Impressionismo musicale

annuncio pubblicitario
_____L’impressionismo nella Musica________
Nel 1874 a Parigi, ad una mostra di pittura organizzata da privati, viene esposto tra gli
altri un quadro di Claude Monet (1840-1926) intitolato “Impression: Soleil levant”. Da
quell’evento nasce ufficialmente l’Impressionismo, che risulterà essere l’esperienza
pittorica di più vasta portata del XIX secolo e le cui intuizioni influenzeranno
profondamente anche le altre arti, dalla poesia alla musica.
Poco dopo, sempre nel 1874, Paul Verlaine (1844-1896) scriveva l’Art Poétique,
considerato il manifesto della poesia impressionista.
« De la musique avant toute chose,
et
pour
cela
préfère
l'Impair
Plus vague et plus soluble dans l'air,
Sans rien en lui qui pèse ou qui pose »
« La musica prima di ogni cosa,
e per questo scegli l'impari
più vago e solubile nell'aria
senza nulla in sé che pesi o posa »
Questi due eventi ne originarono un terzo che portò le nuove idee del movimento
impressionista anche nella musica, grazie alle intuizioni del compositore Alexis
Emmanuel Chabrier (1841-1894).
Ecco quindi realizzarsi l’Impressionismo anche in Musica grazie a Chabrier (foto) che,
nato in Alvernia, compì gli studi musicali a Parigi e dove vi conobbe intellettuali
d’avanguardia del calibro di Manet, Degas, Massenet, Verlaine e Faurè con i quali
strinse una solida amicizia.
Egli indirizzò la sua ricerca su nuove vie ampliando gli orizzonti armonici e conferendo
nuovo dinamismo e colore alla scrittura orchestrale. Poco conosciuto in vita, la sua
opera fu interamente apprezzata solamente dopo la sua morte, in particolare da
Debussy e Ravel.
I pittori impressionisti mirando all’istantaneità dell’impressione visiva determinata dalla
luce che domina e rende vitale il colore, dipingevano quasi sempre all’aperto; i poeti
(da Verlaine e Rimbaud a Mallarmé), a loro volta teorizzavano una poesia che
tendesse a farsi musica e a realizzare così il punto di incontro tra percezione visiva e
auditiva. Allo stesso modo Debussy si abbandonava a improvvisazioni al pianoforte
unicamente per cogliere il “colore” nella risonanza fisica del suono che egli chiamava
le régal de l’ouïe.
Come nella pittura all’idea della costruzione retta dalle leggi del disegno era
subentrata l’idea del colore puro, così nei musicisti nacque l’idea di esprimere le pure
sensazioni derivanti dalla natura mediante il ‘timbro’, cioè mediante la pura qualità
coloristica degli strumenti sollecitati da raffinate e immateriali combinazioni armoniche,
ma negando la costruzione chiusa del sistema tonale tradizionale attraverso
l’adozione di scale ‘modali’ arcaiche e di armonie statiche liberate dal rigido
riferimento centrale della ‘tonica’.
Oltre a Debussy e Ravel molti furono i compositori influenzati dalla corrente
espressiva dell’Impressionismo in Musica, da Dukas e Fauré in Francia a De Falla in
Spagna, al giovane Malipiero, Respighi e Puccini in Italia.
Scarica
Random flashcards
CRANIO

2 Carte oauth2_google_d7270607-b7ab-4128-8f55-c54db3df9ba1

CIAO

2 Carte oauth2_google_78a5e90c-1db5-4c66-ac49-80a9ce213cb9

Generatore elettrica

2 Carte oauth2_google_edd7d53d-941a-49ec-b62d-4587f202c0b5

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

il condizionale

2 Carte oauth2_google_2e587b98-d636-4423-a451-84f012b884f0

creare flashcard