azienda unita` locale socio

annuncio pubblicitario
REGIONE DEL VENETO
AZIENDA UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N.14
CITTADELLA SOCIO SANITARIA DI CAVARZERE
Via N. Sauro 32, 30014 Cavarzere (VE)
ESAME ESEGUIBILE SU PAZIENTI: a partire da 4 anni (altezza minima 1 metro).
SIGNIFICATO CLINICO: l'elettrocardiogramma sotto sforzo o Test ergometrico è una
metodica diagnostica che utilizza la valutazione di variazioni dell'elettrocardiogramma a riposo,
ottenute durante sforzo fisico, per diagnosticare la presenza e la gravità delle malattie cardiache da
alterazione dello stato anatomo-funzionale delle arterie coronarie.
PREPARAZIONE INIZIALE: depilazione del torace, necessaria per posizionare gli elettrodi
(verrà eseguita dall’infermiere). Si consiglia di sottoporsi al test a digiuno da due ore e di assumere la
terapia farmacologica abituale, se non altrimenti raccomandato dal medico che richiede l’esame.
Particolare attenzione va riservata nell’indossare un abbigliamento comodo.
MODALITA’ DI ESECUZIONE: il paziente viene dapprima informato dal medico sulle
modalità, sul significato e sui rischi derivanti dall’esecuzione del test.
Il paziente viene invitato a salire sul cicloergometro o a posizionarsi sul tapis roulant: verrà eseguito
un elettrocardiogramma (ECG) e verrà rilevata la pressione arteriosa per cogliere eventuali condizioni
di base che controindichino l'esame.
Da questo momento, inizia il monitoraggio ECG continuo.
A discrezione del medico, potrà essere eseguito il test dell’iperventilazione, che consiste nel compiere
una serie di respiri profondi per un breve periodo di tempo, prima di iniziare il test da sforzo vero e
proprio, allo scopo di evocare alterazioni dell’ECG.
Il paziente quindi inizia a compiere lo sforzo, pedalando sul cicloergometro o correndo sul tapis
roulant. Durante lo svolgimento della prova, il paziente potrà avvertire dolore al petto, difficoltà nella
respirazione, senso di mancamento, palpitazioni ed è necessario che informi immediatamente il
personale medico ed infermieristico.
Il medico valuta le eventuali modificazioni del tracciato elettrocardiografico e l'infermiere rileva la
pressione arteriosa ad intervalli regolari, di due o tre minuti.
Il test prosegue fino al raggiungimento della frequenza cardiaca massima consentita o fino
all'esaurimento della resistenza muscolare del paziente.
La manifestazione di sintomi e segni clinici di insufficienza coronarica, con o senza alterazioni ECG, e
la comparsa di complicazioni gravi rappresentano criteri di interruzione immediata dell’esame.
I risultati ottenuti vengono analizzati dal medico; il medico redige un referto che verrà poi consegnato
al paziente.
Al termine dell’esecuzione del test, a prescindere dal risultato dello stesso, il paziente verrà invitato a
trattenersi per 15-30 minuti nella sala d’aspetto dell’ambulatorio con lo scopo di prevenire ogni
inconveniente che dovesse manifestarsi tardivamente rispetto alla conclusione dell’esame.
MATERIALI
DI SUPPORTO PREVISTI: sfigmomanometro, fonendoscopio,
cicloergometro, tapis roulant, elettrocardiografo, carrello per le emergenze, defibrillatore.
1
COMPLICAZIONI: il test ergometrico ha rischi molto modesti di fronte al beneficio, di gran
lunga superiore, di poter diagnosticare la presenza e/o la gravità di una malattia delle arterie coronarie.
Assai rare complicazioni gravi sono le aritmie cardiache pericolose e le sindromi coronariche acute,
compreso l’infarto miocadico acuto.
Più comune è il senso di mancamento dopo sforzo intenso, con o senza lieve calo della pressione
arteriosa, che si risolve completamente con il soccorso del personale medico e paramedico.
In alcuni casi, potrebbe essere indotta un’ischemia cardiaca che si manifesta con la comparsa di dolore
al petto lamentato dal paziente, oppure sarà rilevata dal medico con l’ECG. Generalmente, l’ischemia
si risolve spontaneamente con l’interruzione dell’esercizio. Solo in rari casi sarà necessaria la
somminitrazione di farmaci per la risoluzione del problema.
Il test è controindicato nelle seguenti condizioni: scompenso cardiocircolatorio acuto, infarto
miocardico acuto, dissecazione aortica, ipertensione arteriosa grave, angina pectoris instabile, stenosi
aortica grave, aritmie ventricolari non adeguatamente controllate dalla terapia, pericardite, miocardite,
malattie infettive in atto, incapacità a compiere attività fisica o lo sforzo richiesto.
NB. PORTARE L’IMPEGNATIVA RELATIVA ALL’IMMAGINE DA SVOLGERE E
LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE
1) Rx torace entro sei mesi precedenti;
2) Esami ematochimici recenti (15 gg), emocromo, ionemia (na, k) se dopo il ritiro del
referto vi fossero dei risultati fuori range, si consiglia di rivolgersi al proprio medico di
base;
3)Consulenza cardiologica che da indicazione all’eseguzione dell’esame, ulteriore
documentazione cardiologica in possesso;
4) Collazione legera;
5) Assumere la terapia come di abitudine e salvo parere del cardiologo che ha prescritto
l’indagine.
NB. SE IL PAZIENTE NON FOSSE IN POSSESSO DI TALE DOCUMENTAZIONE
IL TEST NON VERRA’ ESEGUITO.
PER L’UOMO SI RACCOMANDA LA DEPILAZIONE DEL TORACE
NOTE: è previsto che il paziente, il giorno dell'esecuzione del test, si
presenti con la richiesta medica, con gli esami del sangue e strumentali
raccomandati dal medico che ha prescritto l’esame, e che prenda visione e
firmi il Modulo per il Consenso Informato.
2
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

creare flashcard