pronto soccorso

annuncio pubblicitario
ELEMENTI DI PRONTO SOCCORSO
1. La prima cosa da fare è chiamare un medico e dare l’allarme alle strutture
di emergenza, richiedendo l’intervento di un’ambulanza e telefonando al
numero 118, 112, 113.
2. Non muovere o spostare o sollevare l’infortunato né dargli da bere o da
mangiare;
3. Eliminare ciò che può rendere difficoltosa la respirazione come cinture,
indumenti stretti, cravatte, ecc. e liberare la bocca e la gola da eventuali
ostruzioni;
4. Verificare se l’infortunato respira e se si avverte il battito cardiaco. Se non
respira bisogna praticare la respirazione artificiale; se il cuore non batte
bisogna iniziare il massaggio cardiaco.
La respirazione artificiale
E’ un tipo di intervento che viene effettuato su soggetti vittime di incidenti
stradali, folgorazione, annegamento, allo scopo di ripristinare la respirazione
naturale; senza respirazione artificiale sarebbero infatti destinati a morire di
asfissia.
Le cellule nervose, se private di ossigeno per 4-5 minuti, muoiono. E’ quindi di
fondamentale importanza riattivare la respirazione prima possibile.
Innanzitutto liberiamo l’individuo dagli abiti e, se non ci sono controindicazioni,
lo poniamo supino; ci assicuriamo che le vie respiratorie siano libere da corpi
estranei che verranno rimossi.
L’aria che viene espirata dal soccorritore contiene circa il 16% di ossigeno. Per
prima cosa ruotiamo la testa dell’infortunato verso l’alto, affinché la lingua non
occluda le vie respiratorie.
Poi introduciamo con forza l’aria inspirata nelle sue vie aeree, coprendo la sua
bocca con le nostre labbra.
Ripetiamo l’operazione 15 volte al minuto, tenendogli chiuso il naso.
Se l’incidentato è un bambino o un neonato, dopo avergli ripulito la bocca da
eventuali corpi estranei, si deve coprire anche il naso del bambino con la bocca e
l’aria deve essere immessa 20 volte al minuto.
Il massaggio cardiaco
In caso di arresto cardiaco si procede al massaggio ponendo il palmo di una mano
sullo sterno; l’altra mano dovrà essere sopra la prima; le dita dovranno restare
sollevate dalle coste.
Comprimendo lo sterno contro il rachide, con una spinta verticale, si otterrà una
notevole compressione del cuore. La manovra va eseguita al ritmo di una volta
ogni secondo circa.
Il tutto dovrà essere effettuato ponendo l’infortunato su un piano rigido. Se
l’operazione di soccorso viene eseguita da una sola persona, si effettuano due
insufflazioni di aria nella bocca a cui seguiranno 12-15 compressioni toraciche.
Se i soccorritori sono due, il primo esegue un’insufflazione di aria a cui l’altro farà
seguire 5 compressioni cardiache.
Nel caso in cui l’infortunato sia un anziano, si utilizza una sola mano.
Se, invece, l’infortunato è un bambino, le compressioni devono essere 90 al
minuto con 2-3 dita.
I TRAUMI DELL’ESERCIZIO FISICO
Prendono il nome di traumi le lesioni provocate da azioni meccaniche.
Il trauma avviene quando si ha un urto tra l’organismo e un altro corpo che
oppone resistenza.
La branca della medicina che studia gli effetti dei traumi è la traumatologia.
-
CONTUSIONE
COMMOZIONE
CRAMPO
STIRAMENTO
STRAPPO
TENDINITE
METATARSALGIA
EPICONDILITE
TALALGIA
PUBALGIA
DISTORSIONE
LUSSAZIONE
FRATTURA
FERITA
EMORRAGIA
EMORRAGIA NASALE
FLITTENE
TRAUMI OCULARI
MAL DI MILZA
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

creare flashcard