Presentazione in Microsoft Power Point

annuncio pubblicitario
La valutazione dei contesti
M. Beatrice Ligorio
Università degli Studi di Bari
[email protected]
Definire i contesti:
rapporto tra natura e
cultura (Fodor, 1989)
Una struttura a tre livelli
(Mantovani, 1993)
Contesto come “quadro”
(Perret-Clermont, 2006)
Dimensione trasversale: complessità


Analizzare e interpretare congiuntamente
individui, strumenti, relazioni sociali, clima,
valori condivisi e impliciti, pratiche e
prospettive.
L’unità di analisi è volutamente ampia e
complessa
Come valutare questa complessità?


Una modalità di lavoro potrebbe essere
quella vicina all’antropologia: osservazione
longitudinale dei contesti focalizzando su
aspetti in grado di produrre informazioni
importanti
Focalizzazione sulla dinamicità, sui
cambiamenti del contesto
SISTEMA DI VALUTAZIONE DINAMICA
DEL CONTESTO


Trovare indicatori capaci di render conto del
cambiamento contestuale
Indicatori da usare e confrontare in momenti
diversi della vita di un contesto
Livelli, strati e “quadri” in diversi
momenti
t1
t2
t3
t4
Quali aspetti osservare?

1. Osservare il “quadro”:
analisi delle risorse
disponibili
–
–
–
–
Quali strumenti sono attivamente usati in classe?
Che tipo di accessibilità? Quanto facilmente gli
studenti/docenti possono accedervi?
Come e quali interazioni? Di gruppo? Studentidocenti? Tra studenti? Tra docenti?
Cosa: attenzione ai prodotti  cognizione distribuita e
presupposti per una costruzione collaborativa di
conoscenza
Strumenti



Check-list degli strumenti/risorse disponibili
Descrizione dei luoghi e tempi d’uso
Analisi qualitativa dei prodotti:
–
–
–
–
Individuali
Di gruppo
Della classe
Classe e extra-scuola
Quali aspetti osservare?

2. Osservare le traiettorie di partecipazione:
–
–
–
Quando: Utile in casi di integrazione
multiculturale, presenza di studenti con difficoltà,
casi di bullismo
Cosa: Cosa spinge verso il centro della pratica e
cosa “tiene” alla periferia?
Come avviene la partecipazione? Regole formali
e informali; regole e norme; partecipazioni
multiple
Strumenti
–
–
–
Portfoli e/o e-portfoli individuali, di gruppo, di
classe
Diario di bordo/ il blog della classe
Spazi per parlare di sé / per esprimere emozioni e
metacognizione (ad esempio blog, elaborati
anonimi)
Quali aspetti osservare?

3. Analisi di momenti “critici”:
–
–
–
Quando: episodi particolari, momenti di conflitto,
momenti di criticità, introduzione di un nuovo
strumento/tecnologia, arrivo di un nuovo
studente/nuovo docente, un cambiamento
Cosa: come è interpretata/vissuta tale criticità
Come: Osservazione/note sul campo,
socializzazione dei significati attribuiti all’evento
(interviste/analisi delle interazioni)
Strumenti
–
–
–
Resoconti narrativi di eventi inattesi, stressanti,
conflittuali (Interviste condotte dallo psicologo
scolastico)
Focus-group con gli studenti condotte dallo
psicologo scolastico
Analisi delle interazioni (estratti, video) (condotte
dallo psicologo scolastico)
Conclusioni

Focalizzare su tre indicatori da rilevare in diversi
momenti:
–
–
–



Il “quadro”
Le partecipazioni
La gestione dei momenti critici
Occorre predisporre un set di strumenti in grado di
valutare i contesti in modo dinamico
Occorre una specifica professionalità dello psicologo
scolastico e una nuova “alleanza” tra psicologo e
docente
Capire i contesti facendone parte
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

economia

2 Carte oauth2_google_89e9ca76-2f16-41bf-8eae-db925cb2be4b

123

2 Carte

creare flashcard