L`Unità d`Italia

annuncio pubblicitario
L’Unità d’Italia





Seconda Restaurazione: In Italia dopo il fallimento delle rivoluzioni del 1848-49, il ritorno dei sovrani
legittimi segnò l’arresto di qualsiasi esperimento riformatore. Le conseguenze di questa “seconda
restaurazione” furono gravi.
Il Lombardo-Veneto: fu sottoposto a un pesante regime di occupazione militare e a un inasprimento della
gia forte pressione fiscale.
Stati minori del Centro-Nord (Granducato di Toscana, Ducati di Modena e Parma): il ritorno di uomini e
istituzioni dell’antico regime accentuò il distacco fra le corti e l’opinione pubblica borghese.
Stato Pontificio: riorganizzato secondo il vecchio modello teocratico-assolutistico.
Regno delle due Sicilie: ritorno al sistema assolutistico. In campo economico, la politica fu improntata ad
un tirchio conservatorismo. Il mantenimento di alti dazi doganali, ostacolava lo sviluppo di una moderna
agricoltura. La relativa tranquillità della pressione fiscale, si traduceva in una forte limitazione della
spesa pubblica (istruzione e opere pubbliche).
Piemonte: solo in Piemonte la situazione era diversa. Qui fu conservato il regime costituzionale dello
Statuto albertino. Il regno di Vittorio Emanuele II cominciò con un duro scontro fra la corona e la
Camera elettiva, che non voleva approvare la pace di Milano conclusa con l’Austria. Il problema venne
superato nominando una nuova Camera, formata in maggioranza da moderati. Il governo D’Azeglio,
intraprese un’opera di modernizzazione dello Stato, soprattutto con l’approvazione della Legge Siccardi
(riordinava i rapporti tra Stato e Chiesa). Nel 1850, Cavour entrava nel governo come ministro
dell’Agricoltura e del Commercio, due anni dopo divenne presidente del Consiglio.. Camillo Benso di
Cavour era cresciuto e si era formato in un clima familiare aristocratico e conservatore, (suo padre era un
aristocratico terriero, mentre la madre era una nobile calvinista di Ginevra). Egli è un politico dai vasti
orizzonti culturali e dall’ampia conoscenza dei problemi economici, animato dalla fede nella libera
concorrenza da un liberalismo moderno. Spostato a sinistra l’asse del governo, con il connubio (accordo
fra centro-destra e centro-sinista), Cavour pose mano alla modernizzazione economica del Paese
attraverso:
1. Adozione di una linea liberoscambista, con la stipulazione anche di contratti commerciali con Francia,
Belgio, Austria e Gran Bretagna
2. Caduta delle barriere doganali che favorì soprattutto il settore agricolo.
3. Notevoli progressi nel campo delle opere pubbliche: costruzioni di strade, canali e ferrovie.
4. Lo sviluppo delle ferrovie servì da stimolo all’industria siderurgica e meccanica.
5. Si sviluppò anche l’industria della seta.
Nonostante questo le condizioni delle classi subalterne non conobbero miglioramenti e il tasso di
analfabetismo rimase elevato.
Il Piemonte di Cavour riuscì a dimostrare che la causa della libertà faceva tutt’uno con quella del
progresso economico, e a diventare un esempio per tutta la borghesia liberale italiana.
Fallimenti di Mazzini: Proseguiva l’attività di Mazzini, volta al raggiungimento dell’indipendenza e
dell’unità per via insurrezionale. Nel 1853 fondò a Ginevra il Partito d’Azione e intensificò gli sforzi per
crearsi una base fra gli artigiani e gli operai. I tragici insuccessi contro cui la sua strategia si scontrò fecero
crescere i dissensi entro il movimento democratico.
Socialismo: “La federazione repubblicana” di Giuseppe Ferrari e “La guerra combattuta in Italia negli
anni 1848-49” di Carlo Pisacane, introdussero il tema del socialismo. Essi sostenevano che la guerra per
l’indipendenza avrebbe avuto successo solo con l’intervento delle classe popolari. Mentre per Ferrari
qualsiasi iniziativa in italiana era legata ad una ripresa delle forze francesi, per Pisacane l’Italia era, per le
sue caratteristiche di paese arretrato con una borghesia debole, il terreno più adatto per la rivoluzione.
Pisacane- Mazzini a Sarpi: le divergenze di pensiero non impedirono ai due di collaborare per un
progetto comune, da attuarsi nell’Italia Meridionale. Il tragico esito della spedizione di Sarpi nel 1857,
dovuto soprattutto all’ostilità delle popolazioni locali, sollecitò l’iniziativa di un movimento filopiemontese,
il cui iniziatore fu Daniele Manin (capo del governo di Venezia), che vedevano nell’alleanza con la
monarchia sabauda l’unica possibilità di successo. Importantissima fu l’adesione di Giuseppe Garibaldi. Nel
1857 il movimento si diede una struttura organizzativa e assunse il nome di Società nazionale.
Strategia di Cavour: Tra i suoi obiettivi non c’era l’unità d’Italia, bensì l’allargamento dei confini del
Piemonte verso l’Italia settentrionale a discapito dell’Austria e degli Stati minori del Centro- Nord. Un
importante passo fu la partecipazione alla guerra di Crimea con la Francia e l’Inghilterra contro la Russia.
In questo modo il Piemonte ottenne di partecipare come Stato vincitore alla conferenza di Parigi e di poter
sollevare la questione italiana (contro la presenza militare austriaca e il malgoverno dello Stato della Chiesa
e del Regno delle due Sicilie). Cavour era convinto che bisognava mantenere viva l’agitazione patriottica e
assicurarsi l’appoggio di Napoleone III. Favorito dagli effetti che l’attentato di Orsini ebbe sull’imperatore,
nel 1858 strinse con questi un’alleanza militare segreta a Plombieres. Gli accordi ipotizzavano una nuova
sistemazione dell’Italia, che avrebbe dovuta esser divisa in 3 Stati:
- Alta Italia: Piemonte, Lombardo- Veneto e Emilia- Romagna sotto la casa sabauda.
- Centro Italia: Toscana e province pontificie al papa.
- Italia Meridionale: Regno delle due Sicilie ai francesi.
Premessa indispensabile per la riuscita del progetto era far provocare la guerra contro l’Austria. Cavour
iniziò perciò ad effettuare manovre militari al confine e ad armare dei corpi di volontari. Il governo
asburgico cadde nella trappola e diede un ultimatum al Piemonte, che fu logicamente respinto. Le sorti del
conflitto volsero subito a favore dei franco- piemontesi. Ma improvvisamente Napoleone III decise di
interrompere la campagna e propose all’Austria un armistizio, firmato a Villafranca (Verona). Con l’accordo
l’impero asburgico cedeva la Lombardia alla Francia, che l’avrebbe poi ceduta al Piemonte. Fra i motivi che
spinsero Napoleone ad un ripensamento, ci furono le pressioni dell’opinione pubblica e la minaccia di un
intervento della Confederazione Germanica. A Firenze, Modena, Parma e nella Stato della Chiesa, una serie
di insurrezioni avevano costretto alla fuga i sovrani e i governi provvisori avevano pronunciato l’annessione
al Piemonte, confermato poi dall’esito dei plebisciti. In cambio dell’assenso francese di tali annessioni il
Piemonte dovette cedere Nizza e Savoia. Lo stato sabaudo cessava di essere uno Stato dinastico e si
avviava a diventare uno Stato nazionale.
Garibaldi e la spedizione dei mille: rimanevano scontenti i democratici, che cominciarono a pensare
ad una prosecuzione della lotta attraverso una spedizione nel Regno delle due Sicilie di Francesco II.
Concepirono il progetto due mazziniani siciliani esuli: Francesco Crispi e Rosolino Pilo. Essi cercarono di
organizzare prima una rivolta locale e poi lo sbarco dei volontari, e di garantirsi l’appoggio del governo
piemontese. La guida della spedizione fu affidata a Giuseppe Garibaldi, che si era allontanato da Mazzini
per una realistica valutazione sulle possibilità di successo. Sia Cavour che Vittorio Emanuele II erano
contrari a questo progetto, perciò la spedizione fu preparata in fretta e con pochi mezzi finanziari. Tra il 5/6
Maggio 1860, poco più di Mille volontari di diverse regioni ed estrazioni sociali, presero il mare a Quarto
(Genova) per sbarcare a Marsala (Sicilia). Garibaldi sconfisse le truppe borboniche e formò un governo
provvisorio sotto la guida di F. Crispi. Essi cercarono di andare incontro alle esigenze dei contadini, ma
senza mettere in discussione il quadro dei rapporti di proprietà; questo causò delle agitazioni contadine che
furono duramente represse. Spaventati dalle agitazioni agrarie, i proprietari terrieri guardarono con favore
all’annessione al Piemonte.
L’intervento del Piemonte: Dopo lo sbarco di Garibaldi in Calabria, grazie alla neutralità inglese, e il
suo ingresso a Napoli, divenne urgente per il governo piemontese un’iniziativa al Sud, per evitare
complicazioni internazionali e garantire alla monarchia sabauda il controllo della situazione. Le truppe
piemontesi invasero l’Umbria e le Marche e sconfissero l’esercito pontificio a Castelfidardo. Pochi giorni
dopo il governo piemontese approvò una legge di Cavour, che autorizzava l’annessione di altre regioni
purché le popolazioni esprimessero la loro volontà in plebisciti a suffragio universale maschile. Schiacciante
fu la maggioranza dei si. Mentre Garibaldi si ritirava a Caprera e Mazzini partiva in esilio, l’esercito sabaudo
eliminava le ultime resistenze. Il 17 marzo 1861 il Primo Parlamento Nazionale, proclamava Vittorio
Emanuele II re d’Italia per grazia di Dio e volontà della nazione.
Ragioni dell’unità: l’unità d’Italia di presentava come il risultato dell’allargamento di uno Stato
regionale. Ma non fu soltanto l’iniziativa militare e diplomatica di uno Stato o un uomo, essa fu preparata da
un ampio moto d’opinione pubblica. Proprio grazie ai progressi economici, il Piemonte poté conquistare un
ruolo egemone. Lo Stato Nazionale, nacque dalla combinazione della politica di Cavour, delle insurrezioni e
della spedizione di Garibaldi. Gli stessi plebisciti rappresentarono un omaggio all’idea di sovranità popolare.
Bisogna infine ricordare che l’unità non sarebbe stata raggiunta senza l’aiuto di una serie di circostanze
favorevoli come:
 La benevola neutralità della Gran Bretagna.
 L’isolamento del Regno delle due Sicilie.
 L’isolamento dell’Impero asburgico.
 L’appoggio di Napoleone III.
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard