gli infiniti “strati” della psoriasi: dalla pelle al cuore.

annuncio pubblicitario
GLI INFINITI “STRATI” DELLA PSORIASI:
DALLA PELLE AL CUORE.
Sono passati già otto anni dal mio articolo sulla psoriasi“Dalla pelle al cuore”e la malattia dermatologica
più diffusa nel mondo, la più cenerentola delle dermatiti, che tiene in scacco milioni di pazienti nel mondo
intero, sembra avere sempre meno segreti. Oggi, infatti, la psoriasi è sempre meno imprevedibile e
bizzarra, sempre meno difficile da trattare. Come allora, ancora oggi, i pazienti si dividono in due grandi
gruppi: i pazienti e gli impazienti. I primi (i pazienti) sono disposti a provare e riprovare varie tecniche e
prodotti, sperimentando in continuazione farmaci, apparecchiature, visitando nuovi specialisti in un
vagabondaggio spesso infruttuoso e deludente. I secondi invece (gli impazienti), stanchi di provare e delusi
dal puntuale ripresentarsi della psoriasi, hanno deciso di adottare soluzioni drastiche, definitive (ahimè
poche sono le cose veramente definitive...) a costo di rischiare effetti collaterali anche pesanti. Mi riferisco,
alle terapie orali e sistemiche con farmaci pericolosissimi falsamente definiti come “biologici”, per
ingannare chi non li conosce, ai retinoidi, alla foto-chemioterapia., ecc.. Oggi però, fortunatamente, i
colleghi stanno aprendo gli orizzonti e si stanno guardando attorno scoprendo altre strade, meno note,
forse meno veloci, ma di certo più sicure; ci si sta preoccupando di indagare il reale disagio del paziente
e valutare in modo olistico e completo ciò che la psoriasi ci dice. Già, perché la pelle ci parla, anzi ci
scrive, mostrando a noi ed a tutti colori che la sanno leggere, importanti messaggi che portano al cuore
del paziente, “dalla pelle al cuore”. Oggi, quando guardiamo uno psoriasico, riconosciamo in quelle
squame dure ed argentee, la corazza di un guerriero medievale, che ricopre (anatomicamente) gomiti,
ginocchia, mani, piedi e cuoio capelluto. Nulla da invidiare ad elmo, gomitiere, ginocchiere, guanti e
calzari di chi si sente minacciato e deve difendersi, proteggersi da chi gli sta attorno, facendo a gomitate
per non soccombere, “vaso di coccio tra vasi di ferro” come Don Abbondio nei Promessi Sposi. E non ci
meravigliamo più che in una società sempre più frenetica e competitiva, lo stress, la tensione, la malattia
vadano a peggiorare uno stato di sofferenza interiore e la nostra pelle risponda allo stesso modo.
Sappiamo che se un graffio, un taglio, una ferita o uno sfregamento ripetuto irritano la persona “sensibile”,
la pelle fa altrettanto per difendersi aumentando il suo spessore in poche ore, formando la squama. Si
chiama“isomorfismo reattivo di Koebner”(grazie al nome del suo scopritore), ma è la stessa reazione che si
avrebbe toccando un armadillo, un riccio o un pangolino (tutti animali tmiti e timorosi): essi si
chiuderebbero a palla proteggendosi con le squame o le spine (tutte fatte di cheratina, come le chiazze
della psoriasi). Inutile cercare la crema miracolosa o la macchina magica che fa sparire con una sola
applicazione la psoriasi a tutti quanti. Ciò che fa il miracolo in un paziente risulta inefficace nell’altro,
facendo spazientire il curante e costringendolo ad una umiliante autocritica. Trattando tutti gli psoriasici
allo stesso modo i risultati sono stati sempre più deludenti perché in dermatologia, come in medicina, non
esiste una cura efficace per tutti come non esiste una scarpa uguale per tutti. Solo cercando cenerentola
tra la servitù scopriremo che esiste e smetterà di farci impazzire, perché ogni psoriasico è diverso
dall’altro, anche se condivide con lui lo stesso conflitto di “oppressione competitiva”. Ogni persona vive a
modo proprio il conflitto e lo interpreta secondo la propria natura, la propria costituzione fisica e psichica,
come ci insegna l’omeopatia. Un Sulfur orgoglioso minimizzerà il problema in pubblico per poi deprimersi
in privato, un Lycopodium abbattuto si appiattirà davanti al medico elogiandolo e lisciandolo, per poi
bearsi e gonfiarsi il giorno dopo dei propri meriti nella guarigione; un Arsenicum freddoloso e meticoloso
assalirà il medico di telefonate e presenterà immancabilmente un rapporto scritto giornaliero
sull’andamento della cura, e così via, in infiniti modi, tanti quante sono le anime che si rivolgeranno a noi.
Da qui l’importanza cruciale del medico, che deve saper leggere ciò che vede sulla pelle e negli occhi
del paziente, oltre a saper ascoltare ed interpretare le sue parole. Andranno escluse tutte le cause fisiche
aggravanti della psoriasi che ben conosciamo: intolleranze alimentari e disbiosi intestinali (quando anche il
sistema digerente si sente “attaccato”), infiammazioni ed infezioni (veri e propri “assalti microbici”), e così
via. Una volta indagata e compresa la portata del disagio psichico e fisico della persona, la prescrizione
della terapia viene da sé: rendere consapevole la persona del livello di tensione emotiva raggiunto, della
sua “intolleranza” a questo stato di cose, della sua “eccessiva” risposta cutanea e forse anche mentale. Le
cure locali vanno integrate con trattamenti differenti ma eudermici, non invasivi né pericolosi, perché la
cute psoriasica è timida e reattiva: rieducazione alimentare, veicolazione trandermica di principi attivi ed
omeopatici, terapia antistress, trattamenti con luce selettiva (il sole guarisce gran parte dei casi di psoriasi),
terapie termali, ecc. ma sempre nella stessa direzione: “dalla pelle al cuore”oggi come allora.
Roberto Cavagna
www.dermatologiaolistica.com
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

blukids

2 Carte mariolucibello

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

biologia

5 Carte patty28

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

creare flashcard