Malattie infettive

annuncio pubblicitario
Paolo Mazzola, M.D.
©PMJ
MALATTIE INFETTIVE
Una malattia infettiva è una patologia che colpisce entrambi i sessi, ed è causata da agenti patogeni
che vengono a contatto con il nostro organismo. Si può trattare di virus, batteri, funghi, protozoi,
elminti. Una volta entrati nel corpo, interagiscono con il nostro sistema immunitario causando una
reazione  questa reazione non è sempre in grado di eliminare l’agente patogeno, a volte neanche
grazie all’aiuto dei farmaci più moderni.
Ancora oggi le malattie infettive sono uno dei più grandi problemi sanitari a livello mondiale,
specialmente nei paesi in via di sviluppo. I motivi principali sono tre:

non ottimali condizioni igienico-sanitarie nei paesi in via di sviluppo, e scarsa disponibilità
di molte cure (spesso molto costose)  le malattie non vengono debellate, ma continuano
ad essere trasmesse all’interno della popolazione;

malattie infettive che erano in forte riduzione nei paesi industrializzati, negli ultimi anni
sono tornate ad aumentare (infezioni RIEMERGENTI). Un esempio è la Tubercolosi (TBC);

malattie infettive recenti, individuate negli ultimi decenni e che si sono propagate a livello
mondiale (AIDS, Epatite C). Vengono chiamate malattie EMERGENTI.
TUBERCOLOSI (TBC)
Malattia infettiva a trasmissione respiratoria (goccioline di saliva infette, emesse con la tosse),
causata da vari ceppi di Micobatteri (molto diffusi), in particolare dal Mycobacterium tuberculosis
(noto anche come Bacillo di Koch). Solitamente colpisce i polmoni, ma può interessare anche
organi diversi. Spesso il nostro sistema immunitario riesce a respingere tale infezione (oppure si
hanno solo infezioni latenti), ma quando l’infezione progredisce in malattia attiva, se non viene
trattata costituisce ancora una causa molto importante di mortalità a livello mondiale (circa 1.5
milioni di morti all’anno).
Sintomi: tosse cronica con espettorato striato di sangue, febbre (in genere non elevata), sudorazione
notturna, perdita di peso. Se vengono colpiti altri organi, si hanno manifestazioni legate agli organi
stessi. La diagnosi si realizza con esami del sangue, reazione alla tubercolina, radiografia del torace
(che in genere mostra un quadro simile alla polmonite, con in più la formazione di una cavità
all’interno del polmone, chiamata CAVERNA), individuazione del micobatterio al microscopio.
Terapia: antibiotici specifici contro i micobatteri (in genere 3 o 4 antibiotici contemporaneamente,
per almeno 6 mesi di terapia continuativa). Purtroppo negli ultimi anni sono andati formandosi
ceppi di batteri resistenti. Di recente è stato anche identificato un ceppo resistente a tutti gli
Pag. 1 di 3
Paolo Mazzola, M.D.
©PMJ
antibiotici attualmente disponibili. Essendo farmaci costosi, nei paesi in via di sviluppo sono ancora
poco disponibili. Ed è proprio lì che la malattia colpisce più persone e causa il maggior numero di
decessi.
AIDS (=Acquired Immune-Deficiency Syndrome)
Malattia causata dal retrovirus HIV. Benché sembra aver avuto origine in Africa alla fine negli anni
‘50, i primi casi conclamati furono identificati nel 1981 a San Francisco (USA). Si trasmette per via
sessuale, per via parenterale (contatto con sangue infetto  siringhe nei tossicodipendenti,
trasfusioni un tempo non controllate), per via verticale (madre-figlio). Quindi il virus non si
trasmette tramite vestiti, asciugamani, lenzuola, posate, bicchieri o piatti.
Questo virus causa infezione cronica, e non può essere eliminato. Una volta entrato nell’organismo,
colpisce selettivamente una componente fondamentale del sistema immunitario: i linfociti T. Viene
riconosciuto come estraneo, e vengono prodotti anticorpi contro di esso, ma questi anticorpi antiHIV non sono sufficienti per neutralizzarlo. La persona colpita, dopo alcuni mesi, presenta questi
anticorpi nel sangue e si trova nella fase si SIEROPOSITIVITÀ. Con il tempo causa una riduzione
progressiva del numero di linfociti, e di conseguenza si riduce drasticamente la capacità difensiva
del nostro sistema immunitario  il soggetto va incontro ad infezioni ripetute, comprese malattie
infettive che aveva fatto in passato e che si possono ripresentare (per esempio la varicella), ma
anche infezioni gravi e più diffuse del normale (Tubercolosi), oppure infezioni opportunistiche
(Polmonite da Pneumocystis, gastroenterite da Clostridium, candidosi diffusa). Il soggetto colpito
da HIV è anche più soggetto all’insorgenza di tumori, il più comune dei quali è il Sarcoma di
Kaposi. Con il tempo, il numero di linfociti T si riduce in maniera drastica. Quando i linfociti T
CD4+ diventano meno di 200 per mm3 di sangue, si parla di AIDS conclamato.
Principali infezioni che si manifestano nel paziente con AIDS:
-
polmonite da Pneumocystis jiroveci
tubercolosi
parotite
esofagiti da Candida (un fungo molto
diffuso)
-
diarrea cronica
toxoplasmosi cerebrale
leucoencefalite multifocale
progressiva
demenza correlata all’AIDS.
La terapia attuale consiste nell’assunzione quotidiana di numerosi farmaci antiretrovirali (almeno 3
farmaci, di almeno 2 classi diverse, e per diverse volte al giorno). È una terapia difficile da seguire,
infatti sono numerosi i casi di scarsa aderenza allo schema di assunzione. Questo, purtroppo, ha
causato l’insorgenza di resistenze da parte del virus HIV.
Non esistono ancora vaccini. Per evitare la diffusione, la strategia migliore è la PREVENZIONE.
Pag. 2 di 3
Paolo Mazzola, M.D.
©PMJ
EPATITI VIRALI
Le epatiti virali comprendono diversi tipi di infezione, che hanno in comune il fatto di colpire
prevalentemente il fegato. I virus più comune causa di epatite sono HAV, HBV e HCV, che
causano rispettivamente l’epatite A, l’epatite B, e l’epatite C.
L’epatite A è un’infezione acuta, a trasmissione oro-fecale (acqua o cibo contaminati). Una volta
ingerito, HAV penetra nel sangue attraverso la mucosa e arriva al fegato, dove entra all’interno
degli epatociti (=cellule epatiche) e si replica. Viene emesso con la bile, entra nell’intestino, e viene
espulso con le feci. Periodo di incubazione dell’infezione: circa 4 settimane. La malattia si
manifesta con ittero (=cute gialla), ma questo rappresenta anche il fatto che il sistema immunitario
sta reagendo al virus per eliminarlo (si formano anticorpi IgM e poi IgG). Quando il soggetto
guarisce, rimangono nel sangue gli anticorpi IgG anti-HAV.
L’epatite B è un’infezione acuta, che nella maggior parte dei casi si risolve con ritorno del fegato
alla normalità. Causata dal virus HBV che colpisce il fegato, provocando così un’infiammazione.
Circa 2 miliardi di persone sono state contagiate da questo virus ed esistono circa 350 milioni di
portatori cronici. La trasmissione di epatite B non avviene tramite stretta di mano, condivisione di
posate, tosse e starnuti, bensì avviene per via parenterale (sangue infetto) o sessuale. La malattia
provoca un’infiammazione acuta del fegato, con vomito e ittero, e raramente porta anche alla morte.
Nei pochi casi in cui il virus rimane all’interno dell’organismo si ha epatite B cronica, che può
portare con il tempo allo sviluppo di cirrosi epatica e all’aumentato rischio di tumore epatico. Da
alcuni anni, ormai, è disponibile un vaccino che si distribuisce in età scolare e determina la
formazione di anticorpi contro questo tipo di epatite, prevenendo così l’infiammazione.
L’epatite C è considerata un grave problema: nella maggior parte dei casi l’infezione non è acuta
(nel senso che il fegato non viene colpito acutamente), ma il virus HCV rimane permanentemente
all’interno dell’organismo infettato, e quindi causa una situazione di infezione (e infiammazione)
cronica del fegato. Si parla così di epatite cronica HCV-correlata, che nel tempo peggiora ed evolve
in cirrosi epatica. Questa condizione aumenta grandemente il rischio di formazione di carcinoma
epatocellulare.
Pag. 3 di 3
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

DOMENICA 8 DICEMBRE

4 Carte oauth2_google_6fa38c4a-fb89-4ae3-8277-fdf97ca6e393

creare flashcard