condizionato negativamente dal contrasto tra le singole città (problemi
campanilistici) e le divisioni tra democratici e moderati, così da consentire agli austriaci di
reprimere le agitazioni alla fine di Marzo del ’31.
33 MAZZINI: FORMAZIONE, IDEE E INIZIATIVE
La formazione di Mazzini ha nel suo centro il fallimento dei moti delle società segrete (di cui lui fece
parte) che lo portarono ad elaborare un pensiero politico originale.
Formato tra gli esuli politici a Marsiglia, Mazzini fu influenzato dai più autorevoli democratici
italiani, incentrò il suo progetto unitario su principi laico-religiosi e con slanci tipici del pensiero
Romantico.
“Da Dio gli uomini e i popoli hanno ricevuto una missione da compiere, per attuare il progresso. Ai
diritti dell’uomo occorre sostituire i doveri dell’uomo. È dovere del popolo insorgere contro
l’oppressione straniera e raggiungere la libertà. L’Italia ha la funzione di fare partire questa iniziativa
che unirà i vari popoli con i principi di libertà e fratellanza. Con la missione, la nuova realtà politica
dovrà diventare:
 indipendente e unitaria;
 libera;
 repubblicana.
22
769927308
01/06/17
Solo nella sua forma repubblicana si attua il governo del popolo, l’unico governo legittimo. Tale
progetto potrà attuarsi attraverso rivoluzioni popolari simultanee, che abbatteranno i principi, mentre
nella lotta d’indipendenza si uniranno tutti i popoli assoggettati agli stranieri. La Giovane Italia dovrà
anticipare la Giovane Europa di libere e democratiche repubblicane nazioni”.
Alla base del suo credo c’era il dualismo. Dio-popolo e Pensiero-azione.
La Giovane Italia, nata in Francia nel 1831 dallo stesso Mazzini, aveva un’organizzazione
completamente diversa dalle vecchie società segrete; di segreto manteneva solo l’identità degli
aderenti, ma il programma era ben definito e la propaganda era destinata a diffusione alla luce del
sole. Per la prima volta, l’adesione non era limitata a classi sociali, ma auspicava una partecipazione
popolare.
Il metodo d’azione per il raggiungimento degli obiettivi era individuato in una rivoluzione
coordinata, sia a livello nazionale, che a livello sovranazionale.
I moti organizzati dal Mazzini e la sua Giovane Italia furono cronologicamente:
 1831 nel Regno delle Due Sicilie. Un’azione nata dalle file dell’esercito avrebbe dovuto sollevare le
popolazioni locali, ma fu scoperta dall’esercito fedele al re
 1833 in Piemonte e Liguria. Un corpo di volontari sarebbe dovuto penetrare nella Savoia dalla
Svizzera, e contemporaneamente una insurrezione avrebbe dovuto avere luogo a Genova(dov’era
impegnato il giovane Giuseppe Garibaldi, arruolato appositamente in Marina);
 1843 nelle legazioni Pontificie un altro tentativo, che avrebbe dovuto prevedere una partecipazione
popolare che non arrivò mai;
 1844 nel Regno delle Due Sicilie. Due ufficiali di marina, i fratelli Bandiera, sbarcarono in
Calabria con pochi commilitoni con l’auspicio di creare una sollevazione popolare contro i
Borbone; ma il progetto si scontrò con l’indifferenza dei contadini e i Bandiera furono fucilati.
Nonostante i nobili intenti delle idee mazziniane, tutte le iniziative militari che videro protagonista la
Giovane Italia fallirono gli obiettivi, i motivi sono da ricercare nella straordinaria innovatività, che
necessitava di tempo per potere essere metabolizzata.
Il fallimento dei moti che dal ’21 al ’44 fiorirono in Italia, vide la crisi irreversibile delle società
segrete sullo stile carbonaro e contribuì ad alimentare le critiche ai propositi repubblicani;
evidenziando la necessità di:
un atteggiamento moderato di confronto politico;
un’alleanza militare con il Piemonte per l’unificazione nazionale.
Apparve altresì chiara l’impossibilità d’affidarsi a sovrani stranieri per la realizzazione dell’unità.
34 LO SVILUPPO DEGLI STATI ITALIANI FRA IL 1830 E IL 1848
Il decennio ‘30-‘40 trascorse in Italia sotto la continuità della restaurazione.
Nel regno di Sardegna, Carlo Alberto nel ’31, si era da tempo orientato verso i legittimisti e le
posizioni clericali con cui, ebbe una stretta alleanza e in politica estera manifestò ostilità verso la
Francia. Al tempo stessorealizzò importanti riforme.
Nel ’31 fu istituito un Consiglio Di Stato di nomina regia (dotato di funzioni consultive); nel ’37 e nel
’41 furono promulgati i nuovi codici: civile e penale e nel ’43 il codice commerciale. Furono
aumentate le vie di comunicazione (rete ferroviaria) e nell’istruzione. In generale, il clima in Piemonte,
fu d’apertura all’idee liberali che ne fecero il perno della politica italiana.
Nel Gran Ducato di Toscana fu governato in modo moderatamente illuminato e tollerante, ma che per la
negativa influenza austriaca, non riuscì a realizzare quello sviluppo liberale di cui si sentiva la
necessità. L’aspetto più importante relativo al granducato era da ricercare nel fermento intellettuale che
produsse numerose iniziative di rilievo, come il Congresso Degli Scienziati Italiani, dove, sebbene non
si parlasse di politica, gli argomenti trattati riguardavano importanti sfere della vita pubblica:
economia, agraria, istruzione pubblica, ecc. che finirono per influenzare la crescita intellettuale
dell’opinione pubblica.
Nell’Italia degli anni ’40 l’economia aveva subito progressi limitati, insufficienti ad abbassare il divario
con gli altri paesi d’Europa in via d’industrializzazione propendendo per la necessità di eliminare le
barriere doganali (nel ‘47 Piemonte, Toscana e Stato della Chiesa sottoscriveranno gli accordi
preliminari per la lega doganale italiana per facilitare la crescita.
Il sistema agrario rimaneva legato alla conduzione dell’antico regime, per questo era molto arretrato,
solo in alcune zone del Nord (Lombardia) aveva avuto uno sviluppo soddisfacente. Ancora più
deficitaria era la situazione industriale che era presente solo in pochi centri, di profondo divario tra
Nord e Sud.
Solo il Lombardo-Veneto e il Piemonte realizzarono uno sviluppo soddisfacente (per vie di
comunicazione, il sistema bancario, lo sviluppo dei porti e la marina mercantile).
23
769927308
01/06/17
Nel ’46-’47, sulla base di nuovi moti rivoluzionari, molti sovrani italiani si decisero a concedere alcune
riforme realizzando il BIENNIO DELLE RIFORME.
L’evento decisivo fu la salita al soglio pontificio di Papa Pio IX, accolto con grande entusiasmo per le
pur limitate riforme, fu individuato come il leader dell’ideologia neoguelfa. Concesse amnistie per i
prigionieri polititi, Consulta di Stato, fu attenuata la censura sulla stampa, e istituita una Guardia
Civica. Nonostante le riforme fossero d’importanza relativa finirono con l’infervorare gli spiriti, tanto
che nel luglio ’47 gli austriaci, appellandosi ad una clausola del congresso di Vienna decisero per
l’intervento militare per ristabilire l’ordine. Occuparono Ferrara provocando un rafforzamento del
sentimento antiaustriaco. Il governo inglese criticò duramente l’intervento. Nell’autunno ’47 il moto
riformatore dilagò in tutta la penisola accompagnato da tumulti. I sovrani, preoccupati di un nuovo
rafforzamento dei progressisti a danno dei moderati, si videro costretti a concedere ulteriori riforme.
Carlo Alberto varò un nuovo ordinamento amministrativo che rendeva elettivi i consigli comunali.
Alla fine del ’47 tutti gli stati della penisola erano consapevoli della necessità dell’unificazione, ad
eccezione del Regno delle Due Sicilie dove arretratezza culturale e influenza austriaca erano troppo forti.
35 MODERATISMO, NEOGUELFISMO, FEDERALISMO
L’esigenza di trovare un accordo con la corrente cattolico-liberale era avvertita come fondamentale
per dare solidità ai movimenti e al futuro governo nazionale. La vera novità degli anni ‘40 fu
l’emergere dell’orientamento moderato, che si differenziava nettamente dal tradizionalismo
conservatore legittimista e dal radicalismo repubblicano di Mazzini. La soluzione del problema italiano
era risolvibile attraverso programmi gradualisti e indolori, senza l’uso della rivolta armata. Uno dei
tentativi della politiche moderata era da ricercare nel tentativo di conciliare la causa liberale e
patriottica con la religione cattolica.
Una corrente cattolico-liberale era da tempo attiva sul territorio, battezzata con il NEOGUELFI. Ai
Neoguelfi si contrapposero i NEOGHIBELLINI d’orientamento repubblicano e anticlericale, i cui
maggiori esponenti furono: Guerrazzi e Niccolini.
Il Neoguelfismo conobbe il suo momento di maggiore popolarità con il libro di Gioberti (abate torinese
che aveva subito l’influsso di Mazzini), Del Primato Civile e Morale degli Italiani. Proponeva un
federalismo di Stati fondato sull'autorità superiore del Papa e sulla forza militare del Regno di
Sardegna.
Cesare Balbo nel ‘44 riprese le teorie di Gioberti evidenziando, mettendo in evidenza ufficialmente
l’impedimento della presenza austriaca l’unificazione.
Nel ’46 Giacomo Durando, rilanciava l’idea di una monarchia federalista, con un’Italia divisa in tre:
Una settentrionale; una centrale e una meridionale.
Elemento comune delle idee di Gioberti, Balbo e Durando, era dunque l’ipotesi federalista. Il fallimento
dei moti del ’45 nelle legazioni pontificie contribuì ad evidenziare, nei moderati come D’Azeglio
l’inconsistenza dei propositi rivoluzionari.
Ma la tendenza al federalismo e il riformismo graduale non era patrimonio esclusivo della scuola
moderata, esisteva anche una corrente democratico-radicale, sviluppatasi in Lombardia, che credeva
molto in quelle prerogative. Capofila di questa corrente era Carlo Cattaneo, direttore della rivista “Il
politecnico”, con un programma politico incentrato sul riformismo politico-economico dei singoli stati.
Obiettivo finale era una confederazione repubblicana sul modello Usa, con ampi spazi d’autonomia
ai singoli fosse per la realizzazione degli Stati Uniti d’Europa.
36 IL 1848 IN ITALIA E LA PRIMA GUERRA D’INIDIPENDENZA
Spinti dai nuovi eventi europei, anche in Italia si manifestò un rafforzamento dei radicali-democratici,
che favorì l’acuirsi degli ideali nazionali avvertiti ormai anche dalla maggior parte dell’opinione
pubblica.
Negli anni tra il 46-’48 molti sovrani italiani concessero moderate costituzioni liberali. Ma
l’impreparazione dell’establishment politico non fu in grado di opporre un’adeguata resistenza
all’ennesima ondata restauratrice degli austriaci.
I moti italiani del ’48 furono influenzati da quelli di Francia, Austria e Germania e dall’entusiasmo
della politica riformista di Pio IX nel biennio delle riforme (’46-47). Entrambi auspicavano la
concessione di Costituzioni e l’organizzazione del sistema politico su base Parlamentare e
orientamento moderato.
Già nel Gennaio 1848 una sollevazione a Palermo costrinse Ferdinando II a concedere la
Costituzione. La più rivoluzionaria fu quella piemontese proposta da Carlo Alberto - STATUTO
ALBERTINO - che nonostante mantenesse una forte predominio del potere monarchico, prevedeva
un sistema bicamerale con:
24
769927308
01/06/17
 una Camera Dei Deputati, elettiva;
 un Senato di nomina regia.
Gli altri moti attesero l’abbrivio della rivolta di Vienna nel mese di Marzo.
A Venezia la popolazione scacciò gli austriaci ed instaurò il governo provvisorio della Repubblica
Veneta, presieduta da Daniele Manin.
A Milano dopo duri scontri (le cinque giornate di Milano), le truppe austriache del generale Radetzky,
furono costrette a ritirarsi nel Quadrilatero di Peschiera-Verona-Legnago-Mantova, mentre i liberali
costruirono un Governo Provvisorio.
Nel Marzo’48 il Piemonte, spinto dalla pressione liberale-democratica e dall’aspirazione sabauda ad
allargare i confini verso est, dichiarò guerra all’Austria: Prima Guerra d’Indipendenza. Si unirono al
Piemonte anche le truppe di Ferdinando II di Napoli, Leopoldo II di Toscana e Pio IX trasformando
l’evento in una guerra nazionale benedetta dal Papa e combattuta congiuntamente da tutte le forze
patriottiche. Carlo Alberto dimostrò scarsa abilità militare suscitando l’irritazione dei democratici e la
diffidenza degli altri sovrani.
Particolarmente imbarazzante era la posizione di PIO IX che si trovava in guerra contro una potenza
cattolica. Minacciato dall’Austria di uno scisma della chiesa locale, in Aprile, il Papa richiamò le sue
truppe, seguito a breve dagli altri sovrani.
A fianco del Piemonte, rimasero solo i volontari degli eserciti dei diversi stati (tra i quali Garibaldi).
Nonostante alcune vittorie iniziali - Curtatone e Montanara - nel Luglio ’48 l’esercito sabaudo fu
sconfitto a Custoza e pochi giorni dopo venne firmato l’armistizio con gli austriaci.
37 LOTTE DEMOCRATICHE E NUOVA RESTAURAZIONE (1848-49).
Nel biennio ’48-49 il rafforzamento democratico e degli ideali nazionali conclamarono l’avversione
verso gli austriaci. Le rivoluzioni italiane del periodo fallirono, soprattutto a causa delle fratture fra:
 democratici e radicali che vedevano nell’insurrezione armata e nell’allargamento del conflitto
allo Stato della Chiesa l’unica soluzione al problema italiano;
 liberali e moderati spaventati dalla minaccia rivoluzionaria e votati a privilegiare le scelte
diplomatiche e evitare in un primo tempo, lo Stato della Chiesa.
La situazione era piuttosto frammentaria.
La Sicilia restava divisa dalle Regno, sotto il controllo dei separatisti che si erano dati un proprio
governo e una costituzione democratica.
Venezia era rimasta la Repubblica di Manin.
In Toscana il granduca, spinto da pressioni popolari, fu costretto a formare un governo
moderatamente democratica.
Nello Stato Pontificio, una sollevazione popolare indusse il Papa alla fuga. Furono indette elezioni a
suffragio universale (eletti anche Mazzini e Garibaldi )per un’assemblea costituente della
Repubblica Romana.
I nuovi moti che percorsero il paese ridiedero animo ai rivoluzionari caldeggiando una nuova guerra
anti austriaca.
Nel 1849 Carlo Alberto ripresa la via delle armi, si trovò di fronte un esercito ben organizzato e
superiore per mezzi e uomini. Le truppe di Radetzky impartirono a quello sabaudo una pesantissima
lezione a Novara, provocando l’abdicazione di Carlo Alberto in favore del figlio Vittorio Emanuele
II.
La firma dell’armistizio segnò l’avvio di una durissima ondata restauratrice in tutti gli stati italiani,
che nonostante una strenua resistenza cedettero alla potenza asburgica.
La resistenza più gloriosa fu quella della Repubblica Romana stroncata solo dall’intervento delle
truppe francesi, chiamate dal Papa.
Poco dopo capitolava anche Venezia e le piccole repubbliche del centro.
Terminata la campagna d’Italia, l’Austria poté dedicarsi alla questione interna che vedeva una
Ungheria che aveva approfittato della situazione per proclamare la Repubblica Ungherese. Con l’aiuto
militare della Russia (preoccupata dalla persistenza di focolai rivoluzionari ai propri confini), la
Repubblica Ungherese fu attaccata congiuntamente dai due lati e costretta a soccombere.
Con il ritorno dei vecchi sovrani scomparve ogni impulso riformatore provocando con un nuovo
blocco allo sviluppo e all’industrializzazione.
Il Lombardo Veneto fu sottoposto ad una pesante occupazione militare e ad una forte pressione
fiscale a danno degli imprenditori (che impedì lo sviluppo dell’industria e delle infrastrutture).
Nello Stato Pontificio Pio IX non tenne in alcun conto chi lo esortava alla moderazione e riorganizzò lo
stato sul modello teocratico-autoritaristico.
Nel Regno delle due Sicilie fu ristabilito un governo strettamente conservatore con l’innalzamento di
nuove barriere doganali così da rallentare ancor lo sviluppo economico, contribuendo ad acuire i
sentimenti indipendentisti siciliani.
25
769927308
01/06/17
Unico stato nazionale in cui la situazione poté evolversi fu il Piemonte dove sopravvisse lo Statuto
Albertino.
Il Regno del nuovo re, Vittorio Emanuele II, incominciò con un duro scontro con una Camera
elettiva, composta per la maggioranza da radicali e democratici. Quando i deputati radicali si
rifiutarono di ratificare la Pace di Milano con gli austriaci, che prevedeva il pagamento di un forte
indennizzo di guerra, il sovrano in accordo con il Governo di D’Azeglio che, con grande autorità e
consci della delicatezza della situazione, si rivolsero direttamente agli elettori. Questi si dichiararono
favorevoli ad una maggioranza più moderata, che accettò di sottoscrivere il trattato evitando di
scatenare nuova repressioni, preservando l’esperimento moderato-liberale che consentirà al Regno un
ulteriore sviluppo politico.
Solo in questo modo fu possibile a D’Azeglio portare avanti l’opera di modernizzazione del paese,
palesata nella tappa fondamentale del ’50 con il voto delle Leggi Siccardi, che riordinavano i rapporti tra
Stato e Chiesa.
Convinti della necessità di una laicizzazione dello Stato, questi accordi riuscivano a mediare una
situazione delicata, ponendo fine ad anacronistici privilegi del clero, ma consentendo alla Chiesa di
mantenere alcuni privilegi.
26
769927308
01/06/17
38 CAVOUR E IL PIEMONTE
Gli insuccessi rivoluzionari della prima metà del ‘800 aprirono la strada ai liberali, che per raggiungere
l’unità nazionale riproponevano un riformismo politico. La debolezza dimostrata negli stati italiani
aveva evidenziato la necessità di creare un nuovo accordo tra i liberali e i democratici attraverso una
politica moderata. La vera rivoluzione che avrebbe dovuto scuotere il paese doveva essere quella
economica. Questa era la base portante della politica del nuovo uomo forte: Camillo Benso Conte di
Cavour.
Fu lui uno dei mediatori che portò al successo delle leggi Siccardi. Aristocratico, grande economista e
intellettuale era cresciuto con forti contaminazioni straniere e con grande apprezzamento per la
democrazia inglese. Il suo ideale politico era quello di un liberalismo moderato, che prevedeva un
allargamento della base elettiva, necessario all’evoluzione industriale del periodo. Modernismo e
garanzie per la proprietà privata e l’attività individuale erano alla base del suo indirizzo economico.
Entrò a fare parte del governo D’Azeglio nel 1850 e nel 1852 divenne capo dell’esecutivo, anche grazie
al connubio: un’alleanza politica tra la le componenti più moderate della destra e quelle della sinistra,
il cui capogruppo era Urbano Rattazzi. Così spostando il timone verso sinistra allargò il consenso,
ponendo le basi per un’ampia governabilità, requisito indispensabile per consentirgli di:
 realizzare le riforme interne per l’ammodernamento;
 riorganizzare la guerra contro gli austriaci.
In Politica Economica propose una ferra linea liberoscambista:
 Dal 1851 al ’54 stipulò trattati commerciali con Francia, Belgio e GB e abolì gran parte dei dazi
doganali, compreso sul grano, così da favorire l’agricoltura;
 Sviluppo delle infrastrutture: fece realizzare grandi opere pubbliche, il potenziamento della
rete ferroviaria favorì l’industria: meccanica e siderurgia.
In questo modo il Piemonte cavouriano, in un decennio, diventava il modello politico e economico di
riferimento in Italia. Il rinnovamento provocò il rientro di molti esuli attorno i quali si svilupperanno
le idee portanti per la prossima unificazione.
Il prezzo del rinnovamento era stato scaricato sull’ inasprimento fiscale che colpì soprattutto le classi
medio-basse fortemente penalizzate.
39 INIZIATIVE MAZZINIANE E REPUBBLICANE NEGLI ANNI ‘50
Nonostante gli insuccessi delle rivoluzioni ’48 Mazzini non mutò le proprie strategie rivendicando
nuovi intenti rivoluzionari, mentre all’interno dei democratico-repubblicani il malcontento indirizzò
verso una linea meno intransigente.
Trasferitosi in esilio volontario a Londra, organizzò nel 1850 un Comitato nazionale italiano con
l’intento di una nuova sommossa. Nel 1852 la polizia austriaca scoprì i congiurati e portò a termine
operazioni poliziesche molto dure che decimarono le organizzazioni. Mazzini tentò lo stesso la carta
dell’insurrezione nel 1853.
A Milano i rivoltosi non riuscendo a coinvolgere le popolazioni locali furono duramente sconfitti
dall’esercito austriaco.
Ma Mazzini proseguì fondando nel 1853 a Ginevra il Partito d’azione cercando di coinvolgere gli
operai e artigiani delle città del Nord, mentre Ferrari e Pisacane cercarono di proporre soluzioni
alternative. Influenzati dalle neonate idee marxiste, nel ‘51 introdussero il tema del socialismo, che oltre
alla dottrina, prevedeva il coinvolgimento delle masse popolari nella lotta per l’unificazione e
l’indipendenza.
Pisacane era convinto che la strada da seguire per realizzare questo coinvolgimento era da ricercare nella
crisi gravissima della situazione meridionale.
SPEDIZIONE DI SAPRI: nonostante le divergenze ideologiche Pisacane organizzò col Mazzini una
spedizione in Italia meridionale nel 1857. Pisacane al comando di un piccolo gruppo di ribelli, infoltito
dai detenuti liberati dal penitenziario dell’isola di Ponza si diresse verso Sapri per iniziare la marcia
verso l’interno. L’inpossibilità di coinvolgere le masse contadine provocò un nuovo e clamoroso
fallimento.
A questo punto parve evidente che per raggiungere l’unità d’Italia occorreva trovare l’appoggio di una
potenza militare. Un nuovo movimento indipendentista, La Società nazionale di Manin indicò nel
Piemonte l’unico stato alleato per raggiungere scopo.
40 LA SECONDA GUERRA D’INDIPENDENZA
In politica estera Cavour mirava a rafforzare il Piemonte avvicinandolo alle democrazie più moderne.
Un passo importante in questa direzione fu compiuto nel ‘55 quando si alleò con Francia e Inghilterra
27
769927308
01/06/17
contro la Russia per la guerra in Crimea, inviando un corpo militare al comando del generale La
Marmora.
La vittoria della guerra non portò alcun vantaggio concreto, ma permise allo statista di affrontare in sede
internazionale la questione italiana alla conferenza di Parigi del ’56. Ma lo scarso successo
diplomatico convinse Cavour a modificare gli equilibri politici per raggiungere il proprio scopo,
lavorando su due fronti:
 appoggiare i movimenti insurrezionali;
 cercare un’alleanza con l’unica nazione desiderosa di cambiare lo status quo: la Francia di
Napoleone III. L’alleanza con i francesi avvenne segretamente nel ’58 con gli accordi di
Plombieres, e nascondevano i reali intenti di Napoleone. Riorganizzare l’Italia in tre stati distinti
confederati sotto la propria diretta influenza e la presidenza del Papa:
 Stato Settentrionale sotto il dominio Sabaudo;
 Stato Centrale con Toscana e legazioni pontificie, retto da un parente di Napoleone III;
 Stato Meridionale sotto la dinastia dei Borbone.
Ma a Cavour premeva soprattutto liberarsi dell’Austria e siccome l’accordo sarebbe stato valido solo in
caso d’aggressione, i piemontesi organizzarono manovre militari ai confini con l’impero per provocare
il casus belli.
Gli austriaci nel ‘59 intimarono l’ultimatum ai piemontesi di smobilitare l’esercito. La risposta
negativa dell’esercito sabaudo sancì l’inizio delle ostilità della SECONDA GUERRA
D’INDIPENDENZA. L’esercito congiunto dei Franco-piemontesi attaccò in Lombardia a
Montebello, e a Magenta aprendosi la strada verso Milano. Un successivo contrattacco austriaco fu
respinto il 24 Giugno a Solferino e San martino. A questo punto invece di proseguire nelle manovre
militari, Napoleone III (pressato dal malcontento che in patria aveva causato il costo economico ed
umano della Guerra) decise, unilateralmente, di concludere la guerra e firmare l’armistizio di
Villafranca, che prevedeva per il Piemonte l’annessione della sola Lombardia.
Risentito Cavour diede le dimissioni in favore del generale La Marmora. L’episodio segnò la fine
dell’alleanza tra il Piemonte e Napoleone III. La vittoria mutilata suscitò lo sdegno dei democratici,
favorendo una nuova ondata rivoluzionaria in tutta Italia, che costrinse molti sovrani ad abbandonare i
loro scranni.
I nuovi governi rivoluzionari si pronunciarono per l’annessione al Piemonte.
La situazione di crisi interna costrinse Napoleone III al non intervento così da permettere a Cavour,
tornato al governo nel ‘60, di negoziare le annessioni in cambio di Nizza e della Savoia alla Francia.
41 GARIBALDI E LA SPEDIZIONE DEI MILLE
La situazione politico-territoriale italiana dopo la seconda guerra d’indipendenza (annessione al Regno
della Lombardia) avrebbe soddisfatto di fatto gli ideali programmatici dei liberali e dello stesso Cavour,
ma non i democratici che chiedevano l’unificazione della penisola. Il Piemonte forte della vittoria
sull’Austria assumeva la conformazione territoriale di uno stato nazione, proponendosi come l’unica
entità militare capace raggiungere l’intento unificatore. Per l’attuazione del programma, scartata
l’ipotesi militare nelle legazioni pontificie, per le complicanze internazionali che sarebbero seguite,
tornò d’attualità l’iniziativa nel Regno delle due Sicilie, dove era appena salito al trono il giovane e
inesperto Francesco II.
Furono due mazziniani siciliani esuli in Piemonte, Crispi e Pilo, a organizzare il progetto di
spedizione nell’isola. L’idea era organizzare un’insurrezione in loco coinvolgendo le popolazioni
locali, per passare poi ad invadere i territori peninsulari, per arrivare sino allo stato pontificio.
Base di partenza imprescindibile era di predisporre un manipolo di uomini capeggiato da un’abile
guida militare con il beneplacito del Piemonte.
Nell’Aprile ’60 fu fatta scoppiare una rivolta a Palermo. Mentre Pilo si precipitò in Sicilia per
prendere la testa del moto, il Crispi convinse Garibaldi (il capo militare più prestigioso e l’unico
democratico in grado di riunire i consensi dell’eterogeneo schieramento unificatore) ad assumere la testa
dei volontari.
Garibaldì partì da Quarto, il 6/5/1860, alla testa di un contingente di un migliaio di volontari, sbarcò a
Marsala pochi giorni dopo. Sconfisse le truppe regolari a Marsala, Calatafimi, e Palermo, dove per la
prima volta, l’arrivo delle avanguardie garibaldine provocò una sollevazione popolare che ne favorì
il compito. A Palermo fu organizzato un governo provvisorio guidato da Crispi che tentò di ratificare
riforme sociali (terre ai contadini, riduzione del carico fiscale). Dopo l’arrivo di forze Piemontesi,
Garibaldi si scontrò nuovamente con i borbonici a Milazzo costringendoli ad abbandonare l’isola.
28
769927308
01/06/17
42 L’UNIFICAZIONE ITALIANA, I PLEBISCITI E LA PROCLAMAZIONE DEL NUOVO
REGNO
In poche settimane l’impresa garibaldina del ‘60 in Sicilia assunse le dimensioni dell’epopea. La
facilità con cui avevano sgretolato l’esercito borbonico avevano costretto il Cavour e le altre potenze
internazionali, a rivedere la loro strategia. Temendo una svolta radicale, il governo piemontese inviò
sull’isola Giuseppe La Farina col compito d’influenzare l’opinione pubblica in favore di
un’annessione al Piemonte. Il tentativo si scontrò con la decisione di Garibaldi e Crispi di rimandare
ogni discorso politico a dopo la conquista dei territori borbonici. A complicare la situazione
pensarono gli stessi contadini siciliani, che forti dell’entusiasmo, volevano spartirsi le terre dei ricchi.
La situazione produsse una frattura fra i liberatori, che non volevano lasciare sfogo al clima di aperta
anarchia che si prospettava, e i liberati. Questo provocò disordini in tutta la regione. Spaventati i
proprietari terrieri s’allearono con i democratici, mostrandosi favorevoli all’annessione al
Piemonte.
Per ripristinare l’ordine, il Piemonte organizzò un intervento repressivo-poliziesco guidato da Nino
Bixio, mentre nell’estate ‘60, Garibaldi salpava alla volta della Calabria. Senza quasi trovare
resistenza da parte del disgregato esercito borbonico, entrò trionfalmente a Napoli. Situazione che di
fatto avvantaggiava i democratici napoletani, desiderosi d’organizzare un’azione contro lo Stato
Pontificio, che avrebbe provocato la reazione di Napoleone III.
La spinosità della questione costrinse il Cavour all’intervento militare per anticipare i democratici.
Dopo avere informato la Francia, l’esercito piemontese penetrò nello stato della Chiesa, sconfisse le
truppe pontificie nella battaglia di Castelfidardo e dichiarò l’annessione delle Marche e Umbria al
Regno. In questo modo l’iniziativa tornava nelle mani dei moderati di Cavour e Garibaldi non
poteva opporsi se non a rischio di una guerra fratricida. Al condottiero non rimase che attendere
l’arrivo delle truppe piemontesi, a Teano, alle quali lasciare il controllo prima di ritirarsi in
volontario esilio a Caprera.
A giocare a favore del partito dell’annessione giocò anche il fenomeno del brigantaggio che
sconvolse i territori meridionali. I plebisciti indetti nell’ottobre’60 sancirono la volontà d’annessione
al regno piemontese dei territori Delle Due Sicilie.
Il 17 Marzo ‘61 il Parlamento proclamava Vittorio Emanuele II Re d’Italia.
29
769927308
01/06/17
43 BISMARK, POLITICA INTERNA ED ESTERA
Il cancellierato di Bismark, iniziato nel 1862, fu un’ammirevole e abile opera politica che influenzò
la politica nazionale tedesca ed internazionale della fine dell’ottocento.
La politica interna s’incentrò sul RIFORMISMO CONSERVATORE, mentre la politica estera ruotò
attorno al MITO DELLA FORZA, Machtpolitik (indirizzo che avrebbe contagiato tutti gli stati
europei).
Alla base delle sue prerogative bismarkiane c’era lo sviluppo bellico e il ritorno al protezionismo. La
Germania dell’ultimo quarto del XIX secolo poteva vantare:
 una popolazione molto elevata, molto maggiore di quella inglese;
 un esercito micidiale;
 uno sviluppo industriale che la collocava tra le prime potenze al mondo;
 una struttura per l’istruzione invidiabile;
 un’avanzata ricerca scientifica;
 una rete di vie di comunicazione efficiente;
 un’efficiente sistema bancario.
POLITICA INTERNA. La struttura istituzionale della confederazione germanica era molto
complessa, anche se tutto ruotava attorno allo strapotere prussiano e alla centralità del governo e del
cancelliere.
 Il potere legislativo era tenuto da una Camera, il REICHSTAG eletta a suffragio
universale;
 un Consiglio Federale composto da rappresentanti dei singoli stati che influenzava i governi
locali con competenze amministrative.
Ma le grandi scelte dipendevano dal cancelliere e dal governo centrale: unici responsabili di fronte
all’imperatore.
Il potere del governo era basato sul un solido blocco sociale comprendente: finanzieri, industriali e
Junkers. La base di consenso fu ulteriormente rafforzata dalle scelte protezionistiche adottate dal
Bismark dopo il ’79.
Nonostante lo squilibrio tra i poteri istituzionali si sviluppò un vivace dibattito politico, favorito in parte
anche dall’elevato efficienza del sistema dell’istruzione, grazie al quale nacquero forti movimenti di
massa.
 Nel ‘71 nasce il CENTRO, partito d’ispirazione cattolica, che posava la sua base consensuale su
una realtà molto ricca e composita;
 nel ’75 nasce l’SPD, il partito social-democratico tedesco che aveva la sua base consensuale
nella massiccia adesione operaia. Nel giro di pochi anni diventerà un modello per il movimento
operaio europeo.
Per governare secondo le proprie prerogative s’imponeva al Bismark di combattere duramente
contro entrambe le compagini d’opposizione.
Il cancelliere si preoccupò soprattutto di contrastare il Centro perché ritenuto più pericoloso. Gli
orientamenti filocattolici erano fortemente radicati nella gran parte della popolazione (soprattutto in
quelle realtà non prussiane che ancora mal ne digerivano il predominio). Lo scontro tra il cancelliere e i
cattolici raggiunge l’acme tra il ‘72-’75 con l’emanazione di una serie di misure per ampliare la
laicizzazione dello Stato accompagnate da altre che limitavano le libertà dei religiosi.
Ma la risposta all’azione del cancelliere fu negativa. Per reazione s’irrobustirono i consensi delle forze
cattoliche, tanto da costringerlo ad un’inversione di marcia. Nel ’87 una nuova legislazione
riequilibrò le sfere di competenza fra Stato e Chiesa.
Risultato parimenti negativo fu ottenuto nella battaglia contro i socialdemocratici.
Già nel ’78 il varo delle LEGGI ECCEZIONALI pose gravi limitazioni ai socialdemocratici, che si
trovarono ad operare in una situazione di semiclandestinità. Ma anche in questo caso la SPD vide
accrescere i consensi nel giro di pochi anni.
Ma l’opera di Bismark non fu solo repressiva nei confronti del movimento operaio. Sebbene il vero
proposito fosse quello d’inquadrarlo nello Stato, in una posizione subalterna, negli anni ’80 furono
varate una serie di concessioni:
 leggi di tutela dei lavoratori;
 assicurazioni obbligatorie per la vecchiaia e gli infortuni sul lavoro.
Questo favorì il rafforzamento del movimento sindacale che spalleggiò la socialdemocrazia.
La suddivisione delle spese di tali riforme fu ripartita tra: imprenditori, Stato e operai. POLITICA
ESTERA. Dopo la vittoria nella guerra franco-prussiana il cancelliere divenne il custode dell’equilibrio
europeo. Forte della sua supremazia nel continente, cercò d’imporre una politica statica, cercando
sempre d’impedire alla Francia di riprendere vigore, contando sulla tendenza inglese a non
impegnarsi in Europa al di fuori dei propri interessi e alla sottoscrizione di un articolato sistema
d’alleanze.
30
769927308
01/06/17
Nel 1873 fu stipulato il Patto dei Tre Imperatori, tra Germania, Austria, Russia (a cui s’accoderà
anche l’Italia).
L’accordo aveva l’anello debole nell’antica rivalità fra Austria e Russia nei Balcani, dove la crisi
dell’Impero Ottomano consentiva nuove mire espansioniste. Nel ’77 la Russia dichiarava Guerra
alla Turchia, schierandosi in favore delle popolazioni slave della zona insidiate dagli ottomani. La
vittoria dei russi scatenò una reazione diplomatica dell’Austria e dell’Inghilterra (preoccupata
dell’interesse russo sugli stretti dei Dardanelli e del Bosforo).
Per evitare la nascita di nuovi conflitti, il cancelliere convocò un congresso a Berlino nel ’78 nel quale
furono ridimensionati i vantaggi per i russi e fu accontentata parzialmente anche la Francia, alla quale
fu lasciata mano libera per un futuro intervento coloniale in Tunisia (che avrebbe portato ad un
conflitto con l’Italia).
Nel ’81 il rinnovo del Patto coincise con la suddivisione dei Balcani in zone d’influenza. Ma Bismark
consapevole della debolezza dell’alleanza, si mobilitò per controbilanciarla, stipulando nel ’82, un altro
trattato - la Triplice Alleanza - tra: Germania, Austria e Italia. Anche quest’ultimo accordo portava
con sé elementi di fragilità dovuti all’inimicizia storica tra gli ultimi due contraenti.
Nonostante l’articolata impalcatura diplomatica si ripresentarono presto nuovi contrasti nei Balcani,
tra la Russia e l’Austria nel ‘85-’86. Conscio dell’impossibilità di convivenza fra gli alleati, Bismark
optò per due contratti bilaterali:
 mantenne bloccata l’alleanza con l’Austria;
 stipulò nel 1887 con la Russia il TRATTATO DI CONTRASSICURAZIONE che
impegnava:
o la Russia a non unirsi alla Francia in caso d’attacco alla Germania;
o Germania a non unirsi all’Austria in caso d’attacco alla Russia.
44 LA TERZA REPUBBLICA IN FRANCIA (SINO AL 1914)
Dopo la sconfitta di Sedan, ad opera dei prussiani nel ’70, la Terza Repubblica francese muoveva i
suoi primi passi con un’impronta molto conservatrice. Nonostante il carico dei trattati di pace, la
riscossa economica non tardò ad arrivare.
 Nel ‘72 fu reintrodotto il servizio di leva obbligatorio;
 nel ’73 fu ultimato il pagamento dei danni di guerra.
Alla fine degli anni ’70 la situazione economica si era riassestata e la politica estera s’indirizzava
verso il colonialismo.
In POLITICA INTERNA la situazione era caratterizzata dalla contrapposizione tra:
 i legittimisti, favorevoli a un ritorno monarchico;
 gli orleanisti che auspicavano un ritorno degli eredi di Luigi Filippo.
Un accordo in extremis tra orleanisti e repubblicani moderati portò al varo di una Costituzione nel
1875 che prevedeva un sistema bicamerale con: una camera e un senato che eleggeva un Presidente
della Repubblica con ampi poteri. La nuova costituzione rappresentava un modello di democrazia
moderna per l’intera Europa. La manovra politica rafforzò i repubblicani, che nelle elezioni del 1876
sconfissero i conservatori. Nella file della nuova maggioranza si fecero strada gli opportunisti legati
all’esigenze dell’elettorato medio (commercianti, impiegati) che si contrapponevano ai radicali di
Clemanceau, i quali auspicavano un indirizzo maggiormente riformista. Il prevalere della linea
moderata sfavorì lo sviluppo democratico, producendo un sistema istituzionale con il Presidente della
Repubblica fortemente limitato dalle camere.
Con il nuovo direttivo fu avviata un’operazione di laicizzazione dello stato. Dal 1880 al ’85 fu resa
obbligatoria l’istruzione pubblica elementare e consentito il divorzio. Questo processo provocò una
reazione delle forze clerico-conservatrici che riuscirono ad indebolire l’esecutivo. La corruzione
ormai diffusa mise in crisi il già debole sistema istituzionale, così da fare nascere nell’opinione pubblica
una crescente richiesta di restaurazione autoritaria e un conseguente rafforzamento della destra.
Significativo, di questo fenomeno, fu il caso Dreyfus. Vittima di una violenta campagna antisemita,
l’ufficiale ebreo fu condannato per spionaggio, sulla base di prove inventate. Nonostante la
comprovata innocenza, le alte sfere militari si rifiutarono di revisionare il processo; provocando una
profonda spaccatura nell’opinione pubblica. Nel ‘99 alla revisione del processo, nonostante la
comprovata innocenza, fu confermata la condanna.
L’indignazione fu tale che alle elezioni del ’99 i moderati uscirono nettamente vincitori. Alla vittoria
elettorale seguirono le rivincite politiche sui conservatori. Riprese con concretezza la battaglia contro
i privilegi del clero che portò nel 1905 alla rottura diplomatica tra lo Stato e la Santa Sede.
Tra il 1906-’10 Clemanceau realizzò alcune importanti riforme:
 limitazione dell’orario di lavoro;
 obbligo del riposo settimanale;
31
769927308
01/06/17
 istituzione delle pensioni d’anzianità.
Ma non riuscì a fare ratificare un’imposta sul reddito. Usciti vincitori dalla battaglia anticlericale i
radicali si trovarono comunque invischiati in un processo d’involuzione moderata che bloccava le
riforme.
Alla fine degli anni ’10 l’opera del governo mostrava un nuovo spostamento verso il centro, che
porterà la Francia alla Prima Guerra mondiale con una politica che privilegerà il riarmo e il
rafforzamento dell’esercito.
45 L’INGHILTERRA NELLA SECONDA METÀ DEL XIX SECOLO
Gli ultimi decenni del XIX secoli videro un alternarsi di governi Wings e Tories con un’accesa
competizione sulle riforme sociali e nelle politiche coloniali.
Gli anni ’70 in Gran Bretagna erano incominciati all’insegna del liberalismo del governo Wings di
Gladstone. Le misure del governo permisero alla popolazione di vivere con un tenore di vita
superiore a quella di chiunque altro, equivalente solo a quella degli americani. A tale prosperità
contribuì anche la politica coloniale che trovò un periodo particolarmente fortunato con l’avvento al
potere, nel 1874 del Tories Disraeli, che decise di adattare la politica britannica allo stile
bismarkiano.
Il primo ministro si mosse abilmente all’interno di un percorso fatto di alternanza fra azioni di forza e
concessioni. Diede la priorità, in politica estera, al colonialismo (in particolare il consolidamento in
India), cercando altresì, in politica interna, il consenso della base popolare non esitando a
concorrere coi i liberali sul terreno delle riforme sociali. L’esperimento di conservatorismo
popolare, fu però interrotto nel ‘80 a causa delle difficoltà economiche, dovute agli effetti della crisi
del ’79, e ad alcune sconfitte militari nelle colonie, che permisero il ritorno di Gladstone.
Il liberale cercò di dare nuovo impulso alle riforme sociali approvando nel ’84 un allargamento del
corpo elettorale. Ma ci fu minore incisività rispetto al primo mandato, soprattutto a causa della
questione irlandese. L’Irlanda, divisa dal resto del paese dalla sua fedeltà al cattolicesimo, non era
stata interessata dall’evoluzione economica-industriale. Già con la crisi agricola del ’73 la reazione
indipendentista irlandese si fece particolarmente insistente, arrivando ad esercitar una forte pressione
sul Parlamento. Per fronteggiare il problema Gladstone tentò:
 nel 1881 di attuare una riforma agraria;
 nel 1886 propose una Home Rule (autogoverno).
L’ultima proposta provocò parecchi malcontenti sia nell’opposizione che tra le fila dei liberali.
Significativa fu la scissione da parte dell’ala più a sinistra del partito, capitanata da Joseph
Chamberlein, che diede vita agli unionisti (coloro che erano contro l’indipendenza dell’Irlanda). La
divisione interna provocò la caduta del governo Gladstone nel 1886.
Alla fine del secolo il governo fu saldamente in mano alla coalizione tra conservatori e liberali
unionisti con Chamberlain ministro delle colonie.
La linea politica del nuovo esecutivo era tutta all’insegna della continuità nell’impegno colonialista e
sul riformismo sociale (ma non riuscì ad essere efficace da intaccare i privilegi delle classi più agiate).
Tra il 1897-1905 furono varate:
 le leggi sulle responsabilità imprenditoriali, in materia d’infortuni sul lavoro;
 e alcune misure atte a favorire il collocamento dei disoccupati.
A mettere in crisi il governo conservatore fu il progetto di reintrodurre il protezionismo con una
tariffa imperiale che sconvolgeva la tradizione liberoscambista consolidata da qualche tempo. Alle
elezioni del 1906 tornarono al potere i liberali, di Loyde George con un governo che per la prima
volta nella storia vedeva l’ingresso alla camera di rappresentanti laburisti.
Il nuovo esecutivo riavviò la politica riformista con ulteriori innovazioni:
 massimo orario di lavoro fissato a otto ore per i minatori;
 istituzione di uffici di collocamento;
 assicurazioni d’anzianità a carico dello Stato.
Per sopperire alle spese necessarie per le riforme e per la corsa agli armamenti si cercò d’introdurre
una politica fiscale su base della progressività, che avrebbe colpito i grandi patrimoni. Il rifiuto
della ratifica, col conseguente apposizione del veto della Camera dei Lord (che per tradizione non
votava leggi finanziarie), scatenò un conflitto istituzionale nel 1909.
Per aggirare il problema, i liberali presentarono una proposta di legge - Parliamentary Bill - che
impediva ai Lords di respingere leggi di carattere finanziario. Nel 1911 grazie all’intervento di re
Giorgio V, i Lords accettarono la legge fiscale.
Il successo politico non riportò però la tranquillità nel paese. Gli elevati costi delle grandi riforme non
avevano provocato alcun miglioramento elle condizioni di vita delle classi più basse; e i nazionalisti
irlandesi erano stati quasi dimenticati. Nel 1911 fu proposta una nuova Home Rule che prevedeva una
32
769927308
01/06/17
parziale autonomia irlandese. La soluzione scontentò sia gli unionisti, che gli abitanti dell’Ulster (a
maggioranza protestante) che organizzarono un movimento armato il Sinn Fein (cioè "noi stessi") che
chiedeva a sua volta l’indipendenza dall’Irlanda. Il progetto, fu approvato nel ‘14, ma non trovò
applicazione per la Guerra mondiale.
46 LIBERISMO, PROTEZIONISMO E CRISI AGRARIA
Nel trentennio finale del ‘800 l’economia capitalistica subì una nuova trasformazione, così da fare
parlare di Seconda Rivoluzione Industriale.
A cambiare furono soprattutto i rapporti tra la produzione e il potere statale e tra i poteri nazionali e
quelli internazionali, che segnò il declino di alcune ideologie portanti del ‘800, come il declino della
libera concorrenza (liberismo).
Nel ‘73 si ripresentò una nuova crisi di sovrapproduzione (Grande Depressione) che fece sentire gli
effetti per un paio di decenni.
Le nuove dimensioni del mercato e la crisi dei prezzi sollecitarono nuove soluzioni. Nacquero le
grandi associazioni industriali (holding) e i cartelli delle grandi imprese (monopoli) che
controllavano interi settori.
Nel nuovo sistema economico giocarono un ruolo fondamentale le banche. Per non perdere
competitività nell’intermediazione finanziaria gli stessi istituti di credito dovevano creare
macrostrutture finendo con l’ingenerare uno stretto legame tra finanza e industria (capitalismo
finanziario).
Parallelamente nacquero grandi gruppi d’interesse che aumentarono il loro peso politico rinsaldando
le complicità fra imprenditori e politici.
Per favorire i gruppi d’interesse i governi innalzarono nuove tariffe doganali.
 In Germania il Bismark già nel ’79;
 In Russia nel ’81;
 In Italia nel ’87;
 In Francia nel ’92;
 gli USA che avevano sempre mantenuto le tariffe le innalzarono ulteriormente nel ‘90.
In conseguenza di ciò, la Gran Bretagna, l’unica fedele alla tradizione liberoscambista, fu doppiamente
danneggiata: calò le proprie esportazioni e vide crescere le industrie straniere, cosicché Germania e
USA la sorpassarono in alcuni settori strategici come chimico e elettrico. Alle perdite subite
l’Inghilterra reagì con un rafforzamento dell’impegno coloniale.
Il settore nel quale la crisi del ’73 influì maggiormente fu l’agricoltura che negli ultimi anni s’era
sviluppata grazie all’uso di fertilizzanti e una prima meccanizzazione. I progressi interessarono, però,
solo alcuni paesi, come l’Inghilterra e la Germania. Nei paesi più arretrati gli scompensi si acuirono
ulteriormente quando entrarono sul mercato i prodotti americani e russi e nel ’79 i prezzi calarono
enormemente. Le nuove tensioni sociali aumentarono le ondate migratorie. I nuovi emigranti,
soprattutto slavi e latini trovarono nell’America la loro meta privilegiata.
Per tentare di porre un rimedio alla crisi agraria, ciascun paese ripropose l’introduzione di tariffe
doganali, in particolare per i cereali. Queste misure economiche tamponarono gli effetti della crisi ma
finirono con l’accrescere gli scompensi sociali scaricandosi sulle tasche delle classi più povere,
rendendo meno urgenti gli spunti organici che sarebbero stati necessari per un rinnovamento.
47 LO SVILUPPO SCIENTIFICO NELLA SECONDA METÀ DEL XIX° SECOLO
La grande rivoluzione scientifica dell’ultimo trentennio del ‘800, fu nella produzione industriale in
larga scala, per usi domestici, delle invenzioni. Si stabilisce un legame inscindibile tra tecnologia e
industria: scienziati diventano titolari o azionisti di grandi industrie.
I settori che maggiormente si evolsero furono l’elettrico e il chimico. Lampade a incandescenza,
ascensore, motore a scoppio, pneumatici, biciclette, automobile ecc. furono inventate in questo
trentennio e fecero sentire i propri effetti mutando le abitudini e i comportamenti di milioni di
uomini.
Di particolare importanza gli studi sulle onde elettromagnetiche che portò:
 Hertz alle applicazioni per le macchine elettriche;
 Marconi alle applicazioni per la telegrafia;
 Ronteg alle applicazioni dei raggi X per scopi medici;
Tutti i settori produttivi furono interessati dall’ondata di rinnovamento; gli sviluppi maggiori ci furono
nell’indotto dell’elettricità e nella chimica. Le nuove tecniche chimiche permisero di produrre l’acciaio
a prezzi molto bassi così da consentire di passare dall’età del ferro a quella dell’acciaio. Tale
33
769927308
01/06/17
cambiamento favorì lo sviluppo delle ferrovie, del settore navale, dell’utensileria, ma anche delle
strutture civili dei grandi edifici e ponti.
Nel 1889 fu eretta la torre Eiffel il simbolo dell’età dell’acciaio.
Ma anche altri settori della chimica moltiplicarono considerevolmente le produzioni: carta, vetro,
concimi, medicinali, saponi, esplosivi, gomme, ceramiche, ecc.
 Nel 1875 il chimico svedese Nobel depositò il brevetto della dinamite;
 Dunlop inventò il pneumatico nel 1888.
L’industria alimentare trovò il suo sviluppo nella scoperta di sistemi di conservazione ed
inscatolamento e nuovi processi di refrigerazione che consentirono di limitare le situazioni di pericolo
d’approvvigionamento nei periodi di carestia.
Se la prima rivoluzione industriale era basata sulla macchina a vapore e sul carbone, la seconda era
incentrata sul motore a scoppio (alimentato a petrolio) e l’elettricità.
Il primo motore a scoppio fu realizzato da Klaus Otto, Daimler e Benz lo montarono su un
autoveicolo (1885); nel 1897 Diesel inventò il primo motore a nafta. Lo sviluppo dell’auto, fu tuttavia
piuttosto lento e solo all’inizio del ‘900 si videro macchine sul mercato.
L’elevato prezzo d’estrazione e produzione del petrolio orientò gli indirizzi energetici verso
l’elettricità, che divenne l’energia del nuovo secolo. Era nota da oltre un secolo, ma le tecniche per la
produzione, il trasporto e l’uso, furono perfezionate alla fine del ‘800; tra il ’60 e ’80 furono
sperimentate le macchine per la generazione, l’accumulo e la distribuzione dell’energia elettrica.
Ma l’invenzione epocale fu la lampadina di Thomas Edison che rendeva le potenzialità dell’elettricità
disponibili all’uomo comune. La sua commercializzazione avrebbe provocato uno sviluppo produttivo
enorme ed un impatto rivoluzionario sulle abitudini di vita. Oltre agli usi civili ed industriali,
l’elettricità si prestava come elemento basilare per altre importanti invenzioni innovative: il
telefono, il grammofono e il cinema, invenzioni che avrebbero sconvolto i linguaggi simbolici e
comunicativi.
Non meno importanti fu lo sviluppo della medicina che si basò su quattro pilastri:
Diffusione delle pratiche igieniste, con effetti sulla prevenzione delle malattie
 Sviluppo della microscopia ottica, che consentì d’individuare microrganismi causa di
importanti epidemie di malattie come il colera, la peste;
 Sviluppo della farmacologia, l’isolamento di composti chimici e no, capaci d’agire sui
processi fisiologici. Nel 1860 fu scoperto l’acido acetilsalicilico dal quale nascerà l’aspirina;
 Nuova ingegneria sanitaria che permise di razionalizzare i centri di cura.
La conseguenza diretta più evidente dell’impulso tecnologico fu un nuovo boom demografico, dovuto
principalmente al miglioramento delle condizioni di vita e sull’allungamento delle prospettive di
sopravvivenza.
48 I CARATTERI DEL COLONIALISMO E DELL’IMPERIALISMO NEL ‘800
L’imperialismo rappresenta in genere, la tendenza degli stati a proiettare all’esterno i propri
interessi economici, la propria immagine e cultura. Il suo uso spesso si accompagnò all’utilizzo della
forza.
Dopo una prima colonizzazione, ad inizio del ’800, operata soprattutto da privati, alla fine del
secolo, la nuova ondata, assunse sempre più le forme della politica nazionalista volta alla ricerca
dell’interesse politico ed economico. La ricerca delle materie prime in grandi quantità e a prezzo
nullo, nonché di nuovi mercati commerciali per superare la crisi economica del ‘73. La febbre
coloniale s’inserì anche in una politica globale mirante all’equilibrio fra superpotenze, cosicché il
terzo mondo si trovò presto spartito in sfere d’influenza.
Spagna e Portogallo già da tempo avevano praticato un’aggressiva politica coloniale. In Inghilterra
l’indirizzo si rafforzò negli anni ’70 con il governo tories di Disraeli, soprattutto per non cedere alla
tentazione d’abbandonare la politica liberoscambista.
La Francia ritornò a muoversi solo alla fine del XIX° secolo.
Il colonialismo, rappresentò pertanto la risposta di alcune della grandi potenze alle nuove richieste
economiche e politiche che maturarono alla fine del ‘800.
Dal punto di vista amministrativo si distinguono:
 le colonie (amministrate direttamente dagli stati occupanti);
 i protettorati (che conservavano formalmente gli ordinamenti preesistenti).
L’Inghilterra e la Francia estesero enormemente i già grandi possedimenti, ma si unirono anche
realtà tradizionalmente prive di una precedente politica coloniale, come: Germania, Italia, Belgio,
Olanda.
Ma la vera novità nel panorama mondiale fu giocato da: Giappone e Stati Uniti.
34
769927308
01/06/17
Accanto a motivazioni economiche si ponevano anche pregiudiziali ideologiche. L’Inghilterra, per
bocca di Disraeli, si ergeva a , nazione eletta,dispensatrice della vera cultura e della vera morale. In
questo modo, l’uomo bianco si arrogava il diritto di redimere le popolazioni selvagge.
Fu questo il grande periodo dei mitici esploratori:
 Livingstone che per primo raggiunse lo Zambesi;
 Burton e Speke che raggiunsero le sorgenti del Nilo;
 l’americano Stanley che raggiunse il Congo.
L’Europa esportò nel terzo mondo tecnologia ed economia; e più in generale la propria civiltà,
anche se questo comportò l’uso sistematico della violenza.
Gli effetti più evidenti si verificarono soprattutto nel continente africano, il più impreparato alla
colonizzazione. Se da un punto di vista strettamente economico la colonizzazione ebbe dei vantaggi
(l’introduzione di nuove tecnologie, la costruzione d’infrastrutture, l’avvio di attività commerciali)
da un punto di vista culturale gli effetti furono devastanti, soprattutto in quelle realtà così
impreparate come nel caso del continente africano. La cultura primitiva, fu in gran parte spazzata
via.
Nei paesi asiatici gli inglesi furono un po’ più tolleranti dei francesi con le culture locali e i sistemi
preesistenti, ben strutturati si difesero meglio dalla contaminazione.
L’effetto indesiderato, nel lungo termine, dell’ingerenza europea nel terzo mondo, fu di creare i
presupposti culturali per il risveglio dei nazionalismi locali che porteranno alle future lotte per
l’indipendenza.
49GLI EUROPEI IN AFRICA. ESPANSIONISMO E SPARTIZIONI. LA GUERRA ANGLOBOERA
La corsa alla spartizione dell’Africa incominciò negli anni ’80 e prese il via per iniziativa dei
francesi, seguiti a ruota dagli inglesi ecc. Le azioni militari s’innescarono anche per spirito
competitivo fra le diverse potenze coloniali. All’inizio del ‘900, tutti i territori africani erano stati
colonizzati, a eccezione della Libia, Etiopia e Marocco.
Nel 1870 gli stati europei controllavano appena un decimo dell’Africa:
 i francesi: Algeria e Senegal;
 i portoghesi: Angola e Mozambico;
 gli inglesi: La colonia del Capo.
Quando gli europei si decisero a colonizzare poco era rimasto delle civiltà locali a causa delle
deportazioni schiaviste e della decadenza commerciale del continente. La popolazione era di
religione mussulmana, con esclusione dell’Impero Etiopico, di professione cristiana. Elementi di
coesione politica erano del tutto assenti, e gl’indigeni, che vivevano in villaggi primitivi, erano dediti
alla caccia e alla pastorizia.
Negli anni ’70 Tunisia ed Egitto si erano gettati in programmi di sviluppo che avevano dissestato le
finanze e costretto ad aumentare i carichi fiscali ingenerando malcontenti tra le popolazioni locali.
Francia e Inghilterra cercarono dapprima delle opzioni diplomatiche per salvare i paesi dalla
bancarotta, quindi optarono per la guerra.
Ad innescare la corsa alla colonizzazione fu l’occupazione francese della Tunisia nel 1881 e quella
inglese dell’Egitto nel 1882 (che aveva acquistato una grande importanza per l’apertura del Canale di
Suez, da parte degli inglesi, nel 1869).
Ottenuto il via libera dal Bismark al congresso di Berlino nel 1878, la Francia costrinse il Bey
tunisino a sottomettersi al loro protettorato. Per reazione in Egitto nacque un movimento
nazionalista guidato da Arabì Pascià che provocò la risposta militare inglese. Nell’estate ’82 l’Egitto
divenne una semicolonia britannica. Gli inglesi si allargarono nel Sudan, dove trovarono la
resistenza di un movimento integralista islamico che li costrinse alle ostilità sino al ‘98.
Per reazione la Francia organizzò la rincorsa alla conquista dell’Africa Nera.
Il Belgio, s’era già inserito nelle operazioni quando nel 1876 occupò il Congo, ricco di giacimenti
minerari.
Per evitare conflitti fra le potenze colonizzatrici, Bismark indisse una conferenza a Berlino (’84) nella
quale si stabilirono norme per le occupazioni, secondo il principio dell’effettiva occupazione dei
territori con l’ufficializzazione agli altri stati europei (l’occupante dichiara agli altri il possesso di…).
La Germania si vide riconosciuto il protettorato sul Togo e Camerum.
La Francia aveva il numero maggiore di territori, ma gli inglesi preferirono concentrarsi sull’africa
Sudorientale, d’importanza fondamentale per il commercio con le isole dell’oceano Indiano.
Partendo dalla Colonia del Capo, risalirono la costa orientale sino al Kenya e all’Uganda con l’intento di
saldare i possedimenti del sud con quelli del nord. Nella zona dell’alto Nilo si verificò una situazione
35
769927308
01/06/17
delicatissima tra inglesi e francesi, nel 1898 che comunque finì con un nulla di fatto militare, ma che
costrinse le due nazioni a trovare nuove vie diplomatiche per evitare conflitti.
La guerra Anglo-boera.
Un caso particolare di verificò nell’africa meridionale, dove l’imperialismo europeo si scontrò con un
forte nazionalismo dei primi colonizzatori locali, cioè i boeri. La situazione portò ad un conflitto fra
due popoli bianchi e cristiani.
I boeri erano discendenti dei colonizzatori olandesi che nel XVII secolo avevano occupato Capo di
Buona Speranza. Passati sotto la corona inglese al tempo di Napoleone, cercarono di sfuggire alla
situazione fuggendo verso il Nord. In questo modo crearono le repubbliche indipendenti dell’Orange
(1845) e del Transvaal (1852). La scoperta d’importanti giacimenti minerari e diamantiferi
risvegliò l’interesse inglese che lasciò mano libera alla classe imprenditoriale della Colonia del Capo.
Promotore di una scelta politica aggressiva fu Cecil Rhodes, padrone della British South Africa
Company, che mise il suo potere economico a disposizione della corona. Mosso da interessi personali,
lo stesso Rhodes, guidò l’esercito imperiale alla conquista di vasti territori così da accerchiare le
due repubbliche boere. Nuove scoperte di miniere nel ‘85-’86 nel Orange e Transvaal provocò
l’emigrazione di molti inglesi (uitlanders) in queste regioni, così da rendere ancora più tesi i
rapporti tra le due etnie. Ad aggravare ulteriormente la situazione si verificò una vertenza sulla
questione degli schiavi. I boeri, che vivevano in un sistema patriarcale, regolato da calvinismo
intransigente erano favorevoli allo schiavismo sui nativi, gli inglesi no. Iniziò un’abile campagna di
provocazioni contro i boeri. Quando gli uitlanders inglesi furono discriminati da alcune leggi locali,
Rodhes appoggiò i compatrioti con pressioni politiche e militari, costringendo nel ‘99 il Presidente del
Transvaal Kruger alla dichiarazione di guerra agli inglesi. Le sorti del conflitto, che dapprima arrise
ai boeri, che opposero una grande tenacia alla superiorità numerica inglese, finì col favorire
l’Inghilterra. Ma quando le due province furono annesse alle colonie inglesi nel 1902, lo spirito
indipendentista dei boeri provocò forti sommovimenti e violenze civili. La tenacia con cui la
popolazione boera portò avanti la protesta costrinse il governo a una rivisitazione della propria
politica che portò alla concessione dello statuto di autonomia all’Orange e Transvaal. Nel 1910,
nasce l’Unione Sudafricana con cui inglesi e boeri trovarono un punto di comunanza nella scelta di
sfruttamento delle risorse minerarie e diamantifere pagate con una politica di segregazione
razziale e di sfruttamento dei neri.
50 ESPANSIONE EUROPEA IN ASIA E OCEANIA.
In Asia gli europei avevano già radici profonde.
Gli inglesi possedevano India, Ceylon, Singapore, gli olandesi dominavano l’arcipelago indonesiano,
i portoghesi controllavano Macao; la Spagna le Filippine, la Russia aveva occupato gran parte della
Siberia e dell’Asia centrale; e la Francia aveva gettato le basi di un vasto impero nella penisola
indocinese.
L’Indocina era frammentata in tanti staterelli (i più importanti: Vietnam, Cambogia e Thailandia)
gravitanti sotto l’orbita dell’Impero cinese. La colonizzazione francese era cominciata come
infiltrazione commerciale negli anni ’50, accompagnata dal missionariato cattolico. Proprio le
persecuzioni ai cattolici dalle sette buddiste locali costituirono il pretesto per l’invio di forti contingenti
militari. Nel 1862 i francesi occuparono la Cocincina e l’anno dopo la Cambogia. Negli anni ’80 ci fu
la seconda fase dell’espansione francese. Nel 1883-85 dichiarò guerra alla Cina, dalla quale ottenne
nuove territori.
Per reazione la Gran Bretagna occupò la Birmania nel ’85-’87.
Allora la Francia si assicurò il Laos nel ’93.
Il Siam rimase l’unico territorio indipendente, usato da anglo-francesi come stato cuscinetto tra i due
imperi. In questo modo l’Inghilterra aveva efficacemente contrastato la Francia al Sud, ora doveva
pensare alla Russia al Nord.
La Russia, colonizzava sia verso est, che verso il centro-sud. La colonizzazione della Siberia fu ultimata
prima di fine secolo e promosse anche lo sviluppo infrastrutturale della regione (ricordiamo la
costruzione della transiberiana 1904). Nel 1860 fu costruito il porto di Vladivostok sul Mar del
Giappone (per dar sfogo al commercio in quella zona). Il governo russo, invece, ritenne opportuno
rinunciare all’Alaska (troppo costosa da mantenere) che vendette nel 1867 agli Stati Uniti. L’impero
russo, pericolosamente avvicinato a quello britannico, provocò una serie di guerre per procura (a nome
delle tribù locali) in Turkistan e Afghanistan. Gli ultimi territori ad essere colonizzati furono gli
arcipelaghi che furono spartiti soprattutto da inglesi e tedeschi. La Gran Bretagna occupò
Australia e Nuova Zelanda, Fiji e Salomone e parte della Nuona Guinea. La parte rimanente spettò
ai tedeschi. Intanto, però, si affacciavano sui territori due nazioni che a breve giro di posta sarebbero
diventate le nuove potenze mondiali: Usa e Giappone.
36
769927308
01/06/17
51 Cina nel ‘800. Panoramica, dalle guerre dell’oppio alla rivolta dei boxers.
Già alla metà del ‘800 la Cina, lo stato più popoloso del mondo, subì la pressione commercialemilitare europea. L’impero si fondava su un forte potere centrale, rappresentato nel paese da potenti
funzionari, i mandarini, custodi della tradizione confuciana. L’agricoltura, principale fonte di
sostentamento, era abbastanza sviluppata e sottoposta ad un controllo centrale serrato. Per parecchi
secoli l’impero cinese fu soggetto a un isolamento diplomatio-commerciale, che consentiva l’accesso
solo a poche località portuali. Quest’emarginazione politica aveva profondamente indebolito l’impero
cinese, così al primo scontro con l’Occidente entrò in crisi irreversibile. Il contrasto si concretò con le
DUE GUERRE DELL’OPPIO:
 1839-’41. L’oppio severamente vietato nell’impero, era prodotto in India ed esportato
clandestinamente in Cina con il beneplacito della Gran Bretagna. Nel 1839, quando un
funzionario imperiale fece sequestrare le navi inglesi nel porto di Canton, scoppiò una guerra
che durò più di due anni. Gli inglesi vincitori col trattato di Nanchino del ‘42, occuparono Hong
Kong e costrinsero la Cina ad aprire altri porti. La sconfitta militare mise in crisi l’impero;
attraversato da un’ondata di scontri sociali si trovò in balia di un’ulteriore rafforzamento
commerciale straniero, che portò a nuove tensioni interne.
 1856-’60. Inglesi e francesi soffocarono un timido tentativo d’emancipazione commerciale cinese. La
nuova sconfitta liberalizzò la penetrazione commerciale in tutta Cina, che acuì la crisi sociale
interna tanto da culminare nella sanguinosa rivolta di Taiping (nel 1860); anch’essa sedata
dagli occidentali. Furono aperte anche le vie fluviali interne agli stranieri e furono allacciati con
gli stranieri “normali rapporti diplomatici”.
Alla fine del secolo la Cina dovette guardarsi anche dalla nuova potenza imperialista. Nel ‘94 il
Giappone mosse guerra alla Cina per divergenze sulla Corea, stato vassallo di quest’ultima. Per
l’ennesima volta l’esercito cinese fu sconfitto e al Giappone spettarono il controllo sulla Corea e
l’isola di Formosa.
La situazione politica allo sbando provocò la nascita di un movimento nazionalista e xenofobo che si
proponeva la restaurazione integrale delle tradizioni imperiali, che trovò il suo braccio armato in
un’organizzazione paramilitare – I BOXERS – che costrinse, nel 1900, le potenze straniere
(bersagliate da attentati e violenze) ad accordarsi per un intervento militare congiunto. In poche
settimane la rivolta fu sedata e le truppe alleate occuparono Pechino. La situazione interna, benché
restituita alla calma, mostrò agli occidentali l’impossibilità di una spartizione della Cina. La reazione
naturale a questo susseguirsi poco onorevole d’insuccessi provocò un brusco moto d’orgoglio interno
con la nascita di un nuovo movimento democratico che avrebbe portato alla lotta contro gli stranieri e
alla modernizzazione del paese.
52 GLI STATI UNITI POTENZA MONDIALE ALLA FINE DEL ‘800
Negli ultimi anni del ‘800 gli USA subirono una grande trasformazione interna e si allargarono
territorialmente in modo significativo. Favorita dallo sviluppo ferroviario, fu ultimata la colonizzazione
dell’Ovest (nel 1869, fu completata la prima tratta transcontinentale, che collegava l’atlantico con il
pacifico). Nel 1890 la conquista dell’Ovest poteva considerarsi terminata. Vittime principali della
colonizzazione furono i pellirosse nativi, contro cui il governo federale dal ’66 al ’90 aveva proceduto
con estrema decisione. Le isolate vittorie dei nativi (sconfitta del generale Custer, a Little Big Horn
nel 1876, con un reparto di cavalleria sterminato dai Sioux) non impedirono la sconfitta finale. Per i
pellirosse la situazione fu di essere emarginati in riserve di sempre minori dimensioni, senza mai
riuscire ad integrarsi pienamente con i coloni.
Lo sviluppo dell’industri americana si concretò soprattutto nella siderurgia, nella meccanica e nel
settore elettrico. Nacquero le grandi Corporation (holding industriali-finanziare che monopolizzano i
settori). Per contrastare le tendenze monopolistiche fu varata una legge, la Sherman Antitrust Act
(1890), che vietava gli accordi sui prezzi fra imprese dello stesso settore. L’effetto fu esattamente
l’opposto di quello sperato, perché vietando gli accordi costringeva alla fusione fra le grandi imprese.
Furono realizzati notevoli progressi anche nel campo dell’agricoltura che fu veramente rivoluzionata,
favorita anche da un mercato interno sempre in espansione. La popolazione aumentava in modo
proporzionale all’estensione territoriale e a causa delle sempre più grandi ondate migratorie dai
paesi europei. Nel 1882 il governo spalancò le porte all’immigrazione alla ricerca di nuova
manodopera. Nascono in questo modo le grandi metropoli dove la competizione ed il progresso
procedevano affiancate. Quest’esplosione industriale provocò anche forti contraccolpi sociali, facendo
nascere forti sperequazioni fra le classi sociali, con grandi scontenti fra classi. Le tensioni erano
palpabili, anche tra industriali, protetti da barriere doganali, e contadini inclini al liberismo. Da questa
37
769927308
01/06/17
situazione sociale nasce il Partito Populista negli anni ’90, che d’ispirazione contadina e democratica
ottenne notevole ma effimero successo sino a sfiorare la vittoria alle elezioni del ’96. Sull’ondata
delle agitazioni sociali, notevole sviluppo ebbero anche le associazioni operaie; nel 1886 nasce la
American Federation Of Labour, una confederazione sindacale autonoma, priva d’ideologie politiche.
Nonostante tutto, né i populisti, né i sindacalisti, misero mai in dubbio la validità del regime
capitalistico.
Le lotte sociali interne alla fine del ‘800 si scontrarono con un potentissimo padronato, che non mancò
d’usare la forza per sedare le agitazioni.
L’imperialismo che si sviluppò in questo periodo negli USA, assunse forme più spiccatamente
commerciali che militari. Nacque in questo fine ‘800 anche un movimento d’opinione, che sarà ripreso
da Wilson, secondo cui gli Usa avrebbero dovuto esportare il loro modello politico-economico in
tutto il mondo (Manifest Destiny). Queste idee s’innestarono sulla spinta espansionistica dello sviluppo
economico provocando le prime politiche estere coloniali.
La politica imperialistica era indirizzata verso due direttici: a Sud, in America latina e Verso Ovest, nel
Pacifico. Riprendendo la Dottrina Monroe, gli americani incominciarono la penetrazione economicopolitica in Sudamerica. Nel 1895 l’esercito USA intervenne a Cuba in favore dei locali in rivolta contro
gli Spagnoli. La guerra tra Spagna e Cuba-USA finì con la vittoria dei locali, che acquistarono
l’indipendenza di nome, ma il protettorato americano rimase radicata di fatto nella loro situazione
socio-economica.
Oltre al controllo dei Caraibi, gli USA si mossero con decisione anche in Asia Orientale conquistando nel
’98 le isole Hawaii.
In questo modo gli Stati Uniti diventarono una delle maggiori potenze mondiali.
53 SOCIETÀ DI MASSA E LE CONSEGUENZE POLITICHE: PARTITI, SINDACATI,
ESERCITI
“Agli inizi del ‘900 non c’erano più i protagonisti ma soltanto cori di persone”. Acquisisce la sua
forma definitiva la SOCIETÀ DI MASSA. Una realtà nuova e complessa risultante dall’intreccio di
processi economici, mutamenti politici e culturali. Era caratterizzata da:
 vita in agglomerati urbani medio-grandi, dove si fanno molti incontri, ma la conoscenza è
sempre più anonima;
 le relazioni sociali sono affidate alle grandi istituzioni nazionali. Non è più la parrocchia, la
piazza e la locanda a rappresentare la centralità nelle relazioni, ma lo Stato, i partiti e i
sindacati;
 è governata dall’economia di mercato.
Nel ventennio precedente la 1° Guerra Mondiale l’economia dei paesi industrializzati ebbe
un’espansione intensa (e interessò anche gli ultimi paesi arrivati: Russia e Italia). I prezzi crebbero
costantemente, ma furono equilibrati da un incremento in misura maggiore dei salari, tanto da portare ad
un aumento del potere d’acquisto dei salari. Questa situazione di benessere favorì i consumi
provocando un allargamento del mercato. Nascono nuove forme di vendita (per corrispondenza e con
pagamenti rateali). L’esigenze dovute alle richieste costrinsero le imprese alla corsa alla
meccanizzazione e alla razionalizzazione della produzione. Nel 1913 alla Ford di Detroit fu messa in
funzione la prima catena di montaggio, che rappresentava l’extrema ratio della competitività (la
lavorazione era spezzettata in tante piccole semplici operazioni che erano assegnate a tanti lavoratori che
l’eseguivano in sequenza. Questo provocò una spersonalizzazione del lavoro e sfruttamento del capitale
umano, sulla base di dottrine economico-industriali, la più celebre è il taylorismo che miravano a
minimizzare gli spechi, finendo spesso per attuare direttive efficienti, ma abberranti. Queste
trasformazioni produssero anche un aumento della stratificazione sociale. Nascono le differenze tra i
lavoratori qualificati e la manodopera, introducendo un nuovo concetto di ceto medio, che andava
sempre più avvicinandosi alla borghesia, arrivando a rifiutare ogni accostamento alla classe operaia (i
nuovi borghesi). Crescono anche i lavoratori autonomi e soprattutto i dipendenti pubblici, grazie
all’inevitabile espansione dello stato e delle burocrazie. Diventa evidente la divisione tra “colletti
bianchi” (dirigenti) e“colletti blu” (lavoratori). Proprio la piccola borghesia impiegatizia era destinata
a diventare uno dei perni sociali del nuovo millennio, per la loro numerosità e per il loro livello
culturale intermedio.
Proprio sulla scuola si era giocata una partita importante per dimostrare che era un’opportunità sulla quale
ci si poteva giocare il futuro. Per questo non sembrava più sufficiente l’opera della Chiesa, ma
necessitava l’intervento diretto dello Stato. L’idea della scolarizzazione per tutti aveva i suoi contrari
negli ambienti più tradizionalisti, ma era caldeggiata dagli industriali che chiedevano a gran voce dei
“cervelli” per lo sviluppo. A partire dagli anni 1870 quasi tutti gli Stati europei s’impegnarono a
rendere la scuola obbligatoria e gratuita, pur avendo tempi e risultati molto diversi a seconda del
38
769927308
01/06/17
livello d’influenza della Chiesa nei diversi stati. L’incremento della scolarizzazione provocò lo sviluppo
degli strumenti di comunicazione, come libri e soprattutto la stampa con la nascita di quotidiani che
avrebbero avvicinato le grandi masse ai problemi della vita sociale e alla politica (OPINIONE
PUBBLICA).
Prima della I guerra mondiale la leva diventò obbligatoria ovunque a eccezione dell’Inghilterra.
Questo provocò enormi malcontenti e situazioni difficili da affrontare:
 un problema economico. Era molto oneroso mantenere e addestrare per almeno tre anni i
militari; si ingenerarono così criteri arbitrari per privilegiare i ricchi (l’acquisto dell’esonero, che
però era possibile solo ai borghesi);
 un problema politico. Armare persone di estrazione operaia o contadina, e riconoscergli il diritto
di voto voleva dire aumentare il potenziale di quelle fasce sociali più favorevoli alle idee
rivoluzionarie.
Alcuni fattori avevano spinto alla trasformazione degli eserciti:
 un fattore militare Un grande esercito per essere un deterrente per le mire espansionistiche di paesi
ostile doveva essere numericamente garantito;
 un fattore produttivo Lo sviluppo industriale rendeva disponibili armi a costi accessibili e le
produzioni diminuivano i costi all’aumentare delle quantità. I grandi gruppi industriali avevano visto
nello sviluppo dell’esercito un settore d’affari molto prolifico. La rete ferroviaria permetteva il rapido
spostamento d’ingenti quantità di militari;
 un fattore politico e un grande esercito controllava la società.
La società di massa non coincide con democrazia, già nel XIX secolo si erano avuti casi di pseudodemocrazia plebiscitaria di regimi autoritari. Alla società di massa si accompagnò una maggiore
partecipazione alla vita politica. Il segno più evidente di questa tendenza fu l’estensione del diritto di
voto, che nel 1915 portò quasi tutta Europa ad avere introdotto il suffragio universale maschile.
L’allargamento del diritto di voto comportò la profonda trasformazione del sistema dei partiti
introducendo un nuovo modello. Primo esempio fu il Partito Socialista, basato sull’inquadramento di
larghi strati della popolazione in una struttura permanente, articolata in sezioni e facente capo a una
dirigenza. Alla vigilia della Prima Guerra i vecchi partiti di notabili, avevano capito la necessità di
dialogare con le grandi masse per mantenere il controllo del potere. Questa nuova situazione provocò un
nuovo sviluppo delle associazioni sindacali che comparvero in tutta Europa (non solo in Inghilterra e
Germania)
I sindacati erano in crescita per la nuova dimensione della lotta politica, nonostante le resistenze degli
imprenditori. Si federarono in organismi nazionali, i più importanti dei quali furono quelli di matrice
socialista (CGL, 1906) ma non mancarono, anche, casi di associazionismo sindacale cattolico.
54 LE ORIGINI DEL MOVIMENTO FEMMINILE
Con la società di massa presero forma una serie di lotte per l’emancipazione, tra le quali quella della
“questione femminile”. Ad eccezione di Stuart Mill, autore nel 1869 del libro “Sulla schiavitù della
donna”, il problema della sudditanza femminile era stato ignorato dai grandi pensatori liberali. I
primi movimenti femministi, nati dapprima nella Francia Rivoluzionaria, poi nell’Inghilterra della
rivoluzione industriale, avevano avuto clamorosi insuccessi. Così alla fine del ‘800 le donne erano
escluse dalla vita politica e sociale, nonché all’accesso alle università e alle professioni in moltissimi
paesi. Le donne impegnate nei lavori comuni, subivano un trattamento economico inferiore a quello
degli uomini. L’impiego delle donne al di fuori del focolare domestico non era una scelta
d’emancipazione ma una necessità. Ma fu proprio la Società di massa a fare acquisire alle donne la
coscienza della propria situazione e a reclamare giustizia. Solo nel 1902, in Inghilterra, su iniziativa di
Emmeline Pankhurst nacque la Women’s social and political union, che concentrò le sue azioni di
protesta sul diritto di voto, guadagnandosi il nome di SUFFRAGETTE, e mettendo in pratica proteste
decise e anche attentati contro edifici pubblici. Nel 1918 la Gran Bretagna concesse il voto alle donne,
nonostante l’atteggiamento disinteressato dei socialisti che temevano, appoggiandole, di favorire i partiti
d’ispirazione cristiana. Prima della Grande Guerra erano cadute le limitazioni più gravi (istruzione e
professioni) ma ovunque restavano escluse dal voto e discriminate sui luoghi di lavoro.
55 I PARTITI SOCIALISTI, LA II INTERNAZIONALE, IL DIBATTITO TRA I MARXISTI.
Quello socialista fu il primo partito di massa Dopo una iniziale tendenza rivoluzionaria radicale,
acconsentì d’allargare la base di consenso ai borghesi.
Il primo e più importante partito socialista fu quello tedesco SPD (’75), divenuto un modello
organizzativo ed ideologico (marxismo) per tutti gli altri.
39
769927308
01/06/17
In Francia poco dopo la nascita, nel 1882, il POF si divise in due correnti che si fecero un’acerrima
battaglia prima di tornare a confluire in un partito unico nel 1905: SFIO (Sezione francese
dell’internazionale operaia).
In Inghilterra i gruppi socialisti non riuscirono ad imporre la loro egemonia sulle Trade Unions;
maggiore influenza ebbe la Società fabiana, composta da intellettuali e con intenti temporeggiatori
anziché rivoluzionari. Furono quindi gli stessi dirigenti delle Trade Unions a organizzare nel 1906 il
Partito Laburista (Labour Party), che si fondava sull’adesione sindacali e non presentava una precisa
ideologia.
Nonostante le numerose difformità tutti i partiti socialisti d’inizio ‘900 proponevano di:
 superare il capitalismo con una gestione sociale dell’economia;
 principi d’internazionalismo e pacifismo;
 rivendicazioni sociali per l’uguaglianza sostanziale delle persone.
La nascita della SECONDA INTERNAZIONALE SOCIALISTA si fa risalire al 1889 a Parigi, dove
i principali partiti socialisti europei fissarono alcuni importanti obiettivi, tra i quali rivendicava un monte
ore lavorativo massimo di otto ore giornaliere. Nell’occasione fu istituita la giornata mondiale di lotta
per il 1° maggio. La ricostituzione dell’Internazionale fu ufficializzata al congresso di Bruxelles del ’91
vide un’ulteriore affermazione della dottrina marxista, che culminò con l’esclusione degli anarchici e
di quanti rifiutavano l’attività parlamentare come strumento politico di rivendicazione. A differenza della
prima internazionale che aveva la pretesa di essere il centro dirigente dei lavoratori mondiali, quest’ultima
assunse le sembianze di una federazione di partiti autonomi e sovrani, diventando un luogo
fondamentale di discussione e coordinamento tra le realtà operaie di tutto il continente. Il marxismo,
nella sua forma adattata da Engels era diventata la dottrina ufficiale del socialismo e aveva trovato
uno dei suoi interpreti più autorevoli in Kautsky che pur prevedendo l’inevitabilità dello scontro, non
escludeva lotte democratiche per la realizzazione delle sue fasi intermedie. Sarebbero state le forze
borghesi ad avviare lo scontro perché incapaci d’arginare la diffusione delle idee socialiste. Nacquero
due tendenze:
 il riformismo di Bernstein che, accusato di revisionismo perché prevedeva una revisione di alcune
delle teorie di Marx che si erano rivelate sbagliate, e che il socialismo consisteva nelle graduale
trasformazione della società attraverso gli strumenti della politica. La società socialista sarebbe
nata da una trasformazione graduale realizzata grazie al lavoro delle organizzazioni sindacali;
 gli ortodossi e rivoluzionari: che respingevano le teorie moderate. Soprattutto fra i giovanissimi,
fiorirono queste nuove correnti estremistiche (Rosa Luxemburg), arrivando anche a minacciare
l’egemonia dei centristi.
Una dissidenza particolare si manifestò nel partito socialista Russo, che aveva come protagonista
Nikolaj Lenin. Con l’opuscolo “Che fare?” del 1902, Lenin propose un partito votato alla lotta, di
rivoluzionari di professione, un modello particolarmente adatto alla clandestinità. In un congresso,
svoltosi tra esiliati, a Londra nel ’03 furono accettate le idee di Lenin, provocando una scissione nel
partito:
 la maggioranza (in russo bolscevica), facente capo a Lenin;
 la minoranza (in russo menscevica), facente capo a Martov.
Il dibattito politico maturò altre dissidenze. In Francia si profilarono teorie di sindacalismo
rivoluzionario per cui il compito delle organizzazioni era di addestrare gli operai alla rivolta; per questo
l’arma più importante per l’operaio era lo sciopero che avrebbe paralizzato la società borghese. Fu
George Sorel nel 1904-’05 ad elaborare la teoria dello sciopero generale come mito per trascinare gli
operai alla lotta. Nonostante il sindacalismo rivoluzionario non riuscì a radicalizzarsi nei partiti
socialisti contribuì ad inasprire la lotta politica.
56 LEONE XIII: I CARATTERI DEL SUO PONTIFICATO E LA RERUM NOVARUM.
Di fronte ai notevoli sviluppi dei movimenti socialisti e alle riottosità dei gruppi operai la chiesa
cercò di riorganizzarsi. Sotto il pontificato di LEONE XIII (1878-1903) fu promosso il tentativo di
rilanciare il ruolo sociale della chiesa, unico baluardo etico per combattere i fenomeni di
disgregazione sociale derivanti dalla nuova situazione della società di massa. La politica del pontefice
voleva proporre le parrocchie e le associazioni cristiane come elemento di collante per le situazioni di
disagio, con la loro capillarità potevano lenire le storture della società, proponendo un’alternativa alle
idee socialiste. Il Papa sollecitò la nascita di partiti politici di ispirazione cattolica. Nell’enciclica
Rerum novarum del maggio ’91 il pontefice si proponeva di ufficializzare il problema della condizione
operaia, inquadrato in un’esigenza di rispetto dei reciproci doveri: i lavoratori dovevano essere frugali,
rispettosi delle gerarchie e lavorare, i proprietari dovevano dare la giusta mercede.
Le società operaie e artigiane cattoliche proponevano il coporativismo tra le classi, buona negli intenti,
ma di difficile applicazione. Verso la fine del ’800 nascevano così, soprattutto in Italia e Francia
40
769927308
01/06/17
movimenti politici cristiana più impegnati nel sociale con idee che finirono per assomigliare più alle
società di mutuo soccorso. I fautori furono chiamati modernisti (Ernesto Buonaiuti), in quanto
proponevano di conciliare il cattolicesimo col progresso filosofico della civiltà moderna.
Gli spazi aperti dalla politica di Leone XIII furono subito chiusi dalla salita al soglio pontificio di
Pio X, nel 1903, che si preoccupò di richiamare all’ordine i democratici-cristiani sino agli estremi di
scomunicare nel 1907 i modernisti. Nonostante questa politica “repressiva” la base consensuale dei
democratici-cristiani da rappresentare un embrione di quella forte componente politica che sarà in
futuro.
57 LA CULTURA DEL POSITIVISMO, LA SUA CRISI, LE NUOVE SCIENZE.
La nascita della società di massa portò a numerosi cambiamenti anche in campo culturale. Fino a questo
momento il panorama europeo era dominato dal positivismo, che aveva caratterizzato un solido
riferimento ad ogni campo del sapere umano. Ora il suo modello appariva inadeguato a spiegare i
fenomeni politici e sociali e all’evoluzione delle scienze. Nella filosofia che si andava proponendo un
nuovo irrazionalismo e vitalismo, che si ricollegava all’istinto, alla volontà, allo slancio vitale, da
ricercare in una realtà psicologica studiata come oggettiva con proprie leggi e proprio tempo.Primo e
principale filosofo che proponeva una critica al positivismo era Nietzsche, che contrapponeva alla
visione lineare e positiva del tempo il concetto dell’eterno ritorno. Solo l’uomo nuovo, il superuomo
poteva effettuare una svolta realizzando la propria individualità al di fuori della morale corrente.
In Germania la reazione al positivismo segnò una ripresa della filosofia kantiana, con una più
approfondita riflessione sui problemi della conoscenza storica e un ritorno alle scienze dello spirito.
In Italia ci fu una rinascita dell’idealismo. Benedetto Croce, che dopo una critica al materialismo
marxista, elaborò un complicato pensiero filosofico che tendeva a risolvere tutta la realtà nella storia.
Ricordiamo anche Giovanni Gentile.
Nei paesi anglosassoni si sviluppò il pragmatismo, che imponeva una verifica continua tra teoria e
pratica rivalutando in tal modo le scienze pratiche come la psicologia e pedagogia.
L’elemento comune che coagulava le diverse filosofie europee era da ricercare nella crisi di fiducia nelle
scienze esatte, messe in dubbio dall’interno con le scoperte scientifiche di Thomson, Rutherford
(esperimenti sugli atomi), Planck (quantismo), Einstein (relatività nel 1905), che incrinavano i
principi cardine della fisica classica. Proprio alla relatività del tempo si collegarono molte delle
principali esperienze intellettuali. Un altro dei principi cardine del nuovo dialogo era un’attenzione alle
motivazioni non razionali dell’uomo (Sorel, Pareto). Particolarmente importante fu l’opera di Freud,
fondatore della psicanalisi, che introduceva il concetto di “vita inconscia” (ES) diversa dalla “vita
conscia” (IO). In questo modo si poneva una grande critica nei confronti dei massimi sistemi.
Altrettanto importanti furono le nuove scienze sociali, con Weber, che si proponeva di oggettivare
delle realtà attraverso aspetti soggettivi capaci d’influenzare la realtà stessa. Notevole impulso si
verificò anche nelle scienze politiche, con:
 Mosca : il potere non poteva sottostare alla sovranità popolare, ma doveva essere detenuto
da un’elite di professionisti:
 Pareto, confermava le idee di Mosca evidenziando come la politica fosse uno scontro di
élites.
Al filone politico si collegarono le teorie sociologiche del tedesco Michels, che stabiliva un nesso
inscindibile tra la società di massa e la creazione d’oligarchie burocratiche inamovibile. Per Weber
la tendenza alla crescita delle burocrazie era inarrestabile.
Elemento comune di molte di queste teorie è un forte pessimismo sulla sorte degli ordinamenti
democratici, destinato a portare ad una serie d’azioni-reazioni che condizioneranno fortemente la
situazione politica internazionale, all’inizio del ‘900.
58 NAZIONALISMO, ANTISEMITISMO, SIONISMO ALLA FINE DEL ’800.
Per tutto l ‘800 il concetto di nazione era legato ai valori politici e culturali che legavano le
popolazioni. Tra il 1815 e il ’70 il nazionalismo era stato il principio ispiratore dei movimenti
indipendentisti. Le cose cambiarono con l’unificazione tedesca di Bismark, e con lo svilupparsi delle
idee socialiste, che preoccupavano seriamente le classi borghesi; per questo la battaglia nazionalista finì
spesso con l’identificarsi con lo scontro con il socialismo. L’orgoglio nazionale indusse quasi tutte le
classi politiche a sviluppare una coscienza nazionalista. Il nazionalismo in buona parte d’Europa
assumeva le forme di una supremazia etnica-culturale nei confronti delle altre nazioni, ponendosi
politicamente nell’ultradestra. Con lo svilupparsi del nazionalismo presero forma le politiche
razziste e discriminatorie.
41
769927308
01/06/17
Precursore delle teorie razziste fu il francese De Gobineau, che nel ’55 pubblicò il Saggio sulle
ineguaglianze delle razze umane, che spacciava per teorie scientifiche d’orientamento positivista,
credenze ataviche e pregiudizi, che trovavano successo soprattutto nelle classi meno colte. Il
neonazionalismo dei primi del ‘900 si può spiegare come il successo delle componenti irrazionali della
psicologia collettiva rinfocolata dai sistemi di propaganda tipici della società di massa, la base ideologica
fa riferimento a caratteri tribali irrazionali e alla capacità di affascinare con riti collettivi come le
grandi adunate di piazza che raggiungeranno il loro apice con il fascismo e il nazismo.
In Inghilterra il consenso alla causa imperialista non assunse posizioni polemiche con le cause dei partiti
liberali, anche perché trovò riscontro nella classe dirigente, da Disraeli a Chamberlain, per cui i suoi
effetti furono mitigati dall’accettazione istituzionale.
In Francia invece fu il terreno d’incontro di molti movimenti d’origine diversa: bonapartista, cattolicoleggitimista, rivoluzionaria; raggruppando realtà accomunate dalla forte critica alla classe dirigente
corrotta. Il nazionalismo francese, non era tanto rivolto verso l’esterno, nella sua forma imperialista
quindi, quanto verso l’interno, contro: protestanti, immigrati e soprattutto gli ebrei.
Una forte componente antiebraica, unita ad una sottile vena anticapitalistica e antiborghese si
manifestarono nei paesi di lingua germanica. Fu proprio in Germania che le teorie sulla “razza ariana”
ebbero le loro formulazioni più organiche e terribilmente fortunate. Ad affascinare le popolazioni
tedesche fu il mito del Volk che, concepito come un legame quasi mistico delle popolazioni di lingua
tedesca, mutuato dalla cultura romantica. Questa deviazione ideologica portò alla formazione della
Lega pantedesca nel’94, senza riuscire però ad influenzare in modo decisivo la politica estera del Reich,
ma rafforzarono in modo decisivo lo spirito militarista nazionale.
Contrapposto ai movimenti pangermanici, è da segnalare nell’Europa del SUD-EST, il panslavismo:
nato in Russia come strumento ideologico per giustificare l’imperialismo zarista; era condito di
connotazioni molto antisemite. In Russia la politica zarista concedeva tacitamente la pratica dei
pogrom: libertà di saccheggi e devastazioni ai danni degli ebrei per fare sfogare il popolo.
La naturale reazione allo sviluppo delle ideologie antisemite fu la nascita di un forte movimento: il
sionismo, fondato nel 1896 dallo scrittore Herzl, col proposito di restituire un’entità nazionale e
politica alle comunità israelitiche disperse nel mondo costituendo uno stato ebraico in territorio
palestinese.
59 LA FRANCIA TRA DEMOCRAZIA E RIFORME
Alla fine del ‘800 la Francia aveva compiuto passi avanti sulla strada della democrazia, eppure le
istituzioni furono il bersaglio principale delle critiche nazionaliste, alle quali si aggiunsero quella
clericale che criticava aspramente il laicismo della classe dirigente. Le correnti d’opposizione si
coagularono mettendo in crisi la vita della Terza Repubblica. Ciò avvenne in occasione di un
clamoroso caso giudiziario: il caso Dreyfuss. L’ufficiale ebreo fu condannato nel ’94 con prove false, o
costruite e fatto oggetto di una violenta campagna di stampa, cui fu negata la revisione dopo la
scoperta di prove per la sua innocenza. Quando nel ’98 Zola lancia il j’accuse fu processato e condannato
per offese all’esercito. Il caso era ormai sollevato e l’opinione pubblica si divise in due schieramenti:
socialisti e repubblicani, innocentisti, contro clericali e nazionalisti, colpevolisti. Il caso privato
divenne presto caso politico. Nel 1899 si giunse alla revisione del processo ove Dreyfuss si vide
confermata la condanna nonostante fossero emerse prove evidenti della sua innocenza. Sconfitti sul
piano giudiziario i socialisti-radicali democratici si trovarono vincitori politici alle elezioni del 1899.
Per reazione si realizzò un’epurazione nell’esercito, ed una dura battaglia dello stato laico contro il
potere politico clericale che portò alla la rottura dei rapporti diplomatici con il Vaticano nel 1905. I
governi che si succedettero fra il 1906-’10, sotto la guida di Clemanceau e Briand, condussero in porto
alcune importanti riforme sociali ma non riuscirono a fare approvare un’imposta sul reddito che
avrebbe cambiato radicalmente la politica francese.
Ma sulla spinta della debolezza della classe dirigente, il nuovo governo repubblicano fu ben presto
soggetto ad un’involuzione moderata che lo portò ad una politica economica-sociale poco brillante,
tale da provocare una necessaria sterzata politica verso destra che consentirà il ritorno al potere
delle forze moderate nel 1912 con Poincarè. Il nuovo Governo spostò la politica dai temi delle riforme
a quello dello sviluppo militare e del rafforzamento dell’esercito.
60 IMPERIALISMO E RIFORME IN GRAN BRETAGNA.
Alla fine del ‘800, anni dell’esaltazione imperialista, della guerra ai Boeri, anche in Inghilterra al
governo prevarrà la compagine conservatrice con Chamberlain Ministro delle Colonie, che cercarono
di contemperare le politiche imperialiste con moderato riformismo sociale. Tra il 1897-1905
vararono leggi che inquadravano le responsabilità degli imprenditori in materia d’infortuni sul
lavoro e misure atte a favorire il collocamento. A mettere in crisi il predominio conservatore, fu il
42
769927308
01/06/17
tentativo di reintrodurre le tariffe doganali (tariffa imperiale) venendo meno alla tradizione
liberoscambista di mezzo secolo. Così alle elezioni del 1906 i liberali ottennero la maggioranza con
30 deputati laburisti. Il nuovo piano politico prevedeva una linea coloniale meno aggressiva e una
politica sociale spregiudicata. Lo scontro si fece particolarmente duro quando fu proposta un’imposta
sui redditi fortemente progressiva che, per sopperire alle spese delle riforme, voleva a colpire i
grandi patrimoni. La Camera dei Lords, roccaforte dell’aristocrazia, (che avevano diritto di veto
tranne che sulle questioni finanziarie, che avrebbe bloccato l’iniziativa legislativa) non approvò il
preventivo di legge finanziaria dei liberali e nacque un conflitto istituzionale che vedeva contrapposti i
conservatori (House of Lords) contro i liberali (House of Commons). Grazie alla mediazione del
nuovo sovrano Giorgio V, si arrivò faticosamente all’approvazione di un nuovo progetto di legge
(Parliamentary Bill- 1909) che toglieva il diritto di veto ai Lords su questioni finanziarie. Questa fu la
consacrazione definitiva alla politica liberale di fine secolo, ma non fu sufficiente a riportare la
tranquillità politica, perché i progressi nella legislazione sociale non avevano portato ad un aumento
dei salari, così da favorire ulteriori agitazioni dei lavoratori che, uniti a quelle delle suffragette e degli
irlandesi avrebbero reso vita dura al governo.
Ad assestare il colpo di grazia al governo liberale fu la presentazione del progetto di Home Rule (1911)
secondo cui l’Irlanda avrebbe avuto un suo parlamento, ma sarebbe stata legata alla corona per i comuni
interessi. La proposta finiva con lo scontentare sia gli irlandesi nazionalisti, che miravano alla piena
indipendenza, che la minoranza protestante dell’Ulster che organizzò un movimento paramilitare
clandestino per opporsi all’autonomia (IRA). Nonostante i contrasti la legge fu approvata nel 1914
ma subito sospesa, per lo scoppio della Guerra Mondiale.
61 LA GERMANIA GUGLIELMINA
Era stata la politica interna a provocare l’allontanamento del cancelliere Bismarck nel 1890.
L’imperatore Guglielmo II, fortemente critico alle leggi antisocialiste di Bismark, era stato categorico
nel suo desiderio di volere inaugurare un nuovo corso politico(NEUE KURS). Nonostante il
cambiamento al vertice della Cancelleria, il gruppo di potere dominante non cambiò nella sostanza,
l’unica differenza significativa era l’incremento d’influenza dei militari. A livello istituzionale il
governo rimaneva al di sopra dei partiti e la ricca borghesia rimaneva la sola proprietaria dei cartelli
nell’economia ed industria; se da una parte era un limite dall’altro, aveva contribuito a rafforzare
l’economia tedesca sino a portarla ad allinearsi a quell’americana. La forte struttura istituzionale che da
oltre mezzo secolo aveva contraddistinto l’organizzazione tedesca ingenerò nella classe dirigente e in
quella popolare un sentimento di superiorità nei confronti degli altri europei. Per cercare di sanare
le differenze coloniali, che vedevano la Germania fortemente penalizzata rispetto a Inghilterra e Francia,
nacque una corrente nazional-imperialista che proponeva una “politica mondiale” (Weltpolitik). La
spinta nazionalista finì con influenzare quasi tutte le correnti politiche, l’unica forza ad opporvi si fu la
socialdemocrazia che per questo rimase isolata. Nonostante questo esclusione la socialdemocrazia radicò
sempre più la proprio presenza nella massa popolare arrivando a controllare i sindacati. Il sostegno
popolare non fu sufficiente ad impedire un ammorbidimento politico, allora per fare sentire la propria
influenza la linea politica del partito confluì progressivamente in quella conservatrice nel. La Spd venne
tacitamente a patti con le idee nazional-imperialiste anche a causa della sensibilità della classe
popolare alle nuove idee nazionaliste. Nel 1907 la Spd subì una grave sconfitta elettorale che
contribuì ad allontanarla dalla politica socialista per abbracciare una linea più conservatrice.
62 I CONFLITTI DI NAZIONALITÀ IN AUSTRIA-UNGHERIA.
A fine ‘800 l’impero Austrio-ungarico era economicamente poco più sviluppato dell’Italia.
Concentrava tutta la sua ricchezza in poche città (Vienna e dintorni) relativamente industrializzate.
Palpabile era la contrapposizione tra lo sviluppo culturale e l’immobilismo politico dovuto, oltre che
alla scarsa apertura dell’impero alle nuove idee di fine secolo, anche all’influenza del clero che
dominava le genti delle campagne. La situazione istituzionale era paragonabile a quella tedesca,
anche se la popolazione austriaca era molto meno unita e logorata in continui scontri etnici che
rappresentavano il principale motivo di disagio.
Nel ‘67 si raggiunse un compromesso coi magiari, il popolo più influente: l’impero fu diviso in due
stati, uno austriaco e l’altro ungherese uniti nella figura dell’imperatore e Re ungherese; (l’Ungheria
acquistava una sorta di autonomia sotto il protettorato austriaco). Accordandosi con il gruppo nazionalista
più numeroso, l’imperatore finiva con lo scontentare le popolazioni slave sottomesse ai magiari.
L’opera di mediazione imperiale non riuscì ad impedire l’entusiasmo che si verificò in tutte le correnti
nazional-indipendentiste. I più irrequieti erano proprio i popoli slavi che da tempo covavano idee di una
grande nazione slava, ma non da meno furono i Cechi (i giovani cechi), nonché dei Magiari che
43
769927308
01/06/17
chiedevano la totale indipendenza. Per cercare di tamponare le crescenti pressioni, in seno alle
istituzioni di governo incominciò a farsi strada l’ipotesi di progetto trialistico, per la suddivisione
dell’impero in: Austria, Ungheria e Jugoslavia. Al progetto si opposero i magiari, perché vedevano
sacrificate parte dei loro territori, e anche serbi e croati (appoggiati dalla Russia) che desideravano uno
Stato indipendente. Questa situazione esplosiva fu uno degli elementi fondamentali che avrebbero
portato alla Guerra del 14.
63 LA RUSSIA NELLA SECONDA METÀ DELL’OTTOCENTO.
Per tutta la seconda metà del ‘800 la Russia era la nazione più arretrata d’Europa. Non esisteva
alcun’istituzione rappresentativa e la vita procedeva attraverso il controllo autoritario di un potente
apparato burocratico poliziesco che dipendeva direttamente dallo zar. Il 90% della popolazione era
ancora dedito all’agricoltura e resisteva la servitù della gleba. L’agricoltura era basata sui mir
(comunità di villaggio, dove assemblee di capifamiglia assegnavano i fondi da coltivare e curavano la
raccolta delle imposte). All’immobilismo politico si contrapponeva una fervente vita intellettuale; siamo
nel secolo d’oro della letteratura russa, con Tolstoj, Dostojevskij, Gogol. Nonostante la censura gli
intellettuali discutevano di liberalismo, di democrazia e di cultura; nacquero due correnti contrapposte:
 gli occidentalisti: che vedevano nei mezzi politici-sociali offerti dalle grandi nazioni europee
l’unica soluzione alla stagnazione russa;
 gli slavofili: che si richiamavano alle tradizioni, alla religione ortodossa.
Nel 1855 succede a Nicola I, Alessandro II che incomincia un’opera d’ammodernamento del
paese(burocrazia, scuola e sistema giudiziario) provocando una grande speranza e concede
un’amnistia per i detenuti politici. Un parziale decentramento amministrativo fu sancito dall’istituzione
degli zemstvo, organi elettivi locali dotati di poteri assai limitati. La riforma più importante cui legò il suo
nome fu, nel 1861, l’abolizione della servitù della gleba. Nell’idea dello zar avrebbe dovuto dare
maggiore impulso all’agricoltura, ma l’impreparazione dell’organizzazione statale e degli stessi
contadini provocò delle contraddizioni che peggiorarono la situazione. Il malcontento si propagò in
tutta la Russia ed interessò anche altri paesi, come la Polonia, che si concretò con violente
manifestazioni popolari, che avrebbe portato alla repressione dell’esercito zarista nel ’63-’64.
L’episodio segnò il cambiamento di rotta dello zar che sottopose il paese ad un processo di
russificazione che sarà continuata ed ampliata da Alessandro III.
Agli inizi degli anni ’90 si registrò il primo, timido, tentativo d’industrializzazione, sotto la guida del
ministero delle Finanze Vitte (1892-1903). Intraprese la costruzione di una fitta rete ferroviaria e favorì
lo sviluppo delle infrastrutture. Vitte da un lato aumentò il sostegno dello Stato alla produzione
(inasprendo il protezionismo), dall’altro incoraggiò l’afflusso di capitali stranieri (soprattutto
francesi). In questo modo la Russia, potenza imperialista, era soggetta alla penetrazione commerciale
occidentale, producendo un’industrializzazione favorita dallo Stato, ma debole, perché non sostenuta
da un’opportuna classe imprenditoriale borghese. Il processo d’industrializzazione statale necessitava
di un apparato accentratore che mal si poneva di fronte alle esigenze qualitative che servivano;
provocando un aggravamento delle situazioni di vita degli operai delle industrie, concentrati in poche
città senza alcuna tutela sociale e con salari molto bassi. Il decollo industriale non cambiò, quindi, le
condizioni di vita delle popolazioni russe, creando nuovi e numerosi malcontenti. Nel 1898 Gregori
Plechanov fondò il Partito Socialista rivoluzionario che riprendeva il progetto di un socialismo agrario
legato alle tradizioni russe.
64 I CONFLITTI INTERNAZIONALI PRECEDENTI LA I GUERRA MONDIALE
Prima del ‘14, alla competizione fra la Germania e l’Inghilterra per la supremazia navale, si sommarono
due punti di frizione principali in politica internazionale:
 la questione orientale: il Marocco(confronto franco-tedesco, animato dal revanscismo
francese).
Il Marocco era uno degli ultimi stati africani non colonizzati, da tempo sotto le mire
francesi(avvallate dall’“Intesa cordiale” con gli inglesi). La Germania decise d’intromettersi nel gioco
provocando due contrasti diplomatici che portarono l’Europa vicino alla guerra(1905 e ’11).
La Francia si vide riconosciuto il protettorato sul Marocco, in cambio la Germania ottenne una
striscia del Congo francese. La situazione mostrò l’isolamento di cui era vittima la Germania,
provocando un inasprimento dell’aggressività tedesca.
 la situazione nei Balcani (rivalità austro russa);
La crisi sopraggiunse per il definitivo indebolimento dell’impero turco, causato dalla rivolta dei
giovani turchi 1908, quando un gruppo di militari marciò sulla capitale costringendo il sultano a
44
769927308
01/06/17
concedere la Costituzione. Studenti ed intellettuali chiesero a gran voce una monarchia costituzionale
e numerose riforme, ma il nuovo regime non fu in grado di risolvere i problemi locali e
internazionali. L’approssimativa situazione interna provocò l’accentuarsi delle influenze imperialiste
nei Balcani.
L’annessione della Bosnia all’impero austro-ungarico 1908, avvallata dalla Germania senza alcuna
comunicazione all’Italia (così da causare malcontento nella “Triplice”), provocò un forte malcontento
nella Serbia, e nell’alleato Russo, che ponendosi a protettore delle popolazioni slave, aveva in realtà
mire espansioniste. Forte dell’episodio, l’Italia decise di muoversi occupando la Libia nel 1911,
muovendo guerra alla Turchia, che terminò con la vittoria italiana, l’occupazione del Dodecanneso. La
sconfitta turca alimentò le mire indipendentiste slave provocando due conflitti:
 nel 1912 Serbia, Montenegro, Grecia e Bulgaria mossero guerra alla Turchia
sconfiggendola e cacciandola dalla penisola. (Da un accordo tra Italia e Austria nasce nel
’12 il principato d’Albania per impedire alla Serbia lo sbocco sul Mediterraneo).
 Nel 1913 La Bulgaria, scontentata della divisione del bottino di guerra attaccò la Grecia e la
Serbia, ma dovette capitolare agli avversari.
Il risultato globale delle guerre balcaniche fu di penalizzare gli imperi centrali; il loro maggiore
alleato nella penisola (la Turchia) era stato spazzato via e l’influenza russa sulla zona si faceva sempre
più minacciosa.
65 LA GUERRA RUSSO GIAPPONESE E LA RIVOLUZIONE DEL 1905
Lo scontento sociale in Russia, soffocato dall’autoritarismo finì per organizzarsi in un moti
rivoluzionari. L’elemento scatenante che fu lo scoppio della guerra col Giappone:
 nel 1903 il Giappone, con l’appoggio britannico, propose alla Russia un accordo per la spartizione
della Manciuria, ma i russi che già occupavano il paese rifiutarono ogni accordo sottovalutando la
potenza militare del sol levante. Nel febbraio 1904 il Giappone attaccò quella russa nel Mar Giallo
e a Port Arhtur, che cade dopo un anno d’assedio. La flotta giapponese sconfisse quella russa a più
riprese. Non rimase alla Russia che accettare la mediazione americana di Roosvelt e firmare la
pace di Portsmouth, nel 1905,con la quale gran parte dei territori della Manciuria passarono
sotto i nipponici. In questo modo tra i grandi imperialisti mondiali entra di diritto anche il Giappone
imperiale.
La sconfitta militare con il Giappone aumentò gli stenti e acuì la crisi economica interna. Nel gennaio
1905,a Pietroburgo, la gente scese in piazza in direzione del Palazzo d’Inverno per chiedere allo zar una
costituzione e le riforme. L’esercito e la polizia spararono sui civili - la domenica di sangue – che
provocò lo scoppio di tumulti ovunque. Fino ad autunno inoltrato fu la Russia visse in uno stato di
semianarchia. Con il grosso dell’esercito impegnato contro il Giappone, nacquero spontaneamente nuovi
organismi rivoluzionari i soviet, forme di rappresentanza popolare a democrazia diretta. Dopo una
serie di manovre istituzionali poco chiare, nell’ottobre 1905 lo zar promise l’istituzione della Duma,
un’assemblea rappresentativa che avrebbe dovuto aprire ampi spazi liberali. Ma nel giro di breve
tempo apparì chiaro che l’esperimento riformatore istituzionale era fallito e lo zar riuscì a spostare
nuovamente il timone della politica in senso conservatore sino a portare al potere il conte Stolpyn che
attuò una forte repressione militare su tutti i rivoltosi. Al tempo stesso cercò però anche di fornire al
regime una base di consenso; proponendo una riforma agraria, con la quale furono dissolte le mir e i
contadini furono messi nella condizione di riscattare e diventare proprietari delle proprie terre. Il risultato
sebbene portò alcuni vantaggi, non fu epocale come nei piani del premier. Dei nuovi piccoli
proprietari terrieri, una parte andò ad ingrossare le fila dei contadini ricchi (Kulaki), ma i più non
riuscirono a migliorare le proprie condizioni di vita.
66 LA RIVOLUZIONE IN CINA
La vittoria giapponese sulla Russia nel 1905 diede nuovo vigore ai movimenti indipendentisti in
Asia. Da poco sedata la rivolta dei Boxers (1900), nuovi moti tipicamente rivoluzionarie nacquero in
Cina, sempre più intimorita dall’imperialismo nipponico.
L’ormai screditata dinastia Manciù apriva la strada ad un moderno sistema politico. Nel 1905, un
medico di Canton, Sun Yat-sen fonda una società segreta, il Tung meng hui il cui programma mira
all’indipendenza, al benessere e alla democrazia rappresentativa. Intanto l’imperatore prese impegni
che favorivano la penetrazione commerciale straniera. La decisione d’assegnare alle compagnie
straniere la costruzione della rete ferroviaria provocò una sommossa popolare nel 1911. Stanchi della
debolezza del regime imperiale, nel 1912, l’Assemblea della società clandestina dichiarava decaduti i
Manciù e nominava Sun Yat-sen presidente. Nell’Aprile dello stesso anno il generale Yuan Shi-kai,
inviato dal governo imperiale per sedare la rivolta, ammutinava schierandosi dalla parte dei rivoltosi
45
769927308
01/06/17
ottenendo in cambio di essere eletto presidente. Ma la neonata repubblica dimostrò una carenza
istituzionale endemica che la portò ad inevitabili dissensi tra i liberali-democratici, uniti nel nuovo
Partito Nazionale, e i conservatori di Yuan Shi-kai. Nella situazione di caos che si venne a creare, nel
1913 lo stesso presidente scioglie il parlamento, dichiarò fuorilegge il partito democratico e prese le
redini del potere. Con un autentico colpo di stato istituzionale, il nuovo presidente riprese la politica
conservatrice autoritaria dell’ex-imperatore Manciù, appoggiato nel progetto dalle potenze
straniere che avevano ottenuto vantaggi economici prima della rivoluzione. Nulla varierà nella
repubblica del 1913 per almeno un trentennio, fino a quando non si arriverà alla nuova rivoluzione e alla
repubblica di Mao Tse-tung nel 1949.
67 IMPERIALISMO E RIFORME NEGLI USA
Agli inizi del ‘900 gli Stati Uniti erano la potenza economica emergente. L’imperialismo americano
in questo periodo si orientò non verso il Sud America, dove l’influenza inglese era ancora rilevante, ma
piuttosto verso il centro America, in questa direzione s’orientò la politica del nuovo presidente,
Theodore Roosevelt (repubblicano progressista) salito al potere nel 1901. Grande fu la sua decisione
nella sua politica in difesa degli interessi americani inaugurando l’epopea del BIG STICK(grande
bastone); cioè l’uso alternato della pressione economica e militare per l’ottenimento dei risultati.
Uno degli esempi più indicativi si ebbe relativamente alla questione di Panama. Nel 1901 gli USA
ottennero l’incarico di eseguire i lavori per l’effettuazione del canale. Nel 1903 il parlamento
colombiano, con un moto d’orgoglio nazionale, decise di non ratificare l’accordo. Roosevelt provocò
dapprima una sommossa interna, poi presentò delle autentiche minacce di un’invasione militare. Il
risultato fu che Panama divenne una repubblica indipendente sotto la tutela statunitense e nel 1914
furono terminati i lavori del nuovo canale,che rappresentava un elemento indispensabile per lo
sviluppo economico americano.
In politica interna Roosvelt attuò una timida legislazione sociale a favore delle classi povere, aumentò
l’impegno dei poteri pubblici in economia e limitò i trust, senza intaccare il principio del capitalismo
USA.
L’accanimento in difesa degli interessi americani fece di Roosvelt uno dei più amati presidenti, ma una
volta lasciata la presidenza nel 1908 il partito repubblicano si spaccò. Questo provocò l’avvento al
potere del partito democratico dopo un periodo di transizione. Nel 1912 sale al potere Wilson che
lasciò più autonomie ai singoli stati e abbassò i dazi, aboliti definitivamente nel 1913.
In politica estera Wilson si dimostrò più moderato e incline al concetto di autodeterminazione dei
popoli, che diventerà il fulcro della dottrina Wilson. Nel gioco delle parti, il ruolo degli stati uniti
doveva essere quello d’esportatore della democrazia e tutore dell’ordine mondiale.
68 L’AMERICA LATINA E LA RIVOLUZIONE MESSICANA
Nonostante un certo sviluppo rispetto ai primi del ‘800, l’economia dell’America latina era molto
arretrata e ancora molto legata a quella europea. Persistevano le grandi monoculture indirizzate
all’esportazione nel vecchio continente. Quasi ovunque era ancora presente il latifondo con la
conseguente condizione dei contadini in uno stato di semi servilità. Lo scarso sistema educativo aveva
consentito il radicarsi di una classe politica strutturata sulla ricca borghesia e grandi proprietari
terrieri. Nonostante l’aspetto istituzionale di democrazie rappresentative la maggior parte degli stati
americo-latini erano di fatto governati con forme di dittatura personale; in cui le masse popolari
erano escluse dal governo. Uniche eccezioni si verificarono in Argentina e in Messico dove ci furono
decisi tentativi di democratizzazione.
In Argentina alle elezioni a suffragio universale del 1912 vinse l’Unione radicale, una frangia politica
ad indirizzo progressista.
In Messico, dove governava il dittatore Diaz, ci fu una cruenta sollevazione popolare, nel 1910, dei
peones (i contadini) guidati da Madero, Zapata e Pancho Villa. Dopo una sanguinosa lotta Madero
arrivò alla presidenza nell’1911. Il nuovo governo dimostrò però subito forti contraddizioni fatte di
contrasti tra i borghesi-moderati che miravano soprattutto ad una liberalizzazione economica, e i
contadini-rivoluzionari che si auspicavano una riforma agraria capace di risollevarne le sorti
economiche. La situazione di caos, come in molte altre realtà mondiali, finì col favorire il golpe
militare del generale Huerta (1913), ma la nuova dittatura non riuscì a sedare la guerra civile. Gli
scontri continuarono fino al 1921, con la presa del potere del moderato Obregon, che concesse una
costituzione democratica e laica e con una serie di riforme ad indirizzo sociale. In questo modo agli
inizi del nuovo millennio il Messico aveva il grado di democrazia maggiore dell’America Latina.
46
769927308
01/06/17
69 DESTRA E SINISTRA DOPO IL 1861 IN ITALIA
Con la morte, il 6 giugno 1861 del Cavour, la classe dirigente della Destra-moderata perdeva il suo
esponente di maggior riferimento. Il partito della “DESTRA STORICA” mostrava notevole
compattezza sociale (aristocrazia e proprietari terrieri), ma aveva un suo limite nella limitazione dei
propri elementi ad esponenti politici dell’Italia centro-settentrionale. Negli anni ’70, aumentò il
numero di deputati che non si collocavano né a destra né a sinistra. La vera destra, quella clericale,
si era autoesclusa dalla maggioranza (non riconosceva ufficialmente lo Stato) perché riteneva
l’indirizzo politico del governo troppo riformista.
Una situazione di crisi l’ebbe anche la Sinistra, che incassò il rifiuto dei mazziniani e dei repubblicani.
La sua base di consenso era composta dalla piccola e media borghesia delle città e dai primi gruppi di
operai-intellettuali del nord, che erano ancora esclusi dall’elettorato. L’indirizzo politico della sinistra
si giocava principalmente sulle rivendicazioni democratiche risorgimentali:
 suffragio universale,
 decentramento amministrativo;
 completamento dell’unità d’Italia da raggiungere attraverso le sommosse popolari.
Nel corso di questi anni, entrambi gli schieramenti politici persero le loro caratteristiche peculiari
tanto da rendere difficilmente individuabile la separazione fra gli schieramenti.
Destra e Sinistra avevano finito per confluire in un’unica classe dirigente, creando una grossa
scollatura tra: il Paese Legale (parlamentari) e il Paese Reale (popolazione).
La legge elettorale piemontese estesa a tutto il Regno, che prevedeva il diritto al voto a tutti quelli che
avevano compiuto il 25esimo anno, sapessero leggere e scrivere e pagassero almeno 40 lire di imposte;
penalizzava una vasta quantità della popolazione, rendendo il Parlamento poco rappresentativo.
La lotta politica divenne una competizione tra due schieramenti politici, senza un coinvolgimento
popolare, dove finivano per risaltare più le identità dei singoli che gli indirizzi politici dei gruppi.
Questa situazione provocò un grande isolamento nella classe dirigente, sintomo del bisogno di un
rinnovamento immediato.
70 ITALIA DOPO IL ‘61 ACCENTRAMENTO STATALE E QUESTIONE SOCIALE
La Destra, ammiratrice della devoluzione inglese (self government), nei fatti si rivelò rigidamente
accentratrice, (forte gerarchizzazione dei funzionari rispetto al centro). Del resto le premesse
d’accentramento erano implicite nel modo stesso in cui si era pervenuti all’unificazione.
Tra il giugno ’59 e il gennaio ’60, il governo La Marmora, visti i poteri straordinari dello stato di
guerra con l’Austria, aveva varato, senza alcun controllo parlamentare, alcune leggi-speciali
riguardanti i settori-chiave del Paese (legge Casati sull’istruzione statale obbligatoria, Rattazzi sulla
riorganizzazione dei Comuni e sulle province).
La politica d’accentramento diede vita a un ulteriore malcontento che raggiunse le forme più acute nel
Mezzogiorno, dove la popolazione vedeva il nuovo stato come una continuazione di quello
borbonico. L’inquietudine, incoraggiata dalla Chiesa, si concretò in autentiche sommosse popolari.
Nell’estate 1861 in tutte le regioni del Mezzogiorno inizia la guerriglia; ai contadini e repubblicani
si mescolarono presto anarchici e borbonici. Le bande assaltavano e occupavano i piccoli centri, quindi
si ritiravano per preparare nuovi attacchi. Il governo postunitario risponde con la dichiarazione dello
Stato di Guerra nel Mezzogiorno ed estrema energia, inviando l’esercito con Nino Bixio, dichiarando
lo “stato d’assedio” nelle province dove il brigantaggio assumeva le sue forme più acute. La
straordinaria determinazione con cui l’azione militare fu messa in pratica non impedirono, nel 1865
di considerare sconfitto il brigantaggio, nonostante rimasero irrisolti i motivi che avevano reso
possibile la diffusione del fenomeno. Una politica sociale poco determinata ed innovativa portò al
radicalizzarsi del problema e alla nascita di quella questione meridionale, che caratterizzerà tutta la
storia d’Italia.
Oltre ai problemi sociali il governo della destra Storica dovette affrontare anche quello
dell’unificazione economica, con la necessità di uniformare i sistemi monetari e fiscali e di
rimuovere le barriere doganali.
La legislazione doganale liberista fu subito estesa a tutto il territorio. Molto rapido fu lo sviluppo
delle infrastrutture ed in particolare della rete di ferrovie. Da questo impulso l’agricoltura trasse
significativi vantaggi, anche se soprattutto quella nel Nord del Paese; mentre il settore industriale fu
penalizzato dalla liberalizzazione rispetto alle imprese straniere più competitive. Dopo un ventennio dalla
data dell’unificazione l’Italia risultava più unita ed avanzata politicamente, ma i vantaggi si erano
distribuiti eterogeneamente nella società. Vi furono grandi sperequazioni tra classi sociali e
soprattutto si acuirono le fratture tra Nord e Sud. Responsabile delle insoddisfazioni delle classi più
povere fu la politica fiscale di estremo rigore. Per fare fronte alle spese di modernizzazione
(comunicazioni, amministrazioni pubbliche, esercito e istruzione) i governi, soprattutto quelli della
47
769927308
01/06/17
Destra, dovettero ricorrere a misure d’inasprimento fiscale. Nel ‘67 fu introdotto il Corso forzoso
della moneta, ossia la circolazione obbligatoria della carta moneta (e la non convertibilità della stessa in
metallo prezioso). Nell’estate ’68 fu introdotta la tassa sul macinato, che finiva col penalizzare
soprattutto i più poveri. L’introduzione di quest’ultima misura risultò particolarmente impopolare e
provocò nel ’69 lo scoppio di numerose agitazioni sociali. La sommossa raggiunse dimensioni così
preoccupanti da richiedere la repressione da parte dell’esercito.
La politica del rigore estremo, dovuta soprattutto al ministero di Quintino Sella, portò al pareggio di
bilancio nel ’75, accompagnato però da un deciso allargamento del fronte degli scontenti. La situazione,
accompagnata dalla sempre maggiore connivenza del sistema politico con i grandi gruppi industriali,
avrebbe prodotto la caduta politica della destra storica.
71 LA III GUERRA D’INDIPENDENZA
Oltre i problemi economici e sociali, alla Destra storica rimaneva da risolvere il compito
dell’unificazione di tutti i territori (mancavano: Veneto, Trentino e Stato Pontificio). Mentre la
sinistra restava fedele all’idea di una “guerra popolare” per la risoluzione del problema, la destra
preferiva optare per una via politica diplomatica all’annessione.
Il problema più spinoso era il Papato di Pio IX, che aveva condannato ferocemente l’annessione delle
province pontificie nel 1859-61 all’Italia, e che era protetto dalle forze francesi di Napoleone III. Il
governo di Destra, conscio della delicatezza della situazione, dovette tenere in debita considerazione gli
influssi della cultura cattolica sulla popolazione. Già il Cavour aveva tentato di riconciliare il neonato
stato italiano con la Chiesa, ma tutti i tentativi si scontrarono con l’intransigenza di PIO IX. La
situazione di stallo finì per dare nuova linfa ai repubblicani e ai garibaldini. Lo stesso Garibaldi,
tornato dall’esilio di Caprera, nel 1862 andò in Sicilia dove organizzò una nuova spedizione per la
presa di Roma alla quale aderirono numerosi volontari. Quando Napoleone III non esitò a fare capire
che avrebbe utilizzato l’esercito contro l’iniziativa, Vittorio Emanuele II fu costretto a sconfessare
l’iniziativa e ad inviare un contingente che sull’Aspromonte intercettò Garibaldi (che non aveva
accettato di rinunciare). Ferito e arrestato per poche settimane dovette desistere.
Nel’64 è stipulata la convenzione di Settembre tra Italia e Francia; in basa al quale s’impegnavano a
garantire i confini vaticani in cambio del ritiro delle truppe francesi dal Lazio. A garanzia del suo
impegno il Governo piemontese s’impegnava a trasferire la sua capitale da Torino a Firenze.
Erano ancora vive le discussioni sulla “presunta rinuncia al Lazio” che si presentò l’occasione per il
raggiungimento di un altro obiettivo: Il Veneto. Era chiaro ai più che l’unico modo per raggiungere
l’unità era il cambiamento delle alleanze. L’Italia si alleò con la Prussia di Bismark, pronta ad
affrontare la guerra contro l’Austria. La partecipazione italiana si rivelò fondamentale per la vittoria
prussiana(Sodowa,’66).
L’impegno militare delle forze del Regno, alla prima prova significativa, riportarono insuccessi
NELLA III GUERRA D’INDIPENDENZA :
 24 giugno 1866, Custoza per terra;
 20 luglio 1866, Lissa per mare.
Gli unici successi arrivarono dai Cacciatori delle Alpi, un corpo di volontari capeggiato dall’indomito
Garibaldi. Una volta ottenuto il proprio obiettivo militare la Prussia s’impegnò nella stipula della Pace di
Vienna dell’ottobre 1866. La delusione fu cocente quando all’Italia fu concesso solamente il Veneto.
Rimanevano, così, ancora da conquistare: Trentino, Friuli (che per un mezzo secolo avrebbero
rappresentato un motivo ricorrente di protesta patriottica)
e lo Stato della Chiesa.
La guerra aveva lasciato, pesanti strascichi perché la sconfitta aveva indotto una crisi morale dovuta al
presunto fallimento di una raggiunta coesione politico-militare e al senso d’inadeguatezza del nuovo
Stato d’inserirsi fra le grandi potenze.
72 LA QUESTIONE ROMANA LA PRESA DI ROMA E LE SUE CONSEGUENZE.
Dopo la guerra austro prussiana del ’66, uno dei problemi più spinosi per il neonato Stato italiano era la
questione romana.
Gli scarsi risultati politici e militari maturati nella III Guerra d’Indipendenza avevano contribuito a
ridare slancio agli intenti rivoluzionari dei radicali di sinistra e dei mazziniani nei confronti
dell’immobilismo della Destra che rimaneva saldamente ancorata alla politica della diplomazia. Un
nuovo tentativo militare fu preparato da Garibaldi che mirava ad organizzare una sommossa interna nei
territori pontifici, presentando il fatto come atto di volontà popolare(per evitare l’intervento francese). I
calcoli si mostrarono errati e l’esercito napoleonico sconfisse Garibaldi a Mentana (‘67). Era
impossibile risolvere la questione accordandosi con Papa e la Francia.
48
769927308
01/06/17
La chiave di volta per sbloccare lo stallo si ebbe con la guerra franco-prussiana del 1870. Sfruttando
l’impegno francese, l’esercito italiano inviò un corpo di spedizione nel Lazio e prese Roma entrando
presso Porta Pia il 20 Settembre 1870. Dopo pochi giorni un plebiscito sanciva l’annessione al
Regno d’Italia. Lo Stato italiano ora doveva riallacciare rapporti diplomatici con il Pontefice,
operazione quanto mai delicata, perché il 99% della popolazione era cattolica e le parrocchie
rappresentavano sempre forti centri d’aggregazione, gli insegnanti nel Regno erano per la maggior
parte preti). La capitale fu trasferita da Firenze e Roma solo l’anno successivo, quando furono sistemate
le questioni diplomatiche attraverso la stipula della Legge delle guarentigie (cioè delle garanzie) 1871,
legge unilaterale, con la quale lo Stato italiano s’impegnava a garantire al Papa lo svolgimento della
propria funzione spirituale e lo equipara ad un capo di Stato sovrano (facoltà di avere un proprio
corpo militare, extraterritorialità del Vaticano e del Laterano, ecc).
Nonostante alcuni vantaggi di cui beneficiò la Chiesa la risposta di Pio IX fu di totale intransigenza.
Rifiutatosi di riconoscere lo Stato, nel 1874 indica ai cattolici italiani il non expedit, l’esortazione a non
partecipare alla vita politica. Situazione che, di fatto, escludeva i cattolici dalla del paese. In questo
modo anche il papa contribuiva ad aumentare le fratture sociali all’interno del paese.
73 LA SINISTRA AL POTERE E IL TRASFORMISMO(1871-1882)
Dopo l’unificazione del ‘70, nel panorama politico italiano, avvennero parecchi mutamenti. Le tante
fratture sociali aumentarono gli orientamenti politici verso linee meno intransigenti, spostando il timone
verso “un centro. Le divisioni interne ai partiti erano a tutti gli schieramenti, ma la Sinistra Storica di
Depretis, Crispi, Cairoli e Zanardelli, sembrava meno malconcia, riuscendo a trovare consensi nei
nuovi ceti borghesi. La sconfitta della destra trovò il suo episodio nella “sfiducia” sulla
statalizzazione delle ferrovie.
Ne conseguì la salita al potere nel 1876 della Sinistra di Agostino Depretis.
Tale esecutivo era completamente nuovo a esperienze di governo, ma aveva da tempo radicalmente
abbandonato la sua tendenza radicale e rivoluzionaria e partì col proposito di allargare le basi del
consenso governativo per facilitare la governabilità del paese inglobando anche componenti moderate
ed alcune conservatrici. Depretis, rimasto al governo quasi dieci anni, improntò il suo programma su
alcune scelte fondamentali:
 L’allargamento del suffragio elettorale. Si pensò di legare il voto all’istruzione; ma
movendosi in questa direzione si sarebbe nuovamente esclusa la gran parte degli operai e
contadini, che lontani da realtà evolute vivevano al margine delle istituzioni. La nuova legge
elettorale del ‘82 aumentò il suffragio allargandolo a quelli che avessero acquisito la licenza
elementare e compiuto il 21esimo anno d’età;
 Sgravi sulle imposte indirette;
 Obbligatorietà e gratuità della scuola elementare. Nel 1877 fu varata la legge Coppino per
la riforma dell’istruzione che fu resa obbligatoria fino al nono anno d’età. Restando tuttavia
irrisolti i problemi che ne impedirono la realizzazione pratica;
 Il decentramento amministrativo.
La tendenza a spostare la direttrice politica verso sinistra fu evidente nel 1882 quando al governo fece
la comparsa il primo esponente socialista, Andrea Costa. Il nuovo assetto del governo, preoccupò
non poco gran parte della classe dirigente, fu allora che aumentò la pressione sull’esecutivo e lo stesso
Depretis optò per un’inversione di rotta, che portò ad un accordo elettorale con la destra di
Minghetti, nell’intento di moderare l’azione. La sinistra mostrò un ammorbidimento che prese il nome
di TRASFORMISMO.
Con il trasformismo prendeva forma quella tendenza secondo cui gli indirizzi di governo saranno il
frutto di accordi fra partiti, più con intenti egemonici che riformisti (convergenza fra destra e
sinistra). Nasce così il GRANDE CENTRO, un’ampia ma eterogenea maggioranza, che, se da una
parte evita estremismi, dall’altro diminuisce la governabilità e gli slanci riformisti.
La svolta moderata causò la defezione dei gruppi progressisti (che chiedevano il suffragio
universale, una politica di laicizzazione delle istituzioni e riformismo sociale). Guidati da Bertani e
Cavalotti costituirono nel ‘80 il partito radicale.
74 LE ORIGINI DEL MOVIMENTO OPERAIO E DEL SOCIALISMO IN ITALIA
La crescita del movimento operaio, che nel resto d’Europa era già ben radicato, in Italia fu rallentato
dallo scarso sviluppo industriale della prima metà del ‘800. Fino all’inizio degli anni ’70 l’uniche
organizzazione operaie di una certa consistenza erano le società di mutuo soccorso ispirate a idee
moderate di ispirazione mazziniane, indirizzate più a scopi di solidarietà e d’educazione dell’uomo che
49
769927308
01/06/17
a strumenti di rivendicazione e lotta sociale. Alla base di tali associazioni vi era il rifiuto della lotta di
classe e dello sciopero (perché notevole era l’influenza della componente cattolica).
La crescita del movimento internazionalista ricevette un impulso decisivo dagli avvenimenti della
Comune di Parigi nel ’71. L’apologia socialista di Garibaldi giocò un ruolo importante nello spostare
parecchi giovani tra le fila degl’internazionalisti. La reazione all’impreparazione alle nuove idee
socialiste, provocò, l’adesione dei socialisti italiani alle idee Bakuniane che miravano a un socialismo
anarchico e rivoluzionario. Tra il ’71 e il ’74 furono organizzati numerosi tentativi di ribellione
sociale organizzata da socialisti anarchici, ma furono tutti stroncati sul nascere da una dura
repressione poliziesca.
La mancata adesione delle masse contadine costrinse gli internazionalisti a ripesare all’impossibilità
di ottenere un qualche risultato senza un lavoro di preparazione politica. La svolta ideologica fu
sancita dalla nascita del Partito socialista Rivoluzionario, nel ’81.
Intanto, già dai primi anni ’70 erano nati:
 Circoli operai;
 Società di miglioramento;
 leghe di resistenza.
Il loro compito principale era d’occuparsi dei conflitti sul lavoro. La base consensuale dei nuovi
movimenti non aveva alcun consenso da parte delle masse contadine(anche per intervento diretto
della Chiesa Cattolica che vedevano le idee socialiste ancora troppo aggressive).
In un panorama politico confuso dal trasformismo, poco prima delle elezioni del 1882, alcune
associazioni operaie milanesi decisero d’emanciparsi dai partiti politici per creare il Partito
Operaio Italiano, che si presentava più come una federazione d’associazioni operaie che un vero partito
politico. Fermissimi nel respingere qualsiasi apporto borghese, gli “operaisti” cercarono di stabilire un
rapporto d’intesa con il proletariato rurale, che fu protagonista dei primi grandi scioperi agricoli
nella Pianura Padana (1884-’85). L’esercito intervenne a stroncare ogni nuova velleità e nel 1886 il
partito Operaio fu messo fuorilegge.
75 I CATTOLICI INTRANSIGENTI E L’OPERA DEI CONGRESSI.
In conseguenza allo sviluppo delle idee socialiste, nacquero nel mondo cattolico associazioni politiche
conservatrici e intransigenti volte a contrastare i movimenti di sinistra. Le parrocchie rappresentavano
ancora l’unico e capillare centro d’aggregazione nel nuovo Stato (non riconosciuto dalla Chiesa). I
cattolici costituivano una forza eversiva verso il nuovo potere e miravano a restaurare lo stato
pontificio. Dal 1874, con il non expedit di Pio IX, al mondo cattolico era impedito di partecipare
attivamente alla vita politica, ma quest’esclusione portava ad un’emarginazione ancor più grave. Nello
stesso anno a Venezia era creata l’Opera dei Congressi, con il compito di convocare periodiche
riunioni delle associazioni cattoliche italiane (direttamente dipendenti dal clero), che mostrava
un’ostilità per il liberalismo laico, la democrazia e il socialismo. Tale operazione sanciva chiusura
della chiesa e la sua rinnovata politica conservatrice.
Qualche segno d’apertura si ebbe con il pontificato di Leone XIII nel 1878(’78-‘03). Il nuovo Papa
inaugurò una politica più impegnata nel campo del sociale, sorsero così:
 associazioni di mutuo soccorso;
 cooperative agricole;
 casse rurali.
Controllate dal clero, avevano lo scopo di contrastare l’associazionismo socialista e in particolare lo
sviluppo delle cooperative rosse. Il pontefice favorì lo sviluppo dell’Opera dei Congressi in
Lombardia e Veneto. Se da un lato, ampi settori della politica erano convinti di dovere combattere
contro queste forme d’intromissione cattolica, la maggioranza dei parlamentari era ben cosciente
dell’esigenza di trovare un punto di convergenza con la Chiesa, per ottenere una stabilità politica in
tutto il paese. Un tentativo di mediazione fra stato e chiesa nel ’86-’87 fallì per l’intransigenza del
Papa sulla sovranità su Roma, il che scatenò una nuova ondata d’anticlericalismo.
76 POLITICA ECONOMICA CRISI AGRARIA E SVILUPPO INDUSTRIALE IN ITALIA
La caduta della destra era nata dall’impopolarità delle rigorose scelte economiche per pareggiare del
bilancio, scaricandone il costo sulle classi medio-basse.
La sinistra cercò di mitigare questa politica d’austerità con ritocchi sostanziali. La tassa sul
macinato fu dapprima ridimensionata e quindi definitivamente abolita nel 1884. Fu tentato il rilancio
economico attraverso l’incremento della spesa pubblica. Nell’immediato, se da un lato portò uno
slancio all’industrializzazione, dall’altro reintrodusse un passivo di bilancio.
50
769927308
01/06/17
Alla fine degli anni ‘70 lo stato dell’agricoltura era disastroso. L’inchiesta agraria di Jacini (1877‘84) fotografò un’immagine impietosa del nostro paese.
Povertà, arretratezza e sottosviluppo caratterizzavano un paese che si presentava sempre di più con un
problema annoso: la convivenza di due nazioni nella nazione (Nord/sud). L’unica soluzione per
superare questa situazione fu individuata nel rilancio industriale del paese.
La crisi agraria che aveva interessato tutta l’Europa, incominciò a fare sentire i propri effetti nel
1881, questo provocò un calo della produzione (e un abbassamento dei prezzi). La situazione
economica disastrosa provocò lo sviluppo di nuovi scioperi e sommosse. La crisi agraria, favorì lo
smobilizzo di capitali dall’agricoltura per la riconversione nell’ambito industriale.
Tra i provvedimenti più significativi per il rilancio ricordiamo:
 reintroduzione di dazi doganali(1878) col chiaro intento di favorire le industrie locali, per
proseguire sulla strada con un ulteriore allargamento protezionista nel 1887, con il quale era
definitivamente sancita la fine della politica libero-scambista;
 la costituzione delle Acciaierie di terni, nel 1884, l’intento di rinforzare l’esercito (ritenuto,
ormai, indispensabile per le relazioni internazionali di uno stato minore).
Il legame tra industriali e Stato si era saldato in maniera inscindibile. Questa scelta politica portò ad
acuire maggiormente le differenze tra le diverse classi sociali(tra settori protetti e no; settori
incentivati e no). Una nuova ondata di scontenti e proteste, scosse la penisola.
La situazione macroeconomia evidenziava scompensi i cui costi erano sempre riversati sulle classi
medio-basse. Sintomatica fu la reintroduzione del dazio sul grano(quantitativamente
triplicata)producendo vantaggi per le aziende produttrici ma svantaggi per i consumatori. Fu il Sud
ad uscirne sempre più malconcio e sempre più diviso dal resto del Paese. L’effetto più evidente della
situazione del Meridione fu la macroscopica emigrazione, verso Nord, ma anche e soprattutto verso i
nuovi mondi (americhe).
51
769927308
01/06/17
77 LA POLITICA ESTERA TRIPLICE ALLEANZA E COLONIALISMO
Nel 1882 l’Italia firmò con Austria e Germania la Triplice Alleanza, un’alleanza militare a scopo
difensivo. La scelta era stata provocata dal deterioramento dei rapporti con la Francia dopo
l’occupazione tunisina del 1881.
I motivi dell’accordo furono due:
 l’alleanza con la solida Germania doveva rafforzare le istituzioni.
 uscire dall’isolamento diplomatico che vedeva l’Italia assoggettata al rango di piccola potenza.
(emblematico l’insuccesso al Congresso di Berlino nel ’78, senza alcun successo né territoriale, né
precoloniale).
La Triplice impegnava a garantirsi reciproca assistenza in caso d’aggressione. L’Italia riceveva
garanzie contro un’improbabile aggressione francese senza peò ottenere alcun vantaggio immediato,
impegnandosi altresì a rinunciare alle rivendicazioni sulle terre irredente (il Trentino e la Venezia-Giulia).
La situazione migliorò al rinnovo della Triplice nel ’87 con due nuove clausole:
 nuove modifiche nei Balcani sarebbero state discusse da tutti gli alleati e ai vantaggi dell’uno
sarebbero corrisposti dei vantaggi per gli altri;
 la Germania s’impegnava d’intervenire in favore dell’Italia in caso di un conflitto provocato
dai francesi in Marocco e Tripolitania (Libia).
Nonostante fosse ancora troppo debole il paese per cimentarsi in politiche imperialiste, le pressioni
di gruppi d’interesse spinsero il governo a sceglierle.
Nel ‘82 fu acquistata la Baia di Assab, a cui seguì nel ‘85l’occupazione di una striscia di terra sino a
Massaua ai confini con l’Etiopia.
L’impero etiopico, o Abissinia, era economicamente arretrato e di fede cristiana; con
un’organizzazione feudale in cui l’autorità dell’imperatore, il Negus, era fortemente limitata dai
poteri dei signori locali, i Ras. In un primo tempo il governo cercò d’intavolare rapporti di
penetrazione commerciale, ma quando tentò di rafforzare la presenza con contingenti militari, si
scontrò con la reazione locale che culminò con l’eccidio di un corpo militare italiano a Dogalì nel ‘87.
Non bastò lo sdegno nell’opinione pubblica per abbandonare l’idea dell’occupazione, fu quindi mandato
un nuovo contingente consolidare la presenza italiana.
78 FRANCESCO CRISPI POLITICA INTERNA ED ESTERA
Alla morte del Depretis nel 1887, salì al potere Francesco Crispi che guidò l’Italia con piglio
democratico autoritario. Raccogliendo consensi sia dalla destra, perché ammiratore di Bismarck, che
dalla sinistra per i suoi trascorsi mazziniani, si prevedeva un governo d’ampia coalizione tipico del
Trasformismo.
Accentuò le riforme ma attuò anche con autorità una riorganizzazione razionale dello stato senza
precedenti, che avrebbe portato rilevanti risultati nel paese.
 Nel 1888 allargò il diritto di voto per le elezioni amministrative a tutti i maggiorenni che
sapessero leggere e scrivere e avessero un minimo reddito;
 Nel 1889 promulgò un nuovo codice penale (Il codice Zanardelli), dove si aboliva la pena di
morte e si riconosceva il diritto allo sciopero;
 Nel 1889 nuova legge di pubblica sicurezza che avrebbe lasciato poteri ampi alla Polizia, così da
riequilibrare le concessioni al movimento operaio.
In politica estera, proseguì nel rafforzamento dell’Intesa provocando un inasprimento dei rapporti
con la Francia, così d’arrivare alla guerra doganale nel ‘88 (la reintroduzione del dazio sul grano aveva
danneggiato non poco la Francia).
Rafforzò inoltre l’intervento coloniale in Africa settentrionale. Dopo la non brillante questione di
Massaua, il governo inviò un nuovo contingente d’occupazione che ampliò i possedimenti
riorganizzandoli nella Colonia Eritrea nel ’90, mentre erano poste le basi per la penetrazione nella
vicina Somalia. Il risultato generale delle imprese coloniali si dimostrò tutt'altro che confortante. Agli
scarsi successi militari si contrapposero i costi della guerra e il dissenso interno. Questo portò alle
dimissioni di Crispi nel 1892 in favore di Giolitti.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------La politica di Giolitti si dimostrò più moderata. In economia mirò ad una più equa ripartizione
fiscale; fu il primo sostenitore della progressività delle imposte (chi aveva più possibilità doveva
contribuire maggiorente all’erario) Si dimostrò assecondante nei confronti del movimento operaio e
del partito socialista, tanto da dare fastidio alla classe conservatrice, la cui ostilità contribuì ad
52
769927308
01/06/17
accelerarne la caduta, dovuta anche all’aggravamento della situazione economica e a uno scandalo
finanziario (Banca romana) acme della corruzione politica.
---------------------------------------------------------------------------------------- ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Tornò al potere Crispi nel dicembre 1893, chiamato per risanare la coalizione moderata e impedire il
rafforzamento del movimento operaio e del partito socialista. Ripresentò una politica di risanamento
del bilancio e di misure eccezionali per l’ordine pubblico. Nel gennaio 1894 fu dichiarato lo stato
d’assedio in Sicilia in seguito a rivolte contadine, e la repressione che ne seguì colpì soprattutto il
POI (Partito Operaio Italiano). Nell’ottobre ‘94 il POI fu dichiarato fuorilegge ipotizzando un nuovo
allargamento della coalizione moderata, ma il risultato delle elezioni del maggio ’95 mise ancora più
in crisi il governo Crispi per l’elezione di dodici deputati socialisti.
A causare la definitiva lacerazione del Governo Crispi emersero ulteriori difficoltà:
 Questione morale. La Banca di Roma era uno dei maggiori istituti di credito godeva della
possibilità di stampare carta moneta. Vittima di una febbre speculativa, che si era trovato in
difficoltà quando alla fine degli anni ’80 molte imprese erano fallite. Per uscire dalla crisi i
dirigenti avevano commesso gravi irregolarità, che furono tenute nascoste da Crispi.
 Fallimento della politica d’austerità finanziaria (di Sonnino) e della politica coloniale
terminata con l’ambiguo trattato d’Uccialli (per gli etiopi accordo amichevole, per gli italiani
un protettorato) alla quale seguì una nuova disfatta in Somalia costringendo Crispi alle
dimissioni, nel 1896 in favore di Rudinì.
79 LA NASCITA DEL PARTITO SOCIALISTA
La crisi economica che colpì l’Italia alla fine del ‘800 provocò grandi agitazioni di massa che
culminarono in rivolte. A queste, si riferirono alcuni politici per dare vita a nuovi partiti. In questo
periodo fu particolarmente fervente l’associativismo delle masse lavoratrici. Nel 1891 era nata la
prima Camera del Lavoro, che riuniva le diverse categorie lavorative di uno stesso centro o di una
stessa provincia con l’intento d’occuparsi del collocamento dei lavoratori. Si formarono soprattutto al
nord numerose cooperative di lavoratori, d’ideologia socialista (“leghe rosse”).
Da un punto di vista rappresentativo, si poneva il problema di un’organizzazione unitaria, capace
coordinare le lotte a livello nazionale; seguendo il modello socialdemocratico tedesco. Non era però
un’operazione facile a causa dell’elevata frammentazione delle organizzazioni, nonché delle diverse
stratificazioni sociali.
In Italia, l’unico filosofo interessato alla divulgazione delle teorie di Marx fu il napoletano Labriola,
che però rimase una figura isolata nel panorama socialista. Attraverso il suo lavoro apparve chiara la
necessità d’organizzare un partito unitario.
Fu Filippo Turati, democratico radicale, a rappresentare il principale protagonista della nascita del
partito. Entrato in contatto con Anna Kuliscioff, giovane esule russa con notevole esperienza politica
alle spalle e gli operai milanesi raccordò l’ideologia di Marx con le esigenze politiche economiche
della società neounitaria, così da mitigare i contorni utopistici del marxismo e porre il dito sul
problema economico dello sviluppo del paese.
Nel 1889 fondò la Lega socialista milanese, formata da radicali e moderati di sinistra e dagli esponenti
del movimento operaio locale. Dall’organizzazione furono esclusi gli anarchici. Nell’agosto del 1892 si
riunirono a Genova i rappresentanti di numerose organizzazioni operaie di diversa natura e formazione.
La discussione fu animata e da subito apparvero chiare, due correnti ideologiche. Vista l’impossibilità di
trovare un accordo i delegati della maggioranza, guidati da Turati abbandonarono il congresso per
riunirsi in separata sede per dare vita al Partito dei lavoratori italiani. Il nuovo partito nel ’93
diventò Partito socialista dei lavoratori italiani e nel ‘95 Partito socialista italiano, comprendeva
un’ampia base: socialrivoluzionari, repubblicani collettivisti e operai.
80 LA CRISI DI FINE SECOLO
Verso la fine del ’800 l’Italia fu teatro di una crisi politica e sociale (trasformismo e corruzione) simile a
quella francese del caso Dreyfuss, o inglese della Parlamentary Bill. La posta in gioco era l’evoluzione
da stato liberale a democratico.
La caduta di Crispi vide un ennesimo ritorno all’autorità e all’uso della repressione poliziesca per
le agitazioni sociali. Il governo Rudinì segnò la ricompattazione delle forze conservatrici. Questa
tendenza si manifestò attraverso un’interpretazione restrittiva dello Statuto, che mirava a
interrompere la prassi parlamentare. Per aumentare i poteri del Governo, in un’ottica
53
769927308
01/06/17
bismarkiana, unico responsabile di fronte al Re, il Parlamento col solo il compito di ratificare le
leggi.
La tensione esplose nel ’98 provocata da un aumento del prezzo del pane, con una serie di
manifestazioni popolari. Fu decretato lo Stato d’assedio col passaggio dei poteri alle autorità
militari, il culmine dell’azione repressiva fu raggiunto a Milano, l 8 e 9 settembre ‘98 quando sulla
popolazione, Bava Beccaris usò l’artiglieria.
Le conseguenze provocarono la caduta di Rudinì al quale successe il generale Pelloux, che promosse
una nuova stretta autoritaria con: forti limitazioni al diritto di sciopero, all’associazionismo e alla
libertà di stampa. I deputati dell’opposizione risposero con l’ostruzionismo, prolungando sino al
blocco i lavori parlamentari. Fortemente indebolito Pelloux diede le dimissioni.
Alle elezioni del giugno 1900 la maggioranza, pur confermata, perse posizioni a scapito dei socialisti.
Intanto, nel luglio 1900, Umberto I fu ucciso dall’anarchico Bresci giunto dall’America per vendicare i
morti del ’98.
Per uscire dalla crisi che si era venuta a creare si pensò ad un uomo nuovo: Giolitti.
81 LA SVOLTA LIBERALE DI ZANARDELLI E GIOLITTI
Grazie anche al miglioramento della congiuntura economica internazionale, la situazione politicoistituzionale italiana ad inizio ‘900 apparve più distesa. Il nuovo Re, Vittorio Emanuele III, si
dimostrò più propenso del predecessore ad assecondare le forze progressiste e a riportare quindi un
po’ di serenità.
Nel febbraio 1901 salì al governo Zanardelli appartenente alla sinistra liberale, e Giolitti agli
Interni, inaugurando una svolta liberale che produsse effetti tangibili:
 norme contro il lavoro minorile e femminile;
 assicurazioni: obbligatorie per il lavoro, volontarie per la vecchiaia;
 istituzione del Consiglio superiore del Lavoro, organo consultivo per la legislazione sociale,
comprendente anche rappresentanze dei lavoratori;
 Municipalizzazione d’alcuni servizi come il gas, l’elettricità, i trasporti.
Il punto forte della nuova linea di governo era la neutralità nei conflitti di lavoro, che fece rifiorire le
Camere del lavoro e le organizzazioni sindacali.
Nel 1911 nasce la Federterra con l’intento di:
 Socializzare la terra, aumenti dei salari, diminuzione delle ore di lavoro.
Il neoriformismo provocò lo sviluppo d’imponenti manifestazioni sindacali e scioperi che portò
all’aumento generalizzato dei salari (anche del 35%).
82 LO SVILUPPO INDUSTRIALE IN ITALIA IN EPOCA GIOLITTIANA
La scelta protezionistica dei governi di fine ‘800 e le congiunture economiche permisero all’inizio del
‘900 un notevole decollo industriale, assicurato soprattutto dallo sviluppo dalle infrastrutture, ed in
particolare della rete ferroviaria.
In questi anni si ebbero importanti innovazioni strutturali:
 riordino del sistema bancario. Nel 1894 furono fondati i primi istituti di credito sul modello
della banca mista: la Banca commerciale italiana e il Credito italiano.
 Siderurgia: lavorazione del ferro (Piombino, Savona, Bagnoli),
 Tessile: il cotoniero.
 Alimentare: coltivazione dello zucchero.
 Chimica: la Pirelli a Milano.
 Meccanica: boom auto (nasce la FIAT a Torino), armi e nelle ferrovie.
 Primi passi l’industria elettrica.
Nel periodo 1896-1907 il tasso medio di crescita fu del 6.7%, dal 1896 al 1914 il volume della
produzione industriale raddoppiò e il reddito pro-capite aumentò del 30% (sebbene rimanesse
ancora quasi la metà di quello tedesco).
La maggioranza dei lavoratori era dedito all’agricoltura e la competitività dell’industria non
avrebbe mai retto all’abbassamento delle barriere doganali.
La diffusione dei servizi pubblici, dell’illuminazione, dei trasporti, dell’acqua corrente e delle reti
fognarie migliorarono le condizioni di vita, anche se il divario con il resto dell’Europa era ancora
ampio. Rimanevano insoluti ancora gravi problemi:
 la casa nelle grandi città per il proletariato operaio;
 l’analfabetismo;
 il divario fra Italia settentrionale e Meridionale.
54
769927308
01/06/17
Ancora una volta gli effetti dello sviluppo economico non si distribuirono uniformemente nel paese
acuendo il divario tra Nord e Sud, privilegiando le grandi industrie del Nord, a scapito di quelle del Sud,
dove anche l’agricoltura non riuscì ad ammodernarsi. I mali storici del meridione erano
nell’analfabetismo diffuso e nell’assenza di una classe politica moderna e moderata, fortemente
subordinata ai grandi latifondisti e agenti di un sistema fortemente clientelare.
83 IL SISTEMA DI GOVERNO DI GIOLITTI E I SUOI CRITICI
L’opera di governo di Giolitti si esercitò per oltre un decennio in una realtà complessa e contraddittoria
come l’Italia d’inizio ‘900. La sua fu definita da molti come una sorta di dittatura parlamentare,
(simile a quella di Depretis). Nella gestione del potere cercò
 il sostegno delle forze più moderne della società (dagli industriali al proletariato organizzato);
 di condurre nel sistema parlamentare anche quei movimenti che sino a poco prima erano
considerati sovversivi;
 la tendenza ad allargare l’intervento dello stato per correggere gli squilibri sociali.
Il limite maggiore delle politiche di Giolitti era nella sua capacità-necessità di controllare le Camere
con una concezione ottocentesca della Democrazia. Grazie anche ad un’eccezionale conoscenza della
burocrazia, la sua capacità di prendere e lasciare il comando nei momenti di tensione ridisegnava le
politiche trasformiste della Sinistra storica. Il controllo del Parlamento era quindi pagato a caro prezzo,
concretandosi anche in atteggiamenti spregiudicati nelle lotte elettorali: intervento che si manifestava
soprattutto nel Mezzogiorno con ripetute ingerenze. Questa politica se da una parte spostava
consensi in favore di Giolitti, dall’altra contraddiceva alla linea di rinnovamento di cui si era fatto
sostenitore.
Su questi aspetti si concentrarono le critiche dei detrattori che videro:
 socialisti e cattolici democratici che l’accusarono di fare opera di corruzione all’interno dei
rispettivi movimenti (gli attuali voti di scambio);
 liberali conservatori(Albertini, Sonnino) che gli rimproverarono di venire a patti con i nemici delle
istituzioni (i radicali e clericali). Secondo Sonnino le riforme non dovevano essere patteggiate ma
essere un’iniziativa dei liberali;
 I meridionalisti (Salvemini) lo indicarono come colui che favoriva l’industria del Nord e
manteneva nello status quo dell’oligarchia terriera il Sud.
Critiche come queste erano eccessive ma nel corso del periodo del governo Giolitti furono fatte proprie da
molti intellettuali che influenzarono ampi settori dell’opinione pubblica. L’impopolarità di Giolitti dipese
in parte dalla debolezza di un sistema e in parte dalla spaccatura profonda che esisteva tra politici e
gente comune.
I sintomi di difficoltà che inevitabilmente ne derivarono si fecero evidenti nel 1911 con la guerra di
Libia. Quando apparve chiaro ai più che fu concessa come favore alle lobby degli industriali
(conservatori), per avere ottenuto la ratifica della legge sul suffragio universale maschile e il
monopolio statale nel settore assicurativo (entrambe ratificate nel 1912).
84 LE RIFORME DI GIOLITTI
Nel novembre 1903 Giolitti divenne primo ministro, con l’idea di proseguire e ampliare l’esperimento
liberal-progressista. Offrì un posto nel governo al socialista Turati, il quale rifiutò ritenendo la
situazione ancora prematura (ancora poco consenso). Il suo orientamento progressista finì con
l’indirizzarsi verso un centro-moderato, subendo i limiti dell’allargamento dell’alleanza ai
conservatori. Proprio l’eterogeneità della sua ampia coalizione di governo gli impedì d’attuare la politica
spregiudicata che avrebbe immaginato; per questo sacrificò importanti riforme per mantenere la
compattezza della maggioranza.
 Nel 1904 fa approvare due leggi speciali per il Mezzogiorno, per migliorare agricoltura
(Basilicata) e industria (Napoli). Nel concreto, pur non riuscendo a risolvere tutti i problemi
produssero una boccata d’ossigeno per una situazione stagnante;
 Nel 1904-’05 con la statalizzazione delle ferrovie incontra parecchie opposizioni sia dalla destra,
che dalla sinistra. I socialisti avversarono il provvedimento perché prevedeva l’abolizione del diritto
di sciopero ai ferrovieri, in quanto neodipendenti pubblici.
A fronte della crisi di governo che ne derivò, consapevole del proprio potere, Giolitti si dimise. Fu
richiamato al governo nel maggio 1906, in Giugno fece approvare la legge sulla conversione della
rendita dei titoli, in questo modo sarebbero stati corrisposti interessi minori ai possessori di titoli del
debito pubblico così da ridurre gli oneri gravanti sul bilancio statale. La crisi economica che nel ‘07
colpì l’Europa si avvertì anche in Italia ma che fu superata da:
55
769927308
01/06/17

una riorganizzazione bancaria che aveva il suo fulcro in un rafforzamento della Banca
d’Italia nel panorama creditizio italiano.
Nel 1908, alla ripresa economica consegue un inasprimento delle lotte sociali. Per naturale reazione
allo sviluppo dei movimenti operai (nel 1906 era nata la CGIL)e alle loro vittorie sindacali, nasce la
Confindustria nel 1910. Associazione di categoria del padronati nata per opporsi al nuovo potere
sindacale. La nuova situazione d’agitazione sociale convinse l’abile Giolitti a dimettersi, nel Dicembre
1909. Tornò al governo Sonnino, poi Luzzatti (approvò la legge Daneo-Carrero per l’istruzione, che
avocava allo Stato gli oneri dell’istruzione). Nessuno degli statisti che rimasero al potere nel biennio
’09-’11 riuscì a riportare l’ordine, così nel Marzo 1911 fu richiamato al governo lo stesso Giolitti che
dimostrò subito di volere affermare un’ulteriore sterzata a sinistra con la richiesta di riforme per:
 il suffragio universale maschile (1912);
 il monopolio statale del settore assicurativo (1912).
I suoi meriti furono enormi, anche se ad offuscarne l’operato intervenne la decisione di partecipare alla
guerra in Libia, concessa come contropartita ai conservatori. La misura avrebbe messo in crisi il
sistema giolittiano.
85 LA POLITICA ESTERA DI GIOLITTI I NAZIONALISTI E LA GUERRA DI LIBIA
Dopo la caduta di Crispi nel 1896 la politica estera italiana subì una svolta. Iniziò un attenuazione del
rapporto nella Triplice Alleanza, provocando un riavvicinamento con la Francia che porterà nel 1898
alla fine la guerra doganale che durava dal’88. Nel 1902 le due nazioni si divisero le sfere d’influenza
nell’Africa settentrionale: all’Italia furono riconosciuti i diritti di priorità sulla Libia e alla Francia
fu lasciata mano libera sul Marocco. La nuova linea politica provocò malcontenti nella Triplice
Alleanza: la Germania non approvò l’accordo con la Francia, e l’Italia disapprovò l’annessione
unilaterale della Bosnia all’Austria nel 1908, cosicché l’Italia usciva come la potenza minore nella
Triplice. Questo provocò un’ondata di risentimento nazionale misto ad irredentismo e imperialismo.
Molti intellettuali cominciarono a supportare l’idea di fare diventare l’Italia una grande potenza.
Significativo fu il pensiero dello scrittore Corradini per descrivere il cambiamento di ottica cui si
andava incontro in questo scorcio d’inizio secolo; nel nuovo millennio i conflitti sociali non erano più
tra padroni e proletari, ma tra nazioni ricche e nazioni proletarie.
Nel 1910 nacque l’Associazione nazionalista italiana, formata da borghesi irredentisti e imperialisti
conservatori (aventi legami con la finanza vaticana e la Banca di Roma), che propose una campagna
d’influenza sul governo per promuovere la conquista della Libia.
Quando nel ‘11 la Francia vinse la seconda guerra con il Marocco, ne occupò i territori, l’Italia si
sentì legittimata in base ai trattati del 1902 a muoversi nei confronti della Libia. Nel settembre 1911
il governo italiano inviò un contingente in Libia provocando uno scontro cruento con i Turchi, che
esercitavano sui territori una sovranità poco più che nominale. La guerra si dimostrò più difficile del
previsto, anche perché i turchi l’impostarono sul piano della guerriglia. L’Italia si vide costretta a
rimpolpare il primo corpo di spedizione per fare fronte alle perdite e ad estendere il proprio campo
d’intervento; occupò Rodi e alcune isole del Dodecanneso. Solo nel 1912 con la pace di Losanna, i
turchi rinunciarono alla sovranità sulla Libia, mantenendo solo l’autorità religiosa. L’occupazione,
dal punto di vista economico si rivelò un magro affare: le risorse prime erano scarse e nessuno ancora
aveva ancora scoperto la presenza dei numerosi giacimenti petroliferi. Il successo fu soprattutto di
facciata e l’impresa fu poco più che un moto d’orgoglio; ma non fu immune da critiche. In seno
all’opinione pubblica si vennero a formare due correnti in contrapposizione fra loro:
 gli oppositori: i socialisti, alcuni indipendenti (Salvemini) e i repubblicani, che
manifestarono tutta la loro disapprovazione verso la politica imperialista;
 i sostenitori: intellettuali, borghesi, industriali e conservatori che mischiarono sentimenti
patriottici ad interessi personali ed economici.
Nonostante il successo politico e propagandistico il governo uscì piuttosto malconcio dalla situazione. Il
sistema Giolittiano fu molto scosso favorendo le ali estreme del parlamento. Sia i neoconservatori
imperialisti che i socialisti videro crescere di molto il proprio consenso, introducendo una nuova
situazione d’instabilità politica nel panorama nazionale che ci avrebbe accompagnato sino alla 1° guerra
mondiale.
86 RIFORMISTI E RIVOLUZIONARI NEL PARTITO SOCIALISTA
La svolta liberale di Giolitti d’inizio secolo aveva avuto successo soprattutto su alcuni dirigenti del PSI
(Turati, Treves, Bissolati, Prampolini) che appoggiarono appassionatamente la via delle riforme. Per
consolidare i risultati ottenuti e per mettere in atto le riforme, alla maggioranza giolittiana necessitava
l’accordo con la borghesia progressista. La nuova situazione sembrò dare ragione alle idee di Turati
56
769927308
01/06/17
che vedeva nella via delle riforme con la collaborazione della borghesia l’unica soluzione possibile
per migliorare, almeno nell’immediato, la situazione sociale, incontrò oppositori nel partito.
Gli intransigenti, come (Ferri e Lazzari, in genere i più giovani), proponevano un’opposizione classista
contro i limiti del giolittismo, che rivelavano la vera natura dello stato borghese (repressione dei
conflitti sociali a spese del proletariato). Questi guardavano al modello socialista francese e alla teoria
dello sciopero generale, come esempio da seguire.
Nel congresso di Bologna dell’aprile 1904 i rivoluzionari intransigenti si trovarono in maggioranza e
assunsero la guida del partito e, dopo l’ennesimo episodio di repressione poliziesca di movimenti
operai (l’eccidio di Buggerru, in Sardegna) proclamò per il 9 aprile 1904 il primo sciopero generale
nazionale. Nonostante il risultato organizzativo, mezzo fallimentare, segnò una svolta nella vita
socialista, perché divenne un segno tangibile dell’evoluzione dei movimenti operai, ma se da una parte
questo era segno di nuovo potere acquisito, dall’altro diventava elemento di destabilizzazione da parte
di quell’opinione pubblica che era stata educata ad emarginare i sovversivi socialisti.
Proprio per questo il Giolitti lasciò che le proteste si sedassero spontaneamente. All’indomani della
nuova tornata legislativa, nel Novembre 1904, la sinistra perse parecchie posizioni. Questa sconfitta
portò a un rinnovamento nel movimento, a partire dall’organizzazione strutturale. Nel 1906, nacque la
CGL Confederazione generale dei lavoratori che era saldamente controllata dai riformisti (Rinaldo
Rigola). La componente rivoluzionaria del partito finì con l’essere emarginata, per essere poi espulsa
nel 1907 (quest’ultimi si riorganizzarono nel 1911, nel sindacato l’USI unione sindacale italiana.
Ma anche tra i riformisti si verificarono delle divisioni interne che videro emergere i revisionisti, di
Bissolati e Bonomi. Questi si rifacevano al Labour inglese e proponevano una collaborazione con i
liberali. I revisionisti riprendevano le teorie di Berstein: il partito socialista avrebbe ottenuto il suo
risultato solo con un riformismo diplomatico, disponibile al dialogo con le forze liberali e conservatrici.
Quando la situazione politica interna tornò in crisi per l’impopolarità dell’impresa libica, all’interno del
partito socialista furono in molti ad osteggiare il dialogo con il governo, per questo al congresso di
Reggio Emilia del luglio ’12, i rivoluzionari tornarono a mietere consensi e imposero l’espulsione dei
riformisti dal partito.
Tra i rivoluzionari spiccò per la veemenza e la sanguigna impulsività, Benito Mussolini. Chiamato alla
direzione del quotidiano di partito ”Avanti!” inaugurò un nuovo modo di scrivere, con appelli diretti
alle masse e formule propagandistiche.
87 DEMOCRATICI CRISTIANI CLERICO MODERATI PATTO GENTILONI
Nel panorama di crisi istituzionale d’inizio 900, che evidenziava il rafforzamento delle ali estreme del
Parlamento, diventava indispensabile trovare un contrappeso al rafforzamento del partito socialista. Per
questo il peso dei movimenti di matrice cattolica aumentarono la loro attività.
Il movimento cristiano-democratico era capeggiato da don Romolo Murri, che dopo avere militato tra
gli intransigenti era passato a posizioni più riformatrici. Proponeva una criticava dura allo Stato
borghese e al capitalismo. Il suo operato tollerato dal pontificato di Leone XIII, fu duramente
osteggiato dal successore, Pio X. Il nuovo Pontefice nel 1904, temendo che l’Opera dei Congressi
potesse finire sotto l’influenza del partito, non esitò a scioglierla. Al suo posto creò tre nuove
organizzazioni distinte che in seguito riunirà sotto la Direzione generale dell’Azione cattolica.
Nonostante il conservatorismo del pontefice, nel 1909 prese vita il primo sindacato cattolico, Le leghe
bianche, che vedeva tra i principali artefici don Sturzo, raccoglieva adesioni tra i piccoli proprietari e
mezzadri, ed erano nate principalmente per contrapporsi allo strapotere delle leghe rosse. Preoccupati
per il crescente successo delle idee socialiste, il Papa e i vescovi (con il benestare dello stesso Giolitti)
appoggiarono i movimenti clerico-moderati. Nel 1904, il Papa annullò il non expedit. L’influenza
delle nuove forze clericali fu evidente alle elezioni del 1913, le prime a suffragio universale maschile,
quando Gentiloni (presidente dell’Unione elettorale cattolica) appoggiò i liberali purché il governo
s’impegnasse a portare in Parlamento le richieste cattoliche, tra cui lotta contro il divorzio. Con l’elezione
dei gentilonizzati la separazione Stato Chiesa fu messa definitivamente in discussione, riconoscendo
l’influenza dei cattolici.
88 LA CRISI DI GIOLITTI E L’INTERVENTO NELLA I GUERRA MONDIALE
L’elezione del 1913 vedeva la nascita di un governo indebolito dalle difficoltà di governabilità, per la
convivenza dei gentilonizzati clericali assieme ai socialisti, e ai nazionalisti. Nel maggio’14 Giolitti,
scontento dalla nuova maggioranza, lascia il governo a Salandra della destra liberale, con l’idea
lasciarli a logorare per rifare la propria comparsa una volta esauritasi la situazione di crisi. Ma la grave
situazione economica, aggravata dai costi della guerra di Libia, e istituzionale che vedeva conservatori
contro rivoluzionari inasprì la situazione provocando violente manifestazioni. Una rivolta popolare
57
769927308
01/06/17
antimilitarista, nel giugno 1914, definita la settimana rossa, organizzata in Romagna e nelle Marche da
anarchici, repubblicani e socialrivoluzionari (tra i quali Mussolini) fu sottoposta a dura repressione
poliziesca. Dall’episodio apparve evidente l’inasprimento conservatore dell’esecutivo, il che era
favorevole al il ritorno del Giolitti, ma a sconvolgere i piani intervennero gli eventi che segnarono
l’inizio della prima guerra mondiale che segnò per converso la fine del giolottismo come sistema
capace di fronteggiare le tensioni nate in seno alla nuova società di massa.
A guerra iniziata, il 2 agosto 1914 l’Italia si dichiara neutrale appellandosi al carattere difensivo della
Triplice Alleanza (anche per il mai sopito risentimento anti austriaco). In seno all’opinione pubblica
non mancarono le marcate differenze tra:
 gli interventisti:
o i repubblicani e i radicali;
o i socialriformisti di Bissolati e gli eretici di Corridoni, che vedeva la guerra come mezzo di
rafforzamento sociale e internazionale;
o gli irredentisti di Battisti;
o i nazionalisti (per affermare l’Italia come potenza imperiale);
o liberali conservatori (Albertini, Salandra, Sonnino, ministro degli Esteri nell’ottobre del
‘14),
 i neutralisti:
o Giolitti e i liberali moderati;
o Benedetto XV (non potendo scegliere tra Francia anticlericale e Austria cattolica);
o i socialisti moderati e i riformisti;
o le confederazioni sindacali tra cui la CGL.
Il socialista Benito Mussolini passato repentinamente da neutralista ad interventista fu espulso dal
partito, fondò il giornale “Popolo d’Italia” nel novembre ’14, dal quale incominciò la sua opera di
propaganda in favore dell’intervento. Nel giro di non troppo tempo, il governo si rese conto che restare
neutrali equivaleva a tirarsi fuori dalla politica internazionale. Nonostante l’eterogeneità dei due
schieramenti, gli interventisti potevano vantare elementi comuni molto forti come il sentimento di
rivalsa contro l’Austria e contro la “dittarura giolittiana”. La loro capacità di fare presa sulle folle,
con nuovi strumenti propagandistici li mise in una posizione privilegiata. Ma l’ago della bilancia fu
l’atteggiamento del capo del governo Salandra e del ministro degli esteri Sonnino, appogiati dal Re. Con
contatti segretissimi Salandra-Sonnino firmarono il patto di Londra il 26 aprile 1915 con Francia,
Inghilterra e Russia. Al ritorno in Italia il Parlamento decise di non ratificare gli accordi stipulati,
perché l’operazione diplomatica era avvenuta in gran segreto e senza alcuna discussione
Parlamentare. Salandra presentò le dimissioni, che furono respinte dal Sovrano.
Tale rifiuto del Re dimostrò l’appoggio del sovrano alla politica interventista. Dopo un ennesimo
successo propagandistico nelle piazze, il 20 maggio 1915 il Parlamento votò per l’intervento in guerra
con voto contrario dei socialisti (che non seppero opporsi in modo convincente). Il 23 Maggio 1915 fu
dichiarata guerra all’Austria e il 24 iniziarono le operazioni militari.
89 LO SCOPPIO DELLA I GUERRA MONDIALE CAUSE PROSSIME E REMOTE.
Nel 1914 i rapporti tra le grandi potenze erano tesi :
 Austria-Russia per il predominio nei Balcani;
 Francia-Germania per il revanscismo;
 Germania-Gran Bretagna a causa delle competizione navali e coloniali.
Il punto più delicato dello scacchiere internazionale erano
i Balcani, dov’era acuto il contrasto tra Austria e Russia. La Russia, millantando il ruolo di grande
protettrice delle popolazioni slave, sosteneva la Serbia contro l’Austria, già colpevole
dell’annessione unilaterale della Bosnia (1908). Nella realtà l’intento dei sovietici era l’espansione
verso Ovest, nella penisola stessa.
La scintilla che fece precipitare gli eventi fu l’attentato di Sarajevo del 28 giugno 1914, che portò
all’uccisione del granduca Francesco Ferdinando erede al trono asburgico da parte dell’anarchico
slavo Princip. La reazione del governo austriaco fu di volere dare una lezione alla Serbia, provocando
una reazione a catena che avrebbero coinvolto molti stati europei nel conflitto.
 Fu l’Austria a fare la prima mossa, il 23 Luglio ‘14 inviò un ultimatum alla Serbia;
 Per tutta risposta la Serbia ottenne l’immediato appoggio della Russia.
 L’accettazione solo parziale delle condizioni austriache provocò lo scoppiò della guerra il 28
Luglio 1914 tra Austria e Serbia.
 Il giorno dopo la Russia mobilitò le proprie truppe sul confine occidentale;
 la Germania interpretò le manovre come atto ostile (da tempo soffriva del complesso
d’accerchiamento, rivendicando prestigio internazionale).
58
769927308





01/06/17
Il 31 Luglio 1914 la Germania inviò un ultimatum alla Russia intimandole di smobilitare le
truppe.
la mancata risposta provocò la dichiarazione di guerra tedesca alla Russia il 1 Agosto.
La Francia, fortemente ostile alla Germania (revanscismo), il giorno stesso mobilitò le proprie
truppe alleandosi con Russia e Serbia.
L’iniziativa tedesca di fare partire immediatamente le operazioni militari fece precipitare
definitivamente gli eventi, provocando la discesa in campo della Gran Bretagna che dapprima era
favorevole al non intervento.
Il 5 Agosto l’Inghilterra dichiara guerra alla Germania dopo che l’esercito tedesco invase il
Belgio, neutrale.
90 FASI E VICENDE MILITARI DELLA I GUERRA MONDIALE
Mezza Europa si trovò invischiata nel conflitto dopo la decisione tedesca d’invadere la Francia
passando dal Belgio neutrale. Anche la Gran Bretagna deciderà d’intervenire, intimorita dalla presenza
tedesca nel Mare del Nord.
Il piano tedesco del generale Von Schlieffen prevedeva le azioni su due fronti:
 un fronte, occidentale, contro la Francia;
 Un fronte, orientale, contro la Russia.
Secondo le previsioni tedesche il piano avrebbe dovuto articolarsi con un intervento lampo sul fronte
occidentale, per poi concentrare tutti gli sforzi su quell’Orientale. Ma lo svolgimento fu più
complesso e distinguibile in tre fasi.
Prima fase
FRONTE OCCIDENTALE:
 4 agosto ‘14 la Germania attaccò la Francia passando dal Belgio. Fu modificato sostanzialmente
il modo di combattere. Al suo esordio la Guerra di movimento, permise all’esercito tedesco di
sbaragliare i francesi sino ad attestarsi sulle sponde della Marna, a pochi chilometri da Parigi,
mentre il governo locale s’affrettava a lasciare la capitale.
 6 settembre’14 le truppe francesi, del generale Joffre, sfruttarono lo spostamento di truppe
tedesche sul fronte orientale per contrattaccare, facendo ripiegare i nemici presso i fiumi Aisne
e Somme. Il piano tedesco subì un arresto.
FRONTE ORIENTALE: le truppe tedesche, guidate da Hindenburg, sconfissero i russi nelle
battaglie di Tannenberg e dei laghi Masuri. Certi della superiorità sul fronte francese richiamarono
numerosi rinforzi per riposizionarli ad Oriente.
La guerra si trasformò da guerra di movimento, in guerra di logoramento.
In questo momento altri stati si gettarono nella mischia desiderosi di potere rivendicare vantaggi
internazionali.
 Il Giappone dichiarava guerra alla Germania, in vece del trattato d’amicizia che lo legava alla
Gran Bretagna;
 La Turchia si schierava con la Germania in funzione anti russa.
 L’Italia, dichiarava guerra all’Austria sperando d’ottenere i territori irredenti.
 gli USA si schierarono contro la Germania, in risposta agli attacchi sottomarini che avevano
provocato problemi alla navigazione militare e civile alleata. Gli USA si proposero come
magazzino d’approvvigionamento per armi e viveri.
La situazione di stallo venutasi a creare finì col rafforzare il ruolo strategico dell’Inghilterra, forte
della formidabile flotta e delle risorse dell’impero coloniale.
Seconda fase

Questa fase del conflitto passò alla storia come La Grande Strage (‘15-‘16).
FRONTE ITALIANO.
o ‘15 i militari italiani s’attestarono sull’Isonzo e sul Carso, agli ordini del generale
Cadorna, scontrandosi quattro volte con gli austriaci e capitolando tutte le volte;
o Giugno ‘16 un’altra offensiva austriaca sul fronte italiano (Strafexpedition,
spedizione punitiva). Il nostro esercito colto di sorpresa, batté in ritirata per
riposizionarsi sugli altipiani d’Asiago; combattendo
altre cinque battaglie
sull’Isonzo non riuscì a mutare le sorti del conflitto. L’ennesimo fallimento militare
fece cadere il governo Salandra, in favore di una coalizione nazionale guidata da
Boselli.
59
769927308








01/06/17
IL FRONTE FRANCESE.
Per tutto il 1915, il susseguirsi d’offensive e controffensive non modificò nella sostanza la
situazione provocando solamente un elevato numero di vittime.
All’inizio del 1916 la Germania propose una nuova offensiva. Con la battaglia della
roccaforte di Verdun cercarono di tagliare in due l’esercito francese, ma il costo
dell’intervento fu troppo oneroso anche per i tedeschi che misero a dura prova la loro
macchina militare.
Nel giugno 1916 seguì il contrattacco delle forze alleate sulla Somme, senza però riuscire ad
ottenere ancora risultati significativi, se non quello di mettere in luce l’iniziale incrinatura
della micidiale macchina da guerra teutonica.
IL FRONTE ORIENTALE.
Una serie di successi degli austro-tedeschi provocò la cacciata dei russi dalla Polonia
nell’estate 1915.
La Serbia attaccata dall’Austria e dalla Bulgaria, fu cancellata dalla carta politica
dell’Europa.
Dalla metà del ’16, furono i russi a prendere l’iniziativa riuscendo a recuperare parte dei
territori persi in precedenza.
Intanto la marina inglese attuò il blocco navale nel Mare del Nord. Per evitare l’embargo, la marina
militare tedesca decise di attaccare la flotta inglese. Nella battaglia dello Jutland, i tedeschi persero
clamorosamente. L’episodio segnò la fine delle velleità egemoniche tedesche sui mari.
La svolta
 La vera svolta ci fu nel 1917, allo scoppio della rivoluzione in Russia Con la firma del trattato di
Pace separata di Brest-Litovsk, l’esercito russo si ritirò dal fronte orientale. I tedeschi poterono
così spostare tutte le loro forze sul fronte occidentale.
 Solo allora anche gli USA decisero d’entrare in guerra attivamente.
Intanto la guerra di logoramento aveva ottenuto il suo effetto. Il disagio fra le truppe aveva assunto
spesso le connotazioni degli ammutinamenti, così come anche tra le popolazioni civili si segnalavano
NUMEROSE RIVOLTE.
 Nell’Agosto 1917 si verificò a Torino una manifestazione tumultuosa per la mancanza di pane.
Gli austriaci approfittarono della situazione per attaccare nuovamente: a Caporetto il 24 ottobre ‘17.
Avanzarono in profondità nel territorio italiano ma furono bloccati da un esercito italiano, guidato dal
generale Diaz (succeduto a Cadorna, perché considerato umanamente più adatto alla guida delle truppe)
che aveva trovato motivo d’orgoglio patriottico nell’invasione straniera.
Terza fase


FRONTE ITALIANO.
o Gli austriaci furono respinti da una furiosa difesa italiana sul Piave;
o Il 24 ottobre 1918 L’esercito italiano vince a Vittorio Veneto, il 4 novembre firma
l’armistizio con l’Austria.
IL FRONTE FRANCESE.
o Le forze tedesche tentarono un nuovo affondo forti delle forze prelevate dal fronte
orientale. Riuscirono a sfondare a Saint Quentin e Arras e s’attestarono nuovamente
sulla Marna.
o A metà luglio ‘18, un nuovo attacco tedesco fu respinto dalle forze unificate di
Francia e Inghilterra sulla Marna.
o Agosto ’18 la battaglia d’Amiens arrise all’Intesa.
A questo punto l’invincibilità tedesca appare irrimediabilmente compromessa e la violenta crisi politica
che ne deriverà in Germania porterà il paese alla guerra civile che segnerà la fine del conflitto.
L’11 novembre 1918 a Rethondes, fu firmato l’armistizio tra gli alleati e il nuovo capo
dell’esecutivo tedesco Ebert
60
769927308
01/06/17
91 LE NOVITÀ DELLA GUERRA NUOVI ARMAMENTI MOBILITAZIONE CIVILE
La Prima Guerra mondiale fu estremamente innovativa, furono stravolti tutti gli ambiti dell’arte
della guerra. La parte del leone fu giocata dalla tecnologia che produsse nuovi armamenti sempre più
potenti e sofisticati. Numerose furono le invenzioni che trovarono il loro impiego nel conflitto:
 i primi fucili automatici e le mitragliatrici.
 le nuove e potenti armi chimiche che si proponevano di aggirare il problema delle trincee;
 Auto e mezzi motorizzati d’assalto blindati con placche d’acciaio, per spostare uomini in modo
veloce. Il loro impiego fu limitato dal solo impiego su strada;
 Aerei usati per ricognizione, ancora poco utilizzati perché scarsamente affidabili.
 La radio che consentiva di coordinare il movimento d’interi eserciti.
 Il Carro Armato, sperimentato per la prima volta nel ’16 dagli inglesi, ma utilizzato in pianta
stabile solo dal ’17.
 I sottomarini, punta di diamante della flotta tedesca. Venivano utilizzati come mezzi guastatori,
per affondare le navi cariche di rifornimenti. Fu l’affondamento del transatlantico inglese
Lusitania, che trasportava 140 passeggeri americani e rifornimenti per l’esercito a portare
all’entrata in guerra degli USA.
La produzione bellica, ebbe uno sviluppo spropositato e molte economie mondiali basarono la loro
ripresa proprio su questo settore. Si verificarono enormi interventi statali, così da parlare d’economie
di guerra:
 la maggior parte delle risorse erano dedicate allo sforzo bellico;
 la manodopera sottoposta ad un inquadramento semimilitare.
Lo sviluppo esorbitante delle industri belliche era dovuto al fatto che il cliente principale era lo Stato,
che badava più alla rapidità delle consegne che ai prezzi. L’intervento accentratore si dilatò a tal punto
che interi settori dell’industria passarono direttamente sotto il controllo dello stato.
In Germania, il paese in cui la pianificazione economica raggiunse le sue forme più spinte si arrivò
a parlare di socialismo di guerra. Per attuare questo indirizzo i governi furono costretti a rafforzare
l’esecutivo in vece del legislativo ad allargare a dismisura gli apparati burocratici.
Il potere dei militari all’interno degli esecutivi si rafforzò ovunque, arrivando ovunque a raggiungere
una sorta di dittatura militare:
 in Germania guidata da Hindemburg;
 in Francia da Clemanceau;
 in Inghilterra da Loyde George.
Durante il conflitto anche le popolazioni civili furono investite dallo sforzo produttivo e dalle
trasformazioni che accompagnarono l’armamento. Ovunque fu chiesta la partecipazione attiva della
popolazione, che doveva mostrare entusiasmo e attaccamento al proprio paese. Fu fatto largo uso di
strumenti propagandistici e si attaccarono ferocemente quelle frange pacifiste e moderate che
mostravano disfattismo verso le scelte degli esecutivi. Fu proprio la propaganda, una delle armi più
subdolamente appuntite, usata per fomentare l’opinione pubblica.
Nonostante tutti gli sforzi propagandistici, nei territori segnati dal conflitto, si verificarono episodi
d’insofferenza e frequenti casi d’ammutinamento.
 In Francia il comando dell’esercito fu assunto dal generale Petain, che aveva una concezione
più morbida della disciplina del suo predecessore Joffre.
 In Germania in aprile ci furono diversi scioperi, mentre in maggio alcuni marinai della flotta
tedesca nel mar Baltico ammutinarono.
 In Austria-ungheria i vari stati dell’impero davano segni d’insofferenza ed evidenziavano il
rafforzamento delle rivendicazioni indipendentiste. In seguito alla costituzione di un governo
cecoslovacco in esilio seguì, di lì a poco, una accordo tra serbi, croati e sloveni che per uno
stato unitario degli slavi del sud, la Jugoslavia.
92 LA SVOLTA DELLA GUERRA IL 1917 E LA POLITICA DI WILSON
Nel 1917 accaddero due fatti decisivi per le sorti della guerra:
 la rivoluzione russa di febbraio che provocò il crollo militare-politico dell’esercito zarista.
Dopo la firma della pace separata di Brest-Litovsk i tedeschi poterono spostare tutte le
truppe sul fronte occidentale.
 Il 6 aprile 1917 gli USA entra in guerra contro la Germania (in conseguenza dei reiterati
attacchi sottomarini tedeschi), sollecitato anche dagli eventi preoccupanti che avevano
accompagnato il “vento comunista” della rivoluzione russa.
61
769927308
01/06/17
Il presidente americano si fece promotore della “dottrina Wilson” e del processo di democratizzazione
del mondo, sostenendo la guerra alla Germania per la costituzione d’un nuovo ordine democratico in
un mondo libero.
Nel Gennaio ‘18 pubblicò il documento in 14 punti della sua dottrina:
 L’abolizione della diplomazia segreta;
 la libertà di navigazione;
 l’autodeterminazione dei popoli;
 organismi internazionali per la pace: la SOCIETÀ DELLA NAZIONI.
93 LE RIVOLUZIONE DI FEBBRAIO E OTTOBRE 1917, IN RUSSIA
Nel marzo 1917 (febbraio per il calendario russo) una rivolta di soldati e operai di Pietrogrado portò
alla deposizione degli zar e al governo provvisorio di orientamento liberale, formato da:
 i cadetti;
 menscevichi;
 socialrivoluzionari
I bolscevichi si rifiutarono di prendere parte ad un governo “borghese”. Alla guida dell’esecutivo
andò il principe L’vov, con un programma politico basato sul proseguimento della guerra e
l’occidentalizzazione del paese. La scarsa omogeneità del nuovo esecutivo, unito all’impreparazione
politica della classe dirigente non permise la costituzione di un sistema funzionale. Al potere legale
del governo si era in breve affiancato quello dei soviet (in particolare quello di Pietrogrado), una
sorta di parlamento proletario eletto dai lavoratori.
Il movimento rivoluzionario russo era un fenomeno di massa animato da un entusiasmo enorme alla
ricerca di un’utopia d’emancipazione universale. L’idea di un’autorità centrale era tacitamente
respinta da una popolazione soggiogata per troppo tempo sotto regimi eccessivamente autoritari.
Lenin rientrò a Pietrogrado dalla Svizzera nell’aprile ’17 e divulgò in un documento le sue TESI DI
APRILE redatte in dieci punti. Proclamò ed esaltò la propria condanna alla componente borghese della
rivoluzione e pose il problema della presa del potere da parte del popolo. Riuscì in breve a cavalcare
l’euforia delle masse, contribuendo ad aumentare la spaccatura fra popolazione e socialisti-moderati.
I bolscevichi finirono col prendere il posto dei menscevichi attraverso un’abile manipolazione del
popolo. I primi episodi d’insofferenza si ebbero nel luglio 1917 col fallimento di una rivolta bolscevica a
Pietrogrado. In seguito alle sconfitte militari col Giappone e alla pessima situazione in politica interna, il
principe L’vov si dimise in favore di Kerenskij che, non riuscendo a rovesciare le sorti del conflitto
mondiale finì con l’essere sfiduciato dal suo stesso partito. La situazione di estrema confusione che si
era creata necessitava della figura dell’uomo forte, per questo fu chiamato al potere il generale Kornilov,
che avrebbe dovuto assicurare nuovamente la tranquillità nel paese. Invece, lo stesso generale, tentò un
autentico colpo di stato nel settembre 1917, sventato da una reazione popolare armata dai bolscevichi
e avvallata dalle stesse forze armate. Ad uscire rafforzati dall’episodio furono i bolscevichi, tanto che
alle elezioni dei soviet di Mosca e Pietrogrado raggiunsero la maggioranza. Nuova parola d’ordine di
Lenin fu “tutto il potere ai soviet”.
Lo stallo istituzionale consentì, il 23 ottobre 1917, di rovesciare il governo Kerenskij ad opera del
partito bolscevico. Contrari erano Kamenev e Zinov’ev, mentre Trotzkij si dimostrò favorevole
all’iniziativa. Il 7 novembre 1917 (il 25 ottobre per il calendario russo) soldati e guardie rosse
s’impadronirono del Palazzo d’Inverno a Pietrogrado; contemporaneamente il congresso panrusso dei
soviet (convocato per ufficializzare il colpo di stato) fece passare due decreti proposti da Lenin, secondo
cui:
 ci si appellava ai paesi belligeranti per arrivare ad una pace senza spartizioni territoriali e
senza pagamento d’indennità;
 abolizione immediata senza indennizzo della proprietà privata, assicurandosi in questo
modo l’appoggio del popolo.
Fu istituito un nuovo governo di formazione bolscevica, chiamato Consiglio dei commissari del
popolo. Le opposizioni protestarono violentemente e decisero di puntare tutte le loro carte sulle
imminenti elezioni dell’Assemblea Costituente convocate per novembre. Il risultato delle urne fu una
cocente delusione per i bolscevichi che videro trionfare il partito socialdemocratico(i moderati), ma
non avendo alcuna intenzione lasciare il governo, alla prima riunione usando la forza l’Assemblea
Costituente fu sciolta, rompendo con la tradizione democratica ponendo le premesse per un regime
autoritario.
94 LA TERZA INTERNAZIONALE (L’INTERNAZIONALE COMUNISTA)
62
769927308
01/06/17
Con la rivoluzione d’ottobre (1917) era nato il primo stato socialista, con l’intento di una rivoluzione
socialista mondiale.
Nel marzo ‘18 nasce il Partito comunista bolscevico di Russia, che sancisce la definitiva rottura con le
socialdemocrazie occidentali, colluse con la borghesia.
Nel 1919 Lenin sostituisce la internazionale socialista con la nuova internazionale comunista
(Comintern). La prima riunione, nel marzo del ’19 a Mosca fu un atto formale, visto che la
rappresentatività era quasi un’esclusiva del partito russo, ma si strutturò meglio durante il II Congresso
di Mosca, nel luglio del 1920, cui parteciparono 69 partiti operai di tutto il mondo. Per aderire al
Comintern Lenin propose il documento dei 21 punti secondo cui i partiti:
 dovevano ispirarsi a quello bolscevico;
 cambiare il nome da socialista in comunista;
 rompere con i borghesi e iriformisti;
 impegnarsi a difendere la causa della madre Russia.
Condizioni così estreme suscitarono numerosi dibattiti che portarono a:
 una rete di partiti comunisti sul modello sovietico, con l’intento di fare della RUSSIA il
centro ispiratore del comunismo mondiale
 ma anche gravi lacerazioni nei partiti socialisti europei che portarono a numerose scissioni,
soprattutto dove la struttura istituzionale era più radicata (i bolscevichi rimasero in minoranza
rispetto ai socialisti).
95 COMUNISMO DI GUERRA, NUOVA POLITICA ECONOMICA E NASCITA DELL’URSS
Il governo bolscevico trovò una situazione economica di grave dissesto.
-La socializzazione della terra creò piccole aziende adatte all’autoconsumo;
-l’apparato industriale rimase sotto il controllo dei vecchi proprietari affiancato dai consigli operai.
L’impreparazione politica amministrativa mostrò tutte le carenze mettendo definitivamente in
ginocchio la finanza, riportando il commercio al baratto.
A partire dal 1918 i dirigenti bolscevichi cercarono di reagire con una politica rigorosa elaborando il
comunismo di guerra, con cui realizzarono:
 Istituti per la distribuzione del cibo nelle città;
 incentivi alla realizzazione di comuni agricole volontarie, fattorie collettive (kolchoz e
sovchoz) gestite dallo stato o dai soviet locali;
 nazionalizzazione dei settori più importanti dell’industria.
Lo scopo principale era di centralizzare le decisioni economiche.
Le strutture gerarchiche furono riorganizzate, cercando di utilizzare i vecchi quadri, affiancandoli
con funzionari del partito. Accanto a queste misure ne furono prese altre che cercavano d’introdurre
criteri d’efficienza, creando contrasti con l’indirizzo ideologico e disuguaglianze nei salari.
Col comunismo di guerra i bolscevichi riuscirono solo a rattoppare le emergenze. L’inconsistenza di
un mercato privato favorì lo sviluppo della borsa nera, e la carestia nell’estate 1921, aumentò gli
scontenti in tutto il paese.
La drammatica situazione, vide nel 1921 una ribellione di marinai a Kronstadt, roccaforte bolscevica,
repressa duramente dal governo. Nello stesso mese del 1921, al X congresso del Partito furono
proibite le correnti dissenzienti e abbandonata l’economica di guerra per una nuova scelta più
liberoscambista.
Nacque la NEP, Nuova Politica Economica, che permetteva a contadini e artigiani di vendere i
prodotti in eccesso dopo averne dato la quota spettante allo Stato (una specie d’imposta in natura). Ma
nemmeno la NEP riuscì a ristabilire l’economia, se da una parte portò al raggiungimento di alcuni
risultati, dall’altra causò l’acuirsi di scompensi sociali, come il proliferare dei kulaki, degli
speculatori (nepmen).
Nel luglio del ’18 era stata varata la 1° Costituzione, chiamata “Dichiarazione dei diritti del popolo
lavoratore e sfruttato
Il nuovo stato avrebbe avuto:
 il potere alle masse lavoratrici che esprimevano il loro volere attraverso l’istituto dei soviet;
 carattere federale basato sull’uguaglianza delle singole realtà la possibilità d’inglobare altre,
future, repubbliche sovietiche. Nella zona dell’Europa orientale numerose repubbliche si
unirono alla Russia (Ucraina, Bielorussia, Azerbaigian Armenia e Georgia).
Nel dicembre ’22 i congressi dei soviet delle singole repubbliche decretarono la nascita dell’URSS.
Con la nuova costituzione del 1924 si creava una complessa struttura burocratico-amministrativa che
assegnava il potere al Congresso dei soviet. Nella realtà il potere era esclusivamente nelle mani del
PCUS che gestiva la polizia politica.
La politica era organizzata secondo criteri centralizzati.
63
769927308
01/06/17
Il voto elettivo avveniva su lista unica con voto palese.
96 I TRATTATI DI PACE DEL 1919 E LA SOCIETÀ DELLA NAZIONI
Dopo la 1° Guerra Mondiale, i rappresentanti delle potenze vincitrici si riunirono a Versailles il 18
gennaio 1919 per discutere il nuovo assetto post-bellico; ispirandosi a principi di democrazia e
giustizia della dottrina Wilson.
I principali partecipanti furono:
 Wilson (USA);
 Clemenceau (Francia);
 Lloyd George (Inghilterra);

per l’Italia partecipò il ministro Orlando che svolse un ruolo marginale.
Apparve chiaro da subito la contrapposizione tra due indirizzi:
 una pace democratica caldeggiata da inglesi, americani e italiani;
 una pace punitiva proposta dai francesi, che avrebbe dovuto prevedere l’annientamento
politico ed economico della Germania.
A prevalere fu la linea più moderata che portò a prevedere:
Misure contro la Germania:
 restituzione di Alsazia e Lorena alla Francia;
 Slesia, Pomerania e Posnania a formare il “corridoio polacco”.
 Danzica città libera.
 Divisione tra Prussia occidentale ed orientale.
 Spartizione delle colonie tedesche tra Francia, Gran Bretagna e Giappone;
 Ingenti riparazioni di guerra;
 Abolizione della leva obbligatoria;
 Smantellamento della marina da guerra.
 un limite non superiore alle 100.000 unità per l’esercito con dotazioni delle sole armi
leggere;
 smilitarizzazione della valle del Reno.
Misure di smembramento dell’impero austro-ungarico:
 Austria, rimase più o meno delle dimensioni attuali. Fu sottoposta alla tutela della Società delle
Nazioni;
 Ungheria, privata della regioni slave e delle terre magiare;
 Cecoslovacchia, ricostituita e comprendente la zona dei Sudeti composta da una minoranza di
lingua tedesca;
 Jugoslavia, come confederazione delle repubbliche balcaniche slave;
 Romania, Bulgaria, Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania formarono il “cordone sanitario” ad
arginare il vento rivoluzionario dell’URSS.
Europa:
 L’impero Ottomano scompariva definitivamente dall’Europa, diventando Stato Nazionale
Turco conservando la sola Anatolia;

nel ’21 nasce l’Irlanda, separata dall’Ulster protestante.
Una volta definita la cartina politica europea, occorreva mantenere la pace, per questo fu creata la
Società delle Nazioni, organismo sovranazionale i cui membri dichiararono di rifiutare la guerra come
risoluzione delle controversie, per affidarsi all’arbitrato e alle sanzioni.
Ma il progetto nacque minato in partenza: non aderirono i paesi sconfitti, ma nemmeno la stessa
Russia e gli USA, che pur avendola proposta ricevettero il parere negativo del Senato nel Marzo ’20 (che
porterà alla vittoria dei repubblicani e ad una politica isolazionista).
La Società Delle Nazioni finì per essere egemonizzata da Francia e Inghilterra e non fu capace di
contrastare nessuna crisi che segnò gli anni fra le due guerre.
97 LE CONSEGUENZE SOCIALI ED ECONOMICHE DELLA GUERRA.
La guerra fu la prima esperienza di massa di una nuova società in cui gli uomini erano inseriti in
comunità fortemente strutturate. Durante le operazioni belliche le donne sostituirono agli uomini nel
lavoro in fabbrica. L’industria di guerra provocò un esodo che concentrò nelle città la maggioranza
delle persone, spopolando le campagne.
64
769927308
01/06/17
In questa situazione entrarono in crisi le tradizionali concezioni familiari, le donne non dipendevano
più dagli uomini e la struttura gerarchica della famiglia era messa in dubbio. Nuove abitudini, nuovi
costumi e abbigliamento molto più libero e sportivo.
Le sofferenze del conflitto indussero nella popolazione attese per una ricompensa in risarcimento delle
sofferenze patite. Per questo, il reinserimento dei reduci fu particolarmente spinoso.
Era nata una nuova classe sociale: si svilupparono associazioni di ex-combattenti, che nutriva un
senso di forte cameratismo corporativo e diffidenza verso i politici. Le molte promesse fatte dai
governi, quasi sempre disilluse, provocò , risentimenti che si tramutarono in disordini.
Ma questo fu solo uno degli esempi di un fenomeno più vasto, che metteva in luce la nuova importanza
della MOBILITAZIONE DELLE MASSE per la tutela dei diritti. Quest’aspetto porterà alla
massificazione della politica veicolata da un forte nazionalismo patriottico. Acquistavano così
sempre maggiore importanza le grandi manifestazioni pubbliche che erano l’aspetto più evidente
della partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica.
La situazione di crisi e di scontento aveva portato ovunque esasperazione che porterà alla ricerca di un
ordine nuovo. Varie erano le soluzioni ma si cerarono due principali orientamenti:
 rivoluzionari, che vedevano nella Madre Russia la guida per sottrarsi alla società capitalistica
che aveva portato il mondo ad un conflitto globale;
 democratici che guardavano agli Stati uniti e alla dottrina Wilson come l’elemento di pacificazione
mondiale.
Si delineava quindi, quella contrapposizione ideologica che segnerà la storia del pianeta per tutto
per tutto il XX° secolo.
La guerra portò ovunque gravi ripercussioni economiche, con l’unica eccezione degli Stati Uniti.
Per fronteggiare le spese di ricostruzione i governi si orientarono dapprima all’aumento delle imposte,
poi allargando il debito pubblico, infine sottoscrivendo debiti con gli USA.
Quasi ovunque si verificò un forte aumento inflazionistico che provocò un forte aumento dei prezzi,
così da scaricare il maggiore carico sulle classi più povere, acuendo ulteriormente le tensioni sociali.
Per arginare la crisi economica ci fu un nuovo ritorno al protezionismo e una richiesta generalizzata
d’intervento statale nella gestione economica. La burocrazia acquisto sempre maggiori dimensioni e
importanza.
La politica protezionista e statalista permise di realizzare una forte espansione economica, ma i deboli
presupposti programmatici che la sottesero non riuscirono a evitare una caduta che portò ad una
nuova crisi agli inizi degli anni ’20, che portò tutta l’Europa verso un forte aumento della
disoccupazione.
98 CONSEGUENZE POLITICHE DELLA GUERRA: BIENNIO ROSSO E RIVOLUZIONI IN
EUROPA
L’insoddisfazione soprattutto tra le classi meno agiate provocò nuove ondate rivoluzionarie tra la fine
del ’18 e l’estate del ’20, che accompagnarono l’impetuosa avanzata del movimento operaio
europeo, che ottenne grandi vantaggi dai numerosi successi elettorali dei partiti socialisti:
 aumenti retributivi;

riduzione della giornata lavorativa a otto ore (uno degli obiettivi principale del movimento
operaio).
Ma gli esponenti più radicali dei socialismi non si accontentarono di questi importanti risultati e
arrivarono a mettere in discussione il potere nelle fabbrica e nello Stato, secondo il dogma di: “Fare
come in Russia”. Ovunque si formarono consigli operai con l’intento della rappresentanza diretta.
 Francia e GB, per la loro cultura sociale, riuscirono a catalizzare e contenere l’ondata
rivoluzionaria;
 Germania, Austria, Ungheria e Italia, per il loro conservatorismo storico, stroncarono duramente
le insurrezioni.
L’esperienza sovietica difficilmente avrebbe potuto trovare una sua continuità in un’Europa in cui la
realtà socio-culturale era cresciuta su un capitalismo forte e i su partiti operai moderati inseriti
nelle istituzioni. Cosicché il tentativo d’esportare il comunismo sovietico in Europa aveva radicalizzato
lo scontro tra i rivoluzionari e (social)democratici e fra gli stessi partiti socialisti tra:
 moderati che si proponevano come interlocutori con lo stato borghese e il sistema economico
capitalistico;
 radicali che volevano seguire la strada intrapresa dalla Madre Russia.
Lo interno nel movimento operaio preparò l’avanzata dei conservatori.
In una Germania economicamente stremata regnava l’anarchia. Il governo esercitato da un Consiglio
dei commissari del popolo era presieduto da Ebert e composto esclusivamente da socialdemocratici.
Ma nelle città i veri padroni erano i consigli degli operai e dei soldati, che occupavano aziende e
65
769927308
01/06/17
giornali, in una situazione paragonabile a quella russa, ma con gli eserciti alleati, posizionati sul
Reno pronti a intervenire in caso di rivoluzione.
La situazione riuscì a rimanere in parziale equilibrio perché:
 le classe rurali rimasero sostanzialmente ostili agli agitatori;
 la classe dirigente e l’intellighenzia tedesca era fortemente stratificata nelle diverse classi
sociali. Gli stessi socialdemocratici avevano alle spalle una lunga storia di lotte legali ed
erano sostanzialmente refrattari ad una rivoluzione cruenta, mentre nutrivano grandi
speranze in un processo di democratizzazione.
Per questo si creò una convergenza tra la SPD e gli esponenti della vecchia classe dirigente. Gli
stessi esponenti socialdemocratici individuarono nell’esercito l’unico strumento efficace per
contrastare e impedire la rivoluzione, e per riportare la tranquillità nel paese. Questa linea moderata
portò inevitabilmente allo scontro interno al SPD. Significativa fu la defezione della Lega di Spartaco,
che guidarono masse operaie a scontri armati. Il 5-6 Gennaio 1919 i berlinesi scesero in piazza sotto
l’incitamento degli spartachisti cercarono di rovesciare il governo, che reagì con molta durezza con
squadre volontarie formate da ex-soldati smobilizzati e ufficiali d’orientamento nazionalista e
conservatore. Nel giro di pochi giorni la rivolta fu soffocata e alle elezioni del 19 Gennaio ’19 i
socialdemocratici si riaffermarono come primo partito, ma non riuscendo ad ottenere la
maggioranza assoluta dovettero cercare l’appoggio dei democratico-cattolici. Ebert fu confermato
alla presidenza della nuova Repubblica di Weimar.
La nuova coalizione non riuscì a riportare la calma nel paese, nuovi moti a Berlino prima e in
Baviera poi furono repressi nel sangue. Ne uscì rafforzata l’estrema destra formata da militari
smobilizzati, reinquadrati nei corpi franchi di polizia, squadre che agivano sempre più fuori dal
controllo dell’esecutivo come difensori della tranquillità e garanti della democrazia.
Forti di questo nuovo consenso i vertici della destra ebbero gioco facile nell’accusare i socialdemocratici,
della Pugnalata Alla Schiena, cioè della loro responsabilità nella sconfitta militare in Guerra. Così
alle elezioni del ’20 la SPD fu seccamente sconfitta dai cattolici-democratici.
 Austria si visse una situazione simile a quella tedesca. Furono i socialdemocratici a guidare il
paese dopo la pace di Versailles, mentre i comunisti tentarono senza successo la via della
rivoluzione. Anche qui le elezioni del ’20 videro la vittoria delle componenti cattoliche che erano
ancora molto influenti nelle campagne.
 Ungheria, breve e drammatica fu la vita della nuova Repubblica. I socialisti di Bela Khun si
coalizzarono coi comunisti per organizzare nel ’19 un’esperienza di repubblica sovietica.
Attuarono una dura repressione nei confronti della borghesia e dell’aristocrazia agraria
provocando la dura reazione delle forze conservatrici, guidate dall’ammiraglio Horty
(appoggiate dagli anglo-francesi). Horty s’insediò al potere scatenando un’ondata di “terrore
bianco”, dando vita a un nuovo regime autoritario e poliziesco, guidato dai cattolici e aristocratici.
66
769927308
01/06/17
99 RIVOLUZIONE E MODERNIZZAZIONE IN TURCHIA
La Turchia fu il paese sconfitto a cui fu riservata la sorte peggiore. Ridimensionato territorialmente
anche del proprio nucleo storico con l’occupazione greca di Smirne era vittima di un tentativo di
spartizione tra Francia e Gran Bretagna.
La reazione a questo “svilimento” arrivò dalle forze armate. Mentre le potenze vincitrici trattavano
con il governo fantoccio del sultanato, un’Assemblea nazionale ad Ankara nella primavera del ’20
dava mandato al generale Mustafa Kemal per compiere la guerra di liberazione. Questa sarebbe
durata due anni e avrebbe visto la partecipazione degli intellettuali e di buona parte della borghesia.
Inglesi e francesi preferirono rinunciare alle loro mire e lasciarono la Grecia da solo a vedersela con i
turchi. Tra il ‘21 e il ‘22 l’esercito di Kemal batté ripetutamente l’esercito greco e li costrinse ad
evacuare Smirne.
La Turchia, ottenne la sovranità su tutta l’Anatolia e divenne uno stato nazionale, repubblicano,
laico. Nel novembre ’22 fu abolito il sultanato e nel ’23 proclamata la repubblica con Kemal. Con
l’appellativo di Ataturk=padre dei turchi, divenne presidente e investito di poteri semidittatoriali.
La sua opera s’indirizzò verso un indirizzo di laicizzazione e l’occidentalizzazione del paese. Le cose
procedettero con difficoltà, ma la situazione peggiorò notevolmente dopo la morte di Kemal nel 1938.
100 LA FRANCIA E LA GRAN BRETAGNA TRA LE DUE GUERRE
La fine del pericolo rivoluzionario del biennio rosso coincise con la ripresa dell’offensiva
conservatrice in tutta Europa. I nuovi esecutivi per rallentare la corsa dell’inflazione operarono
tagli sulla spesa pubblica.
In Francia la destra al governo dal’19 con una politica molto conservatrice, fece cadere sulle classi
popolari il peso della ricostruzione. Solo nel ’24 il cartello delle sinistre (radicali e socialisti) vinse le
elezioni e portò al governo il proprio leader Herriot. L’esperimento ebbe una breve durata, perché il
governo non seppe affrontare la crisi economica, accentuata da grosse fughe di capitali verso l’estero. Nel
‘26 la guida del governa fu presa dal leader dei moderati Poincaré (ex presidente della Repubblica)
che cercò d’attuare un risanamento dei conti aumentando ulteriormente le pressioni fiscali. Nonostante
i costi fossero riversati sulle classi più povere, in questo periodo la Francia vide un boom che sviluppò
settori chiave: chimico e meccanico.
Più lenta ed incerta fu la stabilizzazione in Gran Bretagna. L’apparato produttivo si mostrava
invecchiato e incapace di reggere la concorrenza con i paesi di più recente industrializzazione. Il
ristagno economico che ne seguì per tutti i ’20 portò a scontenti. Dal ’18 al ’29 al governo s’insediarono
i conservatori, coalizzati prima con i liberali, poi soli. Lo schieramento bipartitico inglese era ormai
diviso tra conservatori e laburisti.
I governi conservatori arrivarono allo scontro con il sindacato. Nel maggio’26 ci fu uno sciopero dei
minatori, che chiedevano aumento dei salari e nazionalizzazione del settore. Ma governo e padronato non
cedettero.La fine naturale dello scioperò rappresentò una vittoria per il governo, che ne approfittò
per proibire gli scioperi di solidarietà e per abrogare la legge che proponeva l’iscrizione al Labour
di tutti i tesserati alle Trade Unions. Ma la reazione democratica popolare portò i laburisti alla loro
vittoria alle elezioni del ’29. Si formò un nuovo esecutivo Labour con McDonald, destinato ad una vita
brevissima perché travolto dalla nuova crisi economica che colpì dapprima gli USA e poi tutta
l’Europa.
101 LA REPUBBLICA DI WEIMAR.
La Repubblica di Weimar rappresentò un modello evoluto di democrazia parlamentare. In
contrapposizione al clima oscurantista che si respirava nella Germania guglielmina, la grande libertà che
si respirava aveva consentito un rinnovato fermento intellettuale. Molti erano, comunque, i fattori che
contribuivano a indebolire la democrazia e il sistema repubblicano:
 Una notevole frammentazione politica non permetteva la creazione di coalizioni di governo stabili;
 Mancanza di un grande partito, o gruppo, capace di egemonizzare il sistema e di dominare i
rinnovati fermenti di mobilitazione sociale.
L’unica forza in grado d’aspirare a questo era la Spd, riunificato in un partito unico dopo la
confluenza dell’Uspd nell’estate ’22. Forte del sostegno della maggioranza operaia, nonostante la
concorrenza di un forte partito comunista, riuscì a rimanere per un intero decennio il partito
predominante. Il suo limite maggiore, però, fu di non riuscire mai ad allargare la sua base al di là
della classe operaia. Non seppe mai attrarre le classi borghesi.
Le classi medie, che ormai occupavano uno spazio consistente della società tedesca, si riconoscevano
nel Centro cattolico (forte dell’elevato numero dei contadini del Sud) oppure nei partiti della destra
67
769927308
01/06/17
conservatrice moderata, come il Partito tedesco-nazionale o il Partito tedesco-popolare. Un’altra
realtà politica, il Partito Democratico Tedesco, composto prevalentemente da intellettuali, per il suo
intento di conciliazione con le istituzioni repubblicane fu presto emarginato.
In realtà, per i ceti medi, l’età imperiale coincideva con il periodo della tranquillità e di relativa
prosperità, mentre l’età della Repubblica coincideva con la realtà dell’umiliazione di Versailles.
I trattati di Versailles del ’19 segnarono uno dei periodi più infausti. Le riparazioni richieste avrebbero
privato la nazione di un enorme potenziale. L’annuncio dell’entità delle riparazioni provocò numerose
proteste. Il piccolo neonato partito nazista si scagliò contro la Repubblica. Ne nacque un’autentica
ondata terrorista che culminò con l’uccisione del ministro delle finanze Erzberger nel ’21, colpevole
di avere firmato l’armistizio, e del ministro degli esteri Rathenau nel ’22. Nel Novembre ’23 un
gruppo di nazionalsocialisti, capeggiati da Hitler e Ludendorff, cercò d’organizzarsi contro il
governo centrale, ma non ottenendo l’appoggio dei militari fu repressa. Hitler fu arrestato e
condannato al carcere, con la pena scontata solo in parte.
Nonostante questo clima pesante, il governo repubblicano s’impegnò al pagamento delle riparazioni, nel
‘22-’23; a causa della scelta di non aumentare eccessivamente la pressione fiscale, né agire
eccessivamente sulla spesa pubblica, il governo decise per la stampa di molta carta moneta. La manovra
portò all’inevitabile svalutazione del marco e la messa in moto di un processo inflazionistico, il
primo dopo un lungo periodo di prezzi sostanzialmente stabili.
Nel ’23 Francia e Belgio traendo spunto dalla mancata corresponsione d’alcune riparazioni, inviarono le
proprie truppe nei bacini della Ruhr. Impossibilitato alla reazione militare il governo tedesco sollecitò
le popolazioni alla resistenza passiva, imprenditori e operai abbandonarono l’attività rifiutando ogni
collaborazione mentre gruppi clandestini organizzarono attentati.
L’occupazione della Ruhr rappresentò il colpo di grazia per l’economia.
Il marco s’inflazionò ulteriormente provocando una situazione sconvolgente. I possessori di beni reali
(terreni, botteghe commerciali e industri) furono gli unici avvantaggiati dalla situazione che mise in
ginocchio le classi inferiori.
In questo momento drammatico la classe dirigente trovò la forza di reagire, nell’agosto del ’23 il
governo fu allargato ad un’ampissima coalizione comprendente tutti i gruppi costituzionali,
presieduto da Gustav Stresemann, leader del Partito Popolare, dal passato di nazionalista intransigente.
Convinto che per superare la crisi servisse un accordo con le potenze vincitrici, sordo alle proteste della
destra, nel Settembre ’23 ordinò la fine della resistenza passiva e riallacciò i rapporti con la Francia.
Subito dopo proclamò lo stato d’emergenza per fronteggiare meglio la situazione.
Il governo cercò di porre rimedio alla crisi introducendo il RENTENMARK (il marco di rendita) il cui
valore era garantito dai valori reali della Germania, si comportava come un privato che impegna gli
averi per ottenere un credito. Contemporaneamente fu impostata una politica d’estremo rigore che
portò all’aumento della pressione fiscale e alla limitazione della spesa pubblica.
Ma un autentico risanamento sarebbe stato impossibile solo con un accordo con i vincitori. L’accordo fu
trovato nel ’24 sulla base di un piano del finanziere americano Charles Dawes. Il pagamento
avrebbe dovuto offrire una possibilità alla macchina tedesca di riprendere a funzionare. Grazie alle
sovvenzioni statunitensi l’industria tedesca sarebbe presto ripartita.
102 GLI STATI UNITI NEGLI ANNI 20 E LA CRISI DEL 1929
Dopo e durante la Grande Guerra, gli USA avevano consolidato l’egemonia mondiale attraverso la
concessione di numerosi prestiti ai paesi europei, erano diventati la prima potenza finanziaria del
pianeta. Il superamento della depressione fisiologica post-bellica tra il 1920-‘21 segnò l’inizio di un
periodo di gran prosperità. La diffusione delle teorie tayleristiche della produzione in serie e
razionalizzazione del lavoro in fabbrica ci fu un notevole aumento della produttività, seguita da un
aumento della disoccupazione dovuta allo sviluppo tecnologico. Macchine sempre più efficienti
rubavano il posto al personale.
Diversa sorte ebbe il settore dei servizi che subì un’autentica esplosione.
I mutamenti furono così ampi da stravolgere l’organizzazione della vita quotidiana. Divennero d’uso
comune gli elettrodomestici, plasmando la nuova economia standardizzata (vendita di prodotti
omologati su larga scala).
Dal punto di vista politico gli anni 20 segnarono l’incontrastata egemonia del partito repubblicano,
il quale attuò una politica molto conservatrice:
 ridussero le imposte dirette aumentando le indirette;
 mantennero la spesa pubblica a livelli molto bassi sfavorendo così le classi più povere;
 lasciarono decadere le leggi antimonopolistiche favorendo lo sviluppo delle grandi
Corporations;
68
769927308
01/06/17
I presidenti repubblicani costruirono il loro successo sposando la causa dell’affarismo, a spese del
riformismo sociale dei democratici. In questo modo si causò l’emarginazione d’ampie fasce della
popolazione. Si accompagnò a questo un’ondata di xenofobia che investì le minoranze straniere.
Furono varate numerose leggi che limitavano l’immigrazione e la “contaminazione razziale”. Caso
emblematico di quest’ondata xenofoba fu la pena di morte a due anarchici italiani, Sacco e Vanzetti,
accusati d’omicidio e giustiziati nonostante le prove d’innocenza. Inoltre si rafforzò l’ondata di
discriminazione razziale per quelli di colore. Il Ku Klux Klan, diventa un’organizzazione strutturata
la discriminazione.
Anche cattolici ed ebrei erano guardati con diffidenza.
La situazione economica di forte espansione portò ad una grande euforia speculativa. Entusiasmante
fu lo sviluppo della borsa di Wall Street metà privilegiata dei facili guadagni. Ma la realtà si sarebbe
dimostrata ben diversa. La nuova capacità produttiva si dimostrò presto sovradimensionata al
mercato, causando in poco tempo la saturazione dello stesso.
Molti risparmiatori nel 1928 preferirono dirottare i capitali dalla produzione alla speculazione, fra
le concause della grande crisi. Nel 1929 i titoli raggiunsero i livelli più elevati verso il mese di
settembre, dopo di che il mercato saturo e privo di liquidità crollò. La Grande Crisi colpì
indistintamente i possessori d’attività finanziarie, e fece sentire i suoi effetti anche sull’economia
europea che si basava sugli investimenti americani. La situazione mondiale peggiorò perché gli USA,
anziché assumersi le proprie responsabilità di potenza egemone, cercarono di difendere gli interessi
nazionali introducendo elevate tariffe e sospendendo l’erogazione dei prestiti.
Dal ’29 al ’32 la grande depressione fece sentire i propri effetti in tutto il mondo, con l’unica eccezione
dell’URSS, provocando un effetto ping-pong tra calo produttivo e calo dei consumi. In generale vi fu
uno spaventoso aumento della disoccupazione che provocò una grande incertezza soprattutto nelle
classi meno abbienti, che saranno la causa principale dell’avvicinarsi di grandi mutamenti politici.
103 LE CONSEGUENZE MONDIALI ED EUROPEE DELLA CRISI DEL 1929
In Europa al declino delle attività produttive, si sovrappose una grossa crisi finanziaria che si
manifestò dapprima in Austria e Germania che portò al collasso del sistema bancario.
La crisi investì anche le banche inglesi che furono vittime di fughe d’ingenti capitali stranieri. Per
fare fronte a queste richieste, sommate ad altre di conversione delle sterlina in oro, tanto che nel settembre
del 1931, all’esaurirsi delle riserve auree della banca d’Inghilterra, si sospese la convertibilità della
sterlina in oro.
Ad incrementare gli effetti della crisi influì negativamente anche l’impreparazione della classe
dirigente ad un avvenimento di così vaste proporzioni. Quando esplose la crisi, tutti i governi ritennero
di potersi affidare ai principi dell’economia liberale, principalmente il pareggio di bilancio. Per
questo la spesa pubblica fu drasticamente tagliata, accompagnando la manovra ad un aumento delle
imposte dirette. I provvedimenti ebbero com’effetto l’aumento della disoccupazione e un’ulteriore
contrazione della spesa. La crisi durò per quasi tutto il decennio e si appianò solo grazie alla
politica di riarmo che avrebbe portato alla seconda guerra.
In Germania le conseguenze della crisi si fecero sentire più che in ogni altra nazione, anche a causa
della situazione particolare in cui versava la Repubblica di Weimar dopo la fine della Guerra. Il taglio dei
crediti da parte degli USA mise in crisi il governo di coalizione socialdemocratico, provocando un
dissenso insanabile fra SPD e i partiti di centro-destra. Cosicché nel 1930 la guida del governo passò
al leader centro-cattolico Heinrich Bruning, che attuò una politica estremamente rigorosa cercando,
di conclamare al mondo la situazione insopportabile in cui versava il paese. Mentre nel ’32 una
conferenza internazionale ridusse l’entità delle riparazioni e ne sospese il pagamento, la politica del
nuovo cancelliere non riuscì ad allontanare lo spettro della crisi che provocò un aumento smisurato
della disoccupazione.
In Francia la crisi si fece sentire aggravata dall’orgoglio nazionale che aveva ritardato sino al ’37 a
svalutare il franco, provocando una caduta verticale della moneta. I governi di questo periodo furono
estremamente indeboliti dalla situazione economica che lasciava poche possibilità di movimento. Per
questo si successero coalizioni di destra e sinistra a frequenze elevate.
In Inghilterra il governo laburista di Mac Donald tentò di contrastare la crisi con una politica di rigore,
anche con rilevanti tagli ai sussidi. Contrastato duramente dai rappresentanti delle Trade Unions
nell’agosto del ’31 ruppe con il suo partito, per costituire un Governo Nazionale assieme ai
conservatori e ai liberali. Sotto questo governo la Gran Bretagna svalutò la sterlina e abbandonò la
tradizione liberoscambista, alzando barriere doganali privilegiando gli scambi nell’ambito del
Commonwealth.
Così, già nel ’34 l’Inghilterra incominciava ad uscire dalla crisi.
69
769927308
01/06/17
104 ROOSEVELT ED IL NEW DEAL
Quando nel 1932, dopo tre anni di crisi, ci furono le elezioni presidenziali al governo salì il democratico
Franklin Delano Roosevelt. Durante la campagna elettorale, una delle sue armi vincenti, fu la
convinzione della necessità d’instaurare un buon rapporto con le masse e di giocarsi tutto sulla
comunicatività, infondendo nelle masse stesse coraggio e speranza.
Nel discorso inaugurale alla Casa Bianca, Roosevelt annunciò di voler iniziare un New Deal (nuovo
corso) nella politica economica e sociale. Questo si sarebbe caratterizzato soprattutto in un più energico
intervento dello Stato nei processi economici.
Il New Deal iniziò dai primi mesi d’insediamento con una serie di provvedimenti che avrebbero dovuto
contrastare la crisi:
 Fu ristrutturato il sistema creditizio;
 fu svalutato il dollaro per rendere più competitive le esportazioni;
 aumentati i sussidi di disoccupazione;
 furono favorite le concessioni dei prestiti per consentire ai cittadini di estinguere le ipoteche
sulle case.
A questi provvedimenti d’emergenza se n’affiancarono anche di più organici e qualificanti:
 Agricultural Adjustment Act tentò di limitare la sovrapproduzione agricola;
 National Industri Recover Act per impedire gli accanimenti concorrenziali;
 Tennessee Valley Autority, un ente con lo scopo di sfruttare le risorse idriche per la produzione
d’energia elettrica da vendere a buon mercato.
Le scelte di Roosvelt ebbero degli effetti contradditori, per porvi il rimedio il governo potenziò
ulteriormente l’intervento statale, varando vasti programmi di lavori pubblici, nella speranza di
rilanciare la produzione. Parallelamente rafforzò l’impegno nelle riforme sociali, arrivando a varare
una legge che garantiva le pensioni d’anzianità nel ’35 e una nuova disciplina che inaugurava la
contrattazione collettiva.
Con questa politica Roosvelt si guadagnò l’appoggio dei sindacati, che nel periodo si erano
particolarmente rafforzate. D’altra parte il New Deal diedero spazio ad un’ampia coalizione
antiroosveltiana (persino la Corte suprema cercò di bloccare alcune delle Leggi proposte dal
Presidente). Forte della nuova vittoria alle elezioni del ’36 ripresentò le leggi che furono ratificate.
In generale la politica roosveltiana da un lato smentì i dogmi liberisti dimostrando la necessità
dell’intervento statale nell’economia politica, dall’altro non riuscì a conseguire pienamente i risultati
che s’era prefissata. Per superare pienamente la crisi, anche gli Stati Uniti si dovettero imbarcare nella
politica del riarmo, solo abbracciandola sarebbe riuscita a superarla.
105 CULTURA DELLA CRISI ED ECLISSI DELLA DEMOCRAZIA TRA LE DUE GUERRE
MONDIALI
Arti e scienze.
Gli anni della crisi portarono mutamenti profondi per la cultura europea. S’accentuarono fenomeni di
disgregazione e di perdita dell’unità. Le maggiori scuole di pensiero avevano pochi tratti comuni.
Stesso discorso vale per la letteratura e per la musica. Le nuove forme artistiche cercavano sempre di
più la rottura con le forme canoniche, orientandosi verso grandi avanguardie (astrattismo, cubismo,
futurismo e surrealismo). In tutte l’espressioni artistiche compariva una forte critica al
convenzionalismo borghese.
Il panorama letterario fu abbastanza eterogeneo. “La ricerca del tempo perduto” di Proust, “L’Ulisse”
di Joyce, “La montagna incantata” di Mann; grandi capolavori, avevano come unico denominatore
comune un insanabile angoscia.
Tutto lo sgomento e l’angoscia dell’uomo del XX secolo si evidenziano nelle divisioni politiche e
ideologiche che segnano il periodo. La principale contrapposizione ideologica si giocò tra borghesi e
proletari, fra fascismo e democrazia.
Gli intellettuali, che non erano certo nuovi all’impegno politico incominciarono a partecipare in modo
sempre più attivo al dialogo ideologico:
 i liberali avevano i punti di riferimento maggiori in Croce e Mann;
 i socialisti-marxisti gente del calibro di Picasso, Gorkij;
 Gli estremisti di destra in Gentile, Ezra Pounde, Hiddeger.
Parve a molti critici che gli intellettuali si allontanassero dal ruolo di guida delle coscienze per finire
con l’esprimersi come abili propagandisti.
70
769927308
01/06/17
In generale la cultura europea subì un forte colpo dopo l’avvento dei regimi totalitari nel Vecchio
Continente. Se il regime bolscevico eliminò fisicamente molti intellettuali dissidenti, quello nazista li
costrinse all’esilio volontario. Molti di questi, soprattutto ebrei, preferirono emigrare in paesi più
democratici, la metà privilegiata era gli Stati Uniti. Verso la metà degli anni ’30 vi emigrò: Mann,
Brecht, lo psicanalista Adler, il politologo Neumann.
Parallelamente alla realtà artistica, anche nel campo scientifico la situazione di grande frattura aveva
costretto numerose Menti ad emigrare negli States, casi emblematici furono, Fermi ed Einstein.
Politica
Dopo la vittoria dell’Intesa sembrava aver trionfato in tutta Europa la democrazia liberale, con
Repubbliche fondate su istituzioni rappresentative. Ma la crisi economica che imperversò ovunque,
portò nel giro di poco tempo, all’instaurazione di regimi auto-totalitari che misero in crisi
quest’indirizzo. Questo fenomeno fu imputato all’immaturità delle classi dirigenti a sostenere il
dopoguerra. E il fenomeno, dapprima sottovalutato, mostrò tutto il suo potenziale con l’ascesa fulminea
del nazismo, ancor più che del fascismo.
La crisi economica convinse l’opinione pubblica dell’inadeguatezza del sistema liberaledemocratico. L’unica alternativa alla “debolezza” liberale era individuata nella scelta autoritaria,
sia fascista, che comunista.
Il principio di fondo era che la democrazia consentiva la partecipazione popolare alla vita pubblica ma
non riusciva a garantire la stabilità economica e la tranquillità. In un Europa segnata dalla guerra e
dalla crisi, mal si sposavano i nuovi desideri di rivalsa dei popoli che si vedevano fortemente limitati
dall’arrendevolezza democratica. Non era di certo finito il periodo dell’orgoglio nazionale e delle
storture del pangermanesimo o del pansalavismo.
I neonazionalisti facevano leva sul sentimento di rivalsa delle popolazioni mirando a sobillarle ed
esaltarle contemporaneamente.
In Europa il fenomeno si tramutò in un susseguirsi di successi dei regimi autoritari in Spagna, Italia e
Germania.
Il Fascismo (così sintetizzato come movimento ideologico comune a tutti i regimi europei) non si
presentava come un movimento antirivoluzionario, in contrapposizione al comunismo sovietico, ma
come un movimento rivoluzionario a se stante. Rivoluzionari erano i sistemi con cui aveva raggiunto il
potere, ma soprattutto il desiderio di sovvertire l’ordine politico per erigerne uno completamente
nuovo.
Anche in economia il fascismo si proponeva d’utilizzare un sistema completamente nuovo capace di
superare l’anarchia del sistema capitalistico. Nella realtà l’innovazione che riuscì a portare fu solo
nella riscrittura dell’organizzazione del potere, in modo fortemente gerarchicizzato e centralizzato.
Un inquadramento forzato della popolazione e un rigido controllo sulla cultura e informazione.
Le prerogative primitive del nazismo e del fascismo furono di man in mano lasciate cadere, rimase solo la
soppressione della dialettica, delle libertà sindacali e il rafforzamento dell’intervento statale
nell’economia.
Nonostante tutti questi lati negativi, la terza via fascista, esercitò una notevole attrazione sulle
popolazioni mondiali. Particolarmente affascinati furono gli strati intermedi che da sempre
aspiravano al salto di qualità che vedevano auspicarsi abbracciando la causa, mentre sostanzialmente
scarso fu il successo nelle classi operaie. La grande borghesia, invece, abbracciò il fascismo più per
calcolo utilitaristico che per convinzione ideologica, mirava ad utilizzarlo non cessando mai di
temerlo.
La sensazione di appartenere ad un gruppo, di riconoscersi in un capo e la convinzione di essere inseriti
attivamente in una struttura in base ad un merito furono elementi eccezionalmente attraenti, che
formavano una sorte di protezione all’anonimato provocato dal processo di massificazione.
Il fascismo ebbe il grande merito di capire e aggirare le richieste delle masse popolari, riuscendo a
sfruttare a proprio favore quelle componenti violente ed aggressive che ne caratterizzavano le
frustrazioni.
Quest’ultima caratteristica rappresentava un aspetto comune sia al fascismo che al comunismo. Questo
desiderio comune di dominare totalmente le masse fu identificato con il termine totalitarismo.
106 LA CRISI DELLA REPUBBLICA DI WEIMAR E L’AVVENTO DEL NAZISMO
La grave crisi economica aveva lasciato un solco profondo nella società tedesca e indebolito la
Repubblica di Weimar, cosicché alle elezioni del ’25 la coalizione di centro perse voti in favore delle
ali estreme.
Salì alla cancelleria il generale Hindemburg ex-capo dell’esercito imperiale.
71
769927308
01/06/17
Ma fino ad allora l’ideologia aggressiva e ultranazionalista di Hitler trovò poco spazio, ma le cose
mutarono all’arrivo della grande depressione.
Il popolo tedesco stremato e ridotto alla fame incominciò ad incoraggiare le forze estremiste e
nazionaliste:
La Destra (esercito, industriali e alta borghesia) si sentì sciolta dai vincoli di lealtà verso le istituzioni
rappresentative.
A Sinistra settori consistenti si staccarono dalla socialdemocrazia per convergere nelle frange
comuniste, pronte ad una rivoluzione bolscevica.
In questa bagarre il nazismo riuscì ad uscire dall’isolamento facendo leva sulle:
 frustrazione della borghesia e dei ceti medi;
 paura della disoccupazione per le classi inferiori.
L’agonia della repubblica di Weimar cominciò nel settembre 1930, quando alle elezioni i nazisti e i
comunisti conobbero un consistente incremento di voti, decretando il rafforzamento dei partiti
antisistema.
Il governo democratico proseguì stentatamente per altri due anni, ma quando nel ‘32 la crisi
economica raggiunse l’apice (forte caldo di produttività, forte incremento della disoccupazione) le
fila naziste fecero fare proseliti e le città divennero teatro di scontri violenti tra nazisti e comunisti.
Nel ’23 quando aveva tentato un colpo di Stato in Baviera, Hitler, era lo sconosciuto capo del
minuscolo Parito Nazionalsocialista dei lavoratori tedeschi. Il documento programmatico del partito
era piuttosto confuso e per molti è singolare come in poco tempo riuscì a diventare uno degli uomini più
potenti e temuti dell’Europa d’inizio millennio.
Fino al ’29 il partito, ribattezzato, nazista rimase una formazione minoritaria e marginale: si
autocollocava al di fuori della legalità e utilizzava metodi violenti contro gli avversari politici, basando
la sua forza su un’organizzazione armata paramilitare le SA (Sturm-Abteilungen - Reparti o squadre
d’assalto) comandate dal capitano Rhm formate da ex-combattenti della Grande Guerra.
Dopo il tentativo di Monaco, Hitler cercò di dare un volto più rispettabile al partito, riuscendo ad
assicurarsi il sostegno finanziario d’alcuni industriali.
Nel 1932 furono indette nuove elezioni. Per sbarre la strada a Hitler, i partiti democratici
appoggiarono il candidato Hindenburg, l’unico capace di catalizzare i voti di parte della destra.
La vittoria di Hindemburg vide anche l’affermazione del partito nazista che ricevette il 37% dei
voti. Cosicché per potere governare, il vecchi generale non seppe fare di meglio che spostare il timone
verso destra. E alle elezioni successive, nel novembre ’32, i nazisti diventarono il primo partito.
I conservatori credevano d’avere ingabbiato Hitler, quando il 30 gennaio 1933, lo nominarono capo
di un governo in cui i nazisti avevano solo tre degli undici ministeri.
L’occasione per consolidare il regime fu poco dopo l’insediamento.Per un oscuro incendio al
Parlamento (Reichstag), fu arrestato uno squilibrato olandese reo d’essere comunista. L’episodio
fornì la scusa per una violenta ondata repressiva anticomunista. Furono adottate delle misure
speciali di limitazione delle libertà di stampa e di riunione.
Nelle elezioni successive, del Marzo’33, i nazisti mancarono la maggioranza assoluta ma si
consolidarono ulteriormente. Il Parlamento votò allora una legge suicida che permetteva a Hitler di
legiferare e di modificare la costituzione. I socialdemocratici, intimoriti dall’arresto in massa dei
comunisti, preferirono usare prudenza così da formare una seppur debole opposizione. Ma la mossa
si rivelò infruttuosa perché la SPD fu sciolta in quanto giudicata rea di “alto tradimento”. Una sorte
non molto migliore toccò a quei partiti che avevano assecondato il nazismo. Il partito tedesconazionale si sciolse su pressione di Hitler. Nel Luglio ’33 fu varata la legge con cui si decretava che il
Partito Nazista era l’unico legale consegnando la Germania al Partito Nazista. A questo punto
rimanevano due ostacoli all’unificazione del potere per Hitler:
 l’ala estremista del partito, del capitano Rhm, poco disposta a sottomettersi ai poteri legali;
 La vecchia destra di Hindenburg e dei capi dell’esercito che chiedeva il rispetto della
gerarchia delle forze armate.
Hitler già da qualche tempo aveva incominciato a temere le SA per la loro autonomia, aveva creato la
sua milizia personale, le Schuts-Staffeln, le SS. Si servì di questa per muoversi nel modo a lui
congeniale facendo inorridire il mondo. Nella notte del 30 Giugno 1934, passata alla storia come “la
notte dei lunghi coltelli” le SS assassinarono il capitano Rhm e lo stato maggiore delle SA, nonché
altri personaggi che gli erano scomodi. La contropartita chiesta ed ottenuta dalle forze armate per la testa
di Rohm, fu la candidatura alla successione di Hindenburg, cosicché gli ufficiali delle forze armate
avrebbero dovuto giurare fedeltà a Hitler e quindi al nazismo
Si trovò insignito delle cariche di Cancelliere e Capo dello Stato, e nel Febbraio ’38 Hitler assunse
anche la carica di comandante supremo delle forze armate, cumulò tutti i poteri dello stato.
Nel 1938 nasceva il Terzo Reich o terzo impero.
72
769927308
01/06/17
107 I CARATTERI DEL TERZO REICH: IDEOLOGIA, REPRESSIONE, CONSENSO
Ideologia
L’ideologia nazista fu esposta nel libro Mein Kampf (La mia battaglia), scritto negli anni della galera,
destinato a diventare una sorta di bibbia dei nazisti, era composita ma chiara e verteva
principalmente su:
 fervente nazionalismo;
 concezione razzista. Darwinianista convinto, millantava l’esistenza di una razza ariana
superiore che avrebbe dominato le altre;
 persecuzione antisemita, necessaria per realizzare il sogno del dominio ariano sul mondo.
Era necessario schiacciare i propri nemici, primi fra tutti gli ebrei, ritenuti responsabili della
dissoluzione morale, delle speculazioni finanziarie e della nascita del bolscevismo.
Il programma del partito si sarebbe concentrato su:
 la denuncia del trattato di Versailles;
 la riunificazione in una Grande Germania delle popolazioni tedesche;
 la fine del parlamentarismo corrotto;
 la lotta al bolscevismo;
 lo stermino degli ebrei.
Il piano nazista prevedeva di respingere le imposizioni di Versailles. Riunificate le popolazioni
tedesche sotto un’unica nazione prima di cercare lo “SPAZIO VITALE” necessario recuperando i
territori persi nella guerra prima di espandersi verso Est. Il desiderio espansionistico verso Est
proponeva il nazismo hitleriano come naturale avversario del comunismo bolscevico.
Offrendo la prospettiva di una grande nazione, Hitler, riuscì a rassicurare il popolo tedesco,
assicurando l’ordine pubblico, e ad esaltare gli animi. L’adesione al nazismo offriva la possibilità di
fare parte di un gruppo d’eletti.
Nel regime si realizzava il FUHRERPRINZIP (Principio della guida) per cui:
 un solo capo, fornito di quel potere che Max Weber definì carismatico, fonte suprema del
diritto ed espressione dell’aspirazioni del popolo;
 al capo spettavano le decisioni i meriti e le responsabilità;
 il rapporto tra Fuhrer e popolo doveva essere diretto, col solo tramite del partito.
Furono istituiti organismi secondari col compito simbolico d’associazioni sindacali (Fronte del lavoro)
ed educative per i giovani Hitlerjunged (gioventù hitleriana).
 Il loro compito era di inquadrare totalmente la popolazione nella “Comunità di popolo”,
dalla quale erano esclusi:
 i non ariani stranieri;
 gli antinazisti e antinazionalisti;
 e soprattutto gli ebrei.
Persecuzione degli ebrei
Gli ebrei tedeschi erano una minoranza concentrata nelle grandi città, occupavano le classi medio-alte
della scala sociale, detenendo posizioni di prestigio nella finanza e negli affari. La propaganda
antisemita gli scaricò addosso le colpe della crisi.
Numerose forme di costrizione si verificarono già all’inizio degli anni ’30, ma la discriminazione vera e
propria fu sancita dalle Leggi di Norimberga del Settembre ’35, che tolsero agli ebrei la parità dei
diritti ed impedirono i matrimoni con gli ariani. Molti ebrei decisero d’abbandonare la Germania,
prima che la politica si tramutò in autentica persecuzione nel 1938, quando i nazisti organizzarono un
gigantesco pogrom - “La notte dei cristalli”- (per le numerose vetrine di negozi infrante durante). La
spirale di violenza continuò ad acuirsi fino a raggiungere negli anni della guerra all’estremo della
“soluzione finale”.
Opposizione al Regime
Fino alla sconfitta in guerra il regime nazista poté operare quasi senza opposizione. I nemici politici
erano destinati a fini violente:
 i comunisti sterminati;
 i socialdemocratici ghettizzati.
I cattolici preferirono adattarsi al regime, appoggiati anche dalla Chiesa di Roma che nel ’33
stipulò un concordato con il Fuhrer. Nel ’39, però, il pontefice Pio XI condannò le violenze
antisemite con un’enciclica in lingua tedesca, ma non fu seguita da alcuna scomunica.
73
769927308
01/06/17
Paradossalmente i pericoli maggiori per il nazismo vennero da quei gruppi conservatori con cui i
nazisti s’erano coalizzati nel ’29, che lavorando dall’interno, avrebbero sabotato il regime sino ad
attentare alla vita del Fuhrer.
La debolezza dell’opposizione al nazismo è dall’efficienza dell’apparato repressivo. Le molte polizie
politiche (SS e Gestapo) controllavano capillarmente il territorio. I campi di concentramento –
lager - che furono allestiti dai primi degli anni ’30 erano un ottimo deterrente per gli oppositori.
Forme di consenso al regime
Il consenso che ottenne il nazismo era in gran parte dovuto ai successi hitleriani in politica estera.
Smontando la costruzione di Versailles e riportando la Germania al rango di grande potenza
europea Hitler stimolò l’orgoglio nazionale e fece provare il gusto della rivincita.
Un altro motivo di consenso fu la ripresa economica, basata principalmente sul riarmo, sulla
costruzione di infrastrutture e sui lavori pubblici, che dal ’33 ridiede ossigeno al sistema. La
disoccupazione calò rapidamente sino ad annullarsi alla vigilia della guerra. Per favorire lo sviluppo
industriale il fuhrerprinzip fu adottato nelle imprese, dove il proprietario era l’unico titolare delle
scelte (anche se agli operai furono riconosciute delle tutele.
Il mito della razza occupò un posto centrale nella ricerca del consenso, riuscendo a toccare le corde più
profonde dell’animo popolare. L’utopia reazionaria ruralista che proponeva il nazismo fatta di un
popolo d’uomini sani e belli, legati alla loro terra e organizzati in una struttura patriarcale di contadiniguerrieri liberi dagli orrori della civiltà capitalistica (che strideva non poco con l’industrializzazione per il
riarmo); s’innestava abilmente in una cultura ancora legata al romanticismo ottocentesco, per cui fu
fondamentale la propaganda.
La Germania fu il primo paese in cui fu istituito un Ministero della Propaganda, affidato all’abile
Joseph Goebbels che divenne uno dei principali centri di potere del regime. Stampa, intellettuali e
sistemi di comunicazione e d’istruzione furono strettamente controllati. Grande spazio fu affidato ai
nuovi media :televisione ei cinematografi. La propaganda era organizzata in cerimonie spettacolo,
sfilate militari, grandi esibizioni sportive, adunate di massa che terminavano spesso con discorsi
d’alti dirigenti politici o dal Fuhrer stesso. La preparazione era maniacale perché lo spettacolo doveva
colpire l’immaginazione e portare in sé un che di rituale ed esoterico da fare sembrare il nazismo una
religione laica.
108 LO SVILUPPO DELL’UNIONE SOVIETICA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI
Negli anni dell’avanzata del fascismo e del nazismo molti intellettuali guardarono con interesse e
speranza all’Unione Sovietica. Il paese dell’est cercava di proporre una nuova società basata sui
valori del socialismo, e si presentava come l’estrema riserva al pericolo nazi-fascista.
Mentre in tutta Europa la grande crisi aveva messo in ginocchio le economie dei paesi capitalistici, l’Urss
si rendeva protagonista di un gigantesco sforzo d’industrializzazione, anche in virtù anche del proprio
isolamento economico. La decisione di bruciare i tempi fu presa da Stalin nel ’28, ponendo fine
all’esperienza della NEP (nuova politica economica). Stalin aveva capito che solo attraverso lo sviluppo
dell’industria pesante, il paese avrebbe potuto superare la crisi e sarebbe diventata una potenza
mondiale. Per operare con la massima efficacia era necessario il totale controllo statale dell’apparato
produttivo.
Il primo ostacolo all’economia industrializzata completamente collettivizzata ed si trovò nei kulaki (i
facoltosi proprietari terrieri), che scontenti per l’interesse dedicato all’industria osteggiarono il
governo. Per questo furono soggetti a misure restrittive e continui controlli. Dopo avere capito
l’inefficacia delle misure, nel ’29 Stalin proclamò la totale collettivizzazione della terra, cercando
d’eliminare i kulaki. L’operazione provocò una forte discussione nel partito; contro Stalin si schierò
Bucharin forte del convincimento che fosse controproducente spezzare l’alleanza tra operai e
contadini. Il risultato fu un’ennesima ondata repressiva che riuscì ad eliminare gli oppositori.
Così fu realizzata la collettivizzazione, chi rifiutò le requisizioni fu considerato “nemico del popolo”.
Milioni di contadini e d’oppositori politici furono deportati in Siberia. Quella in URSS tra il ’29 e il
’33 fu una rivoluzione dall’alto. I costi economici dell’operazione furono altissimi e risultati disastrosi
a causa dell’impreparazione di cui era ancora vittima la classe dirigente; ma nella seconda metà degli
anni ’30 la situazione andò a regolarizzarsi.
Ma il vero sforzo politico economico si concentrò sull’industria.
 Il primo piano quinquennale, varato nel ’28, fissava obiettivi tecnicamente impossibili, ma la
crescita del settore si sviluppò ad un ritmo che nessun paese capitalistico aveva conosciuto
fin allora.
 Il secondo piano quinquennale, nel ’33, confermò i precedenti progressi.
74
769927308
01/06/17
L’eco dei successi si diffuse presto al di là dei dell’URSS, galvanizzando i comunisti di tutto il mondo.
Anche socialdemocratici e laburisti espressero apprezzamenti alla politica sovietica. Il tentativo
dell’URSS aveva qualcosa d’eroico, non era mai successo che un paese riuscisse a triplicare la
produzione nel giro di un decennio mentre la crisi attanagliava tutto il mondo.
Meno noti furono i costi umani con cui l’operazione fu finanziata.
109 STALIN E LO STALINISMO
Sorretto da un imponente apparato burocratico, ma anche dal consenso degli operai, Stalin finì con
l’assumere il ruolo del capo carismatico dell’URSS. Il suo sistema di governo non era molto diverso
dagli altri dittatori d’ideologia opposta. Era il padre e la guida di tutti i sovietici e l’unico depositario
della dottrina marxista.
Per questo, ogni critica assumeva i caratteri del tradimento e le stesse attività culturali dovevano
ispirarsi alle sue direttive. Fu introdotta una rigida censura in tutte le attività di comunicazione e di
pedagogia, riportate entro i canoni del cosiddetto realismo socialista. La storia fu riscritta per mettere
in luce Stalin e sminuire Trotzkij e gli altri oppositori.
Parte del successo è da attribuire ai suoi risultati economici. Questo fu consentito dal clima d’entusiasmo
ideologico che era riuscito ad inculcare nelle popolazioni, così da fargli sopportare sacrifici
pesantissimi. Gli operai furono sottoposti ad una disciplina semimilitare, ma anche stimolati da incentivi
sulla produttività (in contraddizione con i principi socialisti). Gli operai che si distinguevano ottenevano
promozioni e potevano aspirare ad essere insigniti del titolo di “eroi del lavoro”. Si sviluppò uno spirito
competitivo che vide il caso singolare di un minatore del Don, Aleksej Stachanov, diventato famoso per
avere estratto in una notte un quantitativo di minerali esageratamente superiore al normale.
Il successo dell’ideologia stalinista è contraddittorio. Molti l’imputarono alla tradizione centrali sta e
autoritaria del regime zarista, altri la hanno ridefinita come una forma di dispotismo industriale; altri
ancora lo bollarono come una deviazione di destra della rivoluzione. Ma lo stalinismo è un fenomeno
profondamente inserito nella storia della Russia, ma inseparabile dall’esperienza traumatica che fu
l’industrializzazione forzata.
Stalin portò agli eccessi alcune premesse autoritarie che già esistevano in Lenin, ma con una
spietatezza ancora sconosciuta. Prima emarginò, poi sterminò gli oppositori politici, alternando
deportazioni e “grandi purghe”.
Ancor peggiore fu la sorte di coloro che furono sottoposti a pubblici processi, in cui gli imputati erano
condannati con prove inventate e giudizi sommari. In questo modo furono eliminati tutti gli oppositori
storici: da Zinov’ev a Kamenev, ma anche stretti collaboratori di Stalin inghiottiti dalla macchina del
terrore ormai fuori controllo. Lo stesso Trotzkij che dall’estero aveva continuato la sua crociata
antistaliniana fu ucciso da un sicario del dittatore in Messico nel ’40. Le grandi purghe e i processi
provocarono un’ondata d’impressione in Occidente, ma nel complesso gli europei rimasero sempre più
attenti e preoccupati del fenomeno nazifascita. Quest’ultimo motivo potrebbe anche spiegare le
motivazioni per cui in Occidente si prestò meno attenzione all’URRS, perché gli si attribuiva il
compito d’unica potenza capace di opporsi al nazismo.
75
769927308
01/06/17
110 I FRONTI POPOLARI
L’avvento al potere di Hitler diede un duro colpo all’equilibrio internazionale.
Ma intanto il fronte antinazista trovò un nuovo ed insperato sostegno nell’Unione Sovietica che fino
ad allora era rimasta isolata dalla politica internazionale. La paura di Hitler aveva indotto Stalin a
modificare la propria politica estera consigliandolo d’entrare a fare parte della Società delle
Nazioni nel 1934 e a stipulare un accordo militare con la Francia nel ’35. La scelta sovietica provocò
un forte contraccolpo in tutti i partiti comunisti europei, che decisero di abbandonare la
contrapposizione frontale con i partiti borghesi e ancor più con le socialdemocrazie moderate. La
nuova parola d’ordine era diventata ormai la lotta dichiarata al nazifascismo. Per facilitare
quest’operazione fu auspicata la nascita DEI FRONTI POPOLARI per appoggiare i governi
democratici decisi a combattere gli estremismi di destra.
La politica dei fronti popolari fu il risultato di una pressione unitaria della base operaia europea
spaventata dalla minaccia incombente.
Il fenomeno fu particolarmente sentito in Francia, dove la corruzione istituzionale aveva incrinato la
fiducia popolare favorendo lo sviluppo dei movimenti filofascisti. La reazione fu di una ricompattazione
socialista-comunista che diventerà anche sopranazionale. Il solo risultato che riuscì comunque ad ottenere
fu di permettere alle sinistre di tornare al governo nelle nazioni europee rimaste democratiche.
Nel ’36 una coalizione di Fronte Popolare vinse le elezioni in Spagna, lo stesso successe poco dopo
anche in Francia dove al governo fu insediato il socialista Blum, che trovò scarsissimo successo.
111 LA GUERRA DI SPAGNA
Tra il 1936 ed il 1939 la Spagna fu sconvolta da una drammatica e guerra civile, uno scontro tra
democratici e fascisti, rivoluzionari e conservatori. In un momento di forti tensioni, la guerra civile
contribuì ad acuirle.
La Spagna degli anni ‘30 era un paese segnato da una grande crisi economica, arretrato e
prevalentemente agricolo, dove qualsiasi tentativo riformatore si scontrava con l’ottusità di un ceto
dominante conservatore. Per contro le tendenze del proletariato, fortemente influenzate da un potente
sindacato, non poterono che manifestarsi in un indirizzo sovversivo e antistatale. L’aristocrazia
terriera faceva sentire il suo peso possedendo il 40% delle terre e un forte legame con la chiesa.
La Spagna era quindi dei i paesi in cui la frattura fra conservatori e riformatori era più evidente.
Quando nel ‘36 una coalizione di Fronte popolare con la presenza di socialisti e comunisti, si affermò
alle elezioni, la tensione esplose in tutto il paese. Le masse popolari vissero l’episodio come l’inizio di
una rivoluzione sociale e rivolsero tutta la loro collera contro i grandi proprietari terrieri, i nobili e il
clero. La reazione conservatrice si tradusse nella violenza squadrista della Falange fascista, che portò in
breve tempo ad un colpo di stato dei militari. Alcuni reparti, guidati dal generale Francisco Franco,
occuparono alcuni territori della Spagna Occidentale, ma le sorti del conflitto parvero arridere ai
repubblicani che riuscirono a tenere la Capitale e la parte più industrializzata del paese. Ciò che fece
determinò il cambiamento di rotta fu il comportamento delle altre potenze europee. Mentre le
nazioni fasciste, Germania e Italia aiutarono massicciamente i franchismi (Mussolini inviò un
contingente di volontari e materiale bellico, mentre Hitler sperimentò le sue nuove armi), Nessun
aiuto arrivò invece dalle potenze democratiche. L’unica eccezione fu URSS che favorì le Brigate
Internazionali, reparti volontari di antifascisti. Ma l’appoggio ai franchisti fu enormemente superiore a
quello dei repubblicani.
Lo scontro fu anche l’occasione per molti di dare sfogo alle proprie pregiudiziali ideologiche: comunisti
contro fascisti.
A sferrare un colpo mortale ai repubblicani furono le divisioni interne. Mentre i conservatori
affidando a Franco il titolo di Caudillo, l’equivalente di Duce e Führer, riuscirono a compattarsi in
un’unica entità: la Falange Nazionalista, il Fronte popolare vedeva l’abbandono della ricca
borghesia spaventata dagli eccessi degli anarchici.
All’interno dei repubblicani c’era una doppia divisione:
 Ideologica, che opponeva i moderati ai rivoluzionari;
 Militare, che vedeva l’insofferenza degli anarchici alla disciplina. La tensione sarà
particolarmente acuta nel ’37 quando a Barcellona gli anarchici si scontrarono, armi in
pugno contro i repubblicani.
Da un punto di vista strettamente militare quest’ultima divisione fu quella che fece pendere l’ago della
bilancia in favore dei franchisti, che nel ’38 riuscirono a spezzare l’esercito repubblicano e
conquistare Madrid nel 1939.
Tre anni di guerra civile lasciarono il paese in una situazione drammatica.
76
769927308
01/06/17
112 LA CRISI INTERNAZIONALE DEGLI ANNI TRENTA
Nel ’33 il governo nazista decise di ritirare la propria delegazione dalla Conferenza Internazionale
di Ginevra, dove si cercava un accordo sulla limitazione degli armamenti, seguita a breve dal ritiro
dalla Società delle Nazioni, così da destare preoccupazioni in tutta Europa. Quando nel ’34 i gruppi
nazisti cercarono di prendere il potere con la forza in Austria, lo stesso Mussolini schierò l’esercito sul
confine. Hitler non ancora pronto per una guerra fece marcia indietro. Nel ’35 quando i nazisti
reintrodussero la coscrizione obbligatoria, in barba al trattato di Versailles, Italia, Francia e
Inghilterra condannarono il riarmo alla conferenza di Stresa. Fu questo l’ultimo episodio d’intesa fra
le tre nazioni europee, pochi mesi più tardi l’Italia aggredendo l’Etiopia rompeva il fronte con l’Intesa
avvicinandosi alla Germania.
Alla crisi politica seguì una crisi economica generale.
 In Inghilterra fu favorito anche dai conservatori che, dal ’37 sotto la guida Chamberlain,
applicarono la politica dell’appeasement. Il presupposto di “ammansire” Hitler,
accontentandolo nelle sue richieste più “ragionevoli”. Riconoscendo alla Germania alcune
rivendicazioni sul trattamento subito a Versailles. L’indirizzo politico fu abbracciato
dall’opinione pubblica inglese ancora scossa e segnata dagli effetti della prima guerra mondiale e
poco convinta dell’equità del trattato di pace. Ma non mancarono esigue minoranze di
conservatori contrari, capeggiati da Wiston Churchill, che sostenevano la necessità
d’opporsi con forza al gerarca nazista, anche al costo d’affrontare subito una guerra.
 In Francia era vittima di una situazione interna molto critica che minò ogni capacità di reazione.
L’insediamento del primo governo socialista di Fronte Popolare fu accompagnato da grande
entusiasmo e riformismo. Nel 1936 furono firmati gli Accordi di palazzo Martignon che
prevedevano:
 Aumenti salariali;
 Riduzione della settimana lavorativa a quaranta ore;
 Concessione di quindici giorni di ferie pagate.
Tale politica portò elevati contraccolpi all’economia francese. L’improvvisa crescita del costo
del lavoro diminuì la competitività dei prodotti innescando un processo inflazionistico che
vanificò in gran parte gli aumenti salariali. Osteggiato apertamente dai borghesi e industriali il
governo Blum si trovò isolato e costretto a dimettersi nel ’37 senza essere riuscito a realizzare un
progetto organico.
In questo panorama, la paura di una nuova guerra era più temuta di quella di un nuovo
rafforzamento tedesco, anche perché si sentivano protetti da una struttura militare invalicabile,
La Linea Maginot.
113 L’IMPERO BRITANNICO TRA LE DUE GUERRE MONDIALI
Fra le due guerre mondiali, la crisi dell’egemonia europea sugli altri continenti subì una brusca
accelerazione, le due maggiori potenze coloniali, Gran Bretagna e Francia, s’illusero di potere
continuare a svolgerla.
Le potenze europee, esaurite militarmente e in profonda crisi economica non avevano più le risorse
necessarie a mantenere il controllo sugli sterminati possedimenti. Per tutto il corso della Grande
Guerra avevano dovuto utilizzare i propri territori coloniali per ricavare materie prime e ottenere
uomini da mandare al fronte. Il contatto con nuovi uomini e nuovi ideali democratici, nonché le
rivendicazioni di credito dei soldati contribuirono notevolmente allo sviluppo dei movimenti
indipendentisti in Asia e Africa. Non secondario fu il contributo della Rivoluzione russa su molte
popolazioni. Pur nelle sue storture, quella sovietica era una rivoluzione che aveva lasciato larghe
autonomie amministrative ai territori non russi innalzando la bandiera antimperialista e
sostenendo apertamente i movimenti anticoloniali.
Per converso, un’ulteriore spinta alle nuove idee venne anche dalla Dottrina Wilson che incoraggiava ai
popoli il diritto d’autodeterminazione.
Per questo, fra le potenze coloniali, la Gran Bretagna comprese per prima la necessità di
ridimensionare i propri domini territoriali; infatti, già dagli anni 20 allentò i vincoli dei paesi
d’oltremare con la madre patria. Questo si manifestò apertamente nell’abbandono politico dei territori
dell’Iraq e della Giordania, e alla rinuncia del protettorato sull’Egitto che nel ‘36 ottenne la totale
indipendenza (nel ’22 era diventato Regno autonomo protetto), alla Gran Bretagna rimase comunque
il controllo del canale di Suez.
Un altro esempio della smobilitazione dell’Impero Britannico fu rappresentata dalla Conferenza
Imperiale di Londra nel ’26 durante la quale i dominions bianchi (Canada, Sud Africa, Australia) che
già godevano di una condizione di semi indipendenza furono riconosciute come comunità autonome
unite solo dal vincolo di fedeltà alla corona d’Inghilterra, e liberamente associate al Commonwelth
77
769927308
01/06/17
(federazione fra stati che sarebbe servita per assicurare una serie di legami economici e
istituzionali).
Il paese in cui il processo d’emancipazione fu più contrastato e drammatico fu l’India. Questo perché
era il paese più importante sul piano economico e strategico. Da una parte consistente della leadership
inglese il controllo era ancora considerato essenziale. Durante la Guerra Mondiale, l’India si era
mostrata molto leale alla corona e aveva mandato risorse umane a combattere in continente forte
delle promesse inglesi di un graduale processo d’autogoverno. Quando queste promesse furono molto
rallentate i movimenti nazionalisti fecero sentire la loro voce. Quando nel ’19, ad Amristar, le truppe
inglesi repressero sanguinosamente un’insurrezione popolare, l’abisso fra colonizzatori e colonizzati
ritorno grande. Dal ’20 in seno al Congresso Nazionale Indiano riscosse sempre maggiore successo
Mhoandas Ghandi, leader di un forte movimento indipendentisti contrario alla violenza. Al suo credo
non-violento Ghandi accompagnava un rifiuto totale al collaborazionismo con i colonizzatori.
Ghandi acquistò in breve tempo una grande popolarità e fece del nazionalismo indiano un autentico
movimento di massa. Allo sviluppo del movimento gli inglesi risposero alternando repressione a
concessioni. Le mire indipendentiste indiane furono a poco a poco accontentate grazie ad una lotta
onerosa dello stesso Ghandi che porteranno all’indipendenza nel 1947.
114 NAZIONALISMO E COMUNISMO IN CINA TRA LE DUE GUERRE MONDIALI
Gli effetti della Prima Guerra si fecero sentire anche in Cina e Giappone.
Mentre il Giappone si era consolidata come potenza imperialista, economicamente forte e
militarmente aggressiva, la Cina fu lacerata da una lunga e sanguinosa guerra civile. Dopo la
proclamazione della repubblica, il Generale Yuan Shi-kai istituì un regime autoritario nel 1913, ma
non riuscì a riportare la tranquillità nel paese. Venuto meno il controllo imperiale, la Cina era in uno
stato di semianarchia. Il governo non aveva forza sufficiente per imporsi nelle province, né per opporsi
al Giappone che mirava a sostituirsi alle potenze europee nel controllo delle zone più ricche del
paese.
La decisione d’intervenire nel conflitto mondiale con l’Intesa, nel ’17, non servì a mutare la situazione
ma la peggiorò. A Versailles fu riconosciuto al Giappone il diritto a subentrare alla Germania nel
protettorato delle zone più ricche del paese. Quest’ennesima umiliazione ebbe l’effetto di risvegliare
l’orgoglio nazionalista che si raccolse attorno al leader che l’aveva condotta alla rivoluzione: Sun
Yat-sen.
Nel ‘19 scoppiarono tumulti prima nelle università e poi nelle città, provocate da giovani intellettuali
e borghesia industriale, insofferenti all’invadenza straniera.
La rivolta di Sun Yat-sen, vide la proclamazione di un Governo a Canton nel 21, che trovò
l’appoggio del neonato partito comunista (fondato nel 21 da un gruppo d’intellettuali guidati da
Mao Tse-tung). La stessa Russia, in alla nuova formazione d’orientamento comunista inviò aiuti
militari ed conomici a Canton.
Ma l’alleanza tra nazionalisti e comunisti non sopravvisse alla morte di Yat-sen, il successore Chang
Kai-shek, meno aperto alle riforme e più diffidente verso i comunisti, nel ’26 marciò alla testa del
proprio esercito con l’intento di riunificare il scacciando il governo di Pechino. Prima di riuscire nel suo
intento, quando nel ’27 a Shangai la milizie operaie indipendenti liberarono da sole la città, Kai-shek
le affrontò e sconfisse. La guerra interna tra gli indipendentisti vide una sterzata repressiva in favore
dei nazionalsisti e la messa fuorilegge del partito comunista.
Il nuovo governo nazionalista cercò d’organizzare l’economia su modelli occidentali, ma il progetto si
sarebbe dimostrato inadatto ad una realtà ancora impreparata, in un territorio immenso e estremamente
frammentato. E mentre si consumava la parabola del governo nazionalista il partito comunista si stava
riorganizzando.
Nel ’31 fruttando un incidente di frontiera i Giapponesi invasero la Manciuria. L’inerzia di Chang kaishek e il disinteresse della Società delle Nazioni diedero nuova linfa ai comunisti che divennero gli
unici difensori degli interessi nazionali. Decisiva per il partito si rivelò la strategia contadina di Mao
tze-tung, che indicava nelle masse rurali il protagonista del processo rivoluzionario.
I comunisti raccolsero consensi dai contadini e formarono una Repubblica Sovietica Cinese in una
zona del paese. La reazione del governo di Chang kai-shek fu di preferire di concentrare i propri sforzi
militari per la repressione dei comunisti, anziché organizzare una resistenza anti giapponese. Tra il ’31 e
il ’34 investiti da una violenta offensiva dei regolari, i comunisti dovettero abbandonare le posizioni
e dopo una LUNGA MARCIA riuscirono a riorganizzarsi in una regione settentrionale. Mao Tse-tung
era riuscito a salvare il nucleo dirigenziale comunista e a mantenere viva la Repubblica Sovietica
nelle zone in cui era più sentita la minaccia giapponese. Quando nel ’36 Chang kai-shek decise di
attaccare nuovamente dovette scontrarsi con una parte dell’esercito che chiedeva la riunificazione in
funzione anti giapponese. Si giunse così ad un accordo nel ’37 fra nazionalisti e comunisti per un Fronte
Unito.
78
769927308
01/06/17
Ma quando i giapponesi sferrarono un nuovo violento attacco a tutto il territorio, la resistenza
accanita non fu sufficiente ad impedire la sconfitta.
Nel ’39 il Giappone occupava una grossa fetta del territorio cinese.
Da questo momento le vicende cino-giapponesi s’intrecciarono con la seconda guerra.
115 IL GIAPPONE TRA LE DUE GUERRE MONDIALI
Con la partecipazione alla Grande Guerra, il Giappone aveva consolidato in sede internazionale la
sua posizione di principale potenza asiatica.
La rigida gerarchia della classe dirigente, che aveva visto la coalizione di tutte le classi sociali
altolocate (industriali, borghesi e ricchi contadini), il dinamismo economico, la crescita demografica
esaltò il nazionalismo, spingendo il governo ad una politica imperialista con campo d’azione il
Pacifico e l’Asia Orientale.
Anche nel paese del Sol Levante il percorso istituzionale seguì quello degli altri stati occidentali, da
un sistema rappresentativo liberale, la deriva politica portò ad un’estremizzazione nazionalista sullo
stampo dei sistemi di governo autoritario. Alla fine degli anni ’20 il processo fu favorito dalla crisi
economica, che investì il mondo e dai successi dei partiti comunisti e socialisti. Cominciò così una
stagione che avrebbe portato ad un crescente autoritarismo, che in un primo momento non sfociò in un
fascismo esplicito, anche se un tentativo di colpo di stato fu duramente represso nel ’36, ma si risolse
in una chiusura ad ogni forma d’opposizione democratica legale.
Il processo fu consentito dall’ascesa al trono imperiale di Hiroito nel ’26, che si dimostrò
particolarmente favorevole alla politica imperialista che avrebbe portato alla guerra contro la Cina e
all’avvicinamento alle potenze occidentali nazifasciste.
116 LA PERSECUZIONE DEGLI EBREI
La persecuzione degli ebrei ha radici storiche radicate. Richiamandosi alle teorie del francese De
Gobineau esposte nel “Saggio sull’ineguaglianze delle razze umane” si mostrò nella forma più
brutale, quando Hitler assunse il potere nei primi degli anni ‘30.
Il Fuhrer usò gli ebrei come capro espiatorio per le responsabilità sulla crisi economica. Benché un
sentimento antisemita fosse generalizzato, per Hitler gli ebrei erano considerati nemici interni. Un po’
ovunque erano già perseguitati a causa della dello status di popolo senza patria. Oltre ad essere una
comunità molto unità, dotata di una solida identità, storia cultura erano considerati
particolarmente scomodi a qualsiasi sistema autoritario. Sparsi per tutta l’Europa, gli ebrei avevano
sempre avuto notevole difficoltà d’integrazione con le popolazioni locali e per loro natura e cultura,
riuscivano sempre a collocarsi nelle posizioni più rilevanti. In Germania gli ebrei non erano molto
numerosi e vivevano per lo più nelle grosse città e occupavano posizioni strategiche nella società.
L’estrema parsimonia delle popolazioni ebree fu considerata un po’ in tutto il mondo come avarizia e
virulenza.
La propaganda antisemita dei nazisti riuscì a risvegliare nella gente un sentimento d’ostilità dovuto
alla diversità etnica e religiosa. La discriminazione incominciò con alcune limitazioni alla frequenza
scolastica e a certe professioni; fu ufficializzata quindi nel 1935 con le leggi di Norimberga che tolsero
agli ebrei i diritti civili e di cittadinanza, impedivano inoltre la celebrazione di nozze tra ariani ed ebrei.
La scintilla che fece esplodere la già debole tregua fra ebrei e nazisti scoccò nel ’38, con l’uccisione di
un diplomatico tedesco per mano di un ebreo a Parigi. L’episodio diede un’accelerazione alla
repressione che già tempo il popolo tedesco esercitava. Nella notte tra il 9 e il 10 Novembre ‘38 fu
organizzato un gigantesco pogrom in tutta la Germania - “la notte dei Cristalli”- con una sistematica
distruzione di negozi, sinagoghe e abitazioni d’ebrei. Durante l’escalation hitleriana gli israeliti furono
dapprima emarginati, poi discriminati, quindi privati dei beni, deportati, sfruttati e sottoposti alla
“soluzione finale”, cioè l’eliminazione fisica.
117L’ITALIA IN GUERRA: VICENDE MILITARI, «FRONTE INTERNO»1915-1917
All’entrata in guerra, nel Maggio ‘15, l’idea è che sarebbe stata breve e indolore, ma la realtà
disilluse le attese. Sul confine orientale le truppe austriache si attestarono sull’Isonzo e sul Carso.
Contro di loro le truppe italiane, comandate dal generale Cadorna, sferrarono quattro offensive
militari senza riuscire a cogliere alcun successo. Dopo avere perso numerosi militari l’esercito italiano si
trovava nelle stesse posizioni da cui avevano preso il via le operazioni militari. Una situazione
analoga si era creata sul fronte francese per tutto il 1915. La guerra aveva lo stesso carattere che aveva
assunto sugli altri fronti: la guerra di trincea.
79
769927308
01/06/17
Nel Giugno 1816 l’esercito austriaco passò all’attacco penetrando dal Trentino (Starfexpedition spedizione punitiva – per il tradimento dell’ex-alleato), gli italiani, benché colti di sorpresa, riuscirono
ad arrestare il nemico sugli altipiani d’Asiago e poi a contrattaccare.
Il contraccolpo della nuova sconfitta militare fu durissimo. Il capo del governo Salandra, fu costretto
alle dimissioni, sostituito da Paolo Boselli.
Nonostante il cambiamento al vertice della politica le vicende militari non migliorarono, nel ‘16 furono
combattute altre cinque battaglie sull’Isonzo senza modificare il corso del conflitto.
Anche le popolazioni civili furono investite dal cieco cambiamento della guerra. In economia il settore
maggiormente interessato fu quello dell’industria pesante che doveva rifornire gli eserciti, evidenziando
una forte connivenza tra grandi industrie e lo Stato che era il più grosso cliente. Molte industrie
furono sottoposte al controllo diretto dello Stato. La manodopera fu ovunque sottoposta a disciplina
creando una specie di “militarizzazione della società”. L’intera società fu affiancata all’esercito nello
sforzo bellico nell’intento di creare un “fronte interno” per appoggiare l’Italia.
118 IL 1917 – 1918: DA CAPORETTO A VITTORIO VENETO
Il 1917 per l’Italia fu l’anno più difficile. Fra Maggio e Settembre, Cadorna ordinò una serie
d’offensive sull’Isonzo, che procurò molti morti e pochi risultati. Il malumore serpeggiò tra i soldati e si
fecero più frequenti gli episodi d’insubordinazione mentre nella popolazione civile scoppiavano moti
insurrezionali per le condizioni economiche.
Nell’Ottobre del ’17, approfittando della convulsa situazione interna le truppe nemiche sferrarono
un nuovo attacco sull’alto Isonzo riuscendo a sfondare nei pressi di Caporetto. Gli austriaci
penetrarono in profondità nel territorio italiano. L’esercito italiano, non senza gravi perdite, riuscì a
riposizionarsi sulla linea del Piave. L’episodio portò alla sostituzione di Cadorna col generale Diaz,
che si dimostrò più comprensivo con i soldati e in grado di ricompattare le fila dell’esercito, tanto da
permettere di rifarsi, combattendo coraggiosamente sul Piave e sul Monte Grappa impedendo
all’esercito austriaco di arrivare in Pianura Padana.
La disfatta di Caporetto finì per avere delle ripercussioni positive sull’esercito, trovarsi sulla difensiva
nel proprio territorio, finì col rianimare il patriottismo.
Attorno ad un nuovo governo di coalizione di V. Emanuele Orlando, anche lo schieramento politico si
ricompattò, trovando la solidarietà dei socialisti di Turati.
Intanto, mentre per la Germania le sorti del conflitto sembravano volgere alla sconfitta, e
cominciavano ad esserci delle spaccature politiche all’interno del paese, finivano col ripercuotersi
parimenti sull’Austria. L’esercito Italiano approfittò della situazione per lanciare un’offensiva sul
Piave il 24 Ottobre 1918, che vide la vittoria italiana nella battaglia di Vittorio Veneto. Agli austriaci
non rimase che firmare l’armistizio a Villa Giusti, presso Padova il 4 Novembre 1918.
119 L’ITALIA NEL 1919: TENSIONI SOCIALI, NUOVI PARTITI, ELEZIONI POLITICHE
Con la vittoria della Guerra, l’Italia aveva superato la sua prova più impegnativa della sua storia
unitaria, ma restava alle prese con mille problemi.
L’economia era a pezzi, e aveva i tratti tipici della crisi post-bellica, con uno sviluppo abnorme d’alcuni
settori e un deficit gravissimo. La classe operaia, tornata ai propri lavori ed infiammata dalla rivoluzione
russa, chiedeva a gran voce miglioramenti economici e maggiori tutele giuridiche sui posti di lavoro.
I contadini tornavano dal fronte al centro sud con una maggiore consapevolezza dei propri diritti decisi ad
ottenere dei vantaggi dalla gloriosa prestazione bellica.
Questi problemi erano comuni in tutto il vecchio continente, ma in realtà come quella inglese e
francese, dove le istituzioni economiche e politiche erano più moderne e strutturate gli influssi
negativi si fecero sentire in modo attenuato.
In Italia, lo stesso modo con cui si era arrivati alla guerra aveva provocato una grossa frattura in seno alla
classe liberale, che si trovò ormai sempre più contestata ed isolata e non riuscì a dominare i
fenomeni di mobilitazione di massa nati dal conflitto. Risultarono quindi favorite le forze socialiste e
cattoliche che erano rimaste estranee al declino liberale.
I cattolici portarono il primo e più importante fattore di novità costituendo il Partito Popolare Italiano
PPI nel 1919. Ebbe il suo padre riconosciuto in Don Sturzo e si presentava con un programma
democratico moderato. La sua nascita era stata favorita dal nuovo atteggiamento della Chiesa che
cercava in questo modo d’arginare il rafforzamento socialista-comunista. La nascita del partito
rappresentò una svolta positiva per la democrazia italiana.
Dall’altra parte della barricata si registrò una crescita impetuosa del partito socialista, con una
prevalenza ormai schiacciante della corrente di sinistra detta Massimalista. Il suo leader era Gacinto
Menotti e professava il credo comune alla causa comunista sovietica. Nella realtà l’estremismo di
80
769927308
01/06/17
sinistra italiano era molto più moderato di quello bolscevico, ma non mancarono correnti che s’ispiravano
alla Madre Russia. Fra questi citiamo la rivista “Ordine Nuovo” guidata da Antonio Gramsci che agiva
a diretto contatto con i gruppi operai. Ma la radicalizzazione di queste idee finì con isolare i
rivoluzionari e ridurne i margini d’azione politica, e precludendo al presto del partito socialista ogni
possibile collaborazione con le altre forze moderate.
Un errore molto grave fu effettuato attraverso la condanna indiscriminata con tutto ciò che aveva
avuto a che fare con la guerra e col patriottismo nazionalismo che aveva portato a scatenarla. Questo
fornì lo spunto ai gruppi oltranzisti nazionalisti per difendere i valori della vittoria. Fra questi ultimi
movimenti faceva spicco quello fondato nel ’19 da Benito Mussolini, col nome di Fasci di
Combattimento. Politicamente si dichiarava di sinistra e proponeva audaci riforme sociali, ma nel
contempo ostentava una feroce avversione per i socialisti. All’esordio il primo embrione del fascismo
raccolse scarse ed eterogenee adesioni, ma si fece notare da subito per il suo stile violento, insofferente
ai vincoli ideologici e proteso all’azione diretta.
I fascisti furono protagonisti del primo episodio politico di violenza. Nell’Aprile del ‘19 si scontrarono
con un corteo socialista e appiccarono il fuoco alla sede dell’Avanti.
Fra il ’19 e il ’20 in coincidenza con l’impresa di Fiume, l’Italia attraversò una fase di convulse
agitazioni e di profondi mutamenti negli equilibri politici e sociali. In questo periodo ci furono
numerosi tumulti dovuti al caro-vita tipico dell’economia post-bellica. La situazione vide l’aumento
generalizzato degli scioperi, che interessarono, per la prima volta, settori che erano rimasti immuni,
come quello dei servizi pubblici. Se a queste sommiamo un’elevata quantità d’agitazioni anche dei
lavoratori agricoli, la situazione che se n’ottenne fu d’estremo disordine. Il panorama delle agitazioni
post-belliche era perciò estremamente privo di collegamento reciproco. In seno all’opinione pubblica
cominciò a serpeggiare il malcontento.
Le prime elezioni del dopoguerra, nel Novembre ’19, col metodo proporzionale, videro la vittoria
dei socialisti un margine esiguo sul Partito Popolare Italiano. Con questo modo era sanzionata la fine
del vecchio sistema di governo, ma si apriva un nuovo problema di governabilità, perché con il sistema
proporzionale diventava impossibile avere una maggioranza capace di governare con efficacia.
120 IL RITORNO DI GIOLITTI, LA QUESTIONE DI FIUME E L’OCCUPAZIONE DELLE
FABBRICHE.
Dal conflitto mondiale l’Italia era uscita rafforzata, ma la dissoluzione dell’impero asburgico provocò una
serie di problemi che non erano stati previsti al momento della stipulazione del Patto di Londra. In
questo trattato era stato posto in essere che la Dalmazia, abitata prevalentemente da popolazioni slave,
sarebbe passata all’Italia, mentre la città di Fiume, abitata prevalentemente da italiani, sarebbe
rimasta all’impero. All’Italia si poneva il quesito di vedere se rimanere ancorati ai vecchi patti
internazionali, o abbracciare i nuovi principi di “politica delle nazionalità”. Nella sostanza: sfruttare
l’amicizia con la Jugoslavia per rinunciare alla Dalmazia e richiedere Fiume?
La delegazione italiana a Versailles capeggiata da Sonnino e Orlando preferirono optare per la scelta
meno adatta: richiesero Fiume senza volere cedere la Dalmazia. Trovarono subito molti oppositori,
tra i quali il presidente americano Wilson. Non vedendosi accontentare i due diplomatici italiani
abbandonarono il congresso. L’insuccesso provocò la fine del governo Orlando, al quale successe
Francesco Saverio Nitti. Questi si trovò a dovere affrontare una situazione alquanto difficile, soprattutto
perché l’opinione pubblica era amareggiata perché aveva visto nella questione di Fiume un tentativo degli
alleati di volere defraudare l’Italia della vittoria. La classe dirigente fu giudicata molto duramente, per
una scelta che di per sé era sbagliata come principio, e fu accusata d’essere incapace di tutelare gli
interessi del paese. Si parlò allora di “vittoria mutilata”, espressione coniata da Gabriele D’annunzio,
che scatenò violente proteste. L’episodio più clamoroso si verificò nel Settembre ’19, quando alcuni
reparti militari ribelli, assieme a gruppi volontari al comando di Gabriele D’Annunzio occuparono
la città di Fiume, posta momentaneamente sotto il controllo internazionale, e ne dichiararono
l’annessione all’Italia. L’esperienza di Fiume durò quindici mesi e si tramutò in un’inedita esperienza
politica. D’Annunzio assunse la reggenza della città e organizzò numerosi convegni cui parteciparono
personaggi più disparati: alti ufficiali, politici in cerca di fortuna, razionalisti e sovversivi. A Fiume
maturò un piano, mai attuato, che avrebbe voluto organizzare una marcia su Roma.
Vista la crisi istituzionale in atto nel paese, nel 1920 fu richiamato a capo del governo Giovanni
Giolitti. Rimasto ai margini della politica negli anni della Guerra era tornato con un programma molto
avanzato in cui proponeva tra le altre cose:
 la nominatività dei titoli azionari;
 un’imposta straordinaria sui sovrapprofitti realizzati dall’industria bellica.
Le preoccupazioni nei settori conservatori per quest’indirizzo passarono in secondo piano per la speranza
che lo statista riuscisse a domare i socialisti. I risultati più importanti li ottenne comunque in politica
estera, imboccando l’unica strada possibile, quella del negoziato con la Jugoslavia, per risolvere la
81
769927308
01/06/17
questione adriatica. Nel novembre 1920 con la firma del trattato di Rapallo durante la quale si stabilì
che:
 l’Italia avrebbe conservato Trieste e Gorizia e tutta l’Istria;
 la Jugoslavia avrebbe avuto la Dalmazia,
 Fiume sarebbe stata dichiara città libera.
L’opinione pubblica fu generalmente favorevole all’accordo, ma Gabriele D’annunzio non ritirò
l’occupazione. Nel dicembre ’20 dovette desistere ed abbandonare la città a causa di un attacco da
terra e dal mare delle truppe regolari.
Molto più complicate furono le problematiche della politica interna. Il governo impose la
liberalizzazione del prezzo del pane nonostante le proteste dei socialisti, avviando così il risanamento
del bilancio. Ma non riuscì a rendere operativi i progetti sulla tassazione dei titoli azionari e sui
profitti delle industrie di guerra. Ma a fallire fu il disegno politico complessivo dello statista che
consisteva nel contrastare le spinte rivoluzionarie dei socialisti accontentandoli marginalmente.
L’esperienza che aveva vissuto alla fine del secolo precedente non era più ripetibile perché la spaccatura
istituzionale aveva creato dei governi estremamente difficili da governare. La situazione era ormai
difficilissima e le condizioni economiche al limite dell’accettabile. Così nell’estate del ’20 una nuova
agitazione dei metalmeccanici porterà all’occupazione delle fabbriche. La nuova vertenza vedeva
fronteggiarsi le realtà sociali di punta della realtà: i grandi imprenditori ingranditi dall’affare guerra e
il movimento operaio rafforzato dai risultati elettorali.
121 LA NASCITA DEL PCI: RADICI SOCIALI E POLITICHE E INFLUENZE
INTERNAZIONALI
Con l’occupazione delle fabbriche, lo scontro sociale si era radicalizzato e non lasciava presagire nulla
di buono. Il sindacato dei metalmeccanici, la FIOM (Federazione Italiana Operai Metallurgici), fuori
dai canali sindacali ufficiali, aveva organizzato dei consigli di fabbrica che avrebbero dovuto agire come
equivalenti dei soviet russi. Fu il sindacato a dare inizio alla vertenza presentando una serie di
richieste economiche e normative, cui gli industriali posero un netto rifiuto. Alla fine d’Agosto del
’20 gli aderenti FIOM occuparono le fabbriche, e cercarono, ove possibile, di proseguire il lavoro da soli.
L’idea di collegarsi all’esterno per ingenerare un movimento rivoluzionario allargato non riuscì.
Prevalse quindi la linea prettamente sindacale di portare avanti le richieste economiche e che
proponevano il controllo sindacale sulle aziende. Il Governo Giolitti era restato alla porta e non
aveva acconsentito alle richieste del padronato d’intervenire con la forza per liberare le fabbriche. Il 19
Settembre il Giolitti riuscì a fare accettare ai riluttanti industriali un accordo che accoglieva parte
delle richieste economiche e affidava ad una commissione paritetica il compito d’elaborare un
progetto di controllo sindacale.
Se dal punto economico-sindacale fu una vittoria degli operai, da un altro l’eroicità degli operai fu
annacquata di molto. La situazione vedeva un malcontento generalizzato:
 I socialisti intransigenti vedevano fugati i loro sogni rivoluzionari;
 Gli industriali non nascosero la loro irritazione per le concessioni;
 La borghesia si trovava spiazzata sulla direzione da scegliere per le mosse future.
L’esito dell’occupazione delle fabbriche lasciò nelle fila del movimento operaio uno strascico di
polemiche e recriminazioni. I dirigenti riformisti della CGL erano accusati di aver svenduto la
rivoluzione in cambio di un accordo sindacale; la direzione massimalista del PSI era sotto accusa da
parte dei gruppi di estrema sinistra, per il comportamento incerto che aveva tenuto nella vicenda.
Tali polemiche finirono con l’intrecciarsi con le fratture provocate dal II Congresso dei Comitern. Le
condizioni per l’ammissione dei partiti operai all’internazionale comunista suscitarono molte
polemiche. I punti controversi furono due:
 i partiti aderenti dovevano assumere la denominazione di Partito comunista;

dovevano essere espulsi tutti gli elementi riformisti e centristi del partito.
I massimalisti rifiutarono queste condizioni perché ritenute lesive dell’autonomia del Partito (e anche
perché consci che espellendo i riformisti e i moderati avrebbero perso numerosi consensi, nonché molti
quadri). Così al congresso di partito a Livorno, nel 1921, non solo i riformisti non furono espulsi, ma
fu invece la minoranza di sinistra a dovere abbandonare il PSI. Così da questa costola del partito
socialista fu fondato il Partito Comunista D’Italia. La nuova formazione politica, nasceva con un
programma fortemente leninista, proprio nel momento in cui la prospettiva rivoluzionaria andava
dileguandosi in Italia e in Europa.
D’altro canto il partito Socialista non trovò alcun beneficio dallo scisma, perché la minoranza
riformista rimase sempre succuba dei massimalisti che rifiutavano qualsiasi collaborazione con le
forze borghesi, acuendo i sentimenti contrari di quelle fazioni anticomuniste e antisocialiste che
facevano la loro apparizione sul panorama internazionale.
82
769927308
01/06/17
122 IL FASCISMO DA MOVIMENTO A PARTITO: LA REAZIONE AGRARIA
L’occupazione delle fabbriche e lo scisma di Livorno, da cui nacque il partito Comunista,
segnarono la fine del Biennio Rosso. Provata da due anni di lotte, la classe operaia cominciò ad
accusare i colpi della crisi che stava investendo l’economia, che si tradusse in un aumento della
disoccupazione e una conseguente perdita di potere contrattuale per i lavoratori. In questo quadro
s’inserì un fenomeno che non aveva riscontro in nessun altro paese, ebbe origine nelle campagne e
prese il nome di Fascismo Agrario. Sino al ‘20 il fascismo aveva ottenuto poco successo nella vita
politica italiana, ma agli inizi del ‘21 il partito subì un processo di mutazione, che lo portò ad
accantonare il vecchio programma radical–democratico e fondarsi su strutture paramilitari – le
squadre d’azione - per puntare alla lotta contro il movimento socialista ed in particolare sulle
organizzazioni contadine padane.
Lo sviluppo del fascismo agrario si sviluppò soprattutto nella Pianura Padana. In questo territorio le
leghe socialiste avevano vinto aspre battaglie e ottenuto notevoli miglioramenti salariali, riuscendo a
strutturare un “sistema” apparentemente inattaccabile. Attraverso i loro uffici di collocamento
contrattavano direttamente con i proprietari. I socialisti disponevano anche di una fitta rete di
cooperative e avevano in mano le amministrazioni comunali. Questo sistema non era privo d’aspetti
autoritari legati all’appartenenza ideologica, pertanto i non iscritti al partito erano discriminati. La
politica di queste nuove strutture mirava a tutelare prevalentemente i contadini, emarginando le classi
intermedie, come mezzadri, fittavoli, ecc, che volevano migliorare. Queste discrepanze aprirono le strade
alla nascita del fascismo agrario.
L’atto di nascita del Fascismo Agrario si fa risalire ai Fatti di Palazzo d’Accursio, a Bologna, il 21
Novembre ’20. I fascisti si mobilitarono nell’occasione per impedire l’insediamento della nuova
amministrazione comunale socialista. Vi furono dei violenti scontri e per un tragico errore i socialisti
spararono sulla folla, composta da parecchi sostenitori, causando alcuni morti. Dal fatto i fascisti
trassero l’occasione per scatenare una serie di ritorsioni antisocialiste. I socialisti furono presi di
sorpresa perché impreparati alla violenza d’azione dei fascisti; la loro vulnerabilità aumentò l’audacia
degli squadristi. I proprietari terrieri e le classi mediane videro nella nuova formazione lo strumento
per combattere i socialisti e le leghe ed incominciò a sovvenzionarli lautamente. Il fascismo vide
rapidamente aumentare le proprie file: ufficiali smobilitati che faticavano a reinserirsi nel mondo civile,
figli della piccola borghesia alla ricerca del successo, giovani nazionalisti infervorati dalla vittoria
bellica pronti a combattere una nuova guerra per la patria in funzione antisocialista. Nel giro di pochi
giorni LO SQUADRISMO dilagò in tutte le province padane, pressoché immune da contagio fascista
rimase il Mezzogiorno. L’offensive squadriste avevano le stesse caratteristiche:
 partivano sui camion dalle città alla volta delle campagne;
 miravano, municipi, case del lavoro, sedi delle leghe rosse e case del popolo;
 provvedevano ad incendiarle prima di tornare alla base.
Parte delle amministrazioni padane furono costrette a dimettersi, molte leghe furono sciolte e i loro
aderenti furono costretti a passare nelle file fasciste.
Il successo fascista non è spiegabile solo con fattori d’ordine militare, il fatto è che i socialisti si
trovarono a combattere una battaglia impari contro un nemico che godeva di mezzi e strategie
favorevoli e godeva di un notevole margine d’impunità istituzionale. La classe dirigente aveva più
volte mostrato simpatia per i fascisti perciò quasi mai la forza pubblica si oppose alle “operazioni
squadriste”. La stessa magistratura usò criteri molto diversi da quelli usati con gli estremisti di
sinistra.
Lo stesso capo del Governo, Giovanni Giolitti, cercò di servirsi del fascismo per tamponare il
rafforzamento socialista, convinto di poterlo successivamente istituzionalizzare riportandolo sui
binari della legalità e all’interno di una realtà liberale. In questa strategia s’inquadrò la decisione di
convocare nuove elezioni per il ’21, favorendo l’inserimento dei fascisti nei cosiddetti “blocchi
nazionali” cioè nelle liste di coalizione liberale. In questo modo i fascisti ottennero la legittimazione
della classe dirigente che ancora gli mancava. La campagna elettorale finì con dare loro lo spunto
per intensificare la campagna intimidatoria contro gli avversari. Ciononostante le urne delusero chi
aveva proposto le elezioni:
 i socialisti subirono solo una lieve flessione;
 la coalizione liberal-democratica guadagnò non a sufficienza per governare
 i fascisti fecero la loro prima apparizione in Parlamento capeggiati da Benito Mussolini.
La situazione mise fine al governo Giolitti che si dimise ad inizio luglio, al suo posto s’insediò Ivanoe
Bonomi, il quale, per porre fine alla guerra civile tra fascisti e socialisti, fece firmare un patto di
pacificazione tra le due parti nell’Agosto del ‘21. I fascisti accettarono di sciogliere le loro “squadre
d’azione”, così come i socialisti s’impegnarono a fare lo stesso con gli “arditi del popolo” (gruppi
militanti nati per contrapporsi efficacemente alle controparti). Quest’accordo finì per favorire la
strategia politica di Mussolini che mirava ad inserirsi nel tessuto politico italiano e temeva il diffondersi
83
769927308
01/06/17
di una reazione polare contro lo squadrismo. Questo nuovo indirizzo non era però gradite dai fascisti
intransigenti che si riconoscevano nello squadrismo agrario e nei suoi capi locali, i cosiddetti RAS.
Gli strappi tra i RAS e Mussolini si ricucirono nel CONGRESSO DEI FASCI tenutosi a Roma, in cui
Mussolini si rese conto di non potere prescindere dall’urto squadrista e i RAS riconobbero la leadership
del futuro Duce accettando la trasformazione del movimento in un vero e proprio partito: nasce il
Partito nazionale fascista PNF.
123 DAL GOVERNO BONOMI AI GOVERNI FACTA ED ALLA MARCIA SU ROMA
Mentre il partito fascista acquistava forza e compattezza, si consumava la parabola del governo
Bonomi per far posto nel febbraio 1922 a Luigi Facta giolittiano dalla personalità sbiadita. Il
ministero Facta segnò la fine del governo liberale finendo col dare ulteriore spazio alla dilagante
violenza squadrista, che si fece promotrice di operazioni sempre più ampie e clamorose come
l’occupazione armata di grandi città come Ferrara, Bologna, Cremona.
I socialisti davanti all’offensiva dei fascisti non seppero opporre risposte efficaci, né sul piano della
tattica parlamentare, né su quello della mobilitazione di massa. Disastrosa fu la scelta dei sindacati
d’indire uno sciopero generale legalitario per la giornata del 1Agosto ’22. I fascisti poterono cogliere
l’occasione per atteggiarsi a custodi dell’ordine e per lanciare una nuova e violenta offensiva contro il
movimento operaio. Furono attaccate le roccaforti proletarie di Milano, Genova e Livorno. Parma fu
l’unica città in cui la popolazione resistette validamente all’attacco squadrista. Il movimento operaio
usciva da questa prova materialmente e moralmente distrutto, e all’interno del partito socialista stesso ci
fu un’ennesima scissione: nell’Ottobre ’22 i socialisti di Turati abbandonavano il PSI per dare vita al
Partito Socialista Unitario PSU.
Assicuratosi il controllo della piazza e sbaragliato il movimento operaio, il fascismo si poneva il
problema della conquista dello stato. Solo assumendo il potere il partito avrebbe potuto accontentare
le masse d’aderenti che erano diventate ormai ingenti ed evitare un probabile rigetto da parte delle
forze moderate, che incominciavano a vedere di malocchio lo squadrismo che, ora che il movimento
operaio era stato ridimensionato, era considerato anacronistico.
Come sempre Mussolini incentrò la sua politica per arrivare al potere su due fronti: da una parte
intrecciò trattative con tutti i più autorevoli esponenti liberali e rassicurando la monarchia
sconfessando le passate simpatie repubblicane si guadagnò l’appoggio degli industriali annunciando di
volere restituire spazio all’iniziativa privata. preparando un colpo di stato; dall’altra lasciò che
l’apparato militare del partito si rinforzasse al fine di preparare un vero e proprio colpo di stato.
Cominciò a prendere corpo l’idea della marcia su Roma.
La mobilitazione delle milizie fasciste per marciare sulla capitale fu fissata per il 28 Ottobre ’22, ma lo
stesso Mussolini credeva poco in un autentico successo militare (le squadre fasciste difficilmente
avrebbero potuto avere la meglio sull’esercito regolare), pensava di servirsi dell’iniziativa per far
pressione politica su un governo già debole. In effetti, le dimissioni del ministro Facta proprio il 27
ottobre, dimostrò lo sfaldamento istituzionale che furoreggiava nel Paese. Il re, Vittorio Emanuele III,
per evitare un’ipotetica guerra civile, il 28 Ottobre si rifiutò di firmare il decreto per la
proclamazione dello stato d’assedio. Il rifiuto del sovrano aprì la strada per Roma alle camicie
nere. Forte del risultato ottenuto, Mussolini non s’accontentò e il 30 ottobre pretese la convocazione del
Re per assumere la carica di Capo del Governo. Al nuovo gabinetto parteciparono anche liberali,
democratici e popolari.
I fascisti esultarono convinti di avere realizzato una rivoluzione che nella realtà era stata solo simulata, i
moderati si rallegrarono per la ritrovata, secondo loro, tranquillità, e i rivoluzionari s’illusero che nulla
fosse cambiato e che al governo si fosse ristabilita una leadership conservatrice come quella della destra
storica. Pochi si accorsero dell’enorme cambiamento che avrebbe sconvolto il paese.
124. LA POLITICA ITALIANA DAL ’22 AL ‘25
Assunto il governo Mussolini continuò ad alternare linea dura a morbida. Ciò gli fu consentito
anche e soprattutto per la miopia delle altre forze politiche, ed in particolare degli alleati liberali e
cattolici, i cosiddetti fiancheggiatori. A dissolvere i dubbi non servì né il tono ricattatorio durante il
dibattito sulla fiducia in Parlamento da parte di Mussolini, né i due provvedimenti che il partito fascista
assumeva volontariamente contro ogni principio liberale. Nel Dicembre ’22 fu istituito il Gran
Consiglio Del Fascismo con il compito d’indicare attraverso il Partito le linee generali dello Stato. Il
governo attuò:
 una politica di grande compressione salariale, mirando a restituire un ampio campo d’azione
all’iniziativa privata imprenditoriale,
 alleggerì le tasse alle imprese;
84
769927308
01/06/17
 abolì il monopolio statale dell’assicurazioni sulla vita;
 privatizzò il servizio telefonico.
 ciontenne la spesa pubblica con uno sfoltimento del pubblico impiego.
Sul piano prettamente economico, la politica del Ministro dell’economia De Stefani, sembrò sortire
alcuni risultati. Tra il ’22 e il ’25:
 la produzione aumentò;
 l’agricoltura migliorò il suo stato generale;
 il bilancio dello Stato tornò in pareggio.
Nonostante questi risultati fossero da addebitare in parte agli ultimi ministeri liberali il fascismo ne uscì
fortemente rafforzato.
Un sostegno importante nella gestione della politica interna, Mussolini lo ebbe dalla Chiesa
Cattolica. Il nuovo Papa, PIO XI riprese una politica fortemente conservatrice, sostenendo apertamente
il fascismo come l’unico partito meritevole dell’allontanamento del pericolo socialista. Mussolini,
abbandonati i toni anticlericali degli esordi, fu prodigo di riconoscimenti per la Chiesa e si dimostrò
disposto ad importanti concessioni. Così la Riforma della scuola, varata nel ’23 dal Ministro
Giovanni Gentile andava molto incontro al mondo cattolico, perdendo parte di quell’indipendenza laica
rivendicata nel 1870.
L’alleanza con la Chiesa, permise ai fascisti di liberarsi degli esponenti del Partito Popolare di Don
Sturzo. Senza il più forte e scomodo alleato politico Mussolini ebbe allora la necessità di rafforzare
la presenza in Parlamento. A tal fine questo varò, nel Luglio ’23, la nuove Legge Elettorale
Maggioritaria. La legge avrebbe avvantaggiato vistosamente la lista che avesse ottenuto una maggioranza
relativa di almeno il 25% dei voti. Quando nel ’24 le Camere furono sciolte numerosi esponenti
liberali decisero di candidarsi nelle file del partito fascista.
Le forze antifasciste erano invece molto divise al loro interno, guidati da Giovanni Amendola si
presentarono alle elezioni con liste separate.
Cosicché la vittoria fascista assunse proporzioni clamorose e la maggioranza fu schiacciante
soprattutto al Sud e nelle isole, in quelle zone dove aveva radici minori, ma aveva attecchito con forza
dopo l’entrata al governo. Il successo rafforzò ancora la figura di Mussolini e le speranze dei
fiancheggiatori che speravano ancora in un’evoluzione liberale del fascismo. Quando le opposizioni
sembravano inermi, due mesi dopo le elezioni, un evento tragico intervenne a mutare bruscamente lo
scenario politico. Il 10 Giugno 1924 il deputato socialista Giacomo Matteoti fu rapito e ucciso da un
gruppo di squadristi.Una decina di giorni prima dell’episodio, il deputato socialista aveva denunciato in
Parlamento presunti brogli elettorali. Solo allora apparve chiaro al paese la sistematicità dei metodi
fascisti. L’indignazione nell’opinione pubblica fu tale da consentire l’individuazione dei colpevoli, ma
non i nomi dei mandanti dell’efferato delitto. Il fascismo si trovò improvvisamente isolato e tutto
l’edificio della propaganda e del partito parve vacillare. Ma l’opposizione, troppo debole e minoritaria,
non aveva alcuna possibilità di mettere in minoranza il governo, né sufficiente impatto per
riportare la gente nelle piazze. L’unica iniziativa presa dall’opposizione fu di astenersi dai lavori
parlamentari per riunirsi separatamente sino a quando non fosse ripristinata la legalità. La secessione
dell’Aventino pur avendo un significato ideale non solo, non aveva alcun’influenza pratica, ma finiva con
l’avvantaggiare ulteriormente la politica di Mussolini. Gli aventiniani sperarono in un intervento del
Re, che non avvenne.
Per risolvere la questione di Matteotti, Mussolini sacrificò alcuni elementi del partito e accettò di
dimettersi dal Ministero degli Interni. Dopo un paio di mesi di stasi, Mussolini decise di
contrattaccare nuovamente e il 3 Gennaio ’25 ruppe ogni cautela legalitaria in Parlamento
minacciando apertamente di usare la violenza contro le opposizioni. Pochi giorni dopo una nuova ondata
d’arresti e perquisizioni si abbatté sull’opposizione e sugli organi di stampa indipendenti, cosicché il
delitto Matteotti anziché segnare la fine del regime, accelerò il processo di trasformazione del
sistema da autoritario a dittatoriale.
La stampa e gli organi di comunicazione furono “fascisticizzati”. Nell’Ottobre ’25, il sindacalismo
ottenne un colpo mortale con gli Accordi di Palazzo Vidoni con cui Confidustria riconosceva sola la
rappresentanza dei sindacati fascisti.
Ma Mussolini non si accontentò e procedette alla promulgazione di nuove leggi destinate a stravolgere i
connotati dello Stato liberale. Una serie di dubbi attentati al capo del governo permise il clima adatto
per redigere un pacchetto di nuove leggi costituzionali, promosse da Alfredo Rocco:
 nel Dicembre ’25 una legge costituzionale aumentò i poteri del capo del governo sugli altri
ministri e sulle altre forme istituzionali in genere;
 Aprile ’26 una legge sindacale proibì gli scioperi e stabilì che i contratti potevano essere
sottoscritti solo dai sindacati legali (solo quelli fascisti);
 Novembre ’26, una vera e propria raffica di provvedimenti – detti “Leggi fascistissime” –
cancellò ogni minima traccia di vita democratica:
o furono sciolti tutti i partiti;
85
769927308
01/06/17
o
o
o
soppresse tutte le pubblicazioni contrarie al regime;
dichiarati decaduti i deputati avventiniani;
reintrodotta la pena di morte per i reati contro la sicurezza dello Stato (reati
politici). Per giudicare questi reati fu appositamente istituito un Tribunale speciale
per la difesa dello Stato, composto ufficiali delle forze armate.
La dittatura del regime sarebbe stata completata dalla nuova legge elettorale del ’28 che introduceva il
sistema della lista unica, che lasciava agli elettori la sola possibilità di approvarla o respingerla in blocco.
La differenza tra il fascismo e gli altri regimi autoritari passati era che questo non s’accontentava
di reprimere gli oppositori e controllare le masse, ma pretendeva d’inquadrarle in proprie
organizzazioni.
125 IL FASCISMO: FORME E STRUMENTI DELLA REPRESSIONE DEL DISSENSO
La sistematica violenza, fu un elemento basilare che consentì a Mussolini di fare “evolvere” il suo
pensiero, da movimento in partito sino a governo autoritario. Le squadre fasciste erano gruppuscoli
formati da ex-ufficiali e reduci di guerra insoddisfatti del trattamento ricevuto per i servizi alla
patria, figli di borghesi in cerca di fortuna e ultranazionalisti. Sobillati da Mussolini, individuarono nei
socialisti e comunisti i nemici pubblici. Organizzarono quindi le loro scorribande in modo mirato.
Soltanto dopo la prima fase, quella di trasformazione da movimento in partito, Gennaio ’23 le camice
nere furono inquadrate nella Milizia Volontaria Per la sicurezza Nazionale. Una formazione armata
con lo scopo di proteggere “gli sviluppi della rivoluzione”, ma anche a disciplinare e limitare il potere
sempre crescente dei RAS. Per sedare il dissenso e mantenere l’ordine pubblico si utilizzò la polizia
di stato, mentre la Milizia rimase relegata a corpo decorativo-ausiliario. Furono perpetrati sequestri di
giornali, scioglimenti d’amministrazioni locali, arresti preventivi. Le prime vittime delle repressioni
furono i comunisti, poi i sindacalisti, causando il quasi azzeramento dei quadri dirigenti della struttura
nata attorno al movimento operaio.
Le opposizioni sembravano inermi e non seppero fare altro che reagire attraverso scioperi, che
scatenarono ulteriori accanimenti squadristi, o abbandonando i lavori istituzionali come nel caso della
secessione avventiniana. Neppure l’assassinio di Matteotti nel Giugno ’24 seppe coagulare la
reazione socialista.
Dopo qualche mese dall’assassinio di Matteotti, Mussolini decise di portare una nuova giro di vite e
il 3 Gennaio ’25 ruppe ogni cautela legalitaria in Parlamento minacciando apertamente di usare la
violenza contro le opposizioni. Pochi giorni dopo incominciò nuova ondata d’arresti e perquisizioni si
abbatté sull’opposizione e sugli organi di stampa indipendenti.
Per rendere ancora più efficaci le costrizioni, fino ad allora collocate fuori dalla legalità, furono votate
leggi capaci d’istituzionalizzare le repressioni dei dissensi :
 l’ aumentò dei poteri del capo del governo;
 la nuova legge sindacale proibì gli scioperi;
 “Leggi fascistissime”, che privavano di ogni libertà e diritto civile e politico i contrari al
regime.
126. IL FASCISMO: IL TOTALITARISMO IMPERFETTO
Il fascismo fu classificato come totalitarismo imperfetto, per le limitazioni di potere di due
importanti istituzioni - La Chiesa e la Monarchia - che ne influenzarono il corso.
Nella seconda metà degli anni ’20, quando il nazismo era pressoché sconosciuto, in Italia in fascismo
aveva già assunto il potere evidenziando distintamente il proprio totalitarismo. Le sue
manifestazioni erano ben riconoscibili:
 le adunate in uniforme;
 la martellante propaganda;
 l’amplificazione dell’immagine e della parola, il Capo oggetto di culto.
Caratteristica peculiare del regime era la sovrapposizione di due strutture gerarchiche parallele:
quella dello Stato e quella del Partito che aveva trovato ramificazioni un po’ ovunque. Il punto di
raccordo tra le due era il Gran Consiglio del Fascismo.
Al vertice del potere c’era Mussolini che riuniva in sé la qualifica di Capo del Governo e di Duce
(guida) del fascismo. Contrariamente a quello che avvenne in altri regimi dittatoriali l’apparato statale
mantenne, per volontà dello stesso Duce, una preponderanza sulla macchina del Partito. Per
trasmettere la propria volontà dal centro alla periferia, il fascismo si servì dei prefetti, e a sedare il
dissenso e mantenere l’ordine pubblico avrebbe pensato la polizia di stato, mentre la Milizia era
relegata a corpo decorativo-ausiliario (niente a che vedere con le SA e/o SS naziste). Il Partito però
86
769927308
01/06/17
vedeva dilatarsi sempre di più la propria presenza nella vita quotidiana. L’iscrizione al partito divenne
comune, e nel pubblico impiego fu quasi un obbligo. Una funzione importante nell’opera di
fascistizzazione del paese l’ebbero le organizzazioni collaterali al Partito, come l’Opera Nazionale
Dopolavoro. Questa si occupava d’inquadrare il tempo libero dei cittadini, organizzando attività, gare,
gite domenicali, in modo da tenere sott’occhio costantemente la gente. Più importante di tutte erano le
organizzazioni giovanili che miravano a creare una nuova stirpe italica:
 I figli della Lupa;
 L’opera nazionale dei Balilla;
 I fasci giovanili;
 I Gruppi universitari Fascisti.
Con queste organizzazioni, il fascismo voleva riplasmare la società, facendo leva soprattutto sui
giovani e su un nuovo indottrinamento ideologicizzato. Nell’operazione il Partito fallì
clamorosamente, soprattutto a causa di uno dei principali gruppi fiancheggiatori, vale a dire la Chiesa,
che non vedeva certo di buon occhio la sottrazione dell’indirizzo pedagogico.
Non fu solo la Chiesa a rappresentare motivo d’ostacolo al fascismo, anche la Monarchia si mise più volte
di traverso, e per quanto fosse esautorato da ogni potere reale, il Re rimaneva sempre la maggior carica
dello stato. A lui spettava il comando dell’esercito, la scelta dei senatori e il diritto di revoca del
governo. Il Re aveva ceduto a Mussolini ogni autorità, ma in caso di grave crisi, non avrebbe tardato a
riprendere in mano le redini del potere, sfiduciando il nuovo capo del Governo.
127 IL REGIME FASCISTA: COMUNICAZIONI DI MASSA, SCUOLA, CULTURA
Consapevole dell’importanza di un’adeguata motivazione ideologica, per creare e consolidare il
consenso, i vertici del fascismo dedicarono particolare cura al mondo della cultura e della scuola.
La scuola era stata profondamente cambiata già nel ‘23 dalla riforma Gentile, ispirata alla pedagogia
idealistica volta ad incentrare gli studi sulle materie umanistiche (principale strumento d’educazione
di quella che sarebbe dovuta diventare l’élite dirigente) rispetto a quelle tecniche, relegate ad una
funzione subalterna. Consolidato il sistema, il partito cercò di fascistizzare l’istruzione attraverso una
stretta sorveglianza degli insegnanti e dei libri di testo. Il nuovo codice, prevedeva tra l’altro
l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole elementari e l’esame di Stato al termine d’ogni
ciclo di studi, così da parificare gli istituti laici a quelli cattolici.
Nel complesso il corpo docente si adattò senza resistenze, anche se la fascistizzazione fu superficiale,
perché i docenti, cresciuti con l’istruzione liberale, continuarono a svolgere il loro lavoro come
avevano sempre fatto.
L’Università ebbe una maggiore libertà rispetto alle scuole medie e Superiori, ma non si schierò
apertamente contro il fascismo. Quando nel ’31 i docenti universitari furono costretti a giurare fedeltà al
regime solo pochissimi si rifiutarono. Molti docenti non fascisti si piegarono all’imposizione solo per
continuare la loro attività.
Nel complesso gli ambienti della cultura non si opposero frontalmente al regime. Alcuni fra i nomi
più noti, come Marconi e Pirandello si dichiararono fascisti.
Ben più capillare fu invece il controllo sui mezzi di comunicazione. La stampa politica, già
fascistizzata tra il ’22 e il ’26, fu completamente controllata dalle direttive centrali, che non si
limitavano alla censura, ma interveniva con precise direttive nel merito degli articoli (Direttive per la
stampa) che provenivano da un ufficio dipendente dalla Presidenza del Consiglio, ed infine incluso nel
Minculpop (Ministero per la cultura popolare) nato nel ‘37 su modello nazista. Il controllo sulla
stampa era esercitato direttamente da Mussolini, non dimentico del passato, che interveniva nei
giornali anche per questioni di scarsa importanza.
Non minore fu il controllo sulla radio, che si andava affermando sempre più come mezzo di
comunicazione di massa, anche se la sua diffusione era ancora limitata. Nel ’27 fu creato l’Eiar (un
ente di stato genitore della Rai) e dopo il ’35 s’installarono radio negli uffici pubblici, scuole.
Anche il cinema incontrò l’interesse del regime, ricevette sovvenzioni anche per arginare
l’importazione di film americani. Badava ad escludere qualsiasi argomento politicamente e socialmente
scabroso, più che a proporre una propaganda, perché a questo era preposto l’Istituto Luce, che proiettava
i cinegiornali all’inizio degli spettacoli. Questi furono molto importanti, perché permisero di raggiungere
e attirare l’attenzione di un numero elevato di persone.
128 LA POLITICA ECONOMICA E SOCIALE DEL FASCISMO PRIMA E DOPO LA GRANDE
CRISI.
Il fascismo si proponeva come depositario di soluzioni nuove ed originali ai problemi dell’economia
e del lavoro. Da contrapporre al capitalismo e al socialismo, credette di trovare la “terza via” nel
corporativismo. L’idea affondava le sue radici nell’esperienza della arti e dei mestieri del Medioevo.
Questo avrebbe dovuto significare la gestione diretta dell’economia da parte delle categorie
87
769927308
01/06/17
produttive, organizzate appunto in corporazioni distinte per settori d’attività. Negli anni 1922-‘25
attuò una politica spiccatamente liberista e "prodottivi sta", volta cioè a rilanciare la produzione,
incoraggiando l’iniziativa privata (anche per ripagare le promesse elettorali). Attuata agli ordini del
Ministro delle Finanze De Stefani, questa fase riuscì a ridare ossigeno all’industria italiana. Ma la
crescita della produzione, coincise con un aumento dell’inflazione, provocato dalla diminuzione delle
esportazioni. Cosicché nell’estate del ’25 la politica economica subì una brusca svolta. Al Ministero
delle Finanze fu collocato Giuseppe Volpi, industriale e finanziere, che istituì:
 Innalzamento dei dazi doganali;
 Lotta all’inflazione (stabilizzazione monetaria);
 Nuovo incremento statale nell’economia.
Primo provvedimento in questo senso fu l’inasprimento del Dazio sui cereali, che fu accompagnata da
una rumorosa “battaglia del grano”. Scopo della “trovata economico-propagandistica” era di portare
l’Italia all’autosufficienza agricola. Il lato positivo della misura si trovò nell’impegno attivo con cui si
cercò d’arrivare al risultato, con conseguente miglioramento delle tecniche agricole. Nonostante lo scopo
fu parzialmente raggiunto, il prezzo pagato fu altissimo e tutto a carico degli altri settori, soprattutto
dell’attività dedite all’esportazione.
La seconda battaglia intrapresa da Volpi fu sulla “rivalutazione della lira”, nel ’26 Mussolini dichiarò di
volere riportare alto il valore della lira, imponendo la famosa “quota novanta” (cioè il valore di
scambio di 90 lire per ogni sterlina). L’obiettivo, da molti ritenuto irraggiungibile, fu arrivato nel giro
di un anno, non senza qualcuna spregiudicata manovra finanziarie (e credito statunitense). Il risultato
finale, però, fu che a giovarsi della situazione furono gli industriali e i ricchi borghesi, mentre i
contadini e i proletari, si videro nuovamente decurtati gli stipendi.
in agricoltura le piccole e medie aziende furono sfiancate dalla restrizione del reddito e dal calo generale
dei prezzi agricoli.
L’economia italiana non si era ancora ripresa dalla grande cura deflazionistica, quando si fecero sentire
in Italia i primi effetti della grande Crisi internazionale. Le conseguenze furono in parte attenuate
dalle misure economiche adottate in precedenza che miravano a privilegiare il mercato interno. Il
commercio con l’estero si ridusse drasticamente. L’agricoltura subì un nuovo duro colpo e le imprese si
trovarono ancora una volta in recessione. Per questo le pressioni sul governo costrinsero ad un ulteriore
abbassamento dei salari, misura favorita in parte dalla diminuzione dell’offerta di lavoro per l’aumento
della disoccupazione.
La risposta del regime si orientò in due diverse soluzioni:
 Nuovo impulso ai lavori pubblici. Questa ebbe il suo massimo sviluppo fra il ’33 e il ’34 con la
realizzazione di nuove strade e tronconi ferroviari. Furono eretti anche monumentali edifici, ma fu
soprattutto varato un gigantesco programma di bonifica integrale che avrebbe dovuto recuperare le
terre incolte e/o mal coltivate. Il progetto fu realizzato solo parzialmente, la sua parte più
impegnativa fu la Bonifica Dell’Agro Pontino (un vasto territorio paludoso a sud della Capitale) che
vide la creazione di circa 3.000 nuovi poderi, dove furono insediati i contadini del centro-sud meno
abbienti. Furono inoltre costruite intere città ex-novo, come Sabaudia e Latina. La bonifica delle
Paludi Pontine segnò per il fascismo un’altra grande vittoria propagandistica.
 Intervento diretto dello Stato a sostegno dell’economia. Fu nel settore dell’industria e del Credito
che l’intervento dello stato assunse le sue forme più originali e incisive. Le grandi Banche miste
(Banca Commerciale e Credito Italiano) erano state particolarmente colpite dalla crisi. Numerose
attività finanziate dalle stesse erano fallite e si erano rese insolventi. La crisi della borsa con la
conseguente caduta dei titoli mise in ginocchio il sistema creditizio. Il governo varò alcune misure
per contrastare il problema:
o Nel ’31 nacque l’IMI, l’Istituto Mobiliare Italiano, con il compito di sostituire le Banche
nel sostegno alle imprese in difficoltà;
o Nel ’33 costituì l’IRI, Istituto per la Ricostruzione Industriale, con competenze
eccezionalmente ampie. L’IRI divenne azionista di maggioranza delle banche in crisi ed
acquistò il controllo di alcune dei maggiori gruppi industriali italiani. L’IRI avrebbe
dovuto essere un istituto transitorio, nella realtà dei fatti dal ’37 rimase un ente permanente.
In questo modo lo Stato si trovò a controllare una grossa fetta dell’apparato industriale e bancario
italiano, superiore a quello di qualsiasi altro stato europeo. Ma non si poté parlare di una fascistizzazione
dell’industria e dell’economia, perché il fascismo si guardava bene dal togliere dagli industriali e dai
banchieri le redini delle operazioni. Con il suo operato si legava a doppio filo con entrambi i settori
controllandoli in modo molto efficacie.
Attorno alla metà degli anni ’30 l’Italia era uscita dalla fase acuta della crisi economica, le cui spese
maggiori erano state pagate dalle classi più povere. A questo punto mancò al regime la volontà e la
capacità, di mettere in moto quel processo di sviluppo che avrebbe avuto un ritorno anche per le classi più
deboli. A partire dal ’35 Mussolini si lanciò in una politica di dispendiose imprese militari che
sottrasse risorse agli investimenti e accentuò l’isolamento economico del paese. Dalla scelta non riuscì
88
769927308
01/06/17
ad ottenere nemmeno quei successi che aveva mietuto la Germania nazista. Cominciava così una lunga
stagione d’economia di guerra destinata a prolungarsi sino al conflitto.
129 I RAPPORTI DEL FASCISMO CON LA CHIESA CATTOLICA
L’operazione di fascistizzazione del paese e dell’inquadramento delle persone nel Partito fallì
clamorosamente, soprattutto a causa di uno dei principali gruppi fiancheggiatori, vale a dire la Chiesa,
che non vedeva certo di buon occhio la sottrazione dell’indirizzo pedagogico. Consapevole del
problema, il Duce aveva cercato un accordo con il Papa PIO XI, cercando anche di ottenere un
successo d’immagine da un’autentica riappacificazione con il Vaticano. Le trattative tra governo e
Santa Sede incominciarono nel ’26 e si conclusero nel ’29 con la sottoscrizione dei Patti Lateranensi,
tra Mussolini e il Segretario di Stato Vaticano, Cardinal Gasparri.Questi s’articolavano in tre punti
distinti:
 Un trattato internazionale con cui la Santa Sede s’impegnava a porre fine alla questione
Romana riconoscendo lo Stato Italiano, vedendosi riconosciuta la sovranità sul Vaticano;
 Una convenzione finanziaria, con cui lo Stato italiano s’impegnava a corrispondere al Papa una
forte indennità a titolo di risarcimento per la perdita dei territori nel 1870;
 Un concordato che regolava i rapporti fra Stato e Chiesa, intaccando sensibilmente il
carattere laico dello Stato. Stabiliva che:
o I sacerdoti fossero esonerati dal servizio militare;
o Che il matrimonio religioso avesse effetti civili;
o Che l’insegnamento cattolico fosse considerato come fondamento e coronamento
dell’istruzione;
o Che le organizzazione dell’Azione Cattolica potessero continuare a svolgere le
proprie attività, purché al di fuori di qualsiasi partito politico.
I Patti lateranensi furono per Mussolini un grande successo d’immagine, cosicché alle elezioni
plebiscitarie del ’29 ottenne il 98% delle preferenze. In realtà fu il Vaticano a cogliere i maggiori
vantaggi dall’accordo. La chiesa assunse un ruolo importantissimo nei rapporti con lo Stato, soprattutto
nell’istruzione, e rafforzò notevolmente la sua presenza nel tessuto sociale. Mantenendo intatta la sua
organizzazione d’Azione Cattolica si assicurava un ampio margine di autonomia proprio nel settore
che stava più a cuore ai fascisti: nelle organizzazioni giovanili. Pur non schierandosi mai apertamente
contro il Regime, la Chiesa utilizzò queste organizzazioni per istruire e formare gli elementi
moderati e liberali che avrebbero formato la nuova classe dirigente, una volta caduto il fascismo.
130 L’IMPERIALISMO FASCISTA E LA GUERRA D’ETIOPIA
Nel movimento fascista fu sempre presente una forte componente nazionalista. Il regime amava
presentarsi come paladino degli interessi nazionali. Una volta salito al potere, Mussolini, si propose
come il restauratore dell’antica potenza di Roma. Diversamente dalla Germania, l’Italia non aveva da
avanzare rivendicazioni territoriali plausibili. Nonostante le delusioni subite a Versailles era pur sempre
una potenza vincitrice. Fino agli anni ’30 le inclinazioni imperialiste del regime rimasero vaghe e si
tradussero nel concreto, poco meno di una velata critica all’assetto disegnato dal trattato di pace di
Versailles. Ma proprio questi primi sentimenti imperialisti che cominciavano ad affiorare, contribuirono a
rendere più tesi i rapporti con la Francia, ma non con la Gran Bretagna. Dopo l’Accordo di Stresa del
’35, però si chiuse la stagione d’alleanze con le potenze dell’Intesa. Mentre si accordava con le
potenze vincitrici del primo conflitto per contrastare il riarmo tedesco, Mussolini stava già preparando
l’attacco all’Impero Etiopico, l’unico stato africano ad essere rimasto indipendente. A spingere
Mussolini nell’impresa furono soprattutto le vocazioni imperialiste dell’ideologia e per dimostrare,
dopo la sconfitta di Adua, che il suo regime poteva riuscire laddove i liberali avevano fallito; ma
cercava anche di mobilitare l’opinione pubblica per fare passare in secondo piano i nodi economici che
incominciavano a venire al pettine. Francia e Inghilterra erano disposte ad assecondare le mire italiane,
ma non potevano permettere che uno stato indipendente, associato alla Società delle Nazioni,
potesse essere cancellato dalla carta geografica da un’aggressione.
I primi d’Ottobre del ’35 l’Italia incominciò la Campagna d’Etiopia, per tutta risposta Francia e
Gran Bretagna proposero, al consiglio della Società delle Nazioni, delle pesanti sanzioni che
decretavano nella sostanza l’embargo delle materie prime che sarebbero state utili per scopi bellici. Il
provvedimento consentì a Mussolini di montare a hoc una campagna contro le democrazie europee
colpevoli di una congiura ante italiana. Le folle si mobilitarono per ottenere il proprio “posto al
sole” nel panorama coloniale delle grandi potenze e riempirono le piazze gridando slogan anti inglesi.
Il paese s’inebriò di un’imperialismo popolaresco ben più consistente della Campagna di Libia.
89
769927308
01/06/17
Le operazioni belliche videro una resistenza eroica degli etiopici, guidati da Hailè Sellaissiè, ma non
poterono che soccombere ad un esercito meglio equipaggiato (aerei e mezzi corazzati) e preparato.
Il 5 maggio ’36 le truppe comandate da Badoglio entrarono ad Addis Abeba. Mussolini poté così
annunciare il ritorno dell’“Impero sui colli fatali di Roma”, e offrire a Vittorio Emanuele III il titolo
d’Imperatore d’Etiopia.
Dal punto di vista economico il risultato fu tragico. Paese povero, privo di materie prime, era anche
poco adatto all’agricoltura a causa dell’estrema siccità. Il ritorno d’immagine politica, compensò i
mancati guadagni. Mussolini portò a termine vittoriosamente la campagna militare e riuscì ad
imporre l’accettazione del fatto compiuto alla Società delle nazioni, che nell’estate del ’36 ritirò le
sanzioni contro l’Italia. Gli italiani credettero d’essere entrati nel novero delle grandi potenze, nella
realtà la situazione internazionale, molto delicata soprattutto a causa di Hitler, aveva consigliato a
Francia e Inghilterra un atteggiamento guardingo.
Mussolini, non riuscendo a frenarsi, credette di potere condurre una politica da grande potenza
internazionale, in questo gioco non poteva che avvicinarsi (per ideologia e per necessità, visto che i
rapporti con Francia e Inghilterra si erano incrinati) con la Germania di Hitler. L’indirizzo prese
forma nell’Ottobre del ’36 con la firma di un patto d’amicizia - ASSE ROMA-BERLINO - e
rafforzata dall’intesa nella Guerra in Spagna e alla firma del Patto anticommintern, nel ’37 (con
Germania e Giappone, impegnava i firmatari a combattere il comunismo). L’ASSE non assunse i
connotati della vera alleanza militare, soprattutto perché Mussolini vedeva l’avvicinamento alla
Germania come mezzo di pressione sulle potenze occidentali, in previsione di una nuova espansione
coloniale. Ben presto il Duce rimarrà schiacciato dalla sua macchina e dal dinamismo aggressivo della
macchina militare di Hitler. Credendo di potere abilmente sfruttare l’amicizia con i nazisti Mussolini
finirà col dovere accettare passivamente tutte le iniziative di Hitler, finché nel Maggio ’39 fu quasi
obbligato alla sottoscrizione del PATTO D’ACCIAIO. Un’autentica alleanza militare che lo legava
indissolubilmente alla Germania nazista.
131 GLI ANTIFASCISTI ALL’INTERNO E ALL’ESTERNO
A partire dagli anni ’25-’26 il dissenso politico al fascismo fu proibito, prima, di fatto, quindi
giurisdizionalmente. Molti intellettuali che sentirono la necessità di prendere posizione, decisero di
contrapporre ad un “manifesto degli intellettuali fascisti”, diffuso nell’Aprile ’25 per volontà di
Gentile, un contromanifesto di Croce.
La repressione si fece ancora più dura e molti antifascisti furono costretti all’esilio, altri vittime di omicidi
premeditati (come Pietro Gobetti che con la sua “la rivoluzione liberale” era stato l’animatore del
dibattito politico in Italia). Le fughe all’estero non sempre misero al sicuro dal regime.
Gli intellettuali che si opposero al regime dovettero affrontare la dura repressione, fatta di violenze,
carcere, confino politico, esilio o clandestinità. Alcuni degli oppositori, preferì prendere la strada del
volontario silenzio cercando di sfruttare i ridotti spazi d’autonomia che sfuggivano al controllo
dell’autorità. Fu questa la strada di molti liberali, cattolici e socialisti. I liberali trovarono un importante
punto di riferimento in Benedetto Croce, protetto dalla sua notorietà internazionale e da una precisa
scelta del governo. Grazie ai suoi liberi e alla sua rivista “La Critica” molti intellettuali ebbero la
possibilità di conoscere e mantenere la tradizione liberale.
Per coloro che scelsero di scontrarsi frontalmente con il regime non rimasero che:
 L’esilio all’estero;
 La lotta clandestina.
A praticare quest’ultima furono soprattutto i comunisti, gli unici preparati all’attività cospiratoria. Il
PCI durante il ventennio fu in grado di mantenere attiva una rete clandestina per la diffusione di
opuscoli, giornali e volantini propagandistici antifascisti, nonché ad infiltrare i propri uomini nelle
organizzazioni fasciste. Non mancarono, inoltre, attività antifasciste avviate all’estero da parte degli
esiliati, soprattutto in Francia, già sede di una numerosa comunità antifascista (Turati, Treves e
Saragat). Nel ’27 questi gruppi si federarono nella CONCENTRAZIONE ANTIFASCISTA, che si
ricollegava all’esperienza avventiniana. Nonostante gli scarsi risultati pratici quest’organizzazione
mantenne i contatti con l’opinione pubblica italiana e realizzarono articoli per sensibilizzare l’opinione
pubblica europea sulla situazione italiana. Particolarmente importante fu il dibattito politico che portò ad
una notevole autocritica da parte dei leader socialisti che consentirà di ricompattare le fila del
Partito Socialista nel 1930.
Un nuovo impulso antifascista venne dal movimento “Giustizia e Libertà” fondato da due antifascisti di
nuova generazione. Emilio Lussu e Carlo Rosselli, che si proponeva come un movimento d’azione per
sabotare il regime. Questo movimento si contrapponeva ai comunisti, che avevano instaurato un centro
operativo a Parigi. Palmiro Togliatti, che aveva il posto di leader lasciato vacante da Antonio Gramsci,
imprigionato dai fascisti, condusse le redini del partito con estrema efficacia. Dalla metà degli anni ’30
anche il partito Comunista si convinse a riannodare i rapporti con le altre realtà antifasciste. Era la
90
769927308
01/06/17
stagione dei Fronti Popolari, che ebbe in Spagna il suo fenomeno più significativo, ma dopo il suo
fallimento (accanto anche al fallimento francese) portò una nuova ondata di divisione all’interno dei
movimenti di sinistra italiani.
Il generale si può dire che i movimenti antifascisti non ebbero una grande rilevanza pratica nella
lotta al regime, quando poi scoppiò la guerra mondiale si trovarono nella difficile posizione di chi
dovrebbe sperare nella sconfitta del proprio paese. Solo nell’ultima fase del conflitto divennero
fondamentali sia dal punto di vista militare che politico.
132 L’ITALIA E IL FASCISMO NELLA SECONDA METÀ DEGLI ANNI ‘30
La vittoria d’Etiopia segnò per il regime l’apogeo della popolarità. Ma da allora il fronte dei
consensi conobbe significative incrinature ed incominciò a segnare il distacco definitivo tra il paese e il
regime. A suscitare disagio era la politica economica, sempre più condizionata dalle spese militari per
rinforzare la presenza in Etiopia (senza alcun tornaconto economico) e finanziare i franchisti in
Spagna. Alla fine del ’35, prendendo spunto dall’innalzamento delle sanzioni della Società delle Nazioni,
Mussolini rilanciò l’idea dell’autarchia (cioè dell’economia autosufficiente) che si tradusse in:
 ulteriore inasprimento delle barriere protezionistiche;
 nuovo sfruttamento del sottosuolo;
 favorire la ricerca.
I risultati finali di questo nuovo impulso economico non furono brillanti, anche a causa
dell’inasprimento dell’intervento statale in tutti i settori produttivi. Ad un lieve aumento della
produzione, seguì un aumento dei prezzi, che si tradusse in un nuovo onere per le classi inferiori.
A questi nuovi disagi economici s’accompagnarono le incertezze per la nuova politica estera attuata
da Galeazzo Ciano. L’aspetto che più inquietava l’opinione pubblica era proprio la nuova amicizia con
la Germania nazista, che incominciava a destare i primi sospetti anche nella nostra opinione
pubblica.
Nonostante la situazione fosse poco favorevole, Mussolini mirava fortemente ad una politica
espansionistica militare, per questo pensava che l’Italia avrebbe dovuto mutare profondamente
trasformandosi in un popolo d’attitudini e tradizioni guerriere. Questo implicava da parte del Duce
un atteggiamento duro nei confronti della popolazione che, secondo lui, negli ultimi secoli era
decaduta e si era imborghesita.
Per ricostruire una classe guerriera e orgogliosa, il regime avrebbe dovuto essere ancora più totalitario, da
qui scaturirono alcuni provvedimenti:
 fu creato il Ministero per la Cultura popolare;
 le organizzazioni giovanili furono accorpate nella Gioventù italiana del Littorio;
 sostituzione della Camera dei deputati con la Camera dei Fasci e delle Corporazioni, dove
abolita ogni finzione elettorale si entrava solo in virtù delle cariche ricoperte all’interno del
PNF.
Furono inoltre introdotte alcune misure, in parte folcloristiche, che miravano a conferire un aspetto più
marziale alla vita quotidiana (uno del “voi” al posto del “lei”; divise per gli impiegati pubblici,
l’adozione del “passo romano” nelle sfilate militari).
Ma la scelta più forte ed aberrante della stretta totalitaria di Mussolini fu l’introduzione delle
“leggi discriminatorie nei confronti degli ebrei” introdotte nel ’38. Preannunciate da un manifesto di
sedicenti scienziati, che propagandavano la purezza di una “pura razza italiana” di origine ariana, furono
ricalcate da quelle naziste del ’35 con il quale si escludevano gli israeliti dagli uffici pubblici, ne
limitavano l’attività ed impedivano la celebrazione dei matrimoni misti. La decisione giunse del
tutto inattesa nel paese, che non aveva mai conosciuto forme d’antisemitismo diffuso e che era
abituata a convivere con un’esigua minoranza ebraica. Con la misura Mussolini si proponeva
d’inoculare nella popolazione l’orgoglio razziale così da offrirgli un nuovo motivo d’aggressività e
compattezza.
Anziché orgoglio e consenso, le leggi razziali suscitarono sdegno e sconcerto e aprirono un motivo di
serio contrasto con la Chiesa. Lo sforzo fatto da Mussolini per trasformare il regime in perfettamente
totalitario si rivelò vano per la situazione culturale nazionale. Solo i giovani che furono cresciuti a pane
e propaganda riportarono parzialmente il successo d’inquadramento sperato, ma anche il sostegno
che arrivò da loro incominciò a mancare una volta entrati in guerra e provate le prime sconfitte militari.
133 LE ORIGINI DELLA II GUERRA MONDIALE
Con un percorso analogo a quello del primo conflitto, la seconda guerra Mondiale avrebbe visto il teatro
delle operazioni allargarsi in modo ancora più vasto e mutato ancora di più gli equilibri
91
769927308
01/06/17
internazionali. A sovrapporsi al conflitto di popoli, in questo caso, fu anche una profonda
contrapposizione ideologica che vedeva i grandi paesi democratico-liberali scontrarsi con i regimi
fascisti.
Il periodo che va dalla Conferenza di Monaco (Settembre ’38) allo scoppio della guerra, mostrò
come la pace firmata da Hitler con le nazioni democratiche, non fosse altro che un rinvio. Per questo tutte
le responsabilità dello scoppio del conflitto sono da attribuire alla politica aggressiva e sconsiderata
del gerarca nazista, desideroso di riaffermare l’egemonia tedesca.
Il primo successo di Hitler fu nel ’38 con l’Anschluss, cioè l’annessione, dell’Austria al Reich,
eseguita senza violenza. Hitler aveva mobilitato i nazisti austriaci che dopo aver costretto il cancelliere
alle dimissioni chiamarono l’esercito tedesco sul territorio per ristabilire l’ordine pubblico. Un
mese dopo un plebiscito avrebbe sanzionato l’annessione alla Germania. Hitler mise subito sul
tappeto una nuova rivendicazione: i Sudeti, territorio cecoslovacco in cui viveva una maggioranza di
popolazione di lingua tedesca. Ancora una volta furono mobilitati i nazisti locali e anche i Sudeti furono
inglobati nel Reich. Le potenze democratiche convocarono la Conferenza di Monaco di Baviera il 2930 Settembre ’38: Hitler barattò la pace col riconoscimento dei territori annessi, mentre
Chamberlain, Dedalier (primo ministro francese) e Mussolini al rientro in patria furono accolti con gli
onori riservati ai salvatori della pace, l’URSS, non convocato, prese nuovamente le distanze dalle
potenze occidentali pensando ad un compromesso con i nazisti.
Le democrazie europee si erano illuse di avere accontentato i tedeschi con la cessione del territorio dei
Sudeti al Reich, in realtà già dall’ottobre’38 Hitler aveva i piani per l’occupazione militare della
Cecoslovacchia.
L’operazione vera e propria scattò nel Marzo ’39; mentre la Slovacchia si proclamava indipendente
i territori di Boemia e Moravia furono annessi alla Germania quasi senza resistenza.
La distruzione dello stato cecoslovacco provocò una svolta nell’atteggiamento delle potenze
occidentali. Francia e Gran Bretagna diedero vita ad un’offensiva diplomatica atta a stabilire una rete, la
più ampia possibile, d’alleanze militari atte a contrastare l’ASSE. Patti d’assistenza furono stipulati
con:
 Belgio, Olanda, Grecia, Romania, Turchia e Polonia.
Quest’ultimo fu il più importante, perché proprio la Polonia costituiva il primo obiettivo militare vero
e proprio. Già a Marzo Hitler aveva rivendicato il possesso di Danzica, e il diritto di passaggio
attraverso il corridoio che univa la città al territorio polacco. L’alleanza della Polonia con Inghilterra e
Francia significava che le potenze europee erano ormai disposte ad entrare in guerra, per impedire
che questa subisse la stessa sorte della Cecoslovacchia.
La radicalizzazione dello scontro fra tedeschi e anglo-francesi non diede alcuno spazio d’azione a
Mussolini che cercò dapprima di contrapporre alle azioni di Hitler una propria iniziativa
unilaterale. Nell’aprile ’39 occupò il piccolo regno d’Albania considerandolo come una base per la
penetrazione nella penisola Balcanica. L’operazione ebbe come unico risultato di incrementare le
tensioni italiane con gli anglo-francesi. La situazione stava ormai irrimediabilmente degenerando, così
Mussolini ormai certo dello scoppio del conflitto e della superiorità militare tedesca, decise di
sottoscrivere con la Germania il PATTO D’ACCIAIO nel Maggio ’39. Il patto stabiliva che se una
delle due parti si fosse trovata impegnata in un conflitto, anche in veste d’aggressore, anche l’altra
sarebbe stata chiamata come parte in causa. Mussolini accettarono i vincoli non considerandoli troppo
rischiosi, pur sapendo che l’Italia non era militarmente ed economicamente preparata per una
guerra, ma confidando soprattutto sulla poderosa macchina bellica tedesca. Hitler inoltre aveva
rassicurato Mussolini sul suo desiderio di non fare scoppiare la guerra, anche se al momento della stipula
erano già pronti i piani per l’invasione militare della Polonia.
A livello internazionale, la principale incognita era costituita dall’atteggiamento dell’Unione
Sovietica, perché la sua adesione alla coalizione antitedesca avrebbe probabilmente impedito lo
scoppio del conflitto. Ma le trattative tra gli Alleati e l’URSS furono segnate da una serie di reciproche
diffidenze:
 I sovietici erano convinti che gli occidentali volessero scaricare su di loro l’aggressività dei
nazisti;
 Gli occidentali attribuivano ai russi una forma di complicità con i tedeschi per ambire ad
una futura espansione nei territori dell’Europa dell’Est;
 I polacchi temevano la presenza militare sovietica sul loro territorio.
I sovietici si convinsero che non avrebbero avuto niente da guadagnare dall’accordo, e incominciarono a
prestare maggiore attenzione alle offerte d’intesa che incominciavano ad arrivare dalla Germania.
Così nell’Agosto ’39 i ministri degli Esteri delle due nazioni – Von Ribbentrop e Molotov, firmarono a
Mosca il Patto di non aggressione fra le due nazioni. L’annuncio della sua sottoscrizione generò un
misto di stupore e indignazione (accordo fra le due maggiori contrapposizioni ideologiche della storia),
ma diplomaticamente assicurò ad entrambe le parti dei notevoli vantaggi immediati:
92
769927308
01/06/17

L’URSS allontanava la minaccia nazista, guadagnando tempo per la sua preparazione militare e,
attraverso la sottoscrizione di un protocollo segreto, otteneva anche un riconoscimento delle sue
aspirazioni su alcuni territori Baltici che avrebbe spartito con i tedeschi a guerra avvenuta;
 I tedeschi potevano cautelarsi contro l’eventualità di una guerra su due fronti lasciando scoperto
quello orientale.
Dopo avere sistemato l’ultimo tassello, il 1 settembre 1939 le truppe tedesche attaccavano la Polonia,
il 3 Settembre, Francia e Inghilterra inviavano la dichiarazione di guerra alla Germania.
134 LA GUERRA IN EUROPA 1939-1941
Le prime settimane di Guerra furono sufficienti alla Germania per sbarazzarsi della resistenza
polacca, e per offrire al mondo l’impressionante dimostrazione della propria potenza militare.
L’offensiva di terra, anticipata da micidiali bombardamenti aerei e d’artiglieria mostrarono al mondo il
desiderio tattico teutonico di organizzare le operazioni con una “GUERRA LAMPO”. Il nuovo stile di
guerra si basava sull’utilizzo congiunto dell’aviazione e delle forze corazzate per aprire la strada alle
divisioni di fanteria. L’utilizzo su larga scala dei carri armati e degli autoblindo, raggruppati in
speciali reparti meccanizzati, rendevano ancora più efficace la guerra di movimento e consentivano
d’impadronirsi in tempi molto brevi di vasti territori nemici.
Già a metà settembre ’39 le truppe tedesche avevano preso Varsavia e all’inizio d’Ottobre cessava
ogni resistenza da parte dell’esercito polacco. I tedeschi imposero un durissimo Regime
d’Occupazione, mentre i sovietici, sfruttando gli accordi, occupavano le regioni orientali del paese.
Per i successivi sette mesi la guerra rimase congelata, consentendo ai tedeschi di riorganizzarsi, mentre
nelle file alleate serpeggiava il nervosismo.
Inaspettatamente fu l’URSS a fare la mossa seguente attaccando la Finlandia il 30 Novembre ’39. La
campagna fu più difficile del previsto, ma nel Marzo del ’40 la Finlandia dovette cedere ai sovietici
concedendo parecchi territori, ma mantenendo la propria indipendenza.
A questo punto ripresero a muoversi i tedeschi, nell’Aprile del ’40, attaccarono la Danimarca e la
Norvegia e nonostante qualche timida resistenza l’operazione fu portata a buon fine con stesso
successo e velocità d’esecuzione.
Ormai i tempi erano propensi per scatenare l’attacco sul fronte Occidentale. L’offensiva contro la
Francia incominciò il 10 Maggio ’40. Il successo con cui l’esercito nazista iniziò l’offensiva, contro il
più numeroso e potente esercito occidentale, fece pensare ad un’ennesima campagna lampo con
relativa vittoria dei tedeschi. A provocare la sconfitta dei francesi furono le tattiche scelte dai
generali transalpini, ancora legati alle concezioni statiche della guerra e troppo fiduciosi della
resistenza della famosa Linea Maginot (fortificazione che copriva solo il confine con la Germania,
lasciando scoperto quello con il Belgio da dove sarebbe venuta la minaccia). I tedeschi iniziarono
l’attacco alla Francia violando la neutralità di Lussemburgo, Olanda e Belgio. Nel maggio ’40 i
tedeschi passarono la foresta delle Ardenne, con le divisioni corazzate (nonostante i francesi lo
ritenessero impossibile), e sfondarono le linee nemiche a Sedan. Solo un momentaneo rallentamento dei
reparti teutonici, consentì alle forze alleate (ai francesi si era appena unito un contingente inglese) di
reimbarcare i rinforzi nel porto di Dankerque. La sosta tedesca era dovuta, in parte, ad un’esigenza
riorganizzativa dell’esercito ed, in parte, ad un tentativo diplomatico di Hitler di accordarsi con
l’Inghilterra affinché quest’ultima decidesse di non intervenire.
Per la Francia la sconfitta era ormai inevitabile, il 14 Giugno ’40 i tedeschi occuparono Parigi.
Divenuto presidente del consiglio il Maresciallo Petain, dichiaratamente schierato su posizioni
d’estrema destra, aprì immediatamente le trattative per la firma dell’armistizio, mentre da Londra il
Generale De Gaulle incitava i francesi alla resistenza.
L’armistizio fu firmato a Rethondes il 22 Giugno ’40, nello stesso vagone in cui nel ’18 i tedeschi
erano gli sconfitti, e prevedeva che:
a. il nuovo governo francese s’insediasse nella cittadina di Vichy;
b. conservasse la sovranità su un territorio corrispondente alla parte centro-meridionale
del paese;
c. mantenesse il controllo sulle colonie.
Il governo di Vichy segnò la fine della Terza repubblica, che era nata circa settant’anni prima, da
un’altra clamorosa sconfitta, quella di Napoleone III sempre a Sedan. La nuova assemblea
costituente si spogliò d’ogni potere affidando al Capo del nuovo Governo il compito di stilare una
nuova Costituzione. Come tutti gli esponenti della destra, il maresciallo Petain attribuiva le cause della
sconfitta alla classe dirigente liberal-democratica che aveva guidato gli ultimi agonizzati anni della
terza Repubblica. Pertanto propose una rivoluzione nazionale con un ritorno al culto dell’autorità e
della disciplina; strenua difesa della religione e della famiglia. Nel concreto il Governo di Vichy si
tramutò in uno stato satellite della Germania.
93
769927308
01/06/17
Ogni rapporto diplomatico con l’Inghilterra si deteriorò, sino ad interrompersi allorquando gli
inglesi attaccarono e affondarono la flotta francese per impedire che potesse andare in mano ai
nazisti.
Quindi dal Giugno ’40 era rimasta solo la Gran Bretagna a combattere contro la Germania. Hitler
sarebbe stato disposto a trattare purché gli fossero state riconosciute le conquiste. Ma la classe
politica inglese rifiutò ogni ipotesi di tregua. La Gran Bretagna poteva contare su:
 L’integrità della miglior flotta militare;
 Una ritrovata tranquillità economica;
 Il sostegno politico-militare degli stati del Commonwealth.
Il più accanito sostenitore della guerra contro il nazismo si rivelò il primo ministro, il conservatore
Wiston Churchill, chiamato nel Maggio ’40 a guidare in nuovo Governo d’unità nazionale.
Churchill aveva previsto la necessità di una grande sofferenza per sconfiggere il nemico e così fu. I
primi di Luglio del ’40 Hitler lancia la campagna d’Inghilterra, chiamandola “Operazione Leone
Marino”. Premessa indispensabile per la riuscita del piano era il predominio dei cieli che avrebbe
dovuto equilibrare la supremazia degli inglesi nei mari. Quella contro l’Inghilterra fu la prima
grande battaglia aerea della storia. Per tre mesi la Luftwaffe (l’aviazione militare tedesca) effettuò
continue incursioni bombardando, dapprima obiettivi militari, poi insediamenti industriali, finendo con il
non risparmiare nemmeno gli insediamenti civili. Gli attacchi furono comunque efficacemente
contrastati dalla contraerea e dalla Royal Air Force, l’aviazione di Sua Maestà la Regina, che seppe
tenere testa ai più numerosi velivoli nemici. Ad aiutare la risposta inglese si ricorda l’utilizzo
sistematico dei RADAR per l’individuazione preventiva dei velivoli nemici. All’inizio dell’autunno,
quando le condizioni climatiche incominciavano a volgere al brutto, la resistenza inglese non era stata
piegata e l’Operazione Leone Marino fu interrotta e rimandata a data da destinarsi. La tenacia inglese
aveva permesso un successo soprattutto dal punto di vista del morale, ed aveva segnato.
All’inizio dell’estate 1941 Hitler aveva ristabilito il suo predominio in Europa (rimaneva aperta solo la
campagna del Nord Africa) e poteva pianificare il suo obiettivo più ambito: la conquista dello
“SPAZIO VITALE” verso l’URSS.
135 L’ATTACCO ALL’UNIONE SOVIETICA
Con l’attacco al URSS dell’estate ’41 la guerra entrò in una nuova fase, e proprio dalla campagna di
Russia nascerà la svolta del conflitto.
Così la Gran Bretagna non fu più sola a combattere. Il Commintern accettò di allearsi con le
democrazie occidentali per sconfiggere il cancro nazista.
Che l’URSS costituisse il principale obiettivo di Hitler non era un mistero nemmeno per i russi, ma
Stalin s’era illuso che non avrebbe mai attaccato prima d’essersi sbarazzato dell’Inghilterra. La
tattica attendista avrebbe consentito all’URSS di sbarazzarsi di un nemico ingombrante (per il
predominio dei mari), e di riorganizzare la propria macchina militare.
Il 22 Giugno ’41 i tedeschi attaccarono l’URSS che impreparata facilitò il successo ai tedeschi.
L’OPERAZIONE BARBAROSSA scattò con un fronte dal Mar Baltico al mar Nero (impegnò un
contingente italiano inviato da Mussolini, smanioso di partecipare alla crociata antibolscevica).
I successi tedeschi s'indirizzarono lungo due direttrici: le regioni Baltiche e l’Ucraina. I russi
indietreggiarono, provvedendo a bruciare tutto il possibile, per impedire gli approvvigionamenti
all’esercito nemico. Quello che avrebbe dovuto essere l’attacco decisivo, su Mosca, fu sferrato tardi.
Gl’inizi d’Ottobre, con l’arrivo del grande freddo, fermarono l’esercito tedesco alle porte della capitale
sovietica. Nel Dicembre ’41 i russi lanciavano la prima controffensiva.
Hitler così aveva mancato il suo obiettivo principale e si trovava con il grosso dell’esercito
impantanato nel Grande Inverno Russo, la guerra lampo si trasformò in guerra d’usura. Il
cambiamento di tipologia avrebbe segnato l’inizio della fine della superiorità tedesca. Guidata da
Stalin, la resistenza si dimostrò accanita: attingendo risorse umane da un serbatoio infinito riuscì a
riorganizzarsi dalle spaventose perdite e a riavviare la produzione bellica.
A mettere in crisi la macchina militare teutonica contribuì inoltre la decisione fatale dell’entrata in
guerra di un’altra delle grandi potenze mondiali, che fino ad allora s’era schierata per il non
intervento: gli Stati Uniti.
136 L’AGGRESSIONE GIAPPONESE E IL COINVOLGIMENTO DEGLI STATI UNITI
Allo scoppio del conflitto gli Stati Uniti avevano riproposto una politica di non intervento mantenuta
per gli anni fra le due guerre. Rieletto nel novembre ‘40, per il terzo mandato, F.D.Roosevelt
s’impegnò nel sostegno economico alla Gran Bretagna, per favorire la lotta ai nazifascisti. Nel
Marzo ’41 una legge detta degli “affitti e prestiti”, consentiva la fornitura a prezzi molto favorevoli
di materiale bellico, ai paesi la cui difesa fosse considerata vitale per gli interessi americani. Questa
politica che tendeva a fare degli USA l’arsenale delle potenze democratiche, poneva il paese in rotta di
94
769927308
01/06/17
collisione con le nazioni del Patto d’Acciaio. L’indirizzo americano si concretò appieno con la stipula
della Carta Atlantica (14 agosto ‘41), tra Roosevelt e Churchill. Un documento in otto punti (un
aggiornamento ai quattordici punti della dottrina Wilson) in cui i due stati ribadivano la condanna ai
regimi fascisti e fissavano i punti nodali per l’erezione di un nuovo ordine a conflitto finito.
 Principio di sovranità popolare;
 Autodeterminazione dei popoli;
 Liberismo commerciale;
 Libertà nei mari;
 Cooperazione internazionale;
 Rinuncia alla forza nella soluzione delle controversie fra gli stati.
Il coinvolgimento americano nella guerra appariva cosa fatta, a decretarlo fu l’inaspettato attacco del
Giappone nel Pacifico. Il paese del Sol Levante si era legato al Patto d’Acciaio già dal ’40,
realizzando il nuovo Patto Tripartitico. Impegnato dal ‘37 nella guerra di conquista della Cina, vide
nel conflitto mondiale la concreta possibilità d’allargare la propria influenza nel sud-est asiatico.
Quando nel Luglio ’41 il Giappone invase l’Indocina francese, Gran Bretagna e USA reagirono
bloccando le esportazioni. Cosicché, povero di materie prime, l’impero giapponese si trovò obbligato
a scegliere se sottomettersi all’egemonia anglo-americana, o procurarsi diversamente gli elementi
indispensabili a mantenere il proprio stato nel novero delle potenze mondiali. L’orgoglio nipponico
fece propendere la scelta verso la seconda possibilità. L’impero giapponese si lanciò quindi alla
conquista di nuove terre.
Senza previa dichiarazione di Guerra, il 7 dicembre ‘41 l’aviazione giapponese attaccò la flotta
USA ancorata a Pearl Harbor. Nell’operazione distrusse parte della flotta americana e nei mesi
successivi conquistò altri obiettivi come le Filippine, Malesia, Indonesia e minacciando Australia e
India.
Pochi giorni dopo anche Italia e Germania dichiaravano guerra agli USA.
137 RESISTENZA E COLLABORAZIONISMO
Nell’estate ’42 le potenze dell’alleanza tripartito raggiunsero la loro massima espansione territoriale.
Attorno al tripartito ruotavano gli alleati minori:
 Ungheria, Romania, Bulgaria, Serbia;
 E da non dimenticare la Francia della Repubblica di Vichy.
Inoltre all’estremo occidentale dell’Europa c’era la Spagna di Francisco Franco che pur non essendosi
schierata da nessuna delle due parti avverse, simpatizzava per l’ideologia nazista.
Dei tre alleati principali, l’Italia era quella che godeva del ruolo marginale. Il vero fulcro dell’alleanza
era la Germania nazista, la cui macchina bellica lavorava a pieno ritmo (grazie anche allo
sfruttamento sistematico dei prigionieri nei lager).
Germania e Giappone cercarono di costituire nei territori occupati un: “NUOVO ORDINE”, basato
sulla supremazia della nazione eletta e sulla rigida subordinazione degli altri popoli. Ma mentre il
Giappone si appoggiava ai movimenti indipendentisti locali (quelli che avevano da anni incominciato
la loro crociata contro gli occidentali), i nazisti non concedettero nulla ai popoli a loro assoggettati.
Un trattamento particolarmente duro fu riservato ai popoli slavi. Tutta l’Europa dell’Est sarebbe
dovuta diventare la colonia agricola del Reich. Per fare ciò si doveva sterminare le elite locali e gli
intellettuali. Cosicché anche gli slavi andarono ad ingrossare le file dei bersagli da spedire nei lager. Ma
la sorte peggiore toccò agli ebrei. In ogni paese conquistato la minoranza ebraica fu dapprima
emarginata, quindi ghettizzata prima di essere imprigionata e spedita nei lager. In questi campi di
prigionia erano sfruttati come manodopera a costo zero, prima di essere eliminati nelle camere a gas
una volta stremati dalle fatiche. Il culmine della persecuzione si manifestò col progetto del Fuhrer
detto: “SOLUZIONE FINALE” che prevedeva la sistematica eliminazione degli ebrei.
Il progetto di sistematico sfruttamento delle popolazioni portò alla Germania nazista un vantaggio
nell’immediato, soprattutto dal punto di vista della produttività; ma un forte sentimento di rivalsa e
d’odio verso i conquistatori da parte dei conquistati. La situazione imponeva all’esercito nazista il
mantenimento d’elevati contingenti militari nei paesi di occupazione sottraendoli alle dislocazioni
strategiche sui fronti. Nonostante la massiccia presenza non mancò lo sviluppo di forti movimenti di
resistenza al regime. Episodi di resistenza antinazista si manifestarono già nella prima parte della
Guerra. Protagonisti erano gruppi antifascisti armati dagli alleati.
Nella primavera del ’41 la resistenza assunse dimensioni rilevanti, favorita dall’attacco tedesco
all’URSS, che coagulò i diversi movimenti comunisti europei. Autentici movimenti popolari si
svilupparono in Grecia e Jugoslavia, ma spesso questi gruppi finivano con l’operare in modo scollato gli
uni dagli altri. Accordi unitari furono raggiunti in Francia e Italia, i paesi maggiormente colpiti
dalle violenze.
95
769927308
01/06/17
Ma la resistenza rappresentò solo una faccia della realtà. In tutti i paesi invasi vi fu una fetta, più o
meno vasta, di popolazione che accettò di collaborare con gli invasori: I COLLABORAZIONISTI. I
nazisti, trovarono ovunque volontari per combattere la resistenza, a volta disposti anche ad
arruolarsi nelle loro file. In alcuni paesi si servirono degli esponenti dei fascismi locali, in altri
trovarono il sostegno dei movimenti separatisti (particolarmente crudo fu l’episodio degli USTASCIA
CROATI, da sempre in lotta per separarsi dalle altre nazioni slave e che avevano dimostrato particolare
violenza operativa). In alcuni casi, poi, furono autentiche frazioni della classe dirigente al potere prima
della guerra, a sostenere direttamente il regime nazista. Il caso strategicamente più importante fu
quello della Repubblica Francese di Vichy. Il nuovo governo fu da sempre in piena e totale
collaborazione con i nazisti, e rimase fedele al proprio indirizzo anche dopo lo sbarco in Normandia.
138 LA SVOLTA DELLA GUERRA E LE VICENDE MILITARI 1943-1945
Nei mesi tra il 1942 e il ‘43 l’andamento della guerra subì una svolta decisiva. I primi segni
dell’inversione di tendenza si ebbero nel Pacifico, dove i giapponesi subirono le prime battute
d’arresto. La flotta giapponese fu bloccata dagli USA nel;
 Mar dei Coralli e alle isole Midway.
Furono queste le prime battaglie in cui le flotte s’affrontarono senza vedersi. Il loro svolgimento era
svolto principalmente dagli aerei “caccia e bombardieri” che decollando dalle portaerei eseguivano
le loro missioni a distanza dalle navi. Quando nel ’43 le truppe da sbarco americane, i marines,
riuscirono ad occupare l’isola di Guadalcanal, ai giapponesi non rimase che mettersi sulla
difensiva, ma era questo il primo segnale di un riequilibrio della situazione.
Tra il ’42 e il ’43 gli equilibri di guerra si rovesciarono anche nell’Atlantico, dove i tedeschi avevano
condotto delle operazioni molto efficaci, soprattutto grazie all’uso dei micidiali sottomarini, gli UBOT, con i quali avevano tagliato i rifornimenti dall’america all’Europa. Gli alleati riuscirono a
ridimensionare le perdite grazie ad una serie d’innovazioni tecniche:
 Radar e sonar, bombe di profondità, razzi antisommergibile e sistemi di decrittaggio dei
codici cifrati.
Ma l’episodio che si sarebbe rivelato decisivo per le sorti del conflitto si giocò in Russia. Nell’Agosto
’42 i tedeschi iniziarono l’assedio di Stalingrado, città strategica del Sud Est del paese. Nel novembre
’42, dopo aspri combattimenti, i sovietici contrattaccarono efficacemente. Anziché battere in ritirata,
Hitler ordinò la resistenza a oltranza, sacrificando un’intera armata. Fu la prima significativa
sconfitta tedesca, subita poi nel territorio degli “odiati comunisti”.
Anche sul fronte nordafricano gli alleati riuscirono a rovesciare la situazione. L’esercito britannico del
generale Montgomery riuscì ad organizzare un’efficace controffensiva contro l’esercito italo-tedesco
che, alla guida del generale Rommel, era giunto sino a El Alamein. Gli eserciti italo-tedesco furono
costretti alla ritirata sino a ricollocarsi in Tunisia. Intanto, nel Novembre ’42, truppe alleate sbarcarono
in Algeria e Marocco, così da stringere tra due fuochi le forze dell’Asse, che furono costrette alla
resa nel Maggio ‘43. Una volta sistemato lo scacchiere africano gli alleati poterono concentrare i loro
sforzi nell’attacco all’Europa.
Le tre grandi alleate: Urss, Gran Bretagna e USA insieme, più per necessità che per libera scelta, si
posero il problema di elaborare una strategia per battere le potenze fasciste. Nella Conferenza di
Washington, tra il Dicembre ’42 e il Gennaio ’43, gli alleati, insieme a molte altre nazioni in guerra
(molti paesi del Commonwealth e rappresentanti dei paesi occupati dai tedeschi), sottoscrissero il patto
delle Nazioni Unite. I contraenti s’impegnavano a:
 Tener fede ai principi della Carta Atlantica;
 Combattere le nazioni fasciste;
 Non sottoscrivere trattati di pace o armistizi separati.
Ma l’impegno comune non bastò a cancellare le divergenze politiche-ideologiche degli alleati, che non
mancarono di manifestare indirizzi strategici diversi. Il contrasto più grave riguardava i tempi e i modi
d’apertura di un fronte in Europa:
 Stalin lo avrebbe voluto subito e nell’Europa del Nord, per alleggerire il proprio fronte;
 Churchill avrebbe voluto chiudere definitivamente la partita in Africa prima di incominciare
un’azione nell’Europa Meridionale.
Prevalse alla fine il punto di vista inglese. Alla conferenza di Casablanca del gennaio ‘43 si decise che:
una volta finita la Campagna d’Africa, le truppe alleate sarebbero sbarcate in Italia Meridionale per
una resa nazi-fascista incondizionata.
Il 12 Giugno ‘43 le forze anglo-americane conquistarono Pantelleria e ai primi di Luglio le truppe
americane occuparono la Sicilia senza resistenza delle popolazioni locali.
Così, a partire dall’autunno ’43, l’Italia si trovava divisa in due parti:
 Le regioni centro-settentrionali con una situazione d’occupazione militare tedesca;
96
769927308
01/06/17
 Le regioni meridionali saldamente in mano agli eserciti alleati.
Al Nord, intanto, il fascismo risorgeva dalle sue ceneri, forte dell’appoggio nazista. Il 12 settembre
’43 paracadutisti tedeschi liberarono Mussolini dalla sua prigionia sul Gran Sasso; pochi giorni dopo il
Duce dichiarava la sua intenzione di dare vita a:
 La nuova Repubblica Sociale Italiana (RSI);
 Il nuovo Partito fascista Repubblicano.
 Un nuovo esercito desideroso di combattere al fianco degli “antichi alleati”.
Nell’Autunno ’44 però l’avanzata alleata in Italia si bloccò di colpo sulla linea Gotica (tra Rimini e
La Spezia). Il proclama del Generale Alexander che, nel Novembre ’44, invitava i partigiani a
sospendere le azioni militari provocò forti malumori e fraintesi. Nonostante il mancato appoggio militare
degli alleati, le formazioni partigiane riuscirono a resistere alle rappresaglie e ai rastrellamenti dei
tedeschi e repubblichini sino al ’45, quando rinforzati nuovamente dagli eserciti alleati riusciranno a
liberare tutto il paese.
In Unione Sovietica, intanto, tra il ’43 e il ’44, l’Armata Rossa iniziò una lenta ma costante avanzata
che si sarebbe conclusa nel Maggio ’45 con la presa di Berlino. Le vittorie sovietiche ottenute con un
elevatissimo costo militare consentirono all’URSS di accrescere notevolmente il suo peso contrattuale,
il che si palesò alla Conferenza interalleata di Teheran, del Novembre ’43. Per la prima volta
Roosvelt, Churchill e Stalin s’incontrarono personalmente. Stalin riuscì ad ottenere dagli angloamericani l’impegno per uno sbarco sulle coste francesi, nella primavera del ’44, nonostante fosse
chiara la pericolosità dell’operazione (i tedeschi avevano costruito nella zona un’imponente
fortificazione difensiva: il Vallo Atlantico). Per la realizzazione del piano fu necessario uno sforzo
enorme, così da permettere uno spiegamento di mezzi e uomini tale da assicurare agli americani,
guidati dal Generale Eisenhower, una schiacciante superiorità.
L’OPERAZIONE OVERLOAD, scattò il 6 Giugno ’44. Le truppe alleate, precedute da un fittissimo
bombardamento, riuscirono a sbarcare sulle coste della Normandia. Dopo giorni di cruenti
combattimenti, gli alleati riuscirono a penetrare nell’entroterra sfondando le difese tedesche. Il 25
agosto ’44 le truppe alleate e l’esercito francese di De Gaulle entrarono in una Parigi già liberata dai
partigiani francesi. Nonostante la tattica suicida ordinata da Hitler che pretendeva la resistenza ad
oltranza, l’avanzata alleata si bloccò e l’esercito nazista ebbe il tempo di rioganizzarsi.
Ma la Germania poteva già considerarsi virtualmente sconfitta, il fronte degli alleati si stava
sbriciolando. Bulgaria, Romania, Ungheria e Finlandia avevano firmato armistizi. Il territorio del Reich
non era ancora stato toccato dagli alleati, ma era sottoposto a continue incursioni aeree. L’offensiva
aerea alleata aveva l’obiettivo di:
 Colpire la produzione industriale nazista;
 Demoralizzare la popolazione.
Oltre agli obiettivi militari ed industriali furono colpite anche le città, molte delle quali furono ridotte in
macerie. Ma nemmeno i bombardamenti piegarono la spregiudicata determinazione di Hitler di
volere resistere ad oltranza. Il Fuhrer credeva ancora nella possibilità di un nuovo rovesciamento delle
sorti; aveva avviato un programma di studio su nuove armi particolarmente potenti, come i missili
V1 e V2, nonché un imponente studio sulla realizzazione della Bomba atomica. Ma aveva continuato,
anche, a sperare in una rottura tra l’URSS e le altre potenze alleate, prospettiva del tutto infondata. Nella
Conferenza di Mosca dell’Ottobre ’44, Churchill e Stalin abbozzarono una divisione di zone d’influenza
nei Balcani, che comunque contrastava con le direttive della Carta Atlantica. A cementare ulteriormente
l’alleanza, Churchill, Stalin e Roosvelt tornarono a riunirsi nella Conferenza di Yalta, in Crimea, nel
Febbraio ’45. Nell’occasione fu deciso che la Germania sarebbe stata divisa in quattro zone
d’occupazione e sottoposta a radicali misure di denazistificazione; in Polonia, il nuovo governo
sarebbe dovuto nascere da una componente comunista e una filoccidentale. In cambio delle rassicurazioni
ottenute nella conferenza, l’URSS dichiarò guerra al Giappone.
A metà Gennaio ’45 i tedeschi tentarono un’ultima disperata controffensiva nelle Ardenne, ma gli
alleati riuscirono a bloccarli e a riprendere l’iniziativa. I sovietici conquistarono la Polonia ed entrarono in
territorio tedesco. A Febbraio erano a pochi chilometri da Berlino (un obiettivo che Stalin mirava a
raggiungere prima degli alleati).
Più a Sud l’Armata Rossa liberava l’Ungheria, la Cecoslovacchia e l’Austria.
Gli anglo-americani, che avevano sfondato in Normandia, attaccarono la Germania dal Reno.
Riuscirono ad entrare in territorio tedesco trovando, per la prima volta, una scarsa resistenza. Il 25
aprile ’45 anche le avanguardie alleate si posizionavano attorno a Berlino. Il 30 aprile ’45, mentre
l’Armata Rossa stava per entrare a Berlino, Hitler si ucciseidò nel suo Bunker, lasciando la
presidenza del Reich all’Ammiraglio Donitz. L’ammiraglio chiese subito agli alleati di firmare
l’armistizio, che sarà firmato il 7 Maggio ’45 a Reims.
LE OSTILITÀ CESSARONO LA NOTTE TRA L’8 E IL 9 MAGGIO 1945.
97
769927308
01/06/17
In aprile, crollava anche il Fronte Italiano. Il 25 aprile, il CLN lanciava l’ordine dell’Insurrezione
generale. Mussolini, che tentava di riparare in Svizzera, travestito da soldato tedesco, fu catturato e
fucilato il 28 aprile ’45 e il suo cadavere fu esposto a Milano in Piazzale Loreto.
Dopo il 9 Maggio ’45 la Guerra Mondiale, in Europa, era conclusa, ma restava aperta ancora in
Estremo Oriente, dove il Giappone, ormai solo, continuava ostinatamente a combattere.
139 LA GUERRA NEL PACIFICO E IN ASIA E LA SCONFITTA DEL GIAPPONE
Nonostante l’impegno sul fronte europeo, l’esercito americano, a partire dal ’43, incominciò una lenta
ma costante riconquista delle posizioni nel Pacifico. Nell’estate del ‘45 liberi rivolsero tutto il loro
potenziale alla guerra al Giappone. Decisivo fu l’apporto delle grandi portaerei, navi gigantesche, con
enormi ponti da cui potevano decollare aerei (caccia e bombardieri strategici, enormi velivoli che
potevano volare altissimi, fuori dallo spazio aereo nipponico, così da potere liberamente e ripetutamente
bombardare il territorio). Il nemico orientale, malgrado la fine dell’ASSE, continuava a combattere
con accanimento, rifiutando la resa. Per bilanciare lo strapotere americano, l’esercito del Sol Levante
utilizzò una nuova arma: i Kamikaze. Aviatori suicidi, che usavano i propri velivoli come proiettili per
affondare le navi nemiche. Questo sistema non convenzionale sconvolse gli statunitensi, che per un
attimo si trovarono spiazzati. Il timore di un peggioramento, costrinse il nuovo presidente, Truman,
succeduto a Roosevelt nell’aprile ’45, d’impiegare contro il Giappone una nuova arma, da tempo in
studio negli States.
La prima Arma Totale della storia: la Bomba Atomica
Realizzata da un pool internazionale di scienziati, aveva un duplice scopo:
 Abbreviare il corso del conflitto nel Pacifico, piegando definitivamente la resistenza
nipponica;
 Dimostrare a mondo e soprattutto all’alleato sovietico”, la potenza USA.
Il 6 Agosto ’45 a Hiroshima, il 9 a Nagasaki furono sganciate le atomiche.
 migliaia di morti;
 la completa distruzione delle città;
 effetti delle radiazioni nel lungo periodo.
Il 12 settembre ’45 l’imperatore Hirohito firmò l’armistizio che segnava la conclusione del secondo
conflitto mondiale.
Il risultato finale fu di oltre 50 milioni di morti, ma le ricadute economiche furono tremende, soprattutto
nei paesi che la vissero in prima persona.
140 I PROBLEMI DEL DOPOGUERRA E LE NAZIONI UNITE.
La guerra è lo spartiacque fra due periodi storici, dove si concretò il culmine della crisi
internazionale iniziata con la prima guerra mondiale.
L’incapacità di proporsi come potenza mondiale, in un panorama sempre più ampio, aveva impedito agli
stati europei di rimanere la guida mondiale, aprendo la strada agli USA e all’URSS.
L’organizzazione delle due superpotenze non era quella dei vecchi Stato-nazione:
 realtà multietniche;
 grande industriallizzazione;
 dispensatrici di messaggi per assicurare il benessere dei popoli;
o Messaggio americano: espansione della democrazia occidentale, pluralismo politico, libertà
individuale e di concorrenza, basata sull’etica del successo, con un impronta edonistica e
utilitaristica;
o Messaggio sovietico: trasformazione dei vecchi assetti politico-sociali sulla base del
modello collettivistico, a partito unico e a pianificazione centralizzata, basato su un’etica
anti-individualista, con disciplina e sacrificio, dedicata all’ideale costruzione di una nuova
società.
L’intero pianeta si trovò perciò diviso in un sistema bipolare.
La scoperta delle reali proporzioni dell’olocausto, le nuove armi di distruzione di massa, la conoscenza
degli effetti dell’atomica (metteva in discussione la sopravvivenza stessa dell’umanità), la guerra,
avevano prodotto una nuova coscienza collettiva consapevole della pericolosità di un futuro
conflitto.
Il clima d’incertezza in cui si viveva il dopoguerra evidenziava la necessità di strutturare un sistema di
relazioni internazionali stabile e funzionale.
Si aggiornò il diritto internazionale, con l’istituzione di un’apposita sezione penale, utilizzata nei
processi di Norimberga(‘45-’46 contro i capi nazisti) e di Tokyo (‘46-’48 contro i dirigenti giapponesi).
98
769927308
01/06/17
Grazie al loro primato economico, promotori e garanti del nuovo sistema mondiale si proposero gli
USA, diventando per il mondo occidentale un riferimento per la ricostruzione materiale ma anche
istituzionale, culturale ecc. Gli USA sembravano l’unico paese in grado di realizzare i sogni cui gli
europei volevano tornare a credere.
Gli Usa ispirarono la nascita dell’ONU - Organizzazione delle Nazioni Unite -, che si basava su due
principi ispiratori differenti:
 L’utopia democratica di Wilson;
 Istituzione di un direttorio di potenze per governare gli affari mondiali
L’ONU attualmente si compone di:
 ASSEMBLEA GENERALE, che rispecchia i principi d’universalità dell’organizzazione e
d’uguaglianza delle nazioni. Si riunisce una volta l’anno e adotta a maggioranza semplice decisioni
non vincolanti per gli stati membri;
 CONSIGLIO DI SICUREZZA, di cui fanno parte 15 nazioni: 5 fisse (USA, Cina, URSS (Russia
dal ‘92) GB e Francia) con diritto di veto e le altre 10 elette a turno tra tutti i membri. In caso di
crisi internazionali può prendere decisioni vincolanti fino all’intervento armato. Il diritto di veto
fu voluto dall’URSS per scarsa fiducia nell’organismo e fu usato spesso per paralizzare l’assemblea;
 CONSIGLIO ECONOMICO E SOCIALE, da cui le aziende per la collaborazione (UNESCO,
FAO);
 CORTE INTERNAZIONALE DI GIUSTIZIA per risolvere i contrasti tra gli Stati che vi si
rimettono volontariamente.
Comunque, l’ONU è spesso risultata troppo divisa per gestire le crisi, cioè assolvere il suo compito.
Durante le prime discussioni circa il futuro dell’Europa apparsero chiare due visioni generali della nuova
organizzazione mondiale:
 Usa puntavano sulla ricostruzione di un nuovo ordine, piuttosto che sulla punizione delle
nazioni sconfitte;
 URSS insisteva molto sul prezzo della vittoria (politico, economico e di sicurezza) e sulle
riparazioni, dal valore simbolico oltre che pratico.
Roosevelt capì che per scongiurare una nuova guerra occorreva convivere con l’URSS, non s’oppose
all’instaurazione nell’est di regimi filo-comunisti.
Nell’aprile ’45 iniziò la presidenza Truman che vide un irrigidimento nei rapporti coi sovietici;
cosicché alla conferenza di Postdam- luglio–agosto ’45 - sorsero problemi sul futuro della Germania e
dell’Europa dell’est.
L’URSS, per realizzare il proprio impero, impose formalmente di insediare al potere i partiti
comunisti locali calpestando più volte le regole democratiche.
Alla conferenza di Parigi - luglio–ottobre ’46 - si risolsero i nodi riguardanti Italia, Bulgaria,
Finlandia, Romania, Ungheria: l’URSS inglobava Estonia, Lettonia e Lituania, parte della Polonia
dell’est che acquistava terreni ad ovest a spese della Germania, attestandosi sui fiumi Oder e
Neisse. Rimase ancora insoluto il problema della ricostruzione istituzionale della Germania.
Un altro dei grandi problemi della guerra fu quello economico, il conflitto lasciò ovunque realtà di
popolazioni decimate ed economie stremate. Per risolvere la situazione i governi americani inviarono,
già al termine del conflitto, aiuti sotto forma di soldi, viveri e beni di prima necessità. A partire dal
‘47-’48, con l’European Recovery Program – meglio conosciuto come Il Piano Marshall - fu
strutturata una fitta rete d’aiuti che avrebbe accompagnato le nazioni più colpite dal conflitto alla
ricostruzione e alla ristrutturazione del sistema economico-finanziario.
Tra il ’48 e il ’52 gli USA riversarono in Europa 13 miliardi di dollari tra prestiti a fondo perduti,
macchinari e alimenti.
L’URSS rifiutò gli aiuti, temendo che volessero indebolire l’influenza sovietica in nei suoi stati-satellite
in Europa.
Gli aiuti del piano Marshall furono utilizzati in un quadro d’economia liberista, anche se non
mancarono interventi diretti sulle strutture istituzionali che nonostante le storture ideologiche produssero:
 sempre più stretti legami con gli USA;
 Una pace sociale e la prospettiva di un nuovo benessere.
Il rovescio della medaglia, fu che l’accettazione degli aiuti era assoggettata al rispetto d’alcuni
vincoli, cui dovettero sottostare i paesi usufruttuari:
 Acquisto di quote di forniture industriali made in USA;
 Accattazione dei controlli di verifica per l’utilizzo degli aiuti;
 Intese per tutelare l’industria Usa dalla concorrenza europea.
Interesse degli USA, prima potenza economica al mondo, era di creare un’economia libera dai
vincoli protezionistici. A tal fine nel luglio 1944 a Bretton Woods fu creato il Fondo Monetario
Internazionale. Il suo scopo era di creare un’adeguata riserva di valuta mondiale e assicurare la
stabilità dei cambi, ancorando le monete all’oro e al dollaro (che consolidava così il suo primato).
99
769927308
01/06/17
A questa nuova istituzione fu affiancata la BANCA MONDIALE, che aveva il compito di concedere
prestiti a medio e lungo termine per favorire lo sviluppo.
Sul piano commerciale furono stipulate numerose intese, come Gli Accordi generali sulle tariffe e sul
commercio (GATT, Ginevra ottobre ‘47) che strutturò un sistema liberoscambista basato
sull’abbassamento dei dazi doganali.
Così facendo, gli USA finirono con l’aiutare la ristrutturazione e la rinascita di molte economie, ma
assoggettandole alle proprie esigenze, finendo per rappresentare una figura complementare a quella
sovietica e nei suoi stati satellite.
141 LA GUERRA FREDDA
L’alleanza militare tra potenze profondamente diverse per cultura e istituzioni difficilmente
avrebbe potuto sopravvivere alla fine del conflitto.
L’alleanza tra Usa e Urss cominciò ad incrinarsi già prima la fine della guerra in riferimento,
soprattutto alle problematiche legate alla divisione della Germania. Le due superpotenze rimanevano
divise da culture diverse:
 gli Stati Uniti proponevano un sistema liberale basato sul pluripartitismo, in un modello
economico liberista e capitalistica;
 l’URSS proponeva un sistema socialista basato su un partito unico, un modello economico a
pianificazione centralizzata e collettivizzata.
Roosevelt s’era convinto di poter trattare con l'Unione Sovietica, ma già alla conferenza di Potsdam del
’45, il suo successore Truman ebbe modo di trovare motivi di contrasto con Stalin proprio sul futuro
della Germania.
Nel ‘46-‘47 i contrasti si acuirono dando inizio alla cosiddetta GUERRA FREDDA, una guerra
latente, sempre sul punto di esplodere.
Nella pratica le “azioni belliche” prevedevano appoggi politici e militari a stati insidiati da uno dei
contendenti. Primo esempio di questo clima si verificò appena finita la Guerra, quando i sovietici
insidiarono Turchia per avere il controllo dello stretto dei Dardanelli; gli americani proposero
imediatamente il loro appoggio ai turchi per una politica di contenimento.
In base alla dottrina Truman (comune a quella d’altri presidenti americani), gli USA s'impegnavano
ad intervenire, quando necessario, per sostenere i popoli liberi contro le pressioni straniere.
Nel giugno ‘47 gli USA strutturarono un piano d’aiuto economico-finanziario per i paesi devastati
dalla guerra che prese il nome di Piano Marshall. Oltre all’intento filantropico, gli americani
cercarono di creare una rete di dipendenze la più ampia possibile. Per tutta risposta i sovietici
obbligarono i loro stati-satellite a rifiutare gli aiuti. In alcuni paesi – filoamericani – le istituzioni
neogovernative estromisero brutalmente i comunisti dalle coalizioni di governo, come in Italia e in
Francia.
La questione più importante fu quella della “spartizione della Germania”. Inizialmente fu divisa in
quattro zone d’occupazione:
 americana, inglese, francese e sovietica.
Successivamente, dopo gravi tensioni per il blocco sovietico a Berlino che non permetteva agli
americani i rifornimenti alla città, fu divisa in due zone con la proclamazione ufficiale di
 REPUBBLICA FEDERALE TEDESCA, con capitale Bonn; sotto il controllo anglo-francoamericano;
 REPUBBLICA DEMOCRATICA TEDESCA, con capitale Pankow (sobborgo di Berlino)
sotto il controllo dell’Unione Sovietica.
Così, poco dopo la Guerra, il mondo si trovava diviso in due sfere d’influenza, una americano e l’altra
Sovietica. La divisione si concretò ancor più nettamente grazie alla stipula di trattati militari:
Nel 1949 nasce il Patto Atlantico, alleanza difensiva fra i paesi dell'Europa occidentale, gli Stati Uniti
e il Canada;
Nel ‘55 la risposta sovietica si concretò nel Patto di Varsavia con cui l'Urss costrinse i paesi satelliti
ad un'alleanza militare.
Guerra Fredda voleva dire una corsa sfrenata all’incremento delle capacità belliche delle due
superpotenze. Per molti anni, risorse immense furono sprecate per gli armamenti.
142 L'URSS E L'EUROPA ORIENTALE DAL 1945 ALLA MORTE DI STALIN
Alla fine della guerra, con l'imminente problema della Guerra Fredda; malgrado le gravissime perdite
subite (ricordiamo che ebbe 20 milioni di vittime) l’Unione Sovietica tentò di risollevare la propria
economia. La ricostruzione e il risanamento furono abbastanza rapidi, anche grazie alle riparazioni di
guerra imposte alla Germania, all'Ungheria, Romania, e Cecoslovacchia. La priorità, tipica del
100
769927308
01/06/17
modello sovietico, fu indirizzata allo sviluppo dell'industria pesante a scapito dell'agricoltura. Molte delle
spese furono scaricate sul tenore di vita della popolazione, nonostante ciò in breve tempo, l’URSS
divenne la maggiore produttrice di materie prime e di energia al mondo e dal ‘49 entrò in possesso
anche della bomba atomica.
Sul piano della politica estera, fu un periodo di trasformazione dei territori occupati dall’armata rossa
in democrazie popolari, che nella realtà mascherava una vera e propria imposizione del regime
comunista.
S’incominciò con Polonia che prima di tutto rappresentava un problema di sicurezza per l’URSS.
Dapprima fu istituito un governo fortemente filosovietico, poi s’intervenne con un vero e proprio
controllo alle elezioni del ‘47 che portarono alla schiacciante vittoria comunista. Non fu molto
diverso per Romania, Bulgaria e Ungheria.
Più drammatica fu la situazione della Cecoslovacchia, dove la linea favorevole all'Urss si scontrò con
desiderio di accettare gli aiuti del piano Marshall. La violenta campagna scatenata ad arte contro le
forze eversive impose l’uso della forza per la creazione della nuova Repubblica Democratica
cecoslovacca.
Senza problemi fu la presa di potere dei comunisti in Albania e Jugoslavia, anche se quest’ultima, nel
‘48 ruppe il fronte con l'unione sovietica, in seguito alle resistenze di Tito. Esclusa dal Comiform, la
Jugoslavia, cominciò una linea automa da entrambi i blocchi e una politica interna di comunismo
capitalistico.
Per evitare che lo scisma jugoslavo trovasse nuove adesioni, furono attuate purghe nei confronti dei
dirigenti comunisti di molti paesi dell’Est.
In tutti i territori filo-sovietici fu imposto:
 il modello di collettivizzazione dell’agricoltura;
 la nazionalizzazione delle industrie e del sistema commerciale;
 priorità assoluta allo sviluppo dell'industria pesante.
Gli scambi, i prezzi e le regole di mercato fra i paesi satellite dell’unione sovietica furono rigidamente
regolate attraverso il consiglio di mutua assistenza economica (comecon) istituito nel ‘49.
143 L'EUROPA OCCIDENTALE NEL DOPOGUERRA: CARATTERI GENERALI
Tutta Europa occidentale, tranne per i casi di Spagna e Portogallo ancora governati da regimi autoritari, fu
spinta da un forte senso democratico e riformista.
Il caso più emblematico fu quello dell'Inghilterra dove le elezioni del luglio 45 portarono alla vittoria dei
laburisti e alla conseguente sconfitta di Churchill. Il nuovo governo nazionalizzò la banca d'Inghilterra, le
industrie e i trasporti, introducendo il cosiddetto Welfare State, riforme sociali come la completa gratuità
delle prestazioni mediche e un sistema di sicurezza sociale. Queste riforme portarono a notevoli sacrifici
per la popolazione che infatti nelle elezioni del 51 riportarono al potere i conservatori.
La IV Repubblica in Francia vide inizialmente il governo De Gaulle di colazione sull’accordo fra i tre
partiti di massa: il partito comunista, la Sfio e il movimento repubblicano popolare. Nel 1946 fu elaborata
una nuova costituzione di stampo democratico-parlamentare, ma nello stesso anno l'alleanza dei tre partiti
di massa si ruppe soprattutto per i contrasti dovuti alla guerra fredda(estromissione dei comunisti dal
governo). Da allora i governi che successero sempre organizzati su alleanze tra i socialisti e il centro
furono da caratterizzati sa notevole instabilità che porterà negli anni alla caduta della IV repubblica.
Paradossalmente fu proprio la Germania sconfitta a riprendersi più rapidamente malgrado si trovasse in
condizioni disastrose, l'economia in collasso e le città completamente distrutte. La Germania era stata
divisa territorialmente nel 1949 in due zone.
Repubblica federale tedesca sotto l'influenza americana, retta da una costituzione democratica dove non
furono chieste le riparazioni di guerra e si poté beneficiare degli aiuti del piano Marshall. Stimolata dagli
investimenti si risollevò rapidamente.
Repubblica democratica tedesca sotto l'influenza sovietica, sul modello delle democrazie popolari;
furono chieste le riparazioni di guerra e il sistema produttivo collettivizzato nei beni e risorse secondo il
modello sovietico, con priorità all'industria pesante.
144 ORIGINI E SVILUPPI DELLA COMUNITÀ EUROPEA
Mentre nell’Europa dell’Est la sovranità dei governi rimaneva limitata, i maggiori stati dell’Europa
occidentale entravano nell’ottica d’affiliazione agli USA.
Chi soffrì più acutamente questo passaggio fu la Francia. De Gaulle dopo l’elezione alla presidenza
della Repubblica nel 1958, varò una nuova costituzione che sancì l’istituzione della V repubblica.
Avviò una politica contraria a chi auspicava il mantenimento delle colonie e si prefisse lo scopo di
101
769927308
01/06/17
portare la Francia alla guida di una futura Europa unita, distinta dalla NATO e organizzata con
una propria forza nucleare, e svincolata dal dollaro.
Al contrario la G.B. accettò il declino dell’impero e instaurò politiche di collaborazione economica con
gli ex-possedimenti coloniali.
La ripresa più spettacolare fu quella della Germania federale che applicò un modello economico di stile
capitalistico. Alla base della ripresa ci fu la grande disponibilità di manodopera dei profughi dell’ex-reich;
alla moderazione dei sindacati e soprattutto alla stabilità politica degli esecutivi, dovuta a meccanismi
istituzionali atti a limitare le influenze dei piccoli partiti.
Nazioni ormai rette da regimi parlamentari democratici e accomunate dalla necessità della ricostruzione
di un ordine nuovo cercarono di organizzarsi in tal senso.
Nel 1951 nasce la CECA Comunità europea del carbone e dell’acciaio con il compito di coordinare
produzione e prezzi dei settori chiave delle risorse e dell’industria.
Nel 1957 si giunse a trattato di Roma con il quale Italia, Germania federale, Belgio, Olanda e
Lussemburgo istituivano la CEE(Comunità Economica Europea), con lo scopo di regolamentare il
MEC(mercato comune europeo): prevedeva la libera circolazione della forza lavoro e dei capitali. Al
progetto non partecipò la Francia di De Gaulle, perché orientata ad una nuova Europa guidata dalla
Francia e “staccata” dagli Stati Uniti.
Gli organi principali della CEE sono: la Commissione, il consiglio dei ministri, la corte di giustizia e
il parlamento europeo.
145 LA FRANCIA DOPO IL 1945 : LA IV E V REPUBBLICA
La fine della guerra in Francia coincise con l’ultima fase della IV Repubblica. Governata
provvisoriamente fra il ‘44 e ‘ ‘45 e da coalizioni fra i tre partiti di massa: comunista, socialista e
repubblicano popolare di ispirazione democratico-cristiana, produsse nel ’46 una nuova costituzione
moderata. De Gaulle nel ‘47 preferendo un sistema presidenziale fondò il “Raggruppamento del
popolo francese”, mentre l’alleanza fra i partiti di massa si ruppe per le discriminazioni introdotte
dalla guerra fredda nei confronti dei comunisti, che furono a sempre esclusi dai nuovi esecutivi.
Nel ’58, al massimo dell’aggravamento della questione algerina, fu richiamato al governo De Gaulle
incaricato di redigere una nuova costituzione che fu approvata da un referendum.
Nasce la V Repubblica con elementi di rafforzamento dell’esecutivo:
elezione diretta del Capo dello stato, con l’incarico di nominare il capo del governo e sciogliere le
Camere;
Diventato presidente De Gaulle sistemò con energia la questione algerina e propose di portare la
Francia fuori dalla sfera di controllo americana e alla guida di una Europa Unita.
Dotò la Francia di una propria forza nucleare, contestò la supremazia del dollaro, si oppose ai progetti
d’integrazione politica fra i paesi della CEE, tutte questi aspetti della politica gaullista suscitarono vaste
adesioni e contribuì a rendere più solida la V Repubblica.
146 GERMANIA: SPACCATURA DEL PAESE E SVILUPPI SUCCESSIVI DELLE DUE
REPUBBLICHE
La Germania fu motivo di scontro tra gli alleati. Alla fine della guerra, la nazione e la stessa Berlino,
furono divise in zone di occupazione assegnate alle quattro potenze vincitrici.
In seguito le potenze occidentali unificarono le loro zone di competenza nel ’47 attuando una profonda
riforma strutturale con gli aiuti del piano Marshall.
Nel giugno ’48 Stalin reagì con il blocco dei rifornimenti di Berlino. Fu il momento di tensione maggiore
del dopoguerra, risolto con un ponte aereo che vanificò l’operazione nel’49.
Stalin rispose con la creazione di una Repubblica democratica tedesca con capitale Pankow, repubblica
socialista con regime a partito unico, il Partito socialista unificato tedesco, nato dalla fusione tra
socialdemocratici e comunisti (fotocopia di quello sovietico) votato alla collettivizzazione e al pagamento
delle riparazioni di guerra.
Nel maggio ’49 furono unificate le zone ovest della Germania e fu proclamata la Repubblica federale
tedesca con capitale Bonn, con un regime democratico-parlamentare. La situazione dell’immediato
dopoguerra era tremenda: città distrutte dai bombardamenti, vie di comunicazione interrotte, economia al
collasso, dieci milioni di profughi rientrati dall’Est. Sebbene avesse trovato una teorica sovranità
nazionale risentiva della frattura interna.
La RFT fu graziata dalle riparazioni, favorita dagli aiuti del piano Marschall, e controllata politicamente
dagli USA che volevano farne non solo un’avanguardia europea, un modello di confronto del benessere
occidentale contro quello sovietico. Già nel ’51 l’economia mostrò le sue grandi capacità di recupero che
segnò l’inizio della rinascita.
102
769927308
01/06/17
La storia istituzionale del dopoguerra della RFT vide un percorso vario:
dal ’49 al ’66 coalizione a larga maggioranza di cristiano-democratica;
dal ’66 al ’69 coalizione cristiano-democratica e guida SPD di Brandt;
dal ’69 al ‘74 coalizione SPD e liberali in alternativa ai cristiano-democratici.
La nuova coalizione socialdemocratica-liberale governò con grandi progressi sociali, ma si caratterizzò
soprattutto per la politica estera. Brandt pose esplicitamente la questione della riunificazione della
Germania in un’ottica d’integrazione nel blocco atlantico. l’Ostpolitik di Brandt consentì di riallacciare i
rapporti diplomatici con la Germania Est.
147 GLI STATI UNITI DOPO IL 1945: GLI ANNI 50 E IL MACCARTISMO
Diversamente dagli altri paesi gli USA furono i soli a non avere il problema della ricostruzione (non
erano stati toccati dalle distruzioni), ma dovevano convertire l'economia.
Sul piano interno il FAIR DEAL DI TRUMAN fu meno riformista del piano Roosvelt, perché la spinta
del New Deal era ormai esaurita, e si era ormai in piena crisi con l'URSS.
Fu proprio la paura della perdita di peso politico a produrre una sterzata conservatrice nella nuova politica
interna statunitense. Per tutelare le principali attività USA furono varate numerose leggi che limitavano le
libertà sindacali e tutelavano gli interessi della produzione interna. Nel 1947 il Piano di aiuti Marshall
aveva anche lo scopo di colonizzare economicamente l’occidente, obbligando a importare prodotti Usa.
Nel 1949 con lo scoppio dell’atomica sovietica si scatenò una campagna anticomunista che finì con
l’assumere i connotati della caccia alle streghe. Il principale ispiratore fu il senatore repubblicano
McCarthy, che caldeggiò l’istituzione di commissioni d’inchiesta e strumenti giuridici ad hoc per
emarginare i sospettati di filo-comunismo e di simpatie di sinistra. Nel 1955 il mostro finì col rivoltarsi
contro il suo creatore: quando accusò parte dell’esercito di simpatie comuniste fu costretto a dimettersi.
148 LA RIVOLUZIONE COMUNISTA IN CINA
Nel 1949 l’avvento al potere del Partito Comunista in Cina segnò un punto di svolta nella Guerra Fredda.
La rivoluzione cinese che provocò questa nuova evoluzione si collocò anche nel processo di
decolonizzazione che procedeva a lunghi passi dopo il conflitto, finendo col rappresentare un esempio per
gli altri paesi coloniali in lotta per l’indipendenza.
La precaria pace che i comunisti di Mao Tse-tung e i nazionalisti di Chang Kai-shek strinsero nel 1937
per affrontare il Giappone entrò in crisi già con la Guerra nel Pacifico.
Approfittando dell’impegno nel conflitto mondiale dei giapponesi, Kai-shek si dedicò alla guerra ai
comunisti provocando una profonda frattura nella popolazione.
Al contrario i comunisti, nei territori da loro controllati, seppero opporre un’abile guerriglia ai giapponesi
e apportare riforme sociali capaci di attirarsi il consenso delle popolazioni rurali (COMUNISMO
RURALE).
Terminata la guerra, gli USA tentarono di riavvicinare nazionalisti e comunisti ma Kai-shek forte
dell’appoggio statunitense non volle scendere a compromessi e incominciò una campagna militare
anticomunista. Ad una prima fase favorevole ai nazionalisti, 1946-’47, seguì un contrattacco dei
comunisti forti del consenso popolare. Nel 1948 le truppe nazionaliste, isolate e demotivate, disertarono
consentendo ai comunisti di entrare a Pechino nel febbraio ’49 mentre Kai-shek riparava a Taiwan
(Formosa).
Il 1° ottobre 1949 fu proclamata la Repubblica Popolare Cinese che fu riconosciuta da URSS e GB, ma
non dagli USA.
Il nuovo Governo Rivoluzionario attuò misure di socializzazione dell’economia (riorganizzazione delle
banche, nazionalizzazione di grandi e medie industrie, socializzazione della terra) con un seppur limitato
spazio per l’impresa privata.
Nel febbraio 1950, stipulò un trattato di amicizia e mutua assistenza con l’URSS, contrapponendosi
formalmente al blocco filoamericano.
149 DISTENSIONE, DESTALINAZIONE, CRISI DEL 1956
Con la fine della presidenza Truman nel 52 e la morte di Stalin nel 1953 la guerra fredda perse i suoi
maggiori protagonisti con molti punti interrogativi per non facili problemi si andava verso un periodo di
maggior dialogo: la distensione.
Era il primo segno di un riconoscimento reciproco tra le due superpotenze. Questo provocò una serie
di concessioni tra i due schieramenti.
103
769927308
01/06/17
Alla morte di Stalin, nel 1953, seguì Nikita Kruscev, che si fece promotore di significative aperture
in politica estera, anche se l’atteggiamento generale del paese non mutò. Ma furono eliminate le grandi
purghe e in campo economico fu rilanciata l'agricoltura.
Ma l’evento più significativo legato alla dirigenza Kruscev fu nel ‘56 il rapporto con il quale al XX
congresso del partito comunista denunciò gli errori di Stalin: dalle torture, agli arresti di massa, ai
processi farsa, al culto della personalità; che portò all’avvio di un processo di destalinizzazione con
forti ripercussioni nell’Est, in particolare in Polonia e in Ungheria.
Proprio in Polonia, nel ‘56, sulla scia dell’entusiasmo, portò a manifestazioni di protesta (ottobre polacco)
che favorirono un ricambio ai vertici del governo, con l’ascesa di Gomulka che promosse una politica
di cauta liberalizzazione e rappacificazione con la Chiesa.
Nuove proteste sempre nel ‘56, questa volta in Ungheria, furono invece stroncate nel sangue per
l’annuncio dell'uscita dell'Ungheria dal patto di Varsavia.. All’uccisione del capo del governo Nagy
seguì il nuovo governo del segretario del partito comunista Radar.
L'intervento sovietico provocò sdegno dimostrando gli evidenti limiti della destalinizzazione.
150 L'INDIA: L'INDIPENDENZA E SVLUPPI POLITICI SUCCESSIVI
Il continente asiatico fu il primo a raggiungere importanti livelli d'indipendenza coloniale, precedendo di
circa 10 anni quello africano. Questo fu dovuto soprattutto al carattere più avanzato ed autonomo della
struttura politica e sociale che aveva preceduto la colonizzazione. Tale caratteristica aveva favorito
un’equilibrata contaminazione. L’Asia era stata sede d’antiche e raffinate civiltà così poterono nascere
elite locali competenti, formate nelle università occidentali, che presero la guida dell’emancipazione
continentale.
Caso eclatante fu rappresentato dall’indipendenza dell’India, del Partito del Congresso; forte della
sapiente guida di Gandhi che promosse campagne di disobbedienza civile e boicottaggio alle istituzioni
inglesi aveva portato a concessioni importanti, come nel 1935 la costituzione federale.
Durante il secondo conflitto mondiale, il partito del Congresso, guidato da Nehru promosse un
movimento pacifista che aveva strappato agli inglesi la promessa di concessione dello status di Dominios,
equivalente ad un’indipendenza.
Alla fine della guerra Ghandi si batté per uno stato laico in cui potessero convivere indù e mussulmani.
Ma la contrarietà di quest’ultimi si accompagnò a tumulti tali da costringere gli inglesi a concedere la
separazione. Nel 1947 videro la luce:
l’Unione Indiana a maggioranza indù;
il Pakistan a maggioranza mussulmano.
Nel 1971 il Pakistan stesso sarebbe stato a sua volta diviso dalla regione Orientale che prese il nome di
Bangladesh. Ma nemmeno questa nuova divisione riuscì a portare pace tra le diverse etnie della zona.
Nel ’48 e nel ’65 Pakistan e India combatterono due guerre per il predominio sulla regione del Kashmir (a
prevalenza mussulmana ma assegnato all’India).
Lo stesso Ghandi rimase vittima dell’estremismo indù, assassinato nel ’48.
Il suo braccio destro Nheru rimase alla guida dell’Unione Indiana sino al ’64, ma non riuscì a riformare
un paese gravato da numerosi problemi economici, anche se da un punto di vista politico il paese riuscì a
reggere il cambiamento.
Il Pakistan avrebbe visto più volte susseguirsi regimi autoritari e dittatoriali.
151 LA DECOLINIZZAZIONE IN ASIA
Nel Sud-est asiatico, d’emancipazione fu condizionata dal confronto fra le forze nazionaliste e quelle
comuniste, raggiungendo soluzioni anche molto diverse le une dalle altre.
L’Indonesia, il movimento nazionalista ottenne l’indipendenza nel 1949, seguendo una politica di non
allineamento con le grandi potenze. Nel 1965 il paese vide salire al potere il Generale Suharto, che
aveva contrastato efficacemente un precedente tentativo di colpo di stato comunista.
Le Filippine, che diventarono indipendenti nel 1946, rimasero sempre fortemente legate agli Stati
Uniti, e videro alternarsi al potere dei regimi autoritari come quelli di Ferdinando Marcos.
Una prevalenza dei comunisti si ebbe nelle ex-colonie francesi dell’Indocina.
In Vietnam i comunisti di Ho Chi-mihn, dopo avere combattuto durante la seconda Guerra
Mondiale contro il Giappone e la Francia di Vichy, proclamarono la Repubblica Democratica del
Vietnam nel 1945. Ma i francesi non riconobbero il nuovo stato ed occuparono la parte meridionale
del paese. Ne nacque una guerriglia che esaurì l’esercito francese costringendolo alla resa. Gli accordi
di Ginevra del 1946 sanzionarono l’abbandono dei francesi dalla penisola indocinese, in cambio il
Vietnam fu diviso in uno stato comunista al Nord e uno filo-occidentale al Sud.
104
769927308
01/06/17
152 IL MEDIO ORIENTE ISRAELE LE GUERRE ARABOISRAELIANE
Già dai primi del ‘900 in Medio Oriente s’era sviluppato un movimento indipendentista alimentato
dagli inglesi, durante il primo conflitto mondiale, in funzione antiturca. La GB aveva promesso alle
popolazioni arabe la creazione di un Regno Arabo Indipendente al termine del conflitto, ma le
intenzioni erano di usarli.
Ancor prima della fine del conflitto nel ’16 i territori erano stati così ripartiti:
 All’Inghilterra Mesopotamia e Palestina;
 Alla Francia Siria e Libano.
Un’altra parziale ipoteca sui territori fu posta nel 1917 in Palestina, dove il governo inglese aveva
riconosciuto il diritto al movimento sionista di costituire una “sede nazionale”. Concessione che
rimase per i più, anche per gli occidentali, politicamente equivoca. La dichiarazione richiamò
comunque una forte migrazione sionista che provocò numerosi scontri tra arabi e ebrei già partire dal
1920-’21.
Il movimento arabo si rivoltò contro le potenze europee formando due correnti:
Tradizionalisti, auspicanti l’applicazione del Corano e quindi una islamizzazione della società
(integralisti islamici);
Laici e nazionalisti il cui pensiero era rivolto alla modernizzazione economica.
A prevalere furono quest’ultimi, sostenuta dalle grandi borghesie locali.
La guerra mondiale accelerò l’emancipazione anche in medioriente.
1932
Iraq ottiene l’indipendenza dagli inglesi
1946
GB riconobbe Giordania, la Francia ritirò le truppe da Siria e Libano.
1946 Iraq, Egitto, Arabia Saudita e Yemen formano la Lega degli Stati arabi con scopi di futura
confederazione, ma restava da sciogliere il nodo più intricato: la palestina.
Nel ‘39 la GB si impegna a rendere la Palestina indipendente entro dieci anni.
Ma durante il periodo, che vedeva gli israeliti fortemente perseguitati in tutto il teatro bellico, la
situazione portò ad un’accelerazione delle richieste sioniste per la creazione di uno stato d’Israele
caldeggiata dagli USA ma che vedeva l’opposizione della GB che non voleva entrare in contrasto con i
paesi arabi.
Mentre i dirigenti sionisti chiedevano la libertà d’immigrazione le organizzazioni militati ebraiche
passavano alla lotta armata, anche sotto forma di azioni terroristiche, rivolte sia contro gli arabi,
che contro gli inglesi. Trovatisi di fronte ad una situazione incontrollabile, gli inglesi abbandonarono la
Palestina.
Il 15 maggio 1948, la GB ritira le proprie truppe e rimette all’ONU il compito di decidere sulla
situazione. La delibera dell’ONU propone la nascita di uno stato binazionale, ma la Lega araba
respinge la proposta.
Appena partiti gli inglesi nel Maggio 1948 gli ebrei proclamano lo Stato di Israele.
Il nuovo Stato d’Israele nasce come democrazia parlamentare sul modello occidentale, dotato di
strutture sociali e civili avanzate, in cui il capitalismo industriale possa convivere con la cooperazione
delle comunità agricole (kibbutzim) e dimostra uno sviluppo e una forza superiori alla media,
derivante dagli aiuti esteri (USA su tutti), dalla preparazione della classe dirigente laburista guidata da
Ben Gurion, nonché dal forte patriottismo dei cittadini.La lega araba reagisce subito attaccando
militarmente.
La Prima guerra araboisraeliana (’48-‘49): si risolse con una secca sconfitta degli arabi, mal
coordinati ed equipaggiati. Israele si ingrandì rispetto ai piani dell’ONU e occupò anche
Gerusalemme est, mentre la Giordania incamerò i territori che avrebbero dovuto formare lo Stato
di Palestina.
Dopo il 1956 il medioriente divenne terreno di scontro tra l’URSS, che appoggiava l’Egitto di
Nasser e gli USA che appoggiavano Israele.
Nel 1967 Nasser, forte di un’alleanza militare con la Giordania, chiese il ritiro delle forze cuscinetto
dell’ONU al confine con il Sinai, proclamando la chiusura del golfo di Aqaba, vitale per i
rifornimenti di Israele. Israele rispose attaccando Egitto, Giordania e Siria il 5 giugno.
La guerra dei 6 giorni si concluse con la disfatta araba e ampie conseguenze:
 distruzione dell’aviazione egiziana e perdita del Sinai;
 la Giordania cedette la riva occidentale del Giordano Gerusalemme est (che diventerà capitale
dello stato d’Israele;
 la Siria perde le alture del Golan.
 il declino di Nasser e della sua politica di oltranzismo panarabo;
 consigliò un atteggiamento più prudente gli altri stati mediorientali;
105
769927308
01/06/17

provocò il distacco dei movimenti palestinesi che costituirono l’OLP - Organizzazione per la
Liberazione della Palestina - riunione di movimenti di resistenza palestinesi guidata dal 1969
da Arafat, già leader del suo gruppo principale Al Fatah.
L’OLP pose le sue basi operative in Giordania, creando una specie di Stato nello Stato. Ma il Re
Hussein di Giordania, esposto alle rappresaglie israeliane a causa degli attentati terroristici dei
feddayn (combattenti) palestinesi reagì con sanguinosa determinazione. Nel settembre 1970 – IL
SETTEMBRE NERO – scatenò le truppe regolari contro combattenti e profughi, che furono costretti a
riparare in Libano. Da allora l’OLP avrebbe esteso la propria lotta terroristica sul piano internazionale.
Nel 1970 Nasser morì e gli successe Sadat che procedette ad una cauta ma decisiva politica
antiisraeliana. Deciso a recuperare il Sinai preparò minuziosamente l’intervento militare. Il 6 ottobre ‘73
giorno dello Yom Kippur –ricorrenza religiosa ebraica - l’Egitto attaccò Israele sul Sinai. Gli israeliani
colti di sorpresa, riuscirono a ribaltare le sorti del conflitto solo grazie agli aiuti americani, così anche la
guerra del Kippur terminò con la sconfitta egiziana, che però portò a significative conseguenze:

fu scosso il mito dell’invincibilità israeliana;
 gli arabi trovano un fronte comune di lotta attraverso il blocco dello stretto di Suez e l’embargo
petrolifero. La grave crisi che ne conseguì in occidente fece sì che gli stati filoamericani si
dimostrassero più sensibili al dialogo.
Dopo la Guerra del Kipurr, Sadat cercò di trovare una soluzione politica al conflitto. Nel 1974-’75
espulse i tecnici URSS ed intraprese una politica filo-occidentale.
Nel novembre ’77 compì un clamoroso viaggio a Gerusalemme, dove formulò un’offerta di pace al
Parlamento israeliano.
Con la mediazione del presidente Carter si arrivò alla firma degli accordi di Camp David nel’78, tra
Sadat e il premier israeliano Begin che prevedevano la restituzione del Sinai in cambio di un trattato
di pace con Israele del marzo ’79.
L’accordo sopravvisse anche alla morte del presidente egiziano, dopo un attentato nell’81 ad opera
di un integralista islamico. Camp David prevedeva ulteriori negoziati, ma questo non avvenne.
L’ostacolo principale fu individuato, in un primo tempo, nei paesi arabi e nell’OLP che denunciarono
il “tradimento egiziano”. In un secondo tempo, resisi conto dell’impossibilità di vittoria con la lotta
armata, i paesi arabi moderati e lo stesso OLP assunsero una posizione più morbida dimostrandosi
disposti a trattare in cambio della restituzione dei “territori occupati” (Cisgiordania e striscia di Gaza).
A questo punto fu la dirigenza israeliana a fare marcia indietro, anche perché avevano già iniziato
l’opera di colonizzazione dei territori.
La tensione si accrebbe ulteriormente dalla fine del 1987 quando i palestinesi dei territori occupati
diedero inizio ad una lunga e sanguinosa rivolta – L’INTIFADA (il risveglio) – che vide una
durissima repressione israeliana. Il carattere popolare della protesta giovarono all’iniziativa
palestinese rendendo più difficile la posizione israeliana. Ma la situazione da allora non riesce a
trovare uno sblocco.
I riflessi dell’irrisolto problema palestinese influirono negativamente anche su un paese vicino: il
Libano. In questo piccolo stato convivevano molte etnie di diverse confessioni religiose. Il
trasferimento coatto del OLP nei territori, dopo il SETTEMBRE NERO (1970),ruppe il precario
equilibrio interno.
Dal 1975 il libano entrava in uno stato di cronica guerra civile, in cui diverse fazioni si fronteggiavano
con le proprie milizie. La situazione si aggravò ulteriormente nel 1982, quando gli israeliani decisero
d’andare a scovare i feddayn direttamente in Libano. Allora l’ONU decise per l’invio di una forza
internazionale per ristabilire l’ordine formata da militari: americani, francesi, italiani e inglesi. Il
contingente internazionale riuscì a fare evacuare l’OLP, ma non a riportare la pace nel paese.
Dopo una lunga serie d’attentati ai presidi militari francesi e americani, nel 1984 la forza militare
venne ritirata, ma la situazione interna rimase ancora precaria.
153 L’EGITTO DI NASSER E LA CRISI DEL 1956
L’Egitto era formalmente indipendente dal ‘22, ma una monarchia corrotta e inadeguata aveva
lasciato agli inglesi il controllo del Canale di Suez. L’influenza straniera non fu mai metabolizzata dalle
popolazioni locali, tanto che giovani ufficiali contestatori guidati da Gamal Abdel Nasser
rovesciarono la monarchia nel 1952. Il governo Nasser avviò una serie di riforme in senso socialista
tentando di promuovere un processo d’industrializzazione e in politica estera si propose come guida
per la lotta delle popolazioni arabe contro Israele e contro le potenze occidentali. A tal fine ottenne
lo sgombero degli inglesi nel Canale di Suez e stipulò accordi diplomatici e militari con l’URSS.
Il nuovo indirizzo filosovietico, e la nazionalizzazione del Canale di Suez spinsero gli occidentali a
prendere posizioni intransigenti. Gli Usa bloccarono i finanziamenti per la costruzione della Diga di
106
769927308
01/06/17
Assuan. Non contenti, i francesi e inglesi, con grandi interessi sul Canale, appoggiarono Israele in
un’azione militare.
Nel 1956 anglo-franco-israeliani occuparono zone dell’Egitto; gli anglo-ferancesi il canale di Suez,
gli israeliani la penisola del Sinai.
Il mancato appoggio degli USA, che condannarono l’operazione, e un ultimatum dell’URSS costrinse le
vecchie potenze coloniali a ritirarsi. L’operazione fece acquistare popolarità a Nasser, tanto da spingere la
Siria, nel 1958, alla fusione con l’Egitto nella Repubblica araba unita. L’idea nasseriana di un
panarabismo capace di coagulare le nazioni in un’unica grande entità, fu sconfessato da forti
contraddizioni nelle singole realtà nazionali, ma suggerì altre rivolte indipendentiste.
Nel ‘64, il colonnello Gheddafi in Libia, deposta la monarchia cercò di realizzare un socialismo
islamico con elementi occidentali e una politica antimperialista.
154 LA DECOLONIZZAZIONE DEL MAGHREB E DELL’AFRICA NERA
Per Maghreb si intende la zona nordoccidentale dell’Africa, cioè Marocco, Algeria, Tunisia.
Dall’inizio dei ’50 il nazionalismo arabo continuò a scontrarsi con i colonizzatori.
In Marocco la guida del movimento indipendentista fu assunto dal Partito dell’indipendenza (Istiqlal)
appoggiato dal sultano Ben Yussef.
In Tunisia, le redini furono prese dal Neo-Destur di Habib Burghiba.
Entrambi i partiti erano su posizioni filo-occidentali.
Dopo avere tentato di mantenerne in possesso alternando repressione a proposte di autogoverno, la
Francia concesse piena indipendenza ad entrambe nel 1956.
La situazione risultava più complessa in Algeria, anche e soprattutto a causa della presenza di oltre 1
milione di coloni francesi. Dopo la rivoluzione egiziana la posizione dei partiti indipendentisti si
radicalizzò e si affermò il Fronte di Liberazione Nazionale (FLN) guidato da Mohammed Ben Bella. Lo
scontro che andava profilandosi avrebbe diviso la stessa opinione pubblica francese. La fase culminante si
verificò con la battaglia di Algeri del ’57, dove la città visse nove mesi di guerriglia urbana. La rivolta fu
piegata con l’invio di truppe speciali, ma provocò forti dissensi la repressione, con eliminazioni fisiche
degli insorti e l’uso sistematico della tortura. Nel maggio ’58, temendo un cedimento da parte del
governo centrale, i coloni più radicali si riunirono con l’appoggio di militari in un Comitato di salute
pubblica, che sembrava preludere un colpo di stato militare e che diede via libera al ritorno di De Gaulle
(fine della IV Repubblica)che capì che l’Algeria era perduta. Dopo avere stabilito i primi contatti con il
FLN, stroncò un colpo di stato militare ad Algeri nel ’61 e colpì duramente l’OAS (Organisation Armée
Secrète). Nel marzo ’62 si accordò con il governo provvisorio (espressione del FLN) a Evian per un
progetto di indipendenza da sottoporre a referendum che fu poi approvato a larga maggioranza. I coloni
francesi abbandonarono l’Algeria.
Prima con Ben Bella, poi con Bumedien (‘65-‘79) l’Algeria si diede un ordinamento autoritario e
centralizzato, senza però rinunciare ai rapporti con l’occidente.
Nelle ragioni sub-sahariane la decolonizzazione fu più tarda ma più rapida e meno conflittuale, se si
eccettuano le zone dove erano presenti forti interessi.
Il primo fu il Ghana (GB) nel 1957 sotto la guida del capo nazionalista Nkrumah.
La prima colonia francese ad emanciparsi fu la Guinea (1958).
Nel 1960 si resero indipendenti 17 colonie, fra cui lo Zaire,Nigeria, Senegal, Somalia.
Generalmente il processo fu pacifico e permise alle colonie di avere buoni rapporti economici e culturali
con le ex case madri.
Invece in Kenya (in cui erano presenti forti interessi) ci fu una sanguinosa campagna terroristica da parte
della setta dei Mau-Mau e una feroce repressione inglese fino all’indipendenza del ’63.
La Rhodesia del Sud, durante il governo razzista di Smith, nel ’65 ruppe con la GB per difendere i
privilegi del 7% bianco del paese. Dopo 15 anni di guerra civile, nel 1980 il paese fu restituito alla
maggioranza nera e prese il nome di Zimbabwe.
Una cittadella della discriminazione è l’Unione Sudafricana dove negli anni ’50 e ’60 il regime di
apartheid (discriminazione quotidiana in ogni ambito) diventò ancora più severo e inasprì il conflitto tra i
5 milioni di bianchi (anglofoni e boeri) e i 20 di neri.
Durante questi anni si susseguirono rivolte nere (come nel ghetto di Soweto, 1975).
Uno spiraglio si è aperto negli anni ’80 quando il premier de Klerk ha attuato misure per ridurre
l’apartheid e avviato trattative con Mandela, leader del movimento nero contro la segregazione, uscito dal
carcere nel febbraio ’90.
Vi sono problemi sono ancora irrisolti anche perché il Sudafrica è uno dei maggiori produttori di uranio,
diamanti e oro, senza contare le divisioni tra tribù indigene e tra gli stessi bianchi.
Un caso a parte è il Congo, reso indipendente dal Belgio nel ’60 senza nessuna preparazione. Seguì una
guerra civile e il tentativo di secessione della ricca provincia del Katanga.
107
769927308
01/06/17
Il leader indipendentista di sinistra Lumumba fu catturato e ucciso dai ribelli, e solo l’intervento delle
truppe di pace riunì il paese dove in seguitò si affermò la dittatura del generale Mobutu.
Questo esemplifica i contrasti dell’Africa dopo una decolonizzazione rapida (in Nigeria, la rivolta e la
repressione in Biafra nel ‘66-’68; in Eritrea i tentativi di secessione contro l’Etiopia dopo che il negus
Selassié fu rovesciato da un golpe militare nel ’74 capeggiati da Menghistu).
Infatti, pur di decolonizzarsi, i capi nazionalisti accettarono le frontiere e gli apparati amministrativi
precedenti, anche perché le teorie panafricane o del socialismo africano di Seghor e Nyerere non
contenevano indicazioni precise.
In più, l’istituzione statale sembrava come il principio più potente per aggregare le varie tribù, anche se
appariva difficile imporre lo stato–nazione a popolazioni di etnia, religione, lingua e tradizioni diverse.
Ancora, le istituzioni democratiche sul modello europeo durarono poco lasciando spesso il posto a regimi
militari (Amin in Uganda fra il ’71 e il ‘79).
All’instabilità economica si aggiunge la povertà economica, che spesso portava le ex colonie a dipendere
dalle ex case madri. Per contrastare un nuovo colonialismo, di tipo economico (neocolonialismo) si cercò
una decolonizzazione più radicale, ispirata al socialismo marxista e appoggiata dall’URSS: Tanzania ex
Tanganika, Congo Brazzeville ex francese, Benin ex Dahomey (e dopo Etiopia di Menghistu, Angola e
Mozambico dopo l’indipendenza dal Portogallo del ‘75) cercarono uno sviluppo sul mercato interno e
guidato dallo Stato, ma anche questa via non risolse i problemi presenti anche negli altri stati.
155 L'AMERICA LATINA NEGLI ANNI ‘50 E ‘60
Nel dopoguerra i paesi dell’America Latina avevano un’indipendenza già consolidata. I problemi di
cui soffrivano erano soprattutto economici dovuti ad uno sviluppo sociale che scontava il peso
dell’arretratezza e della sudditanza USA, che si manifestò in modo diverso nei vari stati: in Messico
favorì lo sviluppo; gli stati del centro, le cui economie erano basate sulle monocolture di proprietà
delle grandi corporations americane, si trovarono schiacciati dalle oligarchie.
Gli USA s’arrogarono la tutela del continente, sotto quest’impulso crearono nel ‘48 “Organizzazione
degli Stati americani” per migliorare la cooperazione fra gli stati, ma nella realtà doveva
controllare e impedire la diffusione delle idee comuniste.
Gli anni del conflitto mondiale furono di generale espansione economica; profittando soprattutto delle
difficoltà della concorrenza.
Il boom rafforzò nuclei di borghesi intraprendenti che costituirono un nuovo e potente ceto medio, che
concorsero a realizzare grandi trasformazioni politiche che videro la nascita di realtà liberaliste, populiste
e autoritarie.
Argentina
Nel 1946 in salì al potere Juan Domingo Peron, che diede vita ad un’esperienza populista
autoritaria. Si fece promotore di un riformismo sostenuto e di forti incentivi alla produzione
attraverso un uso spregiudicato della forza e un consenso maturato dal culto della figura del
presidente e della moglie Evita. L’economia peronista ebbe fortuna soltanto durante la congiuntura
economica favorevole. Dopo gli anni ’50 si assisté ad una nuova crisi, che provocò nel ‘55 il
rovesciamento di Peron da parte dei militari. Nei anni successivi i militari lasciarono al governo
esecutivi perlopiù a direzione radicale che non riuscirono a risollevare l’economia. Nel ‘66, temendo
un ritorno dei peronisti, instaurarono una ferrea dittatura di destra.
Brasile
Negli anni ’30 s’era sviluppato un esperimento populista guidato da Getulio
Vargas(GETULISMO), il quale tornò al potere nel 1950, dopo una parentesi di dittatura militare. Non
riuscendo a sistemare l’economia, fu esautorato nuovamente dai militari nel 1954 e si suicidò. I
successori, di orientamento liberale-conservatore, tentarono diverse strade per risanare l’economia, senza
alcun risultato.
Nel ‘64 un colpo di stato, appoggiato dagli USA, portò ad un regime militare che a fronte di un lieve
miglioramento economico ne scaricò gli oneri sulle classi povere.
Paraguay 1954 inizia la lunga dittatura del generale Strossner.
I soli paesi in cui le istituzioni tennero furono l’Uruguay, il Cile e il Messico.
Cuba
In un quadro di estrema debolezza delle forze di sinistra nel continente, assunse un’enorme
importanza l’esperienza di Fidel Castro a Cuba.
Nel 1959 il regime dittatoriale di Fulgencio Batista fu rovesciato da una rivolta armata cominciata
tre anni prima, senza che gli USA si opponessero.
Castro avviò una riforma dell’agricoltura che colpiva direttamente il monopolio delle multinazionali
americane sulle coltivazioni della canna da zucchero. Da allora il governo USA, di J.F.Kennedy,
108
769927308
01/06/17
decise di non acquistare i prodotti cubani. Castro si rivolse all’URSS, che non solo accettarono di
comperare i loro prodotti, ma anche di pagarli ad un prezzo più elevato. I cubani ruppero le relazioni
diplomatiche con l’USA, orientandosi sempre più verso un’ideologia socialista: l’economia statizzata
e fu istituito un regime a partito unico. Per la prima volta in uno stato americano si affermava un
regime sovietico che mirava a farsi esportatore della rivoluzione e portavoce di un processo di
emancipazione antimperialista e antiamericana.
Uno dei più stretti collaboratori di Castro, l’argentino ERNERSTO - CHE - GUEVARA s’impegnò di
persona nel tentativo di sollevare le popolazioni latino americane, ma fu catturato ed ucciso dai
militari boliviani nel 1967.
156 IL TERZO MONDO, IL NON ALLINEAMENTO E IL SOTTOSVILUPPO
Un'eredità comune per i paesi africani di nuova indipendenza fu quella della emancipazione dal
colonialismo economico. In un momento in cui il mondo era diviso nella contrapposizione tra Est e Ovest
si videro costretti ad una posizione terza, cioè di non allineamento. Veniva così emergendo un Terzo
mondo, distinto sia dall'occidente capitalistico che dall'Est comunista.
Nel 1955 alla conferenza afroasiatica di Bandung, cui parteciparono vari stati, si proclamò l'uguaglianza
tra le nazioni, e i sostegno alla lotta al colonialismo. Nacque allora il cosiddetto terzomondismo, che si
identificava come fattore di mutamento e di rinnovamento a livello mondiale.
Il movimento dei non allineati nel 1973 alla conferenza di Algeri comprendeva già 75 stati. Alcuni degli
stati che si affiliarono, come Cuba e il Vietnam del Nord, tentarono di spostare l'asse del non
allineamento verso l'Unione sovietica, paese che si dichiarava antiimperialista.
Caratteristiche dei paesi non allineati erano: recente indipendenza, sottosviluppo economico, arretratezza
strutturale e agricola, alla carenza di strutture industriali, mancanza di scambi internazionali,
numerosissima popolazione, analfabetismo e il bassissimo reddito pro-capite; che stigmatizzarono le
polemiche sugli effetti del processo di sfruttamento coloniale.
157 KENNEDY, KUSCEV E LA DISTENSIONE
La figura di J.F.Kennedy ebbe un ruolo fondamentale nella “distensione” tra Usa e Urss. La
situazione tra le due potenze alla fine degli anni ‘50 era un equilibrio del terrore, una coesistenza
pacifica per la sola consapevolezza di non potere prevalere sull'avversario se non mettendo a
repentaglio la sopravvivenza dell'intera umanità.
Kennedy, salì alla potere nel 1960, e fu il presidente più giovane degli USA.
Suscitò immediatamente ampi consensi riallacciandosi alla tradizione progressista di Wilson e
F.D.Roosvelt; aggiornandola col concetto di “nuova frontiera”: non più materiale, ma spirituale,
culturale e scientifica.
In politica interna provvide ad incrementare la spesa pubblica attraverso un equilibrato programma
basato sul Welfare state e sulle esplorazioni spaziali. Legò il suo nome anche ad una convinta
battaglia per l’integrazione razziale.
In politica estera alternò una propensione al dialogo a una intransigenza sulle questioni nazionali
essenziali.
Fu uno dei principali fautori dell’apertura all’Est, che produsse un grande fermento diplomatico. Il primo
incontro tra Kennedy e Kruscev fu nel 1961, relativamente alla questione di Berlino. Ma il risultato fu
contrario alle aspettative, vide un’ulteriore irrigidimento che portò all’erezione del “MURO DI
BERLINO” simbolo della divisione tra i due schieramenti mondiali.
Ma il conflitto più drammatico tra le due potenze si giocò nell’Atlantico.
Kennedy tentò di soffocare il neonato regime socialista di Castro nella prospiciente Cuba. Nel ‘61
incominciò l’embargo commerciale, ma cercò anche di appoggiare gli esuli anticastristi per un
intervento controrivoluzionario. Ma lo sbarco nella “BAIA DEI PORCI” vide l’improvviso voltafaccia
americano, che non inviò gli aiuti militari previsti e gli esuli anticastristi furono decimati.
L’esperienza provocò un colpo all’immagine a JFK, che però trovò il modo di rifarsi.
Nella tensione che s’era creata con Cuba s’inserì l’URSS, che prontamente si propose d’aiutare il
regime di Castro.
Nel ’61 oltre agli aiuti economici iniziò l’installazione di missili balistici. Quando nell’Ottobre 1962
aerei spia statunitensi individuarono le basi, incominciò un breve periodo di estrema tensione. Per
scongiurare un nuovo conflitto Kennedy, sordo alle richieste d’intervento militare degli stati maggiori
dell’esercito, propose e attuò il blocco navale dell’isola: ogni nave sovietica sarebbe stata bloccata al
largo.
Mai come allora si fu vicini ad una catastrofe nucleare. Kruscev decise di bloccare il progetto
missilistico a Cuba in cambio dell’impegno americano di non attaccare l’isola (e di smantellare,
109
769927308
01/06/17
qualche mese dopo, alcuni missili americani in Turchia). Il risultato rafforzò nuovamente il Presidente
che rilanciò gli accordi con Kruscev, che per non farsi soffiare la scena accentuò il tono pacifista degli
interventi, cercando di spostare la contesa dal piano militare a quello economico: avverrebbe prevalso
fra le potenze, quella che sarebbe stata in grado di sviluppare un tenore di vita migliore per le
proprie popolazioni. L’eccesso di ottimismo di Kruscev fu tale che, già nel ‘64, quando si
evidenziarono i problemi economici dell’URSS, fu estromesso da tutte le cariche e sostituito da
Breznev.
Nel 1963 Usa e URSS stipularono:
 patti per la messa al bando degli esperimenti nucleari;
 una linea diretta per telescriventi - LA LINEA ROSSA – per scongiurare errori di trasmissione
di messaggi, che avrebbe potuto provocare una guerra non desiderata (dall’idea nascerà internet), tra
le due superpotenze,.
Il 22 Novembre 1963, a Dallas Texas, JFK fu ucciso in un attentato di cui ignoti rimangono i
mandanti, il primo di una lunga serie di omicidi politici, che videro cadere il fratello Bob e Martin
Luther King, che destabilizzarono il paese.
Al suo posto di JFK andò il suo vice, Lindon Johnson, che finì col rimanere invischiato nel caso della
guerra del Vietnam.
158 LA CINA DI MAO
Tra la fine dei ’50 e l’inizio dei ’60 si delineò il contrasto tra Cina e URSS.
L’URSS si proponeva come garante dell’ordine mondiale bipolare e come unico pilastro e punto di
riferimento per il comunismo mondiale, la Cina contestava la visione del mondo dei due blocchi e
appoggiava ogni movimento rivoluzionario nel mondo per porsi come guida dei popoli in lotta contro
l’imperialismo, voleva più spazio nelle decisioni di interesse comune e aveva più rispetto delle condizioni
rurali, dove lavoravano i ¾ della popolazione.
In più, mentre la destalinizzazione portò in URSS una timida apertura al liberalismo, negli stessi anni la
Cina subì una radicalizzazione del collettivismo.
Il compito dei rivoluzionari cinesi era simile a quello dei bolscevichi, anche se rispetto a loro partivano da
una base di consenso più ampia.
Negli anni ’50 furono nazionalizzati l’industria e il commercio, si creò un’industria pesante con l’apporto
di tecnici russi, fu collettivizzata l’agricoltura prima con la riforma agraria del 1950 che distribuiva la
terra ai contadini (formando una miriade di piccole aziende agricole) poi favorì, infine obbligò, le
famiglie a riunirsi in cooperative (controllate dallo Stato).
Nell’industria partì da zero ed ottenne una crescita molto alta; nell’agricoltura fu varato nel maggio ’58
il “grande balzo in avanti”, una strategia che tendeva a riunire le cooperative in comuni agricole le quali
a loro volta dovevano tendere all’autosufficienza e produrre da sé quello di cui necessitavano (le
macchine e anche l’acciaio). Il controllo anche della vita privata fu sempre più soffocante, simile a quello
dei piani quinquennali, ma l’iniziativa fallì e la Cina dovette importare una enorme quantità di cereali. Di
conseguenza i rapporti con l’URSS, che criticò il grande balzo, precipitarono: l’URSS richiamò i tecnici,
non diede nessuna informazione per la costruzione dell’atomica (che comunque la Cina fece
esplodere nel 1964) e cercò, senza riuscirvi, di far condannare il maoismo dal comunismo internazionale.
La Cina arrivò a definire imperialisti (per Mao imperialismo è una tigre di carta)e zaristi i russi e la
tensione aumentò fino allo scontro armato al confine tra Siberia e Manciuria, lungo il fiume Ussuri
nel 1969. Il fallimento del grande balzo in avanti diede spazio all’ala moderata del partito (guidata dal
Presidente delle Repubblica Liu Shao-chi).
Non controllando l’apparato in modo tale da poter eliminare l’opposizione, Mao vi scagliò contro i
giovani, con il sostegno dell’esercito.
Tra il ’66 e il ’68 si sviluppò LA RIVOLUZIONE CULTURALE. Una forma di lotta inedita, dove il
regime comunista si serviva dell’esercito. Mobilitò i giovani studenti esortandoli a ribellarsi ai
dirigenti sospettati di convertirsi alla “via capitalistica”. La rivolta giovanile, apparentemente
spontanea, richiamandosi al “pensiero autentico di Mao” contestava ogni potere burocratico ed
autorità. Furono messi sott’accusa insegnanti e i dirigenti di partito indesiderati, artisti e intellettuali
L’intento era quello di provocare, in virtù dell’iniziativa di massa, un radicale mutamento della
cultura collettiva. Nella realtà la rivoluzione culturale durò il tempo per eliminare gli avversari, prima di
porre un freno all’entusiasmo che aveva permesso l’operazione nel 1968.
Il fenomeno ebbe grande successo anche all’estero, dove alcuni gruppi di giovani cercarono di
scimmiottare le rivendicazioni cinesi, ed in parte influenzò anche la mobilitazione studentesca in
Occidente.
Un ruolo importante fu svolto da Chou En-lai, premier ininterrottamente dal ’49 che nel ’70 avvio la
normalizzazione diplomatica, che finì col tradursi in un’apertura agli Stati Uniti.
110
769927308
01/06/17
La nuova intesa Cino-americana fu sancita dal viaggio nell’estate ’72 di Nixon a Pechino e
dall’ammissione della Cina all’ONU al posto di Taiwan.
Con la morte di Mao e Chou En-lai nel 1976 finì la rivoluzione maoista e incominciò la transizione che
muterà nuovamente gli equilibri interni cinesi agli inizi degli anni ‘80.
159 LA GUERRA DEL VIETNAM
In base agli accordi di Ginevra del 1954 il Vietnam era stato diviso in 2 stati:
Vietnam del Nord, comunista capeggiato da Ho Chiminh
Vietnam del Sud appoggiato dagli usa decisi a sostituirsi all’influenza francese
Già da prima del ’64 contro il paese del Sud s’innescò un movimento di guerriglia comunista e gli
usa impauriti dalla possibilità di una riunificazione indocinese sotto un regime comunista inviarono sul
posto consiglieri militari e materiale di conforto. Visti gli effetti della escalation, Johnson decise per
un intervento diretto, inviando truppe di fanteria, ma non bastarono a contrastare la lotta dei
Vietcong che godevano di vasto appoggio fra le masse contadine. Questo portò ad un progressivo
rafforzamento della presenza militare, con risultati militari non favorevoli.
In patria, intanto, l’opinione pubblica si mobilitò contro una guerra giudicata ingiusta e contraria ai
principi democratici. Le imponenti manifestazioni influenzarono l’opinione pubblica straniera creando
un fronte compatto contrario al proseguimento dell’intervento.
Con un passivo di molte vittime tra i militari, dopo i bombardamenti nordvietnamiti del 68 sulle città
del sud (offensiva del Tet) Johnson decise di diminuire progressivamente i contingenti. Il successore,
Richard Nixon, cercò di rianimare il conflitto appoggiando con mezzi l’esercito sudvietnamita che
allargò le operazioni anche in Laos e in Cambogia. Ma anche in questo caso il risultato rimase
sfavorevole agli Usa, tanto da convincerli all’armistizio di Parigi del‘73 con cui gli statunitensi
abbandonarono il paese, con la prima sconfitta militare della storia(e una situazione che vedeva l’Indocina
totalmente governata da regimi comunisti).
La guerra finì nel ‘75 con la caduta del Laos e della Cambogia nelle mani comuniste.
160 L’URSS E L’EUROPA ORIENTALE DA KRUSCEV A BREZNEV
Dall’ottobre ’64 la direzione del PCUS fu affidata ad un collegio di ex collaboratori, in questo caso:
Breznev (segretario del PCUS, rimasto al potere fino alla sua morte nell’82), Kossighin (capo del
governo), Suslov, massima autorità ideologica.
Fu Breznev ad emergere sugli altri, producendo una politica sovietica moderata. Nel ’75 partecipò alla
conferenza di Helsinki sulla sicurezza e cooperazione in Europa, i cui accordi finali prevedevano il
rispetto dei diritti umani e delle libertà politiche fondamentali, ma con tratti decisamente autoritari si
dedicò alla repressione del dissenso degli intellettuali (Solzenitsyn fuggì in occidente alimentò
un’agguerrita polemica antiURSS).
In economia diede maggiore autonomia alle imprese, ma accentuò il controllo centrale sui con risultati
scarsi.
In politica estera continuò il dialogo con l’occidente, ma il alimentò un nuovo riarmo che assorbì quote
maggiori del bilancio a scapito delle condizioni del tenore di vita, e approfittò di un periodo di debolezza
alla guida degli USA per allargare la zona di influenza (America latina, Africa, Medio oriente, guerra ‘79’89 in Afghanistan), mentre i rapporti con la Cina e l’Europa dell’Esto non migliorarono.
La repressione più eclatante si ebbe nei confronti della Cecoslovacchia. Nel gennaio ’68 venne rimosso
Novotny (proveniente dall’era staliniana) e il suo posto fu affidato a Dubcek, dell’ala innovatrice, che
propose (tra la primavera e l’estate del ’68 - primavera di Praga -) una liberalizzazione che mirava al
socialismo dal volto umano, coniugando il credo socialista con l’economia di mercato, la pluralità dei
partiti e libertà di stampa; ma a differenza dell’Ungheria nel ’56, non venne messa in dubbio
l’appartenenza del paese al blocco sovietico. Preoccupata del contagio libertario l’URSS intervenne
ugualmente: il 21 agosto 1968 truppe dell’URSS, Polonia, Germania est Ungheria e Bulgaria occuparono
Praga e tutto il paese, Dubcek fu arrestato e imposto un governo filo sovietico. I comunisti cechi in
clandestinità rinnovarono la fiducia a Dubcek e rinunciando alla resistenza armata, opposero una
resistenza passiva che isolò gli occupanti, che furono costretti a rimettere al loro posto i dirigenti della
“primavera” ma sotto stretto controllo. A partire dalla primavera del ’69 furono emarginati e quindi
allontanati dal governo sostituendo Dubcek con Husak.
L’intervento in Cecoslovacchia contribuì ad aumentare il dissenso nei paesi del patto di Varsavia, in
particolare negli altri partiti comunisti: Italia, Jugoslavia, Romania eCina.
In Polonia, gli operai di Danzica e Stettino nel’70 si ribellarono alla politica d’austerità, che provocò
aumenti salariali e l’avvicendamento di Gomulka con Gierek.
111
769927308
01/06/17
161 TRASFORMAZIONE ECONOMICHE, SOCIALI E DI COSTUME TRA GLI ANNI 50-60
Gli anni ’50 e 60 sono anni di sviluppo senza precedenti. Il boom cominciò dopo la guerra con gli USA a
fare da traino alla ripresa economica in Europa e in Giappone. Lo sviluppo riguardò l’industria
(tecnologie e i beni durevoli), il terziario, molto menol’agricoltura.
Il boom fu conseguenza di una serie di fattori: incremento demografica, allargamento della domanda di
consumo, strutture sociali; immissione di nuova forza lavoro; costo relativamente basso del petrolio che
aveva sostituito il carbone; scoperte scientifiche e innovazioni tecnologiche; multinazionali;
liberalizzazione degli scambi internazionali.
Molte delle quote del reddito nazionale che prima erano investite nell’industria bellica ora sono investite
nella ricerca, questo porta ad es: scoperta di nylon, materie plastiche, antibiotici, penicillina, isolamento di
molte vitamine, psicofarmaci e anticoncezionali, boom della motorizzazione privata, sviluppo
dell’aviazione civile con la propulsione a reazione, conquista dello spazio, sviluppi della missilistica.
E’ interessante ricordare lo Sputnik, il primo satellite artificiale di Sovietico venne lanciato 4/10/1957,
mentre gli USA lanciarono l’Explorer solo nel 1/1958.
Il giorno12/4/1961 i russi furono sempre i primi ad inviare il 1° astronauta Yuri Gagarin nello spazio e gli
americani arrivarono secondi ma con la navicella Apollo II il 21/7/1969 sbarcano sulla Luna Armstrong
e Aldrin.
Si ha un’esplosione demografica che è il frutto dei progressi della medicina e chirurgia, (es. vaccinazioni
di massa, principi igienici), e di una maggior qualità del cibo disponibile. Il boom fu soprattutto nel
Terzo Mondo, nei paesi industrializzati si ebbe il cosiddetto baby boom solo nel decennio successivo alla
guerra dopo la metà degli anni ’50 riprese il calo delle nascite che ebbe come causa la minor durata dei
matrimoni e per il controllo delle nascite.
Trionfo dei mass media, la radio conobbe un boom alla fine degli anni ‘50 con gli apparecchi a transistor,
e il boom della musica leggera.
Ma la vera protagonista fu la televisione che creò la nuova cultura di massa dell’immagine. Col suo
avvento si coniano due definizioni “Società del benessere” o “Civiltà dei consumi. Dai messaggi
pubblicitari si arriva alla standardizzazione dei modelli di consumo. In questo periodo vi è anche
affermazione delle scienze umane: sociologia, politica, psicologia, economia. È da ricordare Marcuse,
epigone della scuola di Francoforte (1923 per un’analisi critica della società di massa) che scrive diversi
libri sulla società dei consumi.
162 I MOVIMENTI DI CONTESTAZIONE NEGLI ANNI ‘60
La contestazione nei confronti della società consumistica e del benessere trovò terreno fertile fra
coloro che di quella società potevano considerarsi figli, i giovani nati nel primo dopoguerra. Questa si
manifestò con un rifiuto delle convenzioni e una fuga dalla società industrializzata. Caso siginficativo
furono le comunità HIPPIES che si svilupparono negli USA alla metà degli anni ’60 che proponevano
una cultura alternativa in cui confluissero:
non-violenza e religiosità orientaleggianti;
consumo di droghe leggere e musica completamente nuova.
Solo quando trovò un profondo radicamento nelle Università, la rivolta trovò una propria dimensione
politicizzata. Il fenomeno prese il via sempre negli Stati Uniti, con l’occupazione dell’Università di
Barkley nel ’64. Principi cardine della protesta studentesca erano:
critica alla guerra nel Vietnam;
lotta contro la segregazione razziale.
Mentre la lotta studentesca ebbe caratteri pacifici, la lotta antirazziale, dopo una prima fase guidata
dal leader non violento Martin Luther King, esplose in forme violente come rivolte nei ghetti
metropolitani, ispirate a ideologie separatiste del Black Power (Potere Nero).
Dagli USA la rivolta studentesca s’espanse in tutto il mondo sino a raggiungere il suo apice nel ’68.
Durante la sua migrazione, il messaggio subì radicali trasformazioni subendo le contaminazioni delle
idee marxiste e/o terzomondiste, molto discusse soprattutto in Europa.
Principali elementi unificatori della protesta erano:
lotta all’autoritarismo delle istituzioni;
condanna dell’imperialismo americano.
L’opposizione all’uso autoritario della forza portò a violenti scontri con le forze dell’ordine in molti
paesi. In Francia nel Maggio ’68 gli studenti organizzarono una violenta guerriglia nel Quartiere
Latino di Parigi. Gli studenti riuscirono a coagulare attorno a loro i sindacati e i movimenti di sinistra,
uniti nell’opposizione al governo De Gaulle, che sembrò vacillare all’urto, ma con un’abile manovra
politica seppe uscirne indebolendo l’avversario.
112
769927308
01/06/17
Al di là d’inconsistenti successi politici, i movimenti studenteschi lasciarono segni profondi nelle
società occidentali così da rinfrescare quei tratti rivoluzionari, indispensabili all’ammodernamento
di una società, che si stavano perdendo nel benessere.
163 CONCILIO ECUMENICO
La società capitalistica del dopoguerra trovò un avversario tenace nella Chiesa di Roma. I cattolici
erano preoccupati soprattutto della perdita di valori etici, a scapito d’interessi materiali, legati al
consumismo. Dal punto di vista pratico la Chiesa osteggiava soprattutto i nuovi costumi sessuali e le
pratiche di contraccezione.
La reazione fu quella di cercare un rinnovamento dall’interno. Il nuovo corso trovò l’abbrivo dal
pontificato di Papa Giovanni XXIII (’58). Sebbene non fosse un innovatore in materia dottrinale cercò di
rilanciare il ruolo ecumenico della Chiesa e d’instaurare un dialogo con le realtà, anche quelle
tradizionalmente ostili. L’opera fu facilitata sia dal carisma del Papa, che dalla distensione tra
Kenndy e Kruscev.
La svolta voluta dal Papa si manifestò in due encicliche:
 MATER E MAGISTRA DEL ’61(con riferimenti alla Rerum Novarum):
o rilanciare il filone sociale del pensiero cattolico;
o condannare l’egoismo dei paesi ricchi;
o incoraggiare il riformismo.
 PACEM IN TERRIS DEL ’63: dedicata ai rapporti internazionali, conteneva un appello alla
collaborazione tra i popoli, offrendo una significativa apertura ai paesi di nuova
indipendenza, nonché una concreta proposta di dialogo con le altre religioni e con i non
credenti.
Ma l’atto più importante del pontificato di Giovanni XXIII fu la convocazione del Concilio Vaticano II
apertosi nel ’62, pochi mesi prima della sua morte A quasi un secolo di distanza dal suo predecessore
(1870) che aveva segnato il momento di maggiore chiusura della storia della Chiesa, si prolungò per oltre
tre anni sotto la guida del nuovo papa – PAOLO VI. La Chiesa ne uscì fortemente riformata (l’aspetto
pratico più significativo in campo liturgico fu l’introduzione della messa in volgare), anche se non
radicalmente trasformata. Fu portata avanti la cultura del dialogo, con un’apertura significativa a tutte le
religioni ed in particolari con le altre chiese cristiane (in vista di una possibile riunificazione della
cristianità).
La battaglia per il rinnovamento di Giovanni XXIII suscitò molti fermenti e la nascita di movimenti
filocattolici che cercavano di coniugare il messaggio religioso con l’impegno sociale. Gruppi di
CATTOLICI DEL DISSENSO che s’affermarono, negli anni ’60, in Italia e Francia spesso andarono a
confluire nei movimenti studenteschi.
In America Latina la partecipazione dei sacerdoti alle lotte contro le dittature fu all’origine di una
nuova teologia: LA TEOLOGIA DELLA LIBERAZIONE, che coniugava il messaggio cristiano con
una concezione marxista della storia. Questa, benché condannata ufficialmente dalla Chiesa di Roma,
giocò una parte importante nelle lotte contro i regimi autoritari.
164 EUROPA OCCIDENTALE TRA ANNI SETTANTA E OTTANTA
La realtà europea non è omogenea né per cultura né per economia. La dipendenza dagli Usa è cresciuta
man mano che si protraeva la guerra fredda (fino alla decisione di permettere alla Nato di installare in
Europa missili in risposta ad un’installazione analoga russa). Economicamente, la sfida con Usa e
Giappone è stata persa. La crisi del petrolio (l’unica nazione in Europa a essere meno colpita fu GB in
quanto iniziò a sfruttare giacimenti appena scoperti nel mare del Nord) e di quei settori (siderurgico e
minerario) che a suo tempo erano i trascinatori del mercato europeo hanno portato a tendenze
protezionistiche e spinte centrifughe.
Per quel che riguarda le politiche interne, la crisi della metà dei ’70 ha messo in difficoltà le
socialdemocrazie nell’Europa settentrionale:
GB: dopo aver ripreso il potere nel ’74, i laburisti vennero sconfitti nel ’79 dai conservatori guidati da
Margareth Thatcher (la lady di ferro).
Ispirata ad un rigido liberismo, il premier ha sferrato un duro attacco alle Trade Unions, messo in
discussione le basi del Welfare State (senza toccare le prestazioni obbligatorie) e privatizzato settori
dell’industria pubblica.
I conservatori ha tenuto la maggioranza sia nelle elezioni dell’83 (sull’onda emotiva delle Falkland) che
nell’87. Nel ’90 la Thatcher si dimise per contrasti interni al suo partito che non approvava le misure
impopolari proposte e il suo eccessivo antieuropeismo.
113
769927308
01/06/17
Le socialdemocrazie di Svezia, Danimarca e Norvegia hanno visto interrotti o minacciati i rispettivi
governi al potere ormai da oltre 30 anni.
In Germania federale, nel 1983 hanno avuto fine i governi socialdemocratici di Brandt prima e Schmidt
poi a causa della rottura tra questi ultimi con i liberali, che ha aperto la strada al cristiano-democratico
Kohl. La rottura fu determinata non da attori economici ma da divergenze in politica estera, in particolare
la diffidenza dell’Spd all’installazione degli euromissili.
Contemporaneamente, i socialismi si affermarono nell’Europa mediterranea:
In Francia l’Unione delle sinistre conquista nell’81 (presidenza di Mitterrand)il successo elettorale
sfiorato nel ’74: partito con grandi progetti di nazionalizzazione, si è dovuto scontrare con il cattivo
andamento dell’economia ed è stata costretta a invocare misure restrittive, rompendo con un’intransigente
Pcf. Nell’86 il centro-destra ha riconquistato la maggioranza che però è ritornata in mano ai socialisti
nell’88.
In Portogallo la dittatura sopravvisse per poco a Salazar. Il processo democratico (accelerato
dall’insofferenza dell’opinione pubblica verso la repressione portoghese in Angola e Mozambico)ebbe il
primo impulso dai militari che diedero vita nel ’74 ad un incruento colpo di stato: il potere fu assunto
prima dall’ala moderata, quindi da quella socialista dell’esercito. Dall’autunno ’75 i militari più radicali
sono stati emarginati e il paese è ritornato ad un regime pluripartitico dove i socialisti di Soares si sono
alternati con i gruppi di centro-destra.
In Grecia, invece, furono i militari a rovesciare il regime liberale nel ’67 e furono costretti ad
abbandonare il potere dopo il fallimento dell’annessione di Cipro ai danni della Turchia. Il gioco passò ai
partiti democratici (Nuova democrazia di Karamanlis, moderato e i socialisti di Papandreu): dal ’74 all’81
e dall’89 in poi governarono i moderati, con i socialisti al governo dall’81 all’89. Nel ’74 un referendum
sancì la fine della monarchia (che di fatto era già decaduta).
In Spagna (che fin dagli anni ’60 era in pieno sviluppo industriale) il re Juan Carlos alla morte di Franco,
nel ’75 chiamò Suarez al governo (franchista convinto della necessità di rinnovamento): questi legalizzò
tutti i partiti e fece approvare per referendum nel ’78 una costituzione democratica. Nonostante i continui
attentati dell’ETA, la democrazia si è rapidamente consolidata e la vittoria nell’82 dei socialisti di
Gonzalez non ha provocato scosse.
Spagna, Portogallo (‘86) e Grecia (‘81) hanno aderito alla CEE facendo sorgere nell’immediato nuovi
problemi nella gestione dei diversi interessi in gioco.
165 DITTATURE E DEMOCRAZIE IN AMERICA LATINA
Gli anni compresi tra la Crisi Petrolifera del 1973 e la caduta del muro di Berlino, nel 1989 furono
anni di profonde trasformazioni in america Latina.
Le grandi dittature locali raggiunsero il loro acme prima di cadere luna dopo l’altra.Nella prima
metà degli anni ’70 i militari presero il potere anche dove la tradizione democratica era maggiormente
radicata(Uruguay).
Cile
Nel 1970 andò al potere il socialista Salvador Allende, capo di un governo d’Unita Popolare. Tentò di
realizzare un ampio programma riformista, ma quando cercò di nazionalizzare le grandi miniere di
rame si scontrò con la ricca borghesia e con gli interessi delle Corporations americane. l’ 11 di
Settembre 1973 un golpe militare dell’esercito rovesciò il presidente, che vide la morte in
combattimento durante il bombardamento della Moneda (il palazzo presidenziale cileno). Dopo un breve
transitorio, che vide la lotta per il potere nel triunvirato (Leigh, Carvajal, Pinochet) che aveva organizzato
il colpo di stato; salì al potere il generale Augusto Pinochet che diede vita ad un regime fortemente
autoritario. Riuscì a risanare in parte l’economia anche se con metodi alquanto impopolari e
autoritari. La dittatura pinochetista durò sino al 1989, quando dopo un lungo periodo contrassegnato
da forte mobilitazione dell’opinione pubblica interna, prima, e straniera poi, Pinochet dovette indire
nuove elezioni. La vittoria nel 1989 fu del democratico Patricio Alwin.
Argentina
Nel 1972 il regime militare salito al potere nel ‘66, non riuscendo a risolvere la crisi finanziari si accorda
con l’ex-dittatore Peron per un nuovo mandato che ha inizio nel 1973. Ma il nuovo corso peronista si
dimostrò disastroso, acuendo la crisi che si era trovato a dovere gestire. Ai tumulti popolari seguì
l’organizzazione di movimenti di estrema sinistra che impensierirono a tal punto i militari, i quali
organizzarono un nuovo colpo di stato nel 1976. Il nuovo capo del Governo il generale Videlas diede
vita ad un regime estremamente brutale e repressivo (DESAPARECIDOS). Ma nemmeno
l’ennesima dittatura riuscì a sanare l’economia argentina. Al nuovo insuccesso economico si aggiunse
una sconfitta militare. Nel 1982 gli argentini invasero le isole Malvine (Falkland) da secoli sotto il
dominio britannico. Gli inglesi del governo Tatcher, reagirono con estrema determinazione inviando
un contingente militare che si sbarazzò in breve tempo degli argentini, cacciandoli dall’arcipelago.
La serie d’insuccessi costrinse il governo ad indire nuove elezioni nel 1983 che videro la vittoria del
radicale Alfonsin. La gravissima situazione interna non consentì nemmeno a questi di risolvere granché,
114
769927308
01/06/17
così alle nuove elezioni del 1989 vinse nuovamente un candidato peronista: Carlos Memen, che
porterà definitivamente allo sfascio l’economia argentina con un rischiosissimo corso speculativo.
In molti altri stati dell’America Latina, in questo periodo, si assisté alla caduta dei militari (come la
dittatura di Strossner in Paraguay), tanto che alla fine degli anni ’80 tutto il continente era tornato
saldamente in mano ad istituzioni democratiche.
Ma il consolidamento della democrazia trovava numerosi ostacoli, soprattutto di natura strutturale e
sociale. Troppo grandi erano le sperequazioni tra classi e la situazione economica intollerabile. In quasi
tutti i paesi dell’America latina la situazione economica è disastrosa e i vari governi sono legati a filo
doppio alle grandi economie mondiali, soprattutto a quella americana. Molte delle piccole realtà delle
zone centrali, appena emancipatesi dalle dittature (Nicaragua da Somosa, Haiti da Duvalier) rischiavano
di ricadere nelle maglie dei militari.
Colombia
La minaccia più grave per le istituzioni democratiche è rappresentata dall’estremo potere dei
narcotrafficanti. Un’organizzazione criminale potentissima capace d’influenzare economicamente e con
un clima di terrore qualsiasi realtà democratico-legalitaria.
Nicaragua
Nel 1979 un movimento rivoluzionario di sinistra – i sandinisti – prese il potere rovesciando la
dittatura filo-americana di Somoza. Gli Usa non intervennero a difendere il loro “delfino” sino a
quando il nuovo esecutivo non accentuò i suoi caratteri socialisti. Sotto la presidenza Reagan gli
americani si fecero promotori di una violenta campagna d’aiuto economico - bellico e tattico contro
i sandinisti. L’appoggio ai “contras” (controsandinisti) andò da semplice invio di materiale, a istruzioni
militari, e ad interventi diretti degli elicotteri. Nel 1989 dopo sanguinosi combattimenti si arrivò ad una
tregua e a nuove elezioni che videro affermarsi gli antisandinisti.
166 GLI USA DA NIXON A REAGAN E BUSH
La crisi del dollaro (‘71), la sconfitta in Vietnam, lo scandalo del Watergate (spionaggio dei
repubblicani ai danni dei democratici nel ‘74) costrinsero Nixon alle dimissioni.
Dopo due anni del vicepresidente Ford, nel ’76 vinse le elezioni il democratico Carter, che sostituì alla
Realpolitik di Nixon e Kissinger (allora segretario di stato) un’idea wilsoniana del ruolo degli USA
nel mondo, che propugnava l’autodeterminazione e la difesa dei diritti umani nel mondo.
La politica incerta favorì la formazione di regimi ostili (Nicaragua, Medio oriente) e si diffuse un
senso di frustrazione, culminata con l’episodio della rivoluzione iraniana.
Tutto questo contribuì nel ’80 alla vittoria di Reagan. Ex attore, esponente di destra dei repubblicani
promise di adottare una linea più dura contro i nemici dell’America, risvegliando lo spirito dei pionieri e
l’orgoglio nazionalistico.
Fra ’83 e’86 l’industria riprese a pieno ritmo (nel frattempo Reagan fu confermato alla presidenza)
e anche la crisi della Borsa dell’ottobre ’87 fu superata senza grossi problemi. L’inflazione tornò
sotto controllo, la disoccupazione in parte riassorbita, il dollaro si confermò la moneta forte, ma a causa di
una spesa per gli armamenti, il deficit statale era alto. La politica liberista spregiudicata del Presidente
portò con sé interi settori industriali e piccole aziende in crisi per la mancanza dei sussidi; in più le
disuguaglianze sociali e razziali si ampliarono per il taglio alla sanità pubblica.
La spesa per le armi era fondamentale del programma reaganiano, voleva mostrare il peso militare degli
USA sia all’URSS, sia ai regimi integralisti del Medio oriente (in Libia Tripoli fu bombardata nel marzo
’86 in risposta ad attentati contro cittadini americani in Europa e Iran; nell’estate’87 furono mandate navi
nel Golfo persico per proteggere le vie del petrolio dalla guerra contro l’Iraq) e in generale in ogni parte
del mondo.
In questa direzione andò l’iniziativa sulla difesa strategica (Sdi), uno scudo spaziale che in grado di
neutralizzare la minaccia missilistica, che però rischiava di mettere in moto una spirale di nuove spese
in armi da parte dei due blocchi.
La popolarità del presidente rimase intatta per due mandati e permise a Bush, già vicepresidente,
di sfruttare l’onda e di vincere le elezioni dell’88.
Proveniente dall’ala moderata del partito repubblicano, Bush, mantenne in sostanza la linea del suo
predecessore(fu lui ad autorizzare più grandi operazioni militari dal Vietnam: l’arresto a Panama del
dittatore locale Noriega accusato narcotraffico (dicembre ‘89) e la guerra del Golfo (‘90-‘91)), ma in
modo più equilibrato (accantonò l’idea Sdi).
Con l’URSS confermò un alternarsi di aperture e momenti di fermezza che permise, in seguito, di
sfruttare il vuoto politico lasciato dal crollo del comunismo.
Nonostante i successi internazionali, la congiuntura economica sfavorevole a partire dal ’91 mise in
evidenza le contraddizioni dell’espansione degli anni ’80 fece calare vistosamente la popolarità di
Bush e pose interrogativi sulla sorte degli USA, unica superpotenza mondiale rimasta ma minacciata in
alcuni settori economici vitali dalla concorrenza giapponese e cinese.
115
769927308
01/06/17
167 DOPO BREZNEV: LA CRISI E LA DISSOLUZIONE DELL'URSS
Negli ultimi anni di presidenza Breznev gli Urss tentarono di espandere la loro influenza in tutti i
continenti:dall’America Latina (Nicaragua), al Medio Oriente, all’Africa (Etiopia, Angola, Mozambico).
Caratteristica fu la sconfitta in Afghanistan dove l'Urss tentò nel 79 d’imporre un governo filo-sovietico,
ma incontrò l’accanita resistenza dei gruppo guerriglieri islamici (appoggiati da Iran, Pakistan e Stati
Uniti) che le fecero perdere vite umane e immagine.
Una svolta radicale per l’URSS si ebbe con l'elezione di Michail Gorbacev che introdusse radicali novità
sia nella politica interna che in quella internazionale.
A nome di Gorbacev è legata la perestrojka (riforma) che volgeva ad introdurre nel sistema socialista
alcuni elementi di economia di mercato.
Istituzionalmente si fece promotore, nell'88, di una nuova costituzione che lasciava spazio ad un limitato
pluripartitismo.
Ancora più importante delle riforme (che spesso dimostrarono contraddizioni e difficoltà all'interno del
sistema sovietico) fu l'avvio di un processo di liberalizzazione all'insegna della glasnost (libertà di
espressione) che sviluppò un dibattito politico-culturale che aiutò anche nei rapporti internazionali.
Infatti la maggiore disponibilità di Gorbacev rilanciò il dialogo con l'Occidente e in particolare con gli
Usa di Reagan e Bush con il quale dopo numerosi incontri e trattative vennero firmati trattati di non
aggressione e di riduzione degli armamenti convenzionali
Particolarmente allarmante furono i movimenti indipendentisti fra le popolazioni facenti parte
dell'impero; le prime a muoversi furono le Repubbliche baltiche (Estonia, Lettonia, Lituania),
analogamente anche le repubbliche caucasiche (Armenia, Georgia, Azerbaigian) e le regioni musulmane
dell’sia centrale. La stessa Russia rivendicò la propria indipendenza nel 1990 ed elesse alla propria
presidenza il riformista radicale Boris Eltsin.
168 IL 1989 E LA CRISI DEL COMUNISMO IN EUROPA ORIENTALE
La crisi del comunismo prima di crollare in Urss si fece sentire in tutti i paesi satellite. Prima la Polonia,
già refrattaria all'imposizione del modello comunista, dove nell’80-81 si affermò rapidamente un
sindacato indipendente chiamato Solidarnosc, prima tollerato dall’autorità, poi represso, ma che con un
periodo di "allentamento" dopo le elezioni dell'89, possibili grazie agli accordi di Danzica, andò al potere.
A seguito dell’esperienza polacca, l'Ungheria che dopo un processo riformatore decise di abolire i
controlli polizieschi e di rimuover la cosiddetta cortina di ferro (una barriera di filo spinato al confine con
l'Austria) che innescò una serie di reazioni in tutto in mondo comunista.
La più importante in Germana est dove migliaia di cittadini fecero una fuga di massa verso la Germania
federale, accompagnati da grandi manifestazioni di protesta che misero in crisi il regime. I nuovi dirigenti
avviarono riforme e liberalizzazioni fino a che nel novembre 89 vennero aperti varchi nel muro di
Berlino, emblema della guerra fredda; gesto epocale che rappresentò la fine delle divisioni che avevano
spaccato l'Europa e il mondo dopo la II guerra mondiale.
Gli avvenimenti tedeschi accelerarono trasformazione in tutta l'Europa dell'Est.
In Cecoslovacchia, Romania, Bulgaria e Albania vennero aperti processi di democratizzazione e alle
elezioni vinsero in buona parte partiti di centro e centro-destra; forte fu la vittoria dei cristianodemocratici nella Germania Est allineandosi alla Germania federale spingendo verso la riunificazione del
1990.
169 LA GUERRA NEL GOLFO
Nell’agosto 90 il dittatore iracheno Saddam Hussein invase il confinante Emirato del Kuwait,
tradizionalmente filo-occidentale, mirando al controllo del paese, uno dei maggiori produttori mondiali di
petrolio.
Condannata dalle Nazioni Unite e dalla comunità internazionale, l'invasione irachena portò ad una
spedizione prima americana, poi appoggiata da altri paesi europei e dall'Unione sovietica. Violenti
attacchi aerei e offensive di terra, approvate a grande maggioranza da consiglio di sicurezza dell'ONU,
costrinsero l'esercito iracheno al precipitoso abbandono del Kuwait, non prima però di averne incendiato
gli impianti petroliferi.
Quando si parla di guerra nel Golfo si parla anche del successivo e conseguente rilancio del processo di
pace in Medio Oriente. Spinta per la pace fu l'elezione nel 1992 di Rabin in Israele, che con il ministro
degli esteri Shimon Peres, cominci un processo di negoziati con Arafat, leader palestinese, arrivando ad
un accordo segreto fondato sul reciproco riconoscimento. Un accordo di difficile attuazione a causa di
116
769927308
01/06/17
molte questione aperte: dalla città di Gerusalemme proclamata capitale eterna di Israele, all'atteggiamento
ostile di alcuni paesi che si sentivano esclusi dall'accordo, come la Siria. Inoltre l'opposizione dei gruppo
intransigenti dell'Olp e della destra nazionalista israeliana e soprattutto la minaccia dei movimenti
integralisti islamici che portarono avanti una spirale di violenza e di fanatismo culminato nell’uccisione
del premier Rabin nel 1995.
Nelle elezioni del 96 vinse la coalizione di destra guidata da Benjamin Netanyahu che arrestò il processo
di pace fino al 98 in cui sotto la pressione del presidente del i USA Bill Clinton Netanyahu e Arafat
fecero un accordo che prevedeva il ritiro israeliano da una porzione di territori occupati in cambio
dell'impegno palestinese nella repressione del terrorismo.
170 L'INTERVENTO ITALIANO NELLA II GUERRA MONDIALE E LE VIVENDE MILITARI
L’Italia, colta di sorpresa dallo scoppio del conflitto, aveva deciso di dichiararsi non belligerante,
giustificando la sua scelta all’alleato germanico per l’impreparazione ad una guerra di lunga durata.
Il repentino crollo della Francia fece cambiare idea a Mussolini che vide nella schiacciante superiorità
tedesca motivo di sicurezza. Re, gerarchi, e industriali spingevano per l’entrata in guerra, giudicando
la scelta politica come una grande opportunità politico-commerciale. Anche l’opinione pubblica finì con
l’abbracciare la causa di una guerra che avrebbe dovuto essere rapida ed indolore.
Il 10 Giugno del ’40 Mussolini annunciava l’entrata in guerra dell’Italia al fianco dell’alleato
germanico.
Le operazioni militari fasciste non tardarono a dimostrare inadeguatezza:
 L’offensiva militare organizzata sulle Alpi, contro un avversario praticamente già sconfitto, si
risolse in una grossa prova d’inefficienza e l’armistizio firmato subito dopo con i francesi non portò
alcun significativo vantaggio all’Italia.
 Gli scontri navali nel mediterraneo con la flotta Britannica nel Luglio ’40 videro due consecutive
sconfitte.
 La campagna in africa settentrionale lanciata dalla Libia contro l’Egitto dovette fermarsi per la
mancanza di mezzi corazzati. (In questo caso Mussolini rifiutò l’aiuto militare di Hitler, perché
voleva dimostrare di potere combattere una lotta parallela a quella dell’alleato).
Il 28 Ottobre ’40 l’esercito italiano attaccava la Grecia muovendo dall’Albania. La Grecia era un
paese governato da un regime semifascista che aveva avuto buoni rapporti con l’Italia, fino ad allora.
L’offensiva si scontrò con una resistenza più dura del previsto. Dopo un inizio favorevole, alla fine di
Novembre, l’esercito fascista subì il contrattacco greco e fu costretto a ripiegare sulla difensiva in
Albania. Il fallimento della campagna di Grecia, e le notizie di nuove sconfitte in Africa
settentrionale, fecero scoppiare un terremoto negli stati maggiori dell’esercito (Badoglio dovette
rassegnare le dimissioni) e creò sconforto nell’opinione pubblica italiana, che incominciava a rendersi
conto della situazione d’inadeguatezza dell’esercito. La situazione assestò un duro colpo alla popolarità
di Mussolini e all’immagine guerriera.
In Africa gli inglesi erano passati al contrattacco e avevano conquistato parecchi territori in Libia.
Per impedire di Mussolini fu costretto ad accettare l’aiuto tedesco. Nel Marzo ’41 i reparti corazzati,
guidati dal brillante stratega, il Generale Erwin Rommel - “La volpe del Deserto” – incominciarono
una offensiva contro gli inglesi che permise agli italo-tedeschi di riconquistare i territori libici. Gli
inglesi intanto avevano sottratto all’Impero: Etiopia, Somalia ed Eritrea, sferrando l’ennesimo colpo
al regime.
l’Italia, ormai palesemente alleato subalterno alla Germania, aprì la strada all’intervento nazista
nei Balcani che provocò nell’Aprile 41 il cedimento di schianto di Jugoslavia e Grecia (mentre gli
inglesi si ritirarono via mare).
171 LE VICENDE DEL 1943, IL CROLLO DEL FASCISMO, I 45 GIORNI
Con i 45 giorni s’individua il periodo che sottese la deposizione di Mussolini (caduta del
fascismo)dall'annuncio dell'armistizio l’8 settembre del ’43.
Alla conferenza di Casablanca del gennaio ‘43 gli alleati decisero lo sbarco in Italia Meridionale per
una resa fascista senza patteggiamenti di sorta. Il 12 Giugno ‘43 conquistarono Pantelleria, e i
primi di Luglio la Sicilia senza trovare resistenza dalle popolazioni locali.
Lo sbarco rappresentò il colpo di grazia per il regime. Un sintomo evidente dell’ indebolimento s’era
verificato nel Marzo ’43 a Torino dove furono organizzati numerosi scioperi(la prima protesta di
massa durante il regime) che evidenziò il disagio popolare e il declino dell’ideologia di destra. A
provocare la caduta definitiva di Mussolini, non furono però le decisioni politiche, ma una congiura
che faceva capo alla Corona. Le componenti moderate del regime, gli industriali e alcuni politici,
cercarono di trovare una soluzione per tirare fuori il paese da un conflitto il cui esito ormai chiaro.
117
769927308
01/06/17
Il pretesto fu offerto al Re da una riunione del gran Consiglio del Fascismo tenutasi nella notte tra il 24 e
il 25 Luglio ’43, conclusasi con un ordine del giorno, presentato da Dino Grandi, che invitava il Sovrano
a riassumere le funzioni di comandante supremo dell’esercito. Nel pomeriggio del 25 Luglio ’43
Vittorio Emanuele III convocava Mussolini invitandolo a rassegnare le dimissioni. Così Mussolini
fu arrestato dai Carabinieri. A capo del Governo fu nominato il Maresciallo Pietro Badoglio, excomandante delle forze armate. L’annuncio fu accolto dal paese con entusiasmo, ma senza spargimenti
di sangue perché il Partito Fascista sparì praticamente nel nulla. Gli italiani pensarono che l’episodio
avesse posto la parola fine anche al conflitto, nella realtà la guerra sarebbe continuata e avrebbe avuto
nuove e drammatiche evoluzioni.
I tedeschi si affrettarono a rafforzare la loro presenza militare in Italia per prevenire e punire l’ormai
inevitabile defezione. Badoglio dichiarò che nulla sarebbe cambiato nella guerra agli alleati, mentre
di nascosto intrecciava trattative per raggiungere la pace. Ma coi negoziatori alleati c’era poco da
trattare, anche per tener fede alle clausole della Conferenza di Casablanca che prevedeva la resa
incondizionata. La firma dell’armistizio, benché sottoscritta il 3, fu ufficializzata l’8 settembre ’43
giorno in cui le truppe alleate sbarcarono a Salerno. L‘annuncio dell’armistizio fece piombare il paese
nel caos. Mentre il Re e il governo abbandonarono la capitale per riparare a Brindisi, i tedeschi
occupavano la parte centro settentrionale della penisola, mentre le truppe erano abbandonate a se
stesse. Moltissimi militari italiani furono fatti prigionieri e deportati nei campi di concentramento. Le
conseguenze dell’8 settembre si ripercossero anche sulle sorti del conflitto. I tedeschi riposizionati sulla
Linea Gustav, che univa Gaeta a Pescara, col punto nodale a Cassino, riuscirono a bloccare gli alleati
fino alla primavera del ’44.
172 LA SPACCATURA DELL'ITALIA: REGNO DEL SUD REPUBBLICA SOCIALE E
RESISTENZA
Così, a partire dall’8 Settembre ’43, l’Italia si trovava divisa in due parti:
 Le regioni centro-settentrionali occupata dai tedeschi;
 Le regioni meridionali saldamente in mano agli eserciti alleati.
Al Nord, intanto, il fascismo risorgeva dalle sue ceneri, forte dell’appoggio nazista. Il 12 settembre
’43 paracadutisti tedeschi liberarono Mussolini, pochi giorni dopo dichiarava la sua intenzione di dare
vita a:
 La nuova Repubblica Sociale Italiana (RSI);
 Il nuovo Partito fascista Repubblicano.
 Un nuovo esercito desideroso di combattere al fianco dei tedeschi.
La nuova Repubblica stabilì la sede a Salò. Il regime repubblichino cercò di guadagnare consensi con un
programma di socializzazione delle imprese che non riuscì mai a decollare. Nella realtà la RSI non
acquisì mai una credibilità per la chiara subordinazione ai nazisti.
L’unica sua funzione fu d’impegnarsi nella repressione del movimento partigiano. Le prime
formazioni partigiane si riunirono sulle montagne del Nord; agivano lontano dai centri abitati con attacchi
di guerriglia, sabotaggio e disturbo, e nelle città coi GAP (Gruppi di Azione Patriottica).
Ad ogni sabotaggio e/o attentato, i tedeschi reagivano con pesanti rappresaglie. Particolarmente feroce
fu quella del Marzo ’44 alle Fosse Ardeatine.
Dopo le fasi iniziali piuttosto anarchiche, i gruppi partigiani s’organizzarono principalmente su base
ideologica:
 Le Brigate Garibaldi, le più numerose e attive formate da comunisti;
 Giustizia e Libertà ricollegato all’omonimo partito d’azione degl’anni ’30;
 Le Brigate Matteotti erano legate ai socialisti.
Per un maggiore coordinamento della lotta, già prima della caduta del fascismo era nato il PDA, Partito
d’Azione dalla confluenza delle diversi formazioni.
La lotta partigiana italiana fu rilevante per la liberazione dell’Aprile del ’45. Così come già in Francia, i
combattenti avevano contribuito significativamente all’evolversi del conflitto. Il loro contributo fu
supportato dagli alleati con armi.
173 L'OCCUPAZIONE DELL'ITALIA E LE VICENDE POLITICHE E MILITARI 1943-1945
Gia prima della fine del regime i vecchi partiti, che erano stati dichiarati fuorilegge, avevano ripreso
vigore finendo per ristrutturare i loro organici.
I cattolici si erano mobilitati per costituire ex-novo il successore del PPI: la Democrazia Cristiana.
Quindi si ricostituirono il Partito Liberale, Repubblicano e Socialista. Il Partito Comunista da
sempre attivo in clandestinità, riuscì a ricostituire al completo la propria classe dirigente.
118
769927308
01/06/17
All’indomani dell’8 settembre ’43 i partiti antifascisti diedero vita al Comitato di Liberazione
Nazionale (CLN). Il CLN cercò d’opporsi anche a Badoglio, ma non avendo alcun riconoscimento e
presentandosi diviso all’interno, tra un’ala di sinistra e una di centro-destra non trovarono forza per
imporsi. Badoglio che godeva dell’appoggio degli alleati, nell’ottobre’43 dichiarò Guerra alla
Germania, facendo acquisire all’Italia il nuovo ruolo di cobelligerante.
Il contrasto fra Governo e il CLN fu ricomposto nel Marzo ’44 da una spregiudicata iniziativa del
leader comunista Palmiro Togliatti. Giunto a Napoli dal lungo esilio in URSS, scavalcando ogni
posizione ufficiale del CLN, propose di accantonare ogni pregiudiziale su Governo e Corona per
costituire un Governo d’Unità Nazionale, con la priorità di sconfiggere il fascismo. La svolta di
Salerno di Togliatti, oltre a ricompattare le forze politiche, aveva il merito di legittimare il PCI di fronte
ai comandi alleati. Il 24 Aprile ’44 nasce il primo Governo d’Unità Nazionale presieduto da Badoglio.
Il Re s’impegnò con gli alleati e il nuovo governo a trasmettere i propri poteri al figlio Umberto, in attesa
che la popolazione, a guerra finita, decidesse la sorte della monarchia.
Quando nel Giugno ’44 gli alleati occupano Roma, Umberto I assume la luogotenenza del regno,
mentre Badoglio rassegna le proprie dimissioni lasciando il posto ad Ivanoe Bonomi (indicato dal
CLN).
Con la scelta di Bonomi si rafforzava il legame diretto del governo con la resistenza. Le bande
partigiane si diedero un comando unificato ed allargarono la base di reclutamento, incrementando le
azioni di sabotaggio (nonostante le feroci rappresaglie). Molte città, fra cui Firenze, furono liberate
prima dell’arrivo delle forze alleate.
Nell’Autunno ’44 però l’avanzata alleata in Italia si bloccò di colpo sulla linea Gotica (tra Rimini e
La Spezia). Il proclama del Generale Alexander che, nel Novembre ’44, invitava i partigiani a
sospendere le azioni militari provocò forti malumori. Nonostante il mancato appoggio alleato, i
partigiani resistettero a tedeschi e repubblichini sino al ’45. Al definitivo cedimento tedesco, nella
primavera del ‘45 seguì l’insurrezione generale che il 25 aprile provocò la liberazione e la fine delle
ostilità. Il 28 Aprile Mussolini fu catturato e fucilato dai partigiani.
174 L'ITALIA DOPO IL 1945: SCELTA ISTITUZIONALE E COSTITUENTE
Già nel 1945 ci fu la prima occasione di confronto fra partiti scesi in campo per governare l'Italia,
al momento della scelta del successore di Bonomi.
Dopo lunghi contrasti tra i partiti, soprattutto tra socialisti e democratici, si trovò un accordo su
Ferruccio Parri, leader del Partito d'Azione. Ma il nuovo governo non durò a lungo.
L’annunciò di una dura epurazione dei collaborazionisti e una manovra che prevedeva forte tasse sulle
grandi imprese, suscitò l'opposizione dei moderati.
Ritirata la fiducia a Parri, il governo d’ampia coalizione vide l'avvento di Alcide De Gasperi ad
inaugurare LA SVOLTA MODERATA. S’attenuò l'epurazione, deludendo così soprattutto la sinistra
della lotta partigiana; e le manovre fiscali furono “normalizzate”.
Per il 2 giugno 1946 sera fissata la data per una doppia consultazione elettorale:
 incaricare un’assemblea Costituente di redigere Una nuova Costituzione;
 una scelta referendaria relativa ad un sistema monarchico o repubblicano.
Le prime elezioni libere dopo la dittatura videro una partecipazione elevatissima e per la prima volta la
presenza delle donne. Sia la partecipazione che le scelte non furono omogenee in tutto il paese, con
numerose difformità tra il Nord e il Sud (al Sud la monarchia avrebbe prevalso).
Il risultato della tornata elettorale fu favorevole ad una nuova forma istituzionale repubblicana, guidata da
un’ampia coalizione a prevalenza democratico-cristiana. L'Italia dimostrava così di volere voltare pagina
escludendo la monarchica.
I lavori della Costituente cominciarono poco dopo le elezioni e terminarono il 22 dicembre 47. La nuova
Costituzione della Repubblica Italiana del 1948, si ispirava a principi democratici:
 divisione tra i tre poteri principali: esecutivo, legislativo e giudiziario;
 sistema bicamerale a suffragio universale, incaricate di votare congiuntamente il Capo
dello Stato;
 istituiva il Consiglio superiore della magistratura, la Corte costituzionale;
 legislazioni speciali per l’autonomie delle Regioni(inattuale per anni).
Il risultato complessivo dell’operato dell’Assemblea costituente fu di redigere un documento nel quale
risultasse un compromesso tra diverse forze politiche e ideologiche che avevano contribuito a la
Repubblica. Ne furono esempio leggi a contenuto sociale (come il diritto al lavoro) influenzato dalle
forze di sinistra, altre di carattere filo-cattolico per accontentare i cattolici; ed altre liberali.
119
769927308
01/06/17
175 L'ITALIA DOPO IL 1945 : VICENDE POLITICHE, RICOSTRUZIONE, POLITICA
ESTERA
Le condizioni economiche dell'Italia alla fine della guerra erano disastrose.
 Le industri erano riuscite a salvare il salvabile ma la produzione era scesa;
 l'agricoltura aveva subito danni incalcolabili;
 l'inflazione e la disoccupazione era salita a livelli altissimi;
 le vie di comunicazione erano in buona parte inutilizzabili,
 l'ordine pubblico era precario, soprattutto al Nord: causa degli ex partigiani riluttanti a deporre le
armi, e al Sud: per la malavita che si era organizzata.
Il nuovo governo repubblicano, d’indirizzo DC, cercò di:
 riorganizzare l'economia secondo modelli capitalistici;
 attuare una politica estera di collaborazione stretta con gli USA americana.
La politica economica cercò di rendersi il più flessibile possibile per evitare di penalizzare
eccessivamente la classi meno abbienti ed in generale favorire certi settori piuttosto di altri .
Al ministero dell’Economia venne messo Einaudi che si impegnava in un leggero inasprimento delle
imposte e un innalzamento delle tariffe. Svalutò la lira per richiamare i capitali dall’estero.
La manovra di Einaudi portò qualche frutto anche se fu fortemente limitata dall’essigenza di
dovere sottostare ai compromessi con gli alleati. L'Italia era a tutti gli effetti un paese sconfitto,
doveva attenersi all'influenza anglo-americana che imponeva l'accettazione degli aiuti del piano
Marshall, più adatti a sollecitare l’importazioni di derrate alimentari e materie prime, che per
sviluppare la domanda interna.
Nel febbraio 1947 a Parigi fu firmato il trattato di pace tra Italia e alleati. Le imposizioni:
 pagare le riparazioni agli stati attaccati (Russia, Grecia, Jugoslavia, Albania, Etiopia);
 ridurre la consistenza delle forze armate;
 La questione di Trieste. Nel 1954 la città fu divisa tra alleati e jugoslavi; poco dopo l’Italia subentrò
agli anglo-americani. Ma il contrasto con gli slavi, esasperato dal fascismo, riesplose con una serie di
vendette contro gli italiani culminata nella strage delle foibe.
L'estromissione forzata delle sinistre dal governo per ricevere gli aiuti del Piano Marshall, favorì il
percorso che nel 1949, con la dura opposizione di socialisti e comunisti, portò l'Italia ad aderire al
Patto Atlantico.
176 I PARTITI NELL'ITALIA DEL DOPOGUERRA
La convinzione nei politici del dopoguerra era quella di mettere in primo piano i partiti di massa
soprattutto quelli della sinistra operaia.
Destinato a governare sembrava il partito socialista (PSIUP) che aveva a capo il leader Pietro Nenni.
Lo stato di divisione, sempre presente nei partiti di sinistra, tra riformisti e rivoluzionari, indebolì la
formazione.
Molta credibilità era attribuita al PCI, soprattutto grazie alla svolta di Salerno di Togliatti e alla
susseguente lotta contro il fascismo. Era emerso un nuovo orientamento secondo cui alla guida del
governo sarebbe dovuto andare un nuovo partito nazionale organizzato dallo stesso Togliatti molto
diverso da quello filo-leninista del passato, radicato tra gli operai e intellettuali.
La forza capace di contrastare le sinistre fu la DC di Alcide De Gasperi:
 legata all’eredità del PPI di Don Sturzo;
 ispirato alle dottrine cattoliche contro la lotta di classe;
 aperta ad un moderato riformismo;
 favorevole ad un’apertura e a un legame con gli USA.
Altri partiti minori presenti nel panorama nazionale erano:
 Partito liberale PLI sostenuto da industriali e dai proprietari terrieri;
 Repubblicano PRI che si distingueva per l'intransigenza sulla questione istituzionale;
 Partito d'azione PDA che si presentava come forza nuova e moderna e che ebbe tra le sue file
Ferruccio Parri, prima breve esperienza di governo dopo Bonomi,
 Una non meglio identificata Destra che tendeva a rafforzarsi soprattutto nel Mezzogiorno, dove si
accentuavano le insofferenze per le epurazioni. Certi dell’impossibilità di catalizzare i consensi, i
leader della destra finirono per confluire nelle liste della DC;
 Partito dell’uomo qualunque - QUALUNQUISTI - decisamente minoritario; era il primo esempio
di partito antisistema. Si proponeva di difendere il cittadino medio dallo strapotere della classe
dirigente .
120
769927308
01/06/17
Dal 1946, per parecchi decenni, alla guida della nazione restò la Democrazia Cristiana che attuò una
politica interna moderata lungo tutte le sue direttrici (riuscendo a raccogliere alcuni significativi
risultati economici e sociali), e una politica estera spiccatamente filoamericana.
177 IL CENTRISMO
Il centrismo, è per definizione, il governo dei partiti moderati, con l’esclusione delle forze politiche
della destra e della sinistra.
Espressione di questo moderatismo furono, nel dopoguerra, i governi presieduti da Alcide DeGasperi,
che resse il paese per otto successive coalizioni governative(1947-’53). Fu il periodo di massima
egemonia della DC.
Il centrismo è caratterizzato da:
 in politica estera, da scelte atlantiche ed europeiste;
 politica interna, moderata dose di riformismo capace di soddisfare parzialmente le grandi
masse mantenendo alto il consenso al governo;
 in politica economica, da scelte liberiste che portò ad uno sviluppo della produttività a
fronte di una politica di bassi salari.
Furono favorite soprattutto le grandi industrie orientate all’esportazione, mentre sacrificò le
imprese a medio-bassa produzione, legate al mercato interno (in particolare le industrie di
trasformazione dei prodotti agricoli). Inoltre furono favorite le grandi imprese del Nord, a danno di
quelle del Sud.
In quest’ottica quindi, la politica centrista determinò una nuova divisione interna fra zona sviluppata (il
Nord) e zona sottosviluppata (il Sud), con una zona centrale a fare da cuscinetto tra le due. Per limitare
questa frattura il governo nel 1950 corse ai ripari cercando misure moderate:
 fu attuata una Riforma Agraria che fissava norme per l’esproprio e il frazionamento di parte delle
grandi proprietà terriere. La riforma costituì un duro colpo per i latifondisti, anche se le nuove
aziende agricole che videro la luce si dimostrarono poco vitali.
 Fu istituita la Cassa per il Mezzogiorno un nuovo ente pubblico con lo scopo di veicolare le
sovvenzioni economiche e promuovere lo sviluppo delle zone meridionali. Ma i risultati pratici
furono poco brillanti a causa della forte dispersione del capitale pubblico.
Ad acuire la frattura contribuì la politica economica internazionale che, legata agli USA
dall’accettazione del Piano Marschall, imponeva ai mercati nazionali l’importazione di numerosi
prodotti americani economicamente più convenienti di quelli locali (in questo modo si favorivano le
industrie esportatrici e si penalizzavano gli importatori e i consumatori). Se da una parte gli aiuti
americani servivano a sanare i deficit di bilancio, dall’altro limitavano fortemente le politiche di
sviluppo strutturale. Il risultato più immediato e disastroso per le classi inferiori fu di ritrovarsi in un
sistema con bassi salari.
Le riforme dei centristi furono duramente avversate dalle destre, ma soprattutto dalle sinistre, che
grazie all’opera della CGIL organizzò numerose manifestazioni e scioperi. Il governo, per tutta
risposta, potenziò gli organici delle forze dell’ordine (nasce il reparto Celere) e attua una severa politica
di repressione del dissenso.
Consci della perdita di consensi e della debolezza strutturale il governo di centro, per mantenere il
potere, giocò l’ultima carta possibile, quella della riforma elettorale. Nel ’53 ratificò la nuova legge
con il sistema maggioritario, per cui chi avesse ottenuto il 50% + 1 dei voti avrebbe ottenuto il 65% dei
seggi.
Ma non bastò, quello che le sinistre ribattezzarono come “Legge Truffa” a DeGasperi per mantenere il
timone della politica. Alle elezioni del 1953 la coalizione centrista non riuscì ad ottenere la
maggioranza e vide rafforzarsi sia la destra che la sinistra. Il segnale della fine del centrismo.
178 Miracolo economico e trasformazioni sociali
Il processo di crescita economica iniziato in Italia, dopo il 1950 trovò il suo culmine tra il ’58 e il ’63,
furono questi gli anni del MIRACOLO ECONOMICO. L’Italia accorciò il divario con gl’altri paesi
industrializzati. Nel giro di un decennio produzione e reddito quasi raddoppiarono. Lo sviluppo interessò
soprattutto l’industria manifatturiera, e nei settori:
 Siderurgico, Meccanico e Chimico.
dove maggiori furono le innovazioni sui sistemi di produzione e sugli impianti. L’aspetto più evidente
del boom s’evidenziò nell’aumento delle esportazioni industriali. La diffusione del Made in Italy e la
solidità della lira rinfrescavano l’immagine economica nazionale dandole un aspetto migliore.
Molti erano i fattori macroeconomici alla base di questo sviluppo:
121
769927308
01/06/17
 Favorevole congiuntura internazionale post-bellica(ricostruzione);
 Politica liberoscambista, sancita dall’adesione alla CEE;
 L’aumento di produttività a fronte di un contenimento dei salari.
La politica di compressione dei salari che era stata avviata all’inizio degli anni ’50 aveva consentito
l’inserimento di manodopera a basso costo, prelevata da una diffusa disoccupazione. La produttività era
stata prodotta da questo sforzo, permettendo all’Italia di divenire, solo in questi anni, un paese
industriale.
Molto limitata fu invece la modernizzazione delle attività agricole, così da non riuscire a rispondere
all’accresciuta e diversa domanda della popolazione urbana.
L’aumento dei consumi fu possibile soprattutto dall’aumento generalizzato dei salari che si verificò alla
fine del processo d’industrializzazione, cioè a fine anni ’50. L’aumento di produttività coincideva con una
diminuizione della disoccupazione così da creare un rafforzamento del potere contrattuale dei dipendenti.
Il costo di quest’adeguamento salariale si ripercosse sulla produzione, diminuendo i margini di profitto e
innescando un nuovo processo inflazionistico, cosicché nel ’64 il miracolo ebbe la prima battuta
d’arresto. La congiuntura negativa fu superata nel ’66 quando l’economia riprese a marciare,
anche se a ritmi più lenti. Solo allora vennero a galla i problemi sociali collegati alle distorsioni del
nostro modello di sviluppo.
In coincidenza con il boom economico, la società italiana subì una complessa serie di trasformazioni,
che cambiarono il volto del paese e le abitudini dei cittadini. Solo allora l’Italia si lasciò alle spalle la
cultura contadina e si trovò nella società dei consumi. Il suo ingresso in questo nuovo modello
avvenne disordinatamente e senza avere superato gli squilibri storici di cui era vittima. Furono di
grandi emigrazioni segnarono il paese:
 Dal Sud al Nord e dalle campagne alle città.
Le grandi migrazioni furono segnate da profondi costi umani e sociali. Le città si espansero caoticamente
e spesso senza opportuni piani regolatori. L’inserimento dei nuovi emigranti nelle grandi città del
Nord, fu tutt’altro che indolore, ciononostante le differenze fra le culture del Nord e del Sud
incominciarono ad attenuarsi permettendo un lento processo d’integrazione sociale.
La televisione e l’automobile furono i simboli più evidenti del cambiamento.
La televisione non era allora solo un passatempo, ma il primo veicolo comune di acculturamento
generalizzato. Dai canali nazionali si diffusero programmi in lingua italiana, per alcuni meridionali
ancora pressochè sconosciuta, e venivano proposti a tutti i nuovi modelli culturali di massa.
L’automobile era l’espressione principe della pianificazione economica e il simbolo di una nuova
indipendenza e libertà di movimento. Lo sviluppo della motorizzazione privata incominciò alla fine
degli anni ’50, e coincise con la produzione delle nuove utilitarie: la 500 e la 600. L’industria
automobilistica fu incoraggiata dallo Stato, sia attraverso sovvenzioni alla FIAT che con la
costruzione di una rete autostradale.
179 IL CENTRO-SINISTRA
Al miracolo italiano s’accompagnò il rafforzamento sindacale e in conseguente consolidamento del
partito socialista. Agli inizi degli anni ’60 i socialisti fecero il loro ingresso al governo senza alcun
trauma, anche per la volontà dei gruppi dirigenti del paese. Nonostante ciò la situazione suscitò da una
parte grandi speranze di rinnovamento riformista, dall’altra grandi timori. Il biennio che seguì alle
elezioni del ’58 vide frapporsi ostacoli sulla strada dell’apertura a sinistra del governo, fortemente
osteggiata da parte della destra economica e dalla democrazia cristiana. Contraccolpi internazionali si
verificarono anche da parte del Vaticano e dagli Stati Uniti dell’era precedente a quella di Kennedy.
Ma la svolta positiva si ebbe dopo avvenimenti drammatici:
Nel 1960 il Governo TAMBRONI non riuscendo a trovare l’accordo con i socialdemocratici e i
repubblicani, formò un governo con esponenti del Movimento Sociale Italiano suscitando notevoli
malcontenti. La tensione esplose quando il governo autorizzò l’MSI a tenere il proprio congresso a
Genova nonostante le proteste dei cittadini. Per tre giorni la città fu percorsa da duri scontri tra operai e
antifascisti e la polizia. Sulla scia dell’episodio presero vita altre proteste, represse duramente
provocando anche una decina di morti. Allora la Democrazia Cristiana tolse la fiducia a Tramboni
che fu costretto a dimettersi.
Per superare la crisi fu formato un governo d’emergenza capeggiato da Fanfani appoggiato dai socialisti.
Ebbe inizio la stagione del governo di centro-sinistra. L’alleanza fu sancita nel congresso della DC del
’62, guidato dalla regia di Aldo Moro, che riuscì a fare accettare la “svolta” al proprio partito. Il nuovo
governo che ne seguì vide la partecipazione del PSI e del PSDI. In questa fase il governo di centrosinistra ottenne i suoi maggiori risultati proponendo:
 Scuola media unificata;
 Attuazione dell’ordinamento regionale previsto dalla Costituzione;
122
769927308
01/06/17
 Imposizione fiscale dei nominativi sui titoli azionari;
 Nazionalizzazione dell’industria elettrica (ENEL).
Le misure, miravano ad introdurre quei correttivi al sistema capitalistico che avrebbero permesso
l’attuazione di un nuovo e più efficace programma economico, con l’intento d’aumentare l’intervento
statale per la riduzione degli squilibri del modello italiano. Nonostante gli intenti, gli obiettivi d
furono raggiunti solo in parte, anche a causa della debolezza dei consensi. Per attuare tutto il progetto, la
base consensuale avrebbe dovuto essere molto più solida. I contrasti nella sinistra aumentarono dopo
le elezioni del ’63, che videro la perdita di consensi per DC e del PSI a danno di Liberali e dei
Comunisti.
Lo squilibrio trovò una nuova situazione si stabilità solo con il Governo Moro del ’63, che nacque con
delle basi molto più moderate e centriste di quelle del governo Fanfani. Il processo riformatore fu in
sostanza bloccato, anche a causa di una nuova crisi economica ciclica che consigliò una politica più cauta.
Il fallimento del governo di centro-sinistra fu da imputare per la maggior all’atteggiamento della DC e del
suo agire solidaristico con un rifiuto pregiudiziale di scelte ardite e radicali. Il leader democristiano
Aldo Moro fu un esempio significativo di questa politica del compromesso e della mediazione.
Il fallimento della politica di centro-sinistra innescò un’altra crisi all’interno del Parito Socialista nel
’64, favorita anche dalla scomparsa del suo capogruppo Togliatti, l’unico capace di portare la
bandiera della via italiana al socialismo riaffermando il principio d’indipendenza da Mosca.
Così agli inizi degli anni ’70 il periodo del Centro-sinistra manifestò tutta la sua debolezza e
inadeguatezza per una società diventata orami troppo articolata e complessa. Ad aumentare lo stato
di crisi dell’esecutivo s’inseriva anche il problema del terrorismo eversivo che, oltre a mietere morti nel
paese, aveva ingenerato nell’opinione pubblica accuse d’incapacità del governo di risolvere
adeguatamente il problema della strategia della tensione che veniva imputata all’eversione
d’estrema destra. La conferma dei pericoli corsi dalle istituzioni ci fu con la rivolta di Reggio Calabria
del ’70, quando un’intera città guidata da esponenti del MSI si rivoltò alle istituzioni. Né elezioni del ’72,
che videro il governo Andreotti, né i successivi governi guidati da Mariano Rumor, del ’73-’74, seppero
ritrovare le risposte per superare la stagnazione e la nuova crisi economica che si profilava all’orizzonte.
Le conseguenze della Guerra del Kippur (’73) provocarono un innalzamento del prezzo del petrolio
mettendo in moto un nuovo processo inflazionistico.
Alla crisi economica s’aggiungeva un forte disagio a causa di numerosi scandali in cui furono coinvolti
esponenti della maggioranza. I politici furono messi sotto accusa per avere favorito gruppi d’interesse,
cosicché nel ’74 fu varata una legge sul finanziamento pubblico dei partiti, ma la misura non fu
sufficiente per sanare la frattura tra la classe dirigente e la popolazione. Grandi mutamenti avvennero
sulla scia di questi avvenimenti. La società, delusa dalla politica si dedicò con fermezza alle battaglie
per i diritti civili, mostrando sostanziali cambiamenti nella visione etica della vita. Tanto che, quando
nel ’74 la legge sul divorzio fu sottoposta a referendum abrogativo, la vittoria del no fu schiacciante.
Tra il ’75 e ’78 saranno varate altre leggi in questa direzione:
 Riforma del diritto di famiglia che stabiliva la parità fra i coniugi;
 Abbassamento a 18 anni per la maggiore età;
 Legge sull’interruzione volontaria della gravidanza.
Attorno alla metà degli anni ’70 le forze del cambiamento parvero in ascesa e a cogliere i frutti politici
delle sempre nuove domande di rinnovamento fu il Partito Comunista, che dal ’73 maturò un
importante cambiamento strategico. Sotto la guida del segretario, ENRICO BERLINGUER, dopo aver
saputo condannare l’intervento sovietico in Cecoslovacchia, manifestò l’intento di giungere ad un
COMPROMESSO STORICO con tutte le forze politiche. Questo prevedeva un accordo tra i
comunisti, i socialisti e i partiti cattolici per evitare il pericolo d’instaurazione di probabili regimi
autoritari. In seguito il partito di Berlinguer avviò interessanti contatti con i partiti comunisti francese
e spagnolo per avviare una politica comune – EUROCOMUNISMO - dei partiti comunisti europei
diversa da quella sovietica. La nuova politica di Berlinguer diventò un punto di riferimento moderato per
tutte le forze della sinistra riformista, ma i nuovi successi elettorali del PCI contribuirono ad
aumentare il dissenso all’interno della coalizione di centrosinistra, che vide la sua fine definitiva nel
’75, quando il PSI dal governo.
Si arrivò allora alle elezioni del ’76 che videro il rafforzamento della DC e del PCI, mentre il PSI
diminuì i propri consensi così da portare alla segreteria del partito l’uomo nuovo, cioè Bettino Craxi.
180 IL '68 E L'AUTUNNO CALDO
Nei primi mesi del 68 si manifestò anche in Italia la contestazione giovanile con un’imponente
mobilitazione universitaria ricollegata ai “principi di Barkley”:
 l'antimperialismo e la protesta contro la guerra del Vietnam;
 l'avversione alla civiltà dei consumi;
123
769927308
01/06/17
 l’omologazione delle abitudini (rapporti personali, ruolo della famiglia e le relazioni fra i sessi)
La politicizzazione della protesta, assunse in Italia le fattezze dell’ideologia marxista-rivoluzionaria. I
contestatori contrapponevano alla prassi politica tradizionale l’egualitarismo sostanziale e la
spontaneità.
Fu inizialmente promossa da una minoranza di estrazione borghese, ma finì, nell’autunno del ’68,
col coniugarsi con le lotte operaie.
La riscoperta della centralità operaia nel processo produttivo coincise con una stagione di grandi
proteste e lotte dei lavoratori, soprattutto di quelli impiegati nell'industria pesante, culminata con il
cosiddetto autunno caldo.
Gli aderenti alle mobilitazioni erano abbastanza tipizzati ed individuabili in:
 lavoratori scarsamente qualificati (bassa manovalanza);
 spesso immigrati, sui quali gravavano maggiormente i problemi di inserimento e
l'insufficienza dei servizi culturali e sociali.
Per una lotta efficace e determinata, la classe operaia fu supportata anche da gruppi politici
extraparlamentari, cioè distaccati dai tradizionali partiti parlamentari(Potere operaio, Lotta continua)
che s’occuparono di strutturare organicamente le manifestazioni e pubblicizzandone le rivendicazioni.
La messa in discussione dell’impianto industriale riunì le tre organizzazioni sindacali nazionali:
CGIL, CISL, UIL. Congiuntamente, pilotarono le lotte operaie verso la stipula di contratti nazionali
che assicuravano ai lavoratori cospicui vantaggi sia dal punto di vista salariale che sociale.
Cominciò una nuova fase: i sindacati assunsero un peso crescente nella vita economica, trattando e
spesso influenzando i partiti e l'area di governo.
Parallelamente alle vittorie operaie presero forma alcune importanti riforme:
 liberalizzazione dell’accesso alle Università;
 approvazione dello “Statuto dei Lavoratori” che stabiliva formalmente quel pacchetto di
diritti-doveri alla base dei rapporto di lavoro;
 primi provvedimenti per il decentramento dei poteri alle Regioni, come previsto dalla carta
costituzionale del 1948;
 1970 fu approvata la legge che introduceva il divorzio in Italia.
181 IL TERRORISMO
Il terrorismo è un fenomeno, vasto e complesso che imperversò in Italia nel periodo seguente alla
mobilitazione giovanile e alle lotte operaie e che terminò solo alla fine degli anni ’70. Le
organizzazioni, in fase di progressiva strutturazione, operavano attraverso attentati dinamitardi in
luoghi pubblici, diffondendo il terrore e cercavano d’incrinare la fiducia dell’opinione pubblica nelle
istituzioni.
Ai suoi esordi fu sottovalutato come fenomeno episodico ma la realtà fu ben diversa. Riuscì a creare
un clima di terrore e d’insicurezza così da minare alla base le istituzioni e influenzare radicalmente
la vita politica del paese.
Primo, in ordine di tempo, fu il terrorismo di destra dei casi di:
 piazza Fontana a Milano;
 in piazza della Loggia a Brescia;
 sul treno Italicus;
 la stazione di Bologna.
Oltre alle numerose vittime, a farne le spese fu il potere politico, e i servizi segreti (spesso accusati di
aver sostenuti il terrorismo nero) che non sembrarono in grado d’arginare il fenomeno.
Il terrorismo di destra, l'immagine dello stato debole e corrotto e la psicosi della possibilità di un
colpo di stato militare (siamo nel bel mezzo degli anni dei colpi di Stato in America Latina: Cile e
Argentina) contribuirono alla nascita del terrorismo di sinistra.
Tutto il potenziale aggressivo che era rimasto sopito nelle contestazioni studentesche del ’68 si
trasformarono in un'idea di lotta armata violenta e determinata. L’estremo ed esemplare atto per
mobilitare le masse (soprattutto operaie) contro un riflusso conservatore dello stato capitalista e
borghese.
La crisi economica provocata dalla Guerra del Kipurr non favorì certamente la reazione istituzionale.
L’aumento dell’inflazione aveva acuito l’atavico problema sociale italico. L’aumento della
disoccupazione, soprattutto giovanile, provocò un rigurgito sessantottino, che nel ‘77 si riorganizzò
in manifestazioni spontanee inneggianti (più o meno consapevolmente) al terrorismo di sinistra.
Ma una significativa presa di distanza di molti gruppi di sinistra fu evidente nel momento di
peggiore crisi. Nel 1978 fu prima rapito e poi assassinato, il segretario della Democrazia Cristiana
Aldo Moro, principale artefice di una politica di solidarietà nazionale.
124
769927308
01/06/17
La decisione del governo di non trattare con i terroristi, mostrò all’opinione pubblica la situazione
d’estrema gravità. Lo scossone fu tale da ricompattare sia le frange di destra che di sinistra, che
formarono un fronte unico e compatto, capace di permettere, di lì a poco, di sconfiggere il terribile
fenomeno.
182 CRISI DEL CENTRO SINISTRA, SOLIDARIETÀ NAZIONALE, PENTAPARTITO
Il terrorismo segnò le prime incrinature nei governi di centro-sinistra.
L’impreparazione non consentì ai governi di fornire risposte adeguate né al disordine pubblico, né
alla crisi economica che l’Italia dovette fronteggiare.
Le spaccature all’interno della maggioranza indebolirono l’esecutivo:
 Dc e PSDI erano favorevoli a spostare l’asse politico verso destra;
 PSI tentava di spostarlo verso sinistra, mirando a inglobare anche il PCI.
Le debolezza dell’esecutivo videro un susseguirsi di governi incapaci di risolvere i gravi problemi
economici (ancor più aggravati dall’aumento del prezzo del petrolio) che portarono ad un innalzamento
dell’inflazione ad una contrazione dei consumi.
Inoltre, in questo periodo, furono scoperti numerosi scandali d’esponenti politici accusati per casi di
tangenti.
Il disagio e l’avversione verso la classe politica, dell’opinione pubblica provocò un clima di sfiducia e
un nuovo orientamento verso problematiche civili:
 1974 su introdotto il divorzio;
 fu ratificata la nuova legge sul diritto di famiglia;
 fu abbassamento la maggiore età a 18 anni;
 approvata la legge per l’interruzione volontaria della gravidanza.
La grave crisi che imperversava nel paese portò ad un governo di solidarietà nazionale (un’ampia
maggioranza che comprendesse tutti i partiti) che proponeva un programma fortemente
riformatore:
 una nuova riforma fiscale;
 l’adozione dell’equo canone;
 una riforma sanitaria che sanciva la gratuità delle cure per tutti, affidandone la gestione
alle Unità sanitarie locali.
Ma il nuovo indirizzo politico non produsse i risultati desiderati, cosicché alle elezioni del 1979 il nuovo
governo s’indebolì ulteriormente e alle elezioni del 1983 i vecchi partiti persero molti voti.
La soluzione che si trovò fu di tornare ad una coalizione di centro-sinistra:
un governo pentapartitico con DC, PSI, PRI, PSDI e Partito liberale presieduto dal socialista Craxi.
Il periodo Craxi fu di grande riformismo e produsse un nuovo sviluppo economico, anche se
fortemente criticato per i modi autoritari del premier.
Significativo fu il nuovo concordato con la Santa Sede.
Intanto nei partiti storici accadevano significativi cambiamenti:
 DC: il nuovo segretario De Mita tentò di risollevare il partito dopo gli scandali con scarsi
risultati;
 PCI: all’elezioni dell’85 riuscì a superare il 33% dei voti.
In un momento di rilancio economico, il ruolo dei sindacati cominciò a perdere influenza sulle
grandi decisioni del governo.
125
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard