La cucina - Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara

annuncio pubblicitario
PROSA SCUOLE – STAGIONE 16/17
LA CUCINA – Arnold Wesker
Siamo a Londra negli anni ‘50 nella cucina di un enorme ristorante del West End. Nella sua
commedia Arnold Wesker ci racconta una giornata di lavoro, dall’arrivo alla spicciolata di cuochi e
cameriere al mattino fino al parossismo infernale dell’ora di punta, dalla quiete della pausa
pomeridiana fino al turno serale, con un colpo di scena finale drammatico e sorprendente. In
questo cosmo shakespeariano succede di tutto: amori, conflitti, sogni, risse, utopie e lavoro,
lavoro, tanto lavoro, con le portate che volano verso la sala e i piatti vuoti che tornano in cucina
come boomerang impazziti. Il tutto con un’energia e un ritmo fantastici che hanno fatto di questa
commedia un capolavoro cult del teatro inglese e europeo, rappresentata con grande successo
in oltre trenta paesi del mondo. In un’epoca piena di master chef e di deliranti fissazioni culinarie,
ecco una storia che smitizza il mondo della ristorazione, riportandolo all’essenza della vita di tutti
i giorni, alla realtà dei sentimenti comuni e delle dinamiche di gruppo.
Arnold Wesker, con John Osborne e Harold Pinter, è stato uno degli esponenti di punta del
movimento dei “giovani arrabbiati” inglesi che a cavallo tra gli anni ‘50 e ‘60 hanno rivoluzionato il
teatro con testi come “La cucina” appunto, “Ricorda con rabbia” di Osborne e “Il compleanno” o “Il
calapranzi” di Pinter (Premio Nobel per la letteratura nel 2005), portando sul palcoscenico una
nuova visione della realtà, di forte cambiamento rispetto al teatro della tradizione e molto critica
rispetto al sistema sociale degli anni tra dopoguerra e boom economico.
Tra le edizioni più importanti di “The Kitchen” vanno ricordate la prima a Londra nel 1961 al Royal
Court Theatre con la regia di John Dexter, quella francese diretta nel 1968 da Ariane Mnouchkine
a Parigi al Theatre du Soleil, la prima italiana nel 1969 con la regia di Lina Wertmüller al Teatro
Valle di Roma e la messa in scena di Bijan Sheibani, ancora a Londra, al National Theatre nel
2011.
Con questa nuova edizione diretta da Marco Bernardi per il Teatro Stabile di Bolzano, il Centro
Servizi Culturali S.Chiara di Trento e il Coordinamento Teatrale Trentino, si dà vita per la prima
volta a una compagnia teatrale professionale della regione Trentino Alto Adige. Un’occasione per
fare il punto sulla creatività delle professionalità artistiche del territorio, un’opportunità
straordinaria per venticinque attori e attrici, quasi sempre in palcoscenico, per dare vita a uno
spettacolo corale e di grande impatto teatrale.
Molti di loro sono giovani artisti under 30, una ragione di interesse in più per il pubblico delle
scuole: vedere all’opera le nuove generazioni di attrici e attori.
Spunti di riflessione per le scuole
Approfondire il movimento letterario inglese dei “giovani arrabbiati” (Angry Young Men); confronto
tra il testo originale inglese e la traduzione usata nello spettacolo; ricerca sui movimenti giovanili
italiani, europei e americani che hanno preparato il “1968”; il realismo a teatro: efficacia
comunicativa o potenzialità estetica limitata?
Marco Bernardi
Direttore Artistico Prosa
Centro Servizi Culturali S. Chiara
Scarica
Random flashcards
geometria

2 Carte oauth2_google_01b16202-3071-4a8d-b161-089bede75cca

blukids

2 Carte mariolucibello

Present simple

2 Carte lambertigiorgia

Prova Lavoro

2 Carte nandoperna1

Triangoli

2 Carte oauth2_google_d2543822-c1b0-4efc-972b-1e120768c5d0

creare flashcard