LA LEGGENDA DEL MINOTAURO: IL MITO DELL`ISOLA DI CRETA

annuncio pubblicitario
LA LEGGENDA DEL MINOTAURO:
IL MITO DELL’ISOLA DI CRETA
Canova
Teseo sul
Minotauro
(17811783),
marmo
bianco.
Victoria
and Albert
Museum,
(Londra)
In un'epoca molto lontana della quale quasi si è persa la memoria, si racconta che mentre Europa,
era intenta a giocare con le sue ancelle, le apparve un torello candido come la neve che altri non era
che Zeus. Questo, dopo averla fatta montare sulla sua groppa, la portò a Creta dove si unì a lei e
poco dopo da questa unione nacque Minosse.
Minosse divenne il re giusto di Cnosso, la città più importante di Creta. Sposò Pasifae, dalla quale
ebbe la bellissima figlia Arianna e governò con saggezza la città, garantendo, attraverso leggi
opportune, pace e serenità ai suoi abitanti. In seguito fece venire da Atene l’architetto e scultore più
famoso del tempo, di nome Dedalo, con l’apposito obiettivo di far costruire un labirinto, una
prigione in cui rinchiudere il Minotauro, un mostro mezzo uomo e mezzo toro che si nutriva di
giovani umani.
Questo orribile essere era in realtà il figliastro di Minosse. Era nato infatti dalla precedente
relazione tra la moglie e il toro, inviato da Poseidone, dio del mare, per vendicarsi di un’offesa
arrecatagli da Minosse stesso qualche tempo prima. Il dio fece nascere in Pasifae una passione
morbosa per il toro bianco . Dall'unione di Pasifae ed il toro nacque così il Minotauro.
In questo modo il dio del mare volle per sempre ricordare a Minosse quanto folle era stata l'azione
di un uomo che si era ribellato al potere degli dei. Minosse, quando vide la creatura, diede incarico
a Dedalo di costruire un labirinto talmente intricato dal quale nessuno sarebbe potuto uscire, per
rinchiudervi il Minotauro, in modo che non avesse alcuna possibilità di fuga. Dedalo, nella speranza
di guadagnarsi la fiducia del sovrano, costruì quello che è noto alla storia come il labirinto di
Cnosso. Vuole così la leggenda che il Minotauro venisse rinchiuso nel labirinto e che ogni anno
sette giovani e sette fanciulle ateniesi gli venissero sacrificati per saziare la sua fame di carne
umana.
Per due volte fu ripetuto il sacrificio fino a quando, alla terza spedizione, giunse a Creta Teseo,
figlio di Etra ed Egeo, sovrano di Atene, che si finse parte del gruppo dei sacrificandi perchè voleva
porre fine a quelle morti. L'impresa era molto difficile non solo perchè doveva uccidere il
Minotauro, ma perchè una volta entrato nel labirinto, era impossibile uscirne. Il giovane chiese
allora aiuto ad Arianna figlia di Minosse e sorellastra del Minotauro, alla quale dichiarò il suo
amore e questa a sua volta, innamoratasi perdutamente di Teseo, si consigliò con Dedalo che gli
suggerì di legare all'ingresso del labirinto un filo che sarebbe stato dipanato mano mano che si
procedeva. In questo modo sulla via del ritorno, riavvolgendolo, si sarebbe trovata l'uscita.
Quando fu il turno di Teseo di essere sacrificato al Minotauro, questi dipanò il filo lungo la strada e
quando giunse al cospetto del mostro lo uccise e riavvolgendo il filo, riuscì ad uscire dal labirinto.
Finì così l'orrendo sacrificio che era stato imposto da Minosse agli ateniesi e contemporaneamente
Teseo ed Arianna fuggivano insieme da Creta ed approdarono all'odierna Nasso.
La mattina quando Arianna si svegliò si accorse però che Teseo l'aveva abbandonata.
John Vanderlyn (1808-1812), Arianna addormentata a Nasso, olio su tela,
Academy of Fine Arts, Pennsylvania
Teseo, dopo l'abbandono di Arianna, fece ritorno in patria ad Atene dove, dopo breve tempo,
divenne re al posto del padre e governò con saggezza ed il suo popolo conobbe un lungo periodo di
pace.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

biologia

5 Carte patty28

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

creare flashcard