Scoperta da ricercatori italiani una mutazione di una

annuncio pubblicitario
Scoperta da ricercatori italiani una mutazione di una malattia estremamente rara
Individuata a Siena una rara forma di patologia complessa. Si tratta della mutazione genetica di una malattia chiamata Mngie ed e' stata
individuata dall'equipe del policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, coordinata dal professor Antonio Federico, direttore dell'unita' operativa
complessa (Uoc) di neurologia e malattie neurometaboliche.
"Abbiamo portato avanti le ricerche effettuate su un nostro giovane paziente - spiega il professor Federico - deceduto a vent'anni nel mese di
gennaio, per una grave e rapidamente evolutiva sintomatologia, che lo ha portato in vari ospedali nazionali, con un quadro clinico che presentava
analogie con un altro caso registrato in Giappone". I ricercatori hanno appurato che si trattava di una mutazione del gene che causa la Mngie,
una malattia rara conosciuta come encefalopatia mitocondriale neuro-gastrointestinale.
"Questa malattia - spiega Federico - colpisce il sistema neurovegetativo e aggredisce, in particolare, l'apparato digerente e il cervello, con
debolezza degli arti e comparsa di neuropatia periferica cioe' danni ai muscoli. La mutazione che abbiamo individuato analizzando nei nostri
laboratori il dna del giovane paziente, al contrario di quanto avviene nella Mngie, non danneggia il muscolo scheletrico". In questi mesi l'impegno
dell'equipe neurologica e' stato quello di continuare le indagini sulle cellule del paziente, fino ad individuare una diagnosi precisa per permettere
ad altri malati di accedere in futuro a terapie specifiche, anche se non esiste ancora una cura per questa malattia rara.
"Abbiamo continuato a portare avanti le nostre ricerche anche per rispetto nei confronti della famiglia del giovane empolese, come e' nostra
attitudine di cercare di arrivare a individuare la causa della malattia - conclude Federico -. Tale successo diagnostico, merito dei collaboratori
clinici e di laboratorio, con particolare riguardo alla dottoressa Cardaioli che ha sequenziato il gene, non puo' consolare ne' il personale sanitario
che ha avuto in cura S.P., ne' i familiari, ma dimostra la giusta impostazione scientifica e metodologica del nostro gruppo di ricerca, rivolto alla
diagnosi e cura delle malattie neurologiche rare e ci consente di portare avanti il nostro lavoro, con la convinzione che ogni progresso della
conoscenza possa essere utile in futuro. Ora che abbiamo individuato il gene, ad esempio, e' possibile pensare ad un approccio preventivo con la
diagnosi prenatale dei soggetti a rischio". (AGI)
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard