Una leadership globale nel settore della cipolla grazie

advertisement
Una leadership globale nel settore della cipolla
grazie all’affidabilità
Dalla Spagna alla Russia, Nunhems offre risposte realistiche a un mercato sempre
più professionale e competitivo
Benvenuti alla prima edizione europea di
“Onion News”. Il nostro obiettivo è fornirvi informazioni utili e piacevoli che abbiano un impatto positivo sulla vostra attività professionale. Come “specialista globale”, NUNHEMS
offre ai propri lettori accesso alle sue ampie
risorse in aree importanti come la ricerca su
varietà e tendenze di mercato.
I membri del team Nunhems sono specializzati nella coltivazione della cipolla e, grazie
alla loro organizzazione interna, conoscono
le ultime notizie sulla coltivazione nelle diverse aree e sono in contatto continuo con
altri colleghi del settore in tutto il mondo. Tali
competenze consentono tecnici specializzati
nella vendita di questi prodotti, di conoscere i
mercati e anticiparne le necessità a vantaggio dei clienti che si affidano a NUNHEMS.
Risorse globali, soluzioni locali
Perché milioni di produttori seminano varietà di Nunhems tutti gli anni? Dal momento
che tutto ciò che ci circonda sembra essere instabile e cangiante, compreso il clima, i
produttori semplicemente desiderano essere
sicuri di poter raccogliere quello che hanno seminato e sanno che con NUNHEMS
possono riuscirci, grazie alla perfetta combinazione della genetica della cipolla con l’eccezionale qualità del seme. In poche parole,
l’affidabilità è il motivo del nostro successo
e, per questo motivo, le varietà NUNHEMS
rimangono sul mercato per lungo tempo. In
questo periodo in cui il mercato della cipolla
in Europa è sempre più professionale e competitivo, è arrivato il momento di progredire
insieme. La ricerca NUNHEMS si focalizza
soprattutto sui mercati europei, dalla Spagna alla Russia, per sviluppare nuovi prodotti
in grado di rispondere alle necessità locali. Il
nostro obiettivo è applicare in tutta Europa
l’importante esperienza acquisita in mercati
maturi come gli Stati Uniti dove NUNHEMS
ha realizzato un’attività riconosciuta a livello mondiale. I nostri successi non sarebbero
possibili senza l’impegno continuo di Nunhems nella ricerca e nello sviuppo. Stiamo
già lavorando per introdurre la raccolta meccanizzata e migliorare la capacità di stoccaggio e la qualità del prodotto, coscienti
della necessità di impegnarsi per il miglioramento continuo della redditività di produttori, distributori e venditori al dettaglio.
l’agente che
ottimale e
Soriano, direttore
2 Tripide,
3 Nutrizione
4 Carlos
Sommario
trasmette il devastante
irrigazione adeguata,
di Soriano Aparicio
virus Iris
elementi decisivi per
dei Contenuti
sconfiggere il virus Iris
Trade: India,
il recupero di
a Justo
zuppa francese
6 Onion
7 Intervista
8 Ricetta:
5 Ucraina,
Canada, Nuova Zelanda,
un mercato sempre più
Gutiérrez, presidente di
di cipolla gratinata
maturo
Perù, Venezuela e USA
PROCECAM
www.nunhems.it
Consigli Tecnici
Tripide, l’agente che trasmette il devastante
virus della maculatura gialla dell’iris (IYSV)
I trattamenti sono più efficaci se applicati in condizioni di scarsa luminosità
Il Tripide (Thrips tabaci) è l’insetto capace
di trasmettere il virus IYSV, una delle malattie più dannose per le colture di cipolla
che in circostanze favorevoli, causa gravi
perdite al raccolto, sia in termini di quantità che di qualità. Il Frankiniella occidentalis, un altro Tripide molto diffuso, non ha
la capacità di trasmettere il virus da una
pianta all’altra.
Il Thrips tabaci è un piccolo insetto con
una lunghezza di 1,2 mm allo stadio adulto
e danneggia la pianta sana quando si posa
su di essa dopo essersi nutrito da una pianta malata, attività che svolge in tutti i suoi
stadi tranne in quelli di prepupa e pupa. Le
larve allo stato di ninfa sono di dimensioni
molto piccole e si alimentano con voracità,
quindi passano a prepupe e pupe e da qui
allo stato adulto. Gli adulti sono soprattutto femmine con la capacità di riprodursi per
partogenesi, ossia in assenza di maschi. Il
rapporto tra maschi e femmine e solitamente di 1 a 100.
Il Tripide, durante la sua vita, presenta fototropismo negativo, soprattutto allo stadio di pupa, e tende pertanto a rifugiarsi durante il giorno nelle zone più protette della
pianta. Il modo migliore per lottare contro
l’insetto è applicare il trattamento quando
la luce è molto ridotta o del tutto assente.
L’applicazione di insetticida deve avvenire
al tramonto o di notte per assicurarsi, da un
lato, il contatto dell’insetto con il prodotto
è dall’altro l’efficacia di quest’ultimo che
non viene esposto all’azione degradante
della luce e del calore. La quantità di soluzione da applicare deve essere elevata,
dato che bisogna garantire che il prodotto
penetri nelle pieghe e nelle ascelle delle
piante, dove l’insetto si nasconde (specialmente negli stadi di prepupa e pupa,
quando per definizione aderisce a tessuti
in contatto tra loro).
Il danno prodotto dal Thrips tabaci alla
cipolla è significativo dal punto di vista
meccanico, poiché perfora continuamente
la foglia con il becco seghettato per alimentarsi della linfa, rendendo le zone in
cui si alimenta marcescenti con un aspetto biancastro e marrone. Dal punto di vista sanitario, i danni sono gravi, visto che
l’insetto trasmette una delle patologie più
gravi che colpiscono attualmente la cipolla
a livello mondiale.
2
Onion News
Sopra, immagine dettagliata di un esemplare di Tripide. Sotto, colonia di Tripidi installata in una coltura di cipolla.
Consigli Tecnici
Nutrizione ottimale e irrigazione adeguata,
elementi decisivi per sconfiggere il virus IYSV
Senza le cure necessarie, il raccolto di cipolle può andare perso in una settimana
Il virus IYSV è un tospovirus dello stesso tipo
del virus dell’avvizzimento maculato del pomodoro, Non colpisce né i bulbi né le radici
e non si trasmette attraverso il seme, come
hanno dimostrato alcuni studi. Il virus si localizza nella foglia in modo irregolare, visto
che si concentra in misura maggiore nelle
foglie interne e nella parte della foglia più
vicina al bulbo. L’insetto vettore del virus è
il Thrips tabaci, che lo trasmette quando si
posa in una foglia sana dopo aver mangiato
una foglia malata.
Il virus si manifesta nelle foglie con l’apparizione di macchie gialle o marrone scuro
di forma romboidale che possono colpire la
pianta in misura maggiore o minore dandole
un aspetto più o meno marcescente. L’evoluzione del virus può essere molto diversificata, dalle piante che risultano positive a
un test virale anche senza mostrare sintomi
visibili a quelle che vi presentano devastate
dall’attacco dell’IYSV.
Nutrizione e irrigazione
La salute e lo stato nutritivo della coltura determinano direttamente le conseguenze che
la malattia causerà nella coltura. Una pianta
ben nutrita e irrigata resiste in modo efficace alla presenza del virus, mentre una pianta
debole, con carenze nutritive e/o stress idrico
tende a presentare in modo più grave i sintomi e le conseguenze del virus.
La morte della coltura a causa del virus è
sempre più frequente, anche se molte volte
coglie di sorpresa il produttore. È abituale,
che gli eventi si susseguano rapidamente
dopo aver lottato con il Tripide in modo più o
meno efficace, senza essere riusciti a evitare
che l’insetto vivesse nel campo durante una
parte del ciclo. L’infezione comincia generalmente a manifestarsi con macchie romboidali in coincidenza di qualsiasi punto di
inflessione della coltura (cambio delle temperature, temporali estivi, guasti al sistema
di irrigazione ecc.). In una sola settimana, la
cipolla comincia a seccarsi rimanendo in posizione verticale, senza chiudere adeguatamente il collo e, molte volte, senza terminare
di formarsi in modo appropriato. Tutto questo determina una riduzione evidente della
resa del campo e, contemporaneamente,
della capacità di sfruttamento commerciale
del raccolto in questione.
Sintomi della presenza del virus IYSV, trasmesso dal Tripide.
Come evitarlo
L’unica forma che esiste al momento per contrastare il
virus Iris è limitare la presenza del Tripide. A tale scopo,
è necessario utilizzare adeguatamente i trattamenti
con insetticidi ed evitare, per quanto possibile, le zone
con alta diffusione di Tripide. Inoltre, in alcuni momenti,
è necessario prestare speciale attenzione alla presenza
dell’infezione nelle colture limitrofe.
L’eliminazione delle malerbe che fungono da serbatoio e la creazione di barriere fitosanitarie mediante trattamento dei confini con le colture vicine sono pratiche
che possono aiutare a ridurre in modo significativo la
popolazione di Tripide.
Onion News
3
Intervista
Carlos Soriano, direttore di Soriano Aparicio (Spagna):
“Abbiamo scommesso sulle ultime tecnologie per
essere più efficienti e competitivi”
Soriano Aparicio può vantarsi, senza nessun
complesso, di essere il commerciante spagnolo di cipolla con la tecnologia più moderna per
imballaggio e pallettizzatura. Questa impresa
familiare fondata a Chinchilla, che si muove
tra il suo magazzino centrale di Albacete e il
suo posto di vendita all’ingrosso a Mercabarna, ha operato un notevole investimento
in tecnologia per rendere più efficiente il processo di manipolazione e aumentare la propria
competitività di fronte a un più che prevedibile
aumento della produzione nazionale.
“Oggi possiamo
preparare
anche due
camion all’ora”
Che senso ha un braccio robotico di ultima
generazione in un magazzino di cipolle?
Ha molto senso. L’investimento che abbiamo effettuato per installare alta tecnologia
è supportato da molti anni di esperienza nel
settore della cipolla. Siamo convinti che meccanizzando al massimo il processo di inscatolamento e palletizzatura potremo migliorare il
nostro posizionamento sul mercato, riducendo in modo notevole i nostri costi operativi e
aumentando il nostro volume di commercializzazione.
Che vantaggi offre al cliente questa tecnologia?
Nella pratica siamo più flessibili e la nostra capacità di risposta agli ordini è molto maggiore.
Da quando un cliente ci comunica quello di cui
ha bisogno a quando il camion è carico e pronto per partire trascorrono solo due ore.
Come è cambiata la routine quotidiana del
magazzino?
Le nostre attività sono molto più efficienti. Il
nuovo robot di pallettizzatura è dotato di un
sistema selettivo che gli consente di imballare sacchi e scatoloni in diversi formati molto
più rapidamente di quanto accadeva in modo
manuale. Infatti, il robot ci ha permesso di raddoppiare la nostra resa e oggi possiamo preparare anche due camion all’ora.
La tecnologia è uno dei percorsi per guadagnare redditività in un settore così competitivo?
Senza dubbio, visto che non si conosce mai
quale è il volume totale finale da manipolare
in magazzino. Adesso possiamo essere tranquilli perché anche se un anno ci fosse un
incremento della produzione, la tecnologia su
4
Onion News
cui abbiamo investito ci aiuterebbe a essere
più efficaci in qualsiasi momento. Facciamo il
possibile per migliorare la nostra redditività e
continueremo a farlo.
Da alcuni anni Soriano Aparicio ha deciso
di includere una produzione propria. Perché?
La produzione propria ci aiuta a pianificare
meglio la disponibilità della nostra intera gamma di cipolle. La fornitura del cliente è garantita e possiamo stabilizzare i prezzi senza aver
bisogno di cambiarli ogni settimana. Inoltre, ci
sono alcune specialità che non potremmo offrire senza una produzione di questo tipo.
Qual è il profilo dei vostri clienti?
Soriano Aparicio non vende direttamente ai
supermercati, ma agli impianti di inscatolamento e ai fruttivendoli tradizionali. Con loro
abbiamo creato una relazione di mutua fiducia
che vogliamo continuare a mantenere a ogni
costo, perché sono stati i negozi di quartiere, il
settore alberghiero e i fruttivendoli tradizionali
a consentirci di crescere nella vendita quotidiana attraverso il nostro posto di Mercabarna. Non bisogna dimenticare che il mercato
nazionale rappresenta l’80% della nostra
attività.
La crisi ha cambiato le tendenze di consumo?
Sicuramente. Hanno guadagnato terreno i
formati più ridotti e oggi si vende di più a peso,
in sacchi da 5 chili o in reti da mezzo chilo.
Qual è il prodotto per il quale si differenzia
Soriano Aparicio?
Ci siamo convertiti in un operatore di riferimento della cipolla Figueres, che ha una domanda molto localizzata in Catalogna. Inoltre,
commercializziamo cipolla bianca nelle isole,
in Italia e in Francia; cipolla rossa in Francia e
Regno Unito e cipolla dolce sul mercato nazionale e francese. Rispondiamo anche a una
domanda generalizzata di cipolla gialla.
Aggiornamenti sul mercato
Ucrania, Il recupero di un mercato sempre più maturo
Negli ultimi due anni si è visto chiaramente
che l’Ucraina, come altri paesi, affronta una
delle crisi più lunghe e durature del settore
della cipolla. Il prezzo si è abbassato costantemente dall’autunno del 2011 alla primavera del 2013, facendo sì che il commercio
della cipolla non sia più redditizio e che chi
ha effettuato investimenti significativi in
questo mercato si trovi in una situazione di
difficolta.
Come conseguenza del calo di redditività,
molti produttori hanno ridotto la superficie
dedicata alla cipolla o abbandonato la coltura. In Ucraina, che fino al 2011 è stato un
mercato molto attraente, la superficie totale
coltivata a cipolla è diminuita del 40% in soli
due anni (dati non ufficiali). Alcuni deboli
segnali di recupero consentono di guardare
al futuro con un certo ottimismo, anche se la
configurazione interna del mercato ucraino
non sarà più la stessa.
Negli ultimi anni i volumi di mercato, le
superfici coltivate e gli investimenti sono
stati decisi in funzione dei prezzi della cipolla, un fatto che spiega perfettamente
la crescita esponenziale registrata quando
la congiuntura del mercato era favorevole.
Tuttavia, la stabilità della produzione e la
qualità del prodotto sono gli elementi che
generano fiducia in acquirenti e venditori
nei mercati maturi.
NUNHEMS ha avviato una collaborazione
con gli operatori locali, allo scopo di stabilizzare la produzione a un livello tale da soddisfare la domanda del mercato ucraino. Sulla
base della propria esperienza internazionale,
gli specialisti NUNHEMS si rivolgono alle
necessità specifiche dei clienti e forniscono
appoggio tecnico allo scopo di sfruttare tutto il potenziale e i vantaggi offerti dagli ibridi
NUNHEMS nella zona. Lavorando sulla fertilizzazione, la gestione dell’irrigazione e la
meccanizzazione della raccolta, si vedono
già i primi risultati positivi.
S-Rostok, azienda leader nella produzione
di ortaggi in Ucraina, è un esempio di come
la cooperazione abbia consentito di ottenere
una riduzione dell’8% dei costi di produzione grazie all’adozione in misura sempre
maggiore di Pandero F1.
Durante il 2014, NUNHEMS prevede di
aumentare i campi sperimentali di cipolla per permettere ai produttori di valutare
direttamente e contemporaneamente le
diverse varietà attraverso giornate tecni-
che sul campo, che offrono la possibilità
di conoscere nuove varietà e migliorare le
proprie conoscenze su tecniche di coltivazione e resa.
Lo scorso mese di agosto, nella località
ucraina di Nikolaev si è tenuta un’importante giornata tecnica in collaborazione con
S-Rostok (700 ettari di ortaggi). Il parere
dei partecipanti è stato molto positivo e la
maggior parte di essi ha dichiarato di essere stato molto colpito da Valero F1, che si
è dimostrato una perfetta combinazione di
resa, qualità e precocità. L’evento includeva anche una visita a un campo durante la
raccolta di Pandero F1. La visita ha offerto
l’opportunità di trattare i concetti relativi
alla coltivazione della cipolla e mostrare il
processo di raccolta di Pandero F1 completamente meccanizzato.
Rustam Sadridinov, Presidente di S-Rostok (Ucraina)
“Con Pandero F1 produciamo di più e risparmiamo sui prodotti agro-chimici”
Come siete riusciti a ridurre i vostri costi di produzione dell’ 8%?
Durante la fase di crescita prestiamo
un’attenzione speciale alle necessità della coltura, osservando continuamente le
piante e il loro stato di vigore, salute e sviluppo. Se tutto procede correttamente ci
limitiamo ad attendere il momento del raccolto, ma se c’è qualche problema dobbiamo reagire immediatamente. Con Pandero
F1 non abbiamo avuto nessuna difficoltà,
dal momento che questa varietà è meno
colpita da peronospora e alternaria. È così
vigorosa che abbiamo addirittura ridotto le
dosi di fertilizzante. Come risultato finale,
abbiamo utilizzato meno pesticidi e meno
fertilizzanti, con il conseguente risparmio
economico. L’aspetto più importante,
però, è che Pandero F1 è più produttivo.
Considerando i risparmi e la produttività di
Pandero F1, il suo costo finale di produzione è risultato inferiore dell’8% rispetto ad
altre varietà commerciali.
Quali sono le vostre previsioni per la
prossima stagione della cipolla?
La prossima stagione si presenta stabile e
spero che le condizioni climatiche aiutino. Saremo comunque pronti a reagire rapidamente
di fronte a qualsiasi imprevisto, se necessario.
Che cosa consiglia ai produttori di cipolla in Ucraina?
Il mercato della cipolla sta cambiando
e ogni anno la domanda di prodotti di
qualità è in aumento. Credo che sia importante che i produttori dosino con attenzione l’azoto per ottenere una buona
qualità per lo stoccaggio. Un altro consiglio importante è che la superficie dedicata alla coltivazione della cipolla sia
adeguata rispetto ai macchinari agricoli
di cui si dispone, alle strutture di stoccaggio e, in generale, a tutta l’infrastruttura necessaria per una gestione ottimale del raccolto.
Onion News
5
Onion Trade
India
I prezzi alti provocano
una riduzione del
consumo di cipolla
Nuova Zelanda
Le esportazioni di
cipolla si dirigono
verso l’Asia
La polemica generata dagli alti prezzi di
alcuni alimenti di base è arrivata fino al
Tribunale Supremo. Negli ultimi mesi,
sono aumentate le critiche per l’incapacità del governo di regolare i prezzi di cipolle, patate e altre verdure di stagione. Il
Parlamento nel 1955 promulgò la Legge
sui Prodotti essenziali per controllare la
produzione, la fornitura e la distribuzione
dei prodotti che, secondo la legge, erano
considerati essenziali per la popolazione.
Questa Legge si è rivelata inutile fino al
momento e la società indiana è attraversata da una vivace polemica per l’aumento senza precedenti del prezzo dei
prodotti di base, specialmente pomodori,
cipolle, patate e aglio, che sono gli ingredienti essenziali dell’alimentazione
locale. Molti attribuiscono la responsabilità della situazione a intermediari e
commercianti per un presunto accaparramento eccessivo.
Fonte: www.businesstoday.intoday.in
I produttori di cipolla neozelandesi hanno
deciso di dare priorità alle proprie esportazioni destinate ai mercati asiatici, allo scopo di consolidare le posizioni e creare nuove opportunità commerciali in paesi come
Giappone, Hong Kong, Taiwan, Malesia,
Indonesia e Singapore. In questo modo, si
punta a superare ampiamente i 90 milioni di dollari che rappresentano il volume
attuale delle esportazione di cipolle dalla
Nuova Zelanda all’Asia. Per ottenere questo risultato, i rappresentanti dei produttori
hanno accordato un programma di azioni
fino al 2020. Oltre ad aumentare il volume commerciale, la Nuova Zelanda tenta
di eliminare definitivamente le barriere che
storicamente le hanno impedito di vendere
in alcuni mercati asiatici come Cina, Vietnam, Filippine e Tailandia. La Nuova Zelanda produce cipolle di altissima qualità
con una solida reputazione in termini di sicurezza alimentare, un aspetto sempre più
richiesto nei mercati asiatici.
Fonte: www.freshplaza.com
Canada
Venezuela
Viene eliminata la necessità di certificazione per l’importazione
di cipolle provenienti
dagli Stati Uniti
La cipolla viene
sostituita dal
cipollotto a causa dei
suoi prezzi elevati
I produttori di cipolla statunitensi possono
usufruire di una semplificazione della burocrazia necessaria per vendere prodotti
ai propri vicini del nord. Grazie a un’esperienza pilota cominciata lo scorso gennaio, l’Agenzia di ispezione alimentare del
Canada (CFIA) ha semplificato i requisiti
di certificazione fino al 30 aprile, evitando
che il Ministero dell’Agricoltura degli Stati
Uniti debba redigere le oltre 200 bolle doganali, fino a ora necessarie per accedere al
mercato canadese. Le nuove norme si applicano solo alle cipolle coltivate negli Stati
Uniti e non possono essere utilizzate per la
re-importazione di cipolle con altre origini.
Fonte: www.freshfruitportal.com
6
Onion News
L’aumento del prezzo al chilo della cipolla
sembra inarrestabile, motivo per cui i consumatori hanno scelto di sostituirla con il cipollotto. “Con 100 bolivar posso acquistare quattro chili di cipollotti e, a volte, li trovo addirittura
a 20 bolivar al chilo. Bisogna risparmiare”,
assicurano alcune casalinghe che cercano
alternative alla “speculazione dei commercianti”. Secondo la signora Carmen Bravo non
c’è nulla di comparabile al sapore che la cipolla
regala ai piatti. “Io non la sostituisco, sempre
che riesca a comprarla a prezzo regolato”. Per
rimanere fedele al suo sapore preferito, Carmen deve arrivare al mercato alle 4 del mattino per poter comprare un chilo di cipolle a 21
bolivar. Il prezzo delle foglie di banano al chilo
è di 20-25 bolivar, quello del peperone 100
bolivar. Fonte: www.eltiempo.com.ve
Stati Uniti
In Florida sostituiscono le multe con cipolle
Durante le scorse festività natalizie, gli automobilisti che superavano i limiti di velocità
in alcune zone scolari dei Florida Keys hanno
ricevuto cipolle da un Grinch invece di una
multa. Lou Caputo, comandante della polizia
della contea Monroe, ha utilizzato un costume da Grinch per svolgere controlli con autovelox e multare i contravventori. Caputo ha
interpretato il personaggio creato dall’autore
per bambini Dr. Seuss per ricordare in modo
divertente la necessità di rispettare i limiti di
velocità nelle zone scolari. Gli automobilisti
che venivano scoperti dal Grinch a superare
il limite di velocità di 5 miglia all’ora o meno
hanno potuto scegliere tra una multa o un
sacchetto di cipolle marce. Chi viaggiava a
una velocità superiore ha ricevuto una multa.
Quando veniva fermata un’auto, gli agenti in uniforme si avvicinavano al guidatore
per controllare i documenti del veicolo e la
patente. Se tutto era in ordine, il Grinch sorprendeva il guidatore dandogli una divertente
ma seria avvertenza verbale e offrendogli la
possibilità di scegliere tra la multa o le cipolle.
Fonte: www.elnuevoherald.com
Perù
Fruit Logistica 2014
Secondo l’Associazione degli esportatori
(ADEX) l’offerta delle esportazioni agricole
peruviane alla fiera ortofrutticola di Berlino si
focalizza su cipolle, uva e avocado. La missione commerciale peruviana, guidata da ADEX,
visiterà anche Rotterdam (Paesi Bassi), per
conoscere approfonditamente i principali
canali di distribuzioni delle verdure in Europa.
Secondo dati di ADEX, tra gennaio e novembre dell’anno scorso, i Paesi Bassi sono stati
la seconda destinazione più importante per le
esportazioni agricole peruviane, con un volume commerciale superiore ai 380 milioni di
dollari. Fonte: www.andina.com.pe
Intervista
Justo Gutiérrez, presidente di PROCECAM:
“Il produttore deve scommettere su qualità e
professionalità se vuole mantenere la propria attività”
Questo collettivo con 120 soci ha la responsabilità di gestire ogni anno 380.000 tonnellate di cipolle, circa un terzo del raccolto
complessivo spagnolo. Spingere i produttori
ad associarsi per essere meglio informati
sui mercati e ottenere un maggiore potere
contrattuale è una delle sfide più importanti
per il futuro, secondo Justo Gutiérrez, che
attende ansioso che Bruxelles conceda l’Indicazione geografica tipica alla cipolla della
regione dopo aver già creato un Marchio di
qualità collettiva.
Como si presenta la campagna di stoccaggio per quanto riguarda i prezzi?
Le attese sono buone, dal momento che la
produzione europea è stata scarsa e questo
avvantaggia la nostra zona e crea una dinamica dei prezzi positiva. A questo bisogna
aggiungere che in Castiglia-La Mancia sono
state raccolte cipolle con un calibro molto buono, che saranno molto richieste per
l’esportazione soprattutto verso Germania
e Regno Unito.
In che circostanze si è sviluppata la coltura di larga durata che si trova ora stoccata?
Secondo la mia opinione, la campagna è
stata molto buona. Come ho ricordato in
precedenza, abbiamo un calibro elevato
molto apprezzato commercialmente e, inoltre, una salute vegetale ottima che contribuisce a superare la fase di conservazione
in condizioni ottimali. Nella nostra zona, se
l’inverno non è troppo mite, la cipolla può
resistere perfettamente fino a Marzo senza
essere conservata in camere frigorifere.
Quali sono le condizioni nelle quali è possibile mantenere stabilità di prezzi e redditività della cipolla?
Per permettere che i produttori mantengano una certa tranquillità e possano godere
di prezzi stabili, è auspicabile che esista un
alto livello di richiesta. Questa condizione si
verificherà perché in Castiglia-La Mancia
abbiamo avuto un raccolto molto buono e,
contemporaneamente, la produzione europea si è ridotta, quindi non si prevedono
continui alti e bassi.
Quindi i produttori possono attendersi
“Proporre al mercato un prodotto di
qualità è l’unico modo per mantenersi”
prezzi alti per quest’anno?
Che nessuno si faccia illusioni, anche se
possono esserci picchi attraenti dei prezzi.
In PROCECAM stiamo lavorando duro affinché i nostri soci programmino la produzione
per ottenere un equilibrio tra offerta e domanda che consenta di mantenere i margini
di redditività. Pianificare la produzione è necessario e chi si lascia confondere dagli alti
prezzi congiunturali andrà incontro a errori.
Perché sollecitate gli agricoltori ad applicarsi di più nella commercializzazione del proprio raccolto?
È imprescindibile modificare le vecchie
pratiche. Nella nostra regione sono presenti situazioni molto eterogenee, dal produttore che vende in un banchetto di fianco al
campo a chi è dotato di strutture di stoccaggio. In un’economia globale e sempre
più competitiva, l’unico modello valido è
quello che prevede organizzazione e associazionismo, direttamente con il consumatore o con i diversi intermediari. È l’unica
ricetta per mantenere l’attività.
Esiste già qualche iniziativa collettiva?
In questa campagna abbiamo ottenuto
che una quindicina di produttori si uniscano in un’Organizzazione di produttori
per condividere una struttura di stoccaggio e vendere direttamente il proprio raccolto. Ci attendiamo buoni risultati e che
questa esperienza costituisca un esempio da seguire.
Che caratteristiche definiscono la cipolla di Castiglia-La Mancia?
Si tratta di una cipolla molto apprezzata
commercialmente per il suo notevole calibro. Questo spiega perchè il 90% della cipolla esportata dalla Spagna provenga da
questa regione, secondo i miei calcoli. Inoltre, è una cipolla di alta qualità con proprietà
uniche, grazie alle condizioni climatiche e al
terreno della zona.
Per questi motivi è quella più adatta per
sopportare la fase di conservazione. La sua
eccezionale qualità è già stata riconosciuta
con un Marchio di qualità collettiva e adesso
stiamo aspettando la risposta di Bruxelles
alla nostra richiesta di Indicazione geografica protetta “Cipolla della Mancia”.
Quali caratteristiche relative alla varietà
sono importanti per gestire adeguatamente una coltura di cipolla di larga durata?
L’aspetto più importante è basarsi sulle varietà richieste dal mercato e prestare
particolare attenzione alle specialità che
rappresentano una chiara scommessa sul
futuro. È anche consigliabile che si tratti di
varietà resistenti per garantire la salute della coltivazione ed evitare problemi e perdite
durante la fase di conservazione. Per ultimo,
si deve sottolineare che nella nostra zona
cerchiamo varietà a lunga durata che ci
consentano di sovrapporre un raccolto con
quello successivo, garantendo la fornitura
durante i dodici mesi dell’anno.
Onion News
7
Ricetta
Zuppa francese di cipolla gratinata
Ingredienti
· 6 cipolle dolci
· 30 ml di olio
· 60 g di burro
· 3 cucchiai di farina di granoturco
· 2 litri di brodo di carne
· Pane tipo baguette
· Sale e pepe nero
· 1 bicchierino di cognac
· Formaggio in polvere tipo gruviere
Preparazione
(Preparazione: 15 min. Cottura: 1 ora. )
Pelare e tagliare le cipolle a lamine fini, soffriggerle in un pentolino con l’olio e il burro e
condirle con sale e pepe nero. Spolverare la farina, mescolare bene, aggiungere il cognac
e aspettare che evapori. Aggiungere il brodo e lasciar cuocere circa 15 minuti a fuoco
lento. Tostare le fette di pane e servire la zuppa, se possibile in recipienti individuali,
posizionando il pane nella parte superiore e spolverando il gruviere per terminare.
Gratinare per circa 8 minuti e buon appetito!!!
NUNHEMS
SPECIALISTI NELLA VENDITA DI CIPOLLA
the global specialist
William Cavalieri (+39) 3454390451
[email protected]
Informazione corporativa su Nunhems
La filiale di semi per ortaggi di Bayer CropScience opera con il marchio Nunhems. Nunhems è lo specialista globale in genetica e servizi
relazionati con il settore ortofrutticolo. Grazie a un team globale integrato, Nunhems crea relazioni personalizzate con i propri clienti e condivide
prodotti, concetti ed esperienze con il settore professionale e la catena di distribuzione. Nunhems ha un’ampia gamma di 28 colture che
includono specie come cipolla, lattuga, melone, cetriolo, peperone, porro, anguria, pomodoro e carota. Con oltre 1800 dipendenti, Nunhems è
presente in tutte le aree di produzione del mondo.
Consigli per la coltivazione
Le informazioni fornite da Nunhems non garantiscono in alcun modo il risultato finale. Descrizioni, consigli e illustrazioni di volantini, prospetti e
pagine web sono basati sull’esperienza pratica acquisita mediante programmi di test e, pertanto, Nunhems non si considera responsabile in
caso di risultati diversi. L’acquirente deve valutare se i prodotti e i dati sono adeguati per la coltura prevista e se si adattano alle condizioni della
zona.
Immagini dei prodotti: tutte le varietà mostrate sono stata coltivate in condizioni favorevoli. Non si garantiscono né si presuppongono risultati
identici in tutte le condizioni di coltivazione.
© 2014 Nunhems BV. Tutti i diritti riservati
8
Onion News
Scarica